[LUOGHI] Modena: un'antica libreria di fumetti (anzi, due)


Modena è la città della... Ferrari?
Esticazzi. Tanto non la guiderete mai.
Modena è la città della Panini, e almeno le figurine possiamo comprarle tutti.
Modena è una città con una grande storia pop. E, tra le sue vie, vi è la storica libreria di Daniele Iori.
E io ho avuto l'onore di visitarla, con tutti i tesori che nasconde.
Ecco il resoconto tutto per voi supercuccioli Clockers!


In realtà, Cartafumetto Iori è quasi un franchise.
A Modena vi è un altro negozio (gestito dalla moglie di Daniele, detta "Iora", e dalle loro due figlie) che fa parte della "famiglia".
Grazie al Dr. Anza del collettivo Nerdosterone (seguiteli su Instagram, che presto saranno ospiti qui!), ho potuto fare un preciso giro modenese che, tra monumenti e luoghi di interesse, ci ha condotti anche in questa storica libreria.

tutto in poco spazio

Cartafumetto Iori è una delle quattro fumetterie più antiche d'Italia.
Sorta nel lontano 1972 è la tana di Daniele Iori che la gestisce da sempre con grande passione.
Parlare con il signor Iori è come assistere da protagonisti a una lezione di Storia del Fumetto.
Lui ha tutto (e non è una esagerazione: ha almeno un esemplare di qualsiasi collana a fumetti pubblicata in Italia) e non si è fermato al passato. Pensate, abbiamo parlato di Berserk, e lì dentro ho visto L'Attacco dei Giganti e tutte le uscite attuali di qualsiasi testata.

Iori ama il fumetto tutto, e si vede chiaramente. È costantemente aggiornato, maneggia anche edizioni estere (ho avuto in mano la prima run americana de I Guardiani della Galassia. Valore: diverse migliaia di dollari.) e fa compravendita spedendo ovunque.


La libreria è quasi un antro a metà tra una fumetteria e il negozio di un rigattiere.
C'è caos, ma è caos apparente: la mole di roba è così tanta (comunque catalogata) che è difficile non perdersi anche in quei pochi metri quadrati. Perdersi con le testa, soprattutto.
Storia del Fumetto, si diceva. E lo è, letteralmente.
Ecco cosa ho potuto visionare:


Non so se sapete di cosa si tratta: Topolino Giornale, ossia Topolino prima che diventasse Topolino Magazine per come lo conosciamo oggi. Un onore totale, per me, poter vedere questa rarità.


Qualsiasi cosa a fumetti pensiate in questo momento, Iori ce l'ha.
Tex Striscia? Eccolo.
Disney Striscia? Pure.


Ho trovato anche i Diabolik Pocket, ossia raccolta di 8 storie rimontate in oltre 320 pagine.
Dietro potete vedere pure Zio Tibia.


Il top di Cartafumetto Iori, per me, è il suo reparto "edicola", come l'ho ribattezzato.
Ossia uscite anni '80 e '90 di riviste e fascicoli vari (spesso ancora incellophanati).
Vhs de I Simpson, Dragonball Z, e magazine come Tank Girl, Horror, Power Rangers e X-Men TV.
Incredibile, un viaggio nel mio passato.


Paradossalmente, vista la quantità di roba e il poco tempo a disposizione, sono uscito quasi a mani vuote dalla libreria Iori (però, è sempre possibile contattare Daniele via mail o telefonicamente, per farsi spedire qualunque cosa vogliate).
Gli acquisti veri li ho fatti invece nella fumetteria gemella, che sulla carta doveva essere meno fornita e più orientata alle ultime uscite (specie giappominkiate assortite). Sulla carta.
E invece qui ho trovato di tutto.
Uno Shazam! vintage.
Un volume (nuovo) con le primissime storie di Batman.
Ho recuperato tutti e quattro gli esauriti volumoni dei team-up spidermaniani anni '70 e persino la riduzione a fumetti del film Street Fighter Sfida Finale (che rivedemmo QUI).


