[PENSIERI] Despacito e pena di morte: una riflessione sulle passioni


Un po' di giorni fa, con uno di quei post colorati di Facebook, ho esternato il mio ironico pensiero musicale.
"Pena di morte a chi ascolta Despacito e poveracciate simili da plebei."

Ok, è chiaro che si trattava di un'esagerazione (la pena di morte magari la darei solo nelle ore notturne, quando puoi sparare ai ladri in casa, per il resto mi limiterei alla tortura).
Ma la riflessione (vera) è un'altra.
Cosa penso realmente di certa "musica"?
Nulla di male se la si vuole ascoltare, ognuno è libero di mangiare la merda che vuole. Anche io ho i miei peccati.
Merda, certo. Peccati, appunto.

La questione è: perché nessuno si è difeso, spiegandomi le ragioni delle proprie scelte musicali aldilà del disimpegno da cervello spento?
Perché nessuno mi ha attaccato di rimando -se non a mezza bocca fingendo una battuta-?
Perché nessuno ha scelto una delle mie grandi passioni (ad esempio Litfiba, per restare in tema) o altro (Twin Peaks, Tarantino, Berserk, Lego ecc...) per colpirmi?
Nemmeno nella scelta più generica, "pena di morte a chi legge fumetti".
Perché?

Ve lo dico io: la gente che ascolta Despacito (o che guarda Uomini e Donne, Amici e via dicendo) sa bene che sta facendo qualcosa di volgarmente basso per il proprio cervello. Senza nessuna possibilità di riscatto. Despacito (che è solo un titolo da me preso come modello generale) è qualcosa che non incontrerà mai alcun ambiente sano, nemmeno per svago e cazzeggio.
Si tratterà sempre di ambienti scellerati, plebei, bassi, beceri.
Musicalmente ci sono molte cose che certo non sono "alte": prendiamo la dance dei primi anni '90. Ma dareste mai -figuratamente- la pena di morte a chi la ascolta?
Non credo: citata in capolavori come Trainspotting, presa a modello per qualcosa che sta cambiando, è oggetto di revival anche intelligenti seppur privi di qualsivoglia impegno.
Possiamo dire lo stesso di tale odierno e sciagurato ciarpame?

102 commenti:

  1. Se ti chiedo che è,merito la sedia elettrica o l'iniezione letale????? 😃😃😃😃
    Giuro che non so!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, no, ti salvi a prescindere^^

      Moz-

      Elimina
    2. Uh, quanto mi iace quel a prescindere!!!!!
      :*)

      Elimina
    3. La prossima volta scrivo appreshindere, è più cool :)

      Moz-

      Elimina
  2. Allora Miki, ancora una volta mi ha tolto le parole di bocca: anche a me "Despacito e C." fanno schifo :D. Anche io non sopporto Despacito, J. Balvin, Daddy Yankee, Nicky Jam e tutti gli altri "monnezzari" del reggaeton e del latino-Americano. E pure Iglesias, che a pelle mi è anche simpatico. E metto nell'elenco anche il tamarro Pitbull, del quale peraltro un paio di pezzi li salvo, eccome.

    Preciso: io ho i miei gusti musicali, tuttavia ritengo di essere uno di larghe vedute, in particolare quando non dedico un momento alla musica, ma quando la musica è contorno di qualcosa che sto facendo (anche il lavoro, of course).

    Ad ogni modo, non riesco proprio a farmi piacere un pezzo che sia uno di questo genere. Questo tipo di musica ha ovviamente un senso se inserita nel contesto e può avere un senso anche da noi per chi fa Zumba o cose del genere, ma dalle radio dovrebbero essere bandite.

    Purtroppo la radio ha un difetto: crediamo di ascoltare la musica che ci piace, in realtà ci impone la musica che dobbiamo farci piacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iglesias ha un suo perché.
      Il resto sono invece cose che nascono e muoiono nel giro di una stagione, appunto per i passaggi in radio -e come dici tu, decidono loro qual è la musica più ascoltata!

      Moz-

      Elimina
    2. Le radio sono state rovinate da quella legge di metà anni Novante che rese impossibile la sopravvivenza alle emittenti private locali.

      Elimina
    3. Vero: addio Radio Raptus.

