[RICORDI DEL PASSATO] la casa di mattina

 

Ciao Clockers!
Come vi avevo annunciato un paio di mesi fa (QUI), durante tutto il lockdown mi sono tornati in mente tanti ricordi del passato.
Situazioni precise, o reiterate, emozioni a valanga che mi hanno travolto e che ho voluto trascrivere.
Cose quotidiante, che immagino tanti di voi hanno provato: dopo aver parlato della sensazione che ci prende quando iniziamo una collezione (QUI), oggi vi propongo una sensazione legata alla casa e alla  mattina come momento della giornata.
La casa di mattina è fresca, luminosa e odora di pulito.
Ho ancora una concezione a ritmi scolastici della vita: così come l'estate sono e saranno sempre tre mesi di vacanza, il resto dell'anno nella mia mente significa che la mattina sei impegnato con lo studio.
E quindi sei fuori casa.

E se per caso sei rimasto a casa, è per (fingere) un mal di pancia o perché avevi la febbre.
E potevi vedere quindi tutte queste cose qui.
Ma c'erano pure delle situazioni speciali, magari scioperi sindacali o ponti particolari, che permettevano di rimanere a casa in quei nove mesi dove, di norma, dal lunedì al sabato sei in classe a schiumare su miriadi di materie.
La casa di mattina è una magia, perché avviene una volta ogni tanto.
Ha tanta luce, un tempo dilatato che passa più in fretta del pomeriggio.

I soliti giocattoli e i giornaletti assumono altra energia, quando sei bambino.
Dischi di musica, videogames e fumetti fanno lo stesso, da adolescente.
E andare a casa di qualcun altro, di mattina dal lunedì al sabato in quei nove mesi, è lo stesso: un mondo nuovo, a sé, dove non ci sono le persone di sempre (anche se magari ci sono), le ombre sono diverse, i profumi anche e i rumori sembrano ovattati.
C'è quiete, nelle case di mattina.
C'è una forza inedita.
E poi si sparge l'odore dalla cucina. Il pranzo è servito, e da quel momento è tutto come gli altri giorni.
Adoro la casa di mattina. Adoro la mia casa, di mattina.

30 commenti:

  1. La casa di mattina è una casa soprattutto domenicale, dai tempi dilatati, dal pigiama a oltranza, dallo sbrago indecente, dal farsi coccolare: una tendenza che tanti, troppi, perdono per strada, perché hanno perso proprio il significato di farsi coccolare. Figuriamoci da una casa poi..��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che almeno lo Smart working abbia fatto riapprezzare un po' la casa in orari insoliti... 🏡
      Hai ragionissima!! 💪🔥

      Moz-

      Elimina
  2. Verissimo Mozzo! Mi hai fatto tornare in mente pure a me tante sensazioni dimenticate.
    La casa di mattina era proprio un altro mondo.

    Comunque mi hai pure ricordato che il sabato si andava a scuola. Madonna che giorno di merda il sabato con la scuola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però il sabato si respirava già qualcosa di liberatorio... Era un'altra sensazione, magari perché già sapevi che potevi rimanere in giro, affanculo i compiti, te la godevo 🤓🧡
      Comunque la casa di mattina io la adoro... ha qualcosa di veramente particolare 🏡🤩

      Moz-

      Elimina
    2. Grizzlies Mangione18 mag 2021, 17:10:00

      Il sabato era il giorno più bello...
      Nulla a che vedere con l'insipido venerdì anglosassone importato da qualche anno (da quanti anni precisamente?).

      Elimina
    3. Non tantissimi ma neppure pochissimi.
      Comunque alcune scuole continuano a funzionare, di sabato.

      Moz-

      Elimina
  3. Grizzlies Mangione18 mag 2021, 09:15:00

    Post con spunti molto interessanti e dal sapore tradizionale :)

    Scuola dal lunedì al sabato! Ripeto dal lunedì al sabato non siamo anglosassoni...

    "scioperi sindacali"

    Diciamoci la verità almeno fino alle medie non capivamo bene cos'erano questi scioperi... per noi molto... Benefici!

