[SUNDAY FORUM] parliamo di giocattoli


Sunday Forum è la rubrica per fare quattro chiacchiere in libertà.
Uno spazio pensato soprattutto per i lettori, dove poter dialogare e raccontarci quel che vogliamo, con un tema.
E il tema di oggi è quello dei giocattoli.
Vi piacciono? Vi sono piaciuti?
Siete stati bambini "giocattolosi" o meno? E da adulti?
Che concezione avete del giocattolo? Distinguete tra giocattoli per maschi e giocattoli per femmine?
Insomma, raccontate la vostra personale toy story!

44 commenti:

  1. I giocattoli preferivo costruirmeli con i Lego, almeno finché non giunsero i Masters. 😁
    Essendo inoltre un lettore di fumetti sin dall'età prescolare, suddividevo il mio tempo libero tra letture e giochi, quindi non credo di avere avuto molti giocattoli, anche alla luce del fatto che spesso erano del tutto fuori luogo per i miei gusti: modellini di automobili, giochi di società che non avevo con chi fare... Eppure i "grandi" vedevano come giocavo nella mia stanza, ma pare volessero farmi cambiare, boh...

    Attualmente non disprezzo maneggiare qualche giocattolo che ho conservato, se trovo delle mini figure Lego di qualche personaggio "cult" lo acquisto anche se c'è pochissimo in vendita dall'Italia: ho recuperato Popeye e Gundam, ma vorrei per esempio anche Principessa Mononoke e il cast di Magnum P.I.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nelle fumetterie ben fornite (ma soprattutto nelle fiere!) dovresti trovare agevolmente tutte queste cose che cerchi, sai?

      Moz-

      Elimina
    2. In fumetteria finora ho visto soltanto action figure, niente di Lego-compatibile; e sono geograficamente fuori rotta da qualunque fiera (e non solo). 🙄

      Elimina
    3. Strano... :o
      Solitamente le fumetterie hanno sempre più queste cose.

      Moz-

      Elimina
    4. Se uno colleziona quelle serie "con la testa grossa", lì trova tutti i playset, da Harry Potter al Trono di Spade, passando per vari supereroi... Ma già la scatola Lego di Batman '66 con la Batcaverna, che ti dissi tempo fa, era esposta in un negozio di giocattoli, non in fumetteria.

      Elimina
    5. Puoi ordinarla, secondo me... O al massimo, meglio ancora, la prendi al negozio di giocattoli^^

      Moz-

      Elimina
  2. Ormai mi conosci ed hai visto abbastanza da sapere già le mie risposte su molte delle domande XD
    Sulla distinzione fra giocattoli per maschi e femmine ci sarebbe molto da dire, però sono a letto con la febbre e non ce la farei a scrivere il papiro necessario: la tua domanda la prendo come assist e ci scriverò su qualcosa di mio quando starò meglio, visto che è un argomento interessante ;)
    Per adesso mi limito a dire che è una distinzione di per sè innocua che ultimamente ho visto demonizzata talmente tanto da rasentare quasi il ridicolo, probabilmente perchè certi vi proiettano sopra certe loro idee invece di vederla oggettivamente per quello che è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh dai, rimettiti presto!!
      Vero, è una distinzione innocua e a volte anche "naturale" (nel senso che viene naturale farla), penso che sia anche una questione di istinto tra i sessi...
      Poi oh, ci sono femminucce che secondo me stravedono per i giocattoli dei fratelli XD

      Moz-

      Elimina
  3. I miei preferiti erano la bambolina volante delle Ballerine Volanti, la bambola di Sailor Moon, la bambola Betty Spaghetti, l'Orsetto Tattooo, il robot Emiglio, tutti mai avuti e che volevo così tanto. Quelli che avevo che erano i miei amati e preferiti da cui non mi staccavo mai con cui giocavo sempre erano l'Orsetto Arancione un orsetto pupazzo arancione piccolo di 15 cm, la bambolina Tracy con il corpo di stoffa e la testa e i piedi di plastica, la bambola tarocca di plastica così pieghevolissima e leggera di Pocahontas che poteva volare con un colpo di vento a cui ero affezionatissima comprata in una bancarella ambulante della festa paesana o in uno di quei negozietti che vendono di tutto e giocattoli scadentissimi, e la casa conchiglia tascabile lilla di Polly Pocket Polly andò perduta e ci giocai con altri micro pupazzetti.
    Poi adoravo un pupazzone orsone gigante morbidissimo e leggerissimo giallo preso al circo, una coniglietta pupazzetto rosa di 15 cm con le orecchie colorate ad arcobaleno trovata in un uovo pasquale.
    Mi piaceva giocare con i Lego passavo tanto tempo a giocare con la casa di mattoncini da me costruita e una giraffina sempre fatta da me che me la portavo appreso dappertutto durante i viaggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimi i tuoi ricordi!
      Ho ben capito la Pocahontas tarocca: non per il soggetto, ma ho ben presente il materiale... una plastica vuotissima, già di per sé molto scadente... che faceva anche i bozzi XD
      W i Lego!!**

