la Sacra Sindrome


Che cos'è la religione? Che cos'è il Cattolicesimo?
O il Buddismo? O lo Shintoismo?
*
Davvero possiamo credere che ci sia qualcuno al di sopra di noi che ci regola e comanda?
Davvero non è solo la natura, con tutti i suoi processi praticamente meccanici, ma un tizio con la barba e viso severo, oppure ciccione e ridente, che ci guarda da lassù?
*
Davvero possiamo credere che ci ha creati (cavolo, ci ha fatto denti che cambiano, vari buchi, organi, e a qualcuno anche il cervello...) modellandoci dal fango, impastandoci con lo sputo?
Bah, trovo molto difficile crederci. Io vedo solo il lato meccanico della cosa, della natura.
Mi hanno detto: che ti costa, però, crederci? Almeno se poi esiste questo signore (anzi, Signore), ti porta nella sua dimora (anzi, Dimora).
*
Ma a questo punto perchè non credere anche a Satana, anche ad Allah e Zeus, a tutti questi altri?
Perchè devo poter andare in paradiso (anzi, Paradiso) e non nel Nirvana (anzi, nirvana: scritto con la enne maiuscola indica il gruppo musicale)?
Cosa mi costa crederci? Nulla. E poi magari sarò salvato e i peccati che ho commesso saranno annullati. Ma non ci credo, o meglio: non ci riesco.
*
Cosa mi costa crederci? Nulla.
Ma che posso farci se Dio mi ha creato così poco credulone?
*
*
"Ho conosciuto Dio
che giocava con il cielo,
dimenticando l'aria, il fuoco ed il giorno.
Tu sai, io so, lo so che non era ubriaco..."
(Vendette, Litfiba 1986)

8 commenti:

  1. La domanda che assilla l'essere umano sin dalla sua esistenza..

    Sai una cosa Moz? Io credo che non esista un'unica religione o sacramentalità attraverso essa.
    Ognuno è artefice di se stesso e di ciò che è stato, questo è assodato, ognuno crede liberamente ciò che vuole e ciò che lo rasserena spiritualmente.

    E' normale essere scettici o disinteressati, siamo umani, è scontato. Ma proprio da qui nasce un legame indissolubile tra l'uomo e il suo ipotetico creatore. L'uomo è alla continua ricerca di Dio poichè è già di default nella sua natura.

    Io credo che se ci fosse una persona, alla quale è stato insegnato un solo principio di una qualsiasi religione (con le sue esperienze, insegnamenti, dubbi) ed un'altra persona, magari cieca-sordo-muta dalla nascita..
    ..secondo me in un punto della loro vita domanderanno loro stessi, e proveranno l'identica sensazione:

    La ricerca di Dio o di un essere superiore.

    Puoi crederci o no, ma non sei solo un mucchietto di pelle, muscoli ed ossa. Sei anke anima, spirito chiamato ad illuminare la tua eterna esistenza.

    RispondiElimina
  2. Ahah bel titolo ;)

    Comunque, non è solo Paura.
    Non è una ricerca dettata solo dal senso disorientante e indistinto di pochezza.

    Per come la vedo io è anche una questione di dignità.

    Morire con dignità. In qualunque campo, dai valorosi guerrieri cristiani agli ultimi pezzenti moribondi.

    La religione come sappiamo da sopratutto un senso alla morte.

    Dici bene, la Sacra Sindrome, tutti giochiamo a fare Dio, quando possiamo, spaziando dalla saiens all'arte.

    La prima dispone della "vita" la seconda di colori o materie naturali.

    Ma forse anche uno scienziato può essere un artista a modo suo. Clonando un uomo neandertaliano può imporsi come suo Dio.

    La verità è che il SOLO capire, fa perdere la propria dignità, difronte a cose immutabili; così come può nuocere una lunga menzogna o una verità scomoda.

    La Religione a volte è logica nel comunicare con noi "superbi razionali" cose irrazionali...;

    Se con i Dieci Comandamenti, L'uomo vero va contro l'uomo fittizio allora Dio è il contrasto quindi una forma di disprezzo verso se stessi.

    Questa forse è difficile, poi te la rispiego ;D

    RispondiElimina
  3. Tante domande, altrettante risposte non razionalmente motivate. E' questa la fede, no?
    A te la scelta, fratello :)

    RispondiElimina
  4. Weiiiii Miki!:-)
    Ti auguro un buon weekend!;D
    un baciuzzolo:*
    Anas*

    RispondiElimina
  5. Io credo (o penso?) che ci sia qualcosa di superiore. O qualcuno.
    Fattostà che la Bibbia è una ciofecata pazzesca e la Chiesa ho mica ancora capito ancora a cosa serva, se non a far girare soldi del vaticano. Bah.

    RispondiElimina
  6. Un saluto dalla portinaia diaboliKa..uahauahauah...xD w il condominio..ihihi...
    smakkiiiiiiiiiii:*
    Anas*

    RispondiElimina
  7. Io credo che sia una questione di Natura ed energie.
    Superiori all'uomo, certo. Ma dell'uomo.

    Nessun burattinaio ci ha creati con lo sputo e col fango. Togliendo una costola all'uomo (ricordo che anche D'Annunzio si tolse una costola... ma non per creare una donna, anzi, per sostituirla in una certa pratica orale, pensate un po')
    Nessun serpente ci tenta, nessuno ci dice di fare del male. Il Male c'è e basta, come il Bene. Perchè è dell'uomo.

    Le risposte, inoltre, non sono in nessuna religione, sono dentro di noi. Forse perchè appunto, la religione siamo noi. E' dell'uomo.

    Con tutto il rispetto per chi invece, ci crede^^

    Moz-

    RispondiElimina
  8. Si concordo con Miki, che poi tralaltro, se uno va in paradiso dovrebbe separarsi dal suo lato malvagio? vuol dire che ogni volta che abbiamo una tentazione il male ci invoglia?

    RispondiElimina