[SPOT] Voltron il Multiformer (1986)



Spot tratto dalla rivista Masters e il Team dell'Avventura dell'aprile 1986.
Prima che lo facessero in versione Lego (vedi qui), Voltron è stato ovviamente anche un giocattolo classico.
Un robot componibile, cinque leoni plasticosi e colorati a formare una figura più grande.
Prodotto da Mattel, Voltron il Multiformer arrivò anche in Italia in tutti i negozi di giocattoli.

In realtà questo giocattolo di Voltron (coi leoni) non rappresenta altri che il robot giapponese della serie Golion, prodotta dalla Toei e in seguito riadattata in America.
Nel 1998, di Voltron venne realizzato un sequel originale, in computer grafica; nel 2016 la Dreamworks ne ha prodotto un remake per Netflix.

Voltron non è l'unica opera robotica giapponese riassemblata dagli americani.
Riscopri qui le altre serie che hanno dovuto subire l'analogo e particolare destino:

43 commenti:

  1. Terribili i disegni dei piloti :D
    Se la memoria non mi difetta, dovrebbe essere lo stesso spot cartaceo apparso su Topolino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, e la collezione completa arriverà quando avrò finito quella dei Masters XD

      Moz-

      Elimina
  2. Io ce l'avevo. Non so che fine abbia fatto (probabilmente i miei me l'hanno buttato in fase di trasloco), e per me resta un grande rimpianto non averlo "protetto". Mi piaceva un sacco, anche se io i leoncini li ricordo anche con parti metalliche, oltre a quelle plasticose, ma potrei sbagliarmi; ne è passato di tempo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se aveva del metallo allora era il Golion originale giapponese, il chogokin. Quello era si che era figo.

      Elimina
    2. Anche il Voltron aveva le parti metalliche, ma forse proprio perché di fatto era il giocattolo Golion.
      A me i giocattoli con parti metalliche non piacevano granché, sono sincero... :o

      Moz-

      Elimina
    3. No, era proprio il Voltron: su quello non potevo sbagliarmi, come detto l'ho amato troppo! :D

      Elimina
    4. Ma secondo me esisteva solo una versione generale, no?

      Moz-

      Elimina
    5. Il Golion di metallo super-figo lo hanno venduto anche in America sempre col nome di Golion, prima della trasmissione statunitense della serie animata. Lo aveva importato la Bandai America.
      Dopo l'inizio delle trasmissioni, non so per quale giro commerciale è passato sotto Matchbox, che lo ha venduto in una nuova confezione sotto il nome di Voltron.
      Resta però il buon vecchio Golion giapponese.

      Elimina
    6. E questo perché Golion potrebbe effettivamente essere girato prima di Voltron... in Italia così è stato, per esempio!!^^

      Moz-

      Elimina
    7. In America verso la fine dei 70 e l'inizio degli 80 son girati alcuni giocattoli giapponesi sotto il nome di Shogun Warriors e poi importanti da Bandai America, i Godaikin. Fra i Godaikin c'era appunto anche il Golion ;)
      A livello di cartone invece no: in America hanno avuto solo Voltron, mai Golion. Credo che fuori dal Giappone lo abbiamo avuto solo noi.

      Elimina
    8. Ecco, erano i giocattoli "Marvel", diciamo.
      Degli Shogun ne parlai in un post, pensa che per anni non sapevo cosa fossero e mi ritrovavo le copertine negli albi Marvel Italia!! :o

      Moz-

      Elimina
    9. Io avevo (forse da qualche parte ce l'ho ancora) un robot tutto di metallo! Busto rosso, testa e arti acciaio lucido. Quello a sinistra. 😎

      Elimina
    10. @Gas75
      Sono una linea prodotta da una ditta americana (o canadese) minore, per cavalcare l'onda del successo dei Micronauti. Non erano nemmeno malaccio, anzi erano piuttosto onesti come prodotto, a quanto mi hanno detto (e costavano poco, almeno in patria).
      La cosa curiosa di quello che avevi/hai tu è che non si sa come hanno copiato il design del Gackeen per crearlo (che sia capitato loro sottomano un disegno del Gackeen sfida qualsiasi legge delle probabilità, ma proprio per questo è un evento affascinante XD)

      Elimina
    11. Potrebbero anche essere andati in Giappone a rubare disegni o giocattoli, chissà...

