[SERIE TV] Twin Peaks 2017, recensione episodio 15


Parte 15 di Twin Peaks Il Ritorno andata.
Siamo a -3 puntate dalla fine e qui ne succedono sempre più, andando dritti e di corsa verso qualcosa che appare ancora impalpabile.
Cosa è successo nell'episodio 15? Vediamolo assieme.


TI LASCERO' SCEGLIERE, TI LASCERO'

Nadine, sempre più presa dalle parole del dr. Amp (ossia il Dr. Jacoby), con la sua pala d'oro corre al distributore di benzina del marito Ed per... lasciarlo.
Sì, in modo bizzarro, del tipo "ti lascio libero, ti amo e vederti felice è la cosa più giusta".
Ed corre da Norma, al RR. Ma forse è troppo tardi, forse Norma è stanca di promesse che vanno avanti da trenta e passa anni. E poi c'è comunque Walter.
Ma Norma cede le quote dei sette ristoranti RR, tenendosi solo l'originale di Twin Peaks: lo fa per stare accanto alla sua famiglia. E sotto gli occhi della sua amica Shelly, torna da Ed che le chiede "sposami!".

LO CHIAMERESTI NEGOZIO CONVENIENTE

Una strada (perduta) di notte. Bad Cooper alla guida: arriva proprio nel Convenience Store.
Ad attenderlo un boscaiolo nero che lo accompagna su per la scala, a quel punto i due scompaiono e si ritrovano all'interno. A un altro boscaiolo Bad Cooper dice che sta cercando Jeffries, al che questi aziona qualcosa di elettrico (si intravede l'Uomo che Salta con sovrapposto un volto -forse Sarah?-) e dunque Bad Cooper può proseguire oltre la porta.
E' proprio la parte di Loggia dove si ritrovò Laura attraverso il quadro datole dalla signora Tremond e suo nipote Pierre, nel film Fuoco Cammina Con Me.


Salita la scalinata interna (vista nella visione di Gordon Cole), Bad Cooper giunge in un cortile come di motel, non differente da una delle ambientazioni di Cuore Selvaggio. Si dirige verso la porta contrassegnata col numero 8, al che una donna in vestaglia -che parla al contrario- dice che aprirà per lui la porta.
Cooper si ritrova davanti a una... teiera gigante, un macchinario che sputa fumo di continuo: è Jeffries.
E chiede a quest'ultimo perché abbia mandato Ray a ucciderlo e se fosse lui ad averlo contattato cinque giorni fa. Ma Jeffries fa il vago su entrambe le risposte.
Al che Cooper gli cita un episodio avvenuto nel 1989, quando Jeffries apparve a Philadelphia citando Judy.
Ora, il Cooper cattivo vuol sapere chi sia questa Judy e se tale persona vuol qualcosa da lui.
Jeffries risponde che Bad Cooper ha già conosciuto Judy e che, se vuole, può fare in modo di far arrivare a lei le domande. Dal fumo fuoriescono dei numeri, che Cooper prontamente si appunta.
Poi squilla il telefono, Jeffries/caffettiera scompare, e rispondendo all'apparecchio Bad Cooper si ritrova materializzato all'esterno del Convenience Store.
Proprio qui lo attende, a sopresa, Richard. Il ragazzo lo ha pedinato perché lo ha riconosciuto: sa che è un agente dell'F.B.I. perché sua madre (Audrey) teneva una sua foto. Cooper disarma il ragazzo e lo invita sulla sua auto, dove potranno parlarne in tranquillità. E appena prima di ripartire, invia un sms con scritto "Las Vegas?" a un contatto sconosciuto.
Il Convenience Store scompare in una nuvola di fumo, lasciando visibile solo il bosco.


GLI SPARI SOPRA

E nei boschi torniamo, ma di giorno.
Il giornalista Cyril Pons, che altri non è che il co-creatore di Twin Peaks Mark Frost, è a passeggio col suo cagnolino proprio tra gli alberi.
Ma anche Gersten Hayward e Steven sono lì e quest'ultimo è evidentemente preso a male per qualche trip.
Forse ha fatto qualcosa che non doveva (ha con sé una pistola: avrà fatto del male a Becky?) ed è in preda a una crisi, mentre la sua amante (con al collo una chiave antica!) cerca di farlo calmare.
Ma la presenza improvvisa di Cyril fa sì che Gersten si allontani di colpo e Steven usi l'arma.
Non si sa bene contro chi o cosa, ma il giornalista corre subito ad avvisare Carl Rodd di qualcosa accaduto all'abitante della casetta del suo New Fat Trout Trailer Park.


PRIGIONIERI

Mentre alla roadhouse si balla a ritmo degli ZZTop, James ha la facciatosta di andare da Renee in presenza del marito di lei, Chuck. E non solo: dice anche che Renee gli piace.
Al che Chuck e un suo compare si alzano e iniziano a picchiare James (ah, le belle risse alla roadhouse!) ma Freddie non se ne sta a guardare e col suo potere da uno de I Difensori Marvel manda in terapia intensiva i due cretini.


A Las Vegas, nel frattempo, l'F.B.I. ha convocato Douglas Jones e sua moglie Jane. Ma pare proprio che abbiano sbagliato famiglia.
Chantal si reca nell'ufficio del ricco Duncan Todd e uccide sia lui sia l'assistente Roger.
E, tarantinianamente, lei e Hutch si ingozzano di junkfood parlando di junkfood e massimi sistemi. Fino a che la killer non vede, romanticamente, il pianeta Marte brillare nel cielo.
Ma a noi servono Giove e Saturno, per Giove!
A Twin Peaks si ritrovano, nelle prigioni, Freddie, James, Chad, Naido e l'ubriacone bavoso: non si vedeva tutta questa gente chiusa lì dentro dal 1989!
P.s. Bobby si leva la soddisfazione di arrestare il suo vecchio rivale James, e senza ricorrere a trucchetti tipo cocaina nel serbatoio.



VIALE DEL TRAMONTO

Mentre Janey-E porta la torta a suo marito Dougie/Cooper, quest'ultimo in un eccesso di volontà propria accende il televisore. E che film trasmettono? Viale del Tramonto.
Che non è un film a caso: Sunset Boulevard, del 1950, è la pellicola dalla quale David Lynch ha preso il nome del personaggio che interpreta in Twin Peaks, ovvero Gordon Cole.
E a sentire proprio il nome Gordon Cole in tv, Dougie trasale. Guarda la presa elettrica sul muro e ci infila la forchetta, fulminandosi e facendo andare via la luce.

CIAO, MARGARET

Hawk riceve un'altra chiamata dalla sig.ra Ceppo: Margaret sta per morire e lo rivela al vicesceriffo. Ma la morte, anche se fa paura, è solo un cambiamento e non la fine di tutto.
Come ultimo monito, Margaret ribadisce a Hawk di stare attento a quella precisa persona di cui hanno parlato, quella sotto la luna al monte Blue Pine.
Hawk saluta per sempre la signora Ceppo, e noi con lui.
Margaret recita il suo ultimo atto, in una Twin Peaks (inteso come serie) dove ormai sempre più il confine tra finzione, realtà e metacinema ha smesso di esistere.
Convocati lo sceriffo (che guarda la foto di un pesce sul pc), Andy, Lucy e Bobby, il nostro Hawk dà loro la triste notizia.
Ciao Margaret.



Audrey e Charlie litigano ancora, lei di fatto non esce di casa nonostante pare che voglia farlo.
Tutta questa trama ha qualcosa di strano, come se fosse una metafora: Audrey vorrebbe uscire di casa, varcare la soglia, ma non lo fa mai, tergiversando.
I The Veils suonano alla roadhouse, mentre due camionisti un po' cafoni prendono di peso una ragazzina (vestita come Irma, l'amica di April O'Neil delle Ninja Turtles) e la mettono a sedere a terra, per prendersi il tavolo.
Questa, spaesata, gattona un po' tra la gente e infine si mette a urlare.


Leggi gli altri articoli visitando

la sezione Twin Peaks del blog!

178 commenti:

  1. Non ci ho capito una fava ma credo sia normale per uno che twin peaks se lo ricorda perché lo diceva sempre Ezio greggio a striscia la notizia.

    Però onore al merito che non riempi il riassunto di neologismi , tormentoni, autocitazioni ed inside joke che non fanno ridere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, qualcosa ce la metto, perché quel che noto lo scrivo. Poi certo, meglio restare asciutti senza strafare, che lo strafare ti porta a scrivere perlopiù inside-cazzate :)

      Moz-

      Elimina
  2. caspita, Nadine lascia Ed e lui torna da Norma a chiederle di sposarle...un piccolo ritorno alle trame "da soap" degli anni '80-'90 :D.

    Ma Jeffries è diventato un caffettiera? mmmm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo Jeffries è ora un macchinario.
      Unico modo per farlo apparire ancora, anche se spero di rivederlo in forma umana attuale anche solo per un secondo! :)

      Moz-

      Elimina
  3. Sempre avvincenti le tue recensioni ma se arrivati a tre puntate dalla fine non avete neanche dei sospetti su quale direzione può prendere il finale non è che forse il regista non ha le idee chiare? :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non è che il regista non ha le idee chiare, è che il regista è David Lynch, e se noi avessimo avuto le idee chiare su dove ci stesse portando, allora il regista non sarebbe stato David Lynch. :D

      Elimina
    2. Tra l'altro Lynch ha terminato le riprese oltre un anno fa, quindi il finale esiste^^

