[CARTOON] Piccoli problemi di cuore: una serie italiana tra adattamenti e sequel mai realizzati

Marmalade Boy, da noi Piccoli problemi di cuore.
Un anime che giunse a sorpresa nel 1997, durante i pomeriggi di Bim Bum Bam, riscuotendo subito un certo successo.
Tratto da uno shojo manga, anche l'anime aveva di conseguenza un taglio molto femminile, proponendo una storia puramente sentimentale.

Pesantemente alterato, Piccoli problemi di cuore finì per raccontare praticamente un'altra storia: non tutti conoscono le verità dietro l'edizione italiana di Marmalade Boy, credendo si tratti di censura!

ADATTAMENTO

La storia originale proponeva uno scambio di coppia, con le nuove formazioni dei quattro adulti che vanno a vivere sotto lo stesso tetto. Le due coppie hanno dei figli, che diventano fratellastri e finiscono per innamorarsi. Non siamo alla Garbatella de I Cesaroni, per quanto la trama appare simile: questo avviene oltre dieci anni prima a Tokyo.
Ma in Italia tutto questo bordello, tra divorzi e scambismo (ma anche alcoolismo, omosessualità, rapporti poco ortodossi), non risultò consono al pubblico per cui fu comperata la serie. Ecco quindi che la Mediaset operò la consueta opera di adattamento.
Anzi, non consueta: vi spiego perché!


LA VERSIONE MEDIASET

Piccoli problemi di cuore non è la versione italiana (censurata) di Marmalade Boy.
Piccoli problemi di cuore è proprio tutt'altra opera, che utilizza il materiale video dell'anime Marmalade Boy ma ne riscrive le trame.
Nulla di cui indignarsi troppo: queste cose esistono da sempre anche in America (vedi qui alcuni esempi) e comunque ogni operazione di censura o adattamento era sempre discussa col Giappone e approvata dalle case di produzione orientali, come vi raccontai qui.

UNA NUOVA SERIE: A LITTLE LOVE STORY

Piccoli problemi di cuore è semplicemente una serie ex-novo, liberamente tratta da Marmalade Boy, che utilizza scene e sequenze di Marmalade Boy ma ne racconta una storia diversa, che utilizza il materiale di 63 episodi su 76 modificando storie e personalità dei protagonisti.
I nuovi copioni, scritti da Mediaset in accordo -e collaborazione- con gli autori originali, narrano dunque qualcosa di accettabile per il pubblico italiano. E non solo: la versione Mediaset, di fatto, è stata venduta in più di dieci altre nazioni, col titolo A little love story. Probabilmente, quindi, nel mondo è circolata più Piccoli problemi di cuore che l'originale Marmalade Boy!


IL SUCCESSO

Piccoli problemi di cuore arrivò a toccare cifre importanti, anche e soprattutto in orario preserale. Una cosa analoga a quella successa con Sailor Moon e, negli anni '80, con Kiss me Licia.
E difatti ci si trovò proprio nella medesima situazione in cui ci si era trovati con Kiss me Licia: il pubblico voleva altri episodi, come fare?

SEQUEL E LIVE ACTION

Inizialmente venne previsto un sequel, sempre scritto da zero, basato in larga parte sulle sequenze dei 13 episodi precedentemente scartati.
Il titolo sarebbe dovuto essere Miki e Yuri, questo è amore.
Negli anni sono circolati i copioni e anche i primi episodi doppiati: infatti, furono montati 5 episodi sui 21 previsti, e i primi tre addirittura regolarmente doppiati dalle stesse voci della prima serie.
Qualcosa andò storto e questo sequel non vide mai la luce, così come un probabile live action sulla scia dei seguiti di Licia in formato telefilm: vennero fatti dei casting e venne scritto il soggetto, che avrebbe previsto anche un largo inserimento di brani musicali da poter poi vendere.
Anche questo progetto rimase nel cassetto di Mediaset, che decise di non stanziare più i soldi per produrlo.
Forse non era più tempo per questo genere di cose.
In ogni caso, ecco la sigla della seconda serie, mai trasmessa, di Piccoli problemi di cuore:



leggi anche

83 commenti:

  1. Peccato, credo che sarebbe stata interessante la versione originale anche se magari più per un pubblico adulto che per bambini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti mi sarei aspettato comunque che la Yamato Video la pubblicasse, come fece col film (in versione originale e coi doppiatori italiani).
      Peccato.