    Anche per me i tre mesi estivi sono e saranno per sempre in ottica vacanza... Giustamente oggi non lo sono più ma rimangono almeno nel nostro immaginario periodo di vacanza :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ricordo certi scioperi o riunioni sindacali di maestre e professori alle medie; poi al liceo gli scioperi -per qualunque cazzata- li facevamo noi.
      La pace, la guerra, i termosifoni spenti il 14 maggio, la riforma Berlinguer (vero primo distruttore della scuola pubblica, a cui si sono avvicendati i fenomeni che hai citato ieri), i libri di testo nuovi, ecc ecc... XD
      L'estate? Per me sempre vacanze anche se lavoro, ma lavoro con altro spirito^^

      Moz-

      Elimina
    2. Grizzlies Mangione18 mag 2021, 12:50:00

      Come sempre non metto in mezzo le superiori altrimenti ci vogliono un camion di antidepressivi per calmarmi :)

      Parlo solo delle medie.

      Certo che ricordo gli scioperi ma all'epoca non seguendo la politica non approfondivo la questione...
      Non dimentichiamoci che gli scioperi erano per i prof, gli alunni dovevano andare a scuola in ogni caso...
      Ricordo anche rare giornate con scioperi più ridotti del tipo: Si entrava a scuola alle 10:00 rispetto alle 8:00 oppure uscita anticipata alle 11:00 piuttosto che alle 13:15, altre volte invece in giornata di sciopero dovevi sperare che qualche prof non si presentava...

      Elimina
    3. Esattamente, era proprio così: ma capitava anche che non si entrava per niente, oppure siccome si facevano max due ore, i genitori decidevano di non mandarci a scuola... e lì scattava questa mattinata MAGICA^^

      Moz-

      Elimina
  4. Prima di iniziare il percorso della scuola dell'obbligo, per me la mattina era l'inizio delle "trasmissioni": come un palinsesto televisivo, alternavo giochi fatti coi Lego (costruire ma anche creare storie coi personaggi che avevo già creato) a giornaletti, disegni e caricature su quaderni che tenevo su un centro tavola in soggiorno a visione di cartoni animati... E andava così anche nel pomeriggio, dopo la "pausa" pranzo, salvo che non si facesse visita a qualche amico di famiglia o parente. Il tutto, sebbene avesse un fascino tutto suo e mi permettesse di sviluppare la mia fantasia, mi teneva isolato dai coetanei, a parte un bambino che abitava nella stessa palazzina, la cui famiglia però andò via durante le elementari.

    La scuola ha ridotto questo mio "mondo" al solo pomeriggio e talvolta alla sera; la scuola, imponendomi una sveglia a prescindere da quanto sonno avessi fatto, ha iniziato a farmi odiare la mattina.
    E adesso, che è "tardi", quando ho delle pause tra un lavoro e l'altro, torno spontaneamente a un "mondo" simile a quello, del quale restano le letture mentre ai Lego si sostituiscono le risorse informatiche. E l'isolamento/solitudine, c'è ancora, e più integrale di prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh anche per me, andato pochissimo all'asilo.
      Era il mio regno, coi Masters e i Lego.
      Io amavo condividere la mattina con gli amici... andare a casa loro o loro che venivano da me, gli odori della loro casa, poter progettare cose che durassero TUTTA LA GIORNATA.
      Oggi la casa di mattina è ancora quiete, preparativi, luce e sole.
      Poi d'estate è diverso, ma quello è proprio un altro post^^

      Moz-

      Elimina
  5. Nei miei ricordi la luce e la frenesia (nel senso positivo del termine) sono legati soprattutto al mattino, la quiete e la riflessione al pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse perché nel pomeriggio ci sono i compiti da fare... XD
      Ma sai che, ora che ci penso, se avevo la mattina libera a volte anticipavo i compiti per essere libero nel pomeriggio??

      Moz-

      Elimina
  6. Anche io adoro la casa al mattino perchè c'è la potenzialità di una intera giornata di cose da poter fare, oggetti da spolverare, manga da riordinare, cianfrusaglie da riesumare! Peccato che io abbia essenzialmente solo la domenica per vivere questo momento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh esatto... la domenica però è di default, praticamente... non c'è quella magia perché è una cosa canonica.