      Moz-

      Elimina
  4. Ed ecco l’attesissima puntata 3X15 (315) che non ha deluso le attese, ma andiamo con ordine. Quella carta da parati… era quella giusta! Ci avevo visto bene, e la Zona è stata già visitata da Laura Palmer in sogno nel 1989… in quel caso arrivò alla Loggia Nera, mentre in questo caso Bad Coop l’attraversa per giungere tra il convenience store e quella specie di motel ultra dimensionale, dove una signora - per un momento ho pensato fosse la Signora Tremond nonostante fosse morta da 20 anni - e riecco Jeffries in un’altra forma. Ci siamo andati molto vicini a risolvere il mistero di Judy… ma chi è Judy? Bad Coop l’ha già incontrata o è stato il buon Dale ad incontrarla? No, perché qui c’è qualcosa che non mi torna: come fa Bad Coop a ricordarsi di Jeffries che ricompare negli uffici di Philadelphia se quello NON era lui, bensì il buon Coop? Memoria condivisa? E cosa dà Jeffries a Bad Coop? Nuove coordinate? Gli starà tendendo un trappolone fatto come si deve?
    E’ incredibile come tutto stia tornando man mano al suo posto e pure tutto è ancora così fumoso… manca ancora qualcosa e forse non riusciamo a capire cosa. Dougie finalmente si è svegliato, o comunque è iniziato il suo processo di reviviscenza, ma perché dirigersi alla presa di corrente? Qualcosa lo ha quasi fatto spaventare nell’udire il nome di “Gordon Cole”, come se non volesse sentirlo o come se gli provocasse qualcosa di spiacevole, ed ecco che la presa di corrente diventa o una via di fuga ( penserà: se ci sono uscito potrò rientrarci?) oppure un canale di contatto con qualcosa. Cooper viene folgorato e stavolta ci viene offerto uno dei primi cliffhanger di questa stagione, finora sconosciuti per impostazione di trama ed intenzioni nello girato e nel montaggio: Cooper è tornato finalmente in sé? Sta bene? Ma ora sappiamo che Bad Coop sa che qualcosa o qualcuno si trovi a Las Vegas, che sia proprio Dougie? Che sia diretto a Las Vegas insieme al suo figlio (?) Richard? Mettiamo il caso che Cooper si sia totalmente ridestato, cosa farà a quel punto? Andrà a Twin Peaks o sarà più veloce l’FBI a ritrovarlo? Sulla seconda opzione, visto il risultato, non ci metterei la mano sul fuoco. Se Cooper si è veramente risvegliato solo una persona dovrà subitamente incontrare: il Fuochista.
    Come detto, ancora si fa fatica a capire dove stiamo andando e il finale rimane ancora impossibile da immaginare. La storia di Audrey mi disorienta sempre di più… lì c’è davvero qualcosa che non va… ma cosa? Ok, altre cose verranno fuori nel corso dei commenti… ma ringrazio il cielo che la prossima domenica sarà l’ultima ad offrirci un altro singolo episodio e poi si andrà dritti al finale con due episodi filati, perché io questi ritmi e questi dubbi non li reggo più. XD
    I cazzotti di Freddie che emettono un effetto sparo sono la cosa più cazzuta di questo Twin Peaks, subito dopo il braccio di ferro di Bad Coop! La scena in cella è stata quasi comica, con quel ubriacone che sicuramente è Billy, che non dà pace a Chud! Certo però che Bobby e James un saluto potevano darselo… tanto James finisce sempre dentro da innocente. Ah, statevi a vedere che quel guanto verde non occorra a Freddie per spaccare le sbarre della cella quando qualcuno si avventurerà fin lì per far del male a Naido!
    In pochissimi speravano che la Signora Ceppo ci sarebbe stata, e quando uscirono i crediti immaginavamo che ci avrebbe fatto compagnia in un solo cameo, mentre invece è stata con noi per quasi tutta la serie. La Signora Ceppo, che stava morendo proprio come Catherine Coulson, ci ha fatto il regalo più bello e profondo che un’attrice potesse fare ai suoi fan. Dopotutto la morte è solo un cambiamento, no? Ma lasciare tutte queste cose un po’ dispiace comunque. Grazie Margaret, grazie Catherine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bel commento, nulla da aggiungere se non una postilla sulla signora Ceppo. Grande attrice che ha recitato la sua morte, mentre moriva.
      Un qualcosa di inimmaginabile.

      Moz-

      Elimina
    2. Vado avanti con le illazioni: sono ancora più convinto che la scena iniziale della prima parte è ambientata appunto nel futuro e quindi credo che la (ri)vedremo tra le ultime tre parti. Me lo fa pensare anche il fatto che il Fuochista dice all'Agente Cooper che "lui è nella nostra casa ora" e noi sappiamo che Bad Coop si sta dirigendo da the Dutchman, l'olandese, che abbiamo scoperto essere il Fuochista. Ora, a quanto pare, Bad Coop in modo traverso riuscirà ad accedere alla Loggia Bianca (non so se sto dicendo una blasfemia) per combinare qualcosa che si oppone alle leggi di quei regni. Ora sappiamo che Jeffries ha potuto dare a Bad Coop le coordinate (?) di Judy, oppure, come immagino, gli abbia potuto tendere una trappola.

      Ora, come di consueto, attendo le opinioni e teorie di SANTI! :)

      Elimina
    3. Avevi visto benissimo :). E lo stesso posto del quadro, l'anticamera della loggia nera. Allora la signora Tremond accompagnò Laura, oggi qull'essere(non posso chiamarla diversamente) accompagna Bad Cooper. Sparo la mia ipotesi. Philippe Jeffries e Judy(sembra) si dice siano stati in una di queste riunioni del convenience store. Lo stesso Jeffries sembra poter passare(non so se per sua volontà) da un posto all'altro(dallo studio di Cole a Buenos Aires). Tu hai scritto "allora si arrivava alla loggia nera oggi in quella specie di motel". Ecco la trappola. Fino ad un certo punto bad Cooper apre le porte da solo, poi ha bisogno di quella "signora". Da quel motel in poi per me non è piu convenience store ma il regno e la conoscenza che Philippe Jeffries ha acquisito in questi anni con la fidata Judy (che uno dei due cooper conosce bene). Cooper si desta alla parola "Gordon Cole". "La vecchia squadra è di nuovo insieme" Ho notato due cose. Una lampada di fronte a lui, con una lampadina accesa e nel fermo immagine l'ultimo uomo con una lampada con una lampadina accesa dietro di lui. Eureka, l'lluminazione, una scoperta appena avvenuta. Dale come Archimede. Credo che lui voglia uscire da quel "corpo" di Dougie e tornare ad essere Dale Cooper e l'unico modo è uscire dal posto in cui è entrato. Una presa elettrica. Non so come andranno avanti le cose ma sono sicuro che troverai un altro particolare in questa puntata. Io aspetto te ;)

      Elimina
    4. Il piano di Jeffries è ancora un mistero, idem le sue capacità e per questo dobbiamo ancora attendere dove sarà portato Bad Cooper. Per quanto riguarda il nostro Dougie/Cooper, sappiamo che non è rientrato nella presa, perché la presa ha reagito in quel momento come una semplicissima presa di corrente, quindi dopo la scossa che Dale si prende, si sdraia semplicemente a terra… forse la scossa lo farà riprendere completamente e forse era proprio la scossa elettrica (tutto è elettricità) di cui aveva bisogno per il risveglio.

      Mi chiedi se ho notato qualcosa? Nel covenience store, l’uomo mascherato, in un’interferenza sembra avere il viso di Sarah Palmer… cosa sta succedendo?

      Elimina
    5. E se Cooper, fulminandosi, fosse rientrato nella Loggia così come ne era uscito? XD

      Moz-

      Elimina
    6. Naah... si vede che è ricaduto a terra. Secondo me ora è tornato in sé, perché aveva bisogno di una versa scossa per ridestarsi completamente. Difatti qualcosa premeva dal suo subconscio quella sera davanti ad un pezzo di torta... quel ripetuto premere quel telecomando... strano che non fosse stato Mike con una fiammella ad indirizzarglielo.

      Elimina
    7. Secondo me ancora non del tutto, ancora non del tutto :)

      Moz-

      Elimina
    8. Secondo me sì e ti spiego il perché: quella era la puntata 3x15 (315-15-3 / numero della stanza di Dale e numeri in ordine di apparizione nel contatore della realtà viola), poi l'Agente Cooper esce da una presa, e cosa se non la corrente elettrica di una presa può ridestarlo? Come ho già detto, tutto è elettricità a Twin Peaks. Poi non c'è più tempo ora per tergiversare su Coop, è ora che entri in azione con la sua vera identità per contrastare Bad Coop e ritrovare Laura.

      Ma un altro dubbio ho a cui nessuno mi ha risposto: Bad Coop come faceva a sapere che Jeffries a Philadeplhia è ricomparso, chiedendo a Cooper e agli altri che non si toccasse l'argomento Judy?

      Elimina
    9. Evidentemente il doppio-negativo è la stessa persona solo totalmente cattiva.
      La nostra parte peggiore, concentrata.
      Ma siamo sempre noi.

      Moz-

      Elimina
  5. Che due maroni, anche stavolta non è successo niente di quello che ci aspettavamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se ti aspetti il risveglio di Cooper mi sa che saranno due maroni fino all'ultimo secondo^^

      Moz-

      Elimina
    2. Cooper si è risvegliato... a qualcuno è sfuggito? :D

      Elimina
    3. Secondo me non del tutto, non ancora :)

      Moz-

      Elimina
    4. Secondo me, come detto nel mio commento, il processo è iniziato e Cooper ha avuto una gran bella botta... la sua identità trasale di fronte a "Gordon Cole"... qualcosa si è mosso e il risveglio, comunque, è iniziato. E' probabile che nella parte 16 lo si veda già ridestato o forse in difficoltà.

      Elimina
    5. Intendo che in ogni puntata "si perde" del gran tempo in dialoghi strampalati e assurdi, apparentemente fuori tema, che durano un'eternità. E ti rimane sempre la sensazione a fine puntata che non sia successo un bel niente. Va bene che sarà pure d'elite Lynch ma lo sapete vero che il 95% degli esseri umani non resiste un attimo se gli fate vedere questa terza stagione? Va bene essere per poi ma così si corre il rischio di essere solo per se stessi...

      Elimina
    6. *** va bene essere per pochi***

      Elimina
    7. La sensazione che mi irrita parecchioè quella di girarci sempre intorno, una estrema diluizione della narrazione che a me sinceramente infastidisce molto. E anche da un punto di vista di appeal commerciale mi sembra karakiri

      Elimina
    8. Difatti a Lynch dell'appeal commerciale poco gliene cale. Lynch è colui che ha rinunciato a Star Wars per dirigere Dune e i suoi trip mentali sono veramente per pochi. Oramai il pubblico medio del 2017 vuole tutto, subito, secondo i loro gusti e possibilmente con più spiegazioni possibili... Lynch NO, è l'opposto di tutto questo. Ah non ti credere, a volte smadonno anche io, ma con Lynch è un po' come un matrimonio: devi sopportare anche quando il boccone non ti scende come vorresti, perché alla fine lo abbiamo amato perché è semplicemente lui e unico, e alla fine veniamo sempre ricompensati, in modi che non possiamo nemmeno immaginare. :)

      Elimina
    9. Sì, qui a tutto hanno pensato tranne che al riscontro commerciale delle grandi masse.

