[CARTOON] Masters of the Universe: Revelation (parte 1), la recensione (no spoiler)



Dopo 40 anni il Potere è tornato!
E anche se non sono 40 anni che lo attendo, perché ne ho di meno, sono comunque 40 anni che lo aspetto: il Potere è tornato, ma non è in questo Masters of the Universe: Revelation.
Revelation, la Rivelazione. Che è il nome dell'Apocalisse.
Perché sostanzialmente è questo quello che succede: la fine dell'Universo.
Masters of the Universe: Revelation è disponibile su Netflix coi suoi primi cinque episodi...

Dopo un primo episodio da sballo, che è davvero tutto ciò che un fan dei Masters vuole o avrebbe voluto, ci addentriamo nel cuore della serie.
Una storia di un viaggio, dove qualche tempo è passato dalla battaglia finale e tante cose da allora sono cambiate.
Kevin Smith dimostra di conoscere bene l'universo dei Masters e infatti riempie gli episodi di omaggi e citazioni (nomi, oggetti, persino razze), ma a volte stravolge inutilmente il tutto a partire da mitiche location.
Il trailer e il primo episodio, che inizia con una summa di illustrazioni storiche, sono uno specchietto per le allodole: la serie prende immediatamente una svolta diversa, con Teela superstar (e non c'è niente di male, almeno all'apparenza) e un viaggio irto di pericoli e inattese alleanze che però, a conti fatti, ricorda opere tipo il film Turbo dei Power Rangers piuttosto che qualcosa di veramente epico.




L'impegno c'è e si vede, ma si vede anche che Smith e compagni hanno dovuto pagare pegno alla deriva moderna: pur non trasformando tutto in una rilettura à la She-Ra by Netflix (QUI), il telespettatore più smaliziato comprenderà subito che Revelation nasconde un distorto messaggio femminista.
Il primo episodio mette in scena il duello finale tra He-Man e Skeletor, campioni di machismo (tanto che Faccia d'osso offende Teela in questo senso); dal secondo episodio in poi è tutto un girl-power che però non serve.
E non serve perché i Masters (e nella loro forma completa che ingloba anche le Principesse del Potere) sono sempre stati un'opera fortemente inclusiva, dove donne e uomini (e mostri) hanno avuto tutti pari opportunità, votati al bene o al male.





Che Teela fosse una guerriera formidabile non dovevano ribadirlo, e non serviva un taglio di capelli vagamente lesbo (sì, dai) e un'amicizia speciale con Andra per dare qualche sottotesto da probabile fanfiction: i giapponesi lo fanno da anni e lo fanno meglio.
Né serviva il pippotto melodrammatico di Evil Lyn riguardo la sua relazione con Skeletor, dove lei ammette di essersi annullata per un uomo tossico.
Non serviva perché Evil Lyn è invece già sempre stata un Dominatore, capace di tenere testa a Skeletor e di muoversi alle sue spalle o anche sopra di lui.



Il vero problema sta nel fatto che, per far risaltare (in modo forzato) le donne (che risaltavano con naturalezza già di loro), hanno dovuto depotenziare gli ingombranti maschi alfa della storia: protagonisti assoluti solo della prima puntata, quasi spariscono altrimenti le altre stelle non brillano, ma solo perché raccontate in modo istericamente femminista.
Un tempo funzionavano benissimo, tanto che pure i maschietti ne acquistavano le action figures senza accostarle alle più femminili Barbie.
Purtroppo questa mossa toglie ciò che un appassionato dei Masters cerca e vuole: He-Man colosso forzuto e Skeletor potente stregone: forse ci rifaremo con la seconda parte...




Bello il confronto con Scareglow, qualche attimo del quinto episodio e anche la sequenza con Lyn e Orko (quest'ultimo doppiato egregiamente da Fabrizio Mazzotta, che è anche direttore dell'azzeccato doppiaggio).
Però sul resto si rimane un po' scontenti: un ennesimo canone narrativo, personaggi che da bianchi diventano inutilmente neri (perché davvero è inutile, oltre che razzista), e cambiamenti senza senso.
Avere un'ampia storia già bella e pronta (leggila QUI) poteva servire per raccontare, finalmente, una grandiosa trama sui Masters. Di cui Revelation poteva anche essere una piacevole saga.





