[FILM] Turbo Kid, la recensione


Si può dire che, a livello di estetica, è stato Turbo Kid a rilanciare per davvero la retromania imperante.
Non che prima di lui non ci fosse niente, sia chiaro, ma Turbo Kid ha quasi reso formale il tutto.
Gli anni '80, coi loro colori, la loro plastica, le acconciature e la musica al sintetizzatore.
Una vera e propria esplosione, un atto d'amore che viene da due mondi lontani: Canada e Nuova Zelanda.
Terre che sono forse un riflesso della cultura anglofona/americana ma che riescono a sorprendere brillando di vita propria.
Turbo Kid viene da qui.

Non c'è da stupirsi se una delle tagline del film recitava, appunto, Mad Max sulle BMX.
Esatto: il contesto è questo.
Siamo in un 1997 per come si immaginavano i postatomici anni '90 negli anni '80.
Lo so, sembra confusionario, scritto così: allora immaginate tutta quella pletora di film postapocalittici (anche italiani) e provate a ricordare le loro atmosfere.
Erano ambientati solo qualche anno più in là della data d'uscita di quei film, ma era un mondo collassato a causa di guerre, armi nucleari, virus, catastrofi.



In un mondo del genere nasce Turbo Kid: la confezione è superba.
Musica, tono, colori: tutto è come negli anni '80.
Potrebbe anche sembrare un film americano, se poi non sfociasse in un tripudio splatter e grandguignolesco che ricorda però proprio i film della new wave australiana del cinema.


Turbo Kid
è la storia di un eroe dei fumetti, ma anche quella di un ragazzino perennemente in BMX che vaga a caccia di cimeli in un mondo distrutto e governato dal perfido Zeus (Michael Ironside).
Ed è anche la storia di Apple, misteriosa e svampita ragazza che si imbatte nel protagonista.
Ma è, infine, anche la storia di un pistolero in cerca di vendetta o redenzione.
E se un mondo distrutto ha sempre dei tiranni, un mondo distrutto ha anche bisogno di eroi.


Sanguinario e con qualche nota trash (tipica però appunto di quel cinema dell'ozploitation australiana), Turbo Kid si lascia guardare con leggerezza e divertimento, sempre un po' sopra le righe ma anche senza prendersi sul serio.
Riesce principalmente nell'estetica pop che contribuisce a rilanciare, venendo però presto messo un po' in ombra da altre produzioni arrivate appena dopo, Stranger Things su tutte.
Ed è un peccato perché, nonostante il successo, Turbo Kid è rimasto forse un po' di nicchia rischiando costantemente di venire dimenticato dal grande pubblico.
Ma proprio per il successo (e l'amore dei fan), godrà anche di un sequel.


Rilasciato nel 2015, girato da tre registi diversi (François Simard, Yoann-Karl Whissell e Anouk Whissell), da qualche tempo è disponibile, per l'home video, anche in italiano.
Se cercate gli anni '80 di oggi come fossero gli anni '80 di ieri, Turbo Kid è il vostro film.

Leggi anche

35 commenti:

  1. Strana sensazione di già visto... Questo ragazzo/supereroe sempre in bici, Ironside cattivo di turno, toni improvvisamente splatter... Eppure non ci siamo con le date! Vai a vedere che il soggetto è tratto da qualcosa di precedente che ho visto (roba passata su Odeon Tv), e il ghigno di Ironside proviene da un altro film ancora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace come futura definizione, di un film, il "roba da Odeon Tv".
      Descrive benissimo il genere :)
      Comunque, non so davvero se ci sia qualcosa di simile...

      Moz-

      Elimina
  2. Dalla seghe circolari e il teschio per maschera di questo qui, direi che è un film pieno di "emoglobina sprecata". Ed è un vero peccato vista la penuria di donatori di sangue che c'è in giro 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, sì, a tratti è pulpissimo (anche esagerato).
      Ma penso sia sangue cattivo, non andrebbe bene all'Avis :D

      Moz-

      Elimina
  3. Visto su Netflix mesi fa. Tutto sommato non mi è dispiaciuto per niente. Me lo immagino nella mia collezione di film cult insieme a Tartarughe Ninja, Ghostbusters e i Goonies.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che davvero è come dici? Starebbe benissimo in vhs accanto a quei film^^

      Moz-

      Elimina
    2. Sai che non lo so? Potrebbero averne fatto un'edizione apposita (di certo non per necessità, visto che nel 2015 già non si produceva nulla in vhs da anni XD)

      Moz-

      Elimina
  4. Un gioiellino a cui voglio bene, spero che con l’annunciato secondo capitolo non rovinino tutto. Purtroppo viviamo tempi veloci e tutti aspettano il prossimo titolo grosso, questo sarebbe diventato un cult se fosse uscito in un’era meno usa e getta. Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero anche io.
      Hai ragione, ma è stato sfortunato anche perché è stato uno dei primi, e quindi non è rimasto impresso presso il grande pubblico.
      Col secondo, sempre che non esca tra cento anni, si rifaranno "socialmente" :)

