[FUMETTI] Dylan Dog, il Caos e la Meteora: un riferimento metafumettistico?


Ci siamo: il grande countdown al numero 400 è iniziato.
L'orologio dell'Apocalisse ha cominciato a fare tic tic tic.
Il Dylan Dog gestione Roberto Recchioni sta per chiudere un ciclo, forse il suo ciclo, non si sa.
Ogni Apocalisse porta sempre un nuovo inizio, ma per ora l'inizio è quello del conto alla rovescia che regala anche la prima parte di un bellissimo mazzo di tarocchi, con deliziosi disegni firmati Stano.


-13 alla Meteora, strilla la copertina.
Che regni il Caos!, titola l'albo.
Una storia ultracitazionista ma anche, a mio avviso, metafumettistica.

Un killer formato Slash dei Guns N' Roses semina il terrore per le strade di Londra.
Facendosi strada a colpi di accetta (è uno slasher, dopotutto) e riferimenti alla cultura rockandroll, arriva fin sotto Buckingam Palace.
Dylan lo ferma e da lì iniziano i problemi. Non del signor Dog, ma della società.
Tra app e selfie, tra miti ed eroi, tra masse incontrollate, il tutto è una preparazione alla Meteora: poco più di un anno ancora e un corpo celeste impatterà con la Terra.
L'Apocalisse, forse, è davvero troppo anche per Dylan Dog.



Stupisce una cosa, di questo albo.
Già solo il fatto che il protagonista diventi protagonista di un fumetto (all'interno, quindi, di un fumetto di cui è protagonista) fa suonare un campanello d'allarme. Dylan scaglia via l'albo, che lo ritrae sciattamente (tipo il film americano del 2011 basato sul suo personaggio), e Groucho gli rimprovera di essere arrivato solo a pagina 54.
E infatti è quella la pagina dove ci troviamo noi lettori.
Ok, allora è metafumetto: stiamo al gioco.

E se il gioco prevede un ritorno all'horror slasher, appunto, con gente sventrata e tagliata a metà come non si vedeva dai tempi di... umh, Golconda?, questo gioco potrebbe essere pure piacevole.
Il mondo è cambiato, ed è sempre in preda al caos.
Dylan Dog è cambiato, in preda all'agente del caos Roberto Recchioni.
In preda a John Ghost, che guida gli eventi moderni della società.



Al posto di Bloch, mandato a fare la bella campagnola pensionata, sono arrivati i politicamente corretti ispettore angloafricano Carpenter (quota nera) e la poliziatta in burqa Rania (quota rosa e quota musulmana).
Groucho usa un cellulare con tanto di simil-Siri a cui chiedere di tutto (quota tecno).
Già: il mondo (di Dylan Dog) sta cambiando. Il contestatissimo Recchioni, con le sue contestatissime scelte, lo hanno inevitabilmente modificato.



Ma ecco John Ghost, portavoce di un progresso conservatore, di un'antica visione delle cose.
John Ghost e Dylan Dog, due facce della stessa medaglia.
E se lo stato antico, citato da Ghost, non fosse altro che lo stato pre-Recchioni dell'Indagatore dell'Incubo?

Se Ghost fosse il buono e Dylan Dog -anzi Dylan Dog, la testata attuale- fosse il Male, il Caos, l'opera che ha scombinato i cardini stessi di fumetto popolare italiano (cioè storie dai canoni immutabili)?
Non so, io ci ho visto questo.
E la Meteora del n. 400, quando arriverà, potrebbe persino ripristinare l'antico ordine delle cose.
L'Old Boy.
Tiziano Sclavi.

Se ti è piaciuto, leggi anche

46 commenti:

  1. Cioè tu leggi 'sta roba con personaggi stravolti da un autore apocrifo col tacito assenso del creatore (l'unico che avrebbe diritto di farlo) e non Dampyr?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dampyr ogni tanto lo leggo, ma non è tra le mie letture fisse e preferite XD

      Moz-

      Elimina
  2. http://www.discorsivo.it/rubrica/2012/08/03/fumetti-2/addio-jd-e-grazie-di-tutto/

    il suo john doe aveva un finale orrendo, usciva dal fumetto e andava a parlare con il su creatore e con i fan, penso che ci hai preso, il finale sarà una cagata pazzesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonimo e benvenuta/o!
      Speriamo non sia una cagata, ma magari qualcosa che possa riprendere un certo status quo (peraltro accennato già con il fugace ritorno di Sclavi)...

