[FUMETTI] Samuel Stern 6, la recensione dell'albo (finora) più bello


Mi ero ripromesso di non scomodare più quel fumetto con cui, vuoi o non vuoi e sempre più ingiustamente, Samuel Stern è costretto a essere paragonato.
Per il nostro Sam, che regge il confronto, sarà perfino un onore (e ci mancherebbe).
Ma immagino che sia anche una bella rottura di scatole.
Però oggi è necessario citare un vecchissimo albo, ma solo per fare un parallelismo generale (e comunque lusinghiero): Samuel Stern n. 6, intitolato Valery, è forse il Memorie dall'Invisibile della nuova serie made in Italy.
Saranno anche parole audaci, ma hanno un loro perché, e ne parliamo senza più metter di mezzo altri titoli.

Ecco, arriva quel momento in una serie dove c'è l'episodio malinconico, potente, triste nella sua (im)palpabile realtà quotidiana.
Valery è, finora, e senza paura di essere smentito, il miglior albo di Samuel Stern.
Impietoso nella pietà, distaccato ma sincero nel giudizio, per nulla retorico nel raccontare una mente alla deriva. Coi suoi problemi, trascinati da lungo tempo, ma anche con speranze e sogni come ognuno di noi.
A volte illusioni di foscoliana memoria, altre volte veri e propri film che scatenano una rabbia repressa perché vanno a scavare in una realtà già compromessa e squilibrata.
Non ci sono alibi, non ci sono giustificazioni: è l'umanità più grigia e nuda.


La depressione, la solitudine.
Nessun demone può mai essere peggio di questi drammi d'ogni giorno, così normali ma altrettanto infernali.
Dove può spingersi una mente annebbiata?
In quale follie troverà fertile rifugio?
Ma, soprattutto, cosa succede a chi viene esorcizzato?
Se lo chiedono gli autori, e noi lo scopriamo in queste pagine che non lasciano davvero un attimo di respiro.


La storia ovviamente si complica e si fa avvincente, quasi una corsa contro il tempo per salvare chi è rimasto impigliato nella rete.
Dialoghi e ritmi serrati, disegni precisi e dettagliati.
E Samuel Stern (testata, non personaggio) ancora una volta lascia ambiguamente intendere che forse i demoni non sono nemmeno la cosa più pericolosa, in questo mondo.


Saranno in grado gli autori di trovare sempre nuovi spunti, che abbiano la potenza di questo albo?
È una sfida sicuramente difficile, ma la strada è sempre più chiara e giusta.
Valery vi aspetta in edicola: non potete non leggerlo, perché è un ottimo esempio di fumetto popolare-seriale magistralmente sceneggiato.

Ami i fumetti? leggi anche

30 commenti:

  1. Gran bella grafica☺ ma non conosco l'opera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un nuovo fumetto italiano, corri in edicola! 👍💪

      Moz-

      Elimina
  2. Domani mattina vado di corsa a prenderlo!
    La storia di Dylan Dog non me la ricordo...
    I disegni non riesco a giudicarli da queste immagini ma speriamo bene, per ora sono stati per me l'unica pecca di questa serie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono, per me, in linea coi migliori avuti nelle scorse puntate! 💪

      Moz-

      Elimina
  3. Complimenti ottima recensione e sempre sul pezzo sempre attento anche alle nuove uscite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yeah! È giusto sostenere i nuovi validi progetti! 💪

      Moz-

      Elimina
  4. La vignetta di mezzo mi ha ricordato Evil Dead! Secondo me, visto che son due numeri che spendi parole molto positive per questa serie, ha finalmente ingranato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, diciamo che ora davvero la strada è chiara, ogni possibile dubbio è fugato 🤩👍

      Moz-

      Elimina
  5. Mah non so ....avevo ridato chance a DYD ma mi ha deluso sia il n400 che il 401.
    Te scrivi che questo è il nuovo Memorie dall’invisibile ...storia dell’indagatore dell’incubo fra l’altro che non ho mai particolarmente apprezzato.
    Ma almeno sta vendendo sto Stern?
    Perché son tutti capolavori ma..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se ne sente parlare comunque bene, di Stern.
      I dati di vendita non li conosco ma il progetto funziona. Le storie non sono per nulla stantie.
      Nemmeno io ho apprezzato molto Dyd 400... Ma non c'entra proprio niente con Stern 😎💪

      Moz-

      Elimina
    2. Vedo che sui social ne parlano in parecchi...ecco, a differenza delle altre serie "bonellidi" lanciate negli anni '90, ora c'è internet per promuoverlo e farlo conoscere, una volta dovevi affidarti solo al passaparola e molte serie morivano

      Elimina
    3. Vero.
      Beh, si stanno muovendo bene, e con una serie niente male.
      Insomma, Stern merita il suo successo social^^

      Moz-

      Elimina
  6. Già solo la copertina è spettacolare, come tutte le copertine di SS fra l'altro.. spero di poterlo leggere presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo.
      Questa poi ha colori davvero spettacoli, vero e proprio horror vintage...

      Moz-

      Elimina
  7. Hello! great entry. I hope I understood everything well, because my language is Polish: D I think you have a really great blog full of passion! Pictures are great too :) best regards from Poland!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Welcome! Thank u, but I don't understand polish :o
      Kindest regardz!

      Moz-

      Elimina
  8. Molto interessante Miki, ma non mi convince ancora...
    Forse perché horror, non so. I disegni sono ben fatti ma... devo capire meglio. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'horror rimane sempre sullo sfondo. Nel senso che sì, ci sono demoni ed esorcismi, ma il vero orrore è la quotidianità umana...

      Moz-

      Elimina
  9. Le vendite come vanno? Si sa niente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non credo nemmeno che vengano divulgate facilmente.
      Io spero vadano bene.

      Moz-

      Elimina
  10. Non ho ancora letto questo numero, ma sai che sono d'accordo con te. Un grande fumetto sotto ogni punto di vista.Speriamo continui così. Quindi questo albo è il migliore fino ad ora eh?
    Vediamo;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me sì, assolutamente.
      Poi fammi sapere :)

      Moz-

      Elimina
  11. L'ho solo sentito nominare, però non lo conosco. Fa parte della scuderia Bonelli?
    Tra l'altro Memorie dall'Invisibile, che hai citato, a me non è mai rimasto particolarmente nel cuore. Lo stesso per altri dei più celebrati albi di Dyd.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, è della Bugs Comics!
      La Bonelli non c'entra, e Samuel Stern ha dimostrato da subito di essere all'altezza dei titoli classici più noti e blasonati^^

      Moz-

      Elimina
  12. La tradizione fumettistica italiana è superiore a quella giappa, per me :)
    Bello, bello :) Ho in libreria "Memorie dell'invisibile" di Dylan, questa nuova serie mi è nuova ma se si parla di possessioni demoniache potrei addirittura andarmi a cercare il volumetto.

    V

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai, non te ne pentirai!
      Secondo me è anche un buon numero da cui iniziare! 💪🤩

      Moz-

      Elimina
  13. Messaggio ricevuto. Corro in edicola.

    RispondiElimina
  14. Samuel Stern è un fumetto che ho iniziato a seguire per pura curiosità e che fin'ora è riuscito a catturare molto il mio interesse. Sono arrivato al quinto volume e devo trovare un modo per prendere il sesto visto come ne hai parlato bene. Grazie mille per l'articolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai, questo sesto episodio non ti farà più smettere di acquistarlo!! :)

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo commento :)