      Moz-

      Elimina
    10. Comunque sul discorso Dune sbavo ancora dopo aver visto il doc su Jodo e il suo progetto di Dunem già tutto pronto e scritto. Quanto sarebbe figo vederli lavorare insieme...Jodo e Lynch...Fantascienza della fantascienza :-)..Ma quella amara di fanta

      Elimina
    11. Sarebbe una follia esponenziale.
      Davvero.
      Immagina un INLAND EMPIRE psicomagico.

      Moz-

      Elimina
  6. Purtroppo dopo le mie condizioni di salute, ho perso molto di questa serie ch emi avvinceva tremendamente.Quindi è già molto difficile sbrogliarsi nella mente di Lynch vedendolo figurati raccontarlo.
    Vado molto lenta con tutto e spesso lavoro di notte, scambiandola per il giorno, mi dimentico di registrare e tutto va a tarallucci e vino.
    Davvero un peccato. Chissà forse riuscirò a raccattarla.
    Grazie mio caro Mozzino
    Sempre un bacio speciale per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tu riesca a raccattarla perché merita, e ti accompagnerebbe nelle ore notturne in modo sublimi^^
      Un abbraccione, Nella :)

      Moz-

      Elimina
  7. Oggi non ti ho letto,ma un saluto te lo mando.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fulvio, ricambio di cuore :)

      Moz-

      Elimina
  8. Miki, devo partire dalla cosa che mi ha colpito. Un telefono squilla, uno alza la cornetta e viene trasportato da un altra parte. Mi sbaglio o parlavamo di Matrix poco tempo fa? :) Andy era puro ed è stato premiato, Norma e Ed erano puri e sono stati premiati. Lynch in questa terza serie che sembra più scura e ingarbugliata che mai sta facendo vedere con chiarezza una cosa:vince l'amore. Accetto scommesse su Red che finisce in una di quelle celle(stanno diventando affollate) e Bobby che ritorna fra le braccia di Shelly. Anche se Bobby era cattivo e in una serie dove tutto sta tornando al proprio posto lui pagherà o per lui sua figlia Becky. Il convenience store ritorna. La scena The Missing Pieces nella stanza. C'e il bastone che teneva quel boscaiolo, l'uomo vestito di rosso con la maschera che emetteva quei suoni animaleschi si sovrappone per un istante al woodsman(oggi sono tutti "bruciati, allora no). Quel woodsman seduto perde sangue dalla bocca(iniziano a essere tanti). E' l'anticamera della loggia nera e la stessa cosa che si aprì nel quadro di Laura. Due domande. Bad Cooper entra come uno dei tanti ospiti mentre Bob era il padrone li dentro. Sicuro che sia ancora dentro Bad Cooper? Seconda domanda. Philippe Jeffries era un uomo dell'F.B.I e della Rosa Blu, li dentro sembra essere uno "importante", dove sta l'inganno? Quella "caffettiera" assomiglia troppo a quell'accumulatore elettrico sempre presente(Quello che spense Naido, quello presente nella loggia bianca in vari punti). Sembra essere un mezzo di trasporto, trasmissione, un punto in cui si crea o accumula elettricità. Cooper potrebbe essersi svegliato e contemporaneamente rientrato in quella presa per uscire nella 315 :)
    Margaret e Catherine muoiono nello stesso momento, nella finzione e nella realtà. Erano una cosa sola e noi piangiamo per il loro "cambiamento".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, che commento succulento! Da dove iniziare? Be’, per la prima volta abbiamo visto Bad Cooper spaventato e palesemente agitato al cospetto di Jeffries. Il doppio di Dale deve avere il controllo su tutto, e sapere che qualcuno come Jeffries è di qualche passo avanti a lui, questo lo spaventa. Per di più si trova in una dimensione che sembrerebbe avvertire ostile… effettivamente si sarebbe potuto ritrovare nella Loggia Nera in un baleno, visto che ha attraversato lo stesso portale di Laura Palmer, ma forse ancora deve accadere dell’altro. Philip si prende gioco di lui, questo è chiaro… e quei numeri sbuffati? Coordinate? Me ne sembravano un po’ pochi per poter essere delle coordinate geografiche, ma forse e tutt’altro e staremo a vedere. Philip è diventato sicuramente qualcuno importante, forse perché è l’unico nel poter far tornare Bob nella Loggia, visto che né Mike e né il Braccio riescono… ma ripeto: potrebbe semplicemente non essere ancora il momento giusto. Ma d’altronde nel regno delle tende rosse è da un bel po’ che si attende la garmonbonzia e lì dentro si muore di fame è c’è una gran concitazione.

      Questione Dougie/Cooper… rientrerà nella presa per uscire in quella della stanza 315? Mmm… lo trovo difficile, perché Cooper con i suoi piedi deve tornare a Twin Peaks e non credo che le prese facciano più da ponte per lui, anche se forse un po’ ci sperava.

      Elimina
    2. Infatti il Jumping Man è questione interessante.
      Aveva una maschera di creta, che il maghetto Pierre si toglie (e sotto appare la scimmia che sussura "Judy").
      Il maghetto stesso "salta" come il Jumping Man.
      Laura e Sarah si tolgono la maschera (il volto!) nella stessa maniera.
      In questa puntata, sovrapposto al Jumping Man appare il volto di Sarah, probabilmente.
      Cosa significa tutto ciò?

      Moz-

      Elimina
    3. Che forse dietro a Laura e Sarah si celano due spiriti?

      Elimina
    4. Comunque io non avrei mai pensato che Fuoco cammina con me avrebbe avuto tanta importanza rispetto alla serie originale, che per quanto possa essere stata geniale, oggi risulta quasi difficile da rivedere a causa di questa terza stagione...mai avrei pensato che Lynch e Frost sarebbero andati a risolvere quei momenti indecifrabili...

      Elimina
    5. FWWM fu una catastrofe nel 1992, ammazzato dalla critica e anche parecchio dagli attori che non presero seriamente il progetto di Lynch visto l'insuccesso dalla seconda stagione. FWWM doveva essere, a quanto pare, uno di tre film pensati per concludere Twin Peaks e la sua trama. Lo stesso McLachlan si fece ritagliare una parte breve nella serie per non rimaner imprigionato nel personaggio (oggi forse si mangia i gomiti) e molti attori disertarono il film. L'agente Desmond è il risultato del rifiuto di McLachlan, parte che infatti spettava a lui. Nel 1992 il pubblico non si è reso conto di ciò che Lynch ci voleva raccontare, e oggi scopriamo che in quel film c'è un assaggio di quella che è la struttura e la trama della terza stagione... 25 anni dopo! Tiè! Avete ricoperto di merda FWWM nel 1992, e ora vi do una terza serie che senza aver visto quel film a voi non servirà a nulla... e per di più... la terza serie sarà un film, solo diviso in 18 ore! :D Geniale. ;)

      Elimina
    6. Perdipiù, FCCM non fu apprezzato dagli stessi fan di TP e solo dopo è diventato cult :)
      Per me è qualcosa di eccelso, il miglior film di Lynch ;)

      Moz-

      Elimina
  9. Ah, dimenticavo. Audrey non vuole uscire, Dale non vuole svegliarsi. Lei uscirà quando lui si sveglierà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è probabile. ;)

      Elimina
    2. Già, probabilissimo :)

      Moz-

      Elimina
  10. Salve, qualcuno ha notato che i numeri che escono dalla "caffettiera" Philip Jeffries sono gli stessi riportati sul braccio di Ruth Devenport? Gli stessi che voleva il maggiore Briggs e gli stessi che cercava Bad Cooper. Ma se torniamo all'interrogatorio di Hastings nell'episodio 9, egli dice che tali coordinate lui e Ruth le hanno trovate in un "archivio militare" su indicazione del maggiore. Alcune domande: cosa c'entrano i militari in tutto questo? Sanno molto di più di quanto possiamo immaginare? Stanno preparando qualcosa contro gli spiriti delle logge? Ruth e Hastings come hanno fatto a violare un archivio tanto segreto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulle coordinate non ci ho fatto caso, devo verificare. Le ultime domande sono interessantissime ma bisogna attendere secondo me il finale di stagione per avere (forse) delle risposte. C'è ancora la glass box di cui dobbiamo ancora capire motivo e provenienza.

      Elimina
    2. L'esercito ne sa, e già da tempo. Già nella seconda stagione ricordo un colonnello dell'esecito venuto a Twin peaks in seguito alla scomparsa di Briggs, che disse: "a confronto delle ricerche del Maggiore Briggs la Guera Fredda era un raffreddore". L'esercito sa del casino che ha combinato con la prima bomba atomica del 45, e sta aspettando il momento ed il luogo per porvi rimedio (le coordinate).

      Elimina
    3. L'Aeronautica difatti ne sa da tempi non sospetti ed evidentemente devono riparare qualcosa che hanno provocato, questo è probabile.

