[musica] chi cantava la sigla di Lamù?


Il mondo delle sigle televisive è un sottobosco ricco di misteri, leggende urbane, falsi ricordi, nostalgie.
Centinaia di produzioni hanno attraversato le frequenze dei tubi catodici, molte di queste erano cartoons.
Come per la misteriosa sigla di Ryu il ragazzo delle caverne attribuita ai Litfiba (ve ne ho parlato qui), esiste un altro x-files musicale legato a un cartone animato.
Anzi, è forse il mistero dei misteri di questo mondo: chi cantava la sigla di Lamù?

Lamù è un famosissimo fumetto di Rumiko Takahashi, giunto anche in Italia nei primissimi anni '90 dopo che sulle tv private ne era già andatoo in onda il relativo cartoon.
Fu Telecapri a trasmettere Lamù la ragazza dello spazio nel lontano 1983.
Da allora, la sua sigla divenne famosa tanto quanto la serie televisiva.
"Com'è difficile stare al mondo se non possiamo sbagliare mai...", così cantava l'interprete, un nome rimasto ignoto fino a oggi così come i nomi dei compositori del brano.

Da anni, i fan hanno cercato di venire a capo della faccenda, riunendosi su un forum (SigleTv.net) e quindi sulla pagina Facebook dedicata alla questione (seguite Il mistero della sigla di Lamù).
Ricerche, contatti, mail, una lunghissima caccia che finora ha dato molti frutti -facendo scartare un sacco di papabili, probabili e improbabili nomi- ma che ancora, dopo tanto tempo, non riesce a svelare l'arcano finale.

Insomma, chi canti "mi piacerebbe scappare, finisco poi per restare, io non me ne andrò... tanto già lo so che poi vinci sempre tu!" ancora non si trova.
Sembra assurdo, in un mondo così interconnesso, eppure è la verità: il cantante non è mai stato identificato, così come gli autori del pezzo...
Addirittura, in qualche caso pare ci sia una sorta di schermo difensivo che gli interpellati fan calare quando vengono interrogati sui fatti.
Si è arrivati persino a pensare che l'interprete sia un nome famoso che ha disconosciuto la paternità di questa sigla.

Tra le tante ipotesi ancora possibili, quella che il brano (che pare non depositato in SIAE) possa essere in realtà una canzone completamente slegata alla serie animata che andava ad aprire.
E, francamente, mi sembra l'ipotesi più probabile (assieme a quella che vuole il brano come cover italiana di un misconosciuto pezzo straniero).
Anche perché in certi passaggi il sound mi ricorda più gli anni '70 che gli '80... però è solo una mia impressione.

"Tu mi guardi sorridente, e io tremo perché so...": così termina, sfumando, la sigla. E non essendo mai stato pubblicato il 45giri (almeno non sottoforma di sigla ufficiale dell'anime), nessuno sa nemmeno come possa continuare e terminare un brano che perdipiù non ha nome.

Ve lo lascio qui di seguito, riportato alla velocità giusta (non televisiva, dove viene accelerato): chissà che qualcuno di voi non ne riconosca la voce!


28 commenti:

  1. Uno dei tanti misteri italiani ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ne verrà a capo, me lo sento!!^^

      Moz-

      Elimina
    2. Non sapevo di questo mistero, davvero molto interessante...

      Elimina
    3. Vero, uno dei misteri più misteriosi in assoluto su una sigla tv.
      E dopo 15 anni di ricerche, ancora non se ne viene a capo.

      Moz-

      Elimina
  2. Circola anche l'ipotesi che l'autore possa essere deceduto.
    Peccato, perché ritengo sia una delle sigle più belle in assoluto, anche se io sono di parte visto che considero Lamù il mio anime preferito in assoluto insieme ad Il Mistero Della Pietra Azzurra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sigla è stupenda, e forse persino troppo curata per essere una sigla di cartoon per una tv minore.
      Ecco perché credo sia una canzone a sé.
      W Lamù :)

      Moz-

      Elimina
    2. Quello è sicuro.
      Ricordo che spesso quando ad un cantante o ad un gruppo veniva commissionata una sigla, spesso dovevano elaborarne un testo senza nemmeno sapere di che cosa parlasse l'anime in questione se non per qualche informazione rudimentale.
      Magari in questo caso ne avrà adattata qualcuna che aveva già inciso per altre vie, chissà.

