> il taccuino delle Feste: vento & giochi

Come nella nave notte
taglio l'aria,
stringi forte la mano con la mia,
ti porterò lontano...

(Univers, Litfiba 1987)

MoC XMASTIME
POST A PAROLACCIA ZERO
Caro Moc,
sono entrato in pieno nel periodo natalizio. Giochi, addobbi, corse per i regali.

Erano secoli che avrei voluto giocare ad Hotel, me lo ricordo ancora: una scatola a casa di un amico delle elementari, piena di scenografie bellissime e grandissime.
Ovviamente, sono passati degli anni e nonostante le scenografie sono belle (ma non certo bellissime), assolutamente non sono grandissime, anzi sono pure un poco fastidiose.
A Hotel sono pressoché imbattibile. Ieri ho fatto le 4.20 di notte, giocando a Hotel. Finora ho perso pochissime partite. E tra quelle che ho vinto, credo ve ne sia una che può entrare nel ranking mondiale, tra guadagni e alberghi ottenuti.

Invece a Trivial Pursuit non vado poi così bene come un tempo: è vero che sono abbastanza ignorante, ma anche sfortunato. Al momento dello spicchio colorato da conquistare, mi azzecca sempre la domanda di livello difficile.

E quando esce facile, trovo scritto "in che anno Christian De Sica ha trascorso per la prima volta le sue Vacanze di Natale?" e rispondo "1983", come ben saprete se avete letto il precedente post. Ma Trivial dice "1990". Lo so, forse è una di quelle scuse per non ammettere tutta la mia ignoranza, ma anche Trivial sbaglia.
In ogni caso, magari potrò diventare un imprenditore alla stregua degli Hilton e fregarmene della cultura, e dell'anno di Vacanze di Natale.

Scarabeo è molto bello. Probabilmente il mio gioco.
E' bellissimo vedere otto lettere affilate e cercarne, come in un anagramma, una di senso compiuto. Che più è lunga, più è meglio.
L'altro gioco assolutamente per me è Cranium, che ho tanto bramato e alla fine ho ottenuto.
Si gioca in squadre, minimo in quattro (due squadre da due), per un totale di 4 team da realizzare.
Dentro c'è tutto: dal colore della casella su cui ti sei fermato, devi affrontare una prova. Quella artistica, quella cinestetica, quella culturale, quella linguistica.
Peschi una carta e, o assieme a tutti gli altri componenti della squadra, o tu per loro, devi eseguire ciò che la carta dice.
Può trattarsi di una domanda a risposta secca, un vero o falso, un quesito a risposta multipla. Oppure un anagramma, una parola da completare, una parola da dire, lettera per lettera, al contrario. Oirartnoc. Come nella Loggia Nera.
E ancora può trattarsi di mimare un'azione, o interpretare un personaggio famoso. O canticchiare una canzone a bocca chiusa cercando di farla indovinare ai tuoi amici. O disegnare oggetti e situazioni assurde, magari anche bendati, e perché no, anche creare qualcosa con la plastilina.
Insomma, c'è di tutto ed è divertentissimo.

Sul versante carte, dallo scorso anno ci si é appassionati ad un gioco che si fa solo in due parti d'Italia. Guarda tu che culo!
Lo Stu' (o Cucco), ovvero la variante del mitico (e per me migliore) Salta Cavallo. Con carte e disegni appositi, ma che richiede una dose eccessiva di fortuna.
L'Allegro Chirurgo invece non mi piace più. Si vede che non ho più l'età.

Eh, lo so, è strano che a dirlo sia proprio io, ma che ci volete fare?
Pochi giorni fa sono rimasto bloccato a L'Aquila causa vento forte che ha decretato la chiusura del traforo del Gran Sasso. E quindi, una serata come ai vecchi tempi dove si dorme, a terra, con due coperte arrangiate.
Abituato a queste cose grazie a qualche anno di scoutismo, ho dovuto però constatare che davvero non è più tempo per noi, o quasi. O forse, stavo semplicemente invecchiando precocemente, e devo riabituarmi a queste avventure.
Essì, anche perché il giorno seguente mi sono alzato (dal pavimento) e ho visto che nevicava.
Ne valeva la pena.

PIADINA DEL VENTO E DEI GIOCHI
-una piadina;
-4/5 fette di salame ungherese;
-scaglie di Auricchio piccante;
-ciuffetti di radicchio.
Scaldate la piadina, fate sciogliere il formaggio e adagiate il salame. Prima di arrotolarla, aggiungete il radicchio. Ottima con una aranciata. Buon appetito.



