[FUMETTI] quando Diabolik venne sconfitto


È in edicola il secondo numero di Diabolik Magnum, una collana di ristampe selezionate che presenta cinque storie in un solo colpo, impreziosite da articoli e altri inserti (tavole inedite, dietro le quinte...).
Il volume disponibile da oggi contiene due storie fondamentali all'interno della storia diabolika: La vittoria di Ginko e L'ultimo Rifugio, rispettivamente del 17 e 31 luglio 1972.
Innanzitutto una delle rare storie "doppie", cioè che si dipana in due albi consecutivi, La vittoria di Ginko / L'ultimo rifugio rappresenta anche una delle poche volte in cui l'antieroe in calzamaglia nera viene sconfitto.
E qui, letteralmente, perde tutto.

Sono legatissimo a La vittoria di Ginko perché ritengo sia il primo albo di Diabolik che io abbia mai letto.
Non posso purtroppo esserne certo, poiché da bambino rimasi folgorato da un intero lotto di albi misti, oggi tutti finiti nella mia collezione, tra cui appunto figurava La vittoria di Ginko.
Diciamo che, sicuramente, è stato uno dei primi cinque episodi di Diabolik che ho letto nella vita.

Ignorando, tra l'altro, per anni, che si fregiasse anche di un seguito diretto.
Infatti, bisogna attendere un'estate di qualche anno dopo affinché mi finisca in mano L'ultimo rifugio, letto prima da mia madre. Fu lei a svelarmi ch'era la continuazione di una storia già amata in precedenza.
Diabolik perde tutto, si diceva.
Già: questi due albi, per una serie di circostanze sfortunate, mettono seriamente in crisi il titolare di testata, e non è uno scherzo.
Probabilmente mai come questa volta, e nemmeno in futuro, Diabolik si trova a non avere più niente e nessuno.


LA TRAMA

Impegnato in un colpo pericoloso, Diabolik litiga con Eva. La donna, infuriata, va via dal rifugio prendendo una maschera a caso, mentre il ladro procede col suo rischioso piano: sembra andare tutto bene, ma le cose non vanno come devono e Diabolik rischia anche di restare ucciso.


Eva, che indossa la maschera di una pregiudicata, non intende far pace col suo uomo, e si rintana in un hotel per godersi qualche momento di vacanza.
Purtroppo avviene l'imprevisto: la banda della (vera) pregiudicata vuole evitare che la complice possa parlare in un interrogatorio, e così fa fuoco contro la donna.
Diabolik, sapendo che Eva indossa proprio la maschera della gangster, non può far altro che assistere alla sparatoria. E non solo: coinvolto in una esplosione, viene ferito e riconosciuto.


Eva fuori gioco, Diabolik in carcere e a pochi giorni dalla ghigliottina.
Ritenendosi sconfitto e finito, regala a Ginko la vittoria finale: indica all'ispettore tutti i suoi rifugi. La polizia recupera così la refurtiva e smantella definitivamente ogni possedimento di Diabolik.


Tutti, tranne uno: un rifugio segreto di Eva, che però viene travolto da una inondazione rimescolando ancora le carte in una storia intrigante e mozzafiato, dove il protagonista è costretto ad agire anche un po' selvaggiamente, con spietata lucidità.

IL SEGUITO

Per anni, non si è mai fatto riferimento a come Diabolik abbia effettivamente rimesso le mani sui bottini sequestrati dalla polizia, sebbene si intuisca dal finale del vecchio doppio episodio che ha potuto ricominciare la sua attività criminale riorganizzandosi poco a poco.
Bisognerà attendere l'albo de Il Grande Diabolik intitolato Alla ricerca della Stella di Ampur (estate 2011) per scoprire qualche dettaglio omesso all'epoca.


Ora, dopo tanto tempo, queste storie sono ancora disponibili in edicola, dopo che erano già state presentate nella collana I classici del fumetto di Repubblica (2003).
Correte dunque a prendere il nuovo Diabolik Magnum, perché oltre a La vittoria di Ginko e L'ultimo rifugio, ci sarà anche una piccola selezione di tavole da Alla ricerca della Stella di Ampur, oltre che altre tre avventure dove Diabolik e Eva hanno rischiato di finire davvero molto male...


