[VITA VISSUTA] storia di una lettera recapitata per sbaglio


Cari Clockers, oggi vi riporto nell'estate del 1998 con un mistero che mi ha tenuto compagnia per ben venti anni.
E che di fatto ho risolto, seppur con molto amaro in bocca, senza avere risposte poi così soddisfacenti.
È la storia della lettera (anzi della busta) che vedete qui sopra.
Ed è la storia che coinvolge quattro persone: A., M., F. e... me!

Metà luglio 1998
Per le scale di casa la mia attenzione viene catturata da una lettera che sbuca sotto il portone.
Ed è quella che vedete qui sopra: indirizzata a una certa M., che però deve trovarsi presso una certa F. che ha il mio stesso cognome e vivrebbe nella mia stessa strada, nella mia stessa cittadina.


Mi metto alla ricerca di questa F. Capuano, che -sembra assurdo- non conosce nessuno: la via in cui vivo non è molto lunga, la percorro sotto e sopra diverse volte in cerca di tale persona.
Chiedo a vari vicini e nessuno conosce questa F. Capuano, che magari può essere la moglie di qualcuno e quindi il cognome riportato sui campanelli è un altro. Ma niente.
Persino i miei parenti non hanno alcuna notizia di una certa F. con il nostro cognome, e che vivrebbe nella nostra stessa strada.
Insomma, questa F. Capuano in via G. non esiste.
Al che, dopo qualche giorno di infruttuosa ricerca, decido di rimandare indietro la lettera ricevuta, visto che sull'altro lato compariva il nome e l'indirizzo della mittente: una tale A. (detta A.) della provincia di Torino.





il retro della busta di A. per M. -c/o F. Capuano- (1998)



Purtroppo sono costretto ad aprire la busta originale perché era molto "gonfia" e non entrava all'interno di una nuova busta. Ricordo di aver intravisto dei disegni tratti dall'anime Piccoli Problemi di Cuore ma non credo di aver letto altro. Insomma, mi sono fatto i cazzi miei.
Ho ovviamente allegato un mio messaggio con scritto, all'incirca, "ciao, mi è arrivata a casa questa lettera, non sono riuscito a trovare nessuna F. Capuano e di conseguenza nessuna M. quindi te la rimando indietro".
Qualche giorno dopo -ma probabilmente io la vidi a fine estate perché nel frattempo ero in vacanza in Abruzzo o al Campo Estivo degli Scout- ecco la risposta per me di A. da Torino:

la lettera di A. per me (1998)


"Ciriciao Michele, come stai? Probabilmente ti starai chiedendo chi sono... beh sono A. [nickname, n.d.Miki](cioè il mio vero nome è A.), quella che ha mandato la lettera x sbaglio a casa tua, volevo ringraziarti x avermela rimandata indietro..... [...]"

Notai subito il "ciriciao" à la Arale, che, sommato ai disegni di Marmalade Boy e al suo nickname dal suono giapponese, lasciava intendere fosse una anime/manga-fan.
Mi chiedeva di fare corrispondenza, ma preso tra scuola e altro non replicai mai a questa sua lettera.
Il mistero su chi fosse quella F. Capuano che abita nella mia stessa via era destinato a non essere risolto.
Ebbene, dal 1998 arriviamo al 2016.

Tornato in Puglia, mi ricapita tra le mani tutto questo materiale. E mi dico: cazzo, siamo nell'epoca di Facebook, sarebbe bello ritrovare questa A. che aveva spedito per sbaglio la lettera, sarebbe bello conoscere la verità dietro al mistero di quella F. Capuano!
Così, come immaginavo, avendo il nome e cognome completi di A., la trovo. Le chiedo l'amicizia ma niente.
Le scrivo, ma niente. Le richiedo l'amicizia, niente. Dopo questi tre tentativi (comunque diluiti nel tempo) lascio perdere, ma la voglia di risolvere il mistero è forte.

la busta contenente la lettera di A. per me (1998)

Siamo ora nell'estate del 2018.
Scrivo a un'amica facebookiana di A.: magari saprà dirmi qualcosa.
Parlo un po' con questa ragazza e le racconto tutta la storia. Mi dice che ora A. non vive più in Piemonte, che si vedono spesso, e che l'avrebbe incontrata a breve raccontandole la vicenda.
Passa del tempo, ricontatto questa ragazza amica di A. per sapere com'era andata e -testuali parole- mi scrive "A. non ricorda questa storia e non vuole approfondire, mi dispiace."

