[BLOG] com'è cambiato il (mio) blog



I blog, il blogging, cambiano in continuazione.
Lo sa bene il Moz O'Clock, lo so bene io, che siamo qui da quindici lunghi anni.
Un giro di boa che mi spinge a voltarmi indietro per rivedere l'evoluzione di questo progetto.
Come e perché nacque, come è mutato nel tempo, quali grandi periodi ha vissuto.
Ogni blogger ha la sua storia; questa è la mia: per ricordare con piacere chi sono, e condividerlo coi miei lettori.
In questo post assolutamente e deliziosamente autoreferenziale.

DA DOVE PROVENGO
Sono sul web da tanti anni. Ma in modo attivo dal 1999, quando a casa arrivò internet.
Mi buttai subito sulla chat mIRC: da lì seguirono vari forum e sito, che visitavo in maniera regolare.
La mia avventura come webwriter di contenuti su argomenti pop e nerd inizia nel 2002, quando entro nello staff del sito Berserk Chronicles.
In poco tempo divento curatore della sezione informativa del sito, creando una serie di articoli, retrospettive e saggi.
Nel 2006 diversi amici di forum aprono un blog: lo apro anche io.




2006/2007: °°PoP CoRNeR°°
Mentre gli altri si erano dati a un diario online (anche se insieme avevamo pure un blog collettivo di divulgazione anime/manga) io volevo già parlare di ciò che amavo: la cultura pop.
Di ciò che sembrava dimenticato; dei miei ricordi prima che svanissero; di ciò che non trovavo sul web.
Mi chiedevo: esisterà qualcuno che ricorda queste stesse cose?
E così, alternavo post sul argomenti popolari (Power Rangers, i cartomanti in TV, le televendite...) a pensieri su avvenimenti e cose della sfera quotidiana.
Il tutto, in uno stile particolare, tipo poesia rock.
Il mio pubblico di riferimento erano inizialmente quegli amici del forum più qualche lettore del forum stesso, che conoscendomi attraverso il sito e i miei articoli, approdava sul mio blog.



2007: LA PRIMA GRAFICA UFFICIALE
Nei primissimi periodi dell'anno, Sandrino si propone come grafico ufficiale del blog: da allora è sempre lui a curare la "confezione" del blog.
Questa è la sua prima creazione:



IL PUBBLICO AUMENTA
Fu proprio nell'estate del 2006, qualche mese prima della nascita del blog, che conobbi Sandrino e tutta la sua compagnia di allora. Cominciai a frequentarli ogni volta che tornavo a casa.
Tra la fine del 2006 e il 2007, molti commentatori sono proprio amici "fisici" di quella compagnia, o persone della mia stessa città (alcuni di loro pure blogger, o conosciuti attraverso un giornalino locale dove pubblicavo recensioni di film e serie TV).



2008: IL MOZ O'CLOCK
Questo nome lo avevo in testa da un po': mi venne in mente sul treno mentre tornavo dall'università.
Nel 2008 feci questa scelta: brandizzare il progetto.
Che avrebbe sempre trattato di pop (tanto che lo slogan sarebbe stato "cultura pop a 360°") ma con un nome ben preciso, che riguardava solo me: Moz O'Clock.
Un nome che aveva in sé sia me stesso ma anche il tempo, l'elemento cardine di tutto ciò che amo (ricordi, passato, presente...).



Seguirono due annate molto slow (il 2010 è l'anno meno prolifico di sempre, con appena una quindicina di articoli pubblicati e scarsa voglia di andare avanti).
Sicuramente post più intimisti, ma anche sempre declinati al pop che ci circondava.
Commenti pochi; addirittura da parte mia quasi un abbandono del blog, che sta fermo a prendere spam anche per mesi.
Era il momento dei social, quello; pure la gente era presa da altro.


2011: SI RIPARTE
Ripartiva la mia vita (mi ero laureato) e ritrovai anche uno slancio per la gestione del blog.
Il pubblico si rifece vivo poco a poco, i miei nuovi amici "fisici" (nel frattempo ero entrato a contatto con nuove persone, che sono la mia compagnia attuale) mi seguivano e si discuteva anche molto animatamente.
Altri lettori provenivano dai forum che frequentavo in quel periodo.



IL MOZ O'CLOCK MAGAZINE
Proprio nel 2011 (dieci anni prima della sua attuale incarnazione!) nasce il Moz 'Clock Magazine: l'idea è sviluppata da Sandrino (of course!); un elegante giornale da sfogliare online che conteneva articoli vecchi o inediti.
Speravamo di allargare il progetto ad altre firme (non vi era, all'epoca, alcuna tematica precisa per il magazine: avrebbero potuto scriverci tutti, qualunque cosa) ma quasi nessuno si fece avanti.
Speriamo di tornare a questi livelli editoriali con l'attuale MOC MAG, data la partecipazione ben più sentita di pubblico e articolisti.