      Moz-

      Elimina
  3. Ti dico, a me Despacito non mi fa né caldo né freddo, l'ho sentita tipo tre volte in radio e mi è sembrata la classica canzoncina latina che gira in estate, ma non sono arrivato al punto di odiarla perché appunto, l'ho sentita pochissimo, non so come XD
    Credo però che non sia necessariamente peggio di "I'm blue dabadiadba" per fare un esempio. Non so chi e come abbia "difeso" l'ascolto di Despacito, ma penso che nessuno abbia invocato la pena di morte per qualcuno che condivide le tue passioni, semplicemente perché nessuno la prende sul serio tanto da augurare il male (anche se ironicamente). Per dirti, per quanto non mi piaccia la musica di Gigi d'Alessio, non auguro comunque la pena di morta a nessuno. La pena di morte è fuorimoda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, approfitto per specificare meglio :D

      dal mio punto di vista, secondo me lo stesso di Miki, il latino americano e reggaeton non fa parte della nostra cultura musicale, per cui è qualcosa di veramente indigesto (almeno per me).

      Blue ad esempio è un pezzo ovviamente brutto e privo di significati, ma è comunque una pietra miliare della dance fine anni '90 e inizio 2000.

      Negli anni '80 per dire c'era Dan Arrow (il primo nome che mi è vento in mente), a fine anni '90-inizio 2000 gli Eiffel 65.

      La dance è stata sempre un genere che fa parte della nostra cultura e negli anni si è inevitabilmente evoluta.

      Il latinoamericano-reggaeton è un qualcosa che va di moda ora...ma per fortuna tra qualche anno sparirà.

      Elimina
    2. @Pier: non si augura la morte, non la pena di morte! XD
      Comunque, ovviamente la mia era ironia.
      Però diciamo che alla gente che vive solo di questo, il diritto di procreare lo toglierei XD

      @Riccardo: a me la musica latina piace, è una musica che ha radici e culture profondissime. Ovvio che invece la deriva commerciale della stessa è quanto di più squallido ci sia.
      Vero quel che dici: questi sottogeneri latini sono cose che nascono e muoiono...

      Moz-

      Elimina
    3. Ecco sì, il latinoamericano commerciale :D

      Elimina
    4. Comunque dicevano bene in radio...Despacito in abruzzese sembrerebbe una perfetta canzoncina abruzzese.. ahahah

      Elimina
    5. Arrosticito, con olio oliosito.

      Moz-

      Elimina
    6. alla gente che vive solo di questo, il diritto di procreare lo toglierei XD
      Dubito qualcuno viva davvero solo di questo... Non avrebbe neppure interesse a procreare! ;)

      Elimina
    7. Eppure è proprio questa gente che invece ficca e fa figli a gogo.

      Moz-

      Elimina
    8. Arrosticito è mitica... altra idea per post ipocalorico.. ahah...

      Elimina
    9. Ahaha... che io già sperimento tanto eh^^

      Moz-

      Elimina
  4. Ok, non so di cosa tu stia parlando. Da un punto di vista teorico sono per la piena libertà di fruire di quel che si vuole. Ma mi sa che qui siamo oltre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, ovviamente, sono per la pienissima libertà.
      Ma appunto, il mio discorso è altro: è sulle passioni e sulla vergogna per le stesse :)

      Moz-

      Elimina
  5. Non concepisco l'odio per qualsiasi cosa che trasmette emozione ad un'altra persona.
    A me non piace il Rap e personalmente non capisco cosa abbiano da lamentarsi tutto il tempo, ma non per questo li manderei in gattabuia. :-P
    Despacito non mi piace, ma la trovo una canzone orecchiabile che comunque non ascolterei, però posso dirti che ultimamente dopo tanti anni in cui ascoltavo solo i Baustelle, sto ascoltando con molto interesse Brunori e i The Giornalisti e quest'ultimi non è che facciano poi questa gran musica, eppure non mi stanno dispiacendo.
    Perché quindi vergognarsi di qualcosa che ti piace?
    Vi piace Emma?
    Ascoltatela e fregatevene di Moz. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' questo il punto, Pirkie!
      Mettiamo il caso che esista un Moz giudicante, al di fuori di me.
      Io, Miki, metto su una t-shirt con una delle mie passioni "basse", ne cito due tra quelle facilmente attaccabili dagli acculturati: Power Rangers o wrestling americano anni '80-'90.
      Un altro mette su una t-shirt con scritto che ama e ascolta Despacito.

