[SCATTI RACCONTATI] foto #1

 

Svuoto cartelle del pc e memoria del telefono per recuperare un po' di foto -solo ambienti, senza gente se non per caso sullo sfondo.
Una nuova rubrica per continuare a raccontare e ricordare: Scatti Raccontati.
Nessuna pretesa autoriale, ci mancherebbe.
Inizio da un luogo che sembra avervi colpito molto, mostratovi tra le immagini di due post fa.
È un punto commerciale abbandonato, una serie di box-bancarelle in un'area adiacente al Santuario del posto dove vivo.
Ma volete sapere la particolarità? Non sorge sul suolo del comune dove vivo. Esatto: è qui, ma legalmente appartiene a un altro comune confinante.

Ho sempre amato i luoghi così, mai usati o lasciati.
Non ci vedo decadenza, ma energia speciale, reietta, particolare.
Sfondo probabile di tante avventure, diventa rifugio sub-urbano.
In estate prende altri colori: ve lo mostrerò.


leggi anche

48 commenti:

  1. Risposte
    1. Sul Gran Sasso c'era la neveeee, il fumo saliva lentooo

      Moz-

      Elimina
    2. Ho avuto la stessa impressione di Max 🙂 ops...
      Ha un fascino un po' sinistro

      Elimina
    3. Un po'... destro, in questo caso, allora XD

      Moz-

      Elimina
    4. Idem come MAX, e l'ho anche scritto commentando da qualche parte.

      Elimina
    5. :D
      Ho un animo nazi, si vede, senza accorgermene... XD

      Moz-

      Elimina
    6. Concordo con Max. Ho sempre pensato fosse una specie di campo di concentramento, e avevo dimenticato di chiedertene, appunto, la natura.
      Comunque adoro i luoghi abbandonati.
      Se non sbaglio, tempo fa, Icaro aveva una rubrica del genere e la seguivo con molta passione.
      Tu, invece, cerchi luoghi in cui semplicemente non vi siano persone al momento dello scatto, giusto?
      Potresti pubblicare il mio panorama preferito mentre vado a camminare al mattino.
      Quello in cui, in un solo scatto, si vedono cielo, mare, prato e piante di fichi d'india.

      Elimina
    7. Eheh ma sono foto mie, che raccontano me e i miei momenti, anche del passato abbastanza lontano... :)

      Moz-

      Elimina
  2. È bellissima. Bravo.
    Ma tu vuoi dirmi che vivi in un posto con uno sfondo del genere?
    Diocheinvidia!!!
    😀😀😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, in ogni caso quello sfondo è ciò che mi appare di fronte casa^^

      Moz-

      Elimina
  3. Il carcere di Santo Stefano (isole Pontine) è una struttura abbandonata e l'isola fa parte di un'oasi protetta, le visite sono rade e solo guidate. E' un po' l'effetto del tuo centro commerciale, che con lo scheletro di tettoia in ferro ricorda davvero le scenografie cui accenna MAX..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qua non hanno carcerato nessuno; prima del covy-kun nei luoghi antistanty si tenevano i Cento Giorni agli Esami e questo luogo diventata terra di nessuno... fornacelle, arrosticini, canne, scopamenti...^^

      Moz-

      Elimina
  4. Centro commerciale? Caspita, sembra una location ideale per un film horror :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho sempre considerato mooolto new wave, anche se credo sia stato fatto a fine anni novanDa :)

      Moz-

      Elimina
  5. anch'io ho sempre amato i luoghi di questo tipo... da piccolo proprio a 2 passi da casa mia c'era una stazione abbandonata e ci si andava a volte a giocare, la usavano ancora per andarci a parcheggiare i pullman ma l'edificio era completamente vuoto, con i vetri rotti...

    RispondiElimina
  6. Ce ne sono di posti così al centro-sud. Parlano di sprechi, di soldi buttati, di speranze deluse.
    Desolante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci vedo anche riqualificazioni, ricostruzioni... :D

      Moz-

      Elimina
  7. Ecco che fine fanno i non-luoghi una volta abbandonati...

    Tristi, soli, decadenti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, a me piacciono, ci trovo del bello XD

      Moz-

      Elimina
  8. Ho un caso simile nel mio paese: una ex scuola, diventata albergo dopo una pesante ristrutturazione, non appartiene al Comune nel quale si trova bensì a un altro Comune confinante, tipo Campione d'Italia che è in pieno territorio svizzero insomma.
    La ragione è insita in una questione di proprietà della diocesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa tu... almeno la struttura che citi è stata ristrutturata!!

      Moz-

      Elimina
    2. Sfido io, per farne un albergo attaccato al mare. Hanno investito non certo per migliorare la visuale urbanistica...