      Moz-

      Elimina
    2. Sì sì vuotissima per davvero mi ricordo che con le mie piccole manine di bimba della materna contorcevo come fosse niente le gambe e nel lato dove c'era la linea grossa e rozza dell'incollaggio della plastica su una gamba si era aperta pure una fessura !

      Elimina
    3. Esatto, si vede la linea verticale dell'incollaggio... tipico di questi prodotti^^

      Moz-

      Elimina
  4. Il cellulare è un giocattolo, vero?
    Così come i sedili in pelle, le giacche firmate, l'impianto stereo, la bici da corsa e tante altri giocattoli per adulti.

    Personalmente, però, anche se ormai ho più di trent'anni continuo a preferire quelli per bambini, e infatti nella mia stanza ne ho ancora parecchi, pur non usandoli come quando ero un ragazzino.
    I giocattoli mi hanno sempre aiutato a liberare la fantasia, e per questo ho preferito quelli più semplici. Per dire, anche una pista delle macchinine o un aereo radiocomandato sono giocattoli, però nel momento in cui li prendi in mano ti indirizzano subito verso una certa modalità d'uso. Non è che con la pista delle macchinine ci si possa sbizzarrire più di tanto: normalmente si prende il controller e si cerca di non far finire la macchinina fuori pista.
    Invece quando prendi in mano un pupazzo, un semplice peluches, ti si presentano infinite possibilità. Potrà essere un cavaliere, un re, o una principessa. O magari un astuto giocatore di borsa (fin da piccolo ho sempre avuto una fantasia particolare).
    Ovvio che, da questa prospettiva, parlare di giocattoli per maschi e femmine ha poco significato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh ti stupirò, ma io anche con le cose già "indirizzate" creavo altro.
      Per esempio, alla pista radiocomandata mettevo ostacoli, omini Lego da far schizzare via, pezzi che crollavano ecc... XD
      Assemblavo i giochi, tutti quelli che avevo... ahaha ho sempre adorato giocare, lo adoro ancora^^

      Moz-

      Elimina
  5. Ti rispondo per punti:

    >>> Siete stati bambini "giocattolosi"?
    da piccolo sì, ero molto giocattoloso, principalmente LEGO, ma anche AF di Tartarughe Ninja e di Batman, oltre a trenini LIMA e piste polistil, che ci giocavo con mio padre (quanti mondiali di F1 alternativi abbiamo fatto!).
    Ero (e sono!) però al limite dell'autismo, visto che la maggior parte dei giochi di infanzia li conservo ancora interi e nelle scatole originali (mi hanno insegnato così i miei: no ai cestoni in cui tutto si sminchiava e si perdevano inevitabilmente pezzi!).

    >>> E da adulti?
    Adesso continuo a collezionare LEGO, ma causa spazio (che devo dividere coi fumetti) e tempo non ci posso giocare più molto

    >>> Distinguete tra giocattoli per maschi e giocattoli per femmine?
    Sì! Pensa che schifavo i LEGO PARADISA perché avevano pezzi rosa shocking che nelle mani di un maschio ti avrebbero bollato come "frocio" vita natural durante. E credo che fosse giusto così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha io ADOR(AV)O Paradisa!!
      Per me era la versione Miami Vice dei Lego, perfettamente integrata col la città più grigia che poteva stare dietro...!
      Mai pensato fosse una linea gayosa ma effettivamente lo è... Da piccolo non ci si pensava... per me era semplicemente la versione ricca e glam della città.
      Io cestoni, ma alcune cose tipo il Vascello le tengo montate^^