Mi arrendo? Certo che no.
Se F. Capuano non esiste, se A. non vuole parlarmi... di fatto avevo a disposizione un terzo nome: quello della ragazza alla quale era indirizzata la missiva originale del luglio 1998, e che quell'estate doveva trovarsi presso la fantomatica F. Capuano!
E così anche in questo caso vado di Facebook.
Contatto dunque M., che si rivela essere molto fredda (o almeno così mi è parso). Insomma, mi risponde alle domande ma in modo molto "secco", come se non si fidasse del tutto o come fosse sospettosa.

dal 1998 delle lettere al 2018 di Facebook

Le racconto tutta la storia, mi dice che quella M. è lei e che effettivamente nell'estate del 1998 si trovava in Puglia, a San Giovanni Rotondo, presso famigliari. Nello specifico, presso sua nonna che si chiama appunto F. ma... -colpo di scena- non ha per cognome Capuano né -colpo di scena n. 2- non vive nella mia stessa strada!
In sostanza: la M. è lei, era in Puglia, ma cognome e indirizzo di sua nonna non corrispondono a quelli riportati sulla busta.
E come risposta al mistero, M. mi dà: "c'era stato un errore di fondo". Senza aggiungere altro, senza dirmi perché siano stati indicati ad A. un cognome e un indirizzo falsi che però combaciano con quelli della mia famiglia.

Insomma, sbagliato il cognome e sbagliata la via, di fatto una lettera arriva a casa mia perché in quella strada dei Capuano esistono (cioè la mia famiglia e altri miei parenti).
Ma pare sia stata tutta una coincidenza data da un errore, anche se la cosa continua a sembrarmi, francamente, molto strana...

Cari Clockers, voi cosa ne pensate?

96 commenti:

  1. Mi hai fatto fare un bel giro tra le lettere dell’alfabeto ma non mi sono perso, anzi la storia è piuttosto interessante, penso anche io che sia stato un indirizzo falso, in ogni caso potrebbe essere l’inizio di un gran romanzo ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, addirittura?
      Comunque credo che la storia sia finita qui, vista la freddezza di entrambe le ragazze...

      Moz-

      Elimina
  2. Sei stato tu per primo a non voler essere amico di penna, non ti lamentare se ora sono freddine! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A sapere come sarebbe finita, con A. che oggi se la tira e non vuole manco rispondermi, direi che è andata meglio così XD

      Moz-

      Elimina
  3. Gli intrighi della corrispondenza li adoro perchè sono capitati anche a me! *o*
    Forse M non aveva realmente intenzione di essere amica di A quindi le ha dato un indirizzo falso e il caso ha voluto che coincidesse col tuo.. In fondo M e A non mi pare siano rimaste amiche.
    Onestamente anche io non ricordo tutti i milioni di corrispondenti che avevo perchè spesso la corrispondenza finiva in un paio di lettere quindi ne ho rimossi tantissimi.. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei, sinceramente: non mi spiego perché addirittura dirle dove risiedeva quell'estate (in Puglia) quando M. è del Lazio! :o

      Moz-

      Elimina
    2. Magari quell'estate era venuta in Puglia e le aveva detto a voce l'indirizzo ove scriverle, mal memorizzato, e la lettera è arrivata a te.

      Elimina
    3. Certo, sbagliare a trascrivere sia un cognome che un indirizzo (la via è un notissimo personaggio storico, impossibile da dimenticare o sbagliare)... XD

      Moz-

      Elimina
    4. Non la vedo tanto impossibile come ipotesi: se ha capito male una cosa, perché dovrebbe aver capito bene l'altra?

      A me una volta spedirono una lettera in una inesistente via Monfalcone, quando invece abitavo in una via che aveva il nome di un noto poeta...!!! Arrivò solo perché il postino sapeva dove abitasse la mia famiglia.