2011: LA PRIMA SVOLTA
Sempre quell'anno, in tarda primavera, avviene IL cambiamento che determina la linea "moderna" del Moz O'Clock: il diario di un eterno dodicenne.
Il pubblico è pressoché lo stesso dell'ultimo periodo, ma io mi focalizzo ancora di più sugli argomenti da trattare e su un vero e proprio piano editoriale.



2012/2013: LA RETE
Il settimo anno, che proverbialmente dovrebbe essere critico, significa invece per me e per il blog l'inizio di una grande avventura.
I blog riprendono quota, vengo improvvisamente travolto da tantissimi commenti e tantissime interazioni: esploro la blogosfera, conosco una marea di altri bloggers (tutti quelli rimasti ci sono ancora oggi!) e si crea una bellissima rete.



2013: IL LOGO!
Io però voglio ancora e sempre di più un progetto ben preciso, focalizzato su determinati argomenti.
Così, per prima cosa, studio un logo definitivo che Sandrino poi elabora magistralmente.
Poi, inizio a usare sistematicamente il calendario editoriale per i miei post.
Una cadenza precisa, argomenti sempre più ragionati: si passò gradualmente, quindi, da un post a settimana a due articoli a settimana.
E poi tre: avevo tanto da dire, e soprattutto ne avevo voglia.


Con la rete degli altri blogger si andava alla grande.
Scambi continui, divertimento, curiosità reciproca.
Io invento le MozInterviste per presentare di volta in volta un nuovo blogger al mio pubblico, sempre molto attivo e ricettivo.


2014/15: L'APICE DELLA RETE
Ormai il mio blog era diventato abbastanza noto nella blogosfera, o almeno in quella porzione della stessa che frequentavo: tantissimi commenti, tantissimi scambi e divertimento all'ennesima potenza.
Vengo citato persino in un paio di pubblicazioni che riguardano il blogging, come esempio di blog che funziona bene (!?), secondo determinate caratteristiche.



2015/2016: LA DECIMA STAGIONE
Il decimo anno è quello dove avevo progettato una concreta crossmedialità: estendere lo storytelling del mio blog ad altri rami, come i video.
Nasce quindi il canale YouTube (QUI), ma poi succede qualcosa che non avevo previsto: un nuovo lavoro (o meglio, gli orari in cui svolgevo questo lavoro) mi portan, dai primissimi mesi del 2016, a dover limitare di tanto la mia presenza sul blog e nella blogosfera.
Finisce per me la magia: la rete sembra sfaldarsi, io sono assente altrove e presente pochissimo qui; il blog subisce un tracollo di visite e commenti sui post nuovi (che comunque scrivevo, pur non assiduamente).


2017: SI RIPARTE
Dopo un anno turbolento, chiuso all'inizio del 2017, riprendo a bloggare con un progetto ancora più preciso e puntuale.
Gli ultimi mesi dell'anno precedente mi occorrono per rimettere in sesto le idee e quindi si riparte: questa è la rinascita del Moz O'Clock per come è anche attualmente!



UN NUOVO "SUCCESSO"
Il ritrovato e nuovo pubblico, unito a una mia situazione personale più rilassata e innamorata, riportano il Moz O'Clock a una crescita esponenziale.
Sono invitato al Teramo Comix per una conferenza sui "supereroi italiani"; ma il grosso delle visualizzazioni arriva grazie alle recensioni dei nuovi episodi di Twin Peaks: praticamente primo nel mondo come tempistica, la community italiana legge in massa i miei articoli ogni settimana!
Per i lettori più fedeli organizzo anche un gioco interattivo, mentre Sandrino realizza una grafica da Loggia Nera dedicata a KILLER BOB:


 

2018: LA CAMERETTA
Questo anno è caratterizzato da una sempre più precisa proposta: nasce La Cameretta del Moz O'Clock, un blog parallelo che ospita rubriche tematiche quotidiane (un esperimento oggi confluito nel Moz O'Clock stesso).
Ma il 2018 segna anche l'enorme bagarre blogghistica con il caso delle clone-bloggers, che mi spinge a fare un po' di pulizia (anche di riflesso) tra i contatti.
Parlando di cose più belle, è sempre di quest'anno la mia indagine sul mistero della sigla di Lamù, dove arrivo a una conclusione che si sarebbe rivelata corretta.
Questa annata segna anche la creazione del collettivo della Geek League, che riunisce i bloggers con tematiche affini alle mie.




