[GIOCHI] Kids on bikes, un gioco di ruolo molto particolare: la recensione



Dimenticate i manuali da centinaia di pagine; dimenticate infinite regole e cavilli; dimenticate lunghe e noiose preparazioni. Ma soprattutto, dimenticate (e ogni tanto ci vuole) elfi, nani, draghi e tutto il fantasy tolkeniano (ma pure la fantascienza).
Kids on bikes dice già tutto nel suo sottotitolo: strani eventi in piccole città.
Ragazzini in bicicletta, strani eventi, piccole città. L'equazione è ovvia, e rimanda a Stranger Things e alle sue atmosfere.
E questo dovete immaginarvi per Kids on bikes, ma non solo.
Perché se quella è una delle ispirazioni, tutto il resto lo decidete voi!

Kids on bikes infatti vuole essere quanto più inclusivo possibile.
A volte, per noi italiani (il gioco è tradotto dalla Need Games! e costa 24,90€), potrà sembrare persino eccessiva tutta questa attenzione verso l'inclusività che il gioco propone.
Forse questo lato è pensato principalmente per un pubblico americano, dove certe tematiche sono molto più sentite.
Ma, a parte questa differenza culturale, Kids on bikes è inclusivo nell'accezione più positiva e totale del termine: il gioco lo creano i giocatori assieme al master, e la presenza di quest'ultimo non è mai troppo determinante ai fini del racconto e della creazione del mondo, avendo un ruolo più da supervisore che da narratore supremo.
Ma il bello è che pure questo aspetto si può cambiare. Tutto può essere piacevolmente stravolto.
Kids on bikes è estremamente malleabile: l'essenziale è che tutti siano d'accordo su come voler giocare.


Tutto, in Kids on bikes, può essere infatti mutato, corretto all'occorrenza, cambiato in corsa.
Le regole sono poche e semplici, e nemmeno fisse.
Bisogna entrare in quest'ottica per capire il senso del gioco proposto da Jonathan Gilmour e Doug Levandowski: l'essenziale è divertirsi insieme, punto.
Non ci saranno per forza mostri da battere o chissà quali prove da superare (che pure fanno parte del fulcro delle vicende): il bello di Kids on bikes è già da subito nella creazione del mondo e dei personaggi.
È come scrivere una storia assieme, in sostanza. Coi personaggi che evolvono, crescono.
Se si vuol seguire questa opzione, è chiaro.
Altrimenti è il raccontare un personaggio in un mondo nuovo, o parzialmente condiviso.
Chissà, basta scegliere insieme.






Il manuale (tradotto per noi da Giulia Peverini con supervisione di Alberto Orlandini e Matteo Pedroni) si apre con qualche tavola a fumetti.
Un modo simpatico e divertente per immergere il futuro giocatore in quello che può essere il mood generico del gioco.
Che sì, si rifà a Stranger Things (QUI) come vago spunto (ma anche a tutta un'altra serie di titoli possibili, peraltro elencati nelle avventure pre-guidate), ma che di Stranger Things potrebbe pure non avere niente.


Kids on bikes è sicuramente un gioco nerdistico e per ragazzi, ma anche per grandi e per appassionati di giochi di ruolo che vogliono tornare a qualcosa di più semplice e intuitivo.
Il nerdismo qui non è l'ossessiva conoscenza, fastidiosa come nei cliché, di ogni regola, mostro, punteggio e classe. Non esiste niente di tutto questo.
Al massimo, sarà bello creare mondi basati su ricordi di serie e film, magari anni '80 e '90 o anche prima.
Ecco, la retronostalgia qui occorre per un semplice motivo: la verosimiglianza con quanto si dovrà narrare. Servono piccole cittadine da poter percorrere in bici, e soprattutto non dovrebbero esserci telefonini e videocamere onnipresenti, idem internet: meglio di no.
Per una questione di storia in sé.



Creare il personaggio (tra una selezione possibile, o totalmente inventato) è semplice e divertente.
Ed è solo l'inizio di questo gioco avvolgente.
Le tipologie suggerite sono diverse, ognuna con pro e contro a determinarne l'unicità (le caratteristiche si basano sui dadi: da 20 facce, da 12, da 10, da 8, da 6 e da 4).
Anche i personaggi in sé possono essere di tre tipi distinti: bambini/ragazzini, adolescenti, adulti.
E, in base alla scelta, ci sono dei bonus e malus da aggiungere o sottrarre ai vari punteggi.



