[MUSICA] Picnic all'inferno (Piero Pelù e Greta Thunberg)


È da qualche ora disponibile il nuovo singolo del re del rock italiano: Picnic all'inferno.
Un duetto virtuale tra Pelù e la famosa Greta Thunberg, un brano praticamente istantaneo.
Musicalmente fa quello che deve fare un singolo, ossia si fa ricordare, canticchiare e piacere.
Il tema è importante e questo è un altro punto a favore di Picnic all'inferno.

Su Greta sapete come la penso, la considero un prodotto mediatico studiato a tavolino e non so perché Pelù le dia così tanto spazio, pure da aprire la canzone con un passaggio su di lei: "piccola guerriera scesa dalla Luna, come una nave di vichinghi nella notte scura, alla Casa Bianca forte come un manga (!)".
Avrei semplicemente scritto "piccoli guerrieri" e via dicendo, senza di lei (e i manga) tra le palle.
E comunque chi segue Piero sa quanto il cantante sia sensibile e attivo riguardo al questione ambientale, quindi ci sta. E ci sta che si voglia dare spazio al messaggio, e non al personaggio che lo divulga. L'unica giustificazione che posso dare a tutto il contesto, altrimenti per me stonato.

Ora aspettiamo di sentire live questa e altre canzoni, da novembre.
Il video di Picnic all'inferno è stato ideato e realizzato dallo stesso Piero con la regia e l'aiuto tecnico di varie persone.


42 commenti:

  1. Deve essere proprio "preso" da Greta perché la frase che le dedica è di una poesia unica. Concordo con te sulla tua modifica e sulla tua opinione su Greta. Il brano è carino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, non so manco io perché questa esaltazione di quel personaggio.
      Il brano è carino davvero e salvo quella cosa di Greta, è un messaggio carico e positivo.

      Moz-

      Elimina
  2. Greta Thunberg è il terrapiattismo della salvaguardia ambientale. Piero svegliati! Una volta ti imbucavi nei palazzi dei piduisti e facevi videoinchieste scomodissime, come ti sei ridotto male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, poi è stato un attimo annebbiato dal grillismo ma per fortuna è guarito.
      Non so perché ora sia rimasto così colpito da questo personaggio, ma sono altresì convinto di una cosa: se Greta fosse sbucata fuori, nello stesso modo, nel 1991... l'album Terremoto dei Litfiba avrebbe avuto una canzone simile a questa, negli intenti.

      Moz-

      Elimina
    2. Beh, non è che il messaggio politico di Pelù sia mai andato oltre qualche slogan da Bar dello Sport...

      Elimina
    3. Vero, appunto.
      Ed è quello che vorrei dire ai fans irriducibili dei Litfiba terremotegni... in realtà la situazione è ugualissima.

      Moz-

      Elimina
  3. Risposte
    1. Il contesto mi lascia perplesso, altrimenti non male, vero^^

      Moz-

      Elimina
  4. Spesso è la stupidità una delle grandi forze in grado di scrivere canzoni.

    Io dico solo che se l'uomo ritornasse alla natura come migliaia di anni fa, persone affette da malattie congenite come l'asperger di Greta e chissà quale anomalia genetica abbia Piero, non sarebbero nemmeno nate se non addirittura "eliminate alla nascita". Quindi, questi due ringraziassero la moderna scienza e le mutazioni genetiche e/o climatiche ad essa imputate 😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, la canzone non è brutta, il messaggio è comunque importante :)

      Moz-

      Elimina
  5. E' così fissato per la tutela dell'ambiente che si lava mooooolto raramente.
    Ecco spiegato l'arcano. Ahahahaha :P

    RispondiElimina
  6. Mhhhh, comprendo certe critiche riguardo la vicenda "Greta", però sinceramente penso che tali aspetti "mediatici", anche criticabili, siano ormai impossibili da evitare al giorno d'oggi.
    Non saprei dire, perchè fondamentalmente non mi interessa, se lei o il suo entourage se ne approfittino troppo o se semplicemente sfruttino quello che OGGI è lo strumento principe.
    Ricordiamoci che siamo negli anni in cui i politici, persino il politico "più importante sulla Terra" passano più tempo sui social che a fare veramente politica.

    Oggi persino Gesù Cristo e Budda (cit) non potrebbero evitarlo.

    Insomma se Greta è veramente un fenomeno mediatico penso sia soprattutto perchè oggi lo sono praticamente tutti, dai vertici fino ai buzzurri che pensano di aver raggiunto il proprio scopo nella vita con una qualsiasi apparizione mediatica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E anche questo è tremendamente vero.
      L'unica cosa, non vorrei che questa ragazzina sia strumentalizzata.
      Il suo personaggio funziona: gira in treno, niente plastica, mangia sano, impermeabile giallo, madre scrittrice e milf.
      Insomma, è vero che tutti dobbiamo costruirci un personaggio se vogliamo campare.