      Elimina
    3. Sì, è quello che penso.
      Anche perché a ben vedere, il testo non ha alcuna analogia coi fatti trattati nella serie.
      Certo, l'amore strano ecc... ma sembra più una casualità che altro.

      Moz-

      Elimina
  3. Non credevo che nascondesse un mistero simile.. magari anche il cantante è un alieno! :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto... probabile!
      Sai che una cosa similare è successa con il disegnatore del primo episodio di Diabolik?
      Ve ne parlerò presto... :)

      Moz-

      Elimina
  4. Conosco la vicenda, sono tra quelli che si è letto tutta l'indagine trascritta sul web da un gruppo di appassionati.
    Io sono dell'idea che sia un cantante che poi ha virato radicalmente genere e magari ritiene questa interpretazione offensiva per la propria carriera, e quindi, magari già contattato e interrogato, ha negato.
    Ma gli autori? I tipi di Telecapri non sanno nulla a riguardo, visto che "Lamù" è arrivata in Italia senza una sigla pronta...

    Ora non voglio atteggiarmi a fenomeno, ma ascoltata a questa velocità la voce non mi sembra affatto nuova, dovrei avere qualche registrazione su cassetta di questo cantante (che interpreta un'altra canzone ovviamente). Ma vattelapesca un mangianastri innanzitutto per riascoltare le quasi 200 cassette registrate dalla radio per circa un decennio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi alla fine la ricerca è stata più mnemonica che di ascolto.
      Questa è la voce che intendevo Carlo Marrale, ex chitarrista dei Matia Bazar. E' stato già escluso ufficialmente?

      Elimina
    2. Uh, sai che non lo so?
      Chiederò ai diretti interessati sulla pagina FB.
      Grazie per la tua segnalazione, intanto.

      Moz-

      Elimina
    3. Magari facciamo lo scuppo! ;)

      Elimina
    4. Ho appena domandato, ti faccio sapere^^

      Moz-

      Elimina
    5. Il nome venne fatto, ma la ricerca non pare sia andata avanti, in questo senso.
      Sulla loro pagina FB ne parleranno presto grazie alla tua segnalazione.
      E ti/vi anticipo che la questione, per il Moz O'Clock, non finisce qui!! ;)

      Moz-

      Elimina
    6. Novità su questo mistero?

      Elimina
    7. Nessuna, ma a gennaio ospito qualcuno che ci spiegherà meglio :)

      Moz-

      Elimina
  5. Non ero a conoscenza di questa cosa, una storia davvero assurda secondo me soprattutto perché non ha senso e non ne aveva senso all'epoca, perché tutto questo mistero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, infatti è proprio questo il mistero: non si riesce a capire perché la sigla non abbia credits, non si capisce perché nessuno ricordi niente (considerato che a lavorare per una sigla ci vogliono almeno 5 persone tra tecnici, fonici, musicisti...)

      Moz-

      Elimina
  6. Risposte
    1. Beh, era doveroso parlarne anche qui...! :)

      Moz-

      Elimina
  7. Che ricordi di anni lontani ^^ Effettivamente poi, a quel tempo, di canzoni cantate da "cantanti ombra" ce ne sono state molte, non solo nei cartoni, anche (e soprattutto) nella dance italiana anni '80, dove prendevano uno/a di bell'aspetto (tipo Dan Harrow là ^^) e gli facevano fare il playback di altri cantanti ombra stranieri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, spesso a cantare erano musicisti o coristi, e il nome era attribuito o a fantomatiche band o a persone di facciata... Sono tantissimi i misteri legati alla musica italiana...^^

      Moz-

      Elimina
    2. <>
      Tipo perché non aboliscono il festival di Sanremo... :D

      Elimina
    3. Ahaha, io non sono mai stato tanto duro col Festival :)

      Moz-

      Elimina
  8. A me sembra strano che l'autore non sia mai uscito allo scoperto gridando: "Eccomi sono io".
    Non vorrei che fosse deceduto nel tempo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se fosse morto, alla sigla ci han lavorato musicisti e tecnici... non credo siano deceduti tutti^^

      Moz-

      Elimina