[WEB] podcast: quello che non sapete (+ le trasmissioni del Moz O'Clock!)


Ne avevamo parlato qualche tempo fa, del fatto che i podcast fossero il futuro (QUI).
Ed è vero, in un certo senso: il podcasting è in fortissima ascesa, tanto che il 2020 sarà probabilmente il suo anno.
Di certo non è vero che, di contro, il blogging rappresenta il passato.
Sono due cose distinte, due piattaforme diverse e soprattutto due diversi modi di espressione.
Peraltro, giusto per chiarire la mia posizione, penso che comunque la base sia -e deve essere- sempre la scrittura.
Tutto parte da un foglio bianco, che magari poi sarà raccontato a voce, improvvisato, ma comunque si inizia da lì.
Ma è vero che il podcasting è in fermento. Ora anche in Italia.
Ci sono stimoli continui e in tanti si affidano sempre più (da protagonisti o da semplici fruitori) a questa nuova tendenza.
Ma dietro questo fermento c'è, in parte, anche una motivazione.
Che però non tutti vi dicono...

Il fenomeno in Italia è esploso circa un anno fa.
Sdoganato da trasmissioni importanti, il podcasting (fino a prima una semplice raccolta di dati audio) è arrivato con decine di trasmissioni, canali, utenti.
Vi ricorda qualcosa?
Il boom di Youtube.

Sì, perché dovete sapere che col podcasting oggi si può monetizzare.
Esattamente.
E in un momento dove Youtube sembra aver cambiato i suoi parametri (ad esempio imponendo la scelta se caricare o meno video con contenuti adatti a tutti -non monetizzabili-) in tantissimi si sono fiondati su quella che potrebbe essere la nuova gallina dalle uova d'oro.
Inserendo uno, due o anche tre spot all'interno del proprio podcast in streaming, e ovviamente facendo un certo numero di contatti, arriverebbero i primi soldini.
Sia chiaro: non sto dicendo che tutti i podcaster lo fanno per questo, ci mancherebbe.
Ma il fatto che già diversi youtuber abbiano "dirottato" i propri video, estrapolandone un file audio, caricandolo come podcast, dovrebbe essere indicativo di ciò che si prospetta nei prossimi mesi e anni.



Dunque, se è vero che il podcasting è comunque una forma d'espressione interessante, moderna, tutta ancora da esplorare e ricca di potenzialità, è vero anche che parte del boom dipende -a mio avviso- pure un po' dalla concreta possibilità di guadagnare qualche spiccio.
Sperando magari di diventare star del web come gli ormai obsoleti youtuber.

Eh sì, sono pronto a scommettere una cosa: fossero le piattaforme Blogger o Wordpress a dare la possibilità di guadagno in tal senso, vedreste quanti nuovi blog sorgerebbero!
Altro che blogging morto, blogging antico, blogging stantio.
Sarebbe qui il fermento, nella blogosfera.
Ma per me il blogging resta sempre l'albero principale: la scrittura resta e offre ogni possibilità.
Un audio e un video possono arricchire, ma sono appunto un di più.
Rami, magari belli e ricchi di soddisfazioni, ma comunque corollario di qualcosa di più importante.




Perché parlo di me?
Perché io stesso, in passato (remoto e non) ho fatto uso di web-radio e podcast.
Anzi, posso dire con un pizzico di orgoglio che sono finito pure in una radio nazionale, con una piccola rubrica estiva fissa.
Tuttora uso la web-radio per lavoro, così come la utilizzai in passato (2014) per lo stesso motivo.
Ma anche col progetto Moz O'Clock, ho fatto dirette (nel 2014) e podcast (2018/19), che erano più esperimenti che altro, ma sempre per arricchire il blog stesso.



Ebbene.
Dopo averla annunciata per anni, arriverà davvero la diretta serale A letto con Moz.
Musica (contattatemi se avete un progetto musicale!), chiacchiere e quotidianità, per parlare di temi generali anche legati a questo blog, ma non per forza in salsa nerd. Anzi, quasi mai.

Non solo.
C'è un'altra idea che mi frullava già da un po': raccontare i miei post più importanti attraverso la voce.
Dunque, e questo sì sarà in salsa nerd e retronostalgica, ci saranno anche dei veri e propri podcast paralleli al blog.

E ancora.
Sono stato invitato da un altro blogger, che forse avete intravisto qualche volta qui, a collaborare con il suo canale radio, già da tempo avviato e attivo.
Subentrerò in corsa ma anche all'inizio di una nuova avventura, per delle chiacchierate su grandi tematiche e titoli della cultura pop.