Invece si sceglie ancora una volta di creare un nuovo filone, che colora personaggi a caso come Re Grayskull e Andra, un tempo bianchi.
Se il primo è molto più funzionale nel fumetto prequel, la seconda è una co-protagonista d'eccezione: in entrambi i casi si tratta di due nuovi personaggi sprecati, perché se non fossero stati i surrogati dei veri Re Grayskull e Andra sarebbero stati ottimi innesti in un già mitico parco di guerrieri.





Emozionante vedere animati He-Ro, Wundar, Clamp Champ, Blast Attack e Scareglow; interessante la trama che riguarda Tri-Klops e i suoi accoliti.
Shockanti per i fan alcuni avvenimenti.
Ma Revelation è anche un po' una delusione, per chi i Masters li ama da sempre come me.
Perché i Masters non hanno bisogno certe trovate.
Non quando sei sempre stato l'opera più inclusiva, girl power, lgbtq+ e figa di sempre.




Revelation, che ricorda un po' tutto il passato ma guarda molto alla serie 200x e al design dei giocattoli della linea Classics, è per ora un'occasione (l'ennesima) mancata.
Vedremo con i prossimi cinque episodi.
Di certo è un prodotto che i fan di He-Man e soci potranno godersi molto più di chi è digiuno di qualsivoglia conoscenza sui Dominatori di Eternia, ma anche i nuovi spettatori potranno apprezzarla senza alcun problema... anzi magari non conoscendo cose che gli appassionati già sanno (come certi segreti o certi "disguise" di personaggi), sapranno godersi le sorprese.




Dopo 40 anni il Potere è tornato, sì, ma non è qui.
Piuttosto cerchiamolo nelle action figures Origins, che non hanno dovuto cambiare nemmeno il logo sulla pettorina di He-Man.
Una linea dove mi piacerebbe vedere anche il Re Grayskull e l'Andra di Revelation, perché meritano, ma magari chiamandoli in un altro modo e dare giusta dignità a due personaggi che spaccano.
Concludendo: l'ampia sufficienza c'è, ma anche un po' di delusione.

LEGGI ANCHE

67 commenti:

  1. Forzare le cose allontanandole dai canoni, anche stavolta. 😢

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo sì, e la cosa che più mi è dispiaciuta è la rilettura di due luoghi/mondi... non so perché ora usati in un certo modo assurdo...

      Moz-

      Elimina
  2. mi è già passata la voglia di vederlo :P

    invece mi aspetto un secondo post con tutte le citazioni e le strizzatine d'occhio che solo MikiMoz può notare :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di vederlo ne vale la pena, perché comunque è un buon prodotto.
      io mi aspettavo di più ma soprattutto maggiore aderenza (personaggi negrizzati a parte). Primo episodio epico, quinto molto bello nonostante tutto... Citazioni? Purtroppo una ho finito per odiarla perché mi hanno stravolto Preternia... 😰😂

      Moz-

      Elimina
  3. Io lo sapevo... >:(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però alla fine di tutto è comunque da vedere, eh...! 👍

      Moz-

      Elimina
    2. Bah, le premesse dell'anteprima mi avevano gia messo in allarme lesbo-femminista, ma la tua recensione ha ucciso ogni mia pissibilità di dargli una possibilità.

      Ma dico io, è così difficile e davvero tanto brutto seguire il modello originale che è ancora L'UNICO CHE VENDE; perchè ha 'sta storia del pubblico "multiculturale", "sensibilmente femminista" ed altro ciarpame mediatico NON CI CREDE DAVVERO NESSUNO, per il semplice fatto che NON E' la fetta di pubblico che compra essendo una sparuta infinetesimale cagatina di mosca.

      Elimina
    3. No, ma più che altro queste persone comprano comunque cose belle, il prodotto originale.
      Non si sentono rappresentate da storie con certi stravolgimenti!
      Però comunque la serie merita, non è lesbismo vero e si resta nei canoni, almeno in tal senso... 👍

      Moz-

      Elimina
    4. Il punto è che in queste minoranze sono POCHE le persone davvero appassionate, o comunque che fanno cassa, ed anche queste (indovina un pò) cercano quasi sempre la roba originale e non stravolta.
      Per questo dico che anche dal punto di vista del marcketing sono operazione che vanno OLTRE il ridicolo... rovini il prodotto, non piace praticamente a nessuno, infastidisce, non vende e non ne ricavi introiti; allora perchè ostinarsi a perseguire?!