      Secondo te, il giudicante ma anche la folla, quale Barabba libererebbe e quale giudeo inchioderebbe alla croce? :)

      Moz-

      Elimina
    2. Io ho una maglietta del Commodore 64 ed in estate la indosso fiero. :-P
      Scherzi a parte, il giudicare fa parte della natura umana e nessuno credo ne sia immune, l'importante è non sfociare nell'insulto gratuito o nella violenza.
      Comunque vi crocifiggerebbero entrambi all'altare della Dark Polo Gang, Fabri Fibra o qualche altro Vattelapesca che va di moda in questo periodo. :-P
      Poi vorrei capire chi sarebbero questi " acculturati " perché sono convinto che chiunque abbia i suoi scheletri nell'armadio vestiti di frivolezze. :-P

      Elimina
    3. E' vero, tutti ne abbiamo ma c'è sempre quella parte umana di gente che mai si abbasserebbe a qualcosa di simile, neppure intravedendone motivi di cultura pop.
      Oh, se devo essere crocifisso, allora io per primo metto fuoco a tutto e tutti :p

      Moz-

      Elimina
    4. Credo che il punto non sia chi crocifiggere in base all'ostentazione dei propri gusti, ma capire perché certe cose piacciono ma non le si sa difendere dalle provocazioni.

      Elimina
    5. L'unica risposta possibile è che SI SA BENE CHE SI STA PECCANDO :)

      Moz-

      Elimina
  6. Ehm io non conosco Despacito che già dal nome penso sia un lento, quindi potrebbe andar bene per me... Non so dirti però approvo la tua scelta sui Litfiba dei primi tempi con Pelù.
    Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pelù c'è anche ora, eh^^
      Abbraccione... lento :)

      Moz-

      Elimina
  7. Ciao Moz,DOMY
    Despacito e altre cagatine del genere mi capita di ascoltarle in radio mentre sono al lavoro,certo non mi sognerei mai di comprare un disco del tale che la canta,ma c'è di peggio,secondo me.Ti svelo un mio peccato:c'è stato un periodo(prima metà degli anni 90)in cui io e la mia migliore amica ci siamo appassionate alle danze latino-americane quindi non potevo prescindere da ascoltare,mentre ballavo salsa e merengue,musica del genere.Ho scoperto cantanti come Gloria Estefan e brani del genere latino-americano-cubano che ascolto molto volentieri.Mi merito di morire o di essere torturata per questo? XD
    Detto ciò,sai già cosa penso(ne abbiamo parlato in privato)della gente che guarda programmi tipo Amici,Uomini e donne,Pmeriggio5 e ascolta SOLO quel tipo di musica.La cosa peggiore è,secondo me,che quella gente NON è consapevole che sta guardando programmi "volgarmente bassi per il proprio cervello",anzi li prende come esempio e ne fa uno stile di vita,ahime! :( Sul perchè nessuno ti attacca e non critica,di contro le tue passioni,non so darti risposta precisa.Per quieto vivere forse?O perché non sarebbe in grado di reggere un confronto con te? Mi sa la seconda che ho scritto! ;)*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gloria Estefan, per quanto lontanissima da me nei suoi pensieri, l'ho sempre molto apprezzata :)
      Per fortuna si è capita l'ironia del post e soprattutto il fatto che io mi riferisco a chi fruisce SOLO di queste cose.

      Resta che nessuno viene apertamente a dire che ascolta Despacito con orgoglio, al massimo ti dicono -ridendo- "perchééé mi piaaaaceeee", ma quasi vergognandosene.
      E' questo il senso indiretto del mio post: perché vergognarsi di fare qualcosa? Se ti vergogni -sai cioè che non stai facendo qualcosa di bello per te- allora smettila.
      Io non mi vergogno di dire che amo i Power Rangers -prodotto facilmente attaccabile su più fronti.
      E se qualcuno mi dicesse che mi darebbe la pena di morte per questo, io almeno saprei spiegare le ragioni della mia passione :)

      Moz-

      Elimina
    2. In merito ai programmi d'intrattenimento Mediaset, ricordo una parodia di Nicola Brusco sulle note di "Io vagabondo":
      "E adesso guarda Italia 1
      e anche senza un soldo
      ti sentirai qualcuno...

