[PASSATO] il decennio magico: qual è la nostra golden age?



Più volte abbiamo affrontato il discorso riguardo il nostro passato.
Sempre migliore, sempre più bello di un presente che sembrerebbe non regalarci troppe emozioni.
Abbiamo anche provato a capire quando possa essere finita la "magia", quella personale, quella del periodo dorato.
Non per forza l'infanzia.
Magari è qualcosa di recente, un passato di non troppi anni fa. E spero sia sempre un presente e un futuro.
Ma oggi parliamo di epoca d'oro, la golden age. Un decennio magico che, se si potesse, vorreste rivivere.

Senza interruzioni, senza saltare nessun periodo temporale.
Dieci anni di fila, quelli dove immaginate si sia concentrata la vostra golden age.
Perché proprio questi? Cosa c'è prima? Cosa viene dopo?

Forse molti di voi penserebbero, di me, che "isolerei" molto degli anni '80.
E invece vi stupirò: la mia golden age, il mio decennio magico, è assolutamente quello che va dal settembre 1986 all'agosto 1996.
Prima ero troppo piccolo, ma in questi dieci anni -che sono quelli dell'infanzia, delle elementari e delle medie- credo di essermi formato a livello di passioni, personalità e gusti.
Dopo c'è tutt'altro periodo, quello dell'adolescenza, segnato da cose bellissime (lo scoutismo) e ovviamente altre più turbolente.
Ma il periodo che vorrei rivivere è quello indicato: forte, fortunato, gioioso, spensierato, allegro e ricco.
La cristallizzazione dei brand anni '80 e la nascita di tutti quelli fighissimi della prima metà anni '90; il Rinascimento Disney e mille mode, collezioni, amicizie, idee e avventure.





Se potessi tornare lì, in quegli anni, so che vivrei dieci anni sempre al top, senza pensieri.
Ma anche pieni di tutte quelle cose che amo e che oggi sono la base di questo blog.
Tutti quei miti, film, serie, videogiochi, oggetti, fumetti, cartoons...
Ma ovviamente e soprattutto tutti gli affetti della mia vita -tranne uno, ma essendo un gatto... già ci fu, c'è, ci sarà e ci sarebbe in un eterno continuum temporale-.
E voi?
Qual è la vostra golden age? Perché proprio questa?
E cosa c'è prima, cosa c'è dopo?


potrebbero interessarti anche

103 commenti:

  1. Che domandona Mozzino.. e pensa che potrei scegliere tra ben sei decine visto che provengo quasi dal pleistocene.. ahah.. in realtà ti sparo subito 2004-2014 senza dubbio alcuno. Da quando mi sono sposato: gli anni del teatro, della poesia, del blog pieno, del mio massimo produrre lavorativo (in banca), dei miei viaggi strepitosi, dell'amore di mia moglie che mi ha rimesso in carreggiata dopo il decennio precedente, quello davvero da deriva totale, disordinato e incattivito.
    Ma non escludo un nuovo, ed ancor più intenso, periodo di fertilità ribollente.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo... un'epoca anche abbastanza recente, dunque la maturità :)

      Moz-

      Elimina
  2. Svilupperò il tema meglio dalle mie parti.
    Però devo dire che faccio fatica a incastrare bene il decennio.
    Ti spiego:
    in senso largo dovrei indicare quantomeno maggio 1989 come primo estremo (quando il Milan vinse 5-0 con il Real Madrid: data troppo importante per me), ma il decennio finirebbe ad aprile 1999 e taglierei quindi una delle più belle estati della mia vita :D.
    Però io per Golden Age intendo un periodo molto più circoscritto.
    Ti dirò tutto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh ok, attendo pozt^^
      Ci sta stravolgere un po' le regole!

      Moz-

      Elimina
  3. Potrei dire dall'89 al 99 ma sarebbe una bugia, la mia vera golden age (e non sto parlando di arti o altro) è partita dal 5 novembre 2010 fino al 2020, quando ho ripreso il mio musicista preferito in assoluto Prince, poi certo, quegli anni sono stati un piccolo assaggio che è esploso proprio nel decennio che ho appena descritto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo... la musica al centro di tutto, perfetto^^

      Moz-

      Elimina
  4. Ciao Moz!
    A differenza tua io non ho una Golden Age, non ho un periodo che mi manca. Da bambina, nonostante mi di sentita molto amata ho dovuto lavorare. Ho iniziato a sei anni, mattino scuola e pomeriggio lavoro. Vivevo in un paese dove mi hanno bullizzato dal mio arrivo.
    Poi altre case e sempre tanto lavoro. Mi sono sposata e sono diventata madre ma nel frattempo un incendio ha distrutto la serenità (e non solo quello) del momento... "momento" durato una decina di anni. Poi c'è stato il Brasile, poi la Repubblica Dominicana, un assaggio di Australia e poi di nuovo Brasile,Italia e ora Tunisia. La mia vita è stata come le montagne russe, un susseguirsi di picchi altissimi, profondità abissali e tra una e l'altra una bellissima tranquillità.
    Non c'è posto dove vorrei tornare o epoche da rivivere, da trent'anni circa non faccio che ripetere che questi sono i migliori anni della nostra vita. In fondo non è poi così male no?
    Ti abbraccio!❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima testimonianza... una vita di avventure e disavventure, ma è UNA VITA, la tua, che non ha decenni, ha momenti e presenti unici.
      Meraviglia^^