2019: IL MOZ O'CLOCK IN RADIO!
I numeri continuano a crescere grazie a tanti lettori che apprezzano i miei articoli su temi specifici: Masters of the Universe, Diabolik, Berserk...
Il fatto di essere sempre più un blog retronostalgico mi porta alla collaborazione con Radio Lattemiele per una serie di appuntamenti estivi basati sui ricordi e sul passato.




2020: STAGIONE 14
L'anno finora più letto, complice anche il lockdown primaverile dovuto alla pandemia.
In quell'occasione, il tempo per bloggare è tanto, così come anche il tempo per leggere i miei articoli, condivisi un po' ovunque sul web.
Prima del covid-19, sperimento quattro appuntamenti radiofonici serali (A letto con Moz); il lockdown invece mi fa esplorare le dirette Instagram e i giochi in chat su Telegram.
Grande clamore, nel 2020, il post con le dichiarazioni dei cantanti (corista e principale) della sigla di Lamù.




Il 2020 è anche l'anno che detiene il record col mese più cliccato in assoluto: maggio.



2021: DUE CUORI E TRE MONETE
La Stage Clear Edition ci fa entrare nella quindicesima annata, quella di oggi.
Un pubblico nuovo, formato dai lettori di sempre e da tanti che si sono aggiunti trovandomi grazie a ciò che ho sempre voluto: ricerche, ricordi, parlare di ciò che sul web ancora non c'è.
Casi da risolvere, interazioni, scambi e una nuova consapevolezza generale. Oltre che ovviamente a post universali, per tutti e non per una nicchia, ancora più presenti.
L'anno che mi ha portato anche sul palco di una manifestazione importante, proprio con gli argomenti del Moz O'Clock.


Da quel giorno del 2006 tantissime cose sembrano essere cambiate; tanti utenti sono passati di qui; tantissimi sono spariti, alcuni sono tornati, molti sono rimasti.
Un mondo in continuo cambiamento, che ha tenuto conto di come il web mutava; tiene conto di esigenze personali e di continua voglia di intrattenere.
Di come va anche nell'ambito della cultura pop, tra ricerche e articoli di divulgazione.
Un blog in continuo cambiamento, che cambierà ancora.
Sta già, sempre, cambiando. Per continuare a tenere fede a quel che sono, a quel che sono sempre stato, a quel che voglio fare.
E voi che mi dite?
Sorpresi da questo (autoreferenzialissimo, ripeto) viaggio nel passato?
Se avete un blog, com'è cambiato nel tempo?

72 commenti:

  1. Moz per me è Il Blog. Non credo si debba aggiungere nulla. Ognuno blogga come meglio crede, chi racconta di se, chi ama descrivere passioni e chi saccheggia fanzine online. Il mio blog segue una linea eclettica ma tutto sommato legata alle mie passioni: scrittura, poesia, fotografia, cinema, viaggi, anche sociale e società in genere. Frizzante, introspettivo, allegro o malinconico, cerco la variazione sul tema introspettivo. Mi piace così e, importante, scopro ancora un sacco di bella gente.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, assolutamente: se c'è una cosa che il blogging ha di buono, è proprio che ognuno può bloggare come meglio crede.
      Io da subito pensai di poterlo declinare a "magazine" (da bambino me li facevo da me, carta e colla), ma sempre in formato blog.
      Tante cose gradualmente sono cambiate nel web, cambia la comunicazione, io la cavalco XD

      Moz-

      Elimina
  2. Moz mi deludi, nel 2018 non hai citato la nascita della Geek League! 😛

    RispondiElimina
  3. Io sono arrivato nel 2019 pochi mesi prima che si scatenasse il Covid-19 e perciò sono un pivello al tuo confronto. Ma leggevo già da parecchio diversi blog di cinema e musica che poi sono spariti per motivi loro. Quello che proponi tu, da quando ti conosco, è estremamente interessante specialmente nelle cose che pescano nei ricordi. Ti leggo ogni volta che posti, anche se non commento sempre, perché non sempre ho qualcosa da dire. In questo caso ho da farti i complimenti per la costanza in tutti questi anni👍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bobby!
      Beh, sei la prova che i blog nuovi possono esistere e funzionare anche oggi, tra social e video.
      Il blogging per me è ancora l'espressione migliore (forma scritta, possibilità di articoli... articolati, espressione libera in generale come ha detto sopra Franco).

