[ME] viaggio multimodale dentro me stesso


Non so se seguite il blog di Marco, Arcani: dovreste farlo.
Il nostro chimico/alchemico proprone sempre articoli molto interessanti, tra cui veri e propri cicli di post che si focalizzano su precisi argomenti.
Uno di questi riguardava i Viaggi Multimodali, culminato con il racconto di sé attraverso varie tipologie di arte.

Riprendo il discorso del professore per parlarvi di me attraverso alcune opere: non per forza le mie preferite, ma quelle che mi descrivono meglio. Ecco perché.

ARTE

Per descrivere me stesso con un quadro, scelgo un'opera di mister Dalì.
La tentazione di Sant'Antonio: la spoglio di ogni valore religioso (semmai ne avesse uno), non c'è nulla di più lontano da me in tal senso; ma questo dipinto mi rappresenta perché sono sempre stato attratto da realtà diverse, pur essendo assolutamente concreto, scettico, materiale/materialista.
È la mia controparte, forse pericolosa o forse libera(toria).

LETTERATURA

Come potrei non citare i saggi di Freud sull'interpretazione dei sogni? Il mondo onirico è qualcosa che mi affascina, un mondo di metafore e ricordi, di vissuto e di sensazioni che si assemblano magicamente in una logica oscura, che solo il sommo dio Morfeo può comprendere.
Ma, scavando dentro noi stessi, ecco che il mondo dei sogni ci appare chiaro: i suoi messaggi, le sue premonizioni (che non hanno nulla di paranormale), i suoi segni vengono a dirci chi siamo.

CINEMA

Stand by me è l'opera che più mi descrive.
Innanzitutto per l'età dei protagonisti, dodicenni. Dodici anni sono un tempo di mezzo, sospeso tra infanzia e adolescenza.
Poi per i protagonisti stessi, ho qualcosa di ognuno di loro, in parti più o meno accese.
Infine, per l'avventura, l'estate, l'amicizia. Ricordi di qualcosa che ho sempre amato e non mi abbandona mai.
Ne parlerò a fine stagione, come potete vedere:

MUSICA

Goccia a goccia, dei Litfiba.
Parla di me, parla di chi pensa di avere ancora molto da scoprire: ma non chissà dove, non sulla Luna. Qui, ora, nel mondo di tutti i giorni. Una magia costante che ho sempre voglia di mettere in moto, sperando di riuscirci.
"Parole e suoni, giocando col domani".
Riascoltiamola:


Ho aggiunto altre due voci:

FUMETTO

Potrei dirne tanti, tra amati o tra quelli che mi rappresentano, ma scelgo la rivista Bunny Band con i fumetti dei Looney Tunes (ma anche Tiny Toons, Tazmania, Animaniacs: insomma, il mondo Warner). Ho scelto questo titolo per un'unica ragione: rappresenta perfettamente una parte di me che è sempre alla ricerca di quella "piacevole e comoda differenza", come la chiamo io, rispetto al resto del mondo.
Il resto del mondo è, nello specifico caso, il magazine Topolino (che pure leggevo e leggo).
Ma ecco, Bunny Band è il mio andare sempre alla ricerca di qualcosa di particolare, ma non per distinguermi né per provare chissà che brivido: è un qualcosa di confortevole, ma che mi pone sempre un po' scomposto.
Se vuoi saperne di più sulla rivista, clicca sull'immagine:

https://mikimoz.blogspot.com/2017/10/bunny-band-rivista-fumetti.html

CIBO

Pizza e piadina. Sì, perché ho un'anima fondamentalmente tradizionale, anche se magari non si direbbe. E invece sono proprio tipo da pranzo domenicale in famiglia, da feste comandate, da rituali.
La pizza, la piadina rappresentano per me sia tradizione, sia velocità da junkfood (e serate con divano e tv), sia fantasia: puoi usare ogni gusto che ti pare, puoi farcirle come vuoi.


Ovviamente, se volete raccontare voi stessi attraverso questo viaggio multimodale, siete i benvenuti nel proseguire il gioco di Marco!

49 commenti:

  1. Non mi sarei mai aspettato da te Freud, ma Stand by Me secondo me ti tratteggia benissimo!
    Invece sugli ulteriori due modi che hai aggiunto: te l'avevo già detto, ma io da qualche parte ho la collezione completa di Bunny Band dal n°2 fino a una decina di numeri circa dalla chiusura. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, dai... vedi di trovare quegli albi!!**
      Freud lo ammiro, da sempre!

