[SIGLA TV] Classe di Ferro - Asso (Jovanotti, 1989)



Prodotta da Reteitalia per Fininvest, Classe di Ferro fu un successo del 1989 di Italia Uno ideato da Turi Vasile con la regia di Bruno Corbucci.
Grazie all'appoggio dell'Esercito Italiano, era garantita una certa verosimiglianza e fedeltà alla reale vita militare, sebbene le storie non cadessero mai nel drammatico ed evitavano di raccontare aspetti troppo seri.
Classe di Ferro era una fiction di genere comedy, con un cast che annoverava tra gli altri Giampiero Ingrassia, Paolo Sassanelli, Luca Venantini, Rocco Papaleo e Adriano Pappalardo.
Rivediamoci la sigla, "Asso", cantata nientemeno che da un jovanissimo Jovanotti:



 
La storia era quella di un gruppo eterogeneo di ragazzi durante l'anno della leva obbligatoria, tra annessi e connessi. Docidi episodi in tutto.
Nel 1991 ne fu prodotto un sequel, di altri dodici episodi.
Una terza stagione era prevista, ma non venne mai girata: avrebbe raccontato la vita dei ragazzi dopo la naja.

leggi anche 

57 commenti:

  1. Ecco uno, il sottoscritto, che non ha mai filato Classe di Ferro...
    Bruno Corbucci non mi piace peraltro, cinematograficamente parlando, salvo giusto i due film di Bud Spencer...Non sono fan del ciclone dell'ispettore Giraldi e pure Agenzia Finzi praticamente Detective non mi ha fatto spellare le mani, nonostante la presenza di Pozzetto.
    Molto meglio il fratello Sergio, un mito degli spaghetti western, ma non solo (il bestione, Tre tigri contro tre tigri, I giorni del Commissario Ambrosio). Gli rimprovero solo Rimini Rimini :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me Bruno Corbucci ha fatto meglio con Tomas Milian che con Bud Spencer...
      Sergio Corbucci è un'altra cosa, più che buono come regista western, sulla commedia uno dei tanti...

      Elimina
    2. Beh, Sergio è l'altro leone del nostro western, lo amo.
      Ma Bruno con Giraldi... lo adoro!! :D

      Moz-

      Elimina
  2. La serie non la seguivo con troppa attenzione, mi piaceva la sigla, più che altro per via della signorina nella doccia e per la scimmia che fa il saluto militare. Sono cresciuto con i film di John Landis e ne pago le conseguenze ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io seguita con attenzione suprema... Ahaha w la donna e w la scimmietta^^

      Moz-

      Elimina
  3. Per quelle volte dove all'epoca provai a vederlo, non mi ha mai fatto ridere e mi è sempre risultato perfino irritante, assieme a Jovanotti XD

    RispondiElimina
  4. Con stupore mi sono resa conto di ricordare ancora tutta la sigla a memoria!Poi quando ero bamboccia e jovanotti pure ero sua fan hahaha!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh anche a me piaceva molto... il primo rapper di successo (un successo costruito a tavolino, ma oggi ha dimostrato di essere di più).

      Moz-

      Elimina
    2. Sinceramente adesso non mi piace proprio.ma diciamo che non è proprio il mio genere.

      Elimina
  5. La serie mi piaceva, come ho già scritto altre volte aveva un po' dello spirito di "Amici miei", scherzi compresi (gli autori erano gli stessi), c'era pure il personaggio di Montini che sembrava un po' un giovane conte Mascetti, non so se l'idea di partenza fosse quella di fare un prequel dei film

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai... forse ci potresti aver visto lungo!!

