°Avrei dovuto

"Sono il figlio delle radiazioni
delle televisioni,
delle dosi di veleno
della mia città..."
(Sole Nero, Litfiba 2010)

Apritemi l'audio.
Avrei dovuto fare un post sulla televisione attuale italiana. Su Striscia che quasi non si riconosce più, persa dietro a una non meglio definita crociata per difendere (da chi, da cosa?) le veline, e sempre più distante dai graffi di un tempo, annacquando le questioni serie con due battutine di circostanza.
Avrei dovuto, ma non l'ho fatto.

Avrei dovuto parlare di Forum, dove per 300 euri una signora della provincia di Pescara ha fatto finta di essere cittadina di L'Aquila coniugata con un signore (che viene dalla provincia di Chieti) e dove chiedeva a quest'ultimo i soldi per riaprire il suo (inesistente) negozio in città, perchè ormai L'Aquila è ripartita alla grande. Però non è così. Ma lo spot al Governo l'han fatto. Al Governo che ha aggiustato tutto, o meglio che avrebbe aggiustato tutto, o meglio ancora che avrebbe dovuto -date le promesse- aggiustare tutto.
Tanti, avrebbero dovuto.

Io avrei dovuto parlare, se non avessi più scelto l'argomento televisivo, della prima metà degli anni '90.
Lo farò, statene certi. Erano anni in cui avrei dovuto divertirmi. E l'ho fatto.
Forse un giorno vi parlerò anche degli anni 2000, anni in cui avrei dovuto studiare, e l'ho fatto molto poco.
Avrei dovuto fare tante cose, avrei dovuto riprendere a disegnare Sherby il Protocucciolo, ed è successo (anche se in modo diverso da come ci si poteva aspettare).
Avessi dovuto imparare l'italiano, se non avrei fatto altro.
Avrei dovuto finire di scrivere un racconto, avrei dovuto ricominciare a studiare, avrei dovuto leggere una cosa. Avrei dovuto tagliare i capelli, e cercare di contattare le Due Muse. Avrei dovuto prestare un libro, avrei dovuto chiamare una persona. Avrei dovuto, ma non l'ho fatto (non ancora, per lo meno).

Avrei dovuto, infine, per scaramanzia forse, chissà..., scrivere il quinto post di marzo, perchè è da molto tempo che non pubblicavo più di 4 post in un mese.
Ossia da giugno del 2008, periodo che ha segnato davvero dei cambiamenti positivi, anche qui su questo spazio. Forse è per riaugurarmi un piccolo nuovo cambiamento positivo.
Avrei dovuto, e l'ho fatto.
Chiudetemi l'audio.

12 commenti:

  1. Post molto intenso, che in poche righe rappresenta il nostro camminare per la strada della vita che incontra bruscamente la realtà.
    Che differenza c'è tra vita e realtà? Che nella vita puntualmente ci poniamo degli obiettivi, come dei sogni, delle speranze, e nella realtà puntualmente questi vengono divelti.
    Questo post mi è piaciuto molto, perchè vuole spiegare in poche righe la nostra non onnipotenza sul nostro futuro, che si scrive solo col presente di quell'attimo....è difficile da spiegare, lo capisco, ma tutti: "dovrei fare, dovrei leggere, dovrei comprare, se potessi farei....se non avessi il tempo farei quest'altro...", ecco i meccanismi del nostro "andare" su questa tratta che tutti chiamano vita; da un lato affascina perchè veramente non si sa chi saremo, cosa faremo e con chi andremo, ma dall'altra parte può anche inquietare...perchè se pensiamo al futuro e ai progetti, ci rendiamo conto che non sono altro che un pugno di fumo.

    P.S. Miki, con la tua semplicità riesci a far trasudare dai tuoi post il succo e la quotidianità della vita.

    Arctic Fox

    RispondiElimina
  2. Miki secondo me hai fatto bene a non parlarne.