      Elimina
    5. Ecco, ma almeno il cognome era giusto!
      Qui hanno sbagliato tutto, via e cognome della nonna di M.! :)

      Moz-

      Elimina
  4. "c'era stato un errore di fondo" ... ma che vuol dire!!? ... Sì , qualcosa non torna!!
    Sembra davvero , come ha scritto Bara V , l'inizio di un romanzo ...
    Qualcosa mi dice che devi insistere
    Ciao Miki... : ) , buon lunedì

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo, Mari, c'è poco da insistere ormai: credo che entrambe non vogliano più sentire questa storia né sentirmi, sono state molto sospettose peraltro... mah! :o

      Moz-

      Elimina
  5. Mi è dispiaciuto molto che A. non ti abbia dato udienza...mi piace invece che tu ti sia ricordato di tutta questa storia.
    Frammenti forse insignificanti di vita, ma non per te, che sai dare valore alle cose.
    Mi piange un po' il cuore pensando ai tempi in cui si mandavano le lettere scritte a mano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono cose belle (amare o meno) che capitano! Mi piace ricordarle :)
      Vedi, dalle lettere a mano a Facebook il passo è breve anche se ventennale: tutto è connesso :D

      Moz-

      Elimina
  6. Mistero appassionante!
    Morirei dalla curiosità pure io.
    Personalmente non sono stupita della freddezza di queste persone, in fondo non ti conoscono e vista la fauna che sta in giro, magari preferiscono evitare, per quanto la storia sia certamente plausibile e di sicuro tu avrai dimostrato loro di non essere lo psicopatico di turno.
    Se fosse una coincidenza, sarebbe un po' troppo coincidenza non trovi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti: troppo coincidenza! Indirizzo e cognome SBAGLIATI ma che corrispondono ai miei! Mah!
      Comunque, non so come la gente usi i social, io non mi faccio problemi nel dare udienza a chi mi scrive... Male che va, blocco! Ma essere freddi e sospettosi a priori mi sembra un atteggiamento quantomeno assurdo proprio per il social in sé...

      Moz-

      Elimina
  7. Un vero romanzo! Storia incredibile ed intrigante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che però purtroppo non ha un finale, almeno per me, soddisfacente...

      Moz-

      Elimina
  8. Assurdo, mi sembra strano sbagliare così tanto XD
    Ci sta scrivere male una lettera di una parola, ma addirittura sbagliare cognome e inidirizzo è da scemi XD
    Magari sei capitato in una storia di criminali ahahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti: come cazzo fai a sbagliare cognome di una persona e anche indirizzo! Che poi, questi dati deve averli forniti la nipote di F., ossia M., alla torinese A.! Come può una nipote sbagliare cognome della nonna? Mah...

      Moz-

      Elimina
    2. Come detto sopra, forse l'indirizzo è stato comunicato soltanto a voce, magari telefonicamente, e invece di trascriverlo A lo ha tenuto a mente, sbagliandolo poi sulla busta.

      Elimina
    3. Ma anche il cognome Capuano è sbagliato, stando a quanto riferitomi dalla nipote di tale signora F.! :D

      Moz-

      Elimina
    4. Eh, non ne ho idea... qualcosa non quadra.

      Moz-

      Elimina
  9. Dovrebbero girare un film ha tutti gli elementi per incollarti alla sedia. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha addirittura! Peccato il finale non sia poi così fico... XD

      Moz-

      Elimina
  10. Storia interessante, e anche avvincente direi, tenuto conto che si sviluppa in un arco di tempo piuttosto lungo.
    Quando vivevo coi miei genitori capitò di ricevere una lettera di una compagnia di assicurazioni intestata a Giacomo P., se non che l'unico Giacomo della famiglia di mio padre (ma anche di mia madre) era... il padre adottivo di mio padre! Indirizzo corretto, ma destinatario inesistente, dato che mio padre aveva conservato il cognome P., essendo stata la sua un'adozione "non ufficiale"...

    Secondo me, quando è stata inviata la lettera del 1998, l'indirizzo è stato cercato sull'elenco telefonico partendo dal numero, e c'è stato un errore di lettura della riga (capita facilmente se tieni l'elenco, o anche un quotidiano, un po' inclinato rispetto alla linea degli occhi...).
    Chissà se quella missiva non giunta a M. è stata causa di qualche allontanamento tra le due corrispondenti, che stando alla busta "gonfia" non credo fossero alla loro prima lettera...
    Di tutta la storia mi lascia perplesso che A. ti abbia risposto con un fare troppo confidenziale, inserendo citazioni manga che un altro interlocutore poco ferrato sul tema avrebbe potuto intendere in mille modi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente il padre adottivo di tuo padre avrà stipulato qualcosa in passato, e i dati sono rimasti. Anche a me arrivano telefonate o lettere dove vengono chiamato col mio nome di battesimo ma col cognome di mio nonno (perché vivo a casa dei nonni)...

