[PENSIERI] stereotipi, offese e limit(azion)i


Non se ne può più. Ancora una volta l'Italia, all'estero, è rappresentata in modo stereotipato (e offensivo).
Dall'Olanda arriva questa copertina per l'albo di Paperino, contenente una storia ambientata nella nostra Penisola, che racconta di un antenato dei paperi a capo di un'associazione a delinquere di stampo mafioso.
Guardate l'immagine, c'è proprio tutto: delinquenti in giacca, cravatta e borsalino; gente impaurita, con la coppola in testa, pronta a pagare il pizzo; panni stesi tra i vicoli del paesello.
Qualcosa che ha superato ogni limite di decenza.
Dove sono le papere procaci affacciate al balcone? Dov'è l'osteria con il piatto di spaghetti? E i fichi d'india? Il mandolino? La pizza?
Ci dovete rappresentare per bene, che diamine!

L'immagine che apre il post ha fatto già il giro del web, e ha fatto molto discutere.
Per diversi motivi.
Ora, vi chiedo: da italiani vi sentite offesi per una cosa così?
Io, francamente, no. Da italiano vero (come canonizzato da Toto Cutugno), rispondo un secco no.


Le storie Disney sono perlopiù comiche, se non addirittura parodistiche; giocano spesso con i cliché ed è giusto così.
Non solo le storie Disney, sia chiaro.

STEREOTIPANDO

Non facciamo come con Apu de I Simpson: dopo quasi trenta stagioni qualche genio si è improvvisamente reso conto che l'indiano da minimarket ricalca uno stereotipo razzista. E hanno sollevato un (inutile) polverone.
Restiamo dai gialli d'America perché anche loro -che comunque sono lo stereotipo di una famiglia media made in USA- dipingono gli italiani con dei cliché.
O mafiosi, o cuochi imprecatori. Guardate questo video in più lingue: mascalzone, staminchia, fetuso, porca miseria e addirittura porcod**!


Anche Tom e Jerry, quando sbarcarono a Napoli, vi trovarono un gruppo di guappi a quattrozampe: petto in fuori, aria spavalda, fazzoletto legato al collo.

e c'è pure la fisarmonica!
Per queste stesse ragioni, ho sempre trovato inutile, offensivo e irrispettoso (stavolta davvero) quando censurano per motivi razzisti cartoons che un tempo passavano tranquillamente.
Quante volte Tom & Jerry hanno preso in giro il negro coi labbroni?
Tutte scene oggi sparite. Tagliate via.
Che pena.

l'abbiamo vista per anni...

Con queste scene, sono stati messi al bando altri corti animati d'epoca, perché qualcuno in America ha avuto da ridire (quando fino a qualche anno fa, aveva solo da ridere).
Siamo al limite. Che poi, la padrona di Tom (Mami) è rimasta. Mah.
Un limite che ci pone un quesito: perché solo alcune categorie razziali?


Se la comunità italiana d'America si sentisse offesa dagli stereotipi nei cartoon, dovrebbero sparire anche tutte le scene che ci rappresentano. Sparirebbero anche Amelia che vive nel Vesuvio. Il ristorante di Lilli e il Vagabondo. I lustrascarpe sciuscià.
E se la cosa si espandesse in tutto il mondo, per assurdo sparirebbero i fratelli idraulici Luigi e Mario: baffi, coppola e salopette. Per dire.

LA DISNEY

Le paranoie che fa la Disney, in tal senso, arrivano a rovinare ogni cofanetto homevideo.
Prima di qualunque corto anni '30, anni '40 e '50, Leonard Maltin (esperto disneyano) ci ammorba l'anima -senza poterlo skippare- su come i tempi sono cambiati; su come una volta si poteva mostrare Topolino che faceva roteare un gatto; su come un tempo si potevano inserire sigari e sigarette (anche questi, assieme agli stereotipi afroamericani, spariti da Tom & Jerry); su come bisogna fare i salti mortali per recuperare i cortometraggi con Paperino militare che se la vede con l'Asse Roma-Berlino-Tokyo.
Quindi, è da queste paranoie a stelle e strisce che derivano le paranoie tricolore?
Recentemente è sparito il baffo hitleriano da una storia. Manetta non fuma più i sigari ma i lecca-lecca. Hanno cambiato il titolo di una storia che voleva parodiare Breaking Bad, perché è un telefilm che parla di droga.


E da qui un altro quesito: perché non tutte le redazioni Disney devono sottostare a tali direttive paranoiche? Perché alcune sarebbero (per fortuna) più libere di altre?
Perché in Olanda hanno potuto rappresentare gli antenati di Paperino in modo mafioso?
Perché hanno addirittura una pistola in tasca, quando da noi a momenti non si può mostrare manco il Super Liquidator?
Non sarebbe il caso di lasciare liberi fumetti, cartoon e altre opere di fantasia?

Lasciatemi cantare con la pistola in mano, lasciatemi riscuotere il pizzo piano piano, lasciatemi cantare perché ne sono fiero: sono un italiano vero.

84 commenti:

  1. Partiamo dicendo che per me, quella copertina, non è offensiva: è brutta. Disegnata malissimo.

    Comunque hai citato quella scena di Tom&Jerry, ma parliamo del buon Guido Martina e di Zio Paperone che prendendo in mano una pelliccia, diceva "mi hai riparato dalle pulci dei negri?" (testuale proprio).

    Oppure dell'africano tutto nero, grosso e seminudo che entrava nella stanza del deposito per prendere a tamburellate il sedere di Paperino.