      Moz-

      Elimina
  6. Beh...mi piaceva creare cose, per questo amavo le costruzioni e ricordo anche il meccano. Non finivo mai il pezzo originale, creando una cosa diversa. Poi amavo tantissimo i soldatini, sia quelli dei cowboy che quelli piccoli della seconda guerra mondiale, adoravo schierarli e metterli in ordine in un campo di battaglia, come un generale. Spesso preferivomi soldati tedeschi (forse perchè nei film perdevano sempre).Avendo una sorella più piccola di 4 anni non ho mai avuto interesse per i suoi giochi, che consideravo da bambine. Mi piacevano i robot,le macchinine e le cose violente e distruttive. Sono cresciuto assolutamente pacifista e non violento ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ivano!
      Eheh vero, noi giocavamo alle battaglie (soldatini, G.I. Joe, Masters, robot vari) ma era tutto lì... violenza vera MAI.
      Forse era quello il nostro sano sfogo.

      Moz-

      Elimina
  7. Sono figlia unica e ho sempre avuto un sacco di giocattoli. Da bambina non mi sono mai posta il problema se un giocattolo fosse da maschio o da femmina (nemmeno da adulta, se per questo XD) per cui avevo sì molte bambole, ma una delle cose che mi dovertiva di più era usare le costruzioni Lego, per non dire che avevo una bella collezione di modellini di auto e che allestivo dei circuiti per le corse. Avrei voluto avere anche un trenino, ma in questo i miei non mi assecondarono; ero sì figlia unica, ma non certo di quelle che ottenevano tutto ciò che chiedevano! Ricordo che all'epoca destò meraviglia una bambina che giocava esclusivamente con i soldatini, ma già il fatto che i genitori glieli comprassero la dice lunga sulla loro apertura mentale. Scommetto che di questi tempo cosidetti moderni ci sarebbero genitori scandalizzati che non lo vedrebbero come una cosa solo da maschi! Adesso come sai mi sono rimessa a giocare con le Barbie, al contempo costruisco mobili e diorama che non so se si può considerare un gioco, ma di certo si riallaccia al gusto per i Lego.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima osservazione.
      Sai cosa credo, oggi? Che l'apertura mentale sia tutta nel "ok bambole ai bambini, o ferri da stiro finti, oggetti finti da cucina ecc" ma nessuno si chiede cosa sia figo per le bambine.
      Certamente quello che fai oggi, i diorama, è un'evoluzione del gioco da bambini.
      Ed è bellissimo.

      Moz-

      Elimina
  8. Da bambina i miei giochi preferiti erano giocare alla famiglia degli orsetti coi peluche, e cambiare i vestiti alle Barbie. Addirittura usavo i fazzoletti di stoffa di mia mamma e mia nonna per creare i vestitini da sposa. XD
    Poi avevo una venerazione per tutto quello che era piccolino e con gli scomparti segreti, quindi adoravo i playset Polly Pocket e la cucina di Barbie.

    Sulla distinzione di giocattoli tra maschi e femmine, vorrei far notare come ci sia la corrente di pensiero per cui tutto ciò che è da maschio è "migliore" di tutto ciò che è riferibile alla sfera femminile. Una bimba che gioca con le macchinine è "ganza, forte", non si piega allo stereotipo delle bimbe ochette che giocano con le Barbie (Come se giocare con la Barbie automaticamente portasse a essere vuote e superficiali).
    Un maschietto che gioca con le bambole è qualcosa di sbagliato, da correggere, strano, "non normale", qualcosa che è meglio fare di nascosto e non sbandierare troppo in giro. ^^"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scomparti segreti e cose piccole... ECCOMI.
      Infatti adoravo i set Lego pieni di queste cose, botole, grate ecc...
      Invidiavo i playset Barbie perché sempre la Mattel avrebbe potuto sfruttare cose analoghe per i Masters XD
      Polly Pocket... beh, io ho giocato con Mighty Max ... ma siamo lì^^
      Sulla riflessione finale: sono d'accordissimo.