      Moz-

      Elimina
  2. La piadina? Ma tu non sei romagnolo XD. Mi intriga, questo viaggio multimodale introspettivo varato da Marco, ma non è così semplice :). Descriverci con un libro è veramente cosa complicata. Forse servirebbe un suggerimento da esterni (anche per il quadro).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, mangio anche la pizza e bevo caffè ma non sono napoletano XD
      All'inizio anche io sono rimasto perplesso, poi ho trovato delle opere che descrivono sfumature di me^^

      Moz-

      Elimina
    2. ahahah XD la piadina è solo nostraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa :D

      Elimina
    3. Ne faccio certe da ribaltare la Romagna con tutto Raoul Casadei XD

      Moz-

      Elimina
  3. Bellissima la scelta del film, del quadro di Dalì e anche di Freud: in effetti sono tratti che si vedono anche nei tuoi post e nella tua passione per David Lynch.
    La pizza, di recente, ho scoperto che non posso più mangiarla per via della mozzarella e del pomodoro: Moz, sto soffrendo tantissimo :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in effetti Lynch racchiude il surrealismo e l'oniricità :)
      Per la pizza... argh! Devi rifarti con qualcosa di simile, senza quegli ingredienti. Prova apputo le piadine :)

      Moz-

      Elimina
  4. Mi hai stupito sia con Dalì che con Freud. Effettivamente forse a Dalì potevo arrivarci, con i suoi quadri quasi di universi paralleli, a Freud no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sigmund Freud, analyze this :D
      Eh, io amo il mondo dei sogni...

      Moz-

      Elimina
  5. Premesso che sono io stesso che osservo me stesso; considerato che mi baso su mio soggettivo giudizio; vista la capacità riflessiva della mente di riferirmi; tenuto conto della percezione che ho della realtà; valutata la consapevolezza del mio stato attuale; preso atto della posizione che ho assunto in questo momento per descrivere me stesso, direi che ... mi sento tanto "Pensatore" di Rodin ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, e vista l'arzigogolata e pensata presentazione, ci sta alla grande^^

      Moz-

      Elimina
  6. A me quel quadro fa un po' impressione! ^^
    Non ho mai pensato a un dipinto che potrebbe descrivermi... ci penserò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto! :)
      Io amo Dalì, mi diverte troppo XD

      Moz-

      Elimina
  7. però, bella questa cosa ideata da Marco..quasi quasi ci provo :)) buona serata Micky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto di leggerti, allora.
      Thank, altrettanto!^^

      Moz-

      Elimina
  8. Quindi sei una persona concreta che però convive bene con i suoi sogni e non li tiene sullo sfondo della vita come molti. Bello questo viaggio. E bello questo post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo di sì, sono affascinato da altri mondi meno incatenati, anche se resto sempre sul pianeta Terra.
      Grazie mille^^

      Moz-

      Elimina
  9. Io adoro Dalì, sono andata tantissimi anni fa a vedere il suo museo a Figueres e non me ne volevo più andare!
    Dovessi fare questa cosa su di me avrei difficoltà, non sono brava a descrivermi.
    Forse... senza pensarci troppo, direi:
    Arte: La colazione dei canottieri di Renoir (perché adoro l'impressionismo e Renoir in particolare e mi ci rispecchio molto in questo dipinto)
    Letteratura: Il conte di Montecristo (perché sotto sotto medito vendetta contro chi mi ha fatto soffrire, e poi questo è un romanzo che adoro e che ho letto più volte)
    Cinema: Thelma & Louise (Perché per me l'amicizia è una roba seria)
    Musica: Giocala di Vasco (perché descrive esattamente un periodo della mia vita)
    Fumetto: Peanuts (perché sono un po' Sally Brown)
    Cibo: impepata di cozze (perché è il piatto che mi ricorda l'infanzia, lo adoro, e io all'apparenza sono timida e pacata ma nascondo un animo pepatissimo).
    Ora di sicuro mi verrà in mente altro, ma direi che ce l'ho fatta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Innanzitutto ti auguro di attuare la tua vendetta, chi ti ha fatto soffrire merita di soffrire a sua volta.
      Bellissimo il film, bellissima l'amicizia.
      Sai che io amo l'impepata di cozze? A volte ne mangio una pentola intera... ehe :)
      Ottimo!