Insomma, se passate in Emilia cercate una delle due librerie Iori.
Oltre a trovare subito qualunque cosa vi serva (davvero: recarvi qui rende inutile ogni fiera del fumetto, a meno che non andiate lì per vedere qualche puttanone in cosplay e allora vi capisco), sarete immersi davvero nella storia del fumetto senza confini.

Foto iniziale presa dalla Gazzetta di Modena.

55 commenti:

  1. ahaha, fantastico l'incipit! :D.
    E fantastico il finale!
    Questo post è una vera chicca, soprattutto per il personaggio che gestisce la fumetteria: ho usato proprio appositamente il termine personaggio.
    Se fosse delle mie parti, ci scapperebbe un maxi articolo!
    Quante chicche e rarità, addirittura il Topolino giornali. Dei fumetti a strisce aveva qualcosa mio babbo: mi pare una sorta di copia di Tarzan, Akim.
    Purtroppo mio babbo ha sempre lamentato di essere stato derubato dei suoi fumetti (?!) da un compaesano.
    Ma torniamo in tema: deve essere stato emozionante anche per Iori avere vicino giovani appassionati del fumetto.
    E poi questo suo negozio veramente, sembra fuori dal tempo: come le vecchie librerie, piccole, ma con gli scaffali stipati di roba.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti la Gazzetta di Modena un articolo glielo ha dedicato, giustamente.
      Iori è una miniera di sapere, forse tra i più acculturati in questo campo.
      Senza alcuna barriera geografica o temporale.
      Akim era tornato in edicola (ristampa, ovviamente) un paio di anni fa... anche mio padre leggeva questi fumetti! Oddio, il ladro di fumetti... dategli fuoco :O

      Sì, non è la classica fumetteria chic moderna, tutta fatta per i bimbiminkia. È un tempio del fumetto tout-court.

      Moz-

      Elimina
    2. Mi ricordo che quel fumetto di mio padre mi lasciò un po'interdetto :D.
      Piu' del fumetto western-hard che il mio amico Alberto aveva tirato fuori dalla soffitta di casa sua XD

      Elimina
    3. Akim? E perché?
      Era un fumetto normalissimo di quell'epoca :)

      Moz-

      Elimina
    4. Diciamo che mi sembrò molto retrò..nei dialoghi, nei disegni, nelle stesse storie

      Elimina
    5. Sì, ma assolutamente è un fumetto vintagissimo :D

      Moz-

      Elimina
  2. Wow.
    Non abbiamo dovuto attendere l'uscita del posto Mikipedia per scoprire qualcosa in più sul tuo viaggio a Modena.
    Comunque ero certa che ti saresti sentito come un bambino mentre mangia il suo gelato preferito. Bravo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, ma come vedi, ho evitato le foto con la gente (tranne me e Iori) perché quelle le vedrete a fine mese in Mikipedia, come giusto che sia :D

      Moz-

      Elimina
  3. Come sarebbe lontano 1972... è praticamente l'altro ieri.

    (No, sai com'è... comincio a sentirmi troppo... vintage! :-P )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, eh lo so, e anche dal punto di vista culturale (del fumetto) è l'altroieri^^

      Moz-

      Elimina
  4. In un luogo del genere io ci sguazzo come Paperone nel suo deposito, non visito una città senza, avendone tempo, cercare uno di questi negozi magici dove il tempo si è fermato, anzi vi scorrono assieme vari decenni. Conosco e amo questo tipo di negozi, per me molto più preziosi delle varie fumetterie tutte lustrini che però hanno solo roba inedita e nuova.
    Come dici tu, se interessano puramente i fumetti, le fiere lasciamole ai cosplayer. 😉