      Elimina
    3. Italia1 si è rovinata a morte negli ultimi anni, con un declino iniziato lentamente 10 anni fa... Prima era una tv so 80's :)

      Moz-

      Elimina
    4. Te le dico io le cause della rovina di Fininvest/Mediaset:
      - Maurizio Costanzo direttore artistico di Canale 5: ha portato in Italia il Grande Fratello e dato spazio per lavorare alla sua ennesima compagna Maria De Filippi.
      - Non è la Rai: trasmissione che dava occasione a ragazzine di fare qualcosa in televisione, pochissime sono emerse di quante ce n'erano in quella studio che sembrava un eterno provino di Domenica In edizione Laurito. Il vero scopo era far vedere cosce e dintorni di minorenni in fascia protetta: poi uno dice perché gli stranieri vengono in Italia!
      - La diretta: quando Mediaset non aveva diritti di trasmettere in diretta, la programmazione era molto più schematica e a comparti stagni, in ogni momento sulle tre emittenti c'erano programmi per tre tipologie di pubblico diverse; le partite internazionali prima del Milan poi anche di altre squadre erano impossibili da trasmettere per cui le tre emittenti proponevano una concorrenza a mio parere interessante; lo sport in genere era pressoché assente, a beneficio di varietà e serie tv innovative, mentre ora è tutto un copiare varietà e trasmettere avanzi di satellite sparpagliato su non so manco io quante emittenti digitali. La diretta ha dato modo di avere anche dei notiziari, che progressivamente sono diventati invadenti interrompendo anche i film come loro stessi accusavano di fare alla Rai quando trasmetteva film in tre tempi!

      Elimina
    5. E' vero, è vero.
      Si può dire che i reality (una moda che ebbe un enorme successo, la nuova gallina dalle uova d'oro di quegli anni) hanno sancito l'inizio della fine.

      Quanto alla diretta, non so se sia colpa di ciò, ma è vero che prima i tre canali (vale comunque anche per la Rai) erano molto differenziati.
      Addirittura per la Rai si parlava di tre canali come fossero tre linee editoriali-politiche diverse!
      La mediaset invece aveva l'ammiraglia (film in prima visione, varietà e quiz) e le due cadette: una per i giovani (cartoon, musica, sport, telefilm) e una orientata alle donne (soap, telenovelas)...
      Oggi le cose sono miste.
      Il Segreto (telenovela) è diventato il programma più visto di Canale 5.

      Moz-

      Elimina
    6. Aspetta, Retequattro prima di diventare un contenitore di soap, aveva delle prime serate cinematografiche di tutto rispetto (altro che Paramount Channel o Rai Movie di oggi!), con classici di Hollywood in prima e seconda serata, i cosiddetti "Bellissimi" che nei primi tempi lo erano davvero.
      Peccato che in quel periodo Retequattro (come TMC) si vedeva male dalle mie parti, per via di una sovrapposizione di frequenze pugliesi e lucane, e di quei palinsesti ho goduto poche volte.

      Elimina
    7. Vero, se non sbaglio era di Rusconi.
      Tuttora Rete4 ha bei film, specie di notte.
      Diciamo che è diventata, dopo la svolta soap dei primi anni '90, una rete più di classe...^^

      Moz-

      Elimina
  8. Intnato inizia col dire la verità a tutti: ti spacci per un certo Miki Moz quando in realtà ti conosco di persona e ti chiami Micheal Mozzati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, che scoperta!
      E dove ci saremmo conosciuti, di preciso? :)

      P.s. benvenuto/a a bordo! :)

      Moz-

      Elimina
    2. Questo anonimo si è perso le puntate precedenti sulla genesi del nickname... ;)

      Elimina
    3. Eh, mi sa.
      E poi noto solo adesso che ha scritto Micheal, e non Michael: ci tengo alla corretta grafia del mio nome! XD

      Moz-

      Elimina
  9. Mah, io come la maggior parte dei commentatori non so chi sia sto tizio, ma credo di aver capito il genere. Comunque, sono dell'opinione che ognuno può ascoltare quello che vuole, ma la vita è troppo breve per passarla ad ascoltare musica brutta. Quindi, questi soggetti stanno già avendo la loro punizione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho scoperto ora, digitando su Google, che "Despacito" è il nome di una canzone e non di un cantante, come credevo (ignoranza! XD)

      Elimina
    2. Ahaha, sì, è il nome di un brano.
      Il tizio (anzi i tizi) hanno nomi gangsta :p
      Vero: perché passare la vita ad ascoltare certe cose?

