Chevin, ti presento Sceron

Il mito dell'America Gloriosa
per le famiglie sottosviluppate d'Italia
rivive nei nomi che due gretti cafoni
possono dare ai figli.
Immaginatevi la coppia-cliché:
lei tozza, tarchiata, porta i pantaloni
sia in senso figurato che letterale.
Letteralmente li porta anche infangati sopra i suoi stivali
di paillettes dorate.
Il marito è il classico ominide intellettuale
più scemo dei suoi pargoli,
la cosa più intelligente che guarda è il
wrestling (e crede pure che sia vero)
I figli, poverini, sono scemi a priori con due
genitori così.
Si chiamano Chevin, Scila, Chelli, Sceron, o Stiven
(molto probabile che siano scritti davvero così sui documenti)
che fra due suonate di fisarmonica, organetti
e mazurke paesane
possono far finta di vivere la loro Beautiful o
la loro Dallas
anche in un paesino arretrato di 20 anime appena
del mezzogiorno, del centro, o del profondo nord.
That's Italy.

5 commenti:

  1. al mio paese c'è un bambino di nome "entoni" (scritto proprio così)...ora dico io...i genitori nn meriterebbero la pena della catapulta???

    bah

    RispondiElimina
  2. Io non vedo niente di male in tutto questo.
    -__-

    RispondiElimina
  3. TheBlackSwordsman07 mar 2007, 09:20:00

    Il mio bimbo (primogenito maschio) lo chiamerò G.J. (gigei)....





    ...Giulio Junior :D

    RispondiElimina
  4. Moz,

    Se mi trovassi difronte persone che hanno nomi stranieri, li conoscerei prima giudicarli..

    RispondiElimina
  5. Al mio paese c'è Rigg...Non che ci sia niente di male, ma veramente a volte ti rendi conto come i modelli a cui la gente aspira siano quelli delle soap, al punto da affibbiare un nome a un figlio che nei nostri sogni diventerà bello e perfetto come il mascellone di Bautiful. Vorrei che i modelli fossero altri...Utopia!

    RispondiElimina