      Moz-

      Elimina
  7. Periodo della scuola soprattutto, e non vedevo l'ora di tornarci a casa :D

    RispondiElimina
  8. Davvero. Hai descritto benissimo quelle sensazioni speciali che si prova da piccoli. Mi mancano quelle mattinate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie bro!! Sono sensazioni per me indelebili!!**

      Moz-

      Elimina
  9. Di quando ero bambina ricordo poco, mi svegliavo presto e le giornate erano scandite dalla scuola e dai compiti. Ho ricordo delle mattine dei giorni di festa, passati in parte a pulire e ad aiutare mia mamma in cucina. Per cui portefinestre aperte e tanta luce in casa. E poi fiori sui balconi di casa. Saranno la ragione per cui non ne posso fare a meno.
    Continuo ad amare il tempo che passo in casa quando non sono al lavoro. Preferisco sempre le ore mattutine, sono quelle che riescono a donarmi la serenità di cui ho bisogno per affrontare la giornata. Cosa preferisco? Fare colazione sul mio balcone e perdermi guardando Milano all'orizzonte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco, il tuo balcone è molto piacevole, dà un senso di pace. Ha luce e colori, e sicuramente la derivazione dei fiori viene dal tuo passato!

      Moz-

      Elimina
  10. Vedo che anche tu sei un nostalgico. Non mi aspettavo niente di meno da un eterno dodicenne.
    Il ricordo del sole che entra dalla finestra nelle mattine d'estate senza scuola, con mille possibilità per la giornata, è un qualcosa che non posso dimenticare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yeah! Poi le mattine d'estate le vedremo nello specifico: anche lì ho ricordi molto precisi, casalinghi e non.
      Ma il sole, la luce... beh, quello c'è sempre... Peccato dover stare rinchiusi a scuola senza poterselo godere.

      Moz-

      Elimina
  11. a me paradossalmente le mattine in casa in periodo autunnal-invernal-primaverile hanno sempre dato un senso di disagio e ansia.
    innanzi tutto mi sembrava di essere fuori posto, come se avessi marinato la scuola, e al massimo le ricollegavo alle assenze per motivi di salute che di certo non erano piacevoli.
    la cosa non è cambiata neanche adesso che lavoro nè tanto meno nel periodo dell'università...avevo sempre la sensazione di essere fuori posto, come uno che marinasse gli impegni in senso lato o, peggio, come uno sfaccendato...tanto che quando resto a casa, di mattina, fatico anche ad uscire per fare la spesa perché mi sento come se fossi disoccupato o sfaccendato-scansa fatiche.

    ergo...mai amato le mattine, se non nei periodi estivi (ma solo fino al periodo del liceo, con l'università le odiavo anche)...

    invece ho sempre apprezzato il tardo pomeriggio e le sere e ho sempre , stranamente, apprezzato i pomeriggi di fine autunno e inizio inverno perché mi piace il fatto che faccia buio prima...

    sono strambo lol

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe significa che sei un tipo crepuscolare, innanzitutto.
      E poi, particolare quel che hai detto di sentirti sfaccendato (cosa che io adoro: l'ozio, otium vero e proprio) quindi vuol dire che sei un tipo molto laborioso^^

      Moz-

      Elimina
  12. La casa di mattina è sempre stata una casa affaccendata, così me la ricordo sia da bambina/ragazza che da sposata, con un continuo andirivieni di persone, mille cose da fare, da organizzare, da "incastrare" per tutti e ciascuno; preferisco di gran lunga la casa di sera, quando dopo una giornata intensa di cose fatte tutto ritorna tranquillo e pacato: una meraviglia.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah vedi tu, l'esatto contrario: per me è la casa di mattina a essere calma, poco frenetica...^^

      Moz-

      Elimina
  13. Ah ok. Pensavo ti riferissi alla casa in senso letterale (e ti avrei raccontato che casa di mia nonna era sopra un panificio, per cui la mattina ti svegliavi con l'odore del pane caldo), invece stai parlando in senso figurato, la casa come situazione ambientale.
    In questo caso il ricordo simile ai tuoi fu quando in quarta liceo rimasi a casa per credo uno sciopero sindacale e diedero Quella pazza giornata di vacanza. Coincidenza memorabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha anche casa dei miei nonni è sopra un panificio (dei miei nonni XD).
      Sì, situazione generale: proprio il concetto di stare a casa in orari non ordinari, esattamente come quello che hai citato... e ci scappa un film!

      Moz-

      Elimina