      Elimina
    4. Ciao e benvenuto :)
      Avete già sviscerato abbastanza, mi limito a dire che sì, l'esercito è parte fondamentale e ricordo che appunto quando Briggs una volta voleva parlare, lo prelevarono con forza.
      Io direi di cercare il Re di Romania e Judy Garland :)

      Moz-

      Elimina
  11. Quella caffettiera ('percolator')che, in effetti, è quasi identica agli accumulatori già visti negli episodi 3 e 8, e sputa numeri e lettere in quella specie di aureola opaca, sembra resuscitata dalle animazioni di 'The alphabet' e 'The grandmother' (mai come in The Return Lynch si riallaccia alle proprie origini), e lo stesso concetto visivo e allegorico della 'stanza di sopra' riporta a quest'ultimo. Il segaligno spettro in vestaglia, che suggella anche il finale, sarà una sorta di blasfema incarnazione messianica? La nuova scena del convenience store mi pare, fino ad ora, la più riuscita dell'intera serie. Purtroppo la riapparizione di Richard ci riporta un po' troppo prosaicamente sulla terra, dopo questa spasmodica liturgia in nero...avrei di gran lunga preferito rivedere Red che, pure, in qualche modo, dovrà rifarsi vivo. Quello che ormai seriamente temo, ed è forse la sola cosa, è un impiego farsesco della forza di Freddie come espediente risolutivo. Già in questa puntata ne abbiamo visto, a mio parere, un saggio grossolano, l'unico momento debole in un contesto altrimenti ineccepibile. Ma sarà quel che sarà. Certo mi risulterà duro restare orfano, dopo il 3 settembre, di questa tensione inaudita che mi attanaglia di settimana in settimana dalla messa in onda del pilot....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo accettato ceppi parlanti, pomelli di legno che si animano, il ritorno sul pineta Terra da una presa di corrente, teste che esplodono, un pugno in pieno viso con tutto l'assetto facciale che viene spappolato, uccelli che testimoniano un omicidio... e ci fermiamo davanti un guanto intriso di forza soprannaturale? Dai, dai, non scappiamo da Twin Peaks! Quel guanto, ovviamente, non appartiene alla natura umana ed è imbibito di una forza non terrena che deve asservire uno scopo (della loggia bianca) proprio a Twin Peaks... chissà quale? Magari rompere una sbarra della prigione per salvare Naido da Bad Coop? :)

      Elimina
    2. Ciao Paolo!
      Verissimo, la scena del Convenience Store è potentissima.
      Quanto al guanto, ammetto che io sono fan anche del trash twinpeaksiano, lo stesso che ci portò la superforza di Nadine (che faceva letteralmente volare la gente) quindi ho amato anche questo aspetto.
      E' uno dei tanti a rendere TP quel che è, contribuisce a farlo ancora più surreale e fuori dagli schemi^^

      Moz-

      Elimina
    3. Ciao Denny e Moz, assolutamente non scappo, ormai non potrei farlo nemmeno se volessi!Sono uno di quelli che ha atteso tutti quanti i proverbiali 25 e più anni, passando per "Fuoco cammina con me", i diari segreti, le dichiarazioni perentorie di Lynch sulla fine totale del mondo Twin Peaks, le baggianate di una resurrezione improvvisa sistematicamente smentite, la speranza di ritrovare qualche traccia erratica nei film successivi, da "Strade perdute" a "Inland Empire",la piccola fantasticheria di riaverlo anche solo tramite animazione tipo "dumbland", lo sdoganamento dei "missing pieces", il librone.......quindi non mollo di sicuro - anche a costo di sorbirmi il guanto, va!

      Elimina
    4. Eheh, quindi sei un fan sfegatato, proprio come noi!
      Pensa che io ribaltai il mondo per farmi arrivare in videoteca INLAND EMPIRE... me lo ordinarono da Roma! XD
      Il guanto è sicuramente l'elemento trash della stagione, ma TP è anche quella soap/fumetto in nero e sotto acidi onirici che comunque trasforma il trash in qualcosa di ancora più strano^^

      Moz-

      Elimina
    5. Paolo, ti capisco! Anche io ero arrivato ad un punto in cui Twin Peaks lo vedevo ovunque e mi gasavo solo all'idea che ci fosse un gioco per pc che era completamente ispirato, come Alan Wake. Che gioco! O.o Infatti lo avrò giocato mille volte, immaginandomi che quella fosse Twin Peaks (la cittadina è identica, ma poi c'è l'assonanza con il doppelganger, la Double R identica, la stazione di polizia anch'essa identica, i boschi, la signora Ceppo e Bob) e che Alan Wake fosse Cooper, solo diventato scrittore. :p Anche quando uscì Wayward Pines lo seguii immaginandomelo come Twin Peaks, visto che quella serie doveva essere la Twin Peaks dei giorni nostri, ma poi Lynch annunciò la terza serie e tutto cambiò. :) Ora la stiamo vivendo veramente e ancora facciamo fatica a rendercene conto... mancano altre 3 ore e poi ci sveglieremo da questo sogno. Ma chi è il sognatore? :)

      Elimina
    6. Denny, è la precisissima sensazione che ho avuto e in parte ho ancora. In questi anni ho, letteralmente, sognato tante e tante volte un nuovo Twin Peaks. In questi sogni mi piaceva e mi impauriva quello che vedevo, ma ovviamente David Lynch è un sognatore più dotato di me... Chi è il Grande Sognatore? E' la domanda cruciale. Forse David Lynch, alla fine, interpreterà sé stesso, come la Bellucci, e, a Snoqualmie, incontrerà Gordon Cole...:)

      Elimina
    7. Oh, se ti raccontassi tutte le volte che ho sognato la terza stagione di Twin Peaks! :D Per me Twin Peaks è la raffigurazione cine-televisiva della mia più grande cotta! Comunque hai detto qualcosa di potentissimo... se alla fine Lynch interpretasse se stesso, lui sarebbe il sognatore per eccellenza di tutto ciò. O.o La domanda è: come la prenderemmo noi altri? :D

      Elimina
    8. Caro Moz, senza ombra di dubbio! E' stato proprio Twin Peaks a farmi nascere la passione per la regia, rendendomi chiaro che la macchina da presa poteva creare il miracolo...

      Elimina
    9. Denny, grazie infinite! Come la prenderemmo? Non lo so, si stanno già creando più che abbondanti cortocircuiti tra i livelli di realtà...e forse io stesso sto cercando di rintracciare il momento in cui QUESTO sogno è cominciato. Comunque, qualcosa già lo sappiamo, a proposito degli ultimi tre episodi...

      Elimina
    10. Dimmi cosa immagini: a me le teorie dei fan come il sottoscritto piacciono troppo! Come immagini possa finire? Cooper come troverà Laura? Che ne sarà del doppelganger? Cosa troveremo sotto quel simbolo cui Hawk asserisce "di questa cosa è meglio non sapere niente", simbolo che vediamo nella mappa di Hawk appunto e nella carta di Bad Coop?

      Elimina
    11. Non riesco veramente a fare previsioni. Di sicuro il finale sarà l'impegno artistico più estremo, trasfigurante e trascendentale del nostro regista. Ho letto qualcosa a riguardo di un modo assai concreto per ritrovare Laura. Da parte mia, immagino che il doppelganger verrà ovviamente neutralizzato, ma Cooper non sopravviverà. Quanto al simbolo, se ci fai caso, già abbiamo visto che si tratta della testa dell' "esperimento" che nell'ottava puntata partorisce Bob...

      Elimina
    12. Anche per me risulta impossibile fare la benché minima previsione... XD

      Moz-

      Elimina
    13. Beh, tutto quello che posso fare è provare a inventare un 'mio' finale, se permetti. Ultimissima scena. Si svolge nel passato, come l'episodio 8, ma questa volta un passato ancestrale degli Stati Uniti, diciamo al tempo dei padri pellegrini. In una chiesa viene celebrata una messa cattolica. Pian piano i celebranti e i fedeli spariscono, lasciando vuoto l'interno. Appaiono alle pareti dei quadri, come delle rozze pitture sacre, dove però i visi dei personaggi sono cancellati. Nel villaggio, qualcuno sta morendo (si vede qualcosa, un movimento di ombre nel riquadro di una finestra). Le campane suonano a lutto. In dissolvenza sonora incrociata, le campane diventano il dondolio del 'tema di Laura Palmer', mentre in sovrimpressione una carrellata si avvicina a un accampamento di nativi. E' notte, i fuochi rischiarano i totem. Un anello di fiamme arde intorno a una specie di alberello sacro, a un cui ramo è appesa una pelle dipinta che ricorda la mappa d Hawk. Le fiamme si spengono di colpo. Un bagliore intermittente, questa volta non di fuoco, crepita sull'accampamento. L'immagine diventa buia, si sente il nitrito di alcuni cavalli. Partono i titoli di coda, sull'immagine fissa del grammofono visto all'inizio del primo espisodio. Un cupo, bassissimo ronzio di sottofondo. Finiti i titoli, l'immagine conclusiva: il cortile del motel sopra il convenience store, come inquadrato nella coda dell'ep. 15. La figura in vestaglia è sempre lì, immobile, e si rischiara di una luce intensissima, come quella dietro il viso di Laura, prima di evaporare in un pennacchio di fumo.

      Elimina
    14. Rendici partecipi: quale sarebbe il modo che Cooper dovrebbe impiegare per ritrovare Laura? Cosa si dice in giro? Quindi per te moriranno tutti e due, anche il buon Dale... io mi auguro di no, proprio perché sembra che Lynch voglia decisamente far trionfare il bene, poi chissà, quello che stiamo per vedere è qualcosa di mai visto, quindi le sfumature faranno la differenza.

      Poi nella tua visione del finale... be', la fantasia non manca nemmeno a te. :D Bella visione. A quanto pare ognuno ha una sua visione soggettiva di Twin Peaks, e chissà se Lynch col finale darà anche noi spazio di sognare, oppure sarà esattamente come ci verrà mostrato?

      Elimina
    15. Grazie, Denny! Ecco...si dice che Laura verrà (e a questo punto il come mi sembra relativo) ritrovata sotto forma di 'reincarnazione' in una sosia che vive a Odessa (Texas) e che dovrebbe essere interpretata da Francesca Eastwood, di fatto uno dei nomi del cast 'yet to appear'. Esisteva, e forse esiste ancora, un filmato preso probabilmente di straforo dal set, in cui MacLachlan accompagna a casa Palmer un'attrice bionda che sarebbe proprio costei. Posso ipotizzare che si tratterà di una scena mistica. Quanto alla (presupposta!) morte del buon Dale, è assodato che in Lynch è piuttosto difficile morire davvero. Sono sicuro, d'altro canto, che nessuna delle due 'logge' o la stanza rossa o gli altri spazi dell' altrove visti nella nuova serie rappresentino in qualche modo l'aldilà. Penso che per Lynch la morte costituisca in effetti un 'cambiamento', come dice Margaret, ma che rimanga un mistero assoluto. Il bene ad ogni modo trionferà, anche di questo sono certo. E nel finale...immagino che si fonderanno dimensione letterale e dimensione allegorica, immanenza e trascendenza, in un modo che ci rimarrà nell'anima per sempre.

