[MEGARIASSUNTO] Jason Voorhees - la storia completa del cattivo di Venerdì 13


L'assassino di Crystal Lake è protagonista di quasi tutti i film della saga Venerdì 13.
Sì, quasi tutti, ma non tutti: pensate che nel primo film della saga non si vede se non in due scene.
Il serial killer non nasce nemmeno come tale, paradossalmente.
Inoltre muore, e prima che resusciti vi è una storia dove è assente.
Non indossa nemmeno da subito la celebre maschera da hockey.
Insomma: pronti a scoprire la storia completa di Jason Voorhees?

ANTEFATTO

Jason, bambino deforme affetto da disturbi mentali, nasce il 13 giugno 1946. Era un venerdì, ovviamente.
I genitori, Elias e Pamela Voorhees, divorziano. La madre porta con sé il bambino a Crystal Lake, al famoso campeggio dove lei lavora come cuoca.
Maggio 1957: Jason, per uno stupido scherzo, viene buttato in acqua da alcuni ragazzi. Non sapendo nuotare, sembra annegare.

Jason annega

VENERDÌ 13 (uscito nel 1980)

Pamela impazzisce dopo aver perso suo figlio, e un anno dopo uccide a tradimento i due tutor che non prestarono -secondo lei- attenzione a suo figlio.
La donna è costretta a lasciare il camping, che però riapre l'anno seguente.
Siamo nel 1958. Pamela torna a sorpresa e distrugge il campeggio, appiccando il fuoco e avvelenando l'acqua potabile.

Pamela Voorhees

1979: dopo tanti anni, il figlio dei vecchi proprietari -aiutato da altri ragazzi- riapre il campeggio di Crystal Lake. Questo fatto scatena ancora la furia di Pamela, che torna lì per ammazzare chiunque sia coinvolto nella nuova gestione dell'attività.
La donna però trova la morte per mano di Alice Hardy.

Pamela contro Alice

L'ASSASSINO TI SIEDE ACCANTO (uscito nel 1981)

Jason, sopravvissuto anni prima all'annegamento e divenuto una sorta di selvaggio dei boschi, assiste alla morte della madre e decide di prenderne il posto, continuando l'oscura vendetta della donna.
La sua prima vittima, qualche tempo dopo, è proprio Alice.
Passano cinque anni, e nel vicino campeggio di Packanack Lodge un gruppo di ragazzi si prepara per diventare sorveglianti estivi.
Jason, che ha la sua baracca proprio lì vicino, se la prenderà con loro.
Riesce a uccedere tutti tranne Ginny, che lo ferisce.

Jason con il sacco che gli copre il volto

WEEK-END DI TERRORE (uscito nel 1982)

Il giorno dopo, ripresosi dallo scontro con Ginny, Jason indossa la celebre maschera da portiere di hockey e mette in opera un nuovo massacro, nei pressi di Higgis Haven.
Stavolta è la giovane Chris a scampare al massacro, mettendo fuori gioco l'assassino con un colpo di accetta nel cranio.

la maschera da hockey

VENERDÌ 13 - CAPITOLO FINALE (uscito nel 1984)

Quando la polizia recupera i corpi di tutti, crede che anche Jason sia morto ma non è così: il killer si libera dalla situazione scomoda e torna furibondo a Crystal Lake.
L'occasione per un nuovo massacro è quella di una vacanza estiva di un gruppo di amici, che si recano nei luoghi tristemente noti affittando un villino situato accanto a quello di una famiglia del luogo: i Jarvis.

Jason contro Tommy

Mentre uno dei vacanzieri è in realtà andato lì per vendetta (perché fratello di una ragazza precedentemente uccisa da Jason), è Tommy -il figlio piccolo dei Jarvis- a scoprire la storia dei Voorhees. In ultimo, sarà proprio lui a uccidere Jason, accanendosi con furia contro il mostro e restando segnato per sempre.

Tommy si accanisce su Jason, uccidendolo

VENERDÌ 13 - IL TERRORE CONTINUA (uscito nel 1985)

Rinchiuso in svariate cliniche, Tommy finisce -sei anni dopo- in un istituto per persone mentalmente instabili. Proprio qui sembra tornare in scena Jason, anche se alla fine si scopre essere un semplice infermiere che aveva indossato i suoi panni, per attuare una vendetta privata.