      Moz-

      Elimina
  7. Ciao Moz,penso che per i messaggi e le proteste,se giuste,non importa chi li divulga ma e'importante solo il contenuto.Greta o chi per lei,e'riuscita a smuovere le nostre coscienza spesso intorpidite dalla banalità.Pelù lo conosco poco,come uomo e come musicista,la canzone non mi entusiasma,poche parole ripetute e tanto garrire di chiome al vento.
    Ciao.fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la vedo così anche io ma da Greta mi sento preso in giro: mi spiego meglio, a me non serve un personaggio d'acchiappo per conoscere delle cose.
      A questo punto, meglio una canzonetta e capelli al vento :D

      Moz-

      Elimina
  8. Non sono una fan di Piero Pelù, però devo dire che è orecchiabile e mi piace il messaggio che lancia. Per quanto riguarda Greta, il suo essere un personaggio o essere se stessa, mi piace pensare che sia più la seconda opzione, in questo mondo che si basa molto sui social, su quanto una persona sia mediatica, lei funziona. E tutto questo sentir parlare di lei, da quando protestava con addosso la sua mantellina gialla, a forza di sentirne sempre parlare, qualcosa scatta nella testa, ti interessi, provi a capire perché ha fatto quel gesto, approfondisci l'argomento e magari cambia anche il tuo modo di pensare e di fare. E così lei o chi per lei ha raggiunto il suo scopo. Funziona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta a bordo! :)
      Vero, mediaticamente funziona e ha funzionato: e se oggi è un mondo che si basa su questo, sulle influenCe, per funzionare, allora va bene così :)

      Moz-

      Elimina
  9. Ciao Miki,Domy
    La penso esattamente come te,non mi piace la voce di Greta inserita nel brano e avrei generalizzato parlando di piccoli guerrieri.
    Diciamo pure che in questo caso Piero è stato un po' paraculo e che ha cavalcato l'onda... ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domyyy!!!
      Sì, ora lei è comunque un simbolo e ne ha parlato, ma non so perché non è andato a fondo. Forse è interessato al messaggio e al fenomeno mediatico in sé 💪

      Moz-

      Elimina
  10. Siamo cotti a fuoco lento è una frase di un'efficacia pazzesca: è il riscaldamento globale. Un amico meteorologo dice sempre che siamo come le rane bollite, che non ci accorgiamo dell'innalzarsi delle temperature che è invece costante. Non biasimo chi parla di paraculaggine di Pelù nell'omaggio a Greta; io voglio credere sia invece un omaggio pienamente convinto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso anche io che sia convinto, ma questo mi spaventa perché uno come Piero, sempre molto intelligente, non ha scavato a fondo nella questione Greta...
      Quanto al "fuoco lento", è vero.

      Moz-

      Elimina
  11. Va bene, sei pure riuscito a farmi guardare per intero un video di Pelù, ahahah.
    Non la penso come te su Greta e lo sai, e ritengo che Piero sia sincero in questo suo omaggio, anche perché credo sia molto sensibile al "problema" ambiente.
    Ma che bella la mia città adottiva, in tutto il suo splendore in una rara giornata di sole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io anche penso che sia sincero, che creda davvero a Greta, al suo messaggio, forse anche nel personaggio (ma chi, in fondo, oggi, non lo è?).
      Ahaha mi fa piacere che hai visto un video intero di Pelù e ci hai anche ritrovato la tua città :D

      Moz-

      Elimina
  12. Secondo me... È solo un azzardo furbetto perché Greta è di moda. Un modo per far parlare di sé. Tra l'altro ha fatto passare sotto silenzio il fatto che di nuovo non ci siano i litfiba. Si è (di nuovo) fermato tutto. La canzone alla fine è carina ma mi sarebbe piaciuto di più senza quella gran sviolinata su e con Greta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che possa venire il dubbio sia una furbata, ci sta!^^
      Quanto ai Litfiba, tra poco più i un anno compiono 40 primavere, li risentiremo per l'occasione: le carriere di Piero e Ghigo proseguono anche parallelamente (già successo pure pochi anni fa)^^

      Moz-

      Elimina
  13. Su Pelù e Vasco la penso allo stesso modo.Erano dei grandi,erano appunto.Perchè non se ne vanno in pensione!!!????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, Vasco sì, Pelù -che adoro- lo voglio ancora... per me dovrebbe fare pure tv, qualche bel programma di musica/cultura :)

      Moz-

      Elimina
  14. Vado contro corrente, Pelù mi ha deluso, non mi piace nemmeno un pò questa canzone, forse sarà perchè la penso come su Greta la considero anch'io un prodotto mediatico studiato a tavolino e forse dietro c'è anche la politica.
    Buon sabato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, esattamente: io la vedo così... è un prodotto mediatico e non vorrei -tra l'altro- che lei fosse anche strumentalizzata!!