      Moz-

      Elimina
  5. La mia golden age va dall'estate 1965 all'estate 1974. Ecco gli ingredienti principali: la casa con giardino e orto in città; la casa in campagna; le vacanze al mare e in montagna; tanto cinema; le montagne di libri e fumetti; i giochi con gli amici; la gioia delle compagnie femminili; gli affetti più cari ancora in vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che è il mix perfetto per stare bene... c'è davvero di tutto, ed è anche un'altra epoca, sicuramente poetica.

      Moz-

      Elimina
  6. Non ho una "golden age", se poi devo pensare a ben 10 anni consecutivi, non riuscirei a trovarla. Penso che ogni periodo ha i suoi momenti belli e brutti, certo l'infanzia è il periodo più spensierato, ma non riesco ad escludere alcune situazioni di disagio che magari all'epoca mi preoccupavano. Dall'altro lato, adesso che sono più grande, nonostante si sommino più problemi, ho una consapevolezza che mi piace di più, maggiori opportunità. Quindi non riesco a trovare un giusto compromesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco... effettivamente io credo proprio di essere stato fortunato.

      Moz-

      Elimina
  7. pensa che credevo ti riferissi alla golden age del porno (per inciso, quella degli anni 80)

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami MikiMoz se mi prenderò una piccola deroga ma purtroppo non avendo vissuto 10 anni consecutivi positivi sono costretto a parlarti di un lustro piuttosto che un decennio.

      La mia golden age è stata dall'anno scolastico 1999-2000 all'anno scolastico 2004-2005.
      6 anni scolastici per me indelebili...
      Tra i miei preferiti ci sono la quarta elementare, la quinta elementare, terza media e soprattutto primo anno alberghiero quest'ultimo mi emoziona nel profondo.
      Almeno una volta all'anno capita che vado nei dintorni della scuola.
      Negli ultimi anni mi è capitato qualche volta di sognare quei tempi...

      Prima della golden age ci sono stati i primi tre anni delle elementari che sono stati molto positivi soprattutto la terza elementare che è stata una sorta di anticipazione di tutto quello di bello venuto dopo.

      l'anno scolastico 2005-2006 è stato un anno di transizione tra prima e dopo.
      Dall'anno scolastico 2006-2007 sono invece iniziati gli anni bui.

      Elimina
    2. Hai visto che alla fine il post è arrivato?^^
      Viviamo cose molto simili, sai?
      E non siamo gli unici... il tornare in certi luoghi, certe emozioni...

      Moz-

      Elimina
    3. Grandissimo MikiMoz! 🤩

      Elimina
    4. Giuro... spesso lo faccio con Sandrino, il grafico del blog... andiamo a riesplorare urbanamente i nostri luoghi dei primi anni '90!

      Moz-

      Elimina
  9. non ne avevamo già discusso in passato?
    Comunque, la risposta è sempre la stessa: gli anni '00, quel decennio densissimo di avvenimenti in cui ho fatto le medie, il liceo e che si è concluso (letteralmente: novembre 2010!) con la laurea triennale! E nel mezzo due cosine da gnente come i mondiali 2006 (nell'anno della maturità!) e il triplete dell'inter!

    Sono stati gli anni che sono andati dai miei 12 ai 23 anni, gli anni in cui ero grandicello per capire con la mia testa, per avere miei gusti (musica, film ecc...), gli anni in cui ho abbandonato e riscoperto alcune passioni (la "dark age" che colpisce chiunque in quell'età, facendogli rinnegare le proprie passioni, salvo poi riscoprirle con più veemenza qualche anno dopo), gli anni in cui finalmente la mia famiglia si è stanziata finalmente in Sicilia (mentre prima ci trasferivamo per lavoro per l'Italia), gli anni in cui ho avuto il primo pc e internet è entrato in casa (un po' tardi lo so...)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, non mi sembra: avevo il post pronto da tempo ma non lo avevo pubblicato.
      Vero, esiste anche la dark age e ne parleremo in un futuro post!
      Caspita, devono essere stati un periodo super... nemmeno io mi lamento dei miei anni 2000 come decennio, ma di roba pop c'è poco, diciamo...