Ecco. Tre progetti in cantiere da tempo, di cui parleremo ovviamente in modo approfondito quando sarà il momento, che nulla toglieranno al Moz O'Clock anzi rappresenteranno quel "di più" multimediale, come dovrebbe giustamente essere.
Per allargare sempre di più la blogosfera.
Alla fine, è sempre tutto qui.

47 commenti:

  1. Mettici un po' di soldi e vedi che tutto diventa più frizzantino ;-) Complimenti per la nuova sfida l'idea del Podcast non è niente male, concordo con te nel 2020 ci sarà un boom! Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo aver fatto esperimenti (addirittura da sei anni!), dopo essere andato anche in radio, dopo aver annunciato la cosa per secoli... direi che è ora di partire! :)

      Moz-

      Elimina
  2. La verità è che...con il proliferare dei messaggi vocali è stata data spinta alla proliferazione dei podcast :D!
    Curioso comunque che le radio tendano ad "asciugare" i propri contenuti: interventi brevi e soprattutto il più delle volte una sorta di lancio per i messaggi vocali mandati dal pubblico.
    Al contrario il podcast è il massimo dello "slow entertainment".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, chissà: magari è vero che siamo più abituati all'ascolto! :)
      Io so di un caso (questo blogger con cui collaborerò) il cui podcast è finito come appuntamento fisso in radio.
      Quindi magari bisogna solo capire come gestire gli slot. È chiaro che io se accendo la radio voglio musica e commenti brevi e ficcanti, non voglio i trattati di filosofia XD

      Moz-

      Elimina
  3. Sai cosa ho notato Moz? Che Gli youtuber stranieri, furbini, hanno pensato ad un doppio guadagno: pubblicano il video del podcast su Youtube, che tanto non costa nulla filmarsi mentre si parla, non richiede di perdere tempo col montaggio né di fare cose particolari, e poi caricano l'audio su altri siti, quindi non solo di video diciamo preesistenti destinati ad essere appunto visti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, esatto! Ma anche senza riprendersi, per dire... basta pure solo un'immagine fissa per YT, e la traccia audio che va :)

      Moz-

      Elimina
  4. Uuuh. Ma allora ci attiviamo? Mi sembravi un po' assente, ultimamente. Fammi sapere come gira la giostra. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, assente di cervello da sempre, mentre fisicamente sono tornato lunedì (sul blog, al lavoro, alla routine) ^^

      Moz-

      Elimina
  5. In primis complimenti per i tuoi progetti attendo di vederli attuati. Condivido il tuo pensiero sibillino sul perché il podcast stia diventando così popolare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, quando passerà la moda dei podcast, tornerà quella del "coi blog si guadagna" e saremo invasi da decine di nuovi blog XD

      Moz-

      Elimina
  6. Ah...e io che credevo che più visualizzazioni facevate sui vostri blog più guadagnavate!!!!
    Fate tutto a gratis MinChiiiiaaaa!!!
    Però una volta su google cercai : come guadagnare con un blog e uscì un tizio ( tipo sai gente come Salvatore Arunzulla 😀)! che scriveva che se si raggiungevano le 1000 visualizzazioni giornalieri blogger ti dava 90 € non saprei se lordi o in nero.
    Sul podcast di A letto con Moz parlerai anche di sesso?
    Dopo il podcast però pensa anche alle striscia con Sherby .
    In bocca al lupo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aranzulla mi ha fatto dei danni con le sue guide facili che però non tengono conto dei casi particolari... E dato che cerco "come fare" solo in casi particolari possedendo delle mie basi, lui è inutile oltre che pericoloso.

      Elimina
    2. @MAX: ahaha ma davvero? Allora io dovrei avere pure anni e anni di arretrati XD
      Mai visti, questi soldi.
      A letto con Moz sarà podcast... ma per la differita: andrà in diretta. Certo, si parlerà di tematiche generali (ovviamente sempre pop, o in tale chiave) e quindi anche di sesso!
      Sherby? Davvero ci sto pensando su^^
      Su Aranzulla non so che dire, perché non vi ho mai fatto ricorso, che io ricordi... "a sbagliare sono bravissimo da me" come dice Liga :p

      Moz-

      Elimina
  7. Come già detto altre volte, a me basta che il blog resti il centro nevralgico di tutto. Non ho molta simpatia verso l'uso di Youtube poiché manca di imparzialità: mi ha segnalato e rimosso degli spezzoni di eventi sportivi o serie tv mentre sono rimasti disponibili partite e film integrali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Youtube nemmeno io capisco il modus censurandi. Perché a me ha fatto storie se si sentivano pezzi di sigle, poi invece vedi sigle intere. Boh.
      Il blog ovviamente resta il centro, la base di tutto. Il resto sono diramazioni estemporanee, per divertirci ancora di più :)

      Moz-

      Elimina
    2. Ho fatto dei video col vecchio Movie Maker, semplici sequenze di foto, con un brano di sottofondo... Cancellati per violazione dei copyright, poi trovi tranquillamente il videoclip ufficiale di quella canzone ma non caricato dal cantante né dalla casa discografica.

