[EMERGENZA ABRUZZO] Isola del Gran Sasso oggi


Giorni di paura, disagi, buio e freddo.
Ma i soccorsi, all'opera, incessantemente, stanno riportando tutto a una dimensione più vivibile.
Certo ci vorrà molto tempo per tornare alla normalità, ma si lavora per risolvere le criticità principali.

Dopo il Tg La7 di Mentana, che ha dedicato sempre grande spazio a Isola del Gran Sasso e zone limitrofe, anche gli altri organi informativi si sono resi conto dell'emergenza che sembrava inizialmente sconosciuta o sottovalutata.
Quindi, lavorando su più fronti, si è riusciti a comunicare -anche se con difficoltà- e a permettere che i soccorsi arrivassero.
Esercito, elicotteri, Vigili del Fuoco, Protezione Civile.
Non sempre è stato facile, anzi: spesso gli stessi mezzi, attrezzatissimi, hanno dovuto fare dietrofront a causa della troppa neve.


LO STATO ATTUALE

L'Enel sta cercando di ripristinare la corrente elettrica su tutto il territorio; la luce è tornata in grandissima parte dell'area interessata e poco a poco anche la rete internet sta tornando attiva.
La rete telefonica, invece, mobile e fissa, non è ancora ripristinata del tutto.
Necessità urgenti tipo cibo e medicinali sono soddisfatte anche da volontari che arrivano a piedi in zone ancora poco raggiungibili.

LE SITUAZIONI DA TENERE SOTTO CONTROLLO

Il primo obiettivo è quello di cercare di capire se ci siano ancora persone bloccate in casa, per poterle liberare. Fondamentale è appunto fare in modo che, attraverso i generatori, torni ovunque la luce.

Si spinge per la riapertura delle strade principali del paese centrale, per garantire una viabilità più fluida almeno al centro, e da lì poter agilmente arrivare anche alle frazioni.
Altri volontari sono in arrivo per aiutare ulteriormente: nelle frazioni più in alto, dove la neve ha raggiunto anche i 3 metri, è ancora necessario spalare e ripulire le stradine per liberare tutti.
In ogni caso, non si registrano gravi danni a cose o persone, anche se una azienda agricola locale ha subìto purtroppo danni strutturali con conseguenza di animali morti o feriti.

APPELLO

Chi vuole aiutare si rechi nei centri operativi (quello di Isola è sito nella locale stazione dei Carabinieri) per mettersi a disposizione, coordinandosi con gli organi competenti per evitare intralci.
Necessario continuare ad aiutarsi tra vicini, nei propri quartieri.

La situazione, che nei giorni scorsi stava per precipitare disastrosamente, sta migliorando velocemente grazie all'aiuto e alla collaborazione di tutti.

Foto di Nicola Savini
Notizie di Giammaria Trasatti

36 commenti:

  1. Come tutti sto seguendo ogni notizia, tenete duro! Cheers

    RispondiElimina
  2. Per fortuna c'è gente che usa il cuore contro le calamità. Per fortuna.

    RispondiElimina
  3. Spero che si riesca presto a venirne a capo, e che magari venga presto primavera. Aspetta primavera, Mik, parafrasando un grande della letteratura con origini abruzzesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, e aspettiamola... io sono uno che vuole sempre godersi ogni stagione, per inciso... ma stavolta voglio solo tranquillità.

      Moz-

      Elimina
  4. Dateje tutta Moz e i tuoi conterranei!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Buone notizie, continua a tenerci aggiornati!
    Abbraccio Miki!

    RispondiElimina
  6. Forza e coraggio per tutti voi. Tenete duro.

    RispondiElimina
  7. Meno male che c'è qualche miglioramento... forza, che dovrà pur finire questo incubo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero, guarda.
      Specie il terremoto: deve finire.

      Moz-

      Elimina
  8. So che non serve a niente ma vi sono vicino, tanto, tanto.
    sinforosa

    RispondiElimina
  9. Miki, 33mila abruzzesi sono ancora senza energia elettrica. Un ritardo inammissibile. I tralicci sono canne al vento.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' difficile riparare i tralicci, viste le condizioni meteo...

      Moz-

      Elimina
  10. ogni tuo post è un piacere, perché se hai modo di scrivere, significa che stai bene e che le cose vanno comunque accettabilmente... ti penso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io sto bene sì, sono lontano da quel macello (non era il caso di restare in zona, anche per nonna dopo il lutto).

      Moz-

      Elimina
  11. Ciao Moz,DOMY
    Sì la situazione migliora ma sento dai Tg che con l'aumento della temperatura c'è un elevato rischio valanghe :( Io penso positivo e spero che al più presto tu e tua nonna possiate tornare a casa. :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La situazione è precaria, ogni istante...
      La luce va e viene, i generatori si bloccano... immaginate che casino.

      Moz-

      Elimina
  12. Passo per un saluto perché davvero non so che altro dire... un abbraccio e forza!

    RispondiElimina
  13. Tienici informati!
    Un super abbraccio a distanza pieno di pensieri positivi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, ne abbiamo bisogno davvero^^

      Moz-

      Elimina
  14. Sono in ritardo... spero che oggi tutto bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Bene" è un parolone: diciamo che le situazioni di emergenza sono tutte assolte ma manca la luce in modo fisso e comunque tutto è molto labile...

      Moz-

      Elimina