11 commenti:

  1. eh già...Natale significa anche questo: tirar tardi a giocare con gli amici con i giochi di società, tavolate piene di giochi a carte: non conosco Hotel - .....è grave?? - ma mi piace moltissimo giocare a Monopoli, credo che ci somigli visto che hai una città e delle vie da riempire di alberghi e case, e devi passare sempre dalle prove degli imprevisti e delle probabilità (che idiota.....sto spigando un gioco che TUTTO IL MONDO conosce!!!)
    anche io amo giocare a Scarabeo, mi piace molto misurarmi con le parole italiane; mi piace anche Trivial, ma non sono brava e sbaglio tantissime risposte!! -.-

    non mi piace giocare a carte...infatti disserto tutte le riunioni in cui si gioca per ore e ore al Poker, Ramino, 7 e mezzo, Scala 40, Scopa, se proprio DEVO giocare mi limito alla Briscola (anche in 5) ed al Mercante in Fiera: in realtà, del Mercante in Fiera non amo il gioco ma le carte!
    Io che sono una appassionata di Tarocchi di Marsiglia ma anche di quelli Zen, amo tantissimo queste carte, a cui ho assegnato da anni una "simbologia" (per deformazione "professionale", ovvio) e così mentre si gioca osservo le carte e le persone a cui escono e come sempre.....fantastico! :-)

    A parte questo, ammetto che quest'anno il Natale non l'ho ancora "sentito"...non mi sento ancora entrata nel mood natalizio, e a dirla tutta non so se vi entrerò!
    ma in effetti, anche a Natale io vivo un pò in un mondo a parte...a dirla con Grignani, sto "un metro più in là da quel che tu chiami realtà"!

    ok, mancano solo 4 giorni, ma non sapendo se scriverai un altro post lo dico adesso:
    BUON NATALE MIKI!
    BUON NATALE A TUTTI GLI AMICI DI MOZ ED ALLE PERSONE CHE PASSERRANNO DALLE PARTI DEL MOC!!! ^__^

    RispondiElimina
  2. Ogni anno ricreiamo la magia natalizia anche grazie a queste ludiche riunioni tra amici e parenti(meglio tra amici in my opinion).

    Adoro Trivial, vinco abbastanza spesso ogni anno, e scopro ora che esiste questo Cranium, devo cercarlo.

    Inconsapevolmente tutti partecipiamo a questo grande rito collettivo "magico",(molto beyond l'aspetto religioso di per sé; tra l'altro la data di nascita di Gesù è convenzionale).

    Sottolineerei che giocare a determinati giochi in presenza di cibo e alcool è davvero avvincente. :)

    Inutile dirlo: è la felicità che inconsapevolemnte creiamo la magia natalizia, sorridere, ridere tra amici, parenti, amori o affetti.

    Qualcuno ha detto che a Natale si è più buoni. Io aggiungo che lo si è perchè si deve creare appunto l'atmosfera per tale bontà. :)

    RispondiElimina
  3. LOOOOOOOOOOL!xD
    Sabato ho giocato ad una specie di scarabeo..mauhauahau xD ..e ieri abbiamo fatto un gioco in inglese stranissimo LOL!:P ...ma come uno come te che non gioca a scopa?mauahauah...a quel gioco sono negata...xD su, ti aspetto su msn per una nuova sfida a Ladybird o a battaglia navale!prrrrrrrr...
    Ti lascio..il calore del camino mi chiama *.*
    baciuzzzzzzz
    Anas*

    RispondiElimina
  4. Dimenticavo..come erano i pasticcini?!?:P (vediamo se questa la capisci xD)

    RispondiElimina
  5. @Scarlett: ma come non conosci Hotel!! Non te lo ricordi, tutto qui. fidati^^! Lo spot passava in continuazione! ;)
    Monopoli è uno dei miei giochi preferiti, cercavamo quello con le città italiane... io ne ho diverse edizioni, anche straniere.
    Hotel è una semplificazione di Monopoli, diciamo.
    Ieri ho vinto a Scarabeo ma non sono stato il migliore.

    Il gioco delle carte non so... il poker non m'attira (ci gioco pochissimo e molto raramente), mentre una partita a scopa pokerata me la faccio sempre volentieri.
    Il Mercante in Fiera lo adoro.
    E anche io sono attratto dalle figure sulle carte. Le Dolomiti, il lattante, la rosa, l'ancella.
    Se ti piacciono le carte in questo senso, allora forse ti potrebbero piacere anche le illustrazioni delle carte dello Stu'.
    Un post natalizio vero e proprio non ci sarà, ma ve ne sarà uno sui regali, per il 26-27.
    Quindi, grazie per gli auguri, ricambio di cuore!!! ;)

    @Marik: chi si risente!!^^
    Come va?
    Cranium te lo consiglio... proprio dopo una cena e qualche bevuta: ti farai un mucchio di risate.
    Ovvio che per me il Natale c'entra poco con Gesù... il Natale è molto altro, e più profondo.