      Interessante la tua teoria: per ora la più plausibile a spiegare l'errore! Un numero di telefono ha fatto sbagliare cognome e indirizzo!
      Comunque, io la lettera l'ho spedita indietro quasi subito, quindi A. avrà avuto tutto il tempo per rimandare il materiale a M.!
      Il nome di A., non vorrei giurarci, me lo ritrovai anche nelle fanzine o nei magazine nippo-oriented, cercava corrispondenza. Quindi era proprio una "fanatica" del tema, a prescindere da chi si trovava di fronte. Forse anche io le avrò detto qualcosa (magari l'età), e così non si sarà fatta problemi...

      Moz-

      Elimina
    2. Se il padre adottivo di mio padre avesse stipulato qualcosa, di certo non poteva comunicare il nostro indirizzo poiché non lo conosceva (non si erano lasciati bene mio padre e suo padre adottivo, quando mio padre sposò mia madre...; io stesso conobbi i nonni "adottivi" dopo questo episodio), e comunque non quadra l'accoppiata nome-cognome sulla lettera.

      Nelle risposte agli altri commenti ho ipotizzato un'altra spiegazione possibile del tuo "mistero", anche se quello dell'elenco telefonico sinceramente mi convince di più.

      Elimina
    3. Anche io credo che l'elenco possa entrarci qualcosa: hanno cercato il cognome Capuano (non so perché...) e avranno scelto quello che appariva maggiormente in quella via... XD

      La questione di tuo padre in effetti è strana, ma guarda... secondo me le aziende incrociano i dati!

      Moz-

      Elimina
    4. L'unico collegamento avrebbe potuto essere una sorella di mio padre che era in contatto sia con noi che, lo scoprimmo a posteriori, con questo "nonno"; ma a che pro dare a una compagnia di assicurazioni un nominativo misto?

      Elimina
    5. Allora sicuramente lei, e avrà detto "si chiama così ma è figlio di cosà" e l'informazione è arrivata mista... :D

      Moz-

      Elimina
  11. Ahahahah, probabilmente mi sarei comportata come te, avrei cercato il destinatario, avrei rispedito la lettera e non avrei più risposto per dimenticanza.
    (Però avrei letto tutto il contenuto perché una lettera a casa mia sono cazzi miei, non si sa mai)
    Probabilmente però non li avrei cercati nuovamente su FB, sa un po' di stalking pesante. XD

    Ad ogni modo è interessante la coincidenza lo scambio di nomi e località, magari alla tipa fu dato un indirizzo falzo!
    Ma siccome sei stato troppo pudico nel non farti gli affari altrui adesso non sapremo mai il movente di tale lettera.
    PS: ricorda che hai una zampetta in Piemonte (la mia) per una tranquilla e innocente investigazione a tappeto. XD ahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che nel settembre 1998, quando poi devo aver letto la lettera di A. per me, a tutto pensavo tranne che a fare corrispondenza: mi operai (un interventino stupido, eh), iniziava il liceo con nuove materie e nuovi prof, quindi insomma... ero preso da altro.
      Ho cercato A. e M. su FB non per stalkerare (di loro, in effetti, non mi importa molto), ma solo per capire chi fosse questa F. Capuano che vive nella mia strada, che ha il mio cognome, ma che appunto nessuno conosce! XD
      Va bene per la ricerca, anche se A. non vive più in Piemonte da quanto ne so!^^

      Moz-

      Elimina
    2. Tempo fa girava in Rete un file audio (non so se autentico) in cui l'autista di un corriere espresso chiamava la sede perché non trovava un certo tizio che abitava tipo in via Roma a Torino... Per poi scoprire, e incazzarsi a bestia, che in realtà l'indirizzo giusto era via Torino a Roma... :D

      Elimina
    3. Uh ma ti rendi conto? Poi, queste vie che paiono le caselle del Monopoli... facile sbagliare XD

      Moz-

      Elimina
  12. Perchè non la proponi a Carlo Lucarelli per una delle sue serie su I Misteri Italiani? Scherzi a parte, la trama è molto avvincente, io la trasporrei in un racconto breve, fossi in te, magari inventando di sana pianta dove le spiegazioni sono carenti. Chissà, magari la misteriosa manga fan piemontese ci ripensa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, la spiegazione è carente nel finale, o almeno io lo trovo davvero poco soddisfacente... XD

      Moz-

      Elimina
    2. Al limite è Carlo Lucarelli che deve proporci qualcosa: MikiMoz ha indagato come nessuno prima sul mistero della sigla di Lamù! ;)

      Elimina
  13. Lo sai gia' che questa tastiera e' in inglese21 gen 2019, 13:22:00

    Che dire? Umh, potevi ricordarti di rispondere subito alla ragazza xD
    Pero' a parte questo, e' davvero una storia affascinante, peccato che poi non sia nata un'amicizia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tanto alla fine non avrebbe avuto seguito, la corrispondenza: come vedi, non vuole saperne niente.

