[FILM] Saludos Amigos / I Tre Caballeros: Disney alla conquista del Sud America


Siamo nel 1941: il governo americano, nell'ottica della Politica di buon vicinato (ossia il dare l'idea degli Stati Uniti come buoni vicini, ma anche espandere l'influenza degli stessi sull'America Latina), chiama Walt Disney come ambasciatore.
La questione è semplice: molti governi latinoamericani avevano legami con la Germania, e chi se non Topolino poteva contrastare almeno idealmente questi oscuri intrallazzi nazi?
L'America stava per entrare in guerra e suonarle a tutti di santa ragione; molti animatori vengono perciò arruolati e tanti lavori della Disney restano scoperti.
Gli anni '40 sono gli anni dei Grandi Classici... collettivi.
Nel 1942 e nel 1944 escono i film Saludos Amigos e I Tre Caballeros. Primi due dei sei film collettivi, sono anche il frutto della visita di zio Walt e un manipolo di creativi (disegnatori, scrittori e musicisti) nei paesi del Sud America.

SALUDOS AMIGOS

Accolto con recensioni non sempre entusiastiche dalla critica, conobbe invece un certo successo di pubblico. Tanto che fu proprio questo a convincere Walt Disney a mettere in cantiere un ideale sequel, due anni dopo.
Sesto Classico Disney, Saludos Amigos è di certo un'opera affascinante.
Ma non per tutti, probabilmente.


Molto artistica, anche tecnica, ha animazioni all'avanguardia (a volte persino oniriche): difficile che possa essere apprezzata da una platea troppo giovane.
Sorta di documentario del viaggio in America Latina, Saludos Amigos è un mediometraggio composto da 4 divertenti episodi, due dei quali con protagonista Paperino e uno con Pippo.
Lago Titicaca esplora assieme a Paperino le bellezze di quella terra lontana e dei suoi abitanti, compreso un lama.
Pedro è la storiella del piccolo aereo postale cileno. Un segmento quasi da tardiva Silly Simphony, che sta -evidentemente- alla base di opere attuali come Cars o Planes.

Pedro

El Gaucho Goofy vede il cowboy Pippo diventare un mandriano argentino, tra grigliate di angus, romantiche schitarrate e sigarette rimosse dalle recenti edizioni home video.
Chiude ancora Paperino con Aquarela do Brasil, che segna anche il debutto di José Carioca, tra colori e samba (ma qui il sigaro del pappagallo non sparisce, per fortuna).

scena eliminata dagli anni 2000

I TRE CABALLEROS

Meno compatto, sebbene coloratissimo e festoso (è quasi un pre-Coco), risulta il sequel I Tre Caballeros, dove il trio del titolo è composto da Paperino, un redivivo José Carioca sempre più gigione e il mitico (e folle) gallo messicano Panchito Pistoles.
Sebbene contenga episodi degni di nota (come quello in tecnica mista -live action e animazione- con protagonista la cantante Aurora Miranda), è per me un film leggermente meno riuscito rispetto al precedente Classico.


Paperino fa il puttaniere a tempo pieno, addirittura si diverte a importunare dolci fanciulle starnazzanti sulla spiaggia di Acapulco (fallendo ogni tentativo di conquista, o quasi).
José ormai è apprezzatissimo dal pubblico e qui si rilancia come contraltare saudade-bellavita di Paperino stesso; Panchito si presenta per quello che è: un messicano un poco loco, tutto fiesta e divertimento.
Non mancano davvero ottimi momenti di animazione, come Las Posadas, disegnata in stile naif.
I Tre Caballeros introduce anche un nuovo personaggio disneyano: Aracuan, il folle uccello clown della giungla che non può non innervosire chiunque (spettatore incluso).

Aracuan (noto in Italia come Beckett)

Se l'America Latina mi affascina un po', lo devo anche alla visione ripetuta di questi due Grandi Classici Disney, visti e rivisti in videocassetta (QUI la mia collezione vhs!).
Di certo so che certe animazioni, certe trovate e certe storie sono apprezzabili maggiormente in età adulta.
Piccola curiosità: i doppiatori dell'edizione italiana dei tre protagonisti sono gli stessi doppiatori dell'edizione originale.

