[SONDAGGIO] WWF, WCW, WWE: qual è il miglior periodo del wrestling americano?

 
Sono stati tre i grandi periodi del wrestling americano in Italia.
Se è vero che gli spettatori italiani hanno conosciuto la disciplina attraverso il pro-wrestling giapponese nelle televisioni private, il sondaggio di oggi tiene presente solo i tre grandi momenti del wrestling americano, di cui Italia1 è stata la casa (assieme a Tele+ e Sky).
WWF, World Wrestling Federation.
WCW, World Championship Wrestling.
WWE, World Wrestling Entertainment.
Ogni periodo ha i suoi miti, i suoi campioni.
Che sono ovviamente interconnessi, passando dall'uno all'altro.
Ma è anche vero che questi tre momenti sono anche abbastanza distinguibili.
Nel dettaglio, vi ho parlato di tutti i periodi del wrestling in Italia in QUESTO POST (LINK).

WWF, quello del ring azzurro, delle seconde serate e pomeriggi su Italia 1 e la voce di Dan Peterson.
Con atleti iconici: Hulk Hogan su tutti, il simbolo stesso del wrestling.


Ma ancora: Macho Man, Mr. Perfect, Ultimate Warrior, Undertaker, i Demolition, Million Dollar Man, Ric Flair...
Noi ce lo siamo goduto tra la fine degli anni '80 e i primi anni '90.



WCW, inizialmente rivale della WWE e spesso vincente sulla sfida del lunedì sera americano, aveva ingaggiato vari lottatori di punta del passato ma ne portò alla ribalta anche molti altri nuovi: Kevin Nash, Sting, Booker T, Raven, Chris Jericho.


Nel 2001 venne venduta e assorbita dalla WWE.
Sui nostri schermi è andato in onda le mattine dei weekend dell'anno 2000.


WWE, quello di Smackdown, Velocity e Raw.
Riprende molti campioni della WCW, come Eddie Guerriero, Rey Mysterio, Chris Benoit.
Portando al successo campioni come The Rock, John Cena, Batista, Big Show, Rikishi...



Non ha bisogno di presentazioni, avendo avuto un successo clamoroso con svariati programmi e diverse reti televisive che ne trasmettevano persino gli highlights.
Trasmesso dalla fine del 2002, esplose del tutto attorno al 2004, scemando con l'omicidio-suicidio commesso da Benoit.


Ora, tutti e tre questi momenti di successo italiano per il wrestling americano mi sono rimasti nel cuore.
Ovviamente, il sentimento pende leggermente da una parte, e per motivi non nostalgici.
Ma ve lo dirò nei commenti, eventualmente: intanto pongo a voi la domanda.
Quale di questi tre periodi italiani del wrestling americano è secondo voi il migliore, il vostro preferito, e perché?

leggi anche

93 commenti:

  1. La WWF, mi fa tornare in mente gli anni della mia gioventù.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente, per tanti di noi è stato l'approccio più forte col wrestling.

      Moz-

      Elimina
  2. Per me il migliore è WWF per vari motivi. Motivi nostalgici, ero bambino e mi ricordo che l'estate con i miei cugini lo vedevamo sempre nella casa in campagna di mia nonna per poi rifare le mosse (il don't try this at home non era ancora in voga :D ).

    Motivi pratici, ovvero è quello che ho vissuto di più e che vedevo sempre. Ero un bambino, avevo molto tempo ed ero affascinato dalla TV.

    Motivo sentimentale, come si dice... il primo amore non si scorda mai!! È stato il primo e aveva dei personaggi unici, particolari, colorati (nel senso che avevano tutti dei vesti molto sgargianti) e in particolare adoravo le storie che creavano dietro ogni incontro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, sai... io pendo per il periodo WWF proprio per i colori e i personaggi.
      Forse come atleti tout-court meglio quello WWE (Kurt Angle, The Rock...) ma personaggi e colori... WWF tutta la vita. Più divertente, meno cupa, meno dark.

      Moz-

      Elimina
  3. WWF con un giovane Undertaker tutta la vita, da bambino saltavo sul letto imitando le mosse e Dan Peterson già parlava di codici postali americani, esattamente come fa ancora oggi quando commenta la pallacanestro e inizia a parlare di tutto tranne che della gara. Tra gli eroi del Wrestling e l'uomo tigre non so come, il mio letto non si sia mai sfondato ;-) In ogni caso l'unica costante tra tutte le epoche resta proprio Undertaker il mio preferito, immortale ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe, ricordo quando ucì Undertaker, era il giusto tocco dark in mezzo a tamarrate coloratissime anni '80-'90!
      Ma finiva lì: nella WWE tutti darkissimi XD
      Comunque, un grande.

      Moz-

      Elimina
    2. Undertaker debuttò in Survivor Series 1990, ce l'ho registrata quell'edizione.

      Elimina
    3. Io ho anche i primi Wrestlemania dove appare :)

      Moz-

      Elimina
  4. Per come lo si è vissuto in Italia, direi il periodo "WWF", ovvero dal 1987 al 1994, tra l'altro descritto molto bene ed in modo che oserei definire quasi "romantico" nell'articolo sul blog. Ci siamo potuti godere la "Hulkamania era" quasi nella sua interezza ed é stato strabiliante.