      Elimina
    3. Mi sa che da qualche giorno le cose sono cambiate, sai?
      YT mi ha avvisa che segue (per me) gli artisti (i loro profili ufficiali) della musica a cui ho messo il like :)

      Moz-

      Elimina
  8. Io non ho proprio tempo di ascoltare podcast mi dispiace :) Mia moglie segue quello di Paola Maugeri di Virgin Radio (anzi glielo carico io sull'iPod, perché lei non è capace :D)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io ho tempo per ascoltarli XD
      Per parlare, però, sì XD

      Moz-

      Elimina
  9. Mi piace la tua voglia e volontà di progresso, ovviamente ti seguirò anche in questa nuova avventura ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Che poi nuovissima non è perché è già iniziata sei anni fa, ma ora voglio che sia "fissa" :)

      Moz-

      Elimina
  10. A letto con Moz!!!Bel titolo,mi incuriosisce proprio!!!

    RispondiElimina
  11. Sto guardando al podcasting per un nuovo progetto di lavoro e leggere queste tue riflessioni è stato d’aiuto. Sono d’accordo con te sul fatto che audio e video sono un di più rispetto alla scrittura ma se mescoli bene i tre ingredienti potrebbe venirne fuori qualcosa di esplosivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente: la mia volontà è di rendere ancora più avvolgente l'esperienza Moz O'Clock, partendo sempre dal fatto che la scrittura è alla base di tutto, e il blog è sempre il perno centrale :)

      Moz-

      Elimina
  12. Miki sei un avanguardista! Anche io negli ultimi periodi mi sono appassionata ai podcast e li ascolto con regolarità. Li trovo una bellissima forma di intrattenimento da sfruttare soprattutto in quei momenti in cui hai tempo libero ma non puoi usare nè mani nè vista (leggi: quando stai guidando). In bocca al lupo per il progetto, ti ascolterò più che volentieri! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, forse lo sono stato nel 2014, quando nessuno si filava questa cosa...! Però comunque ciò mi ha dato una bella base (senza contare l'uso della web-radio a lavoro, o gli interventi su Lattemiele) e quindi ora è tempo di partire ;)
      Crepi il lupo, thanks!

      Moz-

      Elimina
  13. Che dietro il passaggio ai Podcast ci sia quello di poterci ricavare qualcosa o quanto meno di farsi notare, è un fatto assiomatico.
    Io seguo alcuni podcast, unicamente quando faccio le pulizie di casa o la doccia.
    Credo che comunque insieme a Twich rappresentino l'immediato futuro, anche molti youtuber stanno abbandonando la piattaforma perché con le donazioni guadagnano più altrove.
    Persino alcuni ex blogger si sono convertiti ai podcast, cercando di colonizzare un ambiente che è ancora poco frequentato.
    Però secondo me, appena sarà arrivata la massa, solo in pochi sopravviveranno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre. Perché diciamo che in pochi sono davvero disinteressati, e vogliono semplicemente esprimersi. Tanti vogliono un guadagno, da questa cosa.
      Che sia un libro gratis o monetizzazione. E se non arriva, si chiude.
      Come per i blog...

      Moz-

      Elimina
  14. Uso il blog per il piacere di scrivere e naturalmente per la lettura di altri scritti ma sono sempre stato un curioso del futuro e.allora ben vengano altri modi su cui esprimersi anche se credo io resterò fedele alla tradizionale, semplice ma affascinante, lettera scritta.
    Ciao Moz.fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella è e sarà sempre alla base di tutto, per come la vedo io.
      Non si potrà prescindere da questo ;)

      Moz-

      Elimina
  15. Sei sempre all'avanguardia Miki. Un passo avanti prima degli altri. Bene, darò la "dritta" a Jennaro, magari potrebbe farci ascoltare il suo oroscopo dal vivo 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, potrebbe essere una rubrica, no? :)