Come dicevamo, Kids on bikes è inclusivo.
La stessa scheda personaggio proprone la dicitura "pronomi" (quella cosa da profilo Twitter tipo she/her, utile in America ma abbastanza strana in Italia); mentre le storie proposte a fine volume (avventure pronte da giocare, in tutto 20 e dalle atmosfere più disparate) suggeriscono anche i temi delicati in esse contenute.
Omicidio, alcolismo, maltrattamenti, rapimenti... le tematiche "calde" che potrebbero mettere a disagio qualche giocatore perché magari ne ha avuto a che fare nella vita reale.
Forse a noi fa persino sorridere (a questo punto, nessuno potrebbe più vedere film o serie, o leggere libri e fumetti, visto che questi temi sono generici e presenti un po' in ogni opera...) e non penso che qualche giocatore italiano, pur giovane, potrà mai aver da ridire su un assassinio o una tossicodipendenza "per fiction", ma il manuale suggerisce anche cosa fare in caso di momenti di forte fastidio o situazioni incomode.




Il lato davvero positivo è che questa attenzione fa sì che Kids on bikes può essere giocato davvero da tutti, e anzi lo trovo veramente utile per ragazzini e adolescenti: utile per scatenare la fantasia narrativa, utile per creare dinamiche più disparate.
Non vedo l'ora di proporlo, infatti, nel centro di aggregazione giovanile che gestisco.
Per ogni personaggio si potrà scegliere anche sesso, razza, etnia, genere e orientamento sessuale, eventuali disabilità e anche eventuali superpoteri.
Potrebbe quindi essere persino educativo, trattando temi importanti (e anche forti, come quelli proposti dalle storie) sfruttando l'aspetto ludico e leggero.
C'è anche da scegliere cosa portare nello zainetto, accessorio immancabile!




Proprio le avventure a fine volume, oltre a una selezione di potenziali png (personaggi non giocanti, da far interagire coi giocatori) e mostri/nemici, suggeriscono anche le atmosfere del racconto: c'è ovviamente il già citato Stranger Things ma pure E.T., quindi Stand by me, X-Files, IT, Twin Peaks, persino i film di Miyazaki o Star Trek, Criminal Minds, Law & Order, Scooby-Doo, The Sims.
Insomma, l'unico limite è la fantasia dei giocatori e del master.
Io, che creavo giochi di ruolo coi LEGO (ve ne ho parlato QUI), ho già in mente probabili avventure che potranno ricordare i Power Rangers o Cobra Kai; Kids on bikes è ideale per ideare e raccontare insieme, senza freni, divertendosi con l'immaginazione.



Lascia il controllo ai giocatori, è adatto a tutti (anche e soprattutto ai non esperti) ed è così versatile che può essere stravolto a piacimento.
Le schede sono disponibili anche online in formato PDF, offerte dalla Need Games!, che ha tradotto anche altri due volumi del sistema di gioco "Powered by Kids on bikes": Kids on brooms (tra scuole di magia e incantesimi, simil Harry Potter) e Teens in space (tra astronavi alieni, tipo Star Wars).
Pronti a giocare?

LEGGI ANCHE

24 commenti:

  1. Lo avevo adocchiato su un sito statunitense, non sapevo esistesse la versione italiana. Al di là del valore collezionistico, credo che questo tipo di gdr vada usato come farai tu con un pubblico "profano" oppure per sessioni one-shot senza la pretesa di farci delle vere campagne. E poi come con i jeepform (ma nel mio caso anche Call of Cthulhu) dopo qualche sessione di gioco "alternativo" ti viene voglia di tornare a fare il barbaro e ammazzare orchetti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mhhh, non saprei: sono un po' stufo delle cose fantasy tout-court.
      Questo KOB è potenzialmente infinito e spendibile per tante cose, se ci pensi.
      Secondo me anche per delle vere campagne (ne ho proposta una, difatti) ma ovviamente io poi sono anche uno che vuol cambiare ogni tot, quindi si presta bene 💪🤓

      Moz-

      Elimina
    2. La mia non voleva essere una critica al "genere" in sé ma una testimonianza del mio approccio e delle mie esperienze in merito. È anche vero che pure il fantasy stufa! :D

      Elimina
    3. Che poi alla fine molto dipende anche dalla qualità delle avventure che si inventa il master, dall'ambientazione, dalla sintonia tra i giocatori... insomma, qualsiasi gdr può essere divertente!