      Thanks!^^

      Moz-

      Elimina
  4. E bravo, ti sei evoluto tantissimo. Meriti il successo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una cosa che non ho mai inseguito, a dire il vero.
      E non è mai (ovviamente) arrivato, se intendiamo fama&gloria e robe da influencer (tipo prodotti spediti gratis, valanghe di regali, pubblico adorante ecc...) non è nemmeno da me.
      Mi godo il divertimento, sempre genuino ;)

      Moz-

      Elimina
  5. La storia del blog mi era già nota, ma la racconti ogni volta con frasi accattivanti che dimostrano trattarsi di un pezzo importante di te e della tua vita, che è stato più di qualche volta trascurato ma mai abbandonato, pronto a riattivarsi ai primi giusti entusiasmi.
    Molti, vedendo un proprio spazio impoverirsi di idee e di interazioni, lo mollano e magari ripartono altrove con qualcos'altro, come feci anche io col mio primo sito assolutamente sperimentale e costruito da autodidatta.
    Il Moz O'Clock evolve ma non cambia la sua essenza, i miti sono sempre quelli nella colonna di destra, e se ne aggiunge qualcuno ogni tanto!
    E quello che magari non c'è nei post, spesso sbuca fuori tra i commenti, specie quando si parla di ricordi e vintagerie, rendendo questo spazio una preziosa memoria collettiva, che è stata capace di fare un po' di luce su annate delle quali non vi è quasi nessuna traccia video o fotografica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti, mi dai l'assist per chiarire una cosa FONDAMENTALE: il Moz O'Clock vive soprattutto grazie a ciò che succede nei commenti.
      Io stesso, quando scrivo un post, cerco di essere ovviamente il più completo possibile ma lascio anche ampio spazio per ogni tipo di aggiunta.
      Dalle interazioni nascono nuove storie, nuove idee, nuovi spunti.
      Quel che dici nella tua ultima frase, è il motivo per cui aprii questo spazio: cercavo io stesso delle cose, e sul web non c'erano.
      Nessuno sembrava ricordarle, perché forse si era ancora in un periodo "di mezzo" tra il presente di allora e il passato "girellaro" (celebrazione dei '70 e primi anni '80).
      Se è come dici, posso dichiarare: missione compiuta.
      Thanks :)

      Moz-

      Elimina
    2. Su queste motivazioni siamo perfettamente allineati: chi trova un lemma su Wikipedia se qualcuno non l'ha prima scritto? Fare web non vuol dire soltanto aprirsi uno spazio (sito, forum, blog, pagina social) per raccontarsi, ma anche per costruire quello che manca, o che è curato da altri ma in modo migliorabile.

      Elimina
    3. Esatto, per me è anche divulgazione.
      Ma appunto, io sono nato così: le prime cose che ho scritto (6 gennaio 2002) erano articoli di studio e approfondimento su Berserk e il mondo medievale in sé... quindi vengo proprio da quella mentalità, che ho trasposto ovviamente pure nel blog (senza disdegnare comunque post dove racconto di me o di cose attorno a me)^^

      Moz-

      Elimina
  6. Il più divertente, spensierato e simpatico blog del mondo :)

    100% indipendente e politicamente libero 🤩

    Io sono un utente nuovissimo soltanto da gennaio 2020 quindi mi sono perso i primi 13 anni... Ogni tanto penso di mollare ma alla fine ogni giorno sono qui 😂

    Una buonissima alternativa ai siti zeppi di otaku narcisisti e sapientoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!!
      Effettivamente non ricordo... come mi hai trovato, come mi hai scoperto! O forse me lo avevi detto? Cosa ti ha fatto decidere di restare qui?
      Grazie davvero per le belle parole: sono e sarò sempre indipendente e libero, con le mie idee (e non ideali), narcisista di natura ma non otaku / fissato XD

      Moz-

      Elimina
    2. Te l'avevo già raccontato 🤗, te lo rispiego brevemente.

      Un giorno leggendo la bacheca utente del sito "Otakuworld"* un utente mise un link di un tuo post io lo cliccai ed eccomi qui 😍

      *Nome di fantasia 😉

      Elimina
    3. Ah sì, ecco!
      Ora sicuramente non me lo scordo più 💪😅

      Moz-

      Elimina
  7. Mi fai sentire vecchia! :) Sono passati tanti anni e hai sempre dimostrato costanza passione e talento, bravo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse questo è l'unico caso dove ho avuto costante... costanza.
      E sono contento: ci ha permesso di vederci dal vivo, il mese scorso! **