      Moz-

      Elimina
  10. Ma che bel gioco, ho scoperto tante cose su di te. Bene!
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Domattina ve ne svelerò ancora altre! :)

      Moz-

      Elimina
  11. Pensavo agli arrosticini... ma ti perdono! ahah Stand by me è tratto da un superbo racconto di King, senza il Maestro, quel film non sarebbe mai nato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo citare le cose che mi raccontano, non le mie preferite! XD
      Stand by me film è l'ennesimo caso di opera tratta da King riuscita meglio dello scritto. Ma con King ci vuole poco, specie se si confronta con gente come Reiner o Kubrick 😂

      Moz-

      Elimina
  12. Bene! Ora be sappiamo di più su di te 😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto, era quello lo scopo^^

      Moz-

      Elimina
  13. Avevo già letto di questo viaggio multimodale da qualche parte, bell'iniziativa! e ottime le tue scelte! Bunny Band non l'avrei mai detto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha rappresentato molto per me, mi mettevo alla ricerca di arretrati e via dicendo...! 😎

      Moz-

      Elimina
  14. Bello questo gioco, quasi quasi ci provo anch'io :)
    -ARTE: qualunque quadro di Degas con le ballerine, perché ho fatto danza per una vita e mi sentirò sempre ballerina inside :)
    -LETTERATURA: "Uno, Nessuno e Centomila", perché come il protagonista mi sento spesso in bilico tra come appaio agli altri e come sono (e ho paura di confondere le due cose);
    -CINEMA: "L'amore non va in vacanza", perché amo il Natale in tutte le sue sfaccetature. E nonostante mi dipingano come un cuore di pietra sotto sotto sono una romanticona convinta :D
    -MUSICA: "F**kin' perfect" di Pink, perché in qualche modo bisogna celebrare la propria imperfezione :)
    -FUMETTO: Topolino per la tradizione, i manga perché vorrei visitare il Giappone :)
    CIBO: Pasta, pasta e ancora pasta ^_^ W i carboidrati e i pranzi in famiglia!

    P.S. La canzone dei Litfiba non la ricordavo, bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, penso sia un gioiellino di canzone!
      W Wa pasta! W i pranzi in famiglia! 😎
      Bello ciò che hai detto di Uno nessuno centomila!

      Moz-

      Elimina
  15. Beh, pizza e piadina secondo me sanno mettere un po' tutti d'accordo! ;)
    Non conoscevo il blog "Arcani" quindi ti ringrazio per questa piacevole scoperta. Anch'io sono sempre rimasta affascinata dall'opera di Freud ma ho sempre mantenuto una certa distanza reverenziale. Senza dubbio la tua scelta si sposa alla perfezione anche con quella di Dalì!
    Sul film attendo con grande curiosità il tuo pensiero per il Geekoni :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, forse Freud e Dalì possono concatenarsi! 😋
      Anche io non vedo l'ora che parta il Geekoni! 😋

      Moz-

      Elimina
  16. Mi sa che lo faccio anch'io questo post! Bello!

    RispondiElimina
  17. Bellissimo il quadro di Dalì!

    Proviamo a partecipare al giochino... :)

    - arte: per qualche motivo mi trovo a mio agio osservando dipinti di Pierre-Auguste Renoir, credo che una parte di me sia in risonanza con quelle tonalità ed atmosfere. In particolare "La colazione dei canottieri" offre una musicalità di pose e sguardi che mi invita a tuffarmici dentro, per conoscere quelle persone, ascoltare i loro discorsi, sentirmi immerso in una realtà diversa da questa, e lì rigenerarmi.

    - libri: qua c'è l'imbarazzo della scelta, potrei citare qualunque opera giovanile di Hermann Hesse, intrisa di amore universale, vagabondaggio... Ma anche un romanzo tipo "Delitto e castigo" di Fedor Dostoevskij riflette abbastanza il mio carattere, dato che ritengo un dovere civico combattere chi sopraffà con la forza i più deboli, che siano poveri, bambini, animali, anche a costo di doverne poi renderne conto alla giustizia, ma certo di aver agito nel giusto.

    - film: in questi ultimi mesi credo che "Scusate il ritardo" di Massimo Troisi sia perfetto... Questa continua sensazione di essere fuori dai tempi della società solo perché ho i miei ritmi per sviluppare una decisione, questo essere sopraffatto dai problemi altrui come se non ne avessi di miei, l'equivoco e l'incomprensione...

    - musica: anche qui, vado a periodi... Ora mi rulla "Non è tardi" di Marco Conidi, e ne abbiamo già parlato.

    - fumetto: qui pochi dubbi, Mister No, l'uomo che decide di trasferirsi in una cittadina nel cuore dell'Amazzonia per riuscire finalmente a dire che va tutto okay!