    Ce l'ha un sito questa famiglia di "fumettai? O un catalogo da farsi spedire (anche se sarebbe il caso di andarci)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gas, non mi pare abbia un sito o una pagina.
      Il catalogo? Forse è anche inutile, perché immagino che si modificherebbe di giorno in giorno.
      Ho assistito personalmente a una lunga telefonata di compravendite, quindi se ti serve qualcosa (mi ha detto Iori) bisogna scrivergli una mail. Lui ha tutto e subito, e nel caso non lo abbia, sa come procurarlo in poco tempo (ovviamente nei limiti dell'umano).
      Insomma, non ci crederai, ma lì trovi davvero qualunque cosa vuoi, e se ti va di culo, la trovi anche IMMEDIATAMENTE. Questo è il bello :)

      Moz-

      Elimina
    2. La bottega di fumetti usati di Bari oramai l'ho saccheggiata di quanto mi interessava, ma anche lì ci sono dei Tex e Zagor a striscia, e tanto disordine...
      C'è poi un altro luogo che però è un magazzino e non puoi fare self service: dici cosa vuoi e se c'è te lo portano sul banco (vendono soprattutto online): è vicino a dove scattai quella foto con l'orgia di Masters in vetrina...
      Un'altra bottega riuscii ad andarci solo un paio di volte, poi chiuse perché forse il vecchietto che la gestiva è morto. 😕

      Elimina
    3. Uhh sì, ricordo benissimo quel negozio coi Masters.
      Ecco, questi posti sono ciò che cerco nelle fiere e che puntualmente non trovo mai. Storia del fumetto tutta, fino a oggi!

      Moz-

      Elimina
  5. Sai che anch'io adoro questi luoghi.. e anche a me spesso finisce che prendo solo 2-3 fumetti, perché prendere tutto quello che si vorrebbe fra spazio e euri non è possibile :D Mi hai dato un bello spunto per fare una visita turistica a Modena, ma non dico a mia moglie che andiamo anche a fumetterie ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha dai dai, direi che anche questo ormai è un luogo storico di interesse culturale! 💪🤩
      Fossi stato miliardario probabilmente sarei uscito egualmente senza molto bottino: la troppa scelta è assurda! Oppure avrei comprato TUTTO 🤓

      Moz-

      Elimina
  6. In effetti sono stato su Jaguar, Mercedes e BMW ma mai su una Ferrari! Mi tocca recuperare :D Ed anche un Porche mi sa che mi manca.
    Scherzi a parte, quante volte sei venuto in libreria?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, pensa: io sono salito a Modena proprio a bordo di una Jaguar.
      Purtroppo non era quella di Diabolik... altrimenti gli orgasmi iniziavano già da lì :)

      Moz-

      Elimina
  7. Ma è un piccolo museo... è bellissima!
    Ci farei volentieri un campeggio di 3 giorni chiusa lì dentro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, un museo dove puoi toccare e sfogliare (alcune cose ovviamente le puoi vedere solo sotto supervisione del proprietario! XD)
      Secondo me tre giorni non basterebbero, fidati XD

      Moz-

      Elimina
    2. Tre giorni intesi come 72 ore forse sì. :D

      Elimina
  8. Ottima segnalazione. Mi piacerebbe farci un salto!

    RispondiElimina
  9. Stupendo, se passo da Modena devo andarci :)

    RispondiElimina
  10. Io al massimo dal giornalaio, mai entrato in una fumetteria, però bellissima questa qui ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto è che, se sei appassionato, una edicola non basta: perché non ha che il 10% di quel che può servire...

      Moz-

      Elimina
    2. L'edicola ha solo le uscite recenti, 10% è pure troppo!

      Elimina
    3. Ogni tanto è vero che si trova qualcosa di figo.
      Aspettati delle foto a stretto giro che ti faccio godere come una cinesina :D

      Moz-

      Elimina
  11. Le fumetterie sono sempre più rare, quelle storiche meritano sicuramente una visita.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono ancora più rare le fumetterie che fanno anche compravendita di usato.

      Elimina
    2. Vero, vero.
      Comunque si tratta di mondi da salvaguardare.
      Sempre che esistano VERI tuttologi della materia come Iori, che davvero sa TUTTO di ogni cazzo di cosa XD

      Moz-

      Elimina
  12. Luoghi un po’ magici dove ci si sente come Alice nel,paese delle meraviglie. Da visitare. Grazie Miki lo terrò presente.
    sinforosa

    RispondiElimina
  13. Ma che meraviglia! *-*
    Questi posti sono introvabili, o se esistono, non in questa scala!