      Moz-

      Elimina
  8. Come è cambiato il mio blog? Direi che in realtà non è cambiato poi molto, nelle intenzioni Omniverso voleva essere uno spazio in cui parlare di intrattenimento di genere, una sorta di magazine online sulla faslariga di Wonderland e SciFi Now, che poi erano i miei punti di riferimento.
    Direi che col tempo mi sono concentrato molto sulle recensioni e ultimanente sul cinema, sempre restando in bilico tra fantascienza e fantastico. Da un paio di anni ho adottato un calendario in cui mi studio cosa pubblicare, come e quando. Fortunatamente è sempre in crescita per quanto riguarda le visite e mi da soddisfazione, un po' meno per i follower che il più delle volte sono un mero numero, anche se non sono così interessato a tenermeli stretti se poi non mi piacciono i loro comportamenti, preferisco tagliare i rami secchi.
    Cambierà però notevolmente dal punta di vista estetico nelle prossime settimane, vediamo se può funzionare meglio, e questa decisione è legata parzialmente al sondaggio che vi ho posto in privato ieri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ecco il perché di quella domanda!!
      Se può aiutarti, posso essere più specifico: io ovviamente da blogger preferisco interagire da pc. Ovvio che capita leggere e commentare articoli al volo, da telefono... ma spesso è una cosa "volante".
      Vedo però che tanti vengono proprio da questi dispositivi mobili...

      Bella anche la tua evoluzione: i progetti crescono proprio in questo senso, con nuove consapevolezze e spunti, man mano che si va avanti...

      Moz-

      Elimina
    2. Idem, anche io ormai leggo il più delle volte da smartphone, è comodo e puoi farlo praticamente ovunque ma se devo commentare il discorso cambia, un commento veloce posso anche farlo, se devo argomentare e fare un discorso più articolato meglio il computer.
      Però siamo una categoria in via di estinzione, siamo noi stessi blogger a leggere da computer, il resto dell'utenza probabilmente nemmeno ce l'ha più un computer in casa.

      Elimina
    3. Esatto.
      Io anche commento da tel e mi sto abituando, ma tipo quando devo rispondere a tanti commenti, preferisco il PC: mi siedo, ho una visione d'insieme e sicuramente più precisione.
      Ora, però, per dirti... Ti sto rispondendo dal tel 😅💪

      Moz-

      Elimina
  9. Bravo, Lord Mozgus!
    Per quanto mi riguarda, magari interessa a pochi/nessuno, ma il mio esiste da un po' di anni, tuttavia ha preso forma nella sua attuale incarnazione solo a partire dal 2019, con ormai le rubriche fisse e ben precise dedicate al cinema, ai fumetti, ai libri, alle produzioni Netflix... e con un'altra rubrica in arrivo.
    Insomma, non rimaniamo con le mani in mano :) Col tempo sono divenuto più abile anche nella pianificazione e programmazione (sto già scrivendo i post di Natale, aiuto!!!!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks!! :)
      Io penso che sia normale quello che dici: infatti diffido sempre da chi vuole aprire (e non apre mai...) pensando a chissà quali assurde pianificazioni.
      Invece si inizia, e poi si comprende man mano..., come successa a te!

      Moz-

      Elimina
  10. Un percorso lungo ed intenso, sempre complimenti. Di cambiamenti tanti, ed io ne so qualcosa, solo sei anni ma il blog ne ha vissuti tanti, ed ancora cambiamenti ci saranno. Ma sai che anch'io bazzicavo tra i forum? Addirittura per un periodo sono stato amministratore di uno, grafica, manga e videogiochi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita! Quindi anche tu vieni da forum, fighissimo!
      I blog sono sempre in evoluzione, perché cambia il web e cambia la comunicazione!

      Moz-

      Elimina
  11. Un po' di autoreferenzialità ci vuole ogni tanto ;-)
    Il mio blog anche è cambiato parecchio. É partito come piattaforma sul web per parlare della mia passione per la letteratura, in attesa che trovassi un editore. Siccome sono un impaziente, ho deciso poi di autopubblicare, e il blog si è trasformato nella mia "vetrina" per esporre i miei lavori. Le cose sono andate anche discretamente bene considerato che partivo da zero, però ho subito la crisi del settimo anno e ho "mollato" per qualche mese. Sono ripartito in modo più personale, dando spazio anche a altri contenuti come fotografie e persino un fumetto, molto semplificato e solo parzialmente soddisfacente. Poi mi sono ricordato che siamo nel XXI secolo e esistono anche software sofisticati 3D, ho trovato quello adatto a me... beh, questo è il presente ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande, non conoscevo i tuoi trascorsi!
      Vedi, ognuno di noi ha una storia articolata, perché il web e le nostre idee sono in continua esplorazione e evoluzione! :)

      Moz-

      Elimina
  12. Solo una domanda..ma è questo il post che ti è venuto in mente dalla “discussione “ che avete fatto te e Mariella da lei..sul suo post sul blogging di pochi giorni fa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, assolutamente. Questo post lo annunciai circa un anno fa tra i commenti e l'ho messo ora a ridosso della fine della quindicesima stagione! :)
      Il post arriverà più in là, riguarderà tecnicamente il pubblico di un blog e la sua analisi.

