[FILM] Batman Forever (J. Schumacher), una retrospettiva


Continuiamo la lunga cavalcata con il Cavaliere Oscuro e la sua tetralogia 1989-1997.
Oggi tocca al terzo film della saga, iniziata da Tim Burton ma che adesso passa nelle mani di Joel Schumacher.
Batman Forever, 1995, un titolo che cambia stile accentuando alcuni colori solo accennati in passato, chiudendo totalmente con altre atmosfere e aprendosi del tutto agli anni '90.

LA GENESI

Tim Burton, che non è più in cabina di regia, passa la palla a Joel Schumacher (Linea Mortale) ma resta tra i produttori della pellicola.
Inizialmente si pensava a un prequel (tratto da Anno Uno), scelta condivisa sia da Burton che da Micheal Keaton, ma l'idea venne accantonata: era preferibile un seguito dei due precedenti film, sebbene alla fine non vi siano collegamenti forti (al di là dei due attori che figureranno in tutti e quattro gli episodi).
Finalmente gli studios videro realizzato il sogno di avere Robin tra i personaggi del film: un personaggio che nelle intenzioni doveva apparire sin dal primo titolo ma che Burton cassò ogni volta senza remore.

siamo sexy!

BATMAN PER SEMPRE

Stavolta Bruce Wayne (interpretato da Val Kilmer) deve vedersela con altri due criminali presi dal pantheon batmaniano: Due Facce, che un tempo era il saggio procuratore Harvey Dent, e l'Enigmista, uno sfigato nerd dalle ambizioni troppo grandi.
I due criminali uniranno le loro forze per un piano molto fantascientifico (assorbire, tramite un'apparecchiatura, l'intelligenza dei gothamiti). Ad aiutare Batman -che nel frattempo se la intende con la dottoressa Chase Meridian- arriva nientemeno che Robin, un ragazzo circense la cui famiglia è stata uccisa da un attacco di Due Facce e che viene adottato da Wayne: brucia ancora il ricordo dell'omicidio dei genitori visto nel primo film e qui rigirato per l'occasione con altri attori, per una sequenza comunque similare.

Carrey pronto a interpretare Lene Nystrøm degli Aqua

ATMOSFERE E MUSICHE

Con i saluti di Burton, va via anche Danny Elfman e il suo Batman Theme. Elliot Goldenthal ha l'incarico di musicare la nuova pellicola e crea la riuscita e altrettanto iconica Fanfare.
Via anche le atmosfere da fiaba dark, gotica e futurista, si passa a una New York anni '30 immersa in tonalità fluo (colori che in precedenza erano elemento di rottura coi neri e grigi, ora qui sono dominanti). E anche vestiti, costumi e trucchi assomuno questi riflessi acidi: il verde, l'arancio, il viola, il fucsia, il rosso scuro e ovviamente il grigio/blu. In sostanza, sono i colori che, nella seconda metà degli anni '90, diventeranno tipici della moda. I titoli di testa, come costruzione e stile, sono indicativi di ciò.

resa dei conti a Little China-Tokyo

ENIGMI E DOPPIEZZA

La forza del Joker di Nicholson non era ancora svanita -e tuttora non lo è-. Così, non è strano se sia l'Enigmista di Carrey ma soprattutto il Due Facce di Lee Jones sembra che gli assomiglino in più punti, o forse che gli facciano il verso. Il problema è però per Due Facce, che finisce costantemente sopra le righe, in barba a ciò che è davvero il suo personaggio.
Funziona meglio Edward Nigma, a cui viene dato il volto cartoonesco di Jim Carrey: funziona meglio nonostante il character, per il film, sbordi nell'assurdo (scambi di intelligenze attraverso macchinari, e via dicendo). Se Dent/Due Facce ne esce depotenziato (in sostanza gli si riserva un "colpo" iniziale e la scena al circo) senza che siano minimamente scandagliati il suo passato e la sua sofferenza, l'Enigmista ruba un po' di più la scena, coi suoi enigmi e col fatto di essere un reale pericolo per il segreto dell'identità di Batman. Il suo personaggio, comunque, appare quasi una versione ancora più accentuata e farsesca della precedente Selina Kyle.

la vedi questa? È l'acqua verde delle fogne del Pinguino!