    Sul piano personale, mi sono sicuramente divertito di più con la WCW (ed il nWo) dal 1995 al 2001, ma la seguivo sui canali satellitari, per cui non conta ai fini del sondaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Manuele, e benvenuto^^
      Mamma mia, per me Hulk Hogan è il simbolo stesso del wrestling, in generale.
      C'è sempre, anche nel pro Jappo! Con L'Uomo Tigre! :D
      Ricordo la WCW con Monday Nitro -ma di mattina su Italia 1- per me fu amore e passione SUBITO, era un po' che non si vedeva il wrestling in TV e ritrovare atleti iconici, assieme a nuovi miti (Sting, Nash) fu stupendo^^

      Moz-

      Elimina
  5. Ma io direi la WWF. Non per motivi nostalgici (mi sono condizionato ad essere quasi del tutto immune all'hype ed a non farmi condizionare dalla nostalgia XD) ma perchè è stato un bel periodo, il più colorito e variegato: saltavano fuori i più disparati personaggi, alcuni belli mentre alcuni erano delle boiate, ma erano tutti divertenti e pittoreschi da vedere (il Wrestling è uno spettacolo, una messa in scena, quindi più pittoreschi sono appunto i lottatori e più divertente diventa: il periodo WWF era appunto così, quindi mi piace)

    Poi c'erano ancora tanti professionisti del Wrestling classico e si vedeva un certo stile "serio". Poi c'era Dan Peterson: come non amarlo col suo accento marcatissimo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto: e sai che un po' si è tornati, ora, a quello stile?
      Meno dark e serioso, più colorato e spettacolo.
      Peccato solo che non sia sulle TV nazionali, pronto a farsi conoscere e esplodere ancora una volta.
      Il periodo Dan Peterson FENOMENALE (e non l'ho detto a caso :p), ma lui era proprio un'altra scuola, dal basket allo sport made in USA...

      Moz-

      Elimina
  6. Il momento che mi resta più nel cuore è verso la fine della WCW e i primi anni WWF. Wrestler preferiti? Sting (anche Wolfpac edition), Legion of doom, Stone Cold Steve Austin, e Ultimate Warrior ... Quando il wrestling era un'altra cosa :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La WCW dei weekend su Italia 1 la ricordo con immensa gioia anche per una questione: per la prima volta trasmettavano non solo gli incontri, ma anche molti intermezzi.
      Ricordo una scena trashissima con Hollywood Hogan (mi pare fosse lui) che metteva il tubo delle fogne nell'auto di Macho Man e Miss Elizabeth, inondandoli di merda :D

      Moz-

      Elimina
  7. Ciao Moz, uno spettacolo circense condito di mosse ecclatanti ripetute fino alla noia e finte bastonate che se date veramente stenderebbero un toro. Una divertente finzione per animi semplici.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è un segreto che sia uno spettacolo, nessuno crede possa essere vero XD

      Moz-

      Elimina
  8. ECW :P In realta, da fan di wrestling e wrestler italiano io stesso, ritengo che ogni federazione viva di alti bassi e sia davvero dura sceglierne una. Anche perché spesso hanno caratteristiche diverse. Il periodo nWo inizia benissimo in wCw, ma poi diventa inguardabile. La WWF aveva dei pesi massimi eccezionali, ma la categoria cruiser della wCw era imbattibile. Lo stesso discorso vale per la WWE e non posso confrontare il periodo con The Great Khali campione massimo a quello dove la cintura la tenevano AJ Styles, CM Punk o Daniel Bryan. Alti e bassi. Da piccolo amavo la wCw, ma solo perché era l’unica che potevo vedere... non credo conti 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! :)
      Quindi addirittura tu hai vissuto in pompa magna il periodo WCW!
      Vero, ricordo la questione nWo, si andava già verso il dark (vedere cambiamento di Hulk Hogan, da giallo a rosso a nero tipo hell's angel).
      Ogni periodo ha sicuramente i suoi momenti top, forse in Italia ci siamo beccati solo quelli^^

      Moz-

      Elimina
  9. Ovviamente la WWF, con Hulk Hogan, Ultimate Warrior, Macho Man, Undertaker.. con tutti quei personaggi così caratterizzati da diventare perfino ridicoli, ma era troppo divertente! Ricordo ancora certi eventi epocali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, non si aveva paura di esagerare.
      L'importante era divertire il pubblico, anche con... matrimoni (finti) sul ring! :)

      Moz-

      Elimina
  10. 80 primi 90 i seguenti sono noiosi e vuoti.
    Firma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, non direi proprio, visto che probabilmente ci sono più campioni conclamati dopo che prima... anche se eccessivamente seriosi.