      Moz-

      Elimina
  2. Lo sai già chi sono7 nov 2018, 12:14:00

    Wow, assurdo, non ne sapevo niente! XD Robe da pazzi, sarebbe da vedere, anche se ne capisco i motivi xD
    E dato che hai citato Kiss Me Licia...lo sai che in Portogallo quella serie è andata in onda in italiano con i sottotitoli in portoghese?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevano soldi per i doppiatori? XD
      In ogni caso, semplicemente sono due prodotti diversi...

      Moz-

      Elimina
    2. Lo sai già chi sono7 nov 2018, 16:12:00

      Possibile xD
      Of course :D

      Elimina
  3. Ma ricordo male io o gira su internet una puntata in cui i due ragazzi son convinti di esser davvero fratello e sorella perchè hanno scoperto che i genitori facevano/fanno scambio di coppia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente hai visto un episodio di Marmalade Boy, originale giapponese... chissà :)

      Moz-

      Elimina
    2. Può essere! Ricordo solo che era in giapponese con sottotitoli in spagnolo xD

      Elimina
    3. E allora sì, decisamente 💪😎

      Moz-

      Elimina
  4. Ecco perché quel Miki mi suonava tanto familiare.
    Sono ancora raffreddatissima, ma con questo post mi hai aperto il cuore.
    Quindi, aspettati una serenata su Whatsapp con la sigla "cantata" in versione Eros Ramazzotti misto a ciociara de Roma.
    <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi lhal duettata con Cristina nel CD Duets? Falla in quella versione li! 😎💪

      Moz-

      Elimina
    2. PESSIMO COMMENTO.
      Non avevo mai sentito quella versione. E mi fa schifo.
      La farò trasmettere al mio funerale.
      Potevi farti i fatti tuoi. Grrrrrrrrr

      Elimina
  5. Un pensiero che mi passa sempre per la testa quando leggo notizie del genere è questo: se io fossi un produttore italiano e mi capitasse una cosa del genere sceglierei di raccontare una storia adattata per il pubblico o comunque cercherei di portare quel pubblico a un livello di comprensione più alto? Me lo chiedo ancora oggi vedendo lo scempio televisivo a cui siamo sottoposti quotidianamente. Forse sarebbe stato meglio produrre qualcosa con un respiro più ampio perché il pubblico non sa sempre quello che vuole e magari ogni tanto si sarebbe potuto osare di più....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà coi cartoons non è così semplice.
      Un'azienda deve avere un tornaconto: se avessero scelto di mandare in onda Marmalade Boy, questo sarebbe stato relegato in fasce orarie dove mai avrebbe avuto successo.
      Pertanto, bisogna mandarlo in onda durante il pomeriggio: ma quella fascia è protetta, ci sono molte associazioni che rompono le scatole (Mediaset fu multata pochi anni fa per Dragon Ball Z) e allora l'azienda ha pensato bene di riscrivere tutto.
      Oggi la situazione è migliorata sotto ogni profilo...

      Moz-

      Elimina
    2. E' strano pensare come noi abbiamo passato l'infanzia a brevissima distanza da titoli che avrebbero dovuto turbarci. Poi ci hanno rifilato Kenshiro, L'uomo Tigre e Dragonball...

      Elimina
    3. Dragonball infatti, dopo il passaggio senza censure su Junior Tv, venne ridoppiato dalla Mediaset per un nuovo passaggio sulla stessa rete e poi su Italia1.
      Quando mirano al business (come giusto che sia) non possono incappare in guai: DragonBall è stata una macchina da soldi, questi progetti si decidono con vari Paesi... :)

      Moz-

      Elimina
  6. Era assieme a Sailor Moon uno dei cartoni preferiti della me bambina, tanto che avevo pure l'album delle figurine. Le tante censure, i tagli e rimaneggiamenti circolavano a scuola come delle leggende metropolitane, grazie per avermi fatto chiarezza a 20 anni distanza :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente i rimaneggiamenti rispetto all'originale sono stati tantissimi, ma appunto... è improprio parlare di censura, perché è una serie scritta ex-novo. All'epoca però nessuno lo disse, e anche sulle pagine delle riviste l'indignazione era massima :)