      Moz-

      Elimina
    2. Lo sai gia' che questa tastiera e' diversamente italiana22 gen 2019, 11:50:00

      Che tipetto sta qua -_-"

      Elimina
    3. Posso anche capirla, sono passati 20 anni, avrà altro a cui pensare... :)

      Moz-

      Elimina
  14. Mmhhh mi sa che la destinataria della lettera abbia dato un falso indirizzo alla mittente (magari non le stava simpatica dato che, e questa è l'impressione che mi sono fatta dopo aver letto la lettera che ha mandato a te, sembra molto appiccicosa).....però una cosa è certa: ormai con Facebook basta un niente per sapere tutto di tutti, anche di persone misteriose "incontrate" per sbaglio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è: se vuoi dare un falso indirizzo... ti sprechi pure a dirle che per un mese estivo sarai in Puglia, visto che vivi nel Lazio? Mi sembra strano...

      Moz-

      Elimina
    2. Mmhhh vero, a questo non c'avevo pensato :/

      Elimina
    3. Forse la soluzione alla fine è arrivata: cognome sbagliato e indirizzo di conseguenza... trovato sull'elenco.

      Moz-

      Elimina
  15. Una cosa è sicura, il mistero continua.
    Ciao a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Cav, temo che sia finito qui.
      Forse ho riaperto cassetti che né A. né M. volevano ricordare :)

      Moz-

      Elimina
  16. Ok, noto con piacere che non sono l'unica che si mette a cercare su facebook gente relativa ad aneddoti di vent'anni fa (un giorno se avrò voglia vi racconterò) 😂
    Comunque, non per fare la noiosa (in effetti sì 😂) ma tu poi non sei mai venuto a leggere il mio post della rubrica che abbiamo fatto insieme, eh 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daiiiii certo che vogliamo sapere!! Mi aspetto un post e... hai ragione, corro da te :)

      Moz-

      Elimina
  17. Io negli anni 90' conobbi due ragazze tramite SMS mandati al numero sbagliato, con conoscenza telefonica e messaggistica e successive lettere.
    La cosa non durò molto, forse giusto un annetto, ma è una cosa che ricordo ancora con simpatia.
    Ricordo che una delle due, mi propose di incontrarci tramite una trasmissione dell'allora Rai che parlava di incontri nati tramite chat o sms, ma mi rifiutai categoricamente.
    Riguardo le lettere sbagliate ne ricevo qualcuna, ma solo perché un mio cugino ha nome e cognome omonimo a quello di mio fratello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Umh, io ricordo la trasmissione di Italia 1 dal titolo "Da dove dgt?", ovviamente una cazzatona degna degli orribili primi anni 2000 XD
      Anche io comunque corrispondevo via sms... bei tempi :)

      Moz-

      Elimina
    2. Era una trasmissione Rai, credo sul secondo canale che andava in onda tra le 18/19, ma non ricordo il titolo e nemmeno di che si trattasse.
      Bel periodo comunque.
      Per esempio quando non avevamo abbastanza credito per comunicare via telefono o SMS ci tartassavamo a squilli con quelle due ragazze.
      Che era un modo per dire che ci stavamo pensando.

      Elimina
    3. Esatto: la moda dello "squillo" (a cui dovevi rispondere con un altro squillo) è terminata da oltre dieci anni ormai.
      Un tempo NESSUNO telefonava, quindi ritrovarsi uno squillo era appunto solo un modo per dire "ci sono, ti penso". Oggi sarebbe una chiamata senza risposta, alla quale subito ritelefoneremmo.

      Moz-

      Elimina
  18. oops... che coincidenza!!!! ahhahhahaahha
    NOn è che volessero fare uno scherzo a qualcuno per vedere come sarebbe andata a finire e guarda caso ci sei capitato tu?