      Elimina
    16. Esatto! Quella scena rubata dal set la conosco e abbiamo l'Agente Cooper (proprio lui!) che accompagna Laura Palmer fuori casa dei Palmer e ti posso assicurare che l'attrice sia proprio Sheryl Lee e non la Eastwood. Ora come arriveremo a quella scena non lo so, perché Lynch nel 1991 quando parlava di una terza stagione, pensò di reintrodurre l'attrice (Lee) nei panni di una ragazza che viene dal futuro. E' curioso che in quella scena ci sia l'Agente Cooper con spilla dell'FBI sulla giacca, come se fosse stato reintegrato - a meno che non sia un sogno - e, ripeto, non riesco ad immaginarmela, ma è la stessa scena che vediamo nel trailer in cui McLachlan nei panni dell'Agente Cooper prima di profilo, si volta e guarda oltre la camera.

      Inoltre su questo blog ho avuto il piacere di poter scrivere un mio breve articolo in merito a questa stagione, e su ciò che penso (ingenuamente) la strada che possa intraprendere. Ti lascio il link e se vuoi dimmi cosa ne pensi. :)
      http://mikimoz.blogspot.it/2017/08/twin-peaks-jumanji.html

      Elimina
    17. Ottimo, i pezzi iniziano forse a combaciare (aggiungo che il simbolo di Odessa texana è il coniglio detto Jackrabbit, di cui si trova in città una statua gigante...)! Lo leggo molto volentieri, grazie!

      Elimina
    18. Paolo, il finale che hai scritto a me piacerebbe vederlo come film spin-off di Twin Peaks, un bel lungometraggio sulla storia degli indiani, la caverna, l'anello e via dicendo^^

      Moz-

      Elimina
    19. Credo che per questo debbano bastarci i romanzi di Frost. -.-

      Elimina
    20. A me sta strabene se finisce qui (col Dossier Finale) e basta, in modo conclusivo.

      Moz-

      Elimina
    21. Moz, mi congratulo per il tuo saggio, che non solo propone un'idea plausibile, ma anche delizia per la sicurezza di linguaggio e struttura espositiva. Ho l'intuizione che tu possa essere andato vicino al vero. Quanto alla parola fine, sono anche io dell'avviso che quello che avremo avuto sarà più che sufficiente. Tutto è possibile, però se ci dessero una continuazione, quasi inevitabilmente risulterebbe sfibrata.

      Elimina
    22. Paolo, ciao!
      Non ho capito a cosa ti riferisci precisamente...
      Come te, penso che il finale debba essere conclusivo.
      Inutile andare avanti con queste trame (ma accetterei degli spin-off o degli special sul passato).

      Moz-

      Elimina
    23. Ciao Moz, scusami, ho sbagliato persona, questa risposta la dovevo dare a Denny, ma già che ci siamo, approfitto per confermare. Mancano solo due giorni a domenica, e puntualmente il senso di vuoto allo stomaco al pensiero che la prossima puntata è alle porte si sta rifacendo vivo...

      Elimina
    24. Sono d'accordo con te Paolo: di solito mi impegno tutta la settimana nel parlare di Twin Peaks, perché quei 7 giorni da un episodio all'altro devono passare, altrimenti avverto la mancanza fisica di quel mondo e di quel continuo scoprire un mistero e conoscerne un altro. E' una dipendenza unica, senza eguali nel panorama televisivo mondiale a cui apparteniamo quasi contro la nostra volontà, ed è bellissimo.

      Elimina
    25. Salve, Denny. Io vado avanti a credere che Judy sia Laura (benché Laura non sia mai stata a Buenos Aires). Nell'ultimo episodio, l'intensità con cui viene inquadrato Bad Coop mentre Jeffries gli fa presente "You've already met Judy",il senso cruciale di emergenza suscitato dai ritmi del montaggio visivo e sonoro, definiscono un ammonimento rivolto, quasi più ancora che al personaggio stesso, direttamente allo spettatore.

      Elimina
    26. Scorri in basso per leggere il mio ultimo commento in merito a Judy. Credo di aver scoperto chi sia. ;)

      Elimina
    27. E' attendibile. Hai qualche idea su Buenos Aires?

      Elimina
    28. No, nessuna idea... non sappiamo perché Jeffries fosse lì nel 1989 così come non sappiamo quel dispositivo a doppio led rosso cosa ci facesse a Buenos Aires in questa serie. Jeffries, in tutto questo, sembrerebbe uno che sta tirando le fila di tutto perché sempre torniamo a lui. Che sia lui il sognatore? ;)

      Elimina
    29. Come ho avuto modo di dire ieri privatamente a Denny, non è sbagliato credere che Judy sia Laura, nella stessa misura -secondo me- in cui Judy sia anche Teresa.
      Mi spiego meglio: il caso Rosa Azzurra portò Jeffries a indagare su Judy, Jeffries scompare.
      Il caso Rosa Azzurra porta Desmond a indagare su Teresa; Chester scompare.
      Il caso Rosa Azzurra porta Cooper a indagare su Laura, e gli succede il finimondo :)

      Moz-

      Elimina
    30. Che questi casi Rosa Azzurra portano queste scomparse è purtroppo evidente e anche Gordon ne fa riferimento... ma non vedo come Judy possa essere Laura o Teresa. Non lo so... ma non riesco proprio a vederci loro. O Judy è uno spirito sacrificale verso Bob che si incarna nelle sue vittime, oppure semplicemente è Naido, custode delle porte di quel mondo viola che fa da anticamera alla Loggia Bianca.

      Elimina
    31. Ma allora perché chiamarla Naido?
      Certo, è pur vero che MAI è stata chiamata per nome, e comunque lei manco parla, però boh! XD

      Moz-

      Elimina
    32. Be' vabbè, come il Gigante che si chiamava "?????????" e l'ubriaco in cella semplicemente chiamato "drunk" anche se sappiamo oramai essere Billy, e così Naido è chiamata così... ecco: boh! Vedremo. :)

      Elimina
    33. Dai che oggi siamo a -3, e domani a -2 :)

      Moz-

      Elimina
  12. Mi ronza in testa una cosa. Per ben due volte in questa serie hanno fatto vedere la scena del 1989 in cui jeffries dice a Cole "chi credi sia lui? " parlando di Cooper. Ora sembra chiaro a tutti che lui lo dica in chiave futuristica su quello che sarà Cooper un giorno, ma siccome il tempo sembra essere relativo in questo filone quello potrebbe essere già bad cooper ? La risposta sarebbe no ma vedere il potentissimo Bad Cooper/Bob pendere dalle labbra di un umano( o ex) agente dell'F.B.I e scrivere coordinate che lui detta su un foglio di carta mi suona stranissimo, nel convenience store dove lui(Bob) era padrone indiscusso. Ci potrebbe essere una sola risposta. Con la stessa potenza con cui loro sono entrati nel mondo degli umani, jeffries è riuscito ad entrare nel loro mondo, con la stessa arma: jeffries sembrava nutrirsi della paura di bad cooper che continua a portare dove vuole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! Miki ha pensato che il doppio cattivo sia la stessa persona, solo nel lato più oscuro, quindi non dovremmo pensare che quello fosse già il doppelganger, perché sappiamo che non lo era. Ma se il doppio sa tutto di Cooper, Cooper saprà tutto del doppio? Come reagirà il buon Dale quando realizzerà cosa ha fatto il suo doppelganger in 25 anni?

      Come Bad Coop è stato messo con le spalle al muro da Jeffries, ci fa pensare come il nostro Philip ha davvero sovvertito le leggi di quel mondo, facendolo girare come vuole lui. Dopotutto Bob deve rientrare e quindi ha tutto il regno metafisico a suo favore. Ci aspettano 3 episodi che ci rimarranno impressi nella memoria per sempre, senza escludere tutti gli altri, perché viviamo un'esperienza unica ogniqualvolta c'è 60 minuti del nuovo Twin Peaks su Sky. :D

      Elimina
    2. Umh, bella questione.
      E' chiaro che Jeffries (con Briggs) è il motore centrale di questa nuova serie.
      E comunque lode a Lynch e Frost che hanno raccontato una intera storia con due attori morti, rendendoli protagonisti. Solo loro potevano fare questo.

      Moz-

      Elimina
  13. Lynch e Frost sono qualcosa che se messi a lavorare insieme creano questo e gli altri Twin Peaks... sono una reazione chimica umana e ci hanno regalato tutto questo! Abbiamo altre 3 ore di questo capolavoro/esperienza, quindi li osanneremo per bene a fine opera, dopo che ci renderemo conto di dove saremo arrivati. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una nuova teoria dice che non mancano solo tre ore, ma magari ci saranno ore bonus. Chissà :)

      Moz-

      Elimina
    2. Aspetta, aspetta... in che senso? O.o

      Elimina
    3. Dalle frasi di alcune canzoni si evince che Lynch non vuole fermarsi...^^

      Moz-

      Elimina
    4. Credo che a proposito, avremo una risposta a fine serie quando tutti chiederanno a Lynch: la storia proseguirà?

      Elimina
    5. Io spero inequivocabilmente di no: BOMBA ATOMICA e ciao.

      Moz-

      Elimina
    6. Anche io voglio una fine e punto.

      Elimina
    7. Anche io sono per chiudere tutto con la 18^ puntata...

      Elimina
    8. ...e il romanzo The Final Dossier :)

      Moz-

      Elimina
  14. Ragazzi vi faccio ridere un pò dai, in attesa della 16esima...Doctor De Jacoby
    https://www.youtube.com/watch?v=PYTJZ2cOxe4&index=2&list=PLvjwWsbA1EYYs5FZzpyXJpe11BR2nlZNJ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, veroooo! Un mix tra Grillo (specie per ciò che dice) e DeGreg!^^

      Moz-

      Elimina
  15. Io vado avanti con le mie illazioni: comincio seriamente a pensare che Naido sia Judy, perché rivedendo FWWM notiamo che dietro alla maschera del jumping man, ad un certo punto, intravediamo una scimmia che pronuncia proprio il nome di Judy. Ebbene, Naido emette versi da primate, per cui... cosa rappresenti Naido/Judy non lo so, se è considerabile la guardiana delle porte della Loggia Bianca, ma se sappiamo che anche il Maggiore Briggs (che ha visto la loggia bianca) l'ha incontrata... possiamo davvero dedurre che sia Naido.