      Moz-

      Elimina
  11. Sono abbastanza giovane e quindi ho conosciuto bene solo la WWE, ma ovviamente grazie ad internet e alcuni dvd ho avuto il piacere di osservare anche le federazioni precedenti alla WWE. Il dato oggettivo che mi fa pendere per la WWE è che la qualità degli incontri e la difficoltà delle mosse è salita a dismisura con atleti come Kurt Angle, Cm Punk, Chris Benoit, Daniel Bryan etc.. Inoltre ha avuto una delle due migliori ere, la Ruthless Aggression (che se la gioca con la Attitude della WWF) ed ha avuto probabilmente il volto più iconico della storia del Wrestling: JOHN CENA, che può piacere o no (io l'ho amato follemente da piccolo) ma è sicuramente il primo nome che associ alla parola wrestling. Ed ha avuto anche faide storiche che se la battono con quella della WWF di The rock vs Steve Austin: la WWE ha avuto l'evolution e poi Batista vs Triple H, John Cena vs Edge, John Cena vs Randy Orton, Triple H vs Shawn Michaels, Triple H vs Randy Orton, John Cena vs Cm Punk. Insomma rispetto per le federazioni passate piene di campioni (Bret Hart, Ric Flair, Hulk Hogan, Ultimate Warrior, Mr. Perfect,) ma il mio voto va alla WWE.

    P.S. Ho ancora il dvd di No Way Out 2004 col commento di Giacomo Ciccio Valenti e dove John Cena solleva Big Show pompandosi prima le Jordan, SEMPLICEMENTE POETICO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mattì ahaha, benvenuto! :)
      Vero, con il periodo WWE hanno alzato l'asticella sul versante atletico e acrobatico, ovviamente le cose più vanno avanti più devono complicarsi, per appassionare.
      Probabilmente per la tua generazione John Cena equivale a Hulk Hogan.
      Ma John Cena non ha avuto un cartoon :p
      Grazie per il voto!!

      Moz-

      Elimina
  12. la WWF perché è stata la prima! E per un bambino era tutto dannatamente vero! E poi c'erano i giocattoli con le mosse peculiari "ad elastico".

    Le ondate successive non mi hanno preso così tanto, forse perché ero cresciuto e si vedeva che era finto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, da bambino ovviamente ha tutto un altro impatto.
      Sarà anche per questo che, a seconda dell'età che abbiamo (vedi commento di Mattia, sopra) ci piace più un periodo dell'altro^^

      Moz-

      Elimina
    2. Predeterminato non finto.
      Sono due cose molto diverse.

      Elimina
    3. Sì, diciamo che non è finzione tout-court, ma si tratta di eseguire delle mosse e saperle subire, concordando.

      Moz-

      Elimina
  13. Mi era capitato di vedere in TV qualche incontro ma mi erano sembrati una farsa, non era sport ma solo una sceneggiata. Buona giornata.
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che sembravano: sono una farsa, non è certo un segreto XD
      Ma è comunque sport, sono atleti che eseguono prese, mosse, proiezioni.

      Moz-

      Elimina
  14. Io cerco sempre di distinguere tra preferito e migliore. Preferito per me non significa necessariamente migliore ma riguarda qualcosa che sono maggiormente affezionato.

    WWF: Il wrestling più suggestivo quello di quello delle superstar anni '80 e primissimi anni '90 Hulk Hogan vs Andre The Giant, Ric Flair, Ultimate Warrior...

    Wrestlemania III Hulk Hogan vs Andre The Giant, il match più bello di sempre.

    WWE VS WCW: circa 1995-2001 il periodo più bello secondo me... Grandissimi personaggi, tanta violenza, tantissimo spettacolo...

    King of the ring 1998 Hell in Cell Undertaker vs Mankind il match più spettacolare e violento della storia!

    WWE: il periodo della Ruthless Aggrssion 2002 - 2008 il mio preferito anche se oggettivamente non il migliore un era comunque d'altissimo livello grandissimi wrestler sia nuovi che vecchi, match violenti quasi quanto la Attitude Era, storie ottimamente sceneggiate senza ancora prive del politicamente corretto, grande tecnicismo negli incontri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, una disanima lucidissima.
      Hai descritto tutti i pregi e difetti generali dei tre grandi periodi.
      Non c'è altro da aggiungere.
      Io li ho amati tutti e tre, per ognuno di questi ho bellissimi ricordi.
      Velocity al sabato mattina, era il 2002, registrato su VHS per un amico che lavorava in una pizzeria e non poteva vederlo.
      Appuntamento fisso.

      Moz-

      Elimina
    2. Alcune precisazioni

      Monday night war

      Periodo 1995-2001 contraddistinto dalla battaglia dell'auditel tra WWF e WCW

      Attitude Era

      Periodo 1997-2002




      Elimina
    3. Il periodo della battaglia degli ascolti ce lo siam persi... immagina in America! *__*

      Moz-

      Elimina
    4. Riprendo il discorso di prima terminato causa tempo.

      Attitude Era

      Periodo caratterizzato dal passaggio al wrestling per famiglia verso un pubblico più adulto (ovviemente era lo stesso visto da tutti) la superstar principale era il mitico Stone Cold Steve Austin

      Alla faccia ai politicamente corretti:

      https://youtu.be/wzx8Qs4VXBw

      https://youtu.be/Kizf1Dh3OEs

      "Il periodo della battaglia degli ascolti ce lo siam persi... immagina in America! *__*"

      Davvero...

      La WCW aveva dei PPV bellissimi... Il mio preferito?

      Bash at the Beach!



      Elimina
    5. Già, più per famiglie tranne che per alcuni eventi ppv.
      Però era preferibile, sai?
      Lo amavo.
      Una via di mezzo era la wcw che era sì dark ma erano dark i personaggi prima colorati...