    Più tempo passa più mi convinco che tanto, COMUNQUE nessuno è immune dall'essere una vittima mediatica. Che si sia ebeti, ignoranti, caprari, burini, o intelligenti, acuti e colti, di destra o di sinistra non conta, poichè resta il fatto che se ne parla.

    Non si può fare a meno di dire qualcosa, o di apprezzare o disprezzare, insomma questa merda profumata o nutella putrida e puzzolente fa sempre notizia, e coinvolge chiunque. Alla fine tutti rientrano nella rete.

    Evidentemente se non hai discusso di queste cose, hai fatto bene. Perlomeno formalmente in un post, perchè tanto, trionfa sempre la Dea Ipocrisia comunque.

    Finirà sempre tutto con una risata e a tarallucci & vino, proprio come si conviene.

    RispondiElimina
  3. Che triste realtà..-.-"
    Avrei dovuto lasciarti un commento, ma hai detto praticamente tutto..
    buon pomeriggio Miki!:*
    Anas*

    RispondiElimina
  4. Toc toc...
    È vero che la realtà della nostra situazione in questo momento non è decisamente entusiastica, le falsità mediatiche, i cosidetti " bevoroni" che ciucciamo giornalmente da mamma tv sono indecenti, spesso smascherati eppure ancora seguiti ed ancora dotati di un alto potere persuasivo su quella che definiamo "massa media".
    Ma...
    di questo post, non apprezzo tanto questa verità quanto mai evidente, ma gli "Avre e dovrei" e quello che c'è prima...e non trovo rimpianto per un passato nostalgico o per le occasioni perse, ma l' attesa di un futuro, di cambiamenti cercati e che vogliono essere "buoni" e non distruttivi, la possibilità di realizzare ciò che ora è in potenza...insomma uno sguardo alle potenzialità del futuro, e non alle cose perse del passato!In fondo " avrei dovuto" non significa " avrei dovuto e non posso più", ma "avrei dovuto e posso ancora"!

    Sono discorsi che Don Moz sta affrontando ormai da qualche post...il cambiamento è già in fieri!^^

    P.S. Aspetto ancora quel libro eh!

    RispondiElimina
  5. Sinceramente parlando? Non credo che la colpa sia solo della Televisione, eh :P Certo, ci sono programmi spazzatura, c'è gente che si beve qualunque cosa...ma siamo ancora convinti, come negli anni '60, che la TV sia un "simbolo del Demonio" e che incanti gli spettatori come se non avessero uno spirito critico?

    Comunque bel post e non preoccuparti, MikiMoz...si è sempre in tempo per fare tutto :D

    RispondiElimina
  6. Avete già detto tutto voi, toccando tutti i temi che affronto nel post :)

    Una sola cosa: il cambiamento di cui parlo non è una cosa che riguarda la mia persona, tipo una maggiore profondità o minore profondità; un maggiore o minore cazzeggio.
    E' una cosa purtamente filosoficomaterialista, e gli ultimi post, a mio avviso, sono in linea con tutti gli altri scritti dal 2006 ad oggi (parlo di Chiesa e di Politica allo stesso modo in cui parlo di Zippo e Slime...^^)
    Poi magari, mi sbaglio io...boh^^

    Moz-

    RispondiElimina
  7. Dunque...non è che una persona diventa più o meno profonda, credo che le persone siano più o meno tali, poi certo quel che vivi ti può portare ad avere più consapevolezza di determinati aspetti della propria persona.^^

    Il cambiamento a cui mi riferivo nei post, non sta tanto nell' argomento scelto, che sia polemica contro la chiesa o l' esaltazione dello slime, ma nel modo in cui tocchi certi aspetti della vita, cosa che sicuramente hai fatto precedentemente in questo blog, ma che ultimamente fai spesso!