    - cibo: qualunque piatto riesca a preparare con le mie mani e che soddisfi chi poi è a tavola con me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo sul piatto! 😍
      Mi piace la risposta sui libri di Hesse, insomma... Ti sei descritto alla perfezione, così come per i mondi di Renoir... 😎

      Moz-

      Elimina
  18. Bellissimo questo post, un modo super per raccontarsi! E' molto grave che io non conoscessi la canzone?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, grave no, ma ti sei persa una canzone bellissima! Recupera, ne vale la pena :)

      Moz-

      Elimina
  19. Poco avvezzo all'arte e letteratura per poter trovare qualcosa con cui descrivermi, tuttavia Arcani lo seguo e questo è un gran bel post ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Beh, Arcani val la pena di seguirlo, davvero^^

      Moz-

      Elimina
  20. Arte: mi riconosco in Caravaggio, Bosh e gli impressionisti.
    Il primo perché mi sento ben definito , vero ,sanguigno .
    Bosh perché perché è un alchimista e i suoi quadri ritraggono quel medioevo della caccia alle streghe che mi ha sempre affascinato.
    Fa parte di me.
    Impressionisti perché vedo oltre l’apparenza.
    Con me non puoi fingere me ne accorgo subito.
    Tu vedi un albero , l’impressionista vede oltre “l’abito” frammenta la luce e i colori e fotografa l’impressione non la forma.
    Essendo io trasparente ( non riesco a mentire e se lo faccio mi sgammano subito ) riesco anche a capire la sincerità di chi ho di fronte.
    Libro: quello che devo ancora leggere...non ne ho nessuno che mi racconti.
    Fumetto : li amo , ma anche qua faccio fatica a risponderti.
    Forse Goblin di DYD bellissima storia di denuncia contro la vivisezione o Johnny Freak , oppure degli amati F.Q : questo uomo questo mostro ...c’è ne son tanti .
    Musica : True blue di Madonna e relativo concerto nel 1986 a Torino visto in tv.
    E il periodo dove tutto era possibile , più spensierato.
    Poi la musica è un continuo divenire per fortuna.
    Adesso mi ritrovo nelle canzoni dei The giornalist.
    Cinema: per lo stesso motivo che ho descritto per la musica.
    Evil dead di Raimi quando era bello aver paura , la mia passione per l’horror accompagnava la mia vita sociale.
    Quel film era comunque digeribilissimo anche da chi non aveva la mia stessa passione.
    Aveva , ha qualcosa di magico, è così pop , Rock è tutto.
    Un gradino più sotto ( se decidi che il film deve raccontarti..) ci sta : le ali della libertà.
    Mangiare: rileggi quello che hai scritto sull’argomento di te.
    È la stessa cosa per me
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, hai citato un concerto mitologico... non so quanti milioni di telespettatori fece la signora Ciccone, su Rai1 :)
      La cosa che dici sul rock e pop vale in effetti per tantissime cose, è una magia che oggi non ritrovi più... prima anche gli horror sapevano divertire :)

      Moz-

      Elimina
  21. Mha visto che sicuramente a te piacciono...anche El Diablo dei Litfiba mi ha raccontato il periodo che è uscito.
    Ma Madonna con True blue ...è inossidabile!
    😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, i Litfiba descrivono un sacco di momenti della mia vita, davvero...!^^

      Moz-

      Elimina
  22. Non ho mai letto direttamente un libro di Freud, ma studiarlo anni fa mi ha aperto un mondo, ha segnato la mia vita. Dovrò rimediare a questa mia lacuna e leggere direttamente le sue parole!
    Anche a me affascina tantissimo il mondo dei sogni, tanto che sono anni che mi appunto alcune scene e suggestioni dal mondo onirico appena mi sveglio in un pratico diario! È interessante leggere i sogni a distanza di mesi. Ricordo che qualche sogno l'ho anche trascritto e pubblicato sul mio blog, talmente mi era piaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo il mondo Onirico, io ne sono affascinato da sempre sotto ogni profilo (ho dedicato a questo argomento anche un piccolo cortometraggio!).
      Fai bene ad appuntarti i sogni, ce ne sono alcuni che io ancora ricordo chiaramente per quanto sono stati FORTI :)
      Cerco le tue trascrizioni!

      Moz-

      Elimina
  23. Non conoscevo quel quadro di Dalì, molto strano, mi piace!
    Interpretare i sogni, come ho già scritto sia qui che da Riky, mi sta sul cazzo 😝 non parlo del libro perché non l'ho letto ma non ho grande stima del papà della psicologia, molti dei suoi studi sono stati superati.

    RispondiElimina