GLI ATTORI

Val Kilmer subentra a Micheal Keaton, che rifiutò di tornare ancora nei panni di Bats dopo aver letto il copione di Forever.
Kilmer diede diversi problemi al regista, sul set.
Così come Tommy Lee Jones, che pare non soffrisse la presenza di Jim Carrey.
Nicole Kidman, in un ruolo similare a quello di Vicky Vale nel film del 1898, interpreta la dottoressa Chase Meridian.
Si segnala la presenza di Drew Barrymore come valletta "buona" di Due Facce.
Chris O'Donnell vince la concorrenza di DiCaprio e viene scelto per impersonare Robin: non più il ragazzino dei fumetti ma un giovane ultraventenne.

due bamboli

NOTE

Harvey Dent era già apparso nella prima pellicola, interpretato da Billy Dee Williams (che accettò sperando un giorno di interpretare poi l'arcinemico di Batman). La produzione scelse il recasting e affidò il ruolo a Lee Jones, rompendo il contratto con l'altro attore.
Robin, che sarebbe già dovuto apparire in precedenza, avrebbe avuto le fattezze di Marlon Wayans. In sostanza, sia per Due Facce che per Robin, l'idea iniziale era quella del cambio di etnia (tipico di molte opere odierne) in quanto i due attori sono afroamericani. Alla fine, però, tutto tornò alla normalità, rispettando l'originale quantomeno nel colore della pelle.
Burton è solo produttore di questa pellicola, ma viene citato nel finale: la scena all'Arkam Asylum riprende gli stilemi tipici del regista, e lo psichiatra che appare alla fine è chiamato Dr. Burton.
Batman Forever fu comunque un enorme successo commerciale: rompendo con il passato, si lanciava dritto nella colorata e luminosa metà degli anni '90.
La pellicola è ricordata però soprattutto per il dettaglio sexy/gay dei capezzoli che spuntano sui nuovi costumi dei supereroi.

Ami i film su Batman? leggi anche
Batman (T. Burton, 1989): retrospettiva
Batman Returns (T. Burton, 1992): retrospettiva
Lego Batman The Movie, recensione

52 commenti:

  1. Recensione meravigliosa. Il film mi era piaciuto parecchio come il precedente. Val Kilmer pure nonostante poi non abbiamo più fatto niente di eclatante in seguito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, nulla di che.
      E come Batman ci stava pure bene!

      Moz-

      Elimina
  2. Film molto colorato, potremmo definirlo in un certo senso come il precursore del moderno cinema supereroistico di questo periodo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, dei film Marvel però! Hai ragione^^

      Moz-

      Elimina
    2. Ma anche Suicide Squad che è comunque Dc. :-P

      Elimina
    3. Ahaha, quello è brutto e cafonesco XD

      Moz-

      Elimina
  3. Verissimo, questo film anticipa le tonalità di fine millennio. A me il Robin muscoloso e ventenne non mi dispiacque, né il costume moderno. Ma il film no, non mi ha mai entusiasmato. Colpa della serie a cartoon anni '90?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, sicuramente noi stavamo vivendo ancora il periodo d'oro di TAS e il film non ne è molto legato (rispetto ai precedenti due...)

      Moz-

      Elimina
  4. Secondo da me è da rivalutare. Come anche Batman & Robin...ma preferisco questo al secondo di Schumacher. Kilmer era veramente adatto al ruolo di Batman quasi alla pari di Keaton, peccato che la trama gli dia un Wayne troppo misterioso ma molto elegante ed affascinante. La Kidman è abbastanza sullo sfondo, nonostante sia di una bellezza folgorante. Ottimi Jones e Carrey. Da citare pure la presenza della Barrymore e della Mazar come vallette di Harvey Dent.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo: Val Kilmer ottimo Bruce (peggiore: Clooney), film non male, diverte e ricco d'azione, ma i primi due sono un'altra cosa... almeno per me :)

      Moz-

      Elimina
    2. Burton è stato diverso in particolare con Returns...più autoriale...qui Schumacher doveva vedersela con dei produttori che volevano qualcosa di meno Dark...ma il risultato finale è meglio del previsto in quelle condizioni era difficile cavarsela..