      Moz-

      Elimina
  7. Ti dirò, per una volta non ce l'ho con Merdaset, la loro versione mi era piaciuta e ne sono rimasto affezionato. E poi se gli autori sono d'accordo (anche se odio molti Mangaka che impongono la lettura all'occidentale, con le squallide tavole girate a specchio).
    Anche quando ho letto il manga, molto più compresso (mi è mancata molto la parte in America), non ho cambiato idea. Come dici tu, sono due opere diverse e si possono apprezzare entrambe.
    Lo ricordo solo nel primo pomeriggio però.
    Non sapevo nulla del sequel e ringrazio il Signore che non ci sia stato un live action, non erano più gli anni 80 e ne sarebbe uscita fuori una schifezza anni 90. Non che quelli di Licia fossero belli ma sono comunque un cult del trash.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, oggi abbiamo Miracle Tunes! :p
      I produttori giapponesi sono SEMPRE d'accordo, anzi come ho dimostrato l'anno scorso in un post che trovi linkato anche qui, spesso sono loro a censurare e modificare le opere pur di venderle ai mercati stranieri! :D

      Moz-

      Elimina
    2. Ema hai letto il manga? Io "PER COLPA" di questo post l'ho appena ordinato! 😅

      Elimina
    3. Sono un influenZeeeer!!!1!11!!

      Moz-

      Elimina
    4. Non mi piace che vendano il culo pur di vedere le loro opere pubblicate in altri paesi.

      @Benedetta: intendi il manga di Marmalade Boy? Letto subito nella sua pubblicazione della Planet Manga, tanti anni fa.
      A casa dei miei ho ancora tutti i "mezzi" volumi.

      Elimina
    5. Sì, esiste in versione "sottiletta" che bei tempi^^

      Moz-

      Elimina
  8. Tutto benissimo: Piccoli problemi di cuore (in Italia) è una storiella scialba e scema. Non che MBoy sia chissà cosa (ho l'intero manga), rimane comunque una storia per adolescenti, ma rispetto a quello che ha trasmesso italia1 è davvero tutta un'altra storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, comunque approvata dall'autrice e esportata ovunque... Evidentemente era il modo migliore per raccontare in giro, fuori dal Giappone, quella storia lì :D

      Moz-

      Elimina
  9. Questo post lo hai messo per me... ammetto la verità!!! 😂

    Quanto mi faceva ridere questo manga 🤣 più del cartone 😅 che mediocre

    RispondiElimina
  10. io non condivido le censure mediaset, anche se quando lessi di quelle di rossana e temi d'amore,rimasi sconvolta!!
    piccoli problemi è un bel ricordo..e mi sarebbe piaciuto sicuramente il sequel..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non le condivido nemmeno io, ma al di là dei discorsi ideologici, c'è tutta una serie di motivazioni, dietro... :)
      in ogni caso qui non si parla di censura tout-court, ma di riscrittura :)

      Moz-

      Elimina
    2. lo so..ma sono partiti da un'idea di base di censura..e hanno riscritto il cartone..

      Elimina
    3. Sì, l'idea di base è quella, ma per ottenere del tutto un nuovo prodotto in accordo con i produttori e supervisionato dall'autrice originale: è come se, usando il materiale originale, abbiano scritto una nuova storia :)

      Moz-

      Elimina
  11. Conosco solo la nuova versione della sigla cantata da Cristina D’Avena con Ermal Meta.
    Che supplizio!!
    Magari la canta meglio Claudia 😀
    Ciao

    RispondiElimina
  12. Mediaset potrebbe anche creare un canale anime senza censure!
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha avuto Italia Teen Television e Hiro, che trasmettevano spesso senza censure... non tutto, ma alcune cose sì^^

      Moz-

      Elimina
  13. Una seconda serie?????? Per me la prima è stata più che sufficiente! Onestamente mi è sempre stato un po' sulle scatole questo anime!