    Al limite, puoi tenere buono questo "sbaglio di indirizzo" per il prossimo cinepanettone mozziano :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha in effetti mi state convincendo a usare questa storia per qualcosa...! XD
      Oh, chissà, comunque: tutto può essere!^^

      Moz-

      Elimina
  19. Queste storie "misteriose" mi intrippano un casino, però non riesco a darti nessun consiglio, mi hai incasinato la testa XD comunque hai fatto bene ad "indagare", lo avrei fatto anche io, anche se io avrei letto tutto, sono troppo curiosa :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma forse qualcosa avrò anche letto, ricordo i disegni di Marmalade Boy che provengono da una rivista che posseggo, pensa tu...! :D

      Moz-

      Elimina
  20. Forse c'è stato un equivoco tra loro ed entrambe pensano che tu c'entravi in qualche modo.
    Comunque io vorrei fare un appello ai tuoi lettori che sono anche scrittori: usate l'episodio come spunto per un racconto/romanzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai mi sa che scrivo io qualcosa a riguardo... chissà XD
      Non saprei cosa pensano loro, pensa tu che menti contorte che devono avere se è come dici^^

      Moz-

      Elimina
  21. Potrebbe essere l'incipit di un romanzo intrigante. Bello.
    sinforosa

    RispondiElimina
  22. Io proverei a chiamare la De Filippi....magari ti risolve lei il mistero!
    Sposta la busta gigantesca di "Ce posta per te" e te le ritrovi tutte tre....ma te hai visto manco una foto sui loro profili Fb ?
    Per capire se ne vale la pena...;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto quella di A., se ben ricordo... F. è una nonna e non credo abbia FB mentre M. non mi sembra di averla vista... questo per far capire che davvero non è che mi importa di loro, ma di capire come sia possibile sbagliare cognome e indirizzo! XD

      Moz-

      Elimina
  23. Ogni volta tanto mistero e voglia di trovare dietrologie... Ma poi la spiegazione è così semplice e banale XD

    Magari A. è una fan del Moz O'Clock venuta dal futuro per conoscere il Moz giovincello e semplicemente ora non ricorda di averti mandato la lettera solo perché non l'ha ancora fatto e probabilmente non conosce ancora il blog u.u
    Paradosso temporale vuole che il tuo averla cercata la porterà a conoscere il tuo blog e a intraprendere quel viaggio indietro nel tempo che darà inizio alla vicenda...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah mi piace molto la tua interpretazione fantascientifica!^^
      Questo romanzo di cui parlano sopra... lo hai già scritto tu! XD

      Moz-

      Elimina
  24. Che ricordi mi hai provocato!! Avevo un'amica di penna, mai conosciuta di persona. E mi hai fatto pensare di nuovo a lei, di cui ricordo il nome ma non il cognome.
    Comunque la faccenda è strana, sa di amicizia finita male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcosa deve essere successo, altrimenti non mi spiego la chiusura di A. e la rapidità di M. nel liquidarmi... boh!

      Moz-

      Elimina
  25. È assurdo sbagliare sia il cognome che l'indirizzo!! Un caso perfetto per una puntata di C'è posta per te!😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, con le DeFilippi si finirebbe nel trash, meglio di no 😂

      Moz-

      Elimina
  26. Te la spiego io. La lettera ti è stata recapitata per errore da una dimensione parallela dove tu sei una ragazza e ti chiami F.
    Se ti piacesse la fantascienza, la adoreresti questa risposta... 😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, ecco... peccato non sia il mio genere.
      E poi non vorrei mai essere una ragazza, manco in fantascienza XD

      Moz-

      Elimina
  27. Secondo me, sei stato pure fortunato che "A" non ti abbia querelato in base all'art. 616 del Codice penale, che prevede pene severe in caso di violazione di corrispondenza, a te non diretta, visto che l'hai aperta. 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, A. è stata fortunata, altroché, perché le ho rispedito tutto! Dal momento in cui la lettera era a casa mia, avrei potuto farne di tutto, tecnicamente... XD