      Elimina
    4. Certo, ma infatti il bello di KOB è che la storia e l'ambientazione sono decise anche dai giocatori... Insomma, non c'è più il master che si mette dietro il paravento aperto, con tutte le classi di mostri... È un gioco davvero "malleabile", intrigante per questo, per costruire insieme qualcosa e divertirsi insieme 💪🤓🔥
      Io se voglio guerrieri e spade, ormai stufo di D&D, leggo Berserk o Conan 🤣👍

      Moz-

      Elimina
    5. In effetti questo approccio masterless ha preso piede anche in altri gdr, persino fantasy. Certo che sarà impegnativo giocarci con molte persone come immagino farai tu, ma sarà anche una grande soddisfazione!

      Elimina
    6. Oddio, non tantissimi. Per iniziare, penso che sei persone siano un numero giusto, forse quattro/cinque addirittura meglio.
      Poi, appena ci prendo la mano, potrei creare qualcosa per gestire al meglio, in un paio d'ore, anche dieci giocatori... Chissà 🤓🔥🎲

      Moz-

      Elimina
    7. Ah, ok, non so perché pensavo fossero di più. 4/5 mi pare il numero ideale per giocare, almeno ai gdr classici. Per i jeepform nordici si favoleggia di raduni di 300 persone... ma in quel caso sono più performance collettive che giochi, credo.

      Elimina
    8. Sì, intendo coi miei amici adulti... Almeno come prova.
      Poi, semmai dovessi portarlo al centro di aggregazione, o al Nerd Summer Camp, una decina di persone possiamo raggiungerle ma ovviamente prima devo impratichirmi! 🤣💪
      300 giocatori? Ammazza... Sì, penso anche io che di gioco c'è poco e sia più uno stare insieme + performance 🤩

      Moz-

      Elimina
    9. Ah, ok, credevo che le 4/5 persone fossero riferite al centro l'aggregazione, mi pareva strano fossero così pochi ma magari già sapevi alcuni ragazzi non erano interessati.

      Elimina
    10. No, no... al campus sono quindici ragazzi per turno, quindi ho stimato 10 interessati, diciamo.
      Il Centro di aggregazione in sé ancora non lo riapro, speriamo di poterlo fare presto, dopo questa sfuriata di contagi...
      Noi grandi ci fermeremo a 5-6 unità per prendere la mano... ho in mente di giocare anche io, pure da GameMaster :D

      Moz-

      Elimina
  2. Decisamente non fa per me, carino però ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto, sì.
      Adatto a tutti, divertente e di fantasia^^

      Moz-

      Elimina
  3. Poi c'è il gioco di ruolo di uno che trasforma un'intera città -italiana- in una città western... E interviene quel tanto che basta a far rispettare le regole...
    Ma qui, per saperne di più, occorre venire sul mio blog 😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, sto leggendo cercando di mettermi a pari 🤩👍

      Moz-

      Elimina
    2. Ottimo, Moz...mi fa piacere 🙂ma potevi lasciare il commento anche là ☺️

      Elimina
    3. E mi sa che l'ho fatto, oggi pomeriggio! :o

      Moz-

      Elimina
  4. Se avete voglia di nerdare di ruolo online su Roll20 mi sto impratichendo per masterizzare una campagna di D&D 5ED per principianti (lo sono anche io su D&D). Avventurieri (cavie da torturare) sono benvenute!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      Non so se qui troverai qualcuno, non è propriamente un luogo di giocatori... Però in bocca al lupo per tutto 🎲🔥

      Moz-

      Elimina
    2. in effetti l'argomento gdr per gli utenti di questo blog è un po' come l'aglio per i vampiri :D

      Elimina
    3. Ahaha è proprio vero che blog e pubblico rispecchiano il blogger!
      Che poi per inciso io a D&D ci ho pure giocato più volte, ma non sono tipo da fossilizzarmi troppo... Idem i videogames: due sberle con Street Fighter mi bastano 🤩🤣
      Comunque non vedo l'ora di una campagna a Kids on bikers!
      Quello mi divertirà 😍

      Moz-

      Elimina
  5. Ciao Moz e buon anno! a me personalmente questo tipo di giochi gdr con il narratore ecc. non piacciono, mi sembra che ci sia poi troppa libertà, boh!
    Invece questo natale ho acquistato BANG! E ci è piaciuto un sacco!in un'oretta ci giochi, è strategico, semplice e immediato da giocare! Lo consiglio a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sal!
      Allora mi sa che questo non ti piacerà particolarmente... Perché è liberissimo. Ma il divertimento, giuro, sta proprio in questo. Si racconta e inventa una storia, insieme 💪😎
      Bang! non male!

      Moz-

      Elimina
    2. P.s. ovviamente buon anno anche a te e grazie! 😎💪

      Moz-

      Elimina