      Moz-

      Elimina
  15. P.S. Scrivo da PC quindi perdona gli errori (faccina: imbarazzata)

    RispondiElimina
  16. Ora ti stupirò...tu mi vedi così tranquilla, ma c'è stato un periodo della mia vita che mi ero appassionata al wrestling. Lo guardavo alla domenica e tifavo per i miei preferiti.
    Ciao Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh quindi immagino... sia stato negli anni '90!^^

      Moz-

      Elimina
  17. Denis: Forse il periodo migliore era tra metà anni'90 e inizi 2000 la guerra del lunedi tra WWF e WcW con più indietro la ECW di Paul Heyman essendoci concorrenza si impegnavano di più poi è vero erano in pratica tutti vestiti di nero, ma nascono campioni come The Rock, Stone Cold Steve Austin, Triple H in WWE e in Wcw Sting, Goldberg (creato proprio dalla Wcw), Diamond Dallas Page e li c'è la categoria dei pesi leggeri: Rey Mysteryo, Psichosis, Billy Kidman ( e stato marito di Torrie Wilson mentre in ECW forse il migliore era Rob Van Dam, Sabu, Rhino, Tazz, Chris Benoit.
    Poi nel 2001 la WWE acquisi la WcW creando due roster: SmackDown e Raw lanciando questi giovani fatti in casa Randy Orton, John Cena, Batista.
    Hulk Hogan ossannato da tutti le parti per via del carisma naturale tra WWF, AWA, Giappone, WWE e WcW riuscendo a passare da buono e cattivo.
    Il match che racchiude la vecchia epoca e la nuova è questo di Wrestlemania 19: The Rock vs Hollywood Hogan.
    Quando trasmettevano in chiaro mi piaceva Impact che aveva personaggi pittoreschi com e Pentagon Jr, la sposa cadavere, Brian Cage,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già: ed è stato un peccato per noi italiani esserci persi sia la guerra degli ascolti, sia l'inizio dell'era WWE con Smackdown e Raw.
      Sarebbe stato bellissimo vedere l'esordio di tanti lottatori di grosso calibro, che comunque si mischiavano ai vecchi...! :)

      Moz-

      Elimina
  18. Ma parliamo di quelli che fanno finta di darsele di santa ragione?!? ..contenti voi...
    e quando parlate del "migliore", intendete il miglior simulatore?!?... Suarez sarebbe un fenomeno.. ahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che significa, anche i film sono finzione... mica il wrestling vuol passare per vero.
      Ci sono casi in cui anche lo sport "reale" è finto, con sanzioni e retrocessioni (vedi Moggi e la Juve).
      Contenti voi appassionati di calcio, dunque... XD

      Moz-

      Elimina
    2. Seguire il wrestling è/era come vedere un film di Bud e Terence trasformato in sport. Finto sì, ma di intrattenimento, e se c'era qualche mossa acrobatica, tanto meglio. :)

      Elimina
    3. Esatto, è sport-spettacolo :)

      Moz-

      Elimina
    4. @ Franco Battaglia

      Guardati questo match!

      https://youtu.be/VJicbhTNSew

      Elimina
    5. Certi voli di schiena!! XD

      Moz-

      Elimina
  19. Il primo ovviamente, e puoi ben immaginare perché ;)

    RispondiElimina
  20. Personalmente sono combattuto tra:
    1) gli anni d'oro di Hulk Hogan
    2) La Monday Night War
    3) I primi anni dopo l'acquisizione della WCW (diciamo fino al 2007)
    Il primo fu il periodo d'oro, in cui era rispettato e popolare al pari degli altri sport americani (perlomeno in patria). Il secondo fu probabilmente il migliore dal momento che la concorrenza spietata spingeva le parti a dare il meglio (un pò come Stati Uniti e Unione Sovietica XD). Il terzo mi piaceva molto perché, anche se avevano iniziato già la spinta multimediatica, non era fastidiosa come oggi e c'era ancora il focus sulla lotta, soprattutto non era considerato roba da bambini!
    Wrestlemania 21 resterà sempre la mia preferita (anche se è fortemente condizionato dal fatto che è l'unica che ho visto dal vivo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal vivo?? :o
      Io al massimo compravo Wrestlemania in pay-per-wiev! XD
      Per me comunque il periodo massimo della WWE è quello 2002-2005, dove davvero ero appassionato.

      Moz-

      Elimina
    2. Già 👌 in quel periodo il wrestling aveva avuto un nuovo picco di popolarità grazie a SmackDown su Italia 1 e così alcune agenzie di viaggi organizzavano viaggi di gruppo per andare a vedere i PPW negli Stati Uniti! E niente, fu una faticaccia convincere i miei genitori e la mia allora ragazza che non ero completamente matto a spendere tutto quello che avevo guadagnato lavorando l'estate scorsa per un viaggio di due giorni soli a Los Angeles 🤣 anche perché lei odiava il wrestling XD ma ne è valsa la pena, anche se i posti non erano certo in prima fila. Però ricordo i boati che lanciai quella notte!
      Tra l'altro ho ancora i vari videogiochi di wrestling per Playstation 2: Here Comes The Pain, i vari SmackDown Vs Raw etc...
      Visto che sei della mia generazione come non ricordare insieme due perle come il cartone animato di Hulk Hogan e lo scontro tra questi e Rocky Balboa in Rocky 3? 🤩

