[MUSICA] Caparezza - Prisoner 709 Tour: un carnevale di energia


Nella settimana della musica italiana io e i miei amici siamo andati al PalaPanini per assistere alla tappa modenese del Prisoner 709 Tour di Caparezza.
Ok, dopo questa introduzione da tema di quinta elementare, utile però a chiarire subito chi - dove - quando, passiamo all'azione.
Ah no, non ho detto il quando: mercoledì 7 febbraio 2018.

Sul biglietto c'era scritto ore 21.00, e puntuale come non mai -un tempo gli spettacoli si facevano aspettare un po'- ecco che si spengono le luci (wow con i temi da quinta elementare!)...

Parte la data del Prisoner 709 Tour.
Un Caparezza nuovo, più personale, quello che traspare dal suo ultimo lavoro dal titolo analogo, come vi avevo raccontato qui.
Tutta la prima parte del concerto è dedicata al nuovo album, dove trionfano la title-track, l'inno Ti fa stare bene e l'intima Una chiave.
Oltre queste, si inizia con Prosopagnosia, si prosegue col viaggio interreligioso di Confusianesimo, poi Migliora la tua memoria con un click, il sibilo di Larsen, L'uomo che premette, il carillon introduttivo di Minimoog e l'ipnotica Autoipnotica.
Chiude Prosopagno sia!, reprise dell'intro che apre le porte alla seconda parte dello show: quella dedicata tutta ai vecchi successi.

Confusianesimo

E si comincia proprio con la stra-famosa Fuori dal tunnel. Poi Legalize the Premier, Non me lo posso permettere, Jodellavitanonhocapitouncazzo, Goodbye Malinconia, China Town, La fine di Gaia, Vieni a ballare in Puglia, Mica Van Gogh. E il tris finale con Avrai ragione tu, Vengo dalla luna e Abiura di me.

Due ore e trenta di spettacolo, non solo musicale.
Un concerto ricco di energia, di parole, di danza, di intermezzi.
Ballerini, coriste, la band, il braccio destro Diego: tutto concorre alla riuscita di uno show che spesso è un vero e proprio racconto a episodi (ossia le canzoni).
Il palco è una passerella, sul fondo ha un ponte. In alto svetta la forma di una serratura.
Caparezza è preso dai cambi d'abito più della Hunziker e di Baglioni, addirittura viene imbragato e vola su una chiave alata. E poi è vestito da apicoltore, cosmonauta, santone: il tutto tra un salto e l'altro.
Dalle quinte fuoriescono una decina di enormi simboli, che sono un po' come carri di carnevale: allegorie mobili.
Una lavatrice-dio, un frigo, un alveare, uno spaventapasseri, una postazione di comando, un lettino da clinica psichiatrica, un enorme libro pop-up.

Mica Van Gogh

Molte le luci, molti i pannelli che trasmettono ulteriori racconti nei racconti: i personaggi di Street Fighter II, un quadro di Van Gogh, il livello di "caricamento" a tacche.
E questo è niente: l'inizio è una sfera trasparente che si gonfia al centro della scena, con il cantante pugliese che dall'interno intona le prime strofe del concerto. Una bocca gigante, orecchie giganti, ma soprattutto due cannonate spara-coriandoli, una pioggia di stelle filanti e persino degli enormi e colorati palloni che il pubblico si diverte a lanciare via.
Una scaletta ben orchestrata, che accontenta tutti e promuove il nuovo lavoro dell'artista.
Il pubblico apprezza molto Una chiave, va in delirio per Prisoner 709 e si scatena con Ti fa stare bene.
Con le vecchie glorie, oltre al trittico finale -dove Capa non si risparmia dialoghi a tu per tu con diversi fans- si balla e ci si gasa praticamente su tutti i brani, anche quelli più amari o malinconici.
È uno spettacolo che val la pena di esser visto e sentito.
Apprezzano tutti, dai bambini coi genitori fino ai ragazzi e agli adulti.
Un concerto che ti fa stare bene.

Ve lo racconto, assieme al mio viaggio verso Modena, con questo breve video:


31 commenti:

  1. Caparezza è un grande. Lo ascolto sempre con piacere.

    RispondiElimina
  2. ho visto il video Moz, grande! Come ho detto su Youtube, ci hai presentato i tuoi compagni vicino a un banchetto di Street Food :D.