    RispondiElimina
  14. Praticamente hai fatto un trittico di cartoni FAMOSISSIMI ma dei quali non ho visto mezza puntata :D.
    Mi ha sorpreso leggere questa cosa, ma in fondo hanno fatto quello che gli americani hanno fatto con i Power Rangers. No? :D Anche se lì si trattava sempre di combattimento contro mostri pupazzosi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo vedi Ricky... se avessi visto questo cartone adesso sapresti gestire meglio le tue pene d'amore! 😉
      Ti presterò il manga vah... 😘😘😘

      Elimina
    2. ahhhaha, ma dalle mie parti cuardare kartoni a quell'età era proibhito!

      Elimina
    3. Ahahaha, mi sa che devo leggerlo pure io allora, così finalmente mi stabilizzo in amore (anche se si sta stabilizzando da sé XD)

      Moz-

      Elimina
    4. In realtà non credo possa essere molto istruttuvo... 😅
      Però mi fa davvero piacere sapere che stai raggiungendo una stabilità anche da questo punto di vista!

      Elimina
    5. Speriamo bene, sì: sono sicuramente molto più sereno rispetto all'ultimo periodo^^

      Moz-

      Elimina
  15. Ti ho già detto tutto prima... Mi resta solo da aspettare il corriere! 😍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sento in colpa... :o

      Moz-

      Elimina
    2. Eh... se il manga non mi piace aspettati qualche frustata! 😝

      Elimina
    3. Qui non ho colpe: io non amo né il manga né l'anime!! XD

      Moz-

      Elimina
    4. Il manga merita anche se uno abituato all'anime potrebbe rimanere un po' deluso. È tutto molto compresso ma si capisce meglio la trama originale.

      Elimina
    5. È uno di quei casi dove l'anime è più "completo" XD

      Moz-

      Elimina
  16. Io credo che il segreto del successo sia nella semplicità dei disegni, che consente ai disegnatori una lavorazione abbastanza rapida e, dunque, una produzione su vasta scala e poi nei temi della storie sempre molto vicini al modo di pensare dei bambini un po' più grandi e degli adolescenti. In ogni caso una bella trovata. Un salutone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhe in questo caso la Mediaset ha solo rielaborato le storie, riscrivendole: i disegni e le animazioni sono sempre made in jap :)

      Moz-

      Elimina
  17. E questo a causa della solita, falsa equazione fra "anime" e "cartoni animati per bambini" che Mediaset ha fatto dagli anni Ottanta in avanti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non per forza la Mediaset: l'equazione viene da lontano, e in effetti solo i Giappone non era così, all'epoca.
      Ci si doveva adeguare: o così o pomì, diceva lo spot.
      Sarebbe bello se comunque avessero sempre realizzato due versioni, a prescindere. Ma era impossibile economicamente...

      Moz-

      Elimina
  18. Guarda da un lato è stato un bene che non ne abbiano fatto un sequel... chissà che roba sarebbe saltata fuori! Io ho letto il manga e guardato gli episodi mancanti alla versione italiana in spagnolo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, pensa, un sequel con gli scarti... avrebbero dovuto fare i salti mortali^^

      Moz-

      Elimina
  19. Molto interessante, molto spesso tendiamo a dimenticarlo ma le censure erano sempre approvate dai giapponesi (anche se onestamente credo che finché si pagasse il giusto non nutrivano particolare affetto per le loro opere).

    Per il discorso del possibile telefilm credo che fosse ormai fuori tempo massimo, visto che come per fantaghirò 6/7 sarebbe stato troppo costoso da produrre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, a volte i cambi (di nome) e i tagli (di piccole scene) sono persino operate DAGLI STESSI GIAPPONESI che devono vendere meglio il loro prodotto.
      Sono stati loro a tagliare (modificando pure la colonna sonora) il primo episodio di Saint Seiya (orecchio di Cassius, Pegasus piccolo che viene riempito di botte dallo stesso), sono stati loro a scegliere Luce, Marina e Anemone come nomi per le protagoniste di Rayearth. Sono loro a vendere Utena col nome Ursula's Kiss nel caso qualche tv voleva trasmetterlo... :D
      Il telefilm era fuori tempo, all'epoca, hai ragione: oggi funzionerebbe, ma a fine anni '90 lo avrebbero rifiutato.

