[dvd] Il ragazzo invisibile, l'esperimento crossmediale italiano



Esce oggi per l'homevideo Il ragazzo invisibile, l'ultima fatica di Gabriele Salvatores di cui è già in programma un sequel.
Dopo aver diviso il pubblico italiano (che forse si aspettava una pellicola roboante tipo quelle Marvel) e dopo aver fatto incetta di premi (anche all'estero), Il ragazzo invisibile è finalmente disponibile in dvd/bluray.
Il primo esperimento crossmediale italiano arriva quindi a toccare un nuovo supporto.

Protagonista della vicenda è l'adolescente Michele, un ragazzo solare ma intrappolato nella mediocrità cui l'han relegato le circostanze della vita: a scuola non brilla, è innamorato -ovviamente non corrisposto- di una sua compagna di classe, è vittima dei dispetti di alcuni bulli. E' un ragazzo invisibile, metaforicamente, fino a che invisibile non ci diventa davvero. E, nel frattempo, dalla sua classe inizia a sparire la gente. La polizia indaga, ma nessuno può immaginare cosa ci sia dietro tutto questo; nessuno può immaginare quale segreto nasconde inconsapevolmente Michi.

Girata con maestria e col solito delicato tocco d'autore, l'opera di Salvatores è quel film capace di piacere a tutti, trasversalmente. Una storia semplice, che non annoia e regala piccole emozioni e piccoli colpi di scena. Tutto è a misura dei protagonisti.
La bravura di Valeria Golino e Fabrizio Bentivoglio regge l'intera struttura, ma da meno non sono i giovanissimi attori presenti nel cast, con Ludovico Girardello a rendere ottimamente il personaggio di Michi.


una scena del film - immagine web

Il progetto non comprende solo il film, ma anche un romanzo e un fumetto.
Il primo, edito da Salani, è firmato dai tre sceneggiatori della pellicola: Fabbri, Rampoldi e Sardo.
La graphic novel vede Cajelli alla sceneggiatura e Vitti, Camuncoli e Dell'Edera ai disegni.
Ed è questo il lato davvero "super" dell'opera: la sua crossmedialità. Un pratica ancora poco battuta in Italia e fortemente voluta dagli autori, qui sfruttata con cognizione di causa (anche e soprattutto grazie all'argomento trattato, che si presta bene a una trasposizione fumettistica).

La storia, di per sé, non è nulla che un Harry Potter non abbia già fatto o un Uomo Ragno non abbia già affrontato. Anzi, a livello di pura azione e spettacolarità deve pure fare i conti con tutte le limitazioni del nostro cinema. Ma, di contro, giocando quasi per sottrazione, l'italianità dell'opera rende la medesima molto più veritiera e semplice rispetto a tante altre. Sia nel linguaggio che nelle situazioni.
E' un racconto sull'adolescenza, visto con gli occhi di un ragazzo che un giorno scopre di poter diventare invisibile. E paradossalmente, da invisibile risulta essere più popolare (ed eroico) di quando, nella vita quotidiana, è perfettamente visibile. Una bella metafora che si rivolge sicuramente ai più giovani ma che risulta adatta a tutti.

il fumetto e il romanzo

Il romanzo amplifica e rende nel dettaglio le vicende, ma ci sono anche potenziali sub-storie riguardanti altri personaggi e il loro passato che è compito del fumetto (by Panini Comics) mettere su carta.
Il bello è proprio questo: le vicende del film, del romanzo e del fumetto si intrecciano completandosi l'una con l'altra, proseguendo sui binari di più media.
E, seppur con qualche incertezza e pecca, è un'opera che dovrebbe essere sostenuta anche solo per questa ragione, oltre che per il coraggio di aver osato addentrarsi in un genere quasi per nulla frequentato dalla cinematografia made in Italy.

Il ragazzo invisibile è disponibile anche in confezione speciale che prevede il dvd o bluray più una t-shirt e un adesivo.

38 commenti:

  1. Consumismo. Mi viene in mente solo questo. Comprare comprare tutto comprare sempre. Sto invecchiando ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fin quando si compra arte (alta o bassa che sia, bella o brutta) non ci vedo nulla di male ;)

      Moz-

      Elimina
    2. Ogni tanto piacerebbe anche a me diventare invisibile. in realtà l'ho sempre sognato, purtroppo per la mia diciamo così, fisicità in un certo senso "diversa" mi faccio notare volente o nolente, non ho tre seni o una testa gigantesca ecc, eheheh, ma vengo notata ecco.
      Proprio per questo vorrei sparire a volte. La tua recensione mi ha incuriosita. Se ne avrò l'occasione lo vedrò, grazie della visita al mio blog ^^ Buona serata e a presto ... Dream Teller ^^

      Elimina
    3. Ciao Dream, grazie a te! :)
      Molto bello il tuo commento, e fidati... la cosa che dici è proprio ciò che scatena l'invisibilità di Michi.
      Ma quanto costa essere invisibili? :)