      Moz-

      Elimina
  15. Beh ... credo che Pelù abbia un impatto fortissimo sulle persone con la sua musica e chi non è riuscito ad afferrare il messaggio di Greta questo è un ulteriore se non ottimo strumento per amplificarne il concetto !

    Vedendola così forse possiamo conservare questa sana speranza.

    Io mi sento molto protettiva nei riguardi di Greta, stiamo parlando di una piccola creatura ,un essere umano che se sia l'esca di altre cospirazioni ,divenuta o divenendo "STRUMENTO"credo che qualunque palco sonoro e luci esteriori sarà prima o poi destinato a crollare.Non c'è musica e luce che tenga su quel palco perché diverrà inevitabilmente la proiezione di un sistema malsano!

    E che anche attraverso i commenti vedi cosa si riproduce?Sempre quella sorta di divisione anche verbale tra noi tutti comuni esseri umani.

    Sono dalla parte di chi guarda con positività temi simili ma non riesco a dissociarmi da chi è scettico divenuto tale perché troppe volte delusi...o solo perché spesso le cospirazioni sono ripetutamente volte sempre allo stesso obiettivo mirando al potere e al denaro o se vogliamo proprio essere drastici possiamo associarlo in " potere del denaro"...e la difesa dell'smbiente diventerebbe l'ennesimo tentativo di copertura.Così facendo tutto perde senso o magari tutto ne avrebbe partendo dal testo musicale e le belle Riflessioni di Riccardo.

    Ringrazio e ti auguro una buona domenica.


    L.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ringrazio te per il tuo messaggio.
      Hai ragione, ci sono opinioni contrastanti ma non c'è problema: si discute tra amici e questo è ciò che dovrebbe fare un blog, no?^^

      E hai ragione anche sulla questione: Greta per me è strumentalizzata, forse nemmeno si rende conto di cosa le fanno fare. Serve per veicolare un (bel) messaggio? Ok, ci sta.
      Mi spiacerebbe solo vedere che poi, dietro, c'è l'ennesima speculazione. Spero di no :)

      Moz-

      Elimina
  16. -Si ,certo su questo post c'è un aperto confronto che apre le due vedute.Avevo colto la naturalezza di pensieri diversi non per polemizzare ma per evidenziare un concetto su cui non si può pretendere controllo o avere pensiero unico.E ben vengano confronti e scontri costruttivi!

    Tu percepisci quindi che Greta è strumentalizzata?Io capisco questa tua percezione che va di certo interpretata anche come "protezione " nei suoi riguardi.


    Vedi... io cerco sempre la bellezza anche nelle situazioni tristi senza mai essere superficiali e approfondendo le tematiche che ci riguardano volenti o non si entra nello "spirito" delle questioni e perché no soprattutto delle persone!

    Ho il timore anche io come te che quella creatura possa essere strumentalizzata e spero che siamo in errore.Ciao Miki.


    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero anche io.
      Meglio pensare che sia un prodotto mediatico, un personaggio concorde nell'essere costruito per portare un messaggio.
      Forse, deve far scena per far rumore :)

      Moz-

      Elimina
  17. Sinceramente, a me non importa chi stia dietro Greta. A me importa che il messaggio di cui si fa portavoce sia giusto.
    La canzone non mi fa grande effetto, per il momento. Magari ad un secondo riascolto, chissà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho iniziato ad apprezzarla molto, la canzone.
      Un po' stonato il contesto, ancora... ma dai e dai, la sto assimilando^^

      Moz-

      Elimina
  18. A sorpresa non è male, anche se al testo ho pensato poco, mi piace soprattutto il sound ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sound molto valido, inizia blues e poi mi piace la ricchezza del tappeto musicale^^

      Moz-

      Elimina
  19. Grande Pelù, come sai condivido con te la passione per i vecchi Litfiba, anche perché condivido le loro idee e l'impegno politico-sociale di Piero. Non condivido il tuo parere su Greta, quindi mi fa piacere questa scelta di Piero. Ora l'ascoltiamo pranzando con frutta e yogurt vegan da ambientalisti quali siamo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, e mi pare giusto! :)
      Dai alla fine sta piacendo un sacco anche a me!

      Moz-

      Elimina
  20. Parlare anzi s-parlare di Greta invece che del suo messaggio è come guardare il dito al posto della luna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sparlo di Greta ma di quel che rappresenta: un personaggio costruito a tavolino, mediaticamente "perfetto". E temo anche strumentalizzata.
      Non capire questo è, forse, guardare il dito e non la luna! 😉

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo commento :)