      Moz-

      Elimina
  10. Ussignur, chiamalo gap generazionale, chiamalo come ti pare, ammetto la mia ignoranza ma chi cavolo è Despacito? Ora vado a documentarmi.

    RispondiElimina
  11. Non c'è genere musicale che io detesti di più, e il fatto che ora vada di moda mi uccide ogni volta che accendo la radio... una tortura!

    Comunque può pure essere che tra i tuoi amici non hai un certo tipo di ggente.

    CervelloBacato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhh ti sbagli, sì che ho amici che ascoltano queste cagate.
      Ma forse sono i primi a sapere che si tratta di opere di bassa lega e se ne vergognano^^

      Moz-

      Elimina
  12. Non li conosco, ma immagino il genere. Capisco la provocazione, e fino a che è una provcazione ci sto: schiacciamoli contro un muro con un'auto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, va bene, lascio scegliere a te la pena più adatta per sopprimerli :)

      Moz-

      Elimina
  13. Comunque commutiamo la pena di morte in ascolto prolungato di "Mooseca" di Enrico Papi.

    Il caso è chiuso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, non so cosa sia peggio.
      Anche perché Mooseca è meglio di Despacito :p

      Moz-

      Elimina
  14. moz non sei un cazzo di nessuno,solo capace a pontificare e cercare consensi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ma se ti firmi è meglio :)

      Moz-

      Elimina
    2. Pontificare e cercare consensi? Ci nascondi forse ambizioni politiche? :D

      Elimina
    3. Sicuramente non sarò grillino :p

      Moz-

      Elimina
    4. Quella è una carriera breve e difficile! ;)

      Elimina
  15. Tralasciando il fattore musicale, leggendo questo post speravo approfondissi la parte secondo cui la gente non ha controattaccato perché SAPEVA di far qualcosa di volgarmente basso. Sarebbe davvero uno spunto interessante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, io ho lanciato il sasso (senza nascondere la mano), ho detto che secondo me la gente non risponde per quel motivo... attendiamo risposte di difesa o accusa. Voglio vedere se qualcuno (tra i despacito-ascoltatori) ha il coraggio di dire "pena di morte a chi legge fumetti!" :)

      Moz-

      Elimina
  16. Il problema non è la "canzone orecchiabile". Il problema è che te la ritrovi ovunque, ti costringono quasi ad ascoltarla! Al supermercato, nei negozi vari, nello studio del dentista ecc...
    Io sinceramente se potessi farei una legge che impone (almeno ai medici "della mutua") di mettere nelle sale d'aspetto musica classica/leggera ovvero la (ex)Filodiffusione Rai. 4° o 5° canale. Tanto che ci vuole? Ormai basta un iPhone o un iPod collegato agli altoparlanti!
    Comunque... non puoi fare un paragone con gli anni 90: all'epoca ogni anno uscivano una caterva di dischi dance, oggi ne escono due-tre quando va bene e nemmeno dance ma raggaeton di merda senz'anima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio padre usa Radio Capital XD
      Comuqnue è questo il senso: non hanno anima.
      Sia chiaro, non sono tra i nostalgici revisionisti che ora apprezzano la dance dal 1999 in poi: anche quella NON aveva anima, solo bassi che pompavano inutilmente :)

      Moz-

      Elimina
  17. Il problema è che moz pensa di poter giudicare tutto è tuttu dando dei plebei a chi ha gusti diversi dai suoi.probabilmente pensa di essere qualcuno... dovrebbe provare a lavorare in fabbrica..o magari solo a lavorare.. ma forse per lui è troppo plebea come attività
    Non vi rendete conto che vi prende per il culo a tutti voi che lo seguite?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo datti un volto o un nome e un indirizzo se vuoi avere almeno un centesimo delle palle che ha Moz.