José, Panchito, Donald


I Tre Caballeros, ossia Paperino-José-Panchito, sono comunque diventati un gruppo molto amato all'interno del panorama Disney: nel 2018 è stata resa disponibile (per il solo mercato orientale, però) una serie web in 13 episodi, che riscrive il mito del trio.
José e Panchito, assieme all'amico Paperino, sono tornati anche nei nuovi episodi di DuckTales (recensione QUI).
Pronti per un loro nuovo periodo di successi?

Legend of Three Caballeros (2018)

43 commenti:

  1. Sono certa di averli visti entrambi da bambina ma onestamente non li ricordo più. :s

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono due film stupendi: per tecnica e trovate artistiche, sono certamente superiori agli altri Classici.

      Moz-

      Elimina
  2. Interessante della chiamata seudo politica alla Disney, che direi più che azzaccata! Si potrebbe chiamare pubblicità progresso anche se resta un messaggio subliminale, che asseconda delle parti può essere positivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché i personaggi Disney erano molto amati in Sud America, più che Hitler.
      E si sa, il potere della dittatura di Topolino surclassa quello dei nazisti :D

      Moz-

      Elimina
  3. Al cuore Mòz! Potrebbe essere il mio classico Disney preferito, ne avevo anche scritto, anche perché con cadenza (sinistramente) periodica questo a casa Cassidy riparte puntualmente (storia vera). L’Aracuan, è il più grande agente del caos mai visto al cinema, altro che il Joker di Ledger! ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, ma sicuramente il Joker di Ledger è battuto pure da Uan di BatRoberto, per dire!
      Comunque, dopotutto anche l'Aracuan è un uccello pagliaccio XD

      Moz-

      Elimina
  4. We Moz. Dalla mia parte ho pasticciato come al solito e ho cancellato una tua risposta dove disquisivamo dei baffi del Joker televisivo. Era il post sul nuovo film su Harley Quinn. Tranquillo, non sei stato vittima della censura, ma solo della sbadataggine mia 😂😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non preoccuparti! :D
      Grazie per avermi avvisato!

      Moz-

      Elimina
  5. E' vero, hanno un sacco di innovazioni e scene assolutamente oniriche e psichedeliche! Aracuan sembra un po' woodpecker.
    Mitica la scena con la Miranda! Non era quella del cumè cumè cumè. Che poi Paperino tentava di dare una martellata a uno spasimante della Carmen e questo si spostava continuamente! ahaha, era bellissima anche questa fusione musica-azione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ridà molto a Woody.
      Folle e assurdamente rompicoglioni uguale.
      Esattoooo è cumè cumè cumè XD
      Paperino si invaghisce di ogni figa latinoamericana presente nel film, ed è geloso dei machos che girano attorno alle focose messicane XD

      Moz-

      Elimina
  6. Anch'io sono convinto che questi cartoni animati siano apprezzabili maggiormente in età adulta e credo che portare i figli, qualche volta persino troppo piccoli, al cinema sia solo una scusa. D'altronde, lo stesso Disney ripeteva spesso che gli adulti sono solo dei bambini cresciuti *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una scusa sciocca, tra l'altro: perché non ho mai capito il motivo per cui non si possa andare al cinema a prescindere :)
      Ecco perché non faccio figli: non ho bisogno di scuse per godermi ancora la vita!

      Moz-

      Elimina
  7. Tra parentesi José Carioca è ancora oggi estremamente popolare in Brasile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente. Sui Topolino anni '80 e '90 c'erano un sacco di sue storie di produzione sudamericana :)

      Moz-

      Elimina
  8. Li avevi visto anch'io e li apprezzai anche, sebbene ignorassi tutto il contesto che si portavano dietro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, c'è sempre un mondo dietro i film :)

      Moz-

      Elimina
  9. Ecco questo era un ricordo sepolto che hai tirato fuori,e ora ricordo anche che mi piacevano molto!!!