      Elimina
    3. ...ma quella speculativo-turistica :D

      Moz-

      Elimina
  9. A me piace un sacco l'esplorazione di certi posti abbandonati... Mi affascina il pensare quante storie sono passate da lì. Quel che rimane racconta sempre qualcosa. Ma è anche un dispiacere vedere quanto spreco c'è dietro! Giusto oggi leggevo di una discoteca costruita e inaugurata neanche 15 anni fa, andata di moda per due o tre anni e poi fallita. Adesso è stata venduta per riqualificare ma è già mezza franata! In così poco tempo, quanto denaro bruciato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, purtroppo sono storie di sprechi e di cose non andate a buon fine.
      Da me per fortuna non ci sono troppe cose simili, questo è un unicum che peraltro ha appunto una storia di gestione complicata...
      Però, luoghi affascinanti, assolutamente^^

      Moz-

      Elimina
  10. Ci andrei a nozze in un posto così! Anche a me piacciono i posti abbandonati, mi piace esplorarli e fotografarli. Nella mia città c'è un centro commerciale abbandonato, ma confesso che non ci sono mai andata (e non penso sia così bello). Lo cominciarono a costruire pensando a un outlet che attirasse molta gente, ma c'erano già altre realtà commerciali e quindi è andato tutto in malora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita, potrebbe essere riqualificato per farne, chessò, un centro giovanile!!
      Io lo esplorerei, se fossi in te... :)

      Moz-

      Elimina
  11. Ma così è spettrale proprio, no? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, molto meno di quello che sembra, giuro.
      C'è vita solo a un metro da lì^^

      Moz-

      Elimina
  12. appena ho visto la foto devo dire che ho pensato ad un lager. Capisco ciò che dici, posti del genere sprigionano energia di vita che è stata vissuta. Però devo dire che fanno anche pensare a quanto abbandono ci sia e spazi che poi non vengono utilizzati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, per fortuna questo è un caso più unico che raro, nella zona dove vivo...^^

      Moz-

      Elimina
  13. Come forse ricorderai sono amante della fotografia, perciò seguirò questa nuova rubrica con interesse.
    Peraltro questa prima foto già mi piace, ha un'atmosfera decadente che mi attrae.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente ripeto: non ha alcuna pretesa artistica o fotografica: sono immagini mie, che scattai anche tanti anni fa per poterle riusare qui, e ora ho trovato un modo corretto per farlo nel 2021...^^
      Thanks!

      Moz-

      Elimina
  14. Vabbè, dalle mie parti ve ne sono tanti di luoghi simili.
    Mi domando sempre perché lasciarli così abbandonati ma credo che spesso ci siano motivazioni legate alla poca legalità.
    La tua foto è particolare, uno scatto molto ben fatto, con quelle magnifiche montagne di sfondo. Adatto al mio spazio che tratta del senso delle immagini. 😉 Forse ne devo postare altre...
    Grazie Miki, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è questo il caso specifico, penso si tratti di gestione poco oculata tra Giubileo del 2000 e un comune che non poteva stare al passo rispetto a quello dove vivo... chissà.
      Beh, il Gran Sasso come sfondo... dice tutto^^

      Moz-

      Elimina
  15. Da piccolo giocavo con i miei amici vicino a una specie di collettore di scolo idrico che sembrava l'ingresso al covo delle Tartarughe Ninja quindi capisco bene quello che dici riguardo alla particolare energia che sprigionano alcuni luoghi.

    Mi piace l'idea di raccontarli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow fighissimo!
      Ovviamente io in quel luogo che citi ci avrei visto anche... IT :D

      Moz-

      Elimina
    2. Non lo avevo ancora letto. Quando l'ho fatto ci eravamo trasferiti..

      Elimina
    3. Ah ecco, altrimenti sarebbe stata una cosa immediata^^

      Moz-

      Elimina
  16. Questi luoghi hanno sempre affascinato anche me. Nel mio paese d'origine ce ne sono vari simili: ospizio mai completato (solo struttura in cemento armato); area mercato/commerciale (simile a quella della tua foto); vero e proprio centro commerciale; altro mercato...
    E stiamo parlando di un centro di 3600 anime :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Madonna, potrebbero affittarli alle produzioni cinetelevisive!!^^

      Moz-

      Elimina
  17. Questo posto ha un suo fascino, un po' come certe strutture industriali abbandonate. Non dico che metta allegria, ma non mi sembra nemmeno tetro o squallido. Mi fa venire voglia di sentire di persona com'è l'atmosfera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa estate faccio un'altra foto, vedrete che non è così male!! 👍🤓

      Moz-

      Elimina
  18. Guarda, simile è l'ex-deposito dei mercati ortoftrutticoli MOI di Torino, subito all'uscita della passerella olimpica:
    https://www.google.com/maps/@45.0323844,7.6581574,3a,47y,327.39h,92.93t/data=!3m6!1e1!3m4!1stsfpSzMx71zpqAQ01eOpLg!2e0!7i16384!8i8192

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è bellissimo, sembra persino una cosa vecchia... Perché non lo recuperano? Potrebbero farci tante cose...!

      Moz-

      Elimina
    2. Certo che è un vecchio edificio, risale agli anni '20, ed è stato dismesso negli anni '70. Pensa che è stato uno degli ultimi luoghi di Torino in cui sono stato prima del lockdown di marzo dell'anno scorso.
      Praticamente uno passa dalla galleria commerciale dell'Otto Gallery, attraversa la passerella olimpica sopra la ferrovia e la strada, e si finisce lì; li si attraversa per andare dalle parti del villaggio olimpico.
      In quell'occasione mi pare di ricordare che vi avessero messo una sorta di itinerario storico permanente (durante la Seconda Guerra Mondiale vennero bombardati). Penso ci siano dei progetti di recupero, ma è probabile che la pandemia abbia fermato alcune cose.

      Elimina
    3. Ah certo.
      Non ho idea se sia centrale o meno... ma... nel caso non avesse un enorme valore storico ci farei qualcosa per i giovani... sai, mostre, eventi...

      Moz-

      Elimina