Tommy perseguitato da Jason (ma non è che un infermiere mascherato!)
  

VENERDÌ 13 PARTE VI - JASON VIVE (uscito nel 1986)

Ma la presenza di Jason continua a tormentare gli incubi di Tommy: un anno dopo, il giovane decide di recarsi a Crystal Lake (ora noto come Forest Green) pronto a distruggerne il cadavere al fine di porre termine alle sue visioni. Ma proprio mentre sta trapassando il corpo del killer con un palo di ferro, lo rianima involontariamente grazie a un fulmine che ridona vita a quello che da adesso in poi sarà un vero e proprio mostro.

Jason torna in vita

Jason, tornato in vita, prosegue il suo cieco massacro mietendo tante altre vittime. Ma Tommy riesce ad attirarlo al centro del lago, e dopo una colluttazione -e grazie all'intervento di Megan, figlia dello sceriffo di Forest Green- il nemico finisce sconfitto sul fondo.

Tommy sconfigge Jason

VENERDÌ 13 PARTE VII - IL SANGUE SCORRE DI NUOVO (uscito nel 1988)

Dieci anni dopo è Tina, coi suoi poteri telecinetici, a risvegliare per sbaglio Jason. Inizia una nuova mattanza, ma sarà la stessa ragazza a riportare il killer sul fondo del lago.

Tina

VENERDÌ 13 PARTE VIII - INCUBO A MANHATTAN (uscito nel 1989)


Ma ancora una volta, qualche tempo dopo, l'assassino riesce a tornare: liberato involontariamente da due studenti, si imbarca verso Manhattan seminando il panico a New York.
Ma Jason sembra trovare la morte proprio nelle fogne della Grande Mela, distrutto da un'ondata di liquami tossici. In realtà, pur sconfitto, sopravvive e torna nella sua Crystal Lake.

Jason approda a Manhattan

JASON VA ALL'INFERNO (uscito nel 1993)

Qui prova a mettere in atto un nuovo delitto ma incappa in una trappola dell'F.B.I., che lo mette definitivamente fuori gioco.
Tuttavia, durante l'autopsia, l'anima di Jason trasmigra in quella del medico legale, che di fatto fornisce un nuovo corpo al mostro.

una nuova strage

Ma Jason ha bisogno di un corpo forte come il precedente, e ciò può essere fornito solo grazie a un suo parente. Così, lo scontro finale è tutto a nome Voorhees, con una nipote di Jason scampa alla morte e non solo: avendo con lui legami di sangue, è anche una delle poche persone che può uccidere definitivamente il mostro.
Trafitto al cuore con una lama portentosa, Jason scompare dal mondo dei vivi e finisce trascinato all'inferno. L'incubo è finalmente finito.
Ma Freddy Krueger, il protagonista di Nightmare, ha ben altri piani...

Jason va all'inferno

FREDDY VS JASON (uscito nel 2003)


Dimenticato da tempo e relegato all'inferno, Freddy assume le sembianze di Pamela Voorhees e scatena l'istinto omicida di Jason.
Freddy vuole colpire i suoi storici nemici di Elm Street, ma ha bisogno che la gente torni ad avere paura, così da alimentare i suoi poteri sopiti.
I due mostri dunque tornano in scena ma vengono sconfitti entrambi, quando finiscono a Crystal Lake. Ovviamente, esseri come loro non muoiono mai definitivamente.

Freddy Krueger e Jason

JASON X (uscito nel 2002)

E infatti ritroviamo Jason nel futuro: ibernato nel 2008, l'immortale di Crystal Lake finisce (dopo più di quattrocento anni) a bordo di un'astronave, che approderà sul pianeta Terra II.
Non sappiamo se ciò è solo l'inizio di nuove carneficine...