      Moz-

      Elimina
  20. Ho sempre amato i 3 shojo di punta: Piccoli problemi di cuore, Cortili del cuore e Mille emozioni tra le pagine del destino. Andarono in onda nello stesso orario in Giappone uno dopo l'altro e riscossero un buon successo. Peccato che in Italia gli altri 2 ce li cagassimo in pochini.
    Grande come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono sincero: mai troppo amati. Addirittura di Hanayori Dango ho letto qualcosa del manga ma l'anime non arrivai a vederlo (visto che fu ripescato secoli dopo: ricordo giusto qualche scena su IT!).
      Era il periodo Mediaset dell'acquisto e della non-trasmissione XD

      Moz-

      Elimina
    2. Il manga di Hanayori dango era troppo lungo. Gli altri due hanno la lunghezza giusta. Comunque, dei 3 il migliore resta Marmalade boy, anche se Gokinjo era per me l'amore totale. :) Io sono proprio un amante degli shojo manga, anche se ormai non ne leggo quasi più se non di classiconi, quindi per me furono davvero una gioia.

      Elimina
    3. A me piacciono i classici, ovviamente poi Sailor Moon (che è shojo fino a un certo punto), e poco altro (tra cui il tuo Rossana).
      Cortili del Cuore lo vidi anche, ma giusto così per riempitivo. Non c'è un vero shojo moderno che mi abbia preso... o non lo ricordo? :o

      Moz-

      Elimina
    4. Animato non credo. Forse Rayearth o Sakura? Moderno, moderno, moderno a me piace molto Kuragehime.

      Elimina
    5. Boh, non conosco... ahaha! Sono anni che seguo molto poco i manga "da edicola", per me hanno finito di dare tutto a metà anni 2000 :)
      Rayearth e Sakura son belli^^

      Moz-

      Elimina
    6. Kuragehime non è proprio un manga da edicola. È molto particolare. A me è piaciuto molto

      Elimina
    7. Oddio ho visto ora di che si tratta XD

      Moz-

      Elimina
  21. facevo anche la collezione di figurine!
    Tanti saluti da #TeamGinta

    RispondiElimina
  22. Nooo, quanto era bello questo cartone, quantoooo. Le mie sorelle lo amavano, è proprio un peccato che lascino sempre le cose belle a metà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, stavolta sì, è colpa della Mediaset che non ha più prodotto gli altri episodi...

      Moz-

      Elimina
  23. Ecco, questa è un'altra di quelle che snobbavo :D

    RispondiElimina
  24. Mamma mia, alla faccia dei piccoli problemi... nMiki era insopportabile e si vestiva pure demmerda. Che bei ricordi adolescenziali! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, erano pur sempre gli anni '90, tutti eravamo vestiti demmerda XD

      Moz-

      Elimina
  25. La canzone di questa seconda edizione, altro non è che la sigla di un vecchio varietà di rete4 dal titolo Questo è Amore condotto da Barbareschi e cantata da Antonella Elia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ero, benvenuta/o a bordo: sì, esattamente, la sigla è un riciclaggio mediasettiano^^

      Moz-

      Elimina
    2. Direi di no... stavo per prendere il tuo suggerimento per la mia rubrica "versus", che vede canzoni famose riadattate per le sigle dei cartoni ma non sono convinto.
      Poi è la mia umilissima e ignorante opinione... magari sbaglio io. Quasi quasi propongo lo stesso la battaglia, aspettando l'opinione dei lettori, sempre se don Moz mi dà la sua benedizione 😉

      Elimina
    3. Ma vi siete messi d'accordo a scrivere qui oggi o è un altro tuo nickname?
      Per me nessun problema, per il post, anzi!
      Comunque questa cosa del programma mi era stata detta qualche mese fa in privato, ma la sigla non la trovo...^^

      Moz-

      Elimina
    4. Ahahah non guardare me, sai che attivo sempre le notifiche, quindi ho letto tutti i commenti che ti sono arrivati oggi nei tuoi vecchi post 😝
      Lui/lei e tutti gli altri che ti hanno scritto, non so chi siano!
      Grazie per il consenso! 😘

      Elimina
    5. Ma soprattutto è che il post in questione lo avevo citato nel post di oggi... ecco perché tutto mi sembrava strano^^

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo commento :)