      Elimina
    2. pensa alle tue farfalle

      Elimina
    3. Anonimo, ora a parte gli scherzi.
      Chi ha parlato di lavoro?
      Ho forse sputato sul lavoro in fabbrica? Ti ricordo che fino a qualche mese fa ho lavorato in cucina, di sera fino a notte fonda, e per quanto potesse essere bello, non è certo un lavoro di gestione dove arrivi in ufficio col Ferrari.
      Quindi, cosa cazzo dici? Non hai capito proprio il senso del post, né della parola "plebeo" che ho usato.
      Non prendo per il culo proprio nessuno: ho espresso una mia opinione e se qualcuno tra i miei lettori si sente offeso, chiamato in causa, distante da me, può parlarne o andare via. Non cerco consensi mondiali, al contrario di ciò che credi.

      Moz-

      Elimina
  18. Comunque Mozzino, pena di morte pure a chi accosta Tarantino a Twin Peaks... ahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo sai che hai involontariamente anticipato UN MIO PROSSIMO POST??? :)

      Moz-

      Elimina
  19. perche,ti sembra uno con le palle? e poi chi ti ha chiesto qualcosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno che mi chiede se non mi rendo conto di essere preso per il culo, mi sta chiedendo più di qualcosa, ma forse non c'arrivi. Celato dietro la maschera di fango dell'anonimato puoi sentenziare come vuoi. Sport preferito dai pusillanimi (pusillanime: vile, pavido, meschino).

      Elimina
    2. Ti ha detto tutto Franco, sottoscrivo.

      Moz-

      Elimina
    3. Il termine moderno è "troll".

      Siamo su un blog pubblico: scrivendo e insultando chi lo segue, l'Anonimo ha chiesto qualcosa senza manco accorgersene; per di più non sa usare il blog iniziando nuovi commenti invece di rispondere sullo stesso.
      Se serve un corso accelerato e civile di netiquette del web, sono disponibile a prezzi modici.

      Elimina
    4. Tra poco la netiquette servirà a me, se continuano così XD

      Moz-

      Elimina
  20. pensa a quello a cui non arrivi tu sapientone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi degli esempi, così posso replicare. Oppure oltre a non avere il coraggio di firmare, non sai manco fare gli esempi? 😂

      Moz-

      Elimina
  21. Anch'io la odio quella canzone, ma soprattutto odio i programmi, la musica e quant'altro, che fanno di tutto per attirare adolescenti e bimbiminchia, convinti di far loro del bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, come si crea un futuro esercito da spremere? :)

      Moz-

      Elimina
  22. Preferisco rispondere prima di leggermi tutti i commenti precedenti, quindi qualche considerazione potrebbe essere non proprio "originale"...

    Il meme che hai pubblicato è piuttosto estremo come concetto, di certo non è ciò che spero di leggere entrando per la prima volta in un sito per me nuovo. Poi hai spiegato e, non solo ho compreso il senso, ma ti do anche ragione!
    Non so chi sia/siano Despacito, presumo qualche figura emersa di recente nel panorama musicale, ma l'associazione fatta con "Uomini e donne" vale più di ogni descrizione o pagina di Wikipedia dedicata a un approfondimento.
    Io non capisco chi ascolta "cantanti"-spazzatura come Fabri Fibra, i vari pseudo cantanti che in realtà parlano su una melodia tipo Tiziano Ferro, o voci sopravvalutate che in realtà rimpastano in continuazione sempre le stesse melodie (e a volte manco originali) tipo Gigi D'Alessio e Zucchero (il puzzone :D ). La musica che piace a me è altra, forse di nicchia, di quella che stai due ore a cercare una stazione radio ma niente, non la passano! Oppure che ti mandano sempre lo stesso singolo del momento come se non avesse inciso null'altro in carriera!
    La sai quella storiella del tizio in autostrada con un amico che, appena messo un CD dei Queen, chiede chi siano, e lui lo fa scendere all'Autogrill? Ecco, ci sono dei capisaldi della musica anzi dell'arte in genere, che una persona dotata dei mezzi intellettuali e tecnologici per possedere un account Facebook, ha dovere di conoscere, poi può anche non piacere, ma intanto sono le basi dalle quali forse discostarsi. "Twin Peaks" e Diabolik possono anche non piacere (ho preso apposta due esempi che ci vedono rispettivamente affini e diametrali), ma ignorarne l'esistenza è grave! Ok, io non so chi sia/siano Despacito ma dubito che un suo/loro brano sarà ricordato di qui a trent'anni come invece per una canzone di Modugno, Morandi, Martini, Giorgia... Non mi sento tenuto a conoscere chi obiettivamente non serve al bene comune! Così come non mi chiedo che fine abbiano fatto Giò Di Tonno e Lola Ponce dopo il Festival del 2008.