      Moz-

      Elimina
    2. Ah..okay, perché non ci vedevo il nesso.
      Aspetto quello allora-:)
      Vabbè che dirti su questo?
      Complimenti!
      Ma te li sei fatti pure da solo con sto post ahaha!!!💪🏻

      Elimina
    3. Per quello ci vorrà un po', tanto torneremo a parlare di blogosfera prestissimo, e poi a gennaio per tirare le somme a un anno dal mio "addio".
      Grazie per i complimenti, un sorriso in un momento davvero pessimo per chi come me e tanti altri ha vissuto il periodo d'oro della blogosfera, che proprio oggi perde un suo membro e grande blogger... Sono ancora senza parole.

      Moz-

      Elimina
    4. Ho saputo di Emidio.
      Non lo conoscevo purtroppo, ma gli volevate tutti un gran bene, vedo .
      Deve essere stato una bella persona.
      Mi spiace.

      Elimina
    5. Io sono stravolto.
      Sì, una gran brava persona.

      Moz-

      Elimina
    6. Era un blogger? Nel corso degli anni ho saputo di youtuber che seguivo da giovane volati in cielo e devo dire che saper di persone conosciute su internet che non ci sono più sembra irreale :(

      Elimina
    7. Sì, un cineblogger e non solo, gestiva Le maratone di un Bradipo Cinefilo, anche se era inattivo da un po'... lo porto nel cuore, conosciuto di persona con la sua famiglia.

      Moz-

      Elimina
    8. Di cosa è morto?

      Elimina
    9. Sei sicuro che è morto? Le notizie in rete sono come la catena di San Antonio, hai visto il suo necrologio nel giornale locale della sua zona?

      Elimina
    10. Se è per questo abbiamo sentito anche la moglie. Ma sarebbe bastato chiamarlo e non avrebbe risposto.
      Insomma, direi che non è terreno per le fake news, non capisco il perché di questa poca fiducia in una notizia purtroppo vera...

      Moz-

      Elimina
    11. Perché molti gettano notizie false per deficienza o sentito dire, strano che non non ti ha detto la causa.

      Elimina
    12. Abbiamo preferito non chiedere, ora. La risentiremo.
      Ok notizie false, ma si fa coi vip...

      Moz-

      Elimina
    13. E con le persone comuni.

      Elimina
  13. Un post che percorre davvero tanti anni, il tuo blog è sempre più in salita e questo dipende certo anche dai tuoi followers, ma soprattutto da te, che lo porti avanti con immutata passione, sebbene in modi sempre nuovi e diversi.
    Per quanto mi riguarda il mio blog è certamente cambiato da quando sono andata in pensione, sebbene abbia molto materiale "di scuola" archiviato, non è come vivere quotidianamente a stretto contato con i bambini.
    A parte questo penso che ogni blog muti col mutar del tempo in quanto anche noi cambiamo col trascorrere del tempo, è inevitabile. L'importante è fare ciò che ci fa piacere e per me il blog è ancora un piacere. Ciao Miki, buona continuazione con i tuoi Blog.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, il tempo porta con sé differenze nella comunicazione e nel web stesso.
      Sta a noi cavalcare queste evoluzioni... a me viene naturale, me ne accorgo solo dopo.
      Ovvio per te sono cambiate cose nella vita, visto che ora sei in pensione... però è solo un altro modo per rivivere quei momenti del passato^^
      Thanks!

      Moz-

      Elimina
  14. Sono qui dal 2019-2020 circa, leggere la storia del tuo blog è stato appassionante e incoraggiante! Se dovessi avere un periodo "lento" sul mio blog penserò anche a te per non mollare �� Io ho iniziato nel 2017 come parte di un progetto linguistico in facoltà: divulgazione di contenuti di vario genere a un pubblico ispanofono, noi imparavamo a padroneggiare la lingua e produrre contenuto ben informato (ancora oggi mi porto dietro il metodo di ricerca delle fonti ��). Una volta laureata ho voluto riprendere il blog e continuare con lo spirito di raccontare qualcosa che magari non è molto conosciuto. Inizialmente scrivevo solo in spagnolo, poi un giorno mi sono detta "beh perché non farlo pure in inglese?", passano i mesi e mi è presa la scimmia di scrivere anche in italiano. Oggi posso dire che sto divulgando nel mio piccolo in tre lingue ��✌️ Quando scrivo anche io ho in mente l'idea che i miei post siano degli articoli, corredati di immagini quando necessario. Credo che finora l'articolo più pieno di immagini sia quello su Japan Magazine, in pieno spirito della rivista u.u
    Ma quindi per il Moz'O Clock magazine come funziona, ci si propone all'indirizzo mail che hai allegato? ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima anche la tua storia.
      Ottimo che ti porti dietro la storia della ricerca delle fonti: è sempre una cosa fondamentale quando si scrive una certa tipologia di articoli.
      Bello anche che il tutto derivi da una storia universitaria: ottimo modo per padroneggiare la lingua.
      Anche io penso ai miei post come articoli di un magazine, per l'impaginazione.
      A proposito, sì: puoi contattarmi via mail! :)

