[FUMETTI] Berserk 78, la recensione


Seconda parte del tankobon 39, arriva grazie alla Panini / Planet Manga il volumetto n. 78 di Berserk.
Il capolavoro sword&sorcery di Kentaro Miura, che si inserisce nel filone narrativo howardiano con forti rimandi a opere come Hellraiser, L'amore e il sangue e Il nome della rosa, giunge qui al punto focale che i lettori attendevano da tempo: un viaggio onirico nella coscienza di uno dei protagonisti principali.
Scopriamo assieme cosa succede, senza spoiler...
La compagnia di Guts è finalmente giunta sull'Isola degli Elfi, e dopo averne oltrepassato i guardiani è pronta per incontrare il Re della Tempesta di Petali, potente sovrano elfico che probabilmente potrà ridonare il senno a Caska, resa menomata in seguito allo stupro subìto durante l'Eclisse.
E questo numero di Berserk ci parla proprio del viaggio spirituale che Farnese e Schierke compiono all'interno della coscienza di Caska, guidate dal re degli elfi, per tentare di capirci qualcosa sulla sfortunata guerriera.

Un cammino insidioso e brutale, in una coscienza fatta letteralmente a pezzi che ha la forma di una bambola distrutta. La mente di Caska, così duramente colpita dopo i fatti dell'Eclisse, ha creato un groviglio di mostruose barriere, simboli e contraddizioni che sarà difficile da sbrogliare.

Django chained
Sia all'interno della Galleria dei Sogni, sia all'esterno nel villaggio dei maghi, questo volumetto di Berserk regala al lettore tante emozioni dal passato: con diversi flashback (una scena tratta addirittura dal primo volume!) vari personaggi avranno modo di fare il punto della situazione sulle loro esistenze, come se l'Isola degli Elfi fosse il giro di boa, un checkpoint, o un passo di (ri)partenza.
Guts ha modo di ripensare al suo viaggio, e ciò che è stato e a ciò che è diventato adesso. Ma le parole (profetiche?) del Cavaliere del Teschio risuonano ancora prepotenti: cosa sceglierà per davvero Caska, quando e se sarà guarita?

Anche le stesse Farnese e Schierke avranno modo di aggiungere indizi a ciò che già suppongono e conoscono della vicenda, e il viaggio nel mondo dei sogni risulterà utile anche a loro, per capire e capirsi.

tra passato, sogno e presente...

Kentaro Miura, magistrale come sempre, non perde la sua vena poetica e introspettiva. Stavolta sceglie un mix di scene surreali (anche ironiche-iconiche) e di scene tratte dai precedenti volumi, per raccontarci la psicologia dei suoi tormentati personaggi.
Oh, poi dopo oltre quindici anni, abbiamo modo di rivedere pure Lord Mozgus, colui che mi ha dato il nickname! Sticazzi!

L'edizione italiana si fa ancora più attenta (ad esempio, ora il protagonista è appellato giustamente "spadaccino nero", traduzione esatta di "black swordsman") e stampa e adattamenti grafici sono in linea con gli ultimi volumi.

Se amate Berserk, restate sintonizzati perché presto sul Moz O'Clock inizieremo ad analizzare l'opera saga per saga!

Hai una pagina, un profilo social o un blog come il mio?

Entra a far parte della GEEK LEAGUE!


Se ami Berserk, leggi anche
Berserk 77, la recensione
Berserk, il megariassunto
Come finisce Berserk

25 commenti:

  1. Prima o poi riprendo la lettura...non immagino quelli che erano rimasti a Gatsu sulla barca per tutto quel tempo..;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, devi devi! Che ora ne succedono di belle :)

      Moz-

      Elimina
  2. Purtroppo questo lo conosco solo di fama :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo consiglio vivamente. Un fantasy che spacca.

      Moz-

      Elimina
  3. Amo alla follia Berserk, dovrei rileggerlo per bene (per la quarta volta, più o meno) per parlarne a 360° sul blog. Mi sono fermato un po' più indietro rispetto a questo volume perché volevo aspettare che Miura sfornasse altri capitoli, ma a quanto pare mi conviene riprendere la lettura XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io anche a breve lo rileggerò (penso per la centesima volta XD) e voglio fare questi approfondimenti saga per saga... chissà :)

      Moz-

      Elimina
  4. Preso stamattina.
    Se Miura fosse un tantino più veloce, sono convinto che quest'opera rivivrebbe ancora i fasti di un tempo anche perché gli ultimi capitoli sono tutto sommato convincenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, purtroppo la vedo dura a essere più veloci di come sta facendo. Però almeno un volume l'anno è garantito (in passato erano due, non chissà quanti in più)

      Moz-

      Elimina
  5. La citazione di Django (il vero Django :D)è sublime e ora che so il significato..mi esalto ancora di più.