      Moz-

      Elimina
  3. Mio fratello ce l'aveva. Peccato avesse (e abbia tutt'ora) una sorellina che glielo ha sfasciato...

    RispondiElimina
  4. Ora intero ai mercatini ti chiedono quei 2-3 reni in cambio :D Io a volte ho trovato un "leone" solo...ma magari averlo completo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino... è tra i giochi più richiesti!! :D

      Moz-

      Elimina
  5. Ce l'ho. Intero e con tutte le armi (sue e dei leoni).
    E' stato il regalo che ho chiesto per la promozione.... di prima elementare forse? Quindi insomma, è stato il regalone come premio di qualcosa di impegnativo.
    Ci ho giocato molto ma onestamente fa un pò cagare. Fa effetto perchè è grosso, ma come esecuzione è dozzinale (specialmente nelle zampe... sono scandalose) e praticamente non ha alcuna funzioncina integrata.
    Avevo provato a venderlo su e-bay anni fa ma non lo ha cagato nessuno XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, dimenticavo. Ne esistevano due versioni differenti, ma sostanzialmente riguardava solo il Leone Nero: in una Voltron aveva le pupille negli occhi e lo sportello della cabina si apriva dall'alto. L'altra non aveva le pupille e si apriva dal basso (la mia è quest'ultima)

      Elimina
    2. Ah, quindi due edizioni!
      Comunque... io so che è ricercato tra i collezionisti, no?
      Mi dispiace però che non abbia granché: io adoro i giocattoli con più gimmick, per dire...

      Moz-

      Elimina
    3. E mi è venuto anche in mente un'altro dettaglio, ma di questo non sono proprio sicuro al 100%. Nella versione pupillata (XD) le armi dei leoni erano cromate.

      Comunque si, Mattel ci è andata MOLTO al risparmio: potrei ipotizzare che tutto il budget sia finito per farlo di grandi dimensioni.
      Non parliamo poi degli omini, che erano brutti (a parte le due Robobestie). I veicoli dei nemici davano un pò più soddisfazione: ho una delle due bare volanti e di gimmick quella ne ha (luce interna a batteria ed ali che escono da sotto).

      Su quanto sia ambito, posso dirti che ho provato a venderlo tipo 8 o 9 anni fa, poi non ci ho più provato: potrei azzardare che sia divenuto costoso nel frattempo. A questo punto però quasi potrei riprovarci XDXD

      Elimina
    4. Beh, sì, provaci!!
      Ora il mercato nerd è cresciuto :)

      Moz-

      Elimina
    5. Chissà se mettessi in asta il mio Iperbot dei Transformers, praticamente nuovo (tranne gli adesivi già messi) e con scatola originale...

      Elimina
    6. @Gas75
      Saresti un pò penalizzato sul mercato internazionale, perchè la scatola ha diciture e nome italiano (il nome vero è SixShot... un nome del cazzo ma quello gli han dato), però penso che potresti comunque guadagnarci bene.

      Elimina
    7. @Alex
      Sul mercato internazionale non ci tengo molto a entrarci, specie per le spese di spedizione... Ho visto su Ebay e dovrebbe valere sui 100€, dato che è a parte il libretto che spiega le trasformazioni, è completo e intatto.

      Elimina
    8. Bisogna capire se vale la pena rinunciare a qualcosa di nostro, per cento euro.
      Che valore ha SixShot per te? Se poco, vendilo pure!