Jason nel futuro

Leggi anche

41 commenti:

  1. Osservo che in primo luogo tale madre in questo caso tale figlio :-))) E poi ancora vedo che Jason resuscita con una facilità disarmante da far impallidire un altro più famoso di lui e più buono… Ho visto alcuni di questi film ma io sono più legato alla saga di Freddy Kruger. ho adorato il primo Nightmare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma infatti Jason era già sempre stato "superuomo" prima di diventare mostro.
      Beh, per me ormai Venerdì 13 e Nightmare sono connessi^^

      Moz-

      Elimina
  2. Ai tempi li vidi tutti,da brava fan dell'horror,tranne quello del 2002.Però non è mai stata la mia saga preferita!Preferivo l'ironico Freddy Kruger

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di certo Freddy sa essere molto spiritoso (nonostante i delitti di cui si è macchiato)^^

      Moz-

      Elimina
  3. Super! Oggi siamo entrambi a tema Jason ;-) Bellissimo riassunto e mi fa piacere che tu abbia lasciato volutamente fuori il remake pacco, buon venerdì 13 Bro! Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yeah! Ho già letto il tuo articolo :)
      Il remake? Non aggiunge nulla alla storyline che si è dipanata lungo tutti i primi film... Sciò! XD

      Moz-

      Elimina
  4. Quella a cui sono meno affezionato, fra le tre icone dello slasher americano: quella di Jason senza dubbio è la più rozza e caciarona delle tre saghe.
    Michael Myers über allen.
    E poi vogliamo mettere l'Halloween Theme con Ki Ki Ki Ma Ma Ma? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sicuramente è quella più rozza o comunque meno curata, ma è anche quella che ha la trama che non si contraddice, non contiene episodi poi giudicati spuri e via dicendo.
      Halloween per dire... dove gli metti mano? L'ultimo episodio cancella quasi tutti i precedenti XD

      Moz-

      Elimina
    2. Beh, per incasinare una trama esile come quella di Venerdì 13 ci vorrebbe un talento davvero fuori dal comune! :D

      Elimina
    3. Però intanto non l'han fatto, al contrario di Halloween che non sai cosa vedere XD

      Moz-

      Elimina
    4. Se ti interessa è ancora vacante la carica di produttore esecutivo in questo progetto di cui sarà regista Debi Sue Voorhees, la prosperosa Tina del capitolo V :D

      Elimina
    5. Già solo per Corey Feldman che potrebbe esserci, sarebbe da fare :)

      Moz-

      Elimina
  5. Degli horror di quegli anni, forse, quello che mi piace meno. Ho visto pure le ultime trashate, ovviamente! 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo apprezzo perché ha lanciato il genere "campeggio - estate - ragazzi da massacrare". Anche se poi Sleepaway Camp ha battuto tutti^^

      Moz-

      Elimina
  6. Di questa saga apprezzo i meravigliosi balzi temporali in avanti a CDC :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, vero: praticamente con gli anni di ambientazione hanno fatto un casino, andando avanti nel tempo di tanto^^

      Moz-

      Elimina
  7. Caro Moz, al contrario dei miei figli, io non amo questo tipo di film, loro li adorano...a volte mi chiedo da chi abbiano preso eheh.
    Ciao Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari allora questo post potrebbe piacere ai tuoi ragazzi^^

      Moz-

      Elimina
  8. Li ho visti tutti anche se da Jason il terrore continua in avanti non mi sono più piaciuti. Complimenti per il post dove in poche righe riassumi in modo chiaro oltre 20 anni di film. Bravo Moz, non ti smentisci mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nat, chi si rivede! :)
      Grazie mille!
      Io amo i capitolo 4 e 6, ovviamente dopo il primo.
      Freddy vs Jason non è male :)

      Moz-

      Elimina
  9. Ed io ho visto solo il remake...e mi piacque pure ;)

    RispondiElimina
  10. Con l'horror vale lo stesso stato d'animo "stressato" dei videogiochi, cui non puoi fare nulla se non stare al loro "gioco". A me piace condurre la vita a modo mio, per questo, difficilmente mi vedrai in una sala dove si proietta un film del genere. In un poligono di tiro a segno magari sì. A proposito, una pistola di ottima fattura come la Glock 44 "nuova" può essere venduta mediamente sui 5/6 cento euro se di serie, ma se ne possono aggiungere diverse centinaia se si richiedono dotazioni particolari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, pensavo un po' meno, sai? :o
      Comunque magari il prezzo è dato dalla fattura ottimale e modernissima.