      Elimina
    3. Del cartoon di Hulk Hogan ho recuperato un dvd, sono 4 episodi in tutto mi pare.
      È in lista per una recensione.
      Ovviamente mitico Hogan in Rocky ma pure in Thunder in Paradise e in varie altre produzioni (Walker Texas Ranger!).
      Bel ricordo quello di L.A., insomma... una grande gita americana, toccata e fuga per passione^^

      Moz-

      Elimina
    4. Beato te :) aspetto la tua recensione allora! Cioè senza fretta, quando vuoi
      Thunder in Paradise lo vedevo la mattina, era il periodo migliore delle serie TV americane, secondo me! L'episodio di Walker Texas Rangers con Hulk Hogan l'ho salvato sul computer, mi ha sempre commosso molto.
      Eh sì, non ebbi l'occasione di vedere quasi nulla perché avevamo solo un giorno libero praticamente; e poi tutto attorno costava l'ira di Dio ma beh è risaputo XD La sola cosa che mi diede fastidio fu i commenti della gente tornato a casa che dicevano che era uno spreco di soldi: scommetto che non avrebbero detto nulla se avessi girato il mondo per seguire il Milan o un altra squadra di calcio...

      Elimina
    5. Esatto, pensa tu!
      La gente si facesse i cazzi suoi, perché appunto per seguire la propria squadra di merda va pure all'inferno, senza vedere altro :D

      Moz-

      Elimina
  21. Seguivo il WWE perché piaceva a mio fratello, e mi divetivo un sacco.
    Soffrii quando morì Eddie Guerrero. A distanza di poco tempo ne morì anche un altro. Se non erro Chris Benoit, o qualcosa del genere.
    Ray Misterio, invece, è sopravvissuto.
    Mi divertivo quando Undertaker (li scrivo come li pronuncia perché non mi va di andare a cercare la grafia corretta nel tuo post o su Google) faceva sparire le pupille.
    All'epoca si diceva che nella vita comune fosse un professore di informatica. Non ho mai verificato se fosse realtà o leggenda, ma di sicuro, nel primo caso, nessuno studente sarebbe arrivato in aula impreparato... ��������

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, poi c'era quel ciccione vecchietto di Big Show che proprio non sopportavo perché mi ricordava l'unico mio parente che odio visceralmente.
      Godevo quando finiva ko.

      Elimina
    2. Sì, ho appunto l'omicidio-suicidio di cui ho scritto: dopo quello, Italia 1 smise di trasmettere il wrestling.
      Undertaker è scritto bene, altrimenti sarebbe Anderteicher (comunque, in soldoni, il "becchino") XD Oddio non so che lavoro facesse oltre l'altleta!!

      Moz-

      Elimina
    3. Ma chi uccise Beinot? Questo mica me lo ricordo. Ha a che fare sempre con l'ambiente?
      Io alludevo all'amico di Eddie Guerrero che morì subito dopo, ma non ho precisa memoria di chi fosse.

      Elimina
    4. No, peggio: la famiglia.
      E poi si suicidò. Pensa che inizialmente non era nemmeno noto come fosse morto, e gli dedicarono pure un tributo. Appena si seppe precisamente tutto, la WWE cancellò del tutto Benoit dai suoi personaggi.
      Eddie è invece stato ritrovato morto in albergo dal parente Chavo Guerrero...

      Moz-

      Elimina
    5. Ahaha mi ero perso il commento su Big Show e il tuo parente!! XD

      Moz-

      Elimina
    6. Sticazzi! Avevo rimosso tutto.
      La morte di Eddie, invece, me la ricordo. Mi pare fu un infarto e all'epoca non mi meravigliai, pensando alle varie droghe e steroidi di cui tutti loro (o quantomeno molti di loro) facevano uso.

      Elimina
    7. Eh, ma infatti mi sa che la causa potrebbe essere proprio quella... si diceva così :)

      Moz-

      Elimina
    8. Tra i wrestler morti, andrebbe citato anche Owen Hart, fratello del più celebre Bret (tra i miei preferiti), morto praticamente in diretta entrando sul ring come Blue Blazer... Visto sul ring in doppio: correttezza, tecniche da catch giapponese, sono sempre i migliori quelli che se ne vanno!

      Elimina
    9. Certo, una delle prime morti davvero d'impatto nel mondo del wrestling... :o

      Moz-

      Elimina
  22. Denis: Rey Misteryo lotta ancora in WWE lo potete vedere in chiaro su Dmax, mi ha fatto morire dal ridere in storyline appare tutta la familia Misteryo la moglie Angie, la figlia Aalya, Dominick diventato lottatore tutti più alti di Rey.
    La mossa di Eddie Guerrero dei Tree Amigos era dedicata ai suoi amici : lui stesso, Dean Malenko e Chris Benoit, mori proprio di infarto forse dovevano diminuire il numero di incontri all'anno (circa 200 ogni anno) , Benoit per via della mossa finale ala Headbutt aveva subito troppi danni al cervello, in più con l'uso di antidolorifici e steroidi ha avuto un picchiò di aggressività uccideno la moglie e il figlio poi si suicidò, Italia 1 rimosse di fatto il wrestling nel 2007 per quella storia e la WWE corse ai ripari facendo un programma per famiglie di fatto annacquando il prodotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, a che ora lo danno su DMax?? :O
      Peccato comunque che su Italia 1 non lo diano più, perché ora, dopo tanti anni, potrebbe pure tornare... :)

      Moz-

      Elimina
    2. Adesso c'è Barbara D'Urso...☺️

      Elimina
    3. Lei è su Canale 5... :)

      Moz-

      Elimina
  23. Eddie Guerrero morì per arresto cardiaco.

