[CINEMA] Spider-Man - Un nuovo universo, la recensione (no spoiler)


E niente: col materiale Marvel si riescono a fare miracoli.
La Sony, che in mano ha il brand cinematografico de L'Uomo Ragno, si prende pure un Oscar per il miglior film d'animazione assieme alla Columbia Pictures che produce la pellicola.
Spider-Man - Un nuovo universo (Into the Spider-Verse in originale) è in effetti un piccolo gioiellino.
Specialmente nel comparto tecnico.

Sì, perché se la storia -comunque bella- non è chissà quanto speciale (chi conosce la serie a fumetti Ragnoverso e i risvolti del personaggio Miles Morales in Ultimate già può immaginare vari punti nella trama...), pur mantenendosi costantemente sopra un ottimo livello narrativo (tranne una sequenza, che forse voleva essere divertente ma risulta stucchevole: quella del treno a cui sono ancorati i protagonisti, costretti a una corsa per le vie della città).

Miles e il suo senso di ragno

Miles Morales
è un ragazzino di origini portoricane che vive a NY, nella NY di Spider-Man.
Il Peter Parker ventiseienne, dottorando in chimica, che per dieci anni ha lottato contro il crimine della metropoli americana.
Ma poi succede qualcosa: Kingpin -qui con propositi alla Mr. Freeze della Distinta Concorrenza- vuole attivare un macchinario che Cern levati proprio, e scombussola gli universi alternativi Marvel.

Peter, Miles e Gwen

In questo modo, tanti Spider-Man di altrettante incarnazioni si ritrovano a convivere in un unico universo (peccato che manchi Yu Komori, uno dei miei preferiti: lo vedemmo QUI).
Missione: tornare a casa. Complicazioni: Prowler, Lapide, Kingpin e altri due supercriminali notissimi al grande pubblico.

L'Uomo Ragno contro uno storico nemico

Ovviamente non è difficile immaginare come tutto andrà a finire; non è difficile immaginare che ogni cosa bene o male si sistemerà.
E in effetti non è certo questo il punto di forza di Spider-Man - Un nuovo universo.
Questo film è mitico perché riesce a racchiudere il mood che contraddistingue i fumetti Marvel, da sempre (specie negli anni '60): è pop.
Pop all'ennesima potenza: come disegni, come stile, come animazioni. Ma soprattutto come colori.

tre Uomini Ragno

Sembra di vivere in un enorme murales; atmosfere urban declinate al neon acido/acceso.
Ricorda molto Batman '66, la serie tv celebre per le onomatopee che apparivano in sovrimpressione.
Ehi! Anche in Spider-Man - Un nuovo universo ci sono le onomatopee in sovrimpressione.
E la patinatura nella colorazione, la quadricromia sovrapposta in modo traballante.
Ecco: è un fumetto.
Con battutine, rimandi, richiami, il cameo (animato) di Stan Lee, robe meta-narrative e via dicendo.
Persino un celebre meme.

scontro con Prowler e Kingpin

Scomodiamo ancora una volta il Crociato Incappucciato (e siamo a tre) perché in effetti non possiamo non citare The Lego Batman Movie (recensione QUI): ecco cosa viene in mente, almeno idealmente, almeno un po', guardando Into the Spider-Verse.

La Marvel ha ancora una volta portato più in là le sue produzioni, con un'opera che ha meritato la statuetta d'oro perché sa divertire con garbo ma è anche molto valida a livello tecnico.
Musiche di nuova generazione ma anche un classicone del 1985 (St. Elmo's Fire: da quanto non la sentivate?), e product placement come se piovesse (cuffie Sony, enjoy Coca Cola, scarpe Nike).
C'è da sperare in un sequel, perché non sono ancora sazio di quei colori!

Chiude il film, almeno nell'edizione home video, un corto su Spider-Ham: il cartoon omaggia i cartoon anni '40 (sul modello di quelli della Warner) ed è simpaticissimo.

il dr. Gamberone ha catturato Spider-Ham

Se non lo avete ancora visto, cosa aspettate?