      Moz-

      Elimina
  10. Direi dal 1985 al 1995: U2, Nirvana, i primi Oasis, i primi Rhcp, i primi Radiohead e via discorrendo. Poi il cinema di quel periodo, con la nascita di quelle robe fantascientifiche in stile Terminator, Robocop e simili. Gli scudetti delle squadre italiane improbabili. Questo è da sempre il decennio che avrei voluto vivere con tutto il cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto molto bello, coincide molto col mio, anno più anno meno... :)

      Moz-

      Elimina
  11. Dieci anni interi? Magari avessi avuto un periodo così lungo tanto bello da volerlo rivivere! A meno che non torni a quando ero bambina, e allora ti direi 1965-1974. Ho avuto un'infanzia molto serena, mi considero fortunata per questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curioso, abbiamo vissuto la stessa golden age: 1965-1974 :-)

      Elimina
    2. Ehehe bello!
      Comunque sì, anche io mi considero fortunato...

      Moz-

      Elimina
  12. Per me la risposta è semplicemente gli anni 80. Tutto il decennio con qualche punta fino al 91/92.

    Con tutti i pro ed i contro sul lato personale, è stato il decennio che mi ha plasmato e dove c'è stato il meglio (e nei casi dove parte di quel "meglio" era stato realizzato in anni precedenti, da noi arrivò comunque durante gli anni 80). E' stato il decennio che mi ha fatto sognare di più a livello di immaginazione: è stato la mia Storia Infinita.

    Prima: Non c'è stato niente. Nel 78 ero appena nato e prima di iniziare ad apprezzare concretamente la vita, minimo devi avere almeno due anni quindi io parto dal 1980 secco in poi col mio primo ricordo in assoluto che è... la sigla di Gundam XD

    Dopo: Tutto in discesa, a ritmo lento ma costante, infatti in generale i 90 li detesto XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh ti sei scelto il decennio magico per eccellenza.
      Io sugli anni '90 sono molto più morbido... per me fino al 1995 sono ancora magici, poi inizia il declino anche a livello di idee e brand...

      Moz-

      Elimina
  13. beato te, 10 anni consecutivi da rivivere in loop per il resto della vita non ce li ho. Sicuramente periodi più brevi, mi viene in mente quella che chiamano crisi di mezza età, mi sono divertito come un ragazzino a 40 anni o giù di lì (tieni conto che a 23 anni avevo già due figli e la mia età della spensieratezza è finita presto :D). Prima c'era un uomo convinto e soddisfatto di come si stava svolgendo la sua vita, dopo c'è sempre lo stesso uomo un po' più maturo e consapevole dei propri mezzi. Chissà, magari sto vivendo adesso la mia "golden age" ma non me ne rendo conto finche ci sono dentro :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh,l'ideale sarebbe... accorgersene: la vivi totalmente, pienamente, al top: ti auguro davvero che sia questa attuale, e ancora di più ti auguro di accorgertene!

      Moz-

      Elimina
  14. Sto riflettendo quale dei miei decenni posso definire magico tanto da voler rivivere. Non ce ne è uno che vorrei rivivere, se non con le certezze e l'esperienza accumulate negli anni, ma così non vale.
    Del mio primo decennio conservo solo sensazioni e dei ricordi, piacevoli sì, ma non vorrei rivivere quel tempo.
    Il mio secondo decennio, seppur senza problemi, non mi ha entusiasmato.
    Il mio terzo decennio è stato segnato da novità bellissime ma anche preoccupazioni che allora mi sembravano insormontabili, per cui no.
    Il mio quarto decennio, forse, è quello più consolidato. Il quinto e sento decennio è stato contrassegnato anche dalle morti più significative: genitori, parenti e alcuni amici.
    Mammamia ma quanti decenni!
    Questo mio settimo decennio che è iniziato mi sta bene così com'è.
    In realtà ogni giorno è magico e se vissuto appieno è talmente "stato vissuto" che entra a far parte del passato. Io voglio andare avanti
    Ciao Miki.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo, e ci sta!
      Tu li ha suddivisi a gruppi di dieci partendo da zero, mi piace questa cosa e dovrei provare a ragionare anche io in tal senso... e forse non troverei un periodo gold totale--- ma alcuni piacevoli.

      Moz-

      Elimina
  15. Mhhhh se dovessi sceglierne uno direi quello a cavallo tra i 25 e i 35 anni per tanti motivi.
    L'inizio dell'indipendenza e del distacco familiare, il lavoro, l'amore (e non intendo le cotte o le semplici relazioni giovanili), i viaggi all'estero e non per ultimo svariate amicizie che rimangono ancora oggi dopo 15 anni (cosa per me abbastanza rara).