    Wikipedia questo riporta (come sempre l'enciclopedia online va presa con cautela)

    "rivelò che il decesso fu dovuto ad un attacco cardiaco.[93][94] Nel sangue di Eddie fu trovata solo un'aspirina. La moglie Vickie affermò in seguito che Eddie era stato male nella settimana precedente la sua morte.[43] Nell'edizione del 30 novembre di WWE Byte This Chavo disse che Eddie era in piena forma fisica, come risultato di esercizi fisici quotidiani."

    Io credo che Eddie Guerrero morì per cause naturali non per droga, alcol e steroidi. Eddie aveva superato i suoi problemi. Comunque dopo la morte di Chris Benoit la WWE divenne più rigida nei controlli sanitari e nella lotta contro gli steroidi.

    Io sono uno dei pochi che ritiene sbagliata la Damnatio Memoriae nei confronti di Benoit. Quello che ha fatto è stato tremendo però dopo anni secondo me se non come uomoa almeno come atleta va perdonato...
    Spero che anche il Signore sia clememte con lui...
    Anche perché ci sono state sicuramente delle importanti concause sul suo gesto non è stato qualcosa di volontario nessun sano di mente può compiere un simile.

    Non si può perdonare Benoit (solo Dio può perdonarlo ) come persona ma come atleta in maniera molto sobria secondo me si. Non dico di crearli una statua oppure vedere i DVD sei suoi match ma almeno non cancellarlo del tutto dalla storia...

    Benoit in quel periodo non era assolutamente in grado di intendere e capire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, secondo me come atleta non va dimenticato.
      Non va celebrato, questo sì... ma non va dimenticato anche in funzione degli altri.
      Ah, ecco la verità su Eddie: comunque sfortunato.

      Moz-

      Elimina
    2. Eddie morì d'infarto a causa dell'eccessivo sforzo a cui sottoponeva il suo corpo. Per via degli allenamenti. Era pulito da anni anche se ovviamente i media italiani hanno preferito raccontare la versione più scandalosa (e falsa...)

      Elimina
    3. O meglio, tralasciare le cose che non facevano notizia...

      Moz-

      Elimina
  24. Denis: lunedi alle 23,25 c'è Raw mentre martedi alla stessa ora c'è Smackdown replicati sabato e domenica assieme a NXT il commento e sempre dei grandi Franchini e Posa e successo che Sky non ha rinnavato i diritti e si vocifera che volesserò comprare i diritti per trasmettere la nuova federazione AEW il roster comprende : Chris Jericho, Kenny Omega, Cody Rhodes. Pentagon Jr e il fratello Rey Fenix l'ex Rusev (qui chiamato Miro) e altri.
    Se riesci a vederlo ti farà impazzire questa lottatrice giapponese Asuka.
    Eddie Guerrero non era in perfetta forma fisica perchè anni prima ebbe un brutto incidente in macchina.
    Kurt Angle disse " che alcune mosse non le poteva più fare, pure facendone gia molte sul ring, in più alcuni giorni appariva bianco come un cencio" quando è morto aveva gia 38 anni il peso degli infortuni patiti, spostamenti, match alla lunga si fa sentire e di fatto devi dimunuire gli impegni cosa che fece proprio Angle andando nel 2006 alla TNA attuale Impact facendo storia lottando contro Sting, Samoa Joe, A.J Styles.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Mi sa che comincerò a seguire di nuovo la WWE su Dmax.
      Anche se la mia speranza è sempre una: Italia 1 che trasmette le repliche degli incontri di fine anni '80 e inizio '90 commentati da Dan Peterson!**
      Cavolo... aveva solo 38 anni?? Sembrava MOLTO più vecchio!!

      Moz-

      Elimina
  25. In realtà tu fai due domande (ma rispondo a entrambe).
    Se chiedi il migliore, è probabilmente il periodo WWF. Come dicevi, Hulk Hogan (che ho scoperto l'estate scorsa avere un nonno di Vercelli) è il simbolo stesso del wrestling. I wrestler erano così iconici da comparire in film e telefilm (Hogan e Mr. T in Rocky e A-Team, Andre the Giant in La storia fantastica...)
    Se invece chiedi il mio preferito, è il periodo WWE, che ho vissuto quand'ero all'università. A quell'epoca il wrestling era pazzescamente di moda, ricordo che eravamo tutti fissati, sia i ragazzini che seguivo al gruppo delle superiori sia coi miei compagni di corso all'università.
    Il caso Chris Benoit (che era anche uno dei miei preferiti) ha distrutto per sempre il divertimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, mi ritrovo molto in quello che dici.
      A me piace anche il periodo WCW, forse più di nicchia, ma per me che amavo il wrestling... ritrovarmelo dopo anni su Italia 1 fu uno spasso.
      E poi, c'era già quell'atmosfera dark coi personaggi soliti ma in versione oscura... un'atmosfera che poi sarebbe diventata quella fin troppo seriosa della WWE (unico appunto che faccio è questo: era troppo oscuro).