      Elimina
    3. Esatto: Burton nel secondo era Autore totale, nel primo non lo fu.
      Schumacher se l'è cavata bene (oh, comunque lui ne ha fatti, di filmetti interessanti, eh!^^)

      Moz-

      Elimina
  5. Joel Schumacher è rimasto marchiato a fuoco da questo film, e ancora di più da quello successivo, eppure a me piaceva ancora, certo ha dei difetti, ma riprende un po' la tradizione colorata del Batman di Adam West, e poi i cattivi erano spettacolari, molto meglio l'Harvey Dent di Tommy Lee Jones che quell'altro triste di Nolan ;-) La Kidman poi qui è bellissimissima :-P Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per certo versi sembra che Jones si sia portato dietro la pazzia del suo personaggio in Natural Born Killers di Stone...almeno ebbi quella sensazione anche solo per via di quella pazza cadenza vocale di Renzo Stacchi al doppiaggio...


      La Kidman era da film di Verhoeven in quel periodo..😵

      Elimina
    2. Jones si è portato la follia del Joker di Nicholson... in questo film è costantemente sopra le righe, sembra che gareggi con Carrey e quindi sborda sempre un casino... XD
      Comunque è nel prossimo che secondo me si omaggia la serie tv anni '60 :)


      Moz-

      Elimina
    3. Un po' Nicholson, un po' il suo personaggio (ancora più folle) di "Assassini nati", per me è perfetto, Due Facce nei fumetti degli anni '90 era proprio così anche come look assurdo ;-) Nicoletta Ragazzino di questo periodo veramente era da mordersi le nocche. Cheers

      Elimina
    4. Eh sì, la Kidman al top.
      Io comunque avrei preferito un Due Facce più tormentato, folle ma meno sopra le righe. Lo amo nella saga PRODIGAL, per dirti...

      Moz-

      Elimina
  6. Credo di essermelo perso del tutto. Un cast eccezionale, eppure, o l'ho mancato o l'ho del tutto rimosso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me, rimosso: perché lo danno veramente ogni 2x3 in tv!

      Moz-

      Elimina
  7. Spettacolare, quando danno i film di Batman al pomeriggio (le domeniche su italia uno) non riesco a staccarmene anche se li conosco ormai a memoria.

    Per me il migliore tra tutti è Batman il Ritorno, con Catwoman e il Pinguino, magnifici

    che dirre HELL-o t-HERE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe, quello l'ho recensito un mese fa! Il migliore in assoluto.
      Vero, questa è una tetralogia replicatissima!^^

      Moz-

      Elimina
  8. Nonostante il cast di supporto, forse l'unica cosa buona per me, reputo questo uno dei peggiori, anche perché Val Kilmer non c'azzecca proprio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, per me Kilmer non è male come Wayne.
      Anzi, come faccia, dei tre è il migliore (ma poi ci eravamo affezionati a Keaton)^^

      Moz-

      Elimina
  9. Bellissime pure le canzoni della colonna sonora, fra cui quella degli U2 e quella di Seal! Il video di quella degli U2 a momenti era più bello del film stesso :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non hanno mai badato a spese in questo senso, a partire dalla Batmania del 1989 :)

      Moz-

      Elimina
  10. Non mi ricordo di averlo visto, anche se a leggere la tua rece, sembra veramente uno stracult, a partire dagli attori presenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cast è stellare (e ancora di più lo sarà col prossimo e ultimo film), il film è godibile^^

      Moz-

      Elimina
  11. Il terzo ha poco in comune con i due precedenti (il primo è il più bello in assoluto), eppure nell'insieme non mi era dispiaciuto. Sarà per i colori, sarà che Val Kilmer è convincente come Batman, sicuramente più di Clooney. La presenza di Robin l'ho sempre trovata inutile; più interessante il tentativo di dare spessore al personaggio con l'anali psicologica della dottoressa Chase ;)
    In questo episodio forse troppi personaggi, ma lo rivedrei volentieri.
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops ... non mi ha preso il "si" di analisi.
      Analisi era quello che volevo scrivere; la troncatura è ambigua, meglio precisarlo :D
      Ciao
      Marina