26 commenti:

  1. A proposito di colonna sonora, mi piace un sacco il pezzo di post Malone

    RispondiElimina
  2. Mi interessa onestamente più che per la storia per le ambientazioni e le atmosfere urban di cui tu bai parlato.

    RispondiElimina
  3. Sai che ho pochissimi ricordi di Spiderman?
    Adesso, però, Lorenzo me lo nomina spesso, perché la scorsa settimana, durante la festa di compleanno di un suo amichetto, l'Uomoragno in persona si calò dal tetto della ludoteca, e giocò con i bambini.
    In verità non mi pare che lo trasmettano ancora in tv, quindi non so spiegarmi come Alex lo conoscesse e lo amasse così tanto.
    Beh, sempre meglio di Peppa Pig....... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi cazzo è Alex? :O
      In tv sicuramente c'è qualcosina, magari non tanto nuovo... ma cavalcano l'onda dei film.
      Al cinema spacca, visto che questo film ha vinto l'Oscar :)

      Moz-

      Elimina
    2. Ahahaha
      Alex è il festeggiato, compagno di classe di Lorenzo.
      Ha compiuto tre anni, e appunto mi chiedevo come mai conoscesse Spiderman.
      Glielo domanderò.

      Elimina
    3. Beh, ok che questo film non è per bambini, ma l'Uomo Ragno in sé credo sia conosciutissimo a tutte le età :)

      Moz-

      Elimina
  4. Dovessi fare cinque titoli di film recenti che mi hanno conquistato, questo sarebbe il primo della lista. In un mercato saturo di film di tizi in calzamaglia, questo ha fatto il vuoto. Dirò di più, per me dovrebbe essere il nuovo standard su come portare i super eroi (e i fumetti in generale) al cinema ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordissimo: questa è la via giusta. Pop ma seria.
      Più che altro, spero che possa essere la via per la DC, che arranca dietro non si sa cosa...

      Moz-

      Elimina
  5. Non è il genere di animazione che apprezzo. Per me o film con attori o animazione classica; se voglio un fumetto, compro un fumetto.
    A proposito di animazione: mi sa che la serie Batman '66 che citi fosse un telefilm, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, una serie televisiva in live-action.
      No, comunque gli inserti "fumettistici" non sono molti, eh: il film è un'opera di animazione in tutto e per tutto :)
      Ed è un piccolo capolavoro!

      Moz-

      Elimina
  6. Io non l'ho ancora visto ma ne parlano tutti talmente bene che quasi non ci credo! Spero di vederlo al più presto!

    RispondiElimina
  7. Putroppo al cine ce lo siamo perso, ma contiamo di recuperarlo presto, magari su tim vision ... e a quanto pare, dici bene, colori decisamente pop!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto è super-pop. E penso che sia la strada più giusta per questo genere di prodotti :)

      Moz-

      Elimina
  8. Ma dopotutto è inutile sorprendersi, la Marvel è la Marvel, Regina incontrastata ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, sanno sfruttare bene le loro proprietà :)
      Ah, anche la Sony sa sfruttarle bene XD

      Moz-

      Elimina
  9. è piaciuto tantissimo anche a me.

    RispondiElimina
  10. Me lo hai presentato bene (la Marvel dovrebbe corrisponderti qualche soldino) però non so se mi hai convinto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova prova... se magari ti piace, chiedo i $ alla Sony, anzi alla Marvel, anzi alla Disney :)

      Moz-

      Elimina
  11. La trama è molto semplice ma funzionale alla storia, poi il rapporto tra il vecchio Spider e il nuovo è veramente ben gestito. Visivamente il film è come dici tu uno spettacolo per gli occhi. Peccato che gli altri spider alternativi abbiamo veramente un ruolo di comparsa e poco più, sopratutto il mio preferito Spider-Noir.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già: ma magari li utilizzeranno maggiormente in qualche sequel :)

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo commento :)