      Moz-

      Elimina
  15. Auguri per il compleanno del blog!
    Io ti seguo da un decennio, credo, e sei diventato immediatamente per me il blogger per eccellenza, tanto che ti ho anche preso come esempio, anche se non ho la tua costanza (poi in questo periodo senza internet...)

    Ti auguro altri 100 di questi post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo ma mica è il compleanno del blog :)
      Addirittura preso come esempio? A me fa piacere, ma non lo merito. Però grazie, spero di tenere fede alla tua fiducia: thanks!
      La costanza arriva, ma in effetti... internet occorre!^^

      Moz-

      Elimina
  16. Io non ho e non ho mai avuto un blog, quindi non so cosa voglia dire, ma credo che tenerne uno in vita per tutti questi anni e, soprattutto, in questi ultimi anni dove le persone sono sempre più attratte da letture veloci da telefonino e dai social, non sia proprio per niente poco, quindi complimenti davvero!
    Io sono un lettore dell'ultima ora e nemmeno troppo presente, però il tuo è l'unico blog che seguo e a cui partecipo un po'. :)
    Auguri e complimenti ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È presto per gli auguri, manca ancora qualche giorno^^
      Anzi, ribadisco l'invito per martedì sera... qualcosa mi invento!
      Mi fa piacere avere l'onore di averti qui, a seguirmi e commentarmi... sperando di proporre sempre cose che ti/vi interessino!

      Moz-

      Elimina
  17. Complimenti per il tuo percorso. Sei un vulcano di idee e mi fa piacere vedere che raccogli quello che semini con il tuo impegno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sincero, in realtà non ci penso a raccogliere... vivo il momento, poi ogni cosa bella che arriva, me la godo^^
      Thanks!

      Moz-

      Elimina
  18. Ho scoperto il tuo blog non troppo tempo fa. Forse perchè, come ha detto un amico esperto del digitale (quello che mi ha fatto il blog), i blog basati su blogger fanno più fatica a farsi "scoprire" rispetto a quelli basati su Wordpress. Se ho capito bene (forse no). Sta di fatto che, il tuo, è diventato subito il mio blog preferito. Per gli argomenti che tratti e, soprattutto, per come li tratti. Siamo tutti dietro una tastiera ma, anche in un mondo digitale, le persone sono l'elemento che fa la differenza. Continua così, ti leggerò sempre con grande piacere, la tua passione e il tuo stile sono merce rara che apprezzo molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente Wordpress è usato da chi vuole fare web in modo professionale, ma penso che poi (credo, eh) la ricerca e il posizionamento su Google facciano la differenza. Nel senso che, se io sono l'unico ad aver trattato il vero arrivo dei Masters of the Universe in Italia, uscirò per forza io... penso XD
      Grazie mille, la stima è ricambiata!

      Moz-

      Elimina
    2. Io pubblico su Wordpress e confermo quanto dice Moz, pur piazzandomi piuttosto bene nelle ricerche su certi pezzi, non ho le visite sue o di altri blogger presenti pure qua nei commenti.

      Elimina
    3. Da cosa potrebbe dipendere?

      Moz-

      Elimina
  19. Complimenti per come hai gestito e fatto crescere il tuo blog. Anche il mio è aperto da parecchio (ha un anno in più del tuo) e ha subito parecchie modifiche in corso d'opera, perché è cambiato il mondo del blogging e siamo cambiati noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, complimenti a te! Un blog dal 2005, è praticamente una rarità!
      Vero: cambia il blogging, cambia il web, cambiamo noi... 🧡💪

      Moz-

      Elimina
  20. Bella questa carrellata. È stato come ripercorrere un po' anche il mio excursus qui su blogger. Attendo il post celebrativo😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La storia dei nostri blog è infatti un po' la storia di tutti noi, verissimo!! 😃✔️