    Comunque, ti aspetto per una sfida a Trivial allora ;)

    @Anas:
    a scopa ci gioco, ma mica sotto Natale!^^
    Quando vuoi sono qui per le sfide su msn, sperando che i giochi partano XD
    Ah... i pasticcini... preferisco il torrone ;)

    Moz-

    RispondiElimina
  6. A parte Cranium, che mi manca, ma sarà poi vero che esiste Yami;P gli altri li conosco anche se annovererei anche passaparola tra i giochi natalizi.
    A trivial ho giocato molto poco, hotel lo conosco ma non piacendomi neanche monopoli l'ho abilmente, sempre, evitato. Resto per i giochi di carte tipo machiavelli, per gli altri non sono granchè, ogni volta che finisco di giocare a briscola dimentico automaticamente le regole.

    Chiya

    PS Ti ho sempre detto che non hai più l'età....

    RispondiElimina
  7. Tutto PIU' che bene, grazie. :)

    Ad ogni modo anche io credo che il Natale sia qualcosa di più profondo; non sono sicuro se si evolva con il nostro sviluppo oppure in realtà è una ritualità che trova origine in un nostro determinato passato(ai tempi di Babbo Natale per intenderci); forse entrambe le cose.

    Difatti mi viene in mente che per alcuni il Natale è anche "triste" o meno bello di quelli "passati"(da leggere quindi nelle uniche righe possibili).

    L'unica cosa certa, come hai pointed out, è che l'approccio ai giochi cambia inesorabilmente.

    Difficile stare a guardare l'avanzemnto dell'oca su una serie di quadrati.. :P

    Ad ogni modo vorrà dire che per la Befana (o Epifania) ti manderò un guantino anziché un calzino per una sfida a trivial, che avrà valenza indeterminata per prossimo meeting. ;)

    RispondiElimina
  8. @Vale: Come vedi ci sono. :) Impegnato in un nuovo mondo ma ci sono. ;)

    RispondiElimina
  9. @Chiya:
    il fatto di dimenticarsi le regole è una tradizione natalizia anch'essa:
    ogni anno si devono ripassare i funzionamenti di SaltaCavallo, Mercante in Fiera ecc ecc...
    Appunto per questo dico che non è possibile giocare a questi giochi anche solo a febbraio: non sono tradizionalista, ma certe cose van fatte solo a Natale! ;)

    @Marik:
    Penso che il Natale sia così tanto sentito perché profondamente radicato nell'Uomo in quanto festa del Sole (Invincibile). Poi la religione attuale lo chiama Gesù per restare a galla, ma la sostanza cambia poco... è sempre una festa universale, come un archetipo.

    Ah, ovvio che i Natali del nostro passato sono migliori, ma solo perché eravamo spensierati, in un periodo economico florido, e quindi tutto era un po' diverso.
    Il Natale triste spero di non sperimentarlo mai, sinceramente.

    Ho giocato anche al Gioco dell'Oca, ma dovremmo creare la variante con prove o con alcool :p
    Aspetto il guanto di sfida...
    ...e mi fa piacere sapere che stai PIU' che bene ;)

    Moz-

    RispondiElimina
  10. Oltre al fatto che non conosco neanche uno dei giochi da tavola da te citati, io passerò il Natale credo nella più semplice maniera, pranzo e cena dai nonni, e la sera con i cugini sicuramente ci sarà del tempo per una partitina a poker, unico gioco di carte a cui sappia giocare.

    Capodanno lo trascorrerò con un amico, molto probabilmente aspetteremo il Capodanno giocando a poker, magari vincendo qualche euro, ma roba di poco, c'è crisi!! ^^

    Sono molto banale durante le feste a differenza di te Miki, che vivi sicuramente in maniera molto frenetica e ricca quest'attesa alla festività per eccellenza.
    Nel caso non dovesse esserci un altro post dove scambiarci gli auguri per il giorno di Natale, ne approfitto ora nell'augurarvi un sereno Natale, e mi auguro che in quel giorno siate circondati dalle persone che amate di più. Un caloroso abbraccio.

    Ispy

    RispondiElimina
  11. @Ispy: guarda, forse Hotel lo conosci ma non lo ricordi, come per Scarlett...

    A me il Natale piace e cerco di vivere questi giorni al top... anche facendo lo scostumato (sono diverse sere che rientro alle 3, o 4...)
    Però è un periodo in cui ritrovi davvero tutti gli amici (è tornato persino Matteo da Londra e già si è sentito tutti i miei smadonnamenti ieri a SaltaCavallo!) e anche i famigliari (oggi si è ricomposta la mia famiglia, oramai sparsa tra nord e sud).
    Insomma... è un periodo che cerco di vivere al cento per cento.
    E adesso mi aspetta... l'addobbo dell'albero in piazza, più vari film ecc ecc :p

    Moz-

    RispondiElimina