    Tu dici "Perché nessuno ribatte con argomenti validi alla provocazione della pena di morte?"
    Forse perché chi segue certe mode non ha una vera e propria passione in tal senso ma segue la massa. Lo stesso iscriversi a Facebook per molti è un senso di appartenenza alla massa! Tu gestisci un blog dove a rotazione parli delle tue passioni, io idem tra blog e siti, altri che si affacciano su Internet parlando di qualcosa dimostrano passioni... La gente che usa un social esclusivamente per compensare una vita piatta e sterile, non nutre verso certi argomenti la passione minima necessaria per affrontare un confronto. Al massimo becchi il tizio che risponde con insulti e offese, buona parte delle volte è qualcuno che Despacito sa meno di te chi sia, però ha trovato un meme provocatorio e parte all'attacco per dare un senso alla sua giornata. Così come su una community di Vegan che frequento spesso si affacci qualcuno a insultare e descrivendo il proprio pranzo carnivoro appena terminato: cerchi di capire se ha letto l'articolo che sta commentando, perché è partito in quarta puntando il dito contro, ma ottieni soltanto un aggrapparsi alle tue domande per darti del perdente, dell'ignorante, del "per te conta più un animale di un bambino"... senza argomentare le proprie posizioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un commento articolato, provo a rispondere a tutto:
      0) Zucchero lo amo :D
      1) Hai ragionissimo sulla questione di conoscere, almeno di nome, i nomi imprescindibili. Al di là dei gusti. Ma penso sia ... non dico obbligatorio, ma quasi, dover almeno sapere qualcosina.
      2) sono carnivoro convinto -sono abruzzese, cerca di capirmi XD
      Ecco, anche in questo caso, nello specifico post che stiamo commentando, è successo quel che hai scritto: un utente mi ha attaccato senza capire nemmeno (o sforzarsi di farlo!) di cosa parlasse il post.

      Moz-

      Elimina
    2. Gas, mi permetto di intervenire nella discussione. Secondo me mettere nel pentolone Fabri Fibra, Zucchero, Gigi d'Alessio e Despacito non è corretto.

      Questo tipo di musica latinoamericana (peraltro io adoro alcuni pezzi latinoamericani come "sorte grande", ma è un altro genere :D rispetto a Despacito e compagnia cantante)è un qualcosa di molto scadente che negli ultimi tempi fa breccia anche da noi, perché le mayor hanno deciso così. Per questo riservo molta rabbia...é un qualcosa che non fa parte della nostra musica. Deve essere circoscritta alle sale di zumba e al massimo a qualche palestra. Invece le radio le passano e le inculcano.

      Diverso discorso per i cantanti che citi. A me piace Fabri Fibra; piace parte della produzione di Zucchero; non mi piace Gigi d'Alessio.

      Ma tutti e tre hanno il mio rispetto (sì, anche Gigi d'Alessio, le cui canzoni mi fanno schifo)

      Zucchero è un esponente importante dalla musica italiana: è il bluesman italiano. Ha fatto pezzi meravigliosi, pezzi orribili, ma è un pregio per la nostra produzione musicale.

      Gigi D'Alessio è l'esponente per eccellenza del genere che mescola la canzone napoletana al pop italiano, con un po' di influsso della musica latina (Aarg :D). Non c'è una canzone, una, di Gigi D'Alessio che sopporto. Ma a differenza di Despacito, Gigi D'Alessio non mi scatena l'odio dentro.

      Potrei dirti di Emma, Modà e tanti altri che appena li sento cambio stazione. Ma comprendo e capisco la loro presenza sull'airplay radiofonico.

      Chiudo con Fabri Fibra: non è paragonabile a Caparezza, a mio parere (per me Caparezza è degno prosecutore del grande cantautorato italiano), ma è un'artista che nel suo genere è molto valido.