      Moz-

      Elimina
  11. Ha ragione Nat sei stato bravo a condensare 20 anni di film in questo post.
    Io le origini di Jason me le ero pure un po’ dimenticate.
    M’hai fatto voglia di rivedere tutta la saga.
    Dopo aver visto i film di Harry Potter via ai Venerdì 13 e vai!!!
    Amo l’horror .. quello fatto bene.
    E tra i Slasher i primi ( come al solito ) film di Venerdì 13 han fatto la storia poi la serialita’ li ha danneggiati perché son finite le idee.
    Jason va all’inferno l’ho visto e presto dimenticato quindi deve essere stato na cagata .
    Invece di Freddy Vs Jason ho un bel ricordo.
    Ciao e non passare il weekend al lago , a sto punto 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, no, niente lago... di sti tempi solo montagna :)
      Comunque sì, la lunga serialità è un'arma a doppio taglio.
      Se da un lato fa perdere le idee, dall'altro -se gestita bene- fa comunque un po' di continuity :)

      Moz-

      Elimina
  12. Si capisce quindi da chi ha preso ispirazione l'ultima stagione di American Horror Story ambientata nel 1984 proprio in un camping.
    Non l'ho mai amato particolarmente questo franchise, lo confesso, sebbene credo di aver visto almeno i primi tre, quattro film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, o da Venerdì 13, o dal (migliore) Sleepaway Camp ;)

      Moz-

      Elimina
  13. Dovrei prendere il cofanetto per rivedere tutta la saga...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ne ho trovato uno ma era assolutamente incompleto.

      Moz-

      Elimina
  14. Le mie figlie adorano questo genere io son più portato per il genere comico non per l'horror. Un salutone a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbero apprezzare l'articolo, chissà :)

      Moz-

      Elimina
  15. Tra parentesi il personaggio di Alice Hardy muore all'inizio del secondo capitolo per volontà della sua attrice: Adrienne King. La King subito dopo l'uscita del primo "Venerdì 13" cominciò ad essere perseguita da un vero stalker, un fan folle che la seguiva ovunque con atteggiamenti sempre più da innamorato delirante. Per questo motivo l'attrice interruppe la sua carriera cinematografica preferendo dedicarsi alla sua vita privata.
    Solo di recente la King è tornata a recitare.
    P.S
    Sai Mozzino quale sarebbe una bella idea per una nuova pellicola di Jason?
    Una produzione televisiva a distanza di tanti anni costringe i vari sopravvissuti degli scontri con Jason a tornare a Christal Lake per fare i conti col loro passato. Mi stupisco come mai ad Hollywood nessuno ci abbia ancora pensato.
    E' vero però che "1984" l'ultima stagione di American Horror Story almeno nei suoi primi episodi sembra proprio tutta una continua citazione ed un perpetuo omaggio della serie "Venerdì 13" ma anche di "Halloween". ;)
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, diciamo che in questo post mi sono concentrato non sulle questioni tecniche o i dietro le quinte, ma sulla trama narrativa in sé :)
      Sarebbe bella una trilogia finale che copra dal 2004 al 2008, visto che poi nella trama sappiamo che Jason viene congelato proprio quell'anno! :)

      Moz-

      Elimina
  16. Ispirandosi all'ultimo Halloween potrebbero fare un sequel diretto del terzo, ambientato nel presente..sarebbe fico!

    RispondiElimina
  17. Mai stato appassionato di questo personaggio e di questo franchise. Devo dire, peró, che il tuo post è molto esaustivo per conoscerne la storia. Anche se continua a non attirarmi gran bel post!

    RispondiElimina
  18. Remake a parte, ho visto tutti i film della saga... che sono uno peggio dell'altro, però, dai... ci si affeziona al ragazzone delle consegne, come lo chiamava Freddie.
    Non ricordavo però i salti temporali da un film all'altro, sono una vera offesa all'intelligenza. E in effetti mi ero sempre chiesto come mai Tommy Jarvis in un film è bambino, poi è adolescente, poi di nuovo bambino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, aspè, Tommy... una volta che cresce, è sempre adulto.
      Appare in tre film: il 4, il 5 e il 6.
      Nel quarto è un ragazzino (Corey Feldman, peraltro). Nel quinto ha sei anni di più e nel sesto è passato un ulteriore anno.

      Moz-

      Elimina
    2. Allora ricordavo io male: Jason Vive l'ho visto parecchi anni fa...

      Elimina

grazie per il tuo commento :)