Leggi anche

32 commenti:

  1. La doppia che apre questo Magnum ce l'ho in Ristampa "R" anche se l'avevo letta dal Classico di Repubblica scansionato (utilità delle letture digitali è invogliare a recuperare il cartaceo, checché se ne dica male!). Storia davvero incredibile per come vediamo crollare tutto attorno al nostro ladro mascherato, e con un salvataggio dall'esecuzione che MacGyver levati! 😁

    Piccola osservazione: dici rare storie doppie, ma non è poi così vero, dato che ogni due volte che acquisto un malloppo di albi usati, ci trovo sempre una parte di qualche storia doppia. 🙄 Dici vabbè, in quasi 900 storie sono poche, ma tutte io le becco? 😁
    A proposito, la più vecchia storia doppia quale è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La più vecchia è Sepolto vivo! + Il treno della morte (numeri 8 e 9).
      Anche in un certo senso la 3 e la 4 possono quasi essere considerate doppie.
      Però giuro, sono rarissime! 😁

      Moz-

      Elimina
    2. 3 e 4 ce le ho in un volume rilegato, le considero consecutive ma non propriamente una doppia, dato che sono comunque autoconclusive.

      Rarissime, certo, intanto due volumi Magnum usciti, e ciascuno contiene una storia doppia. 😁

      Elimina
    3. Secondo me non arrivano a essere quindici, su 900 storie! 😂

      Moz-

      Elimina
    4. È presto detto (ovviamente ricopiando un vecchio post di Michele sul forum, ché io col cazzo le ricordo a memoria... di mio ho aggiunto solo l'ultima coppia che è successiva a quel post):

      SEPOLTO VIVO! - IL TRENO DELLA MORTE (1963)
      ABBANDONO - IL SUICIDIO DI EVA (1971)
      LA VITTORIA DI GINKO - L'ULTIMO RIFUGIO (1972)
      TRAPPOLA PER GINKO - LA RIVALE DI ALTEA (2001)
      UN'ISOLA MALEDETTA - FUGA DALL'ISOLA (2007)
      MINACCIA MORTALE - SOLI CONTRO TUTTI (2012)
      COLPO SU COLPO - L'ULTIMO COLPO (2013)
      CAPPIO ALLA GOLA - L'ESCA (2018)

      Quindi sono otto, per un totale di sedici albi.

      Elimina
    5. Ci sarebbero pure In alto le mani! e Sempre vincente, leggibili anche separatamente ma di fatto una storia doppia concatenata.

      Moz-

      Elimina
    6. Penso che siano più affini al dittico L'arresto di Diabolik-Atroce vendetta che a una doppia vera e propria.
      Ma anche aggiungendo quelle due coppie direi che l'aggettivo "rarissime" rimane appropriato!

      Elimina
    7. Sì, infatti: sono davvero pochissime considerati tutti gli anni di vita della testata e il gran numero di albi usciti finora.
      Ogni tanto ci stanno ma preferirei si restasse con questo ritmo rarissimo 😎🔥

      Moz-

      Elimina
    8. Stando all'elenco, ho 5 storie doppie su 8.

      Elimina
    9. Beh, praticamente quasi tutte :)

      Moz-

      Elimina
  2. Di Diabolik ho ricordi veramente vaghi,lo leggeva mio padre perciò in casa c'erano e qualcuno l'ho letto,ma non ricordo granchè.Anche perchè la vera passione di mio padre era Tex e di quelli ne avevo la nausea!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, a nemmeno 8 euro da oggi in edicola puoi trovare il Magnum: cinque storie comete tra cui queste! 😎🤩

      Moz-

      Elimina
  3. Per fortuna invece, per noi fan di Diabolik, riesce a ribaltare la situazione. Il punto debole di Diabolik è Eva, d'altronde per ogni persona innamorata il punto debole è quello se perdi, (nel senso proprio di veder morire) la persona che ami puoi impazzire e Diabolik credendo adì aver perso Eva (perché se ho inteso bene lei ovviamente non era morta) ha sentito di aver perso tutto. Non sapevo di queste due storie io per ragioni anagrafiche ho iniziato a leggere Diabolik qualche anno dopo ovviamente quando tutto era tornato " a posto" :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Datch, il mio consiglio è di fiondarti in edicola, da oggi queste due storiche storie le trovi nel Diabolik Magnum! 🤩
      Ovviamente hai inteso bene, Eva non può certo morire, ma appunto Di ha creduto di sì e perdendo ciò a cui teneva di più, si è sentito finito...