    Questione Jeffries: Philip secondo me sta facendo un gioco per confondere Bad Coop, oppure lo stesso Philip fa fatica a riconoscere i due Cooper. A Philadelphia scambia l'Agente Cooper per il doppelganger e ora quasi non riconosce il doppio di Cooper, chiedendogli: "quindi tu sei Cooper?" Noi sappiamo che Jeffries nel mondo reale e prima della sua scomparsa non ha lavorato con l'Agente Cooper, proprio perché Dale ne ha sentito parlare solo in accademia, quindi l'esperienza che Philip ha nei confronti del Cooper è nella mescolanza temporale e spaziale tra questo mondo e la Loggia Nera, quindi il doppelganger. Philip, paradossalmente, si è potuto addirittura sbagliare, perché dice a Bad Coop che ha già incontrato Judy, e se poniamo che Judy sia Naido, ad incontrarlo è stato il buon Dale e non il suo doppio. E se Philip ingenuamente ha consegnato le coordinate di Judy/Naido, indirizzando Bad Coop a Twin Peaks (perché quelle sono le coordinate di Twin Peaks)? Ma c'è un altro particolare... Bad Coop per incontrare Philip entra nella stanza del motel numero 8 dove si ritroverà ostacolato e confuso da Philip, ma è anche vero che nella cella n°8 a Twin Peaks c'è Freddie, che sicuramente potrà ostacolarlo in altro modo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Due interessantissime teorie Denny...su Naido/Judy/Scimmia d'accordissimo...

      Elimina
    2. Ho voluto usare la logica a questo punto... che senso ha che una donna orientale appartenente ad un'altra dimensione e con gli occhi cuciti emetta versi scimmieschi? Nessuno... a meno che il nome di una certa Judy sia stato proferito da una scimmia in un cortocircuito dimensionale, e allora sì che qualcosa torna. ;)

      Elimina
    3. Il maghetto Pierre ha la maschera (e fionda) e salta, come Jumping Man.
      Dietro il suo volto, la scimmietta blu che dice "Judy".
      Laura e Sarah tolgono il volto come fosse una maschera :)

      Moz-

      Elimina
    4. Esatto, quindi potrebbero essere entità che sono state presenti a Twin Peaks (Laura) e che lo sono ancora (Sarah) per compiere qualcosa, ma cosa?

      Elimina
    5. Magari Leland era buono, BOB era buono e DOVEVA fermare queste bottane come Teresa, Laura, Sara... XD

      Moz-

      Elimina
    6. Vagamente irreale. :p

      Elimina
    7. E soprattutto antifemminista, un'accusa che hanno già mosso al nostro povero Davidino... :D

      Moz-

      Elimina
  16. Ciao a tutti mi presento sono Roberto, vi leggo più o meno dalla decima parte di Twin peaks e vi stimo davvero molto. Leggere i vostri commenti è un po'come continuare ad assaporare questo mondo unico nel suo genere. Ho anche io una teoria basata sicuramente su un già sentito ma, con lo stile di Lynch e Frost mi aspetto una chicca. Dato che Sheryl Lee dovrebbe tornare nei panni di Boh!, potrebbe abbagliare con il suo volto sia Jeffries che Bad Cooper e rispedirli in un luogo lontano: Jeffries a Buenos Aires mezzo arrostito? Bad Cooper muore e lo spirito di Bob a girovagare nella Loggia Nera ma indebolito? Oppure l'anello può ancora dire la sua? Oppure è tutto un sogno di Cooper dove al suo risveglio deve dire a Harry e Lucy che sa chi ha ucciso Laura Palmer, come se tutto fosse un ciclo? E Naido? Da Lynch aspettiamoci di tutto, anche oltre...questo sta fuori...hahahhaa un saluto a tutti e spero di dibattere un po' con voi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Roberto! Parlo anche a nome di Miki quando dico che qui chiunque è accolto come un amico quando si parla di Twin Peaks. Noi non siamo qui per "azzeccarci" con Lynch, ma per ammazzare il tempo tra un episodio e l'altro e misurare il nostro grado di pazzia tra di noi e la suprema follia di Lynch e Frost, quest'ultimo non omettiamolo. ;)

      Io ti dico la mia: non credo che Laura Palmer abbagli qualcuno, quantomeno non per mutare la sua spiritualità in un certo senso, ma di certo apporterà dei cambiamenti a Twin Peaks ed anche profondi... Bad Coop è oscuro, ok, ma Jeffries è nebuloso ed indefinibile. La scena a cui ti riferisci (rubata sul set da un video su instagram) vede l'Agente Cooper (non Dougie!) accompagnare Laura Palmer praticamente a casa sua, con le urla di Sarah che si odono da dentro casa. Lynch nel 1991 quando sognava una terze serie che poi non si fece, disse che avrebbe riportato Sheryl Lee sul set per farle interpretare una ragazza che viene dal futuro. Adesso credo che le intenzioni potrebbero esser mutate, ma sappiamo che rivedremo la Lee fuori dalla Loggia Nera, dopotutto Laura è stata risucchiata da quel posto e proiettata chissà dove, e guarda caso sta proprio a Cooper (su richiesta di Leland) trovare Laura. Ora se Laura tornasse viva a Twin Peaks, cosa accadrebbe? Le realtà collasserebbero su di esse e lo spazio e il tempo subirebbe un sisma infinito, perché gli eventi vengono stravolti e a quel punto Laura Palmer non è mai morta. Ma è possibile che possiamo vedere un simulacro di Laura, come Dougie è stato per Cooper, e questo Cooper oramai tornato in sé potrebbe trovarla e accompagnarla a casa, come qualcuno avrebbe dovuto fare con Dougie. Ma non voglio spingermi oltre, perché ciò che accadrà non segue una logica umana, ma solamente lynchiana, e Lynch e la logica sono due entità antitetiche.

      "Siamo come il sognatore che sogna e vive dentro il suo sogno, ma chi è il sognatore?" Io credo che questa frase sia la chiave, e ricordiamo che Laura, nella Loggia Nera, sussurra a Cooper la chiave di tutto (come fu nel 1989) e nello stesso identico modo. Ora la domanda è: cosa ha sussurrato Laura nell'orecchio di Cooper? Cosa gli avrà rivelato? E magari per ricordarlo, ora che si è svegliato dovrà andare alla Roadhouse ed ascoltare una canzone di Julee Cruise? :)

      Elimina
    2. Roberto, ciao e benvenuto sul Moz O'Clock.
      Non è da escludere la ciclicità degli eventi: prende piede l'ipotesi di un Cooper in coma, un Cooper che vedremo tornare il 24 febbraio 1989 a TP, e via dicendo.
      Non mi stupirebbe vedere davvero scene molto vecchie, sono sincero.
      Così come si vide -ovviamente per altri motivi- la scoperta del corpo di Laura (scena del pilot) a fine film FWWM :)
      Resta pure quanto e come vuoi, a dibattere qui! :)

      Moz-

      Elimina
    3. Di sicuro ci stiamo avviando verso un finale di ardua immaginazione, e forse tra le 1000 ipotesi partorite una gli si avvicina. :)

      Il Cooper in coma... ma in coma perché e da quando? Poniamo che Cooper abbia sognato tutto questo nella stanza del Great Northern 25 anni fa, ma come è arrivato al coma? Quindi Laura è morta? Per forza, altrimenti cosa ci fa Coop a Twin Peaks? Bob esiste? E tutta la genesi raccontataci nell'ep.8? Non può essere tutto depennabile da un sogno. Sì, potremmo vedere scene del girato del 1990 magari che non abbiamo mai visto, ma riagganciate a cosa? Cioè... non può finire come Doraemon che è tutto un sogno di Nobita. :p Ripeto: nulla è da escludere a prescindere ma io mi sforzo di ragionare con un'idea sì pazza ma che comunque non cancelli tutto quello che è stato.

      Elimina
    4. Ahaha, quel finale di Doraemon è una leggena urbana XD
      Cooomunque, ovviamente io penso che, se dovesse essere un sogno di Cooper (parliamo di dream e dreamer, dopotutto), non è che TUTTO sia un sogno, ma solo alcune cose^^

      Moz-

      Elimina
    5. Solo alcune cose... ma cosa? Se Cooper stava sognando Dougie, la prossima puntata vedremo ufficialmente il risveglio. Anche se mi sembra fin troppo strano... qualcuno sogna, sì, ma non come nei sogni normali. E' qualcosa di più profondo e metafisico e non credo di una semplice persona che dorme nel suo letto.

      Elimina
    6. Esatto: non è un sogno normale. Coinvolge più elementi^^

      Moz-

      Elimina
    7. Beh ora che mi ci fai pensare, la genesi del male e la risposta del bene (la creazione di Laura Palmer come sacrificio da compiere) mi fanno credere che non può tutto avere origine da un sogno...ma quel "Ma intanto..." di Laura a Cooper a inizio episodio uno cosa significherebbe? Realtà alternativa? Un po'troppo banale per Lynch no....

      Elimina
    8. Anche io penso che sia una cosa complessa, mai vista e molto, molto profonda ed introspettiva. Credo che sarà qualcosa di difficilmente paragonabile ad altro.

      Elimina
    9. Ma intanto... può significare davvero di tutto: quel che ho capito con TP è che davvero ogni ipotesi plausibile è... plausibile, anche quelle poco plausibili XD

      Moz-

      Elimina
  17. Ciao Moz, è un onore per me qui discutere con voi questo universo straordinario. Grazie per il benvenuto. Io come alcuni di voi concordo con la storia del finale positivo e probabilmente con qualcosa che rimarrà sospeso (ma forse anche no). Sono davvero curioso anche di vedere cosa c'è scritto sulla quarta ed ultima pagina del diario e quanto essa possa incidere sul finale. Io credo sia un elemento fondamentale. La scena rubata di Cooper che accompagna Laura a casa sua mi fa ben sperare in un finale più positivo di Velluto Blu, anche perché Lynch e Frost non penso abbiano voglia di lasciare la gente di nuovo con la faccia di legno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, Rob: la tua ultima frase racchiude il mio pensiero.
      Credo (ma soprattutto spero) in un finale risolutivo. Che potrà essere anche enigmatico, criptico, ermetico, da comprendere e ricostruire.
      Ma risolutivo senza alcun cenno di cliffhanging, perché sarebbe atroce lasciare tutto in sospeso. :)

      Moz-

      Elimina
    2. Se McLachlan ci ha detto che alla fine sarà tutto chiaro, allora non dobbiamo temere cliffhanger di alcun genere. Qualche mistero potrà rimanere ad aleggiare nell'etere per sempre, ma la nostra trama troverà conclusione, e spero a questo punto che sia una conclusione sulla quale non c'è più bisogno di metterci mano.

