> Roma Criminale (recensione)


Il ritorno di un genere, quello del poliziottesco, che viene filtrato e poi restituito con mestiere in questo gradito omaggio di fine 2013.
Firmato da Gianluca Petrazzi, figlio d'arte e stuntcoordinator, Roma Criminale è un film che svolge bene il suo compito, con un cast azzeccato e ricco di volti noti agli appassionati.
Regia nervosa dove serve, tra risse, inseguimenti, rapine e un trittico di personaggi legati loro malgrado in una ragnatela antica e letale.


Roma Criminale, che già nel logo e ovviamente nel nome richiama il capolavoro televisivo di Sollima (ossia Romanzo Criminale - La serie), è una ideale continuazione di Roma a mano armata.
Il film di Umberto Lenzi del 1976 verteva sul duello tra lo sbirro duro e puro Leonardo Tanzi (Maurizio Merli) e il criminale gobbo Vincenzo Moretto (Tomas Milian).
Roma Criminale riprende proprio da lì, seppur con qualche lieve modifica. Al gobbo sparisce la gobba e diventa Vincenzo Toretto (Luca Lionello), stessa sciarpa e arrestato anni prima da Lanzi (e non più Tanzi). Ma in carcere medita vendetta.
Il commissario, qualche anno dopo, viene ucciso a tradimento. Suo figlio, Marco Lanzi (Alessandro Borghi), è il nuovo protagonista della vicenda: poliziotto sprint, dinamico, testa calda e insofferente alle regole.
I narcos sono in città, guidati dal Columbia (Simone Colombari) e intanto Toretto è stato appena rimesso in libertà, dopo aver scontato la sua trentennale condanna...

Marco Lanzi nel suo ufficio (immagine web)

Se è vero che il poliziottesco degli anni '70 è via via finito in tv, rimodellandosi e facendosi un po' mafia-movie e un po' fiction corale, è anche vero che gli stessi modelli televisivi sono poi ritornati al cinema.
E infatti guardando l'opera di Petrazzi non si è poi molto lontani dai linguaggi di Palermo-Milano il ritorno (uscito nelle sale nel 2007) o da quelli del piccolo schermo di Distretto di Polizia o Squadra Antimafia (e i cameo di Simone Corrente e Simona Cavallari, protagonisti rispettivamente dell'uno e dell'altro telefilm, sembrano voler quasi sottolineare questa cosa).
Non si è lontani da certe scene, da certe inquadrature. Nemmeno da certi ambienti e certe musiche. E' quasi un filo diegetico.
Ma è un cerchio, dopotutto. Che aveva già fatto il giro e ora torna a compierlo ancora.

Il Columbia e Toretto affilano le armi... (immagine web)

Roma Criminale è una pellicola che ovviamente non ha il fascino vintage dei prodotti anni '70, ma nemmeno vuole averne; l'ambiente moderno sembra togliere ogni possibilità in questo senso al poliziottesco tout-court ma qui i cliché ci sono proprio tutti, e ai fan non mancherà occasione di divertirsi a caccia di riferimenti più o meno velati. Un omaggio, un gioco fatto col cuore.
Come Albino (Corrado Solari) ex membro della banda del Gobbo o Gargiulo, sempre lui, sempre interpretato da Massimo Vanni. Non era nella pellicola-madre, ma è stato braccio destro dei commissari in tantissimi polizieschi. E non solo: con lo stesso ruolo era anche ne Il ritorno del Monnezza (2005). Insomma, un grande mosaico citazionistico che si compie poco a poco, e che abbraccia il poliziesco cinematografico e il poliziesco televisivo attraverso il tempo, le produzioni e i personaggi (a vedere la Cavallari arrivare in moto non si può fare a meno di pensare che sia proprio Claudia Mares di Squadra Antimafia...).

Sperando che a questo mosaico -ludico, come giusto che sia- possano aggiungersi sempre più tasselli e che il cinema di genere torni in auge, ricordando sempre che il poliziesco italiano è però attivo e vitale -con prodotti variegati per diversi tipi di pubblico- sui nostri canali tv.

33 commenti:

  1. boh, non lo so...
    chissà quanto accento capitale che ci sarà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhh, da morire.
      E ovviamente anche finto accento colombiano, del tipo "que pasa hombre? aquì facciamo una strage che toda Roma se lo recorda!" :p

      Moz-

      Elimina
  2. Non lo so, sono scettico.
    Già il titolo che cerca di scimmiottare Romanzo Criminale un po' mi fa partire prevenuto, ma non lo scarto a priori.
    Se mi capita, un'occhiata è d'obbligo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro lo omaggia! Pensa che la mia recensione di Romanzo Criminale qui sul blog, anni fa, la chiamai proprio "Roma Criminale" ^^;
      Però è ovvio che si tratta di un film di genere, presuppone una conoscenza base dei poliziotteschi e comunque un certo amore per la produzione poliziesca italiana tra cinema e tv (anche attuale)^^

      Moz-

      Elimina
  3. E' un genere che mi prende poco...
    Di Roma Criminale non sapevo nemmeno della sua esistenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è un film che è stato largamente pubblicizzato; è comunque a basso budget però le riviste specializzate ne hanno parlato.

      Moz-

      Elimina
    2. Stavo per dire la stessa cosa di Marco, nemmeno io ne ho mai sentito parlare, ma comunque non è proprio il mio genere.