    C'erano momenti in cui pensavo di poter fare tutto, o meglio che potevo realizzare ogni punto che mi ero imposto, poi non è andata completamente così, ma anche solo quella sensazione un po' mi manca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che sensazioni simili potranno sempre tornare, secondo me è una ruota, un circolo.
      Hai scelto un'età matura, vedo... good!^^

      Moz-

      Elimina
  16. Dieci sono pure troppi, io direi i primi sette anni della mia vita, perché poi sono cominciati i problemi..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto, ci sta...!
      Anche se mi piace pensare che puoi salvare qualcosa anche degli anni successivi!

      Moz-

      Elimina
    2. Sì certo, ma alcune cose non le vorrei per niente rivivere..

      Elimina
  17. Personalmente non ho un periodo di 10 anni che considero d'oro. Considero la vita generalmente uno schifo con barlumi di felicità molto fugaciche vanno vissuti sl. Momento. A grandi linee però direi che il decennio dal 1993 al 2003 fu il migliore per tutta una serie di fattori. Dai cartoni animati, alla scuola alle esperienze. La Tv era piena di programmi contenitore e si imparava sempre qualcosa di nuovo, la vita da studente era semplice, e le esperienze mi hanno formato come individuo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, vedi... l'hai trovato!
      Cose spiacevoli ovviamente ci sono sempre, ma in alcuni periodi il bello le sovrasta^^

      Moz-

      Elimina
  18. Sai Moz, io voglio pensare che sia questa.
    Nonostante tutte le difficoltà di questi ultimi mesi, voglio pensare che la mia golden age sia quella che sto vivendo. Il tempo presente.
    Il tempo di una vita dedita certo al lavoro, alla casa, alla famiglia.
    Ma anche alla natura, allo sport, alla vita sana, all'alimentazione equilibrata. A me stessa e a quello che mi piace fare.
    Mi sento meglio di dieci anni fa, ma anche meglio di 3 o 4 anni fa.
    Ho 35 anni, allo specchio mi vedo bene, la salute mi assiste.
    Si, è questa :)
    Un saluto a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PERFETTO, benissimo.
      Mi piace una cosa: che hai consapevolezza di viverla, e non di capirlo tra dieci anni^^

      Moz-

      Elimina
  19. Potrei risponderti gli anni '80, oppure il periodo 1991-2001, invece mi viene da risponderti come La Dama Bianca, il periodo che sto vivendo ora: ho sicurezza economica, un matrimonio felice, 4 bei gatti, soddisfazioni al lavoro e con i miei hobby...l'unica macchia nera è il Covid!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il Covid passerà!
      Benissimo, sono veramente felice per te!^^

      Moz-

      Elimina
  20. Moz, ho avuto diversi periodi in cui la mia vita ha subito un'accelerazione positiva, ma sicuramente non posso individuare un vero e proprio decennio.
    Periodo 1985 - 1990 Gli anni in cui, dopo avere maturato la decisione di cambiare città e vita, sono arrivata a Milano. Università, lavoro, amore. Tutto insieme, mescolato a tanta musica e interessi.
    Periodo 2001 - 2006 accrescimento professionale e maturità. Anni in cui ho dato una svolta radicale a tutto il mio mondo precedente. Ci sono stati dei dolori importanti eppure così fondamentali e necessari che hanno contribuito a farmi diventare la donna che sono.
    Periodo 2010 - in corso. Cambia ancora il mio mondo, cresce il mio modo di sentire anche attraverso la nascita dei miei blog. Il confronto mi arricchisce, mi tempra.
    Insomma, la golden age credo sia una condizione mentale, non ha un parametro temporale circoscritto.
    È un tutt'uno con noi, con il nostro essere, con lo stare bene fuori e dentro. Per quel che mi riguarda, è il mio passato, presente e futuro.
    Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente, mi piace il tuo pensiero... all gold :)
      È così, dopotutto. Può essere così.
      La vita è questa, ogni periodo ha delle cose belle e delle cose brutte... ma tutto può comunque servire e soprattutto... siamo noi che possiamo fare in modo che il bello sovrasti il brutto.

      Moz-

      Elimina
  21. Un decennio è lungo! Sicuramente l'infanzia con i cartoni animati degli anni 80' è stato indimenticabile perché li guardavo con la mia famiglia da bambina... l'uomo tigre con papà e Candy Candy con la mamma! xD
    Sembra una cosa scema ma è un ricordo domestico che mi piace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti è bellissimo, sicuramente racconta tanto di te e di cosa hai provato... in quei momenti^^

      Moz-

      Elimina
  22. golden age: 1996-2006 (dalla terza elementare fino alla fine del liceo)
    silver age: 2008-2011 (i miei primi anni su internet)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia silver age potrebbe essere quella attuale, ma ci devo pensare^^