      Moz-

      Elimina
  9. Potrei risponderti con il post tematico di tanti anni fa, ricordi? Ma posso tranquillamente dirti che non ho mai avuto tantissimi giocattoli ma mi piacevano, ci giocavo, macchinine ma non solo, anche bambolotti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Macchinine per me non molte, avevo le Majorette, le Hot Wheels e le Micro Machine ma sempre con qualcosa (piste, scontri, effetti danneggiamento, cambio colore ecc)

      Moz-

      Elimina
  10. Masters(tanti con anche veicoli e castello),Transformers,costruzioni plastic city,qualche dinosauro in gomma,blackstar,micronauti(red Falcon) robot come trider g7,baldios,e robot sconosciuti presi dalle bancarelle. Avrei voluto anche qualche Diaclone...ma costavano un botto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh visto il 74, direi che ti sei goduto appieno i cult anni '80 come appunto i Masters *___*
      Ah, davvero i Diaclone erano costosi?

      Moz-

      Elimina
  11. che bei ricordi che ho delle storie in stile telefilm che ci inventavamo io e mia sorella, mettendo insieme i vari pupazzi di Batman e Robin con le varie Barbie...
    poi lei si "arrabbiava" quando a volte le proponevo di fare i tornei di arti marziali con i pupazzetti, tipo dragon ball... sì, quelli non erano i momenti migliori, le storie invece sì, a volte davanti alla porta di casa, a volte in giardino... ♥♥♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordi meravigliosi!
      Che bello giocare insieme e mischiare le cose **

      Moz-

      Elimina
  12. Grizzlies Mangione16 mag 2021, 15:20:00

    Durante i primi anni dell'infanzia avevo tanti giocattoli...
    La mia vita cambiò a 9 anni quando dopo aver fatto per tanti mesi il salvadanaio comprai il Nintendo 64 in bundle con Super Mario 64, da quel momento in poi i giocattoli tradizionali passarono in secondo piano...
    Continuai ancora a giocare almeno fino alla fine delle elementari poi alle medie smisi del tutto.
    Ricordo che su iniziativa dei miei genitori acconsentì a dare in beneficenza (quasi) tutti i miei giocattoli...
    Ho fatto del bene a tanti bambini meno fortunati di me :).


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente hai fatto una bella cosa... per esempio io non riuscirei a dare via le mie cose... ma a farle usare ad altri assolutamente sì^^

      Moz-

      Elimina
  13. Beh, io credo di essere andato a fasi.
    Ho avuto il periodo dove ero in fissa con le piste automobilistiche, poi quello per Playmobil, Puffi, Micronauti, Big Jim, Transformers e Masters, e ricordo come ultime action figures della mia infanzia le turtles che credo siano stati il mio ultimo giocattolo.
    Tra i miei giochi più assurdi quello di fare partite di calcio sul tavolo da pranzo utilizzando le porte del Subbuteo facendo partite del tipo Puffi contro batterie alcaline oppure utilizzando figurine e anche tutti i pupazzi che ho citato prima facendo dei veri e propri campionati. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo quando si mischiano le cose, tutti i giocattoli insieme.
      Qui si scatena ancora di più la fantasia, perché va oltre il gioco preimpostato...^^


      Moz-

      Elimina
  14. Mi piace tanto questa rubrica perché posso scrivere a ruota libera :D
    Mi piacevano i giocattoli, anche se ero un tipo molto semplice. Più che altro adoravo le Barbie o i bambolotti, purché fossero pelati e un po' morbidi. Il resto non è che mi importasse granché, preferivo giocare con oggetti veri, "da grandi", e inventare storie intorno ad essi.
    Fui immensamente felice quando una zia mi regalò un servizio di piatti e tazzine per giocare. Ed erano incredibilmente belli, variopinti, c'erano raffigurati degli animali tropicali. Non so davvero come poté disfarsi di simili bellezze, io non l'avrei fatto mai. Comunque ci ho giocato tanto, avevo uno spazio adibito come una casetta e lì mi sentivo una regina.

    Mio fratello ebbe molti più giocattoli di me, anche più costosi. Distrusse i suoi e anche i miei, comunque.
    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita, una stanza dei giochi, diciamo... bellissimo.
      Chissà, molto particolare questa propensione agli oggetti veri.
      Ma tuo fratello ha distrutto anche il servizio di tazzine con gli animali tropicali??