      Moz-

      Elimina
  3. bellissima analisi
    Secondo me è così come dici tu!
    Ma..ricordami chi è John Ghost :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un miliardario alla Steve Jobs,Zuckenberg,eccetera .. controlla fra l'altro un'azienda tecnologica..è l'arcinemico di DYD nell'era di Recchioni

      Elimina
    2. Ahaha esatto: è il secondo importante nemico, la nemesi, dopo Xabaras.
      Gestisce e pilota eventi sociali, culturali e storici...

      Moz-

      Elimina
    3. Sarebbe la nemesi se fosse stato utilizzato in questi anni... Mi sembra sia comparso giusto un paio di volte. Francamente la gestione Recchioni di Dyd a me non è piaciuta per niente: ha stravolto a più riprese il personaggio, ma senza migliorarlo e procedendo un po' a caso un po' sull'ovvio (il politicamente corretto che dicevi). I primissimi albi lasciavano sperare bene, poi il nulla. Adesso aspetto di leggere questo albo e poi stiamo a vedere.

      Elimina
    4. Sì, ma anche io nel mezzo non salvo quasi niente... vediamo questo rush finale cosa ci porterà XD

      Moz-

      Elimina
  4. Ottimo articolo, domani provo a vedere se trovo questo albo :)
    è davvero molto che non leggo Dyd, negli ultimi anni ha deluso anche me... però in occasione del numero 400 potrei dargli un'altra possibilità :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, io ora mi lascio meteorizzare per vedere cosa succederà col 400.
      Avevo smesso dopo il crossover con Dampyr, presi giusto l'albo di Dario Argento... :)

      Moz-

      Elimina
  5. Ho parlato anch'io di DYD stasera, però di un altro albo.. ultimamente siamo un po' inflazionati di album bonnelliani :D Non so se prenderò questo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ho letto! XD

      Per me di bonelliano e fisso c'è solo Mercurio Loi!^^

      Moz-

      Elimina
  6. Non ho mai letto questo fumetto ma so che ho piuttosto famoso...comunque c'è un mondo dietro ad ogni cosa, alla fine si tratta di arte e letteratura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me letteratura fatta a disegni. Non si discute Dylan Dog 😊

      Elimina
    2. Sì, ogni opera ha molto, dietro.
      Ieri ad esempio ho parlato di Sailor Moon e degli studi alla base...
      Dyd non è da meno^^

      Moz-

      Elimina
  7. Il burqa copre completamente il corpo femminile.
    Rajna porta un semplice chador.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilario e benvenuto a bordo!
      Grazie per la precisazione (il mio era un modo per generalizzare scherzosamente sulla quota "araba")

      Moz-

      Elimina
  8. Risposte
    1. Thanks, anche se mi hai incuriosito ieri su Sailor Moon e ancora non so cosa volevi dirmi di precisoooo^^

      Moz-

      Elimina
  9. Bella la storia del metafumetto.
    Io ero rimasta al metateatro. E mi piace un sacco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedremo se ci ho preso, nell'analisi a lungo termine.

      Moz-

      Elimina
  10. Metafumetto? Adesso voglio scendere a comprarlo per vedere di che si tratta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok! Poi fammi sapere se concordi con la mia analisi a lungo termine^^

      Moz-

      Elimina
    2. Fatto! Posso dire che siamo lontanissimi dal canone dylaniano (ma lo siamo da anni) però ci ho visto voglia di raccontare una storia, anche se la trama è poco lineare e parecchio aperta a interpretazioni. Può evolversi e finire bene ma c'è anche il rischio che alla fine si risolva tutto in un finale scialbo. Tendenzialmente io gli darei fiducia. Anche perchè voglio completare il mazzo di bellissimi tarocchi da esporre in bella posa vicino ai deck di Magic.

      P.S. Non ho capito tutti questi rimandi alla cultura hard rock: che bisogno c'era?

      Elimina
    3. P.P.S mi sto documentando sul metafumetto perchè mi ha intrigato parecchio la cosa. Quasi quasi ne potrebbe nascere un post....