      Moz-

      Elimina
    2. Mi sono accorto di aver maltrattato l'anno 2007, usandolo come spartiacque fra i due periodi... è stato l'anno in cui ho iniziato l'università, ma anche l'anno dell'album "Time Out" di Max Pezzali, che mi fa ricordare delle cose belle... quindi riformulo, faccio un unico periodo di 15 anni dal 1996 al 2011 ;)

      Elimina
    3. però forse ho frainteso il senso di questo gioco, perché non è che non ci siano mai stati problemi o cose brutte in quel lungo periodo, anzi...
      del resto i problemi ci sono sempre, fanno parte della vita... però li ritengo lo stesso degli anni importanti per la mia crescita personale, nel bene e nel male :-)

      Elimina
    4. Sì, diciamo che io mi considero fortunato perché sono stati anni davvero LISCI, per così dire... dieci anni al top, fortunatissimi, ricchi.
      So che è una cosa assurdamente fortunata.
      Però ovviamente va benissimo anche come hai detto tu, e vanno bene i 15 anni :)

      Moz-

      Elimina
  23. Poche settimane fa su Prime ho rivisto quello che è il mio anime preferito ovvero Il Mistero Della Pietra Azzurra, ed è stato come ritornare ragazzino, tanto che mi posto una domanda simile.
    Io in quell'anno 1989/90 fui molto felice e così in molti di quegli anni quelli successivi, probabilmente sceglierei la tua stessa decade.
    L'unico rimpianto sarebbe la non esistenza di mio nipote, ma in compenso avrei di nuovo le infinite compagnie, le interminabili partite di calcio, i miei genitori entrambi vivi più altri parenti vari, cene e pranzi in giorni di festa infiniti, cartoni animati, film al cinema ed in tv ( che oggi guardo pochissimo ) ed il mio Amiga 500.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, purtroppo non tutti i pezzi attuali potrebbero esserci, se parliamo di passato... è purtroppo lo scotto da pagare.
      Effettivamente è un gioco, e la vita va avanti purtroppo e per fortuna, coi suoi avvenimenti...
      Bello, comunque, perché mi hai catapultato nella tua spensierata gioia.

      Moz-

      Elimina
  24. Mi poni una domanda molto complessa e che mi ha sempre messo in difficoltà. Guarda io sceglierei di rivivere il decennio 2010-2020 perché per me è molto significativo e rappresenta un periodo in cui ho lavorato molto su me stesso e ho scoperto moltissimo. Per me il passato è veramente una terra straniera come ti dicevo in un altro post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capito, beh... ci sta!
      Se è quello della tua rinascita, vale di più di qualsiasi altra cosa :)

      Moz-

      Elimina
    2. Rinascita è proprio la parola giusta

      Elimina
  25. Ci ho riflettuto e non credo di poter considerare un decennio completo definibile "magico"...
    Ci sarebbe il periodo d'oro della mia comitiva storica, ma è durato meno di 10 anni, così come i gruppetti che ho frequentato dopo, mai durati troppo a lungo... Le singole amicizie magari sì, ma i gruppi no.
    Potrei dire alcuni anni universitari, ma anche lì altro che "magico" come periodo! Se da un lato ho vissuto nuove esperienze e imparato cose che credevo mi potessero servire, dall'altro è stato qualcosa (argomenti e ambiente) che ho finito per odiare, incluse le carognate impunite subite per colpa dei mezzi pubblici: treni spostati a orari scomodi, autobus urbani che ogni anno allungavano stupidamente il percorso per effettuare fermate indicate come "Provvisorie" ma che sono state mantenute per anni!
    Ci potrebbe essere il mio periodo a Bari, di convivenza: sicuramente mi ha dato molto, ma mi ha anche portato l'aggravarsi delle condizioni dei miei genitori.
    Provando a considerare l'infanzia: col senno di poi era più una bambagia che un periodo "magico", dato che socializzavo pochissimo coi coetanei, con difficoltà a farlo negli anni successivi quando gli altri erano già più spontanei e smaliziati.

    Quindi no, non ho un periodo "golden" di 10 anni degno di nota, diciamo vari periodi brevi durati al massimo un paio di anni l'uno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, prendi dei momenti qua e là: ma ci sta, sono sicuro che, tutti sommati e messi di fila, potrebbero essere dieci anni magici.
      La cui forza ti auguro di rivivere sempre^^

      Moz-

      Elimina
    2. Certo, messi insieme 10 anni li coprono di sicuro. 💪

      Elimina
  26. Ciao Moz. Spesso il mio pensiero vaga nel passato alla ricerca del mio tempo migliore. Ho vissuto e ancora vivo una vita piena di gioie e molteplici interessi e qualche problema (Un tumore, forse vinto) e anche se da dieci anni oramai sono lontano dal lavoro che amavo, ma sono dieci anni di una altra vita bellissima e sono certo che il futuro mi riserverà ancora tante meraviglie e soddisfazioni, pertanto il mio tempo migliore deve ancora arrivare.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo, e sarà così: stiamo vivendo il nostro tempo migliore, a volte basta poco per cambiare tutto in meglio e spingerci a una vita piena e consapevole^^

      Moz-

      Elimina
  27. Dieci anni consecutivi della mia vita in cui quasi tutto è andato bene non me li ricordo... Mi piacerebbe rivivere i primi anni '90 però con la consapevolezza di oggi, ma sto andando fuori tema. La nostalgia più grande è per gli anni '70, ma è nostalgia dell'infanzia in effetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ma ci sta: non ci sono problemi se è nostalgia per l'infanzia, anzi.
      I primi anni '90 vorrei riviverli anche io, magari!!