    Beh, ad ogni modo devi rassegnarti: oggi lo stereotipo è ritenuto offensivo XD.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È che siamo abituati al canone italiano, come stile (per me ottimo e perfetto), però quel disegno non mi dispiace... ho visto molto molto di peggio, sui Disney (e quasi sempre era roba americana).
      In Italia in effetti è Topolino il periodico più colpito dal buonismo, perbenismo e autocensura... :o

      Moz-

      Elimina
    2. Ovviamente sai che invece certe censure come quella di baking bread mi fa cadere le braccia :D o come cose tipo il leccalecca al posto del sigaro :D

      Elimina
    3. Eh... ma appunto: perché in Olanda pistola sì, e in Italia no?
      Cosa cambia?
      Davvero ci siamo ridotti così male, in Italia?

      Moz-

      Elimina
    4. se mi permettete di spezzare una lancia: la pistola in mano al nipotino ha il tappo di sughero... è un giocattolino inoffensivo, insomma (come prescrive la Disney di oggi)

      Elimina
    5. Uno sì, l'altro ha un candelotto di dinamite e PaperinoMafioso non si sa se abbia il tappo.
      Ma poi, dico, che problema c'è se avesse una pistola reale? XD

      Moz-

      Elimina
    6. per me nessuno, ma la disney vuole miopisticamente che sia così...

      e il candelotto di dinamite è un'arma "impropria", l'ha usata anche Casty in "Topolino e il raggio di Atlantide" quando gli hanno vietato di usare armi convenzionali...

      Elimina
    7. Beh, altrimenti dovrebbero censurare l'intero nome di un personaggio... Bla :D

      Moz-

      Elimina
  2. Ha ragione Riccardo, più che offensiva è brutta da morire quella copertina!
    Offesa?
    No.
    Ma questa gente che si lamenta, per esempio, ha visto la serie tv "La Tata" (che adoro) dove noi italiani siamo super stereotipati? (e pure gli inglesi Sheffield e Niles!)
    Ma che gente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. trivia: la tata è italiana... solo in italia!

      in originale è ebrea e da noi hanno praticamente riscritto tutti i dialoghi in fase di doppiaggio (le zie sono mamma e nonna ecc)

      Elimina
    2. Su La Tata: ne parlavo proprio qualche giorno fa con Pier!
      Ora noi siamo abituati a Fran ciociara, ma davvero hanno riscritto il mondo 8e fatto salti mortali) per farcela risultare italiana (in un paio di casi, comunque, qualcosa non tornava...)

      Francesca, sono d'accordo con te... io non metterei mai un limite a queste cose. Ma anche alle altre (sigarette, violenza slapstick). È assurdo che oggi taglino scene a opere che abbiamo sempre visto integre!

      Moz-

      Elimina
  3. Da meridionale non mi dispiace se in Olanda ci vedono a stendere i panni alle finestre, è una tradizione popolare che da anni fa il giro del mondo, quindi, notorio a tutti, e non mi sembra una cosa tanto "brutta". Accostarci alla mafia e alla camorra, invece, per quanto mi possa far male al cuore, non posso certo biasimare gli olandesi, visto che i primi siamo noi a "lodare" quell'essere insignificante di Saviano, che per avere "notorietà e denaro" ci ha resi tutti camorristi agli occhi del mondo, svendendo il popolo napoletano. Detto ciò, però, non è detto che all'estero si debbano sentire in diritto di offenderci. Gli olandesi pensassero alle zoccole loro ... ehm, agli zoccoli... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha ma anche noi, in Disney, rappresentiamo loro con zoccoli, mulini e così via :D
      Comunque, vero che fiction e libri hanno contribuito a ciò... più volte ho pensato che la vicenda Saviano fosse anche un poco costruita, nel senso di pompata dai media, ma non so fino a che punto sia stato fatto -a monte- per soldi e fama :)

      Moz-

      Elimina
  4. A me m'arimbarzano 'ste polemichette... (a parte che c'è pure de pizza peetoom in copertina..), primo perché siamo il popolo più autoironico del mondo, secondo perché come pigliamo e ci pigliamo per il culo noi non ce batte nessuno!!! ahahah oggi c'è questa ondata di correttezza ipocrita e finta a coprire tutto, una patina fasulla che nasconde l'autentica natura scorrettissima che vive in noi... ecco perché DEADPOOL è un grande!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero: questo è il problema. Noi siamo genuinamente scorretti, ci piace esserlo, ci piace prenderci in giro...
      Infatti, per me, queste cose lasciano il tempo che trovano...

      Moz-

      Elimina
  5. Comunque qualche settimana fa su Topolino ci fu una storia ambientata in Olanda in cui c'erano gli zoccoli, i tulipani, i mulini a vento..solo che questi stereotipi sono molto meno offensivi dei nostri :) Non conoscevo il video con le parolacce dei Simpsons, chissà chi è quel genio tedesco che ci ha messo dentro una bestemmia :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo sappiamo se sono meno offensivi... magari loro si rompono le scatole di zoccoli e tulipani come noi di pizza e maccheroni XD
      Vero, comunque, genio tedesco quello dell'adattamento :)

      Moz-

      Elimina
  6. Qualcuno molto prima di noi tutti diceva "bene o male, purché se ne parli" (Oscar Wilde).
    A me questi stereotipi non offendono perché, purtroppo, la nostra Italia è anche questo. Se non soprattutto.
    Quindi lasciamoli dire.
    Ci fanno solo pubblicità.. 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è pubblicità a prescindere, ma al di là di questo, non ci vedo proprio nulla di strano: nella storia dovevano raccontare di una mafia messa su da un antenato di Paperino, e questo è... ambientarla altrove non avrebbe avuto la stessa efficacia :D

      Moz-

      Elimina
  7. Lo sai già chi sono26 mag 2018, 13:56:00

    La copertina è brutta,una cattiva imitazione dello stile di Barks. Ah e poi le storie Disney olandesi e danesi fanno abbastanza pena come trame, è sono tutte disegnate imitando Barks.
    Per quanto mi riguarda gli stereotipi in generale nelle opere di fantasia non mi infastidiscono, l'importante però è la parità di trattamento...ovvero prese per i fondelli uguali per tutti!
    Poi molte volte gli stereotipi li vedono gli esterni a una certa cultura (tipi gli americani che volevano abolire Speedy Gonzales,amato invece dai messicani) o i paranoici senza niente da fare nella vita(l'indiano contro Apu).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai già chi sono26 mag 2018, 14:00:00

      Censurare violenza e alcol poi è ridicolissimo... sono elementi che si vedono nella vita quotidiana!