      Moz-

      Elimina
  5. Questo mi manca. Ne ho sempre sentito un gran parlare ( non sempre in senso positivo) e proprio per questo lo devo provare. Merita anche solo per la tagline "Un MAD MAX su BMX" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse l'unica cosa che davvero può non piacere è quel gusto trash/splatter di scuola australiana... :)

      Moz-

      Elimina
  6. Urca, non l'ho mai sentito questo! Che roba strana, sa anche un po' di Power Rangers! Addirittura Ironside c'è!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il tizio mascherato è proprio da supersentai, assolutamente :)

      Moz-

      Elimina
  7. Mi manca. Conosco di sfuggita il fumetto e anche del film ho solo intravisto la locandina. Strano che non abbia deciso di recuperarlo... probabilmente c'era solo coi sottotitoli.
    La prossima volta che mi ricapita, sulla TV ondemand o nel DDL, rimedio! Anche se il post apocalittico stile Mad Max lo apprezzo solo con Ken il Guerriero.
    Viva la BMX! Prima o poi devo decidermi a rimettere apposto la mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quindi il fumetto esiste davvero? :o
      Sì, per lungo tempo non è stato doppiato in italiano. Ora l'ho recuperato in dvd con doppiaggio tricolore.
      Questo è un postapocalittico che ha anche qualcosina alla Ken, ma non solo^^

      Moz-

      Elimina
    2. Mica lo so se c'è il fumetto, credo di averlo visto ma magari era tutt'altra cosa! O una trasposizione del film... boooh?
      Il film dovrebbe stare su Netflix, mi pare di averlo letto qua nei commenti o mi sono sognato anche questo!

      Elimina
    3. Qualcosa comunque esiste, non mi sono rincoglionito del tutto! Questo è il prequel a fumetti:
      https://canadiancomicbooks.fandom.com/wiki/Turbo_Kid_-_Skeletron_Unleashed

      Elimina
    4. Ah ecco, è una derivazione del film.
      Insomma, il mito vuol continuare a esistere e stanno nascendo prodotti paralleli. Bene, perché Turbo Kid non merita di finire^^

      Moz-

      Elimina
  8. Non mi aveva entusiasmato tanto quanto avrei sperato (l'ho visto dopo un paio d'anni dall'uscita, probabilmente gli anni '80 mi avevano già saturata) ma è sicuramente più bello di Summer of '84, il secondo film dei registi, noioso e banale, salvato solo da un finale cattivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, quello devo recensirlo ancora.
      Insomma, non si esce vivi dagli anni '80 e non è ancora finita: ora tocca a Wonder Woman :)

      Moz-

      Elimina
  9. Ammetto anch'io di non ricordarlo anzi di non averne mai visto neanche un trailer. ho quindi potuto conoscerlo attraverso il tuo post e poi mi sono andato a vedere il trailer in inglese su YouTube.

    PS:Il "cattivone" con quella lama circolare sembra ferocissimo ma pare anche un po' buffo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, assolutamente: è molto pulp/kitsch, certo serio ma anche divertente.
      Insomma, non male :)

      Moz-

      Elimina
  10. Ho megasuperiperultramato questo film *___* un meraviglioso omaggio agli anni 80 fatto da un trio di registi superlativo. Se vi è piaciuto, vi consiglio Summer of 84 sempre di loro e sempre omaggiante degli anni 80, fatto molto meglio IMO di stranger things e roba varia. Straordinaria recensione come sempre, grazie Moz!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Summer of '84 lo vedremo più in là per parlarne insieme, ma già ti dico che secondo me Stranger Things non lo batte nessuno anche solo per una cosa: è anni '80 ma senza esserlo smaccatamente :)

      Moz-

      Elimina
  11. Visto all'epoca ed apprezzato.
    L'ho trovato sincero quanto zoppicante, per me non è strutturato benissimo a livello di trama e montaggio, però mi piacque comunque parecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, non è un capolavoro, eh. È un gran buon film che forse funziona di più come esponente di una nuova geografica ozploitation che come esempio retronostalgico^^

      Moz-

      Elimina
  12. Mi hai ricordato che devo vederlo, grazie ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi phammy sapere che te ne pare! 💪💪

      Moz-

      Elimina
  13. Non è un capolavoro, ha qualche difetto e in certi punti un po' traballa, ma è un film con un'ottima messa in scena, un buon ritmo e una storia che riesce a divertire e affascinare. Ha anche degli ottimi fan anche se mi aspettavo che fossero di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, credevo anche io che potesse avere più fan rispetto a quelli che ha già... :o

      Moz-

      Elimina
  14. Questo non lo conosco e non l'ho mai sentito!grave,devo recuperare!

    RispondiElimina

grazie per il tuo commento :)