      Elimina
    2. Aahahah, beh, magari era la pratica preferita dalla dott.ssa Meridian XD
      A parte gli scherzi, io amo più il secondo del primo, ed è vero che questo, comunque, è colorato e avvincente.
      Sì, bella l'idea del confronto psicologico^^

      Moz-

      Elimina
  12. Bravo bel lavoro! I film di Batman sono un vero cult e le notizie che riporti davvero jnteressanti. Non sapevo dei capezzoli sexi-gay 😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :)
      Sì, i bat-capezzoli fecero scalpore^^

      Moz-

      Elimina
  13. Dopo i due capolavori di Burton, proprio non ci riesco a dire qualcosa di positivo su questo film! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino tra un mese cosa scriverai^^

      Moz-

      Elimina
  14. I miei preferiti restano quelli di Tim Burton

    RispondiElimina
  15. Ho aspettato questo post con una certa ansia. E' l'ultimo grande film del vecchio ciclo pre-Nolan per me e credimi, mi spiace per il grande Schwarzy e Uma Thurman che se legge queste righe mi avvelena via web :P.
    Però c'è un però: mi aspettavo che tu tirassi fuori la scena assurda del tribunale con Batman ben in vista in un edificio, seduto, come se nulla fosse. XD
    Mi spieghi quella scena ? Mai capito il senso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ma del quarto film parlo tra un mese! Questo è il precedente :)

      Moz-

      Elimina
  16. Risposte
    1. Oddio ma non riesco a inquadrare la scena...

      Moz-

      Elimina
  17. Il tribunale è nel terzo, ha a che fare con Harvey che fa sempre il "doppio" gioco" XD

    RispondiElimina
  18. Con gli effetti di oggi i batman degli anni 90 sono di una lentezza.... quello con Kilmer non era male comunque.... ricordo di averlo visto con mia sorella....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, sì, alcuni passaggi sono invecchiati male...

      Moz-

      Elimina
  19. Film sottovalutato, diverso dallo stile di Burton ma nel complesso buono, un Enigmista strepitoso, magari gli altri discutibili ma non li schifo che si dice in giro. Il peggio è arrivato dopo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carrey ha fatto quel che sapeva fare: un Enigmista un po' Ace Ventura e un po' The Mask... e gli è riuscito alla perfezione :)

      Moz-

      Elimina
  20. Il miglior film su Batman almeno per me e forse sottovalutato per alcuni aspetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente paga lo scotto di essere arrivato dopo la gestione Burton...

      Moz-

      Elimina
  21. Per colpa di questo cambio d'età, inizialmente ho fatto fatica ad accettare un Robin 13-14enne, dato che O'Donnel (ma che fine ha fatto?) era un ultra ventenne. Non sapevo della concorrenza con Di Caprio ma meglio così, sia per lui che non è apparso in un film scadente che per il film stesso (in quegli anni era davvero pessimo come attore, lontano dal Leonardo che conosciamo oggi).
    Una cosa simile mi è capitata anche con Nigma, quando mi sono affacciato ai fumetti ho trovato tutt'altro personaggio.
    Ahahah forte la didascalia Carrey/Lene.
    Comunque davvero orribili i costumi, al di là dei capezzoli. Funzionali solo al merchandising delle action figures.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa, DiCaprio farà probabilmente il Joker, ora :)
      O'Donnell di questo Bamtan sarebbe stato perfetto per il Dick di Nightwing :)

      Moz-

      Elimina
  22. Secondo me ha la pecca di esser troppo giocattoloso, riprende solo quei lati della doppietta di Burton. Non lo butto, ma se fosse stato curato sarebbe uscito fuori qualcosa degno dei precedenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, purtroppo gli studios virarono verso quelle scelte, e nel seguito ancora di più! :D

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo intervento!