[re/lics] Mazinga, libri a fumetti (Salani Editore)


Oggi una reliquia libresca-fumettara: un volume a fumetti di Mazinga Z, edito da Salani.
Si intitola "Il mostro con tre teste", e vede ovviamente il grande robot affrontare l'ennesimo nemico che vuol demolire il pianeta.


Pubblicato nel 1978, si basa su disegni riadattati in Spagna da Ediciones Juniores S. A. di Barcellona.
All'interno, la grafica ricalca quella del cartoon che all'epoca era molto in voga.


Alla prossima reliquia!

Se ti è piaciuto, leggi anche

Catalogo Editrice Giochi 1976

14 commenti:

  1. Ne ho trovati di diversi, sia di Goldrake che di Jeeg, ma non li ho mai presi. Preferisco il robottame pupazzoso ai volumi cartonati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, però sono delle reliquie pop, dovresti prenderle se capita^^

      Moz-

      Elimina
  2. Una volta mio papà, di ritorno da un breve ricovero ospedaliero, mi portò un bustone di fumetti che un tizio vendeva subito fuori dall'ospedale, tra questi c'era un albo di Goldrake, che trovai piuttosto fiacco rispetto al cartone animato... Purtroppo è difficile adattare una sceneggiatura di scene in movimento alle vignette, e tra l'altro delle due storie contenute nell'albo, in una si risolveva tutto col solo Actarus in tuta spaziale, senza che Goldrake e il suo disco volante si vedessero neppure! Così come i nemici erano limitati a un paio di soldati di Vega che, per qualche motivo, volevano sabotare una corsa campestre di cavalli...
    Non fu tra gli albi più interessanti di quel bustone!😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, che poi sicuramente saranno state storie ridisegnate in Europa, come si usava all'epoca.
      Ricordi i fumetti tratti dai cartoon?
      O ricalcavano -ricolorati!- i manga originali, oppure erano storie ex-novo scritte e disegnate qui^^

      Moz-

      Elimina
    2. Sì, l'argomento mi è noto...
      C'erano proprio riviste-contenitore (prima di Più) che ospitavano fumetti con personaggi dei cartoni animati in onda in quel periodo (Heidi, Capitan Harlock, Mazinga, Ape Maia...).

      Elimina
    3. Esatto. Pensa, comunque, che bei tempi.
      Oggi non esiste nemmeno più la tv dei ragazzi, eppure io la riporterei in auge mixando cult di adesso e cult del passato.
      Immagina anche le riviste che ne deriverebbero^^

      Moz-

      Elimina
    4. Dubito tali riviste avrebbero successo oggi: se vai in edicola, di fumetti per ragazzi trovi soltanto roba Disney, in gran parte composta da ristampe!

      Elimina
    5. Le riviste contenitore non fanno più presa da tempo, è vero; ma immagina un settimanale dove potevano convivere Dragon Ball, OnePiece e altri cult anche del passato^^

      Moz-

      Elimina
  3. Io ricordo a stento la rivista "La Banda" con i fumetti tratti dalle serie e cartoni del momento. Era di sicuro una roba interessante e a vederli oggi, quei disegni sembrano anche meno peggio di quanto ricordassi.
    Se non ricordo male, però, diverso di quel materiale a fumetti era stato realizzato in modo "pioneristico", non chiedendo nemmeno la licenza ai rispettivi proprietari.

    Vero che pubblicazioni del genere non ce ne sono più (a parte Il Giornalino e pochissime altre cose) ed è un peccato. Secondo me si potrebbe sfrutterebbe un bacino d'utenza interessante. Eppure di robe da tradurre per ragazzi (anche bambini) ce ne sarebbero parecchie. In America solo DC Comics e IDW pubblicano decine di titoli tratti da Cartoon Network con un discreto successo.

    Evvabbé.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente pioneristici in quel senso, sì.
      Comunque, resta che ormai non esiste più la tv dei ragazzi, e le riviste contenitore da anni non funzionano più (o così vogliono farci credere).
      Prima le cose erano in sinergia, tra giocattoli merchandising tv e fumetto/rivista, oggi tutto è scollegato.

      Anche io spero, prima o poi, di rivedere un bel giornale con fumetti tratti dai programmi tv di successo^^

      Moz-

      Elimina
  4. Ricordo che una volta vidi sul Doc un articolo sul Corrierino, c'erano molte trasposizione "italianizzate" degli anime dell'epoca (tra cui Mazinga).
    Davvero, non ne ero a conoscenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cos'è il Doc?
      Comunque, sì... anche Più (che ho presentato pochi post fa) aveva fumetti europeizzati di serie straniere... e presto vi presenterò un giornalino con europeizzazioni di cartoon giapponesi passati agli Usa ;)

      Moz-

      Elimina
    2. Probabilmente Doc = DocManhattan, un tuo collega blogger.

      Elimina
    3. Ahhh! Okok, non so perché mi ero immaginato una trasmissione tv Oo

      Moz-

      Elimina