      Poi per carità, il rap nasce in America, ma per me Fabri Fibra è un'eccellenza del rap italiano.

      Elimina
    3. Diciamo anche che il vero rap forse nemmeno finisce in rotazione pesante via radio... e di certo non mi riferisco ai ragazzini che parlano di quanto sia dura la vita nel Bronx in provincia di Bari XD

      Zucchero a me piace tantissimo, lo trovo un grande artista che, a differenza di molti altri, non scade andando avanti anzi tira fuori sempre pezzi molto validi...^^

      Moz-

      Elimina
    4. Il rap italiano inevitabilmente è sceso a qualche compromesso per farsi strada nelle radio. Per me non è neppure una colpa: pensa a "così com'è" degli art.31, vera pietra miliare del rap all'italiana, in cui c'erano brani crudi degni della tradizione americana ad altri più di cazzeggio.

      Poi è arrivata l'ondata dei rapper bimbiminchia e at salut :D

      Elimina
    5. Ma pure i 99Posse, che erano schierati ma era rap vero, non tipo quello nu juorn buon. XD

      Moz-

      Elimina
    6. Forse è il caso di esplicitare che i nomi da me fatti sono relativi a gusti strettamente personali.
      A Zucchero riconosco l'importanza a livello internazionale (contento chi lo apprezza), ma trovo il suo repertorio ripetitivo, oltre a essersi scelto un look da polveroso clochard...

      Elimina
  23. pasito pasito suave suavecito.. Despacito!
    tanana na na

    A me, me piace. si fa ascoltare e mi fa muovere le chappet.
    E ti dirò di più, è nella mia playlist di youtube. :D

    EVVIVA LE POVERACCIATE DA PLEBBEI CONSAPEVOLI!!!!!!!
    REVOLUCION!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, almeno lo hai dichiarato con molta passione :)

      Moz-

      Elimina
  24. Il troll sono io perché mio hai toccato "despasiano" :-D
    Sempre a che fare con la m****




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, vespasiano, cago piano piano... :)

      Moz-

      Elimina
  25. Tra 20 anni ci sarà qualche blogger nostalgico che racconterà (esagerando ovviamente) che con despasito ha tirato i suoi primi limoni, e tutta la claque commenterà "Grande! Mitico! Sei fortunato, io non ho mai toccato una femmina!"

    E noi vecchi scorreggioni a chiederci dove abbiamo sbagliato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aahah, Ex, ti rassicuro. Chi con despacito ha tirato i suoi primi limoni non sarà mai blogger...

      Elimina
    2. AHAHAHA!
      Beh, Ex, noi avevamo La Gasolina :p
      Però è vero: chi ascolta SOLO Despacito e cose analoghe non ce lo vedo a fare il blogger.
      O forse sì, tipo fashion che diventa milionario e si fa impalmare durante i concerti XD

      Moz-

      Elimina
    3. La gasolina era una goccia (di gasolina appunto :D), una robetta tipo asereie a-e-e

      Elimina
    4. dal canto mio cerco di non fare troppo lo sborone perché so che se scavo bene nella memoria riesco a ricostruire per intero il testo di "Spiagge" di Fiorello...

      Elimina
    5. Ma tutti abbiamo i nostri scheletri nell'armadio. Solo che i nostri sono pop, quelli dei despacitos sono plebei :p

      Moz-

      Elimina
  26. cosa dovrei dire io che ho un figlio di 3 anni e mezzo che praticamente non parla ma canta tutto il giorno "pasito, pasito"???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fagli sentire un po' di sana musica anni '80!!! Presto!! :)

      Moz-

      Elimina
    2. Compragli i CD di Beethoven!!!
      Oppure fai come mio papà che metteva i Deep Purple nello stereo, bassi a mille e One of These Days..

      Vedi che ti cresce un figlio buono :)

      Elimina
    3. Tutte ottime idee, dalla classica al rock^^

      Moz-

      Elimina
  27. E' che io ci provo ad istruirlo bene, ma poi va all'asilo e torna a casa cantando Rovazzi...arrrgghhhh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, ora Rovazzi è anche una Iena XD
      Tutto molto interessante :p

      Moz-

      Elimina