      Moz-

      Elimina
  16. Tutti ottimi progetti, il podcast è in continua ascesa, tra l'altro si possono integrare benissimo con i blog. Unica nota per tutti, cerchiamo di diffondere le licenze libere tipo Creative Commons, in modo che ogni lavoro può essere diffuso liberamente, in modo chiaro e con meno vincoli.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me non ci sono affatto problemi in tal senso... per diffondere e per essere diffuso :D

      Moz-

      Elimina
  17. Il podcast mi snerva, perché devo sottostare ai tempi di espressione del "relatore".
    La mia lettura, invece, è molto veloce e impiego la metà del tempo per "appropriarmi" di un post.
    Quanto agli "obsoleti Youtuber", altro che! Hai visto che boom hanno avuto al cinema quelli di "Me contro te"?
    Io ovviamente non sapevo nemmeno chi fossero, perché Lorenzo è troppo piccolo per venerare un demente qualunque, ma conosco genitori che si sono sorbiti questo "film" trend del momento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, io parlo di trend. Chi è già dentro YT continuerà a esserci, mentre per le nuove ondate si deve ricorrere ad altri supporti.
      Anche io non ascolto podcast generalmente per quello: non ho tempo, e comunque non riesco a stare ai ritmi altrui (idem per i video). Ma ci sarà qualcuno a cui piace ascoltare e non leggere, chissà :)

      Moz-

      Elimina
  18. Il podcast non fa per me, anche se trovo i messaggi vocali molto utili. Mi fa piacere per i tuoi progetti, ti auguro che vadano in porto.
    Ma per "A letto con Moz" ci dobbiamo prenotare come per le famose interviste? No, perché se i tempi sono biblici (non so a quanti anni fa risale la mia prenotazione), io farò prima ad andare in pensione che a partecipare...;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahha, no, no... prenotare perché?
      Detto così sembra che si farà la fila per... venire a letto con me XD
      La trasmissione (live alla sera, ma subito poi podcast) è strutturata a cicli di 4 puntate :)

      Moz-

      Elimina
  19. Condivido con te il piacere della scrittura, e trovo che ci troviamo in un mondo che tende sempre più a vendere e vendersi, in una folla corsa a tutto (e niente), quindi ci sta il tuo discorso ironico sul podcast monetizzabile. Ne ho ascoltati anche di interessanti, auguri per i tuo progetti 📣.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Spero di essere anche io interessante, e magari "avvolgerci" tutti ancora di più, come peraltro già succede quando si fanno brevi dirette Instagram e cose simili... :)

      Moz-

      Elimina
  20. Tre progetti, mica uno! Tutto quello che aumenta i contatti è buono, quando è buono chi lo gestisce. Complimenti e in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  21. Bravo Miki! Si al Podcast ci sto pensando, ho seguito un mimicorso a "donne digitali" a Modena. Sto pensando alla famosa "nicchia" che tu invece hai, e non è semplice. Comunque sei un tornado di idee e di ispirazioni, complimenti!
    Un saluto
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, davvero, ma ti giuro: la mia unica ispirazione è il divertimento :)
      Podcast: perché no? Anche tu copri una nicchia -quella del travelblogging- non da poco!^^

      Moz-

      Elimina
  22. Secondo me il podcast sta avendo un discreto successo perché permette di essere seguito anche quando si è impegnati in altre attività, come per esempio il camminare: un video e ancora di più una lettura richiedono molta più attenzione. Ha però il vantaggio di potersi sviluppare in un tempo molto più lungo di un video o di un post su un blog, permettendo certe volte più approfondimento. È vantaggioso anche per chi lo realizza secondo me: richiede meno tempo di un testo e ancora meno tempo di un video. Quindi secondo me è anche per questo che sta spopolando.
    Nei giorni scorsi non ho seguito il tuo podcast perché era contemporaneo al mio corso di karate: questa settimana però lo seguirò senz'altro, dato che avrò fondamentalmente tantissimo tempo libero (qui a Torino hanno annullato le lezioni universitarie e le attività di aggregazione come quelle sportive)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo facessi karate! :)
      Purtroppo so della situazione al nord... in sostanza avrete davvero molto più tempo libero per un po' di giorni... vediamo il lato positivo! :)
      Sul podcast hai ragione, ma comunque -per me- è sempre scritto, a monte.
      Io non riuscirei a dare un prodotto "a impronta" a meno che non sia tipo il live show che faccio (e che comunque segue un copione, un canovaccio). Allora... a stasera! :)

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo commento :)