      Moz-

      Elimina
  6. Avevo solo il leone giallo perché chi me lo ha regalato non sapeva si potessero combinare. Quando ho preso la patente, per il primo anno di guida, ho avuto appeso allo specchietto proprio il leone giallo....su una Innocenti 112 con appena 4 marce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MA GRANDEEEE!
      Oggi sarebbe una moda assurda, pendaglio retronerd! :)

      Moz-

      Elimina
  7. Ho un vago ricordo, non so se dei bambini della scuola o dei miei ma l'ho visto senz'altro.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse sì, negli anni qualcuno lo avrà portato a scuola... :D

      Moz-

      Elimina
  8. Ricordo una versione giocattolo in cui si potevano acquistare anche i leoni singolarmente...

    Quindi mi crolla una convinzione: da sempre i vari appassionati di cartoni animati robotici mi avevano detto che Voltron non era di origine giapponese ma americana, e che lì fosse noto come Golion e diventato Voltron in Italia! 😮 Dovrei ribeccarli tutti questi sparacavolate dell'adolescenza, in particolare uno di loro che si inventava i finali degli anime che mi ero perso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha che cazzari! :)
      Certo è che poi i fumetti di Voltron (tipo appunto quelli su Masters e il Team dell'Avventura) erano di produzione italiana o americana... quindi qualcosa vale, ma solo per altre produzioni.
      Voltron attuale è all-american :)

      Moz-

      Elimina
    2. Hai ragione, anche se non riesco ad essere completamente cattivo verso questi qua: dopotutto erano notizie che giravano così per passaparola e finivano spesso per diventare incomplete o stravolte.
      Ad esclusione del tizio che si inventava i finali: quello non ha scusanti di possibile buone fede. Per curiosità, che finali farlocchi ti ha propinato? Puoi fare un paio di esempi? XD

      Elimina
    3. Pure io sono curioso XD
      Comunque sì, all'epoca le notizie erano rare e spesso anche di loro molto imprecise.
      Ci si mettevano pure i giornali specializzati, spesso, a dire castronerie...

      Moz-

      Elimina
    4. Finale di Getta Robot: Musashi muore perché Getta 1 finisce dentro un vulcano, appeso per le mani al bordo del cratere, ma Rio è svenuto e non può separare le navicelle. Così la lava fonde la navicella di Musashi che si trova nella lava e il poveraccio agonizza mentre Ajato si dispera per la situazione... 😨

      Candy Candy muore perché ha contratto una malattia lavorando come infermiera.

      Vantava anche di avere visto i finali di He-Man (Filmation) e Shazzan (il genio di Hanna e Barbera evocato unendo le due metà di un anello...).

      Quasi il peggior cazzaro conosciuto, secondo soltanto a un tizio che vantava di aver ricostruito la molecola della Coca Cola, e altre amenità...

      Elimina
    5. Sul finale di Getter Robot almeno ha avuto inventiva: ha sfornato un finale più sadico dello standard Giapponese XD

      Su Shazzan scrissi un articolo anni fa: ti confermo che non ha un finale XD

      Elimina
    6. Secondo me l'unico finale che ha visto davvero è quello di Zambot e, che deve averlo devastato emozionalmente, infatti quello me lo raccontò con precisione.

      Elimina
    7. Ahaha il finale del vulcano e quello di Candy sono anche possibili, conoscendo gli standard di cattiveria e pessimismo/sacrificio nipponici del tempo...
      Quanto a He-Man e Shazzan, essendo serie americane comuni, non avevano né inizio né fine...

      Moz-

      Elimina
  9. Questi ce li aveva un mio amichetto e mi piacevano tantissimo!

    RispondiElimina
  10. Io avevo quello di metallo, purtroppo ora distretto. Peccato perché l'ho visto vendere a dei prezzi niente male...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, pare che sia salito come quotazione...

      Moz-

      Elimina

ricevere commenti fa sempre piacere, a patto che siano commenti pertinenti o che arricchiscono la discussione.
Ricorda: non è obbligatorio commentare se non si ha niente da aggiungere o se non si è nemmeno letto l'articolo! Grazie :)