    E poi nel 2006 chi ti conosceva!;P

    RispondiElimina
  8. @ Eliell: nel 2006 ti conoscevo, siamo stati nella stessa università :)

    A parte scherzi, io non so se quel che dici è vero, nel senso che non spetta a me giudicare ciò che io stesso scrivo... dal mio punto di vista cerco di parlare anche degli argomenti più spinosi con una dosa di "cazzismo" perchè a parte che sono proprio fatto così, poi... perchè dobbiamo essere per forza seri al 100%? Inoltre credo che sia anche più piacevole da leggere...almeno spero^^
    ...che poi, proprio in questo post, dicendo che "avrei dovuto" e non l'ho fatto, in realtà lo faccio: parlo di Striscia, di Forum e del libro... che puntualmente mi dimentico di darti.
    Ma una cosa non dimentico: sta per cominciare Distretto e quindi sparisco dalla rete e vado su Rete...4 :)

    Moz-

    RispondiElimina
  9. @ Don Michelozzo...conoscersi è un parolone, neanche ora posso dire di conoscerti bene... nel 2006 sapevo che esistevi!!! ghghgh

    Forse non mi son espressa bene...mettiamola così, in alcuni tuoi ultimi blog, tra una cosa e l' altra, tutto giustamente condito di "cazzismo" ci sono delle osservazioni su alcuni aspetti della vita che prima non coglievo, ma forse dipende che ti conosco un pochino di più rispetto al 2006! e cmq non è un male!^^

    P.S. continui a dimenticarti il libro ed anche altro...sarà diventata una questione di principio!?;P

    RispondiElimina
  10. @ Eliell: aspetta di vedere quello nuovo, allora... ti spaventerai... doppiamente^^

    In ogni caso, anche in passato sono stato meno cazzaro, in certi post, a volte pure più introspettivo, tanto che alcuni non riconoscevano più questo spazio :)

    Moz-

    RispondiElimina
  11. Anche io avrei voluto scrivere un commento su questo post sin dal primo minuto, ma il tempo tiranno ha combattuto contro le mie buone intenzioni.
    Purtroppo il tempo è una risorsa molto limitata che ci costringe sempre a fare delle scelte e dare delle priorità.

    Anche il nostro modo di essere e di rapportarci con le persone lascia molti "vorrei" in sospeso. E anche gli altri ci rompono il cxxxo con i loro vorrei, potrei, ma non posso soddisfare il tuo vorrei :-)

    Per non lasciare il mio "vorrei" incompiuto ho cambiato l'ordine delle priorità e mi sono messo a scrivere. Anche perchè non si può mai sapere cosa succede dopo il 1° aprile.

    @Mikimoz: non sprecare lettere e battute sulla tv, purtroppo mi sto rendendo conto sempre di più che parlare delle schifezze che la tv ci propina a tutte le ore ha pochi benefici, perchè spesso se ne parla con chi è già d'accordo e quindi, oltre a rafforzare le proprie convinzioni, non si cambia nulla. Provate a parlare di Forum con la signora che lo guarda tutti i santi giorni, vedrete cosa succede :-)

    Su Striscia, non è mai piaciuta, quindi sono felici della sua deriva, come quella di Beppe Grippo.

    Sul "conoscersi", in questi ultimi mesi ho ri-conosciuto tanta gente che incontravo distrattamente al bar e al massimo ci si salutava con un distratto cenno del capo. Poi alcune in realtà neanche le incontravi, abitavano ai piani alti del paese.
    Ed ho avuto la fortuna di conoscere meglio anche Mikimoz. Amen

    p.s.: "Amen" è riferito al prossimo post del blog che leggerete nel futuro.

    RispondiElimina
  12. @ Giangi: il tempo è una convenzione. Certo, scorre. Certo, passa. Certo, invecchiamo. Ma secondo me, anche solo per un attimo, possiamo manipolarlo.
    Sono d'accordo con te sulla tv... Striscia prima mi piaceva molto, ora sono diversi anni che mi è scaduta...

    Come programmi del genere ritengo Le Iene superiori, e ancora del tutto "libere" (o almeno così pare), poi ovviamente ci sono le cose più seri(os)e come Report.

    Moz-

    RispondiElimina