      Moz-

      Elimina
  28. Una storia interessante e un mistero avvincente, mi hai fatto venire in nenme di cercare un mio vecchio amico di penna, l'epoca era la stessa piu o meno. A me capitò di ricevere una lettera, con una poesia tutta in rima su di me, da parte di un ammiratore segreto. Non ho mai saputo chi fosse l'autore,avev a due indiziati ma con certezza non saprei chi. Bello comunque,anche il ricordo è piacevole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai cercalo!! In fondo può fargli piacere, no?
      A me ne farebbe... sarebbe come rivivere il passato.
      Quanto alla poesia, se alla fine non si è rivelato, mi chiedo: perché tutto ciò? :o

      Moz-

      Elimina
  29. sei stata antipatico nel 1998 e a volte noi donne non dimentichiamo!
    ma come mai l'hai conservata per tutto questo tempo? sei un accumulatore seriale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, ma no dai, che antipatico! Ho persino restituito la missiva perduta! :D
      L'ho conservata perché mi sembrava carino ricordare questa cosa^^

      Moz-

      Elimina
  30. Mi sono un perso un po' a dir la verità, però il finale non mi è piaciuto...vabbè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, purtroppo nemmeno a me... Chissà se in futuro ci saranno spiegazioni decenti!

      Moz-

      Elimina
  31. Con l'errore a monte, cognome sbagliato, lo avrà cercato sull'elenco, col quale è risalita al tuo indirizzo. Almeno credo sia andata così.

    Saluti,
    E. 😝

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è l'unica spiegazione logica, ma almeno potevano chiarirmelo! :o

      Moz-

      Elimina
  32. Ma... scusa non avresti dovuto molto semplicemente ridarla al postino che venisse rimandata al mittente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse proprio il postino mi disse di rispedirla, con francobollo a mio carico... se ben ricordo! :o

      Moz-

      Elimina
    2. Ma pensa... e io che pensavo che tornassero al mittente per conto loro senza francobolli.
      S'impara sempre qualcosa.

      Elimina
    3. Non so, magari è come dici tu, ma comunque la lettera aveva un indirizzo specifico e a quello è stata recapitata -che sia per sbaglio o meno-... quindi comunque le Poste hanno seguito le volontà del mittente, adempiendo al loro lavoro... :)

      Moz-

      Elimina
  33. Io che sono una complottista ho la mia teoria: e se l'errore fosse stato di proposito per avere una scusa innocente grazie alla quale parlarti?
    Forse questa A era innamorata segretamente di te ed in un'epoca in cui non esistevano Fb e Wa...E poi dopo che tu non le hai risposto si sarà risentita e per questo non ti ha voluto sentire neanche su Fb dopo tanti anni. Fammi sapere se potrebbe essere possibile ^.^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola!
      Mhhh, mi sento di escluderlo assolutamente: A. non poteva conoscere la mia esistenza, essendo noi a centinaia di kilometri di distanza... Dove avrebbe potuto incontrarmi prima?

      Moz-

      Elimina
    2. Neanche le altre è possibile che ti abbiano visto?
      Comunque oddio, ora rileggendo l'ultima parte mi è venuta in mente un'altra cosa.
      Hai detto che sta M era diffidente e che ti ha detto che c'era stato un errore di fondo e che è lei che deve aver detto ad A l'indirizzo a cui mandare la lettera.
      Non è che magari sta M. in realtà lo ha fatto di proposito a far sbagliare A, magari non voleva risentirla per qualsiasi motivo o voleva farle un dispetto, e per questo quest'ultima dal canto suo non ha voluto approfondire, mentre M ha tagliato corto perché le due avranno litigato.
      Queste due tra loro sono amiche su fb?
      Secondo me ci sta che le due non siano più amiche e per questo entrambe si sono comportate così. Magari la lettera c'entra qualcosa oppure è stato solo un caso però scommetto che non si parlano più xD

      Elimina
    3. Ecco, magari sì, le potrebbe aver detto una mezza verità: in vacanza a San Giovanni Rotondo, le ha però fornito un indirizzo falso... ci può stare alla grande.
      Su Fb non so dirti, non sono arrivato a questo livello di stalking ahahah! XD

      Moz-

      Elimina
  34. No vabbè, adesso ci hai lasciato tutti col dubbio! Speravo in un lieto fine...
    Io ricordo invece di un sms ricevuto per sbaglio alle medie: il mittente era proprio il ragazzino che mi piaceva all'epoca! Solo che poi, una volta rivelata la mia identità, è evaporato. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jess!
      Purtroppo anche io speravo in un finale più soddisfacente, purtroppo le cose sono "morte" così: non saprò mai perché quella lettera sia giunta a casa mia...

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo intervento!