      Moz-

      Elimina
    2. Eva punto debole di Diabolik? Sì ma anche no, dato che non poche volte è fondamentale per salvarlo, e col tempo ha conquistato un ruolo di autonomia nell'organizzare dei colpi (vedi il recente sequestro della prof per convocare il padre di un bullo a colloquio).
      Di certo i loro litigi mi fanno sempre sorridere.

      Elimina
    3. Sì, ma effettivamente è l'unica persona per cui Diabolik farebbe di tutto, e senza di lei non vivrebbe più (lo ha detto più volte).
      Eva comunque è il vero femminismo, non quello sciocco degli slogan, ma quello di due donne che hanno creato il personaggio. Donne forti, indipendenti, eleganti, moderne.

      Moz-

      Elimina
  4. So di andare controcorrente, ma - sullo stesso tema - ho sempre preferito Ginko all'attacco: sarà che ne La vittoria di Ginko la fuga è decisamente improbabile o che nell'albo che ho indicato l'ispettore ha un ruolo più attivo nel mettere alle strette Diabolik, ma tant'è, amo molto di più quell'episodio.
    Quali sono le altre tre storie del Magnum?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le altre storie sono Il diamante nero, La morte in corpo e L'ombra della gelosia (piuttosto recenti). In più ci sono tavole inedite e anche un estratto del Alla ricerca della Stella di Ampur, rimontato.
      Hai ragione, qui Ginko non ha ruolo attivo e praticato è la cattiva sorte a consegnargli Diabolik in mano... Ma era quasi giusto, un ripagare i suoi sforzi 😂

      Moz-

      Elimina
  5. Uh ♡ Si vede cheil disegnatore era in crisi feroce con il disegnato!!
    Mi piacciono questi colpi di scena 💯

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè? 😅😂
      Comunque sì, ogni tanto si mette in difficoltà Diabolik, altrimenti che gusto c'è?

      Moz-

      Elimina
  6. Ma comunque alla fine presumo che Eva non sia morta sul serio, no? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi può dirlo! 😎
      È l'occasione per andare in edicola a prendere Diabolik Magnum n.2! 😁

      Moz-

      Elimina
  7. Questo me lo sono proprio perso! Anche il primo se non me lo segnalavi tu (che ancora devo leggere, mi spaventa la corposità). Penso che lo prenderò, leggendolo chissà quando,tanto mi dovrebbero mancare tutte le storie.
    Da malato di continuity, anche quando è fievolissima come in Diabolik, mi ha affascinato la parte sul bottino e su come si sia rifatto col tempo. Comunque mi chiedo sempre che cazzo ci farà con tutti 'sti tesori! Meglio la nostra roba, tra fumetti e giocattoli, vecchi e nuovi! 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è un episodio che lo spiega bene: i bottini artistici o dal grande valore li tiene in un bunker segreto (davvero poche cose, lì dentro).
      Gioielli e brillocchi, se belli, se li tiene specie Eva che ci farà la fanatica XD
      Il resto lo reinveste tutto per comprare rifugi, Jaguar, robe sofisticate ecc ecc... E ovviamente lui e Eva fanno sicuramente la bella vita :)

      Moz-

      Elimina
    2. Ah ecco!
      Credevo e temevo avesse un bunker enorme tipo la caverna di Alì Babà 😅
      La parte della rivendita (sicuramente al mercato nero) non mi è mai capitata.

      Elimina
    3. Diabolik aveva una ricettatrice di fiducia, tale Samantha.
      Da lei riciclava piccoli oggetti.

      Moz-

      Elimina
  8. Succede a tutti, anche ai "cattivi" più che ai "buoni" ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante -buoni o cattivi- è sapersi riprendere e riorganizzare :)

      Moz-

      Elimina
  9. Ma Eva non è veramente morta, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi può dirlo 😁🤓🤩

      Moz-

      Elimina
    2. Se è morta, oggi abbiamo un clone 😱
      Ah no, quelle sono le trame Marvel e DC 😝

      Elimina
    3. Ahaha, forse non è tanto lontano da un'altra realtà diabolika, ossia quella di DK :)

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo commento :)