      Elimina
    3. Esatto, anche io vorrei che fosse così: una conclusione senza ombra di dubbio, che non faccia sperare in altre reunion tra tot anni per capire ciò che magari non verrà spiegato.

      Moz-

      Elimina
    4. Anche perché tra 25 anni ci saranno le mummie degli attori di 25 anni fa. :p

      Elimina
    5. Sì, ma infatti, basta così con i revival di TP, hanno fatto IL NUMERONE, è riuscito, e stabbene XD

      Moz-

      Elimina
  18. Non ce l'ho fatta a seguire tutti i commenti precedenti, anche se da quello che ho letto avete sollevato questioni interessanti.
    Dico solo che secondo me Jeffries nel film proviene dal futuro e conosce già tutto quello che noi stiamo vedendo in queste settimane. Mi riservo di sospettare se il Cooper che si vede nel film sia il buono o il cattivo...

    L'episodio mi è piaciuto molto, anche se un pochino meno del precedente.
    Sono contento per Ed! :) Tutto il catafalco montato da Lynch e Frost attorno a Jacoby pare sia stato funzionale a qualcosa!
    Inquietante la scena al Convenience Store, ma sinceramente non mi ha esaltato come altre; Jeffries più che essere diventato una caffettiera direi che si trova da qualche parte e può usare la caffettiera per comunicare.
    Spero che Steven si sia tolto dalle balle, punto.
    James torna in cella, il suo sembra un destino... Probabilmente è funzionale a farci finire dentro anche Freddie e il suo guanto, fatto sta che la scena alla Roadhouse l'ho trovata forzata: perché James avrebbe dovuto salutare Renee proprio mentre era col marito?
    Dougie/Cooper era da un po' che guardava prese di corrente... Finalmente ci ha interagito, sentendo il nome Gordon Cole: mi aspettavo di vederlo sparire e riapparire nella sua stanza del Great Northern oppure nel magazzino dove lavorano James e Freddie... Di certo la scossa ha provocato qualcosa in lui.
    Non so come interpretare la scena finale, la ragazza umiliata che gattona per un po' e poi urla...

    Credo sia la prima volta che un attore/attrice si congeda dal pubblico come fatto da Catherine Coulson, la "nostra" Margaret: qua non c'è il genio di Lynch, c'è la sua capacità di portarci dentro la sua pellicola, di dare una chiave di lettura puramente emotiva alla scena. E ci siamo anche noi, convocati nella sala riunioni della stazione di polizia, quando Hawk ci da la notizia. Per me la scena più bella, semplice e perfettamente realizzata dell'episodio, e tra le migliori di questa lunga saga! Anche questo è Twin Peaks!
    Chissà che Margaret, ora, abbracciata al suo "ceppo d'oro", possa equilibrare le energie che stanno agendo nella cittadina...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scena di Margaret è al di là del cinema, della tv, della realtà, del metacinema.
      Lei recita il suo ultimo addio, ma non recita: è vero, ma non è la realtà.
      Qualcosa di unico, che solo un'attrice così grandiosa poteva fare per noi e per quest'opera (intesa complessivamente, dal 1990 a oggi) che ora più che mai trovo impossibile da inquadrare tanto è grande.
      Ormai accetto tutto: anche scene forzate, anche scene trash, anche incongruenze (e ce ne sono!), perché tutto ha un senso al di là del senso.
      Al di là della banale storia.

      Moz-

      Elimina
    2. Provo a dire il mio punto di vista: tra Ed e Norma onestamente pensavo che comunque non sarebbe mai decollata, a maggior ragione ora. Sono entrambi anziani e la loro storia era bella perché era proibita e clandestina, lontana da quel mondo per viverla in un'altra dimensione dell'amore nascosto. C'è una scena nei missing pieces dove è notte e Norma ed Ed sono nei boschi, nel furgone di lui ad amoreggiare con una meravigliosa song di Badalamenti alla radio. Lì c'era tutto quello che doveva esserci... io, in un certo senso, li sogno ancora così. Diciamo che questo lieto fine non me lo aspettavo e forse non lo avrei voluto... certi amori sono belli perché sono tormentati. :)

      Jeffries sicuramente si è spostato nel tempo, vivendo in una dimensione dove il tempo è come lo spazio, perfettamente percorribile in avanti e indietro... quindi ci sta che già nel 1989 avesse visto tutto.

      La scena del Convenience Store per me è una degli apici artistici di questa serie... Lynch, lentamente, ci porta ad attraversare questa dimensione... una dimensione che passa attraverso i boschi (quei luoghi e i boschi di Twin Peaks si sovrappongono) e ci porta da qualche parte, un luogo che Laura Palmer ha già visitato 25 anni fa. Quel luogo esiste, lo ha visto anche Gordon (nel vortice) ed è stato visitato anche dal Maggiore Briggs, da Hastings e Ruth... è importantissimo e questa scena ci rimarrà impressa per sempre. Davvero potente.

      La scena del guanto alla Roadhouse, occorsa per attivare quel potere di Freddie in risposta delle affermazioni ingenue di James, ci fa capire ciò che Shelly dice nel secondo episodio della serie: James ha avuto un incidente e sembrerebbe non essersi mai ripreso del tutto (da qui quei modi infantili di fare), e a questo punto sembra plausibile.

      Dougie/Cooper a questo punto possiamo considerarlo completamente sveglio o comunque in procinto di riacquistare totalmente la sua lucidità. La presa di corrente per lui è un portale, una sorta di vettore... c'era qualcosa che lo attraeva e quella coscienza sopita non era ancora del tutto capace di captarlo, almeno fino al momento in cui non ha udito il nome di Gordon Cole... ora lo vediamo leggermente ridestato ma alla fine c'è da specificare una cosa: Cooper nella stanza viola con Naido non era completamente lucido... la sua coscienza era già compromessa (nonostante portasse ancora la spilla dell'FBI) e tutto viene cancellato non appena viene risucchiato e sputato fuori dalla presa, non per questo le scarpe rimangono in quella dimensione. Nei tanti simboli onirici che si possono attribuire alle scarpe c'è anche quello di appartenenza ad un terreno, ad una realtà, e tramite le scarpe noi possiamo muoverci, camminare, lasciare delle impronte sul mondo e quindi avere una nostra identità, cosa che Cooper non ha più. Io credo che ora il suo stato di coscienza sia simile a quello che aveva nella stanza viola, e la scossa o qualcos'altro lo sta per ridestare del tutto. Aspettiamoci presto una sua visita alla Loggia Bianca al cospetto del Fuochista. ;)

      Elimina
    3. Quindi tu avresti preferito continuare a vedere Ed solo e triste come nel finale di quell'altro episodio?

      Elimina
    4. Quello che preferisco io o il mondo intero non intacca nulla su ciò che Lynch ha già pensato... diciamo che non me lo immaginavo. In una cittadina dove esiste il male in quella forma, dove un padre posseduto da uno spirito di una dimensione parallela e partorita da un'entità astratta e cosmica stupra per per anni una figlia, uccide una ragazza e successivamente sua figlia, dove c'è corruzione, droga, prostituzione, omicidi perpetrati, minacce, rapimenti, disperazione, falsità, e dove ora il male rinverdisce con fattezze ancora più inquietanti, ataviche, più subdole e sottili... no, non immaginavo che l'amore in questo senso sarebbe potuto trionfare. Evidentemente Lynch vuole portare la trama al lieto fine? Vedremo. :D

      Elimina
    5. Spero la porti al lieto fine per chi merita il lieto fine :)
      Nadine anche lo merita, perché lei incarna l'occhio di dio, gli illuminati. One Eyed Jack's-Nadine.
      Non è un caso che voglia delle tende silenziose.

      Moz-

      Elimina
  19. Avete detto tutto voi. Avete analizzato ogni particolare sui vari personaggi e sui possibili finali. Credo che alcune risposte le avremo con questo finale altre con il finale del dossier. L'unica cosa che sembra accomunare tutti è questa consapevolezza che sembrano non avere. Dale non si risveglia, Andrey sembra confusa, Hawk sembra non conoscere cose che dovrebbe sapere, james sembra fare cose senza senso, Bad Cooper chiede cose che Bob dovrebbe conoscere benissimo, Jeffries che nel 1989 aveva la certezza chi fosse quel Coooer e oggi no, Diane non sa bene quale Cooper stia aiutando, Gordon e Albert che già nel 1975 conoscevano cosa fosse una tulpa, si sono dovuti fatti dire dallo sceriffo Truman che si parla di "due cooper". Sembra che cose che si dovrebbero conoscere benissimo devono forse ancora accadere. Sembra che siamo "Nell'oscurità di un futuro passato..." che fa coppia con “Siamo come il sognatore che sogna e vive dentro al sogno: ma chi è il sognatore? "...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti c'è questa confusione generalizzata che sembra appartenere più a un multiverso di possibilità che a una storia lineare.
      Annie nel libro non c'è e qui viene citata, per dirne una.
      Sono pronto a scommettere che in giro ci sono più manufatti di quel che sappiamo, come fossero golem ebraici.
      Ho letto in giro un pensiero su Ed: secondo certi, quel che si è visto con Norma non è la realtà ma una sorta di sogno idilliaco di Ed.
      Mi colpisce poi Audrey: tre puntate che vuole uscire ma NON vuole uscire, tergiversando su nomi e situazioni assurde.
      Anche lei "bloccata" nel ghostwood?

      Moz-

      Elimina
    2. La confusione di un multiuniverso come idea ci sta, perché questa confusione è iniziata a Twin Peaks da quando è stata aperta la loggia nel 1989, quando Norma anziché preoccuparsi per la sorella scomparsa, era a casa di Ed a fare la liceale. Un antisincronia andata avanti anche in FWWM che ora si manifesta in modo spietato. Ha ragione Santi quando dice che Gordon ed Albert avrebbero dovuto dubitare subito su un altro Cooper quando hanno incontrato il suo doppio nel carcere! Come non è potuto loro venir in mente questa domanda: "questo non è il vero Cooper, quindi dov'è quello giusto?" Invece per loro è come se fosse scontato che ci fosse quello e basta.

      Ed e Norma... è possibile ciò che dici, perché Ed tiene gli occhi chiusi quando appare Norma dietro di lui e lo bacia... così? Davanti a tutti e poco dopo che lo allontana perché sta arrivando Walter? Ecco perché a me questo lieto fine da soap e così idilliaco non convince.