    Spero che ci sia una svolta a breve e che non si debba aspettare dieci anni per vedere l'epilogo di questo super manga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dall'andazzo direi che dieci anni sono quanto restano per vedere la fine dell'opera, o meglio... entro dieci anni finirà :)

      Moz-

      Elimina
  6. Ho recuperato gli ultimi 4 albi... per un amico che era rimasto indietro con la collezione. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, dagli una letta, no?^^

      Moz-

      Elimina
    2. Mi è bastato sfogliarli, anche se avevo visto qualcosa sempre dalla collezione di questo amico... Non mi conquista, e poi le pagine sono ribaltate all'occidentale. 😒

      Elimina
    3. Sì, perché è un manga che in Italia è uscito quando ancora i fumetti venivano ribaltati: nelle ristampe Maximum è però con lettura alla giapponese :)

      Moz-

      Elimina
  7. Grazie per il riassunto. Questo volume mi sarebbe interessato alquanto, anche se credo che la cosa non finirà qui a meno che non abbia già una chiara idea di quello che Caska potrebbe voler fare. Il fatto è che il ricordo di Griffith è troppo forte in lei, le ha dato troppo anche se con Guts si era creato un legame fisico e pseudo romantico molto più forte... boh! Il viaggio nella psiche femminile è complesso anche nei fumetti xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti SPOILERINO una volta composta quasi del tutto la bambola rotta, Caska -la sua coscienza- dice che vuole incontrare una persona (si tratta di Griffith).
      Vedremo vedremo. Sì, Miura è un grande **

      Moz-

      Elimina
  8. 39 volumi in quanto, 30 anni? Bello lento questo mangaka 😆
    Tiene testa a quello di Bastard.
    Se dovessi iniziare questo manga, aspetterei l'annuncio ufficiale della conclusione. Ci manca solo che muoia (di vecchiaia) prima di portarlo a termine... non sopporto in manga provi di conclusione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bastard credo si sia fermato del tutto, non vedo roba nuova da secoli. Personalmente preferisco aspettare anche uno o due anni per leggere roba di questo livello che altri che pubblicano un capitolo a settimana tanto per allungare il brodo, tipo One Piece...

      Elimina
    2. È lento ma un volume l'anno -tranne nel 2014 che fece un altro manga- lo fa uscire sempre (in passato, fino al 2007 se ricordo bene, erano due volumi l'anno).
      Per scrivere, sceneggiare e disegnare un'opera complessa come Berserk... ci vuole davvero molto tempo. Non si può paragonare a Bastard!! che è proprio cazzaro (e credo anche io che si sia fermato del tutto...^^)

      Moz-

      Elimina
  9. Manca pochissimo per rivedere Caska rinsavita.
    Io attendo... E sono fiducioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ma chissà cosa succederà... Io non sono fiducioso sull'esito. Cosa deciderà Caska? 😎

      Moz-

      Elimina
  10. Ciaola, sono RW.
    Il 24 Agosto esce il 357 - ma lo sa già :<>
    Purtroppo ora si dedicherà a Grifis: gli ultimi volumi sono stati incentrati su Gatsu e company e sarebbe davvero strano ritornare da loro dopo aver dedicato un solo capitolo al biondo.
    Però boh.
    Per voi quali saranno i prossimi sviluppi?

    Caska, come profetizzò il Cavaliere del Teschio, potrebbe non volere ciò che vuole Gatsu (che non ho mai capito come si scrive, lessi su un forum che Gatsu è più fedele al jap, boh) e, anzi, non credo sia possibile neanche una convivenza a distanza, visto che le ricorda l'Eclisse: magari si chiariranno, ma, credo, vivranno in pace pochissimo tempo.
    Poi ci sono i sadici che dicono che si suiciderà, o i sognatori che parlano di lei che sacrifica... qualcuno; io sono propenso a credere che morirà e Gatsu/Guts tornerà quello di prima.
    L'isola non sarà sempre sicura...
    Ah, ma nella cover non ha più il ciuffo?

    Il tuo è bellissimo blog.

    Ciao.



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie mille!! :D
      Sì, penso anche io che ora avremo una decina di episodi incentrati sul Grif, e ci sta... Cosa dovrà narrarci Miura a riguardo non lo so, però: ha introdotto il tutto con un episodio ricco di azione, non so dove voglia andare a parare... lo scopriremo tra pochi giorni! :)
      Il nome traslitterato correttamente è Guts, come riportato sui prodotti ufficiali: i giapponesi lo pronunciano gatsu, ma esattamente come pronunciano beruseruku il titolo dell'opera, o faruneze il nome Farnese :)

      Tornando a noi: bella domanda. Cosa vorrà Caska? Magari vendicarsi anche lei rinunciando alla pace? Magari vuole comunque allontanarsi da Guts perché le ricorda cose negative? Non saprei... E credo che lo scopriremo tra un anno :)

      Moz-

      Elimina
  11. Ah, egregio, c'è anche Rickert, la fidanzata e i quattro indiani... E bisogna pure considerare che il tempo su Elfonia è matto.
    Io credo che uno scenario possibile sia che gli apostoli vanno a devastarla - come hanno fatto con la casa della Strega - e togliersi l'ultimo nemico rimasto - la Regina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente: si prospetta proprio questa cosa.
      "Lui... verrà da me!" ha pensato Guts con le parole del CdT sulla spiaggia.
      Griffith farà una crociata vera e propria (tutte quelle navi da guerra a Falconia lasciano pensare...) e devasterà l'Isola.
      Certo è bello che tutti i personaggi si sono riuniti: Rickert, Erika, Silat, Daiba... insomma, saranno un aiuto insperato^^

      Moz-

      Elimina