      Moz-

      Elimina
  26. WWF, nettamente.
    Perché ho avuto modo di vederlo credo integralmente per vari anni, grazie a "Superstars of wrestling" il sabato notte su Italia 1, e a "Wrestling Spotlight" tutti i pomeriggi su Koper Capodistria (😍).
    Poi sparì da Italia 1 e rimase su Tele+, che era a pagamento e quindi mi spezzò tutta una serie di sport "minori" che seguivo... Quando tornò in chiaro, grazie alla scomparsa di Tele+ e al fallimento delle pay-tv italiane, erano cambiate troppe cose: atleti, commentatori, eventi...

    Quando iniziai a seguirlo, credo all'epoca dei Wrestlemania "a una cifra", l'evento era Hulk Hogan contro Andre The Giant...
    Preferiti, come credo di aver detto in altre occasioni che se ne è parlato: Bret Hart, Ted Dibiase, Ultimate Warrior, Mr. Perfect, Demolition. Più detestati: Rick Rude, Bobby Heenan (manager, ma mi è sempre stato sul cazzo per quanto vile e disonesto), Rick Martell, Sid Justice, Honky Tonk Man, Shawn Michaels, e in generale tutti quelli che in coppia hanno abbandonato il compagno sul ring.

    In tempi più recenti, ho recuperato qualche incontro degli ultimi anni, in particolar modo la serie di vittorie consecutive di Undertaker, che secondo me è la vera icona del wrestling! Un personaggio che ho visto debuttare, e che è sempre stato un piacere vedere sul ring anche contro i miei lottatori preferiti.

    Fa un certo effetto sapere che buona parte dei lottatori nelle foto che hai messo sono morti prematuramente. Vite bruciate per vivere qualche anno da finti eroi o cattivi, questo è il circo del wrestling.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sappiamo che il mondo dello sport è spietato e il wrestling in particolare è sempre stato crudele. Purtroppo i lottatori non sono mai stati considerati dalla stampa e dai media come esseri umani ma come animali da circo. Infatti ogni volta che uno di loro muore subito il circo mediatico ne approfitta per attaccare l'intera categoria (e per fare insinuazioni sulla persona).

      Elimina
    2. Molto interessante la cosa che dite.
      Una riflessione giustissima: non sono considerati veri atleti, peccato.
      Certo, anche loro accettano di essere parte di una baracconata, quindi sanno a cosa vanno incontro, lo sanno benissimo.
      Eroi e cattivi, personaggi da cartoon ma vivi.
      Ecco cosa sono, e a noi ci piace.

      Io spero sempre che Italia1 trasmetta le repliche di trent'anni fa.

      Moz-

      Elimina
    3. Repliche difficile su Italia 1, potrebbero passare su qualche emittente "vintage" di Mediaset, col commento originale...

      Se uscisse una collana in DVD dei vari eventi, probabilmente ci farei un pensierino.

      Elimina
    4. Una volta uscì qualcosa, tipo la storia di Wrestlemania...
      Ma penso che attirino di più le eventuali uscite su Cena, The Rock e compagnia...

      Moz-

      Elimina
  27. È una bella lotta... Opterei per lo scontro WWF vs WWE anche se il periodo che ricordo nitidamente è di sicuro il secondo.

    Fra personaggi consolidati come Undertaker, Triple H e il compianto Eddie Guerrero, la formazione guidata da Mc Mahon mi ha dato più di un è opzione.

    Scelgo in definitiva WWE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo!
      Beh, fece davvero lo stravedere, questo periodo.
      Forse il più florido anche a livello di marketing associato... :)

      Moz-

      Elimina
  28. In verità neanche sapevo che c'erano state queste tre fasi,però questi lottatori bene o male li conosco tutti perchè la mia migliore amica dei tempi era super appassionata e me ne parlava sempre (la stessa che andava matta per Orange road) e a volte lo guardavo con lei.Io mi ricordo solo che mi piaceva Undertaker perchè ero nel mio periodo black AhAhAh!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh ma in effetti Undertaker fu l'ingresso del dark anni '90 in un mondo dominato dal tamarro fluo/colorato del decennio precedente^^

      Moz-

      Elimina
  29. Allora, vorrei precisare che il wrestling su Italia 1 non fu interrotto solo per la tragedia della famiglia Benoit piuttosto quello fu il pretesto per toglierlo di mezzo.

    Le tappe del ritorno al successo.

    Autunno 2003 - Italia 1 inizia a trasmettere Smackdown.

    2004 - Il wrestling diventa un fenomeno di costume gli ascolti crescono mese dopo mese inizia l'invasione del merchandising.
    La WWE ritorna in Italia dopo quasi dieci anni.