      Anche Audrey bloccata da qualche parte... ma dove? Perché? A Twin Peaks qualcosa non va dacché fu aperta la Loggia Nera e non riusciamo a capire cosa stia succedendo veramente.

      Elimina
    3. Secondo me a Twin Peaks qualcosa non va sin dalla fondazione, che poi di certo sappiamo non essere mai avvenuta perché Twin Peaks non esiste (si tratta delle due cittadine Snoqualmie e North Bend).
      Secondo me tutta l'opera è da leggersi in questo senso: un multiverso tra realtà storica, finzione narrativa, metacinetelevisività, e chissà quale altro livello.
      Ricordate Invito all'Amore? ora Twin Peaks è l'Invito all'Amore di se stesso (nella fiction) e per noi (nella realtà).
      Abbiamo avuto la prova con la chiave del Great Northern, il cui slogan citava la frase di Cooper.
      Non mi stupirebbe se si vedesse qualcuno leggere il libro di Frost o ascoltare il cd della colonna sonora.

      Moz-

      Elimina
    4. Sì, io ho capito cosa vuoi dire... ma per concludere la trama come? Di colpo Lynch non ci può tirar fuori in un modo "traditore"... tipo: stavo sognando - stava sognando Cooper - stava sognando Laura - secondo me è altro, ma non riesco a trovare le parole. Anche la stessa Tammy che ha una foto del buon Dale che non è altro che un fotogramma di una scena reale della serie, e non una foto scattata di proposito a mo' di documento. Come può chiudersi tutto ciò?

      Elimina
    5. Esatto: la foto di Tammy è uno screen della serie.
      Ecco cosa intendo.
      TP è tutto, un multimondo che comprende vari media e che si estende su vari livelli. La trama è forse la cosa più banale del progetto.

      Moz-

      Elimina
    6. Credo che al mattino di lunedì 4 settembre faremo fatica a prendere sonno dopo il finale di stagione. Non siamo preparati per quello che stiamo per vedere. ;)

      Elimina
    7. Spero sia un finale di serie, non di stagione^^

      Moz-

      Elimina
    8. Di serie, certo!

      Elimina
  20. Poi Briggs. Un corpo di una persona di 50 anni (dovrebbe averne più di 70) ma soprattutto quel bigliettino scritto e conservato nella poltrona 25 anni prima. Se già allora sapeva tutto e la Rosa blu esisteva da più di dieci anni perché non parlarne con l'F.B.I allora? In quel bigliettino c'erano due Cooper (e un terzo forse Cooper/Cooper/Co). Se c'era già questa stretta collaborazione fra F.B.I e esercito perché scrivere un bigliettino saltato fuori 25 anni dopo e non dirlo subito? Ecco dove si inseriscono sogno e sognatore, futuro e passato. C'erano più certezze allora che oggi. Forse Giove e Saturno si devono ancora allineare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non c'era collaborazione, specie considerati i malati di mente -pericolosi- che giravano all'epoca (vedi Windom Earle).
      L'esercito, quando Briggs tentò di spiegare qualcosa a Cooper, mandò due tizi a prelevare il maggiore stesso, per zittirlo... :o

      Moz-

      Elimina
    2. E' il tempo... secondo me è tutto in funzione di questo tempo che scorre come cavolo gli pare. Briggs 25 anni fa era più avanti di noi oggi, ed è vero, perché ne sapeva a iosa su questa questione della rosa azzurra e forse aveva scoperto i mondi, le "zone", le logge, i boschi... tutto. Cosa cercavano di fare però nello specifico? Briggs dice che cercava la Loggia Bianca... ma perché? Aveva bisogno forse del Fuochista? Di qualche potere positivo, di annientare la Loggia Nera e tutto il male da essa scaturita?

      Elimina
    3. Beh, lui disse anche che tutta l'America era in pericolo.
      E' chiaro che TP è la storia d'America.

      Moz-

      Elimina
    4. Certo... ma solo d'America?

      Elimina
    5. Margaret dice che la storia di TP è la storia di tutti, ma di fatto si è parlato sempre e solo degli USA.
      Ma non sono gli USA, di fatto, l'ombelico del mondo moderno? La sede di ogni nuova religione? Il centro di tutto? ;)

      Moz-

      Elimina
    6. Potrebbe starci. Dobbiamo vedere come tutto ci verrò spiegato... se il male del mondo è BOB, bisogna ucciderlo!

      Elimina
    7. BOB per me è bravo^^

      Moz-

      Elimina
  21. E se il sognatore fosse la liceale Laura Palmer?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto è plausibile. :)

      Elimina
    2. Mmm cioè? Allarga la tua teoria...

      Elimina
    3. Cioè una ragazza che stanca degli abusi si rifugia in un mondo di fantasia, dove diventa un'eroina (e sulle droghe ci siamo XD) destinata a grandi cose?

      Moz-

      Elimina
    4. Mmmm... e l'Agente Cooper a Twin Peaks di fronte casa sua con lei cosa c'entra? Dovremmo aprire un totoscommessa sul finale di Twin Peaks. :D

      Elimina
    5. Oh, io mio gioco tutto con la bomba e nessun sopravvissuto (tutti tulpa e/o doppi)

      Moz-

      Elimina
    6. La tua idea è chiara! E potrebbe davvero andar così... nonostante il confronto ciò che accade a Twin Peaks e a cui è a conoscenza l'esercito in confronto una Guerra Fredda è un raffreddore, e la Guerra Fredda è stata la minaccia nucleare più lunga dell'era contemporanea... se è peggio, è ora di usarla la testa atomica nel punto giusto. :)

      Elimina
    7. Ahaha, intendi la Corea? :p

      Moz-

      Elimina
    8. La Corea del Nord ha missili di cartapesta. :D

      Elimina
  22. Annie e Windom Earle, hai detto bene Miki. Erano due assoluti protagonisti del finale della seconda stagione. Dale entra nella loggia da vivo( come c'erano entrati Annie e Windom) per cercare loro. Se quello che è successo allora fosse reale, Annie era vera e morì in qull'ospedale dove quell'infermiera le sfilò l'anello verde. Se quello fosse reale, per la seconda volta Dale non ha saputo difendere la donna che amava, dopo Caroline anche Annie uccise in qualche modo dallo stesso uomo che ha "la mente fredda come un diamante" Windom Earle. Se quello fosse già successo e fosse reale, Dale, appena "sveglio" dovrebbe chiedere per prima cosa "Dov'è Annie ?".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deve risvegliarsi l'Agente Cooper in persona per riportarlo ai suoi ultimi pensieri da uomo nel mondo reale: "come sta Annie?", "che fine ha fatto Windom Earle?"... queste cose può chiedersele solo lui, perché noi siamo più come tanti Cooper che aspettiamo di risvegliarsi e ritrovarci a Twin Peaks.

      Elimina
    2. Ma infatti secondo me Earle non è una persona a caso.
      Earle si divertiva a spingere Cooper fino al limite, lo fece pure con Caroline, quindi sapeva già qualcosa...

      Moz-

      Elimina
    3. Cooper scivolò a Pittsburgh... chissà che accadde lì?

      Elimina
    4. Eh chissà, chissà :)

      Moz-

      Elimina
  23. Siccome credo che Lynch non potrà lasciare le cose importanti in sospeso giocherà sui sogni e sul tempo. Un esplosione nucreare(bisogna capire in quale anno) potrebbe riportare tutto all'inizio e "cancellare" molte cose come mai successe. Avevo detto che sognavo un finale dove Bad Cooper specchiandosi vede l'immagine del buon Dale con distintivo fbi e rosa blu, l'essere umano che alla fine entra nel l'alieno, quello che in qualche modo ha fatto Jeffries nell'ultima puntata. Sembrava essere il padrone del "convenience store" di fronte ad un bad cooper ospite e non più padrone del proprio mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, Lynch pian piano ci sta portando a delle risposte. Chi se lo aspettava che a Bad Coop, di colpo, gli tornasse in mente di Judy ed andasse al convenience store per chiederglielo? Le risposte ci verranno date in modo inaspettato ed implacabile? E' probabile che la prima cosa che Cooper dirà appena sarà tornato totalmente in se sarà: "come sta Annie?" ;)

      Elimina
    2. Un finale allo specchio sarebbe bellissimo.

      Moz-

      Elimina
    3. Non credo, perché Lynch si è già giocato il riflesso di Cooper in casa Jones. Stasera vedremo di capirci qualcosa: no knock, no doorbell. ;)

      Elimina
  24. Salve, ragazzi, volevo darvi un saluto prima del prossimo episodio. E Moz, sono d'accordo con te su FCCM, è un capolavoro, non mi stancherò mai di ripeterlo, e lo considero forse, a oggi, il miglior film del nostro, per quanto la mia anima stia con "Eraserhead". Buona visione e a presto per una nuova settimana di lively conversation...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona visione anche a te. :) Ci ritroveremo da domani per impazzire fino al doppio episodio finale di domenica notte prossima. ;)

      Elimina
    2. Eraserhead ci riaspetta nei cinema^^
      Caro Paolo, grazie del saluto, ci risentiamo... tra poche ore^^

      Moz-

      Elimina
  25. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. E' bello condividere una passione che, in questo periodo, ci aiuta anche a dissipare gli inevitabili fantasmi di struggimento che si impadroniscono di noi da settimana a settimana..

      Elimina
    2. Ben detto!!! Ci fossimo conosciuti prima... ora siamo in dirttura d'arrivo, ma di sicuro ci saranno mille modi per parlarne in questa sede. :)

      Elimina
    3. TP non muore mai. E' uno degli argomenti cult del mio blog, e come ne ho parlato dal 2006 ad oggi, ne parlerò ancora^^

      Moz-

      Elimina
  26. Quindi possiamo stare tranquilli... ma ora shhhh, sta iniziando. :D

    RispondiElimina
  27. Diceva Hawk: "Chiunque entra nella loggia deve affrontare il suo doppio" (o qualcosa del genere). Chi ci dice che il Philip Jeffreys che vediamo all'opera non sia il doppelganger del "buon" Philip Jeffreys? D'altronde anche lui è stato nella loggia, anzi è stato proprio nel convenience store. Che dite?

    RispondiElimina