      Elimina
    3. So che il polizi(ott)esco può essere un genere che non tutti amano...^^

      Moz-

      Elimina
  4. Sinceramente, sono contento che un certo modo di fare Cinema (ed anche un determinato genere cinematografico). Molto meglio quello del vuoto pneumatico fatto solo di Cinepanettoni di questi ultimi venti anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sicuramente c'è stato un periodo in cui il cinema italiano è stato... niente di che, forse troppo preso dal suo tempo.
      La comicità stessa sembra essere tornata a livelli accettabili, e non ci sono più solo pellicole per minorati mentali...

      Moz-

      Elimina
  5. Sinceramente Miki, nonn ho visto nessuno dei film che tu elenchi e nemmeno le fiction televisive.
    Non sono il mio genere e poi guardo proprio poco la tivù, pertanto mi limito a leggerti e basta. Non saprei cosa dire d'altro.


    ps scusa l'ot. hai visto che il 20 di settembre sul mio blog si gioca con raccontiamo insieme? Ti aspetto.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pat, vado a vedere anche se il 20 settembre sarò nel pieno delle ferie (finalmente) quindi non posso garantire la mia presenza^^

      Moz-

      Elimina
  6. Beh in Roma a mano armata l'anello debole era proprio Merli-Tanzi.
    Merli era un buon caratterista, ma confronto a Milian spariva (e anche a Saxon ne "Il cinico, l'infame il violento").
    Il film che proponi non lo conosco. Dubito che i protagonisti abbiano il carisma dei vecchi poliZZiottari, Merli compreso. Ma lo recupererò per vedere Solari-Albino.
    Ma quelle vecchie care facce da galera nun se battono. Solari, Pelligra, Castellano, Hundar...
    E quando ti ricapita un Henry Silva?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me Merli piace. Vero che gli han sempre dato avversari tosti sotto tutti i profili, che rischiano di surclassarlo (come per Batman :p), però lui mantiene la sua figura di commissario granitico.
      Il film in questione non ha il carisma dei film dell'epoca, ma si vede che è fatto col cuore.
      Silva quasi androide con la sua espressione gelida... **

      Moz-

      Elimina
  7. Sicchè merita di essere visto, io mi diverto a scovare le chicche vintage del nostro paese! (e non solo, io ho messo il cuore su serie come Twin Peaks o Ai cinfini della realtà).
    Penso che mi piacerà molto questo tuo blog.
    A presto, Elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. volevo dire confini, perdona!

      Elimina
    2. Grazie mille Elsa! Non appena torno in piena attività blogghereccia avremo sicuramente modo di leggerci meglio!
      W Twin Peaks sempre! E viva il cinema di genere (italiano in primis^^)

      Moz-

      Elimina
  8. AO ma che ti ha fatto il mio amico Francuzzo??..... facce capì eddai...
    Fiorella12 settembre 2015 12:17

    Ma daiiiiiii, Franco, saranno tutti quelli a cui hai spillato euro, un anno fa, che si vendicano!! ^_____* e che Moz, ha fatto un post! Altro che nasconderti a Cipro! ;-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha ciao Silvy!
      Trovi tutto qui:
      http://mikimoz.blogspot.it/2014/10/un-post-da-1000-anzi-600.html

      Povero Franchino... XD

      Moz-

      Elimina
  9. Risposte
    1. Niente, come tutti scherza con la questione^^

      Moz-

      Elimina
  10. Risposte
    1. Ahaha non ci capisco più niente @@

      Moz-

      Elimina
  11. ahhh dovevi dividere con lei?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dovevo dividere nulla, il truffato ero io... :)

      Moz-

      Elimina
  12. Si si, ho lettop ora. macchè nigeria, quelli sono più avanti. Questa viene da Torino.
    Franco (non Franca) è un blogger che mi piace...bravo, sensibile, simpatico. :-)
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no... dall'estero, altroché.
      E' una truffa che ha colpito diverse persone: in sostanza questi signori dalla Nigeria riescono a creare un account simile a un nome che conosci, e ti inviano mail di richiesta soldi. Se leggi tra i commenti che ho ricevuto, molta gente è stata colpita da questa truffa e ha dovuto scusarsi con tutti i contatti della posta. E' una questione che già in tanti hanno segnalato a chi di dovere e l'Italia c'entra poco.

      In ogni caso, se vuoi discutere della faccenda puoi farlo nel post che ti ho linkato, thanks :)

      Moz-

      Elimina
  13. Allora sono più.... internazionale. da me è arrivata da più parti del mondo. *__________^

    RispondiElimina
  14. E' un genere che mi è sempre piaciuto. Certo i capolavori sono pochi, e vedrò di vedere questo.
    Ricordo uno scrittore italiano, di origine russa, Giorgio Sherbanenko, che negli anni 40/50 ha scritto molti racconti e romanzi di questo genere. Informati, vale la pena.
    Ciao.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto! Tra l'altro da una antologia di racconti di Scerbanenco trae spunto uno dei migliori poliziotteschi di Fernando di Leo, "Milano calibro Nove".
      Insieme a "La Mala ordina" e "Il Boss" uno dei migliori film del regista pugliese.
      Scerbanenco negli anni 70 era famoso come Lucarelli oggi...

      Elimina
    2. Lo conosco bene, sia come scrittore sia perché i noir del mitico Di Leo sono praticamente tutti ispirati ai suoi racconti^^
      Pensa che la mia mascotte Sherby (mio avatar sui social e personaggio presente spesso anche qui) si chiama così proprio in onore dello scrittore italo-russo^^

      Moz-

      Elimina
    3. Ahaha JD, abbiamo commentato in contemporanea :)
      Grande Scerba e grande ovviamente il mitico Di Leo!^^

      Moz-

      Elimina