      Moz-

      Elimina
  15. Ai miei due nipoti maschietti ,non sapevo mai cosa comprare,cosa regalare...
    Si,devo dire in questo un po' imbranata
    Ma adoro le bambole , quelle di pezza in particolar modo
    Le comprerei anche ora per me :)
    Le bamboline di porcellana...oh!!
    Ho sempre sognato di avere la casa delle bambole...
    I miei giocattoli devo dire che sono stati sempre pochi
    Be' una volta era così!
    Però in compenso si giocava tanto per strada ...sotto casa...
    Eravamo così tanti bambini!!
    Purtroppo ora i bambini non giocano per strada
    Troppe cose son cambiate e troppi pericoli
    Ho avuto un'infanzia serena...bellissimi ricordi
    Ciao Miki :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La casa delle bambole ha un certo fascino anche su di me, devo dire.
      Alcune sono davvero bellissime, vere opere.
      Qui da me, paesino piccolo, i bambini giocano ancora tantissimo per strada... e la cosa mi fa piacere^^

      Moz-

      Elimina
  16. Mah, ai giocattoli non mi son mai appassionato molto, sarà che sapevo già leggere a 3 anni e mi orientavo di più sui giochi da tavolo. Mi ricordo solo un Barbapapà di plastica giallo a cui misi nome Camillo (faceva rima con "giallo"... lineare, no?). Poi all'ottavo compleanno ricevetti il C64 che comunque non soppiantò i giochi (anche perchè durante il caricamento dei giochi si aveva il tempo di giocare a tutt'altro). Nei primi anni 90 disdegnavo le figurine perchè avevano i dorsi diversi e non potevi inventarti un gioco di carte con esse. Poco dopo inventarono Magic...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cele^^
      Vero, per noi i videogames non hanno mai soppiantato altri tipi di giochi... noi siamo stati davvero i più ricchi: avere ogni tipologia di gioco senza che nessuna prevalesse sull'altra... dal cortile alle costruzioni, pallone, biglie, action figures e videogames.
      Io con le figurine ci giocavo a uomo-donna-scudetto, o al soffietto^^

      Moz-

      Elimina
  17. Adoro i giocattoli. Se mi lasciate in un negozio di giocattoli posso passarci tranquillamente una settimana a guardare e studiare ogni gioco! xD
    Da piccola mi piacevano le bambole e le costruzioni (lego e non) con cui facevo accessori e mobili alle mie barbie. Ovviamente nella mia vita non sono mai mancati i peluches, qualche gioco interattivo, giochi in scatola e scrigni segreti di ogni sorta. Mi sono sempre piaciute anche le micro-machines anche se non sono mai stata amante delle automobili... forse perché quelle sono piccine e adorabili! xD
    Al momento ho peluches e bambole nuove perché la roba dell'infanzia l'ho distrutta ma devo dire che se avessi soldi e spazio comprerei ancora tantissimi giochi! :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici: ho passato un pomeriggio intero ai Magazzini Harrod's a Londra, reparto giocattoli.
      Anche io adoro le Micro Machines pur odiando le auto reali, ahaha.
      Io pure comprerei tanti giocattoli... Lego in primis.
      Mi sa che voglio i soldi per acquistarli, ci penso XD

      Moz-

      Elimina
  18. Giocare con le bambole no... ma ci sono alcuni vecchi giocattoli che mi piacerebbe giocarci tantissimo, tipo Dolce Forno, gira la moda...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gira la moda ci ho giocato, comunque avere vicine e amiche femmine permetteva di scoprire ogni tipo di giocattolo^^

      Moz-

      Elimina
  19. A me e mia sorella credo non mancasse nulla. Avevamo bambole (di cui ho conservato una Pupola), Barbies e molti accessori casa e camper compresi, giochi da tavolo, i Lego sciolti con cui lei costruiva favolose città popolandole coi bimbetti nudi (non i paciocchini, erano magrolini e in piedi) delle patatine, i giochini del Mulino Bianco (conservati), i fiammiferini (conservati), i Puffi... Di esclusivamente mio avevo anche macchinine, un micronauta di cui persi subito i pezzi, una Pupatic (conservata), e chissà che altro. Ah, e quintali di Pongo: mia sorella era bravissima a farci i microcibi per le Barbie. Insomma, femmine ma non troppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Livia!!^^
      Ricordo i bimbetti delle patatine!
      Bello così: avete davvero avuto tutto, senza limiti e freni.
      Grazie per i tuoi ricordi!

      Moz-

      Elimina