      Elimina
    2. Come ho detto pure a Ric, ho visto peggio: questo è il tipico stile delle storie europee della Disney, di scuola non italiana. Non mi dispiace, ma ovviamente non sono abituato XD

      Comunque, prendiamo i Simpson: credo che prendano in giro tutti.
      La Disney stessa fa di Paperino l'uomo qualunque, l'americano medio (lo fece anche con Pippo/George).
      Paperone è scozzese quindi taccagno. Tutti stereotipi :)

      Moz-

      Elimina
  8. Penso che ci siano cose più importanti che offendono ma forse non è questo il post giusto ahahhahaha
    Però, scusa, se stiamo a guardare tutte ste cose della Disney qunate altre ne lasciamo fuori? Un esempio per tutti.
    Clive Cussler autore di best seller con non so quanti milioni di libri venduti. I suoi due protagonisti sono Dirk Pitt, americano, un metro e novanta, bruno, bello occhi verdi fisico scultoreo e Al Giordino, italiano, piccolo brutto massiccio...
    Che facciamo? Causa a Cussler?
    Io poi sono convinta che un po' di sana ironia faccia bene. Che una risata al momento giusto smonti gli eventuali detrattori.

    Altra alternaativa è armare una testata nucleare e fare boooooom! Ti sembra il caso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono per il nucleare: sulla testa di chi si indigna, di chi censura, di chi è stato capace di mettere al bando dei cartoni animati :)
      Per il resto, facciamoci due risate: chi si offende è fetente!^^

      Moz-

      Elimina
  9. Ogni nazionalità è dipinta secondo uno stereotipo.
    Quindi a me personalmente non infastidisce.

    RispondiElimina
  10. Ho notato che anche nei commenti mi pare nessuno abbia sottolineato una cosa: c'è una differenza fra un personaggio stereotipato (per quanto alla lunga risulti frustrante, noioso e antipatico) e un personaggio razzista chiaro sintomo di un atteggiamento che non appartiene (e non dovrebbe appartenere) ad una comunità che evolve e non lo fa solo a piacere.
    Inoltre la domanda che mi pongo è, come fanno armi, mafia, droga, sigarette eventualmente ad influenzare dei lettori particolarmente giovani quando appaiono nei fumetti? È solo un atteggiamento restrittivo da parte di una censura o c'è altro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla domanda non saprei proprio cosa rispondere... ho visto corti con Paperino che voleva suicidarsi, che voleva uccidere; ho visto Tom fumare...
      Nè mi sono suicidato, né ho ucciso, né fumo.
      I casi elencati sono tutti parte di un mondo di commedia, parodia o satirico...
      Poi, nelle opere esistono anche personaggi razzisti... Django di Tarantino ne è pieno, altrimenti come avrebbe funzionato la trama?

      Moz-

      Elimina
  11. Tu pensa cosa riesce a produrre un prolungato uso di "maria". Razzisti e coglioni non mancano a nessuna latitudine di questo avariato mondo, quindi è inutile offendersi altrimenti ci si abbassa al loro livello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, penso che razzismo e coglionaggine sia proprio nella mente di chi si offende per un fumetto o cartoon con intenti di commedia... Quindi, anche in questo caso, andiamo avanti (per fortuna ho le puntate integre di Tom & Jerry senza tagli assurdi voluti da qualche ribellione postuma)^^

      Moz-

      Elimina
  12. Tutti questi finti perbenisti mi fanno venire l'orticaria! La gente prima sbologna i figli davanti ai cartoon (per dirne una) e poi si lamentano dei contenuti. Si lamentano del fatto che i loro preziosi frugoletti imparino a essere razzisti e irrispettosi solo guardando dei cartoon, (dando così esempio di quella discriminazione che tanto aberrano) quando basterebbe sedersi con loro e parlare di ciò che hanno visto. Non mi sembra così difficile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhh, verissimo: fanno sempre passare fumetti e cartoons come cattivi maestri.
      Sarà perché i maestri veri (famiglia, scuola) mancano?
      Io ho sempre visto Tom e Jerry diventare neri come stereotipo; ho visto Paperino fumare o tentare di uccidere l'Aracuan Bird (e chi non avrebbe voluto...).
      Eppure sono qui, non razzista non fumatore non omicida :D

      Moz-

      Elimina
  13. Sinceramente qualche fastidio la cover me la procura, poi però penso agli stereotipi in senso inverso. Penso che degli olandesi si dice che siano tremendamente tirchi(anzi posso confermarti che lo dicono loro per primi di sé stessi) e penso che tutto il mondo è paese.
    Riguardo al buonismo e alle cose cancellate devo dire che trovo la cosa di una ipocrisia fastidiosa, fino a qualche anno fa (fai conto fino al 1991) la stessa Rai Tre non si faceva problemi a mandare in onda i cartoon Disney all'interno dei quali Donald combatteva contro i Tedeschi e nessuno ci vedeva niente di male.
    Oggi siamo arrivati alle censure inutili quando basterebbe un minimo di buon senso e di storicizzazione dei tempi andati.
    My Two Cents!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho vista così: dovevano raccontare un caso di pseudo-mafia, quindi comunque o lo ambienti in Italia o nei sobborghi americani tipo Il Padrino, e lo stesso ci sarebbero stati cliché.
      Ma appunto, tutti ci scherziamo sopra, siamo tutti autoironici: razzismo e paranoie sono nella mente degli ipocriti (come giustamente dici), la storicizzazione Maltin la fa, ma la trovo sempre troppo pedante.
      Insomma, giusto un avviso e via... Ma l'arte e l'intrettenimento devono restare tali^^

      Moz-

      Elimina
  14. Che per altro questa versione iper edulcorata della vita, dove non esiste morte e violenza, non è che aiuti poi i nostri pargoli a gestirsi nella vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto.
      Io sono per la disneyzzazione del mondo, ma non in modo così edulcorato XD

      Moz-

      Elimina
  15. Bravo Miki, sono ben altre le cose per cui dovremmo vergognarci o per cui offendersi. Non possiamo essere uno dei Paesi più corrotti d'Europa e poi fare le pulci all'arte rappresentativa. Un bell'articolo sul New York time mi farebbe incazzare, sì, ma fumetti, cinema, o quant'altro fanno bene a giocare sull'ironia o la parodia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente: e noi dobbiamo continuare a prenderci e prendere in giro, con ironia, perché è così che si distrugge il male^^

      Moz-

      Elimina
  16. Perché la mafia e le altre organizzazioni criminali ci sono ancora.

    Perché scandalizzarsi?

    Personalmente cutugno non mi rappresenta per nulla. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè, quella su Cutugno era una battuta...ha raccontato l'italiano medio (in bene), diciamo^^^

      Moz-

      Elimina
  17. Devo essere onesto, non ci vedo nulola di male ma alcuni autori Disney italiani si sono lamentati, qualcuno più che altro perché da noi sono obbligati a rispettare certi schemi che invece pare non esistano da altre parti.
    E l'autore olandese non è nemmeno un pivellino, circa 1000 storie dal 1987...
    Comunque, a me The pizza peetoom fa pensare all'aerofagia dopo aver mangiato una pizza lievitata male! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto: la Disney ha due misure. Paranoie americane/italiane e maggiore libertà altrove. Why?

      Moz-

      Elimina
  18. Lo stereotipo purtroppo è un'arma a doppio taglio; può essere "dolce" (i tulipani e gli zoccoli di legno per gli olandesi, per esempio, che li rendono tanto dolci e carini) così come "amaro" (mafia, violenza e cattiveria per noi italiani come in questa copertina), ma deve esser compreso.
    Voglio dire, stiam parlando di caricature grottesche di alcune popolazioni per far comprendere al lettore la storia, non stiamo facendo un decalogo di ciò che sono realmente tutti i cittadini di data nazione.
    C'è però da dire una cosa proprio al riguardo di questa copertina(oggettivamente brutta come disegni): lo stereotipo del mafioso con borsalino che solo con uno sguardo fa cagare sotto i cittadinotti con i panni stessi è roba degli anni 40'/'50; attualmente, se proprio dobbiam parlare di mafia, il mafioso è una persona in jeans e maglietta che non da a vedere il "potere" che ha. Insomma, almeno qui al Sud non c'è più un Don Vito Corleone che gira per la città dando la benedizione e sentendosi dire "baciamo le mani" dal povero venditore con il carretto, ma c'è un mafioso qualsiasi che gestisce le operazioni illecite dal bunker in cui è rinchiuso perchè latitante.
    Volete stereotipare la nazione? Aggiornatevi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, però la storia è ambientata nel passato. Quindi ci sta che i mafiosi siano proprio stereotipati come "ai vecchi tempi". Io non ci trovo nulla di strano, di male o di sbagliato.
      Dopotutto io stesso penserei a una ambientazione simile, se mi servisse una trama di mafia-vintage. O quella, o i mafiosi italo-americani.
      Penso che chi si offende è fetente, che il razzismo sia nella testa dei malpensanti, che l'arte vada lasciata com'è. Sono d'accordo con te, assolutamente :)

      Moz-

      Elimina
  19. Per me non sono queste le offese...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche perché non c'è nulla di offensivo: se ti serve una trama ambientata nel passato, con la mafia, questo è... :D

      Moz-

      Elimina
  20. Per me non sono queste le offese...

    RispondiElimina
  21. Non offendiamoci per questo, semmai impegniamoci a essere un poco più credibili per noi stessi e per “tutti gli altri”. Buona domenica.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è chi si offende ad essere razzista.
      Se fossi nella Disney italiana darei ampia possibilità di dire e fare tutto, come in passato :)

      Moz-

      Elimina
  22. Ti do assolutamente ragione, che poi sinceramente nonostante tutto sono fiero di essere italiano, e se comunque ci deridono e perché loro non hanno niente ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplicemente serviva una storia di Paperino con la mafia, e l'ambientazione mi pare scontata; se servisse (e due settimane fa è servita) una storia con mulini e tulipani, si va in Olanda XD

      Moz-

      Elimina
  23. Ma ci si può offendere per una cover di Paperino?!?
    Io credo che la malizia sia nella testa di chi si sente offeso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti... d'accordissimo con te :)

      Moz-

      Elimina
  24. da italiana in italia non mi sento offesa, ma sono stata un'italiana all'estero per solo un anno ed è davvero pesante trovarsi a confrontarsi sempre con questo stereotipo di mafia-spaghetti-berlusconi.
    Io vado orgogliosa solo degli spaghetti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che sono cinesi, puLtLoppo! XD

      Moz-

      Elimina
  25. A me lascia abbastanza indifferente e aggiungo che io avrei messo in testa a Paperino la coppola, ma tant'è.!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se occorre per raccontare tare una certa storia, certo! Anche io! Ed e giusto così 💪😉

      Moz-

      Elimina
  26. Noi italiani siamo sempre stati tra i popoli maggiormente bersagliati dagli stereotipi culturali...chi lo ha fatto in modo più benevolo, citando (anche) arte, musica e abilità in cucina... e chi etichettandoci semplicemente come nullafacenti e/o mafiosi.

    Tempo addietro scrissi un post dove raccoglievo diverse testimonianze di canzoni che del Bel Paese (e dei suoi abitanti) si facevano burla...enjoy :)

    http://ninobaldan.blogspot.it/2014/12/11-canzoni-stereotipate-verso-gli.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corro immediatamente *___*
      Amo l'argomento!

      Moz-

      Elimina
  27. Io penso ancora a Vento Aureo...
    Hirohiko Araki li impazza con gli stereotipi italiani, ma nessuno si offende li XD (lo dico d'amante di Jojo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, perché Araki è un grandissimo cultore dell'Italia, e in altri modi l'ha omaggiata :D

      Moz-

      Elimina
  28. Cio' che leggo, qualunque cosa io leggo...
    *...deve suscitare emozioni. Deve essere pulita e semplice ma deve lasciare il segno. Ciò che si scrive deve essere capito e alla portata di tutti. Solo in questo modo ha valore. Solo con le emozioni, l'immaginazione si riaffaccia prepotente e tocca il cuore di chi legge. Un'immaginazione a cui non servono gli effetti speciali e tante "balle" alla moda.

    Non è semplice al giorno d'oggi leggere qualcosa che susciti delle vere emozioni. Pare tutto taroccato.*

    Scusami Miki ,sto approfittando della tua bontà e del fatto che mi hai detto che posso ancora commentare...io lo sto facendo con una bella sfacciataggine...oh tranquillo che non ho taroccato il post del blog dell'autore da dive deriva!!

    Ma quella persona mi ha dato solo modo di coinvolgere te (infatti ero sul tuo blog perché anche tu offri il momento giusto di emozionare se sai pazientare),lui stesso ,me e tutti coloro che credono a queste "emozioni"... di viverle e seminarle ovunque ...in rete e fuori rete....ovunque!!

    Non commentare nel suo blog non sarà certo un motivo per fermare questo mare in tempesta,questa corrente che ha travolto e travolge i cultori di quella cultura che parte dal cuore..

    Questa volta non mi scuso Miki...non mi scuso per essere ripiombata qui,perché non ti sto'mancando di rispetto o pubblicizzando un altro blogger che non ha motivo di essere pubblicizzato!

    Forse ho solo preso la palla al balzo con il titolo del tuo post!!

    PENSIERI] stereotipi, offese e limit(azion)i

    Buon proseguimento e grazie...

    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora ho fatto un po' di fatica a seguire il tuo discorso, ma non preoccuparti: non servono scuse, non serve un permesso per commentare qui :)
      P.s. ma per evitare problemi, magari futuri, non ti conviene creare un account anche finto, chiamato L.?
      Così potrai commentare ovunque senza problemi :)

      Moz-

      Elimina
  29. Hai faticato a seguire il mio discorso...ma non hai faticato a consigliarmi(spronarmi) di crearmi un accaunt anche finto!

    Se c'è una cosa che di te mi giunge ed apprezzo è proprio la mancanza di finzione...Miki moz..in fondo è un esempio anche questo tuo nome vero a metà......ed il resto
    altrettanto vero in creatività ...Forse siamo veri per davvero in ciò che riusciamo a dare attraverso le emozioni più che un accaunt..?

    Vediamo se riesco a farti ridere,ironizzando un po'la situazione...cercando di sfruttare la possibilità di essere all'altezza dei tuoi post!

    Mettiamo che io segua il tuo consiglio,pensando sia fattibile.Mi creo un accaunt finto chiamato L.(che fa parte del mio vero nome per chi fosse così curioso) e mi presento nel tuo blog!

    Toc toc...sono Elle il detective di death note,.....Si Elle il personaggio più intelligente di Death Note perché «la trama/o meglio il sistema lo richiede» e lo considera «cattivo/a...se ne va in giro con un sacco di personalità ma sa scoprire casi impossibili per non dire inesistenti!!
    Dico la verità non sapendo neanche chi fosse L ,ho sfruttato un vecchio commento..

    Entrai in rete diversi anni fa con tutte le leggi ed i regolamenti sulle privacy il paradosso è ...tranquilli tutti i vostri dati falsi sono legalizzati da questo sistema!


    A cosa serve Miki la finzione ?...forse a capire quanto veri siamo noi ..ma dentro però..!!

    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre più filosofica (e non amo molto Death Note XD).
      Insomma, io sono più terra-terra, non ci vedere chissà cosa dietro il mio consiglio: l'ho detto per semplificare il tutto. Ti fa un account chiamato L. e via.
      Anche io mi chiamo MikiMoz, e solo perché ho sempre reso nota la mia vera identità che la gente sa chi c'è dietro (in realtà né Miki né Moz sono miei nomi all'anagrafe XD). Ma potevo tranquillamente restare un MikiMoz anonimo, senza mai mostrarmi...

      Moz-

      Elimina
    2. "Sempre più filosofica.."

      Beh io questo termine "filosofica" lo interpreto come "aliena"..e già ..È per questo Miki che nella " comunicazione" verbale spesso adotto il vostro stesso linguaggio ...copiando ,incollando e postando
      magari qualche vostro commento del passato mai logorato nemmeno dal tempo...
      Detto "terra terra"...molto più di te ...mi dispiace se risulto poco comprensibile...forse vivo su un altro pianeta,quello tra l'utopia e la realta',tra la finzione e la sincerità, tra l'amore e l'odio...questa benedetta via di mezzo che mi mette tra il bene ed il male,lottando per l'uno e per l'altro nonostante il diverso fine che ne delimita il confine!

      Ops...ci risiamo vero...di nuovo aliena:-)....e poi queste benedette emoction che sintetizzano uno stato d'animo non più in grado di esprimersi in natura!

      Vuoi sapere una cosa Miki?

      Ti ringrazio di cuore del consiglio davvero, soporattutto se mi scrivi di non vederci
      chissa' cosa ,forse sono proprio le aspettative che si trasformano in pretese a tradirci!.Ringrazio te e tutti coloro che mi hanno dato lo stesso consiglio anche con il cuore...mi verrebbe di abbracciarvi tutti ...ma "io non mi adeguo" a queste normative ipocrite, resto in terra sconosciuta ,resto l'omonima anonima..

      Cautela pero'!!...chi eventualmente si troverà a leggere queste righe precedenti ,compreso te Miki,lo reputo talmente intelligente da non sentirsi tirato in causa o incluso su un argomento che ormai va in giro in rete da sette anni!

      Non ho nessun interesse di immagine, di apparizione,di comparsa,di distribuzione e ricezione premi...però mi piace esserci ed ascoltare,gioire il momento in cui "l'essenziale" si affaccia in rete e mi tiene compagnia..!

      Ti saluto Loris...ops ....scusami ti ho confuso con un altra persona...volevo dire Miki...

      Apprifitto nel salutare anche Gianola..cultore di cultura del cuore..Grazie a te Miki e ciao...

      L.

      Elimina
    3. Vedi, ad esempio Loris mo chi è? XD
      Sulla questione terra-terra mi riferivo a me stesso: più volte hai visto in me delle cose belle, perlomeno per quel che mi hai scritto. Ma ecco... non è che io sia così, non ho dato consigli o altro, semplicemente sono un tipo che vuol vedere le cose nella loro semplicità (o meglio, senza inutili complicazioni o giri).

      Per questo, davvero non comprendo la questione dell'adeguarsi.
      Premesso che non è vero (stando a quanto si è saputo finora) che bisogna togliere la possibilità di far commentare in anonimo (come vedi, tu stai continuando tranquillamente...), semmai dovesse cambiare normativa a riguardo... ci si adegua. Non vedo il problema: dal 2006 a oggi, 12 anni di blog, sai quante cose sono cambiate? Funzioni aggiunte, tolte, novità.
      Ci si adegua.
      Se dovessero dire che non si può più usare un account blogspot ma solo G+... ci si adegua: ne farò uno G+.
      Questo intendo: non vedo il problema.

      Voglio continuare a bloggare, dunque mi adeguo alle regole di chi ospita il mio blog... altrimenti fondo una piattaforma di blogging mia XD

      Moz-

      Elimina
    4. Loris è una bella persona ,s'intende di "comunicazione",dà un valore all'importanza della comunicazione sotto le sue possibili forme per far interagire più persone attraverso la scrittura ad esempio.

      "Sulla questione terra-terra mi riferivo a me stesso: più volte hai visto in me delle cose belle, perlomeno per quel che mi hai scritto. Ma ecco... non è che io sia così...

      Ed invece ho visto benissimo perché il tuo terra terra è parte di quella bellezza!

      Vediamo se riesco a farti capire meglio cosa intendo quando scrivo :non mi adeguo.
      Se fosse solo un dettaglio tecnico sarebbe molto più semplice ,qui si entra nel profondo!
      Mi dispiace dover trasformare il tuo blog in tutt'altro...ma tu mi dai il permesso ed io con rispetto cerco di farmi capire..magari con un collegamento verso delle righe che ne sono all'altezza ,e che per rispetto e correttezza devo citarne la fonte:


      "Sono stanca ultimamente. Faccio fatica a trovare entusiasmo in quello che faccio. Mi sembra di nuotare in un mare melmoso circondata da squali inquietanti. Un livello culturale deprimente che si erge a profeta e un livello politico ancor più becero e senza visione mi fanno dubitare che forse sono io quella sbagliata in questo contesto. Mi guardo allo specchio e non capisco. Però non riesco ad adeguarmi. Perché questi squali inquietanti, questo sottobosco di mediocri, questa insignificanza deambulante non meritano di essere presi in considerazione.
      Fatico ma non mi adeguo, perché a quel basso livello non ci vivo, non amo strisciare per la paura di sbagliare o di non essere allineata, non amo guardarmi i piedi. Amo guardare avanti, molto avanti, in un punto che magari non raggiungerò mai, ma che la notte, quando gli occhi stanchi e il cuore amareggiato si intorpidiscono, sarà il punto che mi permetterà di sognare sogni tranquilli facendo sorridere la mia anima.
      E al mattino troverò sempre tanti motivi per non capire, ma ogni volta almeno uno per non adeguarmi: la mia dignità."
      Gianna Bonacorsi

      L.

      Elimina
    5. Beh, io ho compreso l'adeguarsi in basso, e non lo accetto.
      Ma adeguarsi per un mero episodio tecnico non è un qualcosa di svilente, no?
      Non è che, creandoti un account ufficiale (che, peraltro, può restare vago e anonimo) ti abbassi a chissà quale livello.
      Sarebbe come rinunciare a vedere film con gli amici solo perché la videoteca non ti affitta più vhs, ma dvd. E tu vuoi continuare a sfruttare il supporto vhs.

      Non credo sia una cosa che calpesti la tua dignità, sinceramente :)
      Per inciso, nello specifico, comunque pare non occorrere, almeno adesso: come vedi, puoi ancora commentare in anonimo. Quando e se dovesse succedere il contrario, di certo non sarà una mia scelta dettata da un capriccio, ma da cause di forza maggiore (molteplici)^^
      Per ora sei al sicuro, i commenti anonimi non sono fuorilegge, altrimenti la piattaforma stessa non li permetterebbe! :)

      P.s. in ogni caso non ho idea di chi sia questo Loris... XD

      Moz-

      Elimina
    6. Per ora sei al sicuro, i commenti anonimi non sono fuorilegge, altrimenti la piattaforma stessa non li permetterebbe!

      Miki per favore dai...la piattaforma o l'intero sistema fa ben altro che ritenere fuorilegge un anonimo che commenta!!...permette la creazione di accaunt falsi,ti chiede di digitare una password che tutela la tua privacy e ti dà le indicazioni per entrare nei profili degli utenti spiegandoti passo passo come scoprire la password... E non farmi continuare per favore perché sai benissimo il paradosso di questo mondo virtuale....che poi non è che sia da meno di quello reale!!


      Io non sono un accaunt ,sono una persona ...

      A cosa mi serve un accaunt o mentire tradendo la mia dignità!
      Sai ....davvero sono andata in giro con nick diversi ,ma anche con la consapevolezza ed il coraggio di sapere che il mio nick portasse alla mia identità... Vuol dire che sfruttavo il modo sbagliato di usare la tecnologia apertamente,smascherando soprattutto la legalizzazione dei comportamenti sbagliati che trovano il terreno fertile per il futuro che ci stiamo costruendo noi stessi con le stesse mani!

      Io sto solamente cercando/sperando/implorando alcune coscienze a svegliarsi ,ad ascoltarsi se stiamo sfruttando la tecnologia per cercarne un senso più spirituale o prettamente materiale disumanizzandoci partendo da queste benedette emoction che mi tocca ogni volta accedere alla classifica per capirne lo "stato emotivo"!

      Lo vedi Miki?Lo vedo Miki?Cavolo io e te stiamo comunicando,perché percepisco perfettamente quanto ti faccia soffrire l'immobilità nelle persone!Tu sei per l'intereagire,per la " "comunicazione" e conosci perfettamente questo valore...forse in fondo in fondo prima del pop e di Bersek (scusa se non lo scrivo bene) la tua vera vocazione è questa benedetta capacità nella comunicazione..!
      No,nessun accaunt vero o fasullo,nessun blog...non sono mai entrata in rete per far goal in qualcosa...a me interessa il campo ...il terreno ...su cui poggiano i piedi...se sta franando o se esistono fondamenta per continuare a creare ,ad amare...a vivere davvero!

      Spero di non essere stata tanto aliena ,anche se ho sempre trovato un fascino in questo termine ...
      Ciao Miki e grazie per avermi permesso di comunicare ancora...
      L.

      Elimina
    7. Vedi, tu ringrazi me per un permesso che io non fornisco... per me puoi scrivere e basta! XD
      La questione degli anonimi effettivamente era saltata fuori nei giorni scorsi, da più voci: ma pare fossero appunto solo voci.
      So che sembra un controsenso: magari siamo costretti a mettere un banner che avvisa dei coockies (anzi, il sistema lo fa da solo) e come dici tu si può entrare nei profili altrui... Ma non siamo noi a fare le regole, e soprattutto non vedo motivo di ribellarsi a questi dettagli :)

      Le emoticon sono parte della comunicazione, di questa comunicazione. Così come dal vivo puoi cambiare tono di voce, accennare un sorriso, un gesto, qui hai le emoticon (e nelle chat le emoji).
      Disumanizzazione? No, semplicemente comunicazione su altri tipi di strumenti. Altrimenti dovremmo videochattare, per assomigliare il più possibile a una comunicazione dal vivo :D

      Moz-

      Elimina
    8. Tu il permesso lo fornisci attraverso le risposte...in fondo potresti ignorarmi!..e solo che per come sono io ti avrei sempre e comunque detto Grazie anche senza una risposta...perché anche quella non risposta mi aiuta a comprendere..e quindi vale come tale.

      Sai forse dove sto' sbagliando?
      Nella possibilità che percepisco di averti già un po'conosciuto...non riesco ad escludere questa possibilità ...ma questo è solo un'altro lato del mio essere aliena!

      "L’uomo s’illude di essere il fautore della propria vita ma vi sono elementi superiori che guidano e controllano il destino di ognuno di noi, chiamatele forze sovrannaturali oppure intervento divino, ciò che è certo, è che le nostre azioni non sono il risultato del libero arbitrio."

      Solo così posso farmi comprendere un po'di più... da te in questo caso.Questo è un linguaggio in codice dove intravedo i miei collegamenti con le persone....

      Buona continuazione e continua con la "comunicazione"... Perché arriva sempre in qualunque modo si sceglie di farlo...è l'immobilità che non porta a nulla !

      Grazie e ciao..

      L.

      Elimina
    9. Tu arrivasti qui un anno fa circa, e sembrava mi conoscessi(conosciuto altrove, virtualmente o meno), solo che poi quando te l'ho chiesto mi hai detto di no.
      Beh, non è difficile svelare l'arcano: in rete sono sempre stato MikiMoz, al massimo col nickname completo MikiMozgus :)
      In vita "reale", ti basterà vedere il prossimo post di oggi (attorno alle 16) per vedermi in faccia... così sapremo se ci siamo conosciuti o meno :D
      Vedi? io sono molto pratico e conciso! XD

      Comunque, io rispondo sempre a tutti: trovo cafone non farlo, perché comunque qualcuno si è preso la briga di leggere e rispondere a qualcosa che ho scritto. Mi sembra il minimo, rispondere :)

      Moz-

      Elimina
    10. Ciao Miki..
      Ritorno qui..il tuo nuovo post mi ha portato indietro come vedi!

      Forse adesso comprendi meglio quel che volevo ti giungesse...se non fossi davvero motivata a cercate sempre la "bellezza" nella inferno virtuale avrei perso di partenza.

      Voglio ringraziarti Miki ..grazie.

      L.

      Elimina
    11. Hai detto bene, inferno virtuale.
      Mi stupisco sempre di quante se ne trovano anche qui, di assurdità :)

      Moz-

      Elimina
    12. Miki ciao ..


      Ci sono cose che non comprenderemo mai, (forse nemmeno il perche' io debba scrivere pubblicamente)....e forse non siamo nemmeno tenuti a farlo...dovremmo vivere la nostra vita tutti liberamente fin quando non capiamo che la vera libertà è voler amare in maniera disinteressata, magari dando e basta senza aspettarsi nulla in cambio...

      So che adesso farai fatica a comprendere,ma avrei voluto perfino essere io il clone su cui poggiano i tuoi ...i vostri sospetti ...addossarmi un peso che non ho .... in cambio di un mondo migliore ....Ecco ho detto in "cambio " ed ho sbagliato perché so che non sono quel dio salvatore dei mali e gli affanni quotidiani di questa umanità


      Qui dentro ho percepito tanto ,ne ho sofferto e nella maniera che ho potuto ne ho anche parlato,scegliendo anche te come persona in mezzo ad altre. Mi sono lasciata liberamente trafiggere dal male ed ho perdonato anche ,scoprendo che anche chi si è spacciato per aspirante suicida era una persona da voler bene a cui il.bene gli è mancato.

      Tu sei molto caro Miki, e sei una persona da amare e voler bene...ho percepito tantissimo anche dalle tue non risposte e mi Scuso se ti ho involontariamente infastidito. ..mi dispiace.

      Non andrò via da qui prima di dirti Grazie e di consegnarti
      una parte di me.

      Un giorno mi dissi :

      Cosa farai di questo vuoto che respiri negli altri,
      di queste presenze assenti,
      di queste anime ,
      spente
      nella bellezza interiore,
      partecipanti di un mondo virtuale e tecnologico,
      sconfinati nell'illusione
      di osservare un tramonto finto
      o un campo in fiore...
      senza possibilità di accarezzare con le proprie mani e di sentire l'odore
      di tutto ciò
      che vive
      e sopravvive
      nell'immaginazione?

      Mi risposi:

      Farò di loro
      il mio dolore,
      la sofferenza che si trascina
      e la speranza del loro fiorire...
      innaffiero'
      i loro cuori
      e abitero'
      le loro anime
      e respirero'
      nella loro prigione
      e cullero'
      i loro pensieri
      restero'in attesa
      in attesa...
      del loro risveglio..

      Elimina
    13. Non mi hai mai infastidito, semplicemente -come ti ho detto più volte- hai visto in me (o nel mio blog) qualche intento che davvero non c'è.
      Mi lasci con dei versi che sembrano quasi cristiani, messianici. Anche la tua risposta presuppone un sacrificio per gli altri: e perché mai dovresti essere tu ad addossarti colpe che non hai?
      La gente è pazza, addossati magari qualcosa di giusto per chi soffre davvero, non per chi causa disagi agli altri... queste persone vanno aiutate, sicuramente amate, io ho sempre dato la mia mano a tutti... ma se qualcuno insiste, non posso farci niente: ci vuole lo specialista XD

      Moz-

      Elimina
  30. Come ti ho scritto in privato, quest'idea, più che offensiva, la trovo banalotta, ma è anche vero che gli stereotipi si fondano proprio sulla banalità.
    Riguardo al politicamente corretto da baciapile alla signora Lovejoy dei Simpson, non credo di dover aggiungere nulla... Se fosse così facile dirottare un bambino grazie a qualsivoglia esempio, l'Italia sarebbe piena di ragazzini tipo "farina da far ostie" e invece...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah in effetti...!
      Comunque, vero che è banale, ma lo sarebbe stato anche se avessero ambientato quella storia nell'America de Il padrino... insomma, dove ti giri, parlare di mafia è banale e di certo non è che puoi rappresentarli in modi diversi (per vintageria o anche solo per comodità XD)

      Moz-

      Elimina
  31. Viva gli stereotipi, anche quando ci toccano e fanculo chi se la prende!
    Il video sui Simpson non lo conoscevo, sto ancora ridendo per la bestemmia!
    Poi voglio chiedere a Manetta come si fuma un lecca lecca...
    E prendiamola a ridere perché altrimenti prendo un uzi ed esco a sparare a tutti i perbenisti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I perbenisti, i moralisti, i buonisti ROVINERANNO IL MONDO :)

      Moz-

      Elimina
  32. Se siamo a questo punto, siamo messi davvero male.
    Come si fa ad offendersi per la copertina di un fumetto?
    Ridicolo anche censurare adesso ciò che in passato veniva tollerato. Il passato è passato. Se non fosse così potremmo anche pensare di buttare giù il Colosseo visto che i combattimenti dei gladiatori non sono più permessi. Eddai ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente: siamo messi male. Questa cosa del buonismo e del perbenismo mette alla luce la follia di certe persone, che hanno razzismo/sessismo e così via radicati distortamente nel loro cervello.
      Non si distingue più satira, commedia, presa in giro da questioni serie...

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo intervento!