      Moz-

      Elimina
  28. non so
    per certi versi direi questa, sono molto maturato dalle superiori e mi sono allontanato dalla forte sensazione di solitudine che mi teneva compagnia
    per altri direi alle elementari, il mio periodo più felice

    ma sono giovane, spero che ci saranno altre decadi molto più felici^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente ci saranno, e vedrai che avranno assieme la felicità delle elementari e la maturità avuta alle superiori^^

      Moz-

      Elimina
  29. Dal 9 novembre 1960 (elezione di JFK) al 20 luglio 1969 (primi uomini sulla luna).
    E in mezzo i Beatles, l'uomo ragno, lo scudetto al Bologna, il mensile Linus, le proteste contro la guerra del Vietnam e su questo non ho altro da dire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, ti sei scelto un bel periodo caldo, ricco di avvenimenti e nel pieno del boom^^

      Moz-

      Elimina
  30. Oltre al post di Miki ho letto tutti i vostri commenti e, non è bello da dire, ma vi invidio un po' tutti e tutte. Certo anch'io nella vita qualcosa di bello l'ho avuto, ma un intero decennio... no, decisamente no. I pochi momenti di gioia sono sempre stati "ben bilanciati" (si fa per dire) da lunghi momenti in cui la gioia o la spensieratezza erano rigorosamente lontani.
    Certo, nella vita ho avuto una grande fortuna: conoscere l'Amore, che in questo momento è a meno di due metri da me e si sta guardando un video su youtube sul suo pc. E' una grandissima cosa che forse vale tutto il resto. Però anche a me piacerebbe avere non dico un decennio, ma magari un quinquennio o un triennio da voler rivivere, ma non ce l'ho. Forse uno dei momenti più felici della mia vita è stato quando, già lavoravo da quasi dieci anni, mi sono iscritto all'università e sono riuscito a frequentarla per circa due anni e a dare alcuni esami. Ecco, lì ero proprio felice. Ma, appunto, un paio d'anni (1990-1992 scarso). Ecco un'altra cosa che mi viene in mente: quando ero molto piccolo, nella mia città natale, che mi sembrava bellissima, forse per qualche anno sono stato felice. Poi a otto anni ci trasferimmo in questa orrida città che detesto con tutto il cuore, nonostante ci viva da 52 anni...
    Poco fa, a cena, ho parlato con mio marito di questo post e dei vostri commenti e mi sono un po' intristito (p.s. è un momento difficile della mia vita per problemi anche di salute, sicuramente questo conta molto su come vedo il mondo in questo momento). Lui mi ha ricordato le belle cose che ho fatto nella vita, anche prima di conoscerlo. Un abbraccio fortissimo a tutte e tutti voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Orlando, sai che se potessi stringerti forte lo farei nonostante sto "cazzo' di virus? Sei una delle più belle persone che abbia incontrato sul web, seppur da poco tempo... come dicevo nel mio commento, la golden age è uno stato d'animo piuttosto che un periodo vero e proprio. Intanto abbi cura di te, tieni stretto tuo marito saggio com'è e le cose belle che avete insieme. Quello che conta. Ti abbraccio forte forte💛

      Elimina
    2. Ricambio l'abbraccio forte forte. Le tue parole sono preziose in un modo che non puoi immaginare, specialmente in questo momento. Ogni volta che interagiamo sul blog, con te mi sento sempre a mio agio: anche tu per me sei una delle persone più belle incontrate nel web.
      Grazie

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Orlando... che dire... ora sarà mio compito farti sorridere, con qualche altro post. Assolutamente :)
      Guarda, comunque io ti auguro una cosa: i momenti belli che citi, e che quindi ci sono stati, quella loro forza (l'università) o la spensieratezza (la tua prima cittadina) ti auguro di averli -uniti all'amore- da adesso in poi!!