      Moz-

      Elimina
  2. Ciao Moz,visto,un bel film,diverte ma fa pensare.Complimenti per la dotta critica.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank u Fulvio!
      A me è piaciuto tantissimo, forse perché in Miki c'è un po' di Michi e forse è così per tutti! ;)

      Moz-

      Elimina
  3. All'amica Nella dico:Il consumismo crea il benessere che oggi tutti pretendiamo.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, sarebbe bello tornare a quel consumismo ottimistico degli anni '80 ;)

      Moz-

      Elimina
  4. Grazie Miki per questa recensione, ne avevo sentito parlare o ora leggendoti ne so po' di più, mi sa che farò incetta di tutto DVD fumetto e libro.
    Viva l'italianità anche nella fantasia ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna Maria, spero ti piaccia come è piaciuto a me! :)

      Moz-

      Elimina
  5. A me questo film è piaciuto troppo... e mi comprerò il blu ray, non si discute. :)


    Ispy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, mi fa piavere perché progetti così sono da sostenere! :)

      Moz-

      Elimina
  6. L'idea di lanciare fumetto e film è stata molto interessante, peccato che il film si è rivelato una cosa moscissima e piena di buchi, veramente deludente, speravo che Salvatores potesse portare il suo tocco, secondo me si è un pò perso per strada. Cheers! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me la seconda parte sarà molto più "Salvatores", vedrai... :)

      Moz-

      Elimina
  7. Se riesco, prima leggo il romanzo e poi guardo il film!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me puoi iniziare tranquillamente col film... :)

      Moz-

      Elimina
  8. Fino a quando gli eventi di questo genere erano pochi, ok. Oggi, ogni anno esce un film o serie tv. Io che prima ero un piccolo appassionato di eroi tipo marvel ecc... ho perso totalmente il gusto. Penso che, pur essendoci l'italianità di Salvatores, il film rimane pur sempre un genere predefinito e ormai letto e riletto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amelio, posso assicurarti che il film sa essere davvero molto più delicato e "reale" di un supereoistico Marvel.
      Certo poi sempre di supereroi si tratta, ma c'è un qualcosa di diverso.
      Comunque, io anni fa sarei impazzito per i cinecomix, oggi non ne guardo manco uno... :)

      Moz-

      Elimina
  9. Mi piacerà dargli un occhiata, recensito molto bene :)

    Ciao! :)

    RispondiElimina
  10. Certo che per essere invisibile questo ragazzo sta avendo un sacco di "visibilità"...

    Attento Moz, che ti sorpassa...^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, ne sarei ben lieto perché lo merita :)

      Moz-

      Elimina
  11. Un film che devo assolutamente guardare.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi raccomando, fammi sapere.
      Qua torneremo sicuramente a parlarne :)

      Moz-

      Elimina
  12. ops .. ho inserito il mio commento in una delle risposte .. scusami, buona serata ancora! Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Risposto sopra, no prob :)
      Danke :)

      Moz-

      Elimina
  13. non l ho visto ma mi incuriosisce molto, mi pare un ottimo modo di affrontare anche il problema adolescenziale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, diciamo che il vero senso è proprio quello...
      E lo si affronta comunque in modo leggero e fumettistico, forse arriva anche di più :)

      Moz-

      Elimina
  14. Me lo sono perso in sala, non mi interessava, ma adesso, dopo questo tuo scritto, che faccio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so che dirti, perché comunque potrebbe essere un genere che non piace.
      Inoltre, considera che si rivolge a un pubblico di adolescenti (anche se alla fine è un film per famiglia). Vedi tu... :)

      Moz-

      Elimina
  15. Bellissimo libro anche se ha una trama banaluccia, enorme però l'abilità degli scrittori nel riprodurre le emozioni di un tredicenne in piena crisi adolescenziale.
    Parlo basandomi solo sul libro, il DVD è la prossima tappa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Charlie benvenuto a bordo!!
      Sì, la trama è banale, nel senso di semplice... ma secondo me è lì la sua forza :)
      Fammi sapere cosa te ne pare del film!^^

      Moz-

      Elimina
  16. Preferivo il Salvatores degli inizi. Da qualche film non riesco pi ad apprezzarlo, tanto che ho saltato a pie parti questo film. Forse sbaglio ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, se preferivi un altro tipo di Salvatores allora hai fatto bene... questo è un film poi volutamente semplice e destinato a ragazzi xhe possono vederlo coi propri genitori... ;)

      Moz-

      Elimina
  17. Libro e fumetto li salto a piè pari, vorrei però dare una chance al film, sebbene in tutta onestà il trailer all'epoca lo trovai piuttosto trash.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me il trailer è stato sbagliato: hanno puntato sulle scene d'azione in modo davvero un po' trash, e non è stato un granché, scimmiottando Marvel e cagate varie...
      Il film è davvero meglio di ciò che il trailer offre... ;)

      Moz-

      Elimina
  18. Purtroppo devo ancora vedere il film... Che per vari motivi non ho ancora potuto.
    Spero di poterlo recuperare a giorni.

    RispondiElimina