      Elimina
    4. Penso abbiano scelto i rimandi alla cultura rock perché il killer (già apparso in precedenza) ha il look alla Slash dei Guns, ma soprattutto per la questione metafumettistica di cui parliamo: Groucho fa una battuta di rimando, dicendo "moriremo di citazioni postmoderne" :)
      Qui davvero penso che Recchioni stia parlando della sua stessa gestione...

      Moz-

      Elimina
    5. Quindi potrebbe essere un modo per autocriticarsi? Sarebbe una scelta coraggiosa e innovativa. Mi piace questa chiave di lettura

      Elimina
    6. O di autocriticare la gestione "caotica" che già sapeva avrebbe portato nella testata, sconvolgendone alcuni canoni fissi... Chissà :D

      Moz-

      Elimina
    7. Vedremo. Di sicuro ha attirato la mia attenzione

      Elimina
  11. Analisi interessantissima. Non sapevo di questa evoluzione del fumetto di Dylan Dog e di tutte queste "quote politically correct" che anche secondo me un po' annacquano il fascino dark e disturbante del fumetto stesso. Se poi in questo caso davvero si tratta di metafumetto il rischio che poi tutto si risolva in una bolla di sapone è alta. Dico questo perché forse nel fumetto la metanarrazione non mi ha quasi mai convinto particolarmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, bisognerà capire in primis se ci ho preso a riguardo, poi se davvero potrà risolversi come dici (e come non spero, o forse spero, boh...) XD

      Moz-

      Elimina
  12. Ti manderò il mio coinquilino, che in casa stiamo pieni di Dylan Dog e qualcosa ormai ho imparato, tra disegnatori, sceneggiatori e ultime uscire. Io, chiedo perdono, ho letto giusto quello di Argento trovandolo dignitosissimo e affascinante, ma mi sto avvicinando al fumetto solo ora con Gipi. Mi rifarò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io anche ho comprato solo quello di Argento e questo, da tempo ho smesso di leggerlo... vedremo se la saga della meteora funzionerà :)

      Moz-

      Elimina
  13. recchioni è il capitano Achab, Moby Dick(Salvini o la destra populista) dylan dog il veliero con tutti gli autori a bordo. Finirà come il romanzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dany e benvenuto a bordo!
      Chissà... potrebbe anche essere che il veliero sia quello in bottiglia, costruito/non costruito da Dyd :D

      Moz-

      Elimina
  14. Anche io avevo smesso da tempo di comprare DYD le uniche eccezioni di questi anni erano state rappresentante dal crossover con Damphyr e il numero scritto da Dario Argento. Non ho nulla contro Recchioni, ho letto cose ottime e cose negative riguardo alla sua gestione del personaggio, ma personalmente non posso giudicare. Di suo avevo letto John Doe del quale ero passato rispettivamente dalla fase "entusiasmo puro" a quella "Macherobaè?" subito dopo la fine della sua prima stagione. L'ultimo numero poi più che metafumetto ricordava più il metacazzeggio.
    Però magari darò una possibilità anche io al ciclo della meteora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti... come autore comunque fa parlare di sé, nel bene e nel male.
      Io ho smesso Dyd dopo il crossover, davvero pessimo.
      Ora però questo ciclo, se è una critica alla stessa gestione "caotica" della testata, mi intriga molto...

      Moz-

      Elimina
  15. Carina l'idea del fumetto all'interno del fumetto.
    Rania? Come la mia ragazza 😜 non sapevo di questo nuovo personaggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente si chiama Rania?
      È musulmia??

      Moz-

      Elimina
    2. Sì ma lo è come io sono cattolico, anzi, ex cattolico e ex protestante.
      Siamo entrambi credenti e entrambi consapevoli che bibbia, vecchio e nuovo testamento e corano abbiano dentro una marea di stronzate.

      Elimina
    3. Ma io intendevo di razza! XD

      Moz-

      Elimina
    4. È egiziana ma è bionda naturale ed è una mozzarella 😁
      Figurati se mi metto con una negra 😝

      Elimina
    5. Oddio egiziana significa africana... :o
      Mi mandi in tilt.

      Moz-

      Elimina
  16. Ciao Miki,non farci caso sto scrivendo su un post a caso,solo per sapere come stai,va tutto bene??
    Intanto ti abbraccio..

    L.

    RispondiElimina

grazie per il tuo intervento!