      Moz-

      Elimina
  6. Io sono una fan di Jovanotti, quindi la sigla la ricordo volentieri
    Ciao Valeria

    RispondiElimina
  7. La serie non mi attirò neanche all'epoca e quanto alla sigla, sorry ma non sono un fan di Jovanotti. Mi piace giusto "Fango". Quello che mi ha colpito è la presenza di Papaleo, forse agli inizi della carriera. E poi Pappalardo, ricordo il suo tentativo perfino tenero di riciclarsi come attore… :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe ma troppi ce ne sono, in questa serie, di attori a inizio carriera!!^^

      Moz-

      Elimina
  8. Niente, qui casco male. Mi basta il titolo. Detesto tutto ciò che è militare e derivati. Ti ho detto tutto... ahahahahhaha

    RispondiElimina
  9. Ma non ne avevi già parlato? O era da Ema? Comunque bella (per l'epoca) la sigla e sì, seguivo la serie ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai una bella memoria: ne parlammo sulla Cameretta, un post praticamente uguale :)

      Moz-

      Elimina
  10. la ricordo vagamente, quando la mandavano in onda avevo quindici anni hahaha xD

    RispondiElimina
  11. Bellissima la sigla. Che poi è l'unica cosa che mi ricordo. Io avevo 4 anni all'epoca :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sigla ancora oggi è molto simpatica^^

      Moz-

      Elimina
  12. Ne ho visto qualche episodio in modo sporadico, quando capitava, non mi sono mai appassionato, ma nemmeno posso dire che mi dispiaceva. Magari si potrebbe girare la quarta versione: Gavettate il soldato Mikimoz! 🎺🥁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appassionato nemmeno io, tanto che... non credo di aver seguito la seconda stagione.
      Passiamo alla quarta :p

      Moz-

      Elimina
  13. Diciotto mesi di vita buttati al vento, e niente f.... e marcianti in mutande, solo sole, prati erbosi e pecore e la civiltà a sessanta chilometri più a Nord.
    1965, riassunto della mia Naia.
    Non ho visto" Classe di ferro"ma certamente non era la nostra.
    Ciao Moz.
    Soldato semplice fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, un anno (e più) buttato... la cultura era quella, assurda.

      Moz-

      Elimina
  14. A me la serie piaceva, non me ne perdevo un episodio.
    L'ho anche rivista svariate volte.
    La sigla era anch'essa molto bella, con un Jovanotti ancora tollerabile prima che prendesse la deriva sentimental-popolare da cuore, bacio e amore degli ultimi tempi ( anche se alcune sue canzoni continuano a piacermi anche adesso, tipo Viva La Libertà).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, mi colpisce il fatto che tu ami più il Jova cecchettian-americanoide che quello di oggi! :D

      Moz-

      Elimina
    2. Era più onesto, diciamo che la cosiddetta maturità artistica lo ha portato dal capitalismo al radical chic.
      Comunque a me in generale non dispiace nemmeno, io ascolto tutto senza amare ( quasi ) niente, ma come cantante a livello di testi mi sembra molto finto impegnato visto che usa termini davvero da panino con il salame, facendoli passare per chissà che.

      Elimina
    3. Ahaha ci sta, eh!
      Come testi forse non è cambiato nemmeno tanto.
      Ha avuto una svolta direi più d'età che artistica.

      Moz-

      Elimina
  15. Con la parola Asso credevo volessi parlare del film super con il grande Celentano protagonista. 😁
    Mio marito ricorda il suo periodo di obbligo militare. Mi ha raccontato di tutto e di più e dice sempre che è stato tra i più bei periodi vissuti.
    Però il film che proponi non mi piace e non l'ho visto. Tutto qui.
    Ora ascolto Jovanotti per capire di cosa si tratta. Ciao Miki!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, Asso film ... mitico!
      Nemmeno io comunque sono stato un fedele seguace della serie in questione.

      Moz-

      Elimina
    2. Ooopsss...serie pardon. Si vede che proprio non fa per me. 😘

      Elimina
  16. Mio dio... la conoscevo a memoria... e anche oggi, ascoltandola, lo ricordo quasi tutta. Che bei tempi spensierati quelli in cui ero tutt'occhi per fiction del genere :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erano carine, simpatiche e leggere... una tv diversa e più bella.

      Moz-

      Elimina
  17. La serie non l'ho mai seguita per via della tematica... Sarei stato un convinto obiettore di coscienza qualora fossi stato sottoposto all'obbligo di leva...
    Ricordo però la sigla, antipatica per quel fare il verso al comando "Passo!" che si dà ai soldati che devono marciare...

    Insomma, un articolo che se sto su questa pagina qualche altro secondo inizio a innervosirmi.😅

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però... troppo drastico XD
      Anche io sono contrario a questa cosa, ma una serie è comunque una serie...!