    A parte Jodellavitanonhocapitouncazzo, una scaletta al top. Immagino i personaggi di Street Fighter facessero parte della coreografia di Abiura di Me (canzone che ho sempre amato).

    Ma domanda, dove sono finiti giubbotto e felpa? Quell'immagine mi ha ricordato perché non amo i concerti XD, mi dà ansia sentire che ho sempre più caldo fino a sudare :D.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Jodellavita... non è proprio tra le mie preferite, ma ho mandato un audio in diretta a un caro amico con cui, nel lontano 2002, ascoltavamo sempre Verità Supposte :D
      I personaggi di SFII, coi volti della crew del Capa, erano su Abiura, sì: il gran finale :)
      Giubbotto nello zainetto, portato appositamente. Felpa attaccata alla vita... beh, i concerti son così, in inverno c'è questo problema in più infatti preferisco le date estive, dove sei già in t-shirt XD

      Moz-

      Elimina
    2. Abiura di me è una delle mie preferite, ovviamente :D Ecco quello di Capa è un concerto che vorrei vedere prima o poi!

      Elimina
    3. Te lo consiglio davvero... se capita dalle tue parti, vacci perché è davvero divertente^^

      Moz-

      Elimina
  3. Io Caparezza lo posso senti' per radio o in tv.. un concerto mai.. a Modena poi!!...gnapossofa..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono il fan n.1 di caparezza, ma come ho detto già a Miki, non riuscirei a stare in mezzo alla calca...sono anziano dentro...poi vado in ansia se mi sale il caldo :D

      Elimina
    2. @Frank: vabbè ma tu sei di Roma, cazzo ci andresti a fare a Modena XD
      @Ric: beh ma puoi farti gli spalti... davvero, ne vale la pena sentirlo live^^

      Moz-

      Elimina
  4. Attraverso questo tuo reportage sono stata anch’io al concerto, grazie mille.
    sinforosa

    RispondiElimina
  5. Si, come tema di metto 1💯 e lode con entusiasmo^^

    RispondiElimina
  6. Grazie del video, è stato come essere davvero lì ;)

    RispondiElimina
  7. Grazie del resoconto dettagliato, il Capo è sempre un grande spettacolo ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero vero, quasi quasi mi rifaccio un'altra data :)

      Moz-

      Elimina
  8. Peccato che stavolta non sia riuscito ad andare, vediamo se torna dalle mie parti più in là!
    Io sono andato al concerto del tour di Il sogno eretico, ormai sette anni fa e capisco perfettamente cosa hai provato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, se in estate farà altre date mi sa che ci scappo... Perché comunque è divertente, non è sfiancante, non è pieno di facinorosi ma tutti vogliono solo divertirsi :)

      Moz-

      Elimina
  9. Un concerto che ti fa stare bene.
    E che di sicuro ti fa stare meglio di Sanremo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, ho visto qualcosina di Sanremo e quest'anno mi sembra proprio bello! XD

      Moz-

      Elimina
  10. Di Caparezza conosco le canzoni più commerciale, insomma quelle che passano alla radio.
    C'è da dire che Una Chiave lo considero un gran bel pezzo.
    In generale mi piace più per i testi che propone che per le sue sonorità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, al di là della musica -un rap con sonorità spesso rock e pop- sono i testi a essere davvero interessanti :D

      Moz-

      Elimina
    2. Concordo con Una chiave, quando poi ho capito che lui si rivolge a se stesso bambino..geniale! Invece Mi fa stare bene mi piaciucchiava ma non sopportavo il ritornello cantato dai bambini CHE NON SI CAPIVA UN CAZZO..finalmente l'ho detto :D

      Elimina
    3. Ahaha, dai, il coro come Mariele Ventre... a me non dispiace^^

      Moz-

      Elimina
  11. Uh! Non avevo ancora visto il video!
    Bello :)))

    RispondiElimina
  12. Caparezza fa sempre ottimi show.
    Non ti nego che mi piacerebbe un suo live, nonostante ultimamente lo ascolti poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se capita, vallo a sentire. Ne vale la pena. E poi credo che ultimamente sia anche cresciuto molto come artista^^

      Moz-

      Elimina