    RispondiElimina
  14. Corso Adriano... I fumetti. Quanti ricordi e quante scoperte. Bel post, anche il museo delle figurine merita. Se ricapiti facci un salto... sigh sigh sigh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono passato giusto un attimo, lì... Sono entrato nella biblioteca. Purtroppo il tempo è sempre POCO, sigh sigh sigh!! :D

      Moz-

      Elimina
  15. Un posto magico, un posto dove poter vagare con la testa tra le nuvole...parlanti.

    RispondiElimina
  16. Ma wow! È un posto dove ci si passerebbero ore, è fantastico! Si trovano addirittura i Topolino Giornale! Ma quello in foto è un originale rilegato o una ristampa? Se mai andrò a Modena ci devo passare.
    Quindi questa è una delle quattro fumetterie più antiche d'italia... Quali sono le altre tre, per curiosità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho idea di quali siano... ma intanto conosco questa e penso che ogni tanto ci andrò :D
      Topolino Giornale era stato rilegato, sì :)

      Moz-

      Elimina
  17. Ahahah, oggi gli ho telefonato chiedendogli un titolo e l'ho messo in difficoltà. Ho trovato forse l'unica cosa che non tiene nei suoi magazzini (e mi ha raccontato di averne diversi, uno dei quali di oltre 300 metri quadrati). Mi ha detto che questa è stata praticamente la prima volta che ha dovuto rispondere di non avere ciò che gli era stato chiesto… :P
    In ogni caso è gentilissimo, e sicuramente il suo negozio vale oro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè, questo lo lascio scoprire a te! (o agli altri follower che ci stanno leggendo)… Tu il negozio lo hai anche visitato! Prova un po' a indovinare! :)

      Elimina
    2. Eh, penso sia impossibilissimo indovinare... :o

      Moz-

      Elimina
  18. Bazzico spesso per il 'distaccamento' in zona centro storico, e confermo - Iori e la Iora hanno tutto, sempre, e se non ce l'hanno lo trovano. Anche sui manga sono fornitissimi, non c'è paragone. Segnalo inoltre che, su acquisti importanti, fanno anche spesso sostanziosi sconti con un sistema simil- carta fedeltà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cris, benvenuto a bordo!! :)
      Vero, ho approfittato io stesso dello sconto, grazie a un amico modenese che si rifornisce spesso lì (il tutto davanti a Iori, non è stato uno scambio tipo "prestanome" XD) insomma, davvero la più fornita tra le librerie^^

      Moz-

      Elimina
    2. In effetti forse l'unica pecca sono gli orari bizantini con cui le diverse aperture dei due negozi si incastrano - posso testimoniare che vanno a 'ispirazione', e non sono per nulla quelle pubblicizzate. Consiglio sempre di dare un colpo di telefono prima se si viene da fuori Modena.

      Elimina
    3. Ahaha, capisco! Beh, ho amici che vivono lì, su qualche giorno che sto da loro, sicuramente una volta almeno becco aperto! Thanks! 😎💪

      Moz-

      Elimina
  19. Ci sono stato ieri pomeriggio! E' davvero come descritta qui (non che avessi dei dubbi, ma a volte è difficile fare arrivare le sensazioni...).
    Essendo reduce da una settimana molto impegnata (due viaggi a Napoli e uno a Bologna), non ho curato al meglio la corrispondenza con Iori, per cui anche io sono uscito a mani quasi vuote dal negozio, ma pienamente soddisfatto dall'esperienza, e soprattutto consapevole che, specie se si cercano più pezzi di una serie, con ottime probabilità lì qualcosa c'è.
    Daniele Iori non è semplicemente il gestore di una fumetteria storica, ma anche un esperto collezionista, che conosce i pezzi nel suo negozio quasi uno per uno...

    RispondiElimina

grazie per il tuo intervento!