      Moz-

      Elimina
  18. Devo avere visto la prima puntata, ne ho un ricordo vago.
    Ma poi abbandonai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto probabile, se ti è rimasto un ricordo vago, o forse è per la sigla!! 💪

      Moz-

      Elimina
  19. La sigla è la cosa che ricordo meglio di questa serie. Gli episodi in sè, invece, li ho visti saltuariamente, non sono stata una fan... ecco.
    Ma sai che io per secoli ho creduto che Jovanotti cantasse "PASSO"??? :D

    RispondiElimina
  20. Credo di non aver perso un solo episodio, il Jovanotti lo preferisco ora, la sigla lo so a memoria.
    Buon gioevdi.

    RispondiElimina
  21. Eh... quegli anni seguivo zero la tv. Noleggiavo i film e li registravo per guardarli appena potevo, ma le serie non ne ho seguita nessuna, se non saltuariamente. Comunque chi avrebbe mai detto allora che Lorenzo sarebbe ancora stato uno dei top della musica italiana?
    E non scherzo.
    Il suo Jova Beach Tour è stato un evento itinerante mastodontico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, comunque è uno dei big della musica italiana.
      Vero... gli inizi sono sempre strani e particoli^^

      Moz-

      Elimina
  22. Dunque...io ammetto che all'epoca ho odiato questa serie. Era il periodo in cui rischiavo di fare la "naja", come si dice in gergo. Io e tutti i miei amici odiavamo l'esercito, non in quanto tale, ma per come era strutturato l'anno di servizio militare per noi giovani era davvero un anno perso. Io poi che avevo scelto l'obiezione di coscienza e per motivi burocratici ero stato a lungo in predicato di non vedermelo accettato (le istituzioni militari per ovvi motivi facevano di tutto per rendere più difficili le pratiche) avevo i miei motivi per detestare quella serie che mostrava solo le cose belle della vita militare e non mostrava o minimizzava le storture (il nonnismo per esempio o i vari superiori incompetenti) di quella vita. Oggi ho intiepidito i miei sentimenti verso la serie, trovo che sia un discreto esempio di commedia all'italiana. Inoltre apprezzo molto i vari attori come Sassanelli e Papaleo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, e punti l'accento su una cosa importante: col senno di poi, ma sopratttutto quando il tempo è passato, le cose sono viste in modo diverso.
      Di certo questa serie era uno spot per l'esercito e v'era proprio una omissione di tante storture...

      Moz-

      Elimina
  23. "Questa è la storia di uno regolare...." grande!!! Mi piaceva tanto Classe di Ferro era proprio divertente, poi la sigla era una bomba (in quel periodo mi piaceva molto Jovanotti)..... PASSOOOO!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, sì, ma Jova andava forte... ricordi E NON M'ANNOIO, TEMPO!^^

      Moz-

      Elimina
    2. Diciamo che fino a fine anni '90 andava forte, poi ha iniziato a prendere dei sound particolari e ad inserire troppo politica nella canzoni e non mi è piaciuto più. Anche se ultimamente alcune delle ultime canzoni che ha fatto non sono male, ma non credo che mi comprerei un suo album come facevo negli anni '90 (ho tutte le sue cassette da "La mia moto" fino a "Bella").

      Elimina
    3. Sì, il genere è molto mutato. Da disimpegnato (e pure un po' cazzone giovanilisitico) fino a "maturo" oggi...

      Moz-

      Elimina
  24. Ma... mi aspettavo un link ad un tuo vecchio post perché ero convinto di averne già parlato con te. Forse era da un amico blogger comune (qualche opinione l'ho scambiata con Fabrizio, forse ti confondevo con lui).
    Ricordo che lo passavano il sabato (probabilmente le repliche) ma per me c'era solo College (che forse passavano lo stesso giorno), quindi dopo la sigla, che apprezzavo, lo seguivo con un occhio ma non mi ha mai preso.

    Pappalardo lo ricordo bene, iconico ma Papaleo proprio no 😝

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo hai letto sulla Cameretta, due anni fa :)
      Sì, probabilmente nelle repliche hanno fatto sia College che Classe di Ferro accorpati... XD

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo commento :)