      Moz-

      Elimina
  21. Secondo me, Moz, hai fatto una cosa che non riesce a tutti: avere successo facendo ciò che ti piace. Detta così sembra una banalità, ma non lo è. Quello che voglio dire è che il tuo non è il classico blog generalista dove si parla superficialmente di un po' di tutto. No. Tu, come del resto hai rimarcato nel post, avevi ben chiaro cosa volevi: volevi un blog che avesse una certa linea, che parlasse di un certo argomento (la cultura pop) e che lo facesse in maniera seria, approfondita e documentata. Ci hai messo impegno, costanza, tempo ma i risultati sono arrivati e le soddisfazioni pure. Sai come chiamavano gli antichi greci questa cosa? Eudaemonia, che significa buona realizzazione del tuo dèmone, ossia riuscire a realizzare ciò che si vuole fare, ciò per cui si è portati. Avevi un progetto e l'hai realizzato. Cosa vuoi di più? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti non voglio davvero niente di più di questo. Anzi, voglio che sia sempre così!
      Non ho certo fatto "successo", ma ho realizzato quel che volevo. Questo sì.
      La chiarezza di cosa volevo era concreta e vaga allo stesso tempo, diciamo che è andata creandosi di pari passo...^^
      Thanks!

      Moz-

      Elimina
  22. Uelà
    Non ho un blog e preferisco rimanere nella maggioranza silenziosa leggendo più che scrivendo.
    Quest'anno ancor di più.
    Leggo pochi blog: il tuo, quello del guru del marketing Seth Godin, basta.
    Ti leggo perché - qualcuno dirà nani sulle spalle di giganti - ma avete posto fine all'annosa ricerca del cantante di Lamù.
    Scrivi scrivi che io ti leggo.
    Ciao
    Giù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giù!
      Beh, grazie mille! Spero di produrre sempre cose di tuo interesse... magari non sempre così eclatanti... ma chissà :D
      Grazie ancora!

      Moz-

      Elimina
  23. Beh, per il 2021 hai dimenticato di citare l'invasione degli anonimi craniolesi che ti inquinano il blog...
    Altro passaggio che secondo me hai scordato è stato il periodo 2014-2015 di G+ e delle community, che da vetrina dei blog alla fine erano divenute abbastanza tossiche, con l'esasperazione in piccolo di quei comportamenti disdicevoli che sono anni che vediamo sui blog.
    Io in 6 anni di blogging (e 8 di blogosfera) non ho avuto grossi cambiamenti, piuttosto sono rimasto sempre più o meno lo stesso. Solo meno divulgazione scientifica pura, che non mi appassiona più come agli inizi. Sicuramente ho smesso di seguire tanti blog, per incompatibilità varie, mettiamola così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, io G+ non l'ho mai vissuto troppo (ma sì, ci spammavo i miei articoli anche se non aveva minimamente la stessa forza dei gruppi FB odierni...). Quindi non conosco bene cosa è successo ma sicuramente come dici è stato un altro chiodo sulla bara della magia...
      Ricordo i tuoi due anni da "ronin" :D
      I commenti anonimi purtroppo si sono accentuati ma c'erano già da prima... una piaga, ma che mi tange poco.

      Moz-

      Elimina
  24. Il mio blog ha compiuto 8 anni proprio ieri e io rifletto più su come sono cambiata io che su come è cambiato lui. Di certo è cambiata l’intenzione: doveva essere una “ vetrina” per i miei lavori e, da quasi subito, è diventato uno zibaldone di pensieri, ricordi, esperienze e libri. Non ho un piano editoriale, i post seguono, a volte, dei filoni e delle tematiche, ma globalmente è tutto molto free.
    Complimenti per il tuo percorso. Io ti seguo da un po’, ma difficilmente commento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!!
      Grazie per seguirmi :)
      Molto bello anche la tua intenzione: alla fine, fai quello che ritieni meglio... ed è giusto così!
      Le cose evolvono da sole in base alle nostre necessità bloggistiche^^

      Moz-

      Elimina
  25. Wow, quindici anni sono tantissimi. E soprattutto quanti bei cambiamenti che riflettono un entusiasmo sempre vivo. Purtroppo io con i miei dodici anni di blog non ho mantenuto altrettanto entusiasmo, anzi, accuso un bel po' di stanchezza ultimamente. Dimmi qual è il tuo segreto?
    Ti faccio tanti complimenti ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! :)
      Il mio segreto? A saperlo: lo applicherei a ogni cosa della mia vita XD
      Comunque, penso che per me sia semplicemente divertente, poi mi è sempre piaciuto scrivere e divulgare e infine trovo anche riscontri... quindi è un mix di belle cose... quando mi stancherò, smetterò sul serio^^

      Moz-

      Elimina