      Elimina
    5. Vallo a capire... spero che si possa tornare indietro.
      Intanto ci sono prodotti che fanno le cose come si deve, come Fields of Eternia, il gioco di società.

      Moz-

      Elimina
  4. Ma è uscito ieri, ti sei già guardato tutti gli episodi?!
    Io mi sono limitato al primo, e mi è piaciuto, ne guarderò uno per volta insieme a mio figlio, è piaciuto anche a lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, visti tutti... Alla fine sono pochi, due ore e via.
      Il primo episodio è bellissimo 💪

      Moz-

      Elimina
  5. Immaginate la continuazione di uno show che si chiamava letteralmente HE-MAN and the Masters of the Universe diverso da qualsiasi altra cosa che Hollywood sta proponendo in questi giorni abbracciando effettivamente la mascolinità e aiutando i ragazzi a rendersi conto che sono la spina dorsale di ogni società funzionante, invece di dire loro quello che gli viene già detto ovunque cioè di vergognarsi di chi sono e chiedere scusa in ginocchio per cose che non hanno mai fatto o avuto intenzione di fare.

    Ma perché dovresti, quando puoi fare ciò che tutti gli altri stanno già facendo: l'ennesimo spettacolo sull'"empowerment femminile", che sarà applaudito dai media per quanto è "progressista e coraggioso"?

    E intanto io mi chiedo che intrattenimento hanno i ragazzi oggi? Seriamente, potete nominarmi una serie per bambini/ragazzi con un protagonista maschile che non sia un idiota che ha bisogno di segnalare quanto i compagni femminili siano fantastici e migliori? O anche solo un protagonista maschile? È tutto un "ragazze eroine, perfette e Mary Sue o niente". Hanno distrutto e demonizzato tutte le cose che rendono unici i ragazzi (parlo a voi Netflix e Disney). Ma anche le ragazze, che nella loro ottica dovrebbero essere sostenute ma qui mi pare le si incoraggi solo ad "essere come i maschi e fare quello che di solito fanno i maschi". Non c'è posto per valorizzare la bellezza femminile, quello è "sessismo".

    Ed escludo che questa non sia stata l'intenzione di Smith fin dall'inizio. Parliamo del tizio che voleva fare un film di Superman dove l'eroe numero uno vestiva di nero, non volava e andava dallo psicologo. Per me è evidente che è uno di quelli che pensa che il decostruzionismo post-moderno e grimdark dei personaggi significhi "fare storie profonde e mature". Come Bendis o Martin. Non ho mai capito cosa c'era di garanzia nel suo nome.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avrei saputo dirlo meglio.
      A me pare che tutta questa "inclusività" finisca per "escludere", è triste vedere che per combattere un vecchio stereotipo se ne impianti uno nuovo.
      Ma poi per il Fantasy non c'è proprio bisogno di questo neo-femminismo d'accatto: persino Conan, er più dei Macho men, fin dagli anni 70 ha la sua Red Sonja.

      Elimina
    2. Se gli importasse davvero dell'inclusività e del femminismo, Gina Carano non sarebbe stata licenziata..

      Elimina
    3. Mi sa che per trovare storie ancora "pure", con maschi e femmine senza tante manfrine e egualmente eroi, ci si deve rivolgere al Giappone. Forse.
      Peccato solo per una cosa: i MOTU non hanno bisogno di tutto questo.
      Le donne sono veri Masters potente quanto e a volte più degli uomini, vedi Sorceress, Teela e Evil Lyn appunto; per non parlare di She-Ra e tutte le principesse del Potere.
      Senza citare anche tutti i personaggi femminili secondari, streghe (Shokoti, per dirne una), guerriere (Huntara, dio mio!**) e tutte le altre.
      Non capisco perché dover sminuire gli uomini per far risaltare donne che di loro risaltavano già: è un processo malato e anti-femminista, svilente per ogni donna.

      Moