[EDICOLA] lo strano mondo delle buste sorpresa


Edicola, un luogo mitologico.
Dentro ci si trovano sempre più cose, ormai: è diventata un bazar.
Ma da sempre vi è un articolo particolare, che ha anticipato di anni il trend attuale: le buste sorpresa.

Un mondo stranissimo, che si è evoluto nel tempo...

Le buste sorpresa rispondono allo stesso principio dei super-giochi pasquali tipo Uovissimo, Super Pasqualone e via cantando: smaltire fondi di magazzino.
In un'epoca dove una linea di giocattoli dura sempre meno stagioni, è chiaro che bisogna in qualche modo riciclare gli invenduti.
La stessa cosa succede con l'edicola e i suoi resi.
Pacchi di giornali, riviste, giornalini, albi e piccoli gadget che tornano indietro, salvati dalla muffa dell'esposizione-gogna che può durare anche anni.

una busta vintage - immagine web

Ma le buste sorpresa sono un terreno assurdo.
Qualcosa che sfugge a qualsivoglia tipo di catalogazione, specie in anni selvaggi come i '70 e gli '80. Ma anche nei '90.
Così, se oggi le buste sorpresa hanno perso quel fascino da poraccitudine, affrancandosi dagli acquisti occasionali o dei meno fortunati (il loro contenuto è sempre stato similare ai giocattoli-tarocco da bancarella tipica delle sagre) e diventando vere e proprie pubblicazioni editoriali mirate -con questo o quel titolo di richiamo-, un tempo la busta sorpresa era un lupanare di misticanza.

immagine web

Ho personalmente visto, in buste sorpresa rosa -destinate quindi alle bambine- un albo di Diabolik e un fumetto di He-Man tradotto alla meno peggio (il protagonista era chiamato col nome francese).
Nella metà degli anni '90 finivano, nelle buste sorpresa, anche riviste come Japan Magazine, Super Action (vedi), albi Marvel.
Non mancavano mai i disegni da colorare, i trasferelli, il pennarellone ad ammoniaca, bambole tipo sottosottosottosottosottomarche delle Barbie e gadgettini vari ed eventuali.


Il problema è che molte cose sono tarocche, sin dalla confezione. Guardate l'immagine di apertura: sulla busta è rappresentato quel che dovrebbe essere il primo Megazord dei Power Rangers.
Ma non è che una cinesata.
Cosa nascondono le buste sorpresa?
Se oggi -come già da tempo all'estero- si tratta contenitori di prodotti più o meno di qualità, a cui si aggiunge solamente il fattore sorpresa (appunto) che non deve essere visto in negativo (ossia il ritrovarsi solo inutili porcherie e cianfrusaglie), è pur vero che qualcosa non torna mai, visto che ti imbatti in notizie come questa:
Militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Taranto e della Compagnia di Martina Franca hanno individuato due attività commerciali, entrambe con sede nella cittadina della valle d’Itria, presso le quali sono stati rinvenuti e sequestrati 78mila articoli tra opuscoli, album da disegno e “buste sorpresa” riportanti personaggi di fumetti o di cartoni animati (Masha e Orso, Frozen, Minions, Batman, Winx Club, Pokemon) privi di licenza o autorizzazione da parte dei soggetti titolari di copyright. A seguito dell’esame della contabilità delle due società è stato accertato che le stesse hanno acquistato da grossisti complessivi 333mila pezzi, parte dei quali già venduti a diverse aziende aventi sede sul territorio nazionale.
fonte: http://www.trmtv.it/home/cronaca/2017_10_18/153054.html
un sequestro della GdF

Voi avete mai acquistato delle buste sorpresa?
Cosa (di strambo) ci avete trovato dentro?

72 commenti:

  1. Ne ho ancora preso per mio nipote, ma bisogna chiedere a lui il contenuto :-D

    RispondiElimina
  2. In tutta la mia vita ho avuto una sola busta sorpresa che mi diede una grande, grandissima delusione! Però la storia che c'è dietro è comica! In pratica, verso i sette anni, scoprì i gratta&vinci e chiesi a mio padre di comprarmene uno. Ebbene, sarà stata la fortuna del novellino ma il gratta e vinci era vincente (se non erro vinsi 10 mila lire) alchè l'edicolante (stronzo) mi disse: "vuoi i soldi o vuoi che ti regali una busta sorpresa?" beh...indovina cosa scelsi!
    Ero stra convinta di trovare cose bellissime e invece nada; un album da colorare, qualche pennarello mezzo secco e una macchinina radiocomandata tarocchissima =°
    Da quel giorno mi rifiutai di chiederne una e idem per il pasqualone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei stata iniziata da subito al gioco d'azzardo... ahaha! L'edicolante furbo ovviamente ti ha fregata, tutto di guadagnato per lui, ti ha fatto spendere la vincita presso il suo esercizio XD
      Ovviamente, hai trovato fuffa... ah, gli anni '90... XD

      Moz-

      Elimina
    2. Ma che, la busta costava meno dell'importo della vincita quindi in pratica c'ha guadagnato molto di più! Comunque da quel giorno non solo non ho più voluto le buste sorpresa, ma nemmeno giocare al gratta e vinci :D

      Elimina
    3. Madonna che bastardo, doveva darti almeno il resto... spero che la mafia gli abbia messo fuoco al negozio!! XD

      Moz-

      Elimina
  3. Si sono evolute nei famigerati "loot box" di cui ormai i videogiochi - soprattutto i multigiocatore online - sono ormai inzeppati fino al midollo. Spendi X e avrai una grande sorpresa - e la sorpresa fa cagare. Allora spendi di nuovo X e ne avrai un altro - ma che delusione pure questo. È lo stesso perverso meccanismo su cui si basano videopoker, gratta & perdi e cose del genere; il problema è che sia questi pacchi (in tutti i sensi possibili) sorpresa d'antan sia i "loot box" (e di pari passo gli acquisti in-app sui giochini che girano sui minkiofoni) se la gioca(va)no sui MINORENNI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi commento sopra per avere doppia conferma di quel che dici, ahahaha XD
      Non conoscevo la deriva videoludica della questione, ma forse ho capito cosa intendi... tipo comprare dei pacchetti di power-up che ti permettono di andare avanti nelle app gratuite...

      Moz-

      Elimina
  4. Ai miei tempi (eh si, sono vecchio!) le buste sorpresa erano quelle con i fumetti. Ogni editore aveva le sue; F.lli Spada, Dardo, Corno, ecc. Se poi andavi al mare allora sì che nelle edicole ci trovavi il mondo a meno di metà prezzo! Altro che tarocchi, c'erano le "buste" fatte dal distributore con le rese, erano di plastica trasparente e quindi vedevi abbastanza bene cosa contenevano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, un tempo erano diverse... c'erano fumetti western, i neri, i gialli... erano proprio cose mirate (come molte cose oggi), mentre dagli '80 ai '90 si erano imbastardite, divenendo trashissime :D

      Moz-

      Elimina
  5. Le buste a sorpresa sono state e sono un business incredibile. Ciao Miki.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte anche criminale, come abbiamo visto... :D

      Moz-

      Elimina
  6. Le mie preferite in assoluto erano quelle, citate anche qui sopra da Luca Brunori, con dentro gli Albi Spada, soprattutto con i Superalbo di Mandrake, Uomo Mascherato o Rip Kirby. Sto parlando, in altri termini, della fine anni '60/inizio anni '70.
    Poi, sempre come lui, acquistavo le buste Dardo, con i fumetti di guerra. Mentre le buste Corno me le ricordo sempre e solo trasparenti e mancava quindi l'elemento sorpresa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, quelle erano buste che accorpavano i resi (sono tornate di moda per un paio di stagioni estive, qualche anno fa, ora sparite).
      Poi negli anni '80 e '90 si sono incafonite, mettendo alla rinfusa ogni cosa possibile... XD

      Moz-

      Elimina
  7. In primis è scioccante che il crimine si intrufoli anche nella contraffazione delle buste sorpresa. O sono alla frutta o non esiste limite allo squallore. Venendo alla parte più piacevole del tuo post, in primis permettimi di entusiasmarmi da pazzi :-))) di fronte alle parole "Lupanare di misticanza". In secondo luogo, ricordo anch'io quelle buste sorpresa, poi dentro alla fine non è che ci fossero cose indimenticabili ma era proprio il fascino del mistero, della sorpresa del non sapere cosa si sarebbe trovato che le rendeva irresistibili :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, "puttanaio di misture" va bene uguale? XD
      Io credo che le buste sorpresa avessero il fascino del trash: come dici tu, il gusto della sorpresa ma... della delusione. Cioè, ci si "faceva male" di proposito e a sorpresa, acquistando immondizia a scatola chiusa, per godere del mistero :D

      Moz-

      Elimina
  8. Bello il megazord tarocco :D.

    Io ne presi una a Pesaro, da bambino, delle Tartarughe Ninja. C'erano dei gran albi da colorare e uno di questi era l'unico che aveva appunto le Tartarughe Ninja XD. Una vera e propria truffa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, immaginavo!
      Ci mettevano di tutto, alla rinfusa, anzi ti è andata bene che hai trovato qualcosa delle Turtles XD

      Moz-

      Elimina
  9. Queste buste sono il gioco d'azzardo dei bambini!!! @_@
    Io trovavo sempre porcherie.. hahahahaha!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHA, in un certo senso è vero... e hanno anticipato le mystery box XD

      Moz-

      Elimina
  10. una casa editrice, Lo Sciacallo Elettronico, aveva ideato una "superbusta sorpresona" per liberare i magazzini delle rese, la confezione era una busta di cartone molto grosso e forse addirittura dipinto a mano, bella già di suo. Dentro c'erano tre albetti se non ricordo male e anche un originale di uno degli autori, a me ne capitò una con un disegnino di Misesti. Forse c'era anche qualcos'altro come un posterino per invogliare all'acquisto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, così sì che è una cosa intelligente. Smaltisci ciò che è stato reso ma lo fai facendo felici gli acquirenti che non rimangono fregati, anzi!^^

      Moz-

      Elimina
    2. A Lucca 2017 un editore, mi para NPE, aveva fatto una cosa del genere indicando sulle buste il "genere" a cui appartenevano gli albi. Non presi niente perché poi non le avrei aperte!!

      Elimina
    3. NPE è un grande editore e non si smentisce.

      Moz-

      Elimina
  11. Martina Franca è a pochissimi chilometri da casa mia.
    Comunque, nel negozio che consigliavo ieri ai nerd, troveresti persino le buste sorpresa dei nostri tempi. Io lo uso come un museo. A volte ci vado anche solo per guardarmi intorno e ricordare. ;-)

    RispondiElimina
  12. io adoravo le buste sorpresa, quelle da 5000£. Erano meravigliose.
    Poi di fatto ci trovavo dentro sempre cose un pochino demmmerda, ma niente: il loro fascino per me era irresistibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHA! Ma infatti mi chiedo se qualcuno abbia trovato davvero cose interessanti... Io ad esempio quel Diabolik e quel volumetto di He-Man ce li ho, ma mi sono stati regalati da bimbi delusissimi XD

      Moz-

      Elimina
  13. Quanti bei ricordi mi fai venire in mente. In particolare compravo due tipi di buste a sorpresa, quelle dentro le quali ci trovavo dei piccoli soldatini di plastica della 1 e 2 Guerra, mezzi e armi compresi (che mischiavo poiché non avevo ben compreso la "differenza"), e i classici indiani e cowboy. Si dovevano staccare da un'asta di supporto che li collegava tutti insieme. Venivano fuori certe battaglie ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimi! Certo, quelle che dici tu sono di un'epoca precedente, molto più serie come contenuto. Poi davvero porcherie a gogo: bastava mettere alla rinfusa i giornali resi dall'edicola, e con una busta sorpresa dove speravi di trovare le Turtles ti ci schiaffavano dentro Quattroruote del 1984 :D

      Moz-

      Elimina
    2. Apperò, un quattroruote "magari usato", d'epoca, adesso avrà un valore. :-D

      Elimina
    3. Potrebbe, certo... ma comprato nel 1988 ti ritrovavi la Cinquecento quando volevi la Ritmo, era frustrante XD

      Moz-

      Elimina
  14. Sì, ovviamente per me da piccola e figlia piccola. Ma a me capitavano solo (per entrambe) buste fetacchia. Ma la magia della sorte era troppo forte^^
    (comunque le vendono ancora, sempre le stesse ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, si vengono ancora ma da un lato sono molto mirate e migliorate, cioè tendono a non rifilarti zozzerie se portano marchi seri (Batman, DragonBall e via dicendo); d'altro lato ci sono ancora le fetecchie :D

      Moz-

      Elimina
  15. Comprate a frotte da piccolo, specie per gli adesivi di cui ero patito.
    LA più divertente è stata una da piccolissimo dove appena aperta la busta uscì un enorme ( ai miei occhi da infante ) ragno peloso di gomma che scivolava nel marmo del tavolo e quindi sembrava camminare e venirmi incontro.
    Cominciai letteralmente ad urlare.
    Credo che qualcuno dei miei l'abbia subito gettato nella spazzatura perché non lo vidi più ( per fortuna ).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha! Oddio credo di aver capito anche di che materiale era fatto, simile a quello delle manine appiccicose delle patatine: ci fecero una linea di giochi, se li lanciavi contro il muro "camminavano" attaccandosi XD

      Moz-

      Elimina
    2. Credo fosse di quel materiale, ma a me sembrava vero, boh.
      Di questi che dici tu avevo il polpo rosso e lo facevo camminare sulle finestre e nelle vetrine di casa.

      Elimina
    3. Ehehe, quindi hai capito a quali mi riferivo... :)

      Moz-

      Elimina
  16. A memoria non ricordo di aver mai comprato o avuto in regalo una di queste buste...e sinceramente non he no mai sentito l'esigenza...

    RispondiElimina
  17. Ahaha il lupanare di misticanza! Che pittoresca definizione!
    Comunque io manco sapevo dell'esistenza di queste buste!!

    RispondiElimina
  18. Io ricordo quelle fumettose, come sai ne ho parlato anch'io nei miei ricordi estivi..quelle con giocattoli le ricordo meno.. ogni tanto nelle edicole vedo le action figure super tarocche, quelle che piacciono tanto al Doc Manhattan :D tipo gli "avengers" con Batman e Shrek o cose del genere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha sì, i mitici giocattoli da sagra... ci vuole una faccia di bronzo per fare una cosa simile! Oh, eppure io ho recuparato VERI Dairanger (serie sentai del 1993) chissà come finiti sulle bancarelle...

      Moz-

      Elimina
  19. mi hanno sempre spaventato/incuriosito le queste buste. Assieme a tutto il resto del mondo tarocco da edicola che d'estate si manifesta in tutto il suo deflagrante potere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo: l'estate è proprio il momento ideale per vedere uscir fuori tutte queste cose assurde!! XD

      Moz-

      Elimina
  20. Ma sai che non ne ho mai avuta una? Va detto però che una bambina sofistica, a me già Tanya sembrava una Barbie taroccata XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aaha, e un po' lo era: poi alla fine si era assestata su una qualità decente, addirittura sponsorizzava Miss Italia...^^

      Moz-

      Elimina
  21. Non ricordo di averne mai avuto io in prima persona, ma posso dirti che anche oggi ce ne sono di un pò taroccate o comunque piene di cianfrusaglie un pò di scarto diciamo. Ne abbiamo presa qualcuna per la mobella anni fa sia in quelle edicole-bar-tabacchi-articoli da regalo-articoli da spiaggia che sono nelle zone di mare che nei supermercati presenti in centri commerciali, eh :)

    Ad ogni modo... non sono una brutta cosa, dai! Il fascino della sorpresa ;) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la "monella", ovviamente.

      Elimina
    2. Eh, il fascino della sorpresa rovinato dal contenuto... aspetti qualcosa su Batman e ti esce Quattroruote, aspetti Barbie e ti esce Diabolik... XD
      Insomma, il rischio trash è davvero davvero alto :D

      Moz-

      Elimina
  22. ecco mozzino, non mi capacito del perchè ste buste funzionino ancora

    RispondiElimina
  23. Buste sorpresa no, al massimo ho acquistato (anche in tempi relativamente recenti) una di quelle raccolte di fumetti vecchi incellophanati assieme, di solito costituiti da due fumetti conosciuti e messi rigorosamente all'esterno, più un fumetto sconosciuto collocato nel mezzo e del quale si legge solo il nome sulla costolina ma essendo sconosciuto non mi dice nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli sono ottimi recuperi, specialmente estivi. Ora saranno già 6-7 anni che non ne vedo, ma un periodo tornarono di moda (anche con i Topolino, oltre che albi Vertigo o Marvel) ^^

      Moz-

      Elimina
    2. A me capita ancora di trovarne, anche se prevalentemente uniscono due o tre Tex, oppure due Topolino e un terzo fumetto "sfigato"...

      Elimina
    3. Eh, ma in estate è oro colato, sai? Ti prendi due Tex e due Topolini (più uno sfigato) a poco prezzo... :D

      Moz.

      Elimina
    4. Tex non lo leggo manco gratis, e su Topolino rischio di trovare storie a puntate.

      Elimina
    5. Ahahaha, lapidario su Tex! XD

      Moz-

      Elimina
  24. Mai comprate buste sorpresa, sinceramente non mi hanno mai attirato, al massimo di bustine che compravo erano quelle delle figurine ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai prese manco io, ma ho goduto delle assurde sorprese capitate ad altri XD

      Moz-

      Elimina
  25. come dimenticarle!!! ricordo come se fosse ieri quando passavo davanti all'edicola di fiducia e le vedevo appese gonfie, in quel momento iniziava il sogno rispetto al contenuto... poi dentro il nulla
    Ora vanno di più le piccole bustine con dentro personaggi di tutti i tipi, dai 3 ai 4 euro l'una una roba da incubo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che oggi ci sono quelle mirate e "vere", nel senso che se c'è Batman, dentro trovi Batman per davvero perché le fanno le case editrici di quel personaggio... ma di contro ci sono anche i bustoni misti dove ti ritrovi la ciofeca facile XD

      Moz-

      Elimina
  26. Quante cazzate ci trovavi dentro e spesso era una gran delusione ma quanto le amavo! Uscivo dall'edicola con 'sta busta in mano con sorriso a 64 denti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha sorriso che passava appena aperta XD

      Moz-

      Elimina
  27. noooooo! Sono arrivato in ritardo per questo post! Scusa Moz! (sono mesi e mesi che non leggo nè commento il tuo blog, ho trovato lavoro sai com'è... impegnato SEMPRE)
    Comunque... correva l'anno 1995, quell'estate mi trovavo con tutta la mia famiglia e mio fratello appena nato in un villaggio turistico (che frequentai a periodi alterni fino al mitico 9 luglio 2006 popoporopopopooo!)
    In questo villaggio era presente un minimarket con edicola annessa: lì comprai la mia prima e ultima busta sorpresa. Dentro c'erano le solite cose, pupazzetti, albi da colorare con la penna magica... ma quello che mi fece incazzare è che dentro c'era un album di figurine -di animali mi pare- bello ma... inutile! Perché inutile? Perché NESSUNO le vendeva! Quelle figurine non erano in vendita! Eppure non era roba vecchia fuori commercio! Boh!

    p.s. se cerchi vecchi Topolino incellofanati, vieni a Milano Centrale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giauz, buon per te col lavoro! :)
      Ahha che fregatura l'album... dev'essere successo anche a me, sai? Avere un album o vecchissimo, o con figurine che nessuno vendeva (e spesso ciò succede se la raccolta è localizzata, ad esempio regionale)^^

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo intervento!