    2005 - L'anno più prolifico. Ascolti stellari: http://www1.adnkronos.com/Archivio/AdnAgenzia/2005/07/19/Spettacolo/Televisione/WRESTLING-VALENTI-GIOVANI-E-FAMIGLIE-HANNO-CAPITO-CHE-E-UN-SIMPATICO-GIOCO_132658.php

    In edicola vengono pubblicate molte riviste, escono DVD dei match, i videogiochi per la PlayStation 2 rivaleggiano con PES e FIFA, le figurine e card sono più vendute di quelle dei calciatori, gli spot sono onnipresenti nelle tv, iniziano le polemiche di comitati dei genitori e psicologi immancabili in questo casi. (Sailor Moon, Pokémon e Dragon Ball lo sanno bene).
    I calciatori segnano imitando le mosse dei wrestler: Mirko Vucinic imita proprio Chris Benoit...
    https://codacons.it/vucinic-esultanza-macabra/

    Visto il grandissimo successo Italia 1 trasmette la versione di 2 ore dello show rispetto a quella di 1 ora.

    Gli show di Bologna e Assago (MI) ricevono una richiesta di biglietti impressionante: "350 mila richieste per gli show del 23 aprile a Bologna e del 24 ad Assago."

    https://codacons.it/tutti-pazzi-per-il-wrestling/

    Ormai il Wrestling ha raggiunto una popolarità tale che diversi esperti pensano che avrebbe potuto radicarsi definitivamente nella cultura italiana una previsione molto ottimistica.

    Nel frattempo la morte di Eddie Guerrero infligge un duro colpo al movimento italiano.

    Il 2005 si conclude alla grande con uno special di ben 4 ore su Italia 1 durante la serata di capodanno 2005.

    Da ricordare nel 2005 la nascita del notiziario WWE News condotta da Stefano Benzi. Trasmissione bellissima perché approfondiva con competenza e semplicità il mondo del wrestling lodevole i sottotitoli durante i dialoghi in più dava l'opportunità di vedere qualche match di Raw anche ai non abbonati a Sky.

    2006 l'anno del declino

    Durante il 2006 il wrestling inizia un fisiologico declino fino alla primavera gli accolti sono in linea con gli anni precedenti tanto che ancora in prima serata: "lo speciale Smackdown!, "Su Italia 1, Saturday Night Main Event", è stato seguito da 1.896.000 telespettatori, share del 7.76%."
    http://www.mediaset.it/corporate/salastampa/2006/comunicatostampa_3234_it.shtml

    Dall'estate calano sempre più. Un calo inevitabile dopo oltre 24 mesi di successo inarrestabile. Le conseguenze sono lo spostamento d'orario dal sabato sera alla domenica mattina è chiara l'intenzione di Mediaset ridimensionare il fenomeno. Comunque alla domenica mattina fino alla morte
    di Benoit gli ascolti sono buoni: https://www-tvblog-it.cdn.ampproject.org/v/s/www.tvblog.it/post/5591/italia1-cancella-il-wrestling-e-sbaglia?amp_js_v=a6&amp_gsa=1&amp&usqp=mq331AQFKAGwASA%3D#aoh=16028829258628&referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&amp_tf=Da%20%251%24s&ampshare=https%3A%2F%2Fwww.tvblog.it%2Fpost%2F5591%2Fitalia1-cancella-il-wrestling-e-sbaglia

    Il suicidio-omicidio di Chris Benoit è stato un pretesto per non trasmettere più il wrestling... Semplicemente in quel 2006-2007 non tirava più come nel 2004-2005 altrimenti sarebbe continuato nonostante tutto...
    Forse l'avrebbero interrotto per un tot di tempo ma se gli ascolti sarebbero stati alti come prima non l'avrebbero tolto del tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io credo che come fenomeno aveva una sua parabola. Come la ebbe negli anni '90, per dire.
      Sono cose studiate a tavolino: se i costi sono superiori alle aspettative, si cancella senza problemi.
      Evidentemente non vogliono ancora ripuntare su questo business, altrimenti la Mediaset ci si fiondava, a ricreare un fenomeno sociale.

      Contento che surclassò il calcio, ricordo anche una striscia quotidiana sul canale GXT!

      Moz-

      Elimina
  30. Per me qui non c'è partita: WWF. Avevo persino un videogioco grezzissimo con quel mitico logo. E che dire dei miei miti assoluti? Innanzitutto Ultimate Warrior, di cui arrivai a fabbricarmi, grazie anche a mia sorella, la sua maschera con un cartone del pandoro. Lo so, lo so... la maschera dell'Ultimo Guerriero (lo chiamavo anche così) era dipinta... ma io al massimo avevo i pennarelli della carioca. E poi l'altro: il Becchino! E quante finte lotte con i miei amici. Con la sua stretta, tra l'altro, facevamo anche finta di essere arrivati quasi quasi quasi al punto di addormentarci/svenire davvero: "Mamma mia oh! Menomale che ti sei fermato! Qualche altro secondo e penso che mi sarei addormentato..." :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha la fantasia dei bambini non ha mai fine, né nella lotta né nell'arte.
      La maschera, crearla e pensarla... ma anche gli effetti della presa di Undertaker... BELLISSIMI RICORDI^^

      Moz-

      Elimina

ricevere commenti fa sempre piacere, a patto che siano commenti pertinenti o che arricchiscono la discussione.
Ricorda: non è obbligatorio commentare se non si ha niente da aggiungere o se non si è nemmeno letto l'articolo! Grazie :)