      Moz-

      Elimina
  31. Difficile dirlo, dieci anni filati di gaiezza non me li ricordo proprio, la vita ha momenti belli, indimenticabili, altri brutti, da dimenticare, e non credo quelli belli siano tutti in fila, per dieci anni. Non esiste una decennio d'oro per me, forse 5 anni, dal '72 al '77, poi con le elementari è inizata la vita scandita da stupidi orari (prima giocavo nell'orto del nonno, c'era pure una piccola piscina). E poi credo che quel periodo storico sia stato bello, forte, deciso, impegnato, tra i migliori del Novecento. Mi piace pensare che mi abbia ispirato per il seguito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, sicuramente una forte impronta.
      Io lo vorrei aver vissuto, per tante cose (specie pop, ma sono così).
      Vedo comunque che ami impegno e... spensieratezza^^

      Moz-

      Elimina
  32. Ce l'ho! E ci ho pensato tante volte: il mio decennio d'oro è sicuramente dai 29 ai 39 anni, cioè dal 2001 al 2011, quando mi sentivo forte, bella, gagliarda, avevo un lavoro fichissimo in una importante casa editrice, mi sono sposata e ho fatto viaggi incredibili.
    Prima di quello ero: insicura, ancora alla ricerca di me stessa fra università e lavoretti vari, alcuni drammi familiari e situazioni pesanti. Viaggiavo lo stesso ma per fuggire e quindi godendo la metà della bellezza di viaggiare.
    Dopo quel decennio ci sono state cose bellissime e altre molto meno: é finito il lavoro fichissimo, mi sono dovuta reinventare, mi sono dovuta misurare con dei cambiamenti non facili da accettare, fare i conti con il fatto di non poter avere figli ma in compenso ho preso (quasi) piena consapevolezza di me stessa e fatto viaggi meravigliosi. Di quel decennio dorato invidio la leggerezza, la spensieratezza, le prospettive future e quella che pensavo fosse la piena realizzazione di tutti i miei sogni.
    Grazie Moz, mi è proprio piaciuto lo spunto per questa riflessione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che il post ti sia piaciuto, e che tu ti sia raccontata!
      Bene, riesci a isolare un periodo fortissimo, quello della formazione più concreta e decisa, di te stessa.
      Immagino che cambiare lavoro, specie se il primo era fighissimo, non è una cosa bellissima... anzi ti avrà scombussolata... ma penso anche che dall'energia di quei dieci anni puoi ripartire^^

      Moz-

      Elimina
  33. Ciao, la Golden Age che vorrei rivivere io è quella che, indicativamente, va dal 2000 al 2010, anno più anno meno, cioè dai poco più dei miei vent'anni ai pochi più dei trenta. Per quanto riguarda i miei miti, le mie passioni, la scoperta del mio "mondo", diciamo così, dovrei anch'io anticipare questo decennio e sotto certi aspetti, la spensieratezza per esempio, sarebbe pure migliore, ma comunque preferisco gli anni che ho indicato perché sono gli anni in cui forse mi sono divertito di più: c'era movimento musicale in giro, c'era fermento, c'era attività, c'erano viaggi (che faccio ancora, al di là del momento attuale che stiamo vivendo, ma lo spirito dei vent'anni era diverso), c'erano gli amori... è stato un periodo molto bello per me. Infine, se potessi, ci ritornerei anche per cambiare alcune scelte di cui porto il rammarico tuttora. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero che in quel decennio c'era più movimento (musicale e non solo...) anche per me. Pure più arte, pure più voglia di fare cose...
      Mi sono trasformato anche io, ma ritroverò quegli stimoli^^

      Moz-

      Elimina
  34. Mi sembra di avertelo già detto sul post che hai dedicato al decennio dei novanta.
    Mi ripeto ma per me sono stati la mia Golden Age.
    Son stati gli anni dove ho concretizzato i miei progetti, recuperato gli anni scolastici persi, ingresso nel mondo del lavoro a step.
    Indipendenza economica ..
    Son stati anni veloci pieni di tutto oltre a quello che ho scritto sopra , musica , compagnie divertimento...insomma spensieratezza.
    Cosa che non penso abbiano provato le generazioni successive alla mia , ma è vero quando si afferma che erano altri tempi.
    Son stato fortunato.
    Unico neo a fine del decennio la morte di mia nonna.
    Ma aveva 80 anni.
    Insomma ho metabolizzato.
    Ciao


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un finale amaro, che forse ha aperto al decennio successivo...
      Questi eventi che comunque stravolgono, sono sempre un punto tipo giro di boa.
      Vero comunque che erano altri tempi e le generazioni successive non l'hanno provato... diciamo che una cosa simile, alla mia generescion, successe coi primi anni di università :)

      Moz-

      Elimina
    2. Ti riferisci alla morte di nonna?
      No no ..per carità è chiaro che dispiace ma non mi ha stravolto niente nel senso che la vita ha continuato il suo corso , poi ognuno elabora il lutto a suo modo.
      Aveva 80 anni se ne è andata in modo veloce e indolore..ha vissuto una vita piena magari morissi anch’io in quel modo🤣
      Ti dico che mi hai fatto pensare a lei adesso che ne abbiano parlato qua e mi è scappato un sorriso ...ma basta.