    RispondiElimina
  10. Anche qui mi trovi d'accordo. I tre Caballeros non mi è piaciuto molto, l'ho trovato esagerato e forzato, mentre Saludos Amigos è comunque una bellissima esplorazione sia del luogo che dei metodi di lavoro degli illustratori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto: poi coi Tre Caballeros hanno voluto fare troppo: in sé non male, ma è meno coeso rispetto al primo.

      Moz-

      Elimina
  11. Mai visti. O meglio, uno dei due mi è capitato in un passaggio televisivo, ma ovviamente era una parte cantata e quindi sono passato ad altri canali...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui c'è un sacco di musica, ma -Disney a parte- non poteva che essere altrimenti... 💃

      Moz-

      Elimina
  12. Sono film tecnicamente all'avanguardia e pieni di trovate geniali a livello di trama. Certo che censurare Pippo per una fumatina è da bacchettoni, bastava mettere un cartello con una spiegazione sui pericoli del fumo e del contesto storico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, lo fanno tipo con i cartoon classics, dove Leonard Maltin fa i pipponi su queste cose... Roba che quando ero bambino manco ci pensavo (e infatti non fumo).

      Moz-

      Elimina
  13. Ho ricordi sbiaditi di questi grandi classici, ma da amante del Sudamerica mi hai fatto venire voglia di rivederli. Magari anche in nuove edizioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai, allora: almeno Saludos Amigos non può mancarti (dura pure pochissimo)^^

      Moz-

      Elimina
  14. La nuova serie animata dei Tres Caballeros ha disegni e animazioni stupendi. Dovrebbe essere l'esempio con cui fare tutti i cartoni animati americani oggigiorno. Purtroppo invece il modello sono gli sgorbi della Calarts.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, vanno di moda quelli, che poi un po' sembrano la semplificazione dei già semplificati (rispetto a Disney, WB, Hanna-Barbera) disegni di Cartoon Network.
      Comunque, sì... disegni molto fedeli.
      P.s. Thor, ma tu hai un blog?

      Moz-

      Elimina
    2. Non è che vanno di moda è che escono tutti dalla stessa università d'animazione; la cosa meriterebbe un post a parte ma non c'entrerebbe mai qui e non so come inviarti messaggi in privato (sempre se tu accetteresti ovviamente).
      No, non ho un blog né un canale youtube, non avrei mai il tempo per farlo XD come hai notato riesco a malapena a stare dietro ai post tuoi e di Alex (fantasiaerrante). Ma grazie per la domanda Moz

      Elimina
    3. C'è la mia mail: mikimoz@hotmail.com! :)
      Ho chiesto quella cosa perché sarebbe stato interessante leggere qualcosa di tuo... ma magari me lo scrivi tu, no? ;)

      Moz-

      Elimina
  15. Nonostante la mia età adoro i cartoni, ( con la scusa dei nipoti al cinema non ne perdo uno)dei due cartoni mi è piaciuto di più Saludos Amigos.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma mica i cartoon sono da bambini :D
      Questi, per l'appunto, sono apprezzabili sicuramente da un pubblico adulto.

      Moz-

      Elimina
    2. Assolutamente amici, anche perché l'animazione è nata come arte per adulti. Anche quella Disney.

      Elimina
    3. Certamente.
      È un binomio facile, quello cartoon=prodotto per bambini, ma è anche un grande errore.

      Moz-

      Elimina
  16. Mai sopportati.. troppo chiassosi per i miei gusti.Dylan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino quanto ti faccia male Aracuan! XD

      Moz-

      Elimina
  17. Ti arrabbi se ti dico che qualche scena forse l’avrò vista mixata ad altre su Blob!
    Non credo di averli mai visti in Tv per intero.
    Mea culpa.
    Però devono essere belli.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente avrai visto dei segmenti tratti da queste storie, anche perché molti episodi sono fruibili a sé :)

      Moz-

      Elimina
  18. Ora che ci penso, sai credo di non aver visto certi classici Disney, questo è uno, rivederli tutti forse un giorno? Niente è impossibile ;)

    RispondiElimina
  19. Lo avevo in Vhs i tre caballeros :D
    Mi metteva tanta tanta allegria.

    RispondiElimina

grazie per il tuo commento :)