      Elimina
    3. Sei molto razionale, è un bel modo di essere 😉💪

      Moz-

      Elimina
  35. Un decennio davvero importante per me è stato quello 2001-2010: militare, ho conosciuto quella che sarebbe diventata mia moglie, università, convivenza, Roma, Mondiale (scusa eh... ma ci metto anche questo!), prime pubblicazioni, tante belle vacanze con amici, e infine l'arrivo in quella che sarebbe diventata la mia città d'adozione, Modena. Sì, senza ombra di dubbio, decennio fondamentale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che anche io ho bellissimi ricordi di quel 2006, del mondiale... proprio spensieratezza totale, caos e bordello...
      Ma era anche ingenuità, da parte mia.
      Grazie per la tua testimonianza!

      Moz-

      Elimina
    2. Ho sempre preferito il mondiale 2002 in Giappone e Corea del Sud 😍, era una delle pochissime occasioni di vedere qualche scorcio del Giappone...
      Ancora non esisteva YouTube...

      Mikimoz il decennio 2000-2009 è stato diversissimo tra di esso... Soprattutto dopo il primo lustro.

      Nel periodo 2007-2009 avevamo tecnologie che io neanche immaginavo nel periodo 2000-2002, verissima questa cosa!

      Elimina
    3. del mondiale nippo-coreano avevo il gioco per PC, il primo che ho avuto di simulazione calcistica :)

      Elimina
    4. Anche io ho "vissuto" con più trasporto quel mondiale, con gli orari assurdi delle partite e una spensieratezza aggregativa mai vista...
      Vero per il Giappone... Io lo ricordo anche per Road to 2002 di Holly e Benji (ossia Forever)^^

      Moz-

      Elimina
  36. Seguo tantissimo questo blog anche se partecipo poco (credo 1/2 volte )
    Il mio decennio magico Va dal 1984 al 1992 saltando il 93 e il 94 ma inserendo il 95 e il 96,periodo che comprende la conoscenza con il gioco a base di robottoni e videogames, le scuole elementari, i miei compagni di classe, i lavoretti a scuola il magico natale anni 80 con la TV più bella in assoluto, poi il periodo delle medie le prime storielle con le ragazze ma anche quelle giornate invernali cariche di emozioni accompagnate da i cavalieri dello zodiaco in tv ma anche i giocattoli ,poi studio della musica e il 95/96 periodo Capellone rockettaro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e... GRAZIE!^^
      Eheh va bene anche col salto di quegli anni, per arrivare al 1996... vedo che comunque copriamo bene o male lo stesso periodo.
      E sì, il natale era magico, la TV stupenda, le giornate invernali avevano un altro sapore... quanto hai ragione!! **

      Moz-

      Elimina
  37. Per quanto riguarda sceglierei la decade marzo 1999 - marzo 2009.
    Il liceo, il vecchio gruppo di amici.
    Non che amassi il mio liceo, ma era un periodo in cui le preoccupazioni erano commisurate al livello di vita di un liceale. E gli amici dell'epoca, le cose fatte insieme, poi abbandonato per svariati motivi.
    E dopo l'università.
    Lì sono stato davvero bene, sono stati cinque anni e mezzo, che ho vissuto al meglio.

    Non ho particolare nostalgia dell'infanzia, anzi, mi stava pure un po' sul cazzo essere un ragazzino, meglio qualche annetto di più.
    Invece dopo quella decade le cose non sono andate benissimo... Ci sono state belle esperienze, molte legate all'attività lavorativa. Poi è arrivato pure il 2020, e ciau bale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io direi che all'epoca eravamo irresponsabili... anche se dovevi studiare, per esempio, non te ne fregava molto (per lo meno a me) cioè non ci si preoccupava delle conseguenze... bellissimo XD
      Eheh immaginavo che dicessi una cosa del genere,ossia che non amavi essere ragazzino, si vede che hai una impostazione "adulta" :)

      Moz-

      Elimina
  38. Direi il periodo 1999-2009, quella fase dalle medie all'adolescenza fino alla sua conclusione (diciamo la fine delle superiori anche se secondo me l'adolescenza finisce qualche anno dopo), è stato un periodo bellissimo, e mi piacerebbe riviverlo con le consapevolezze di oggi, ma forse è stato magico proprio per quello? Chissà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vedo come te: l'adolescenza finisce tipo sui 21-22 anni, ma poi torna... e lì son guai se non sai gestirla o se hai bruciato le tappe prima...^^

      Moz-

      Elimina
    2. P.s. sì, la magia sta anche nella spensieratezza che ci contraddistingueva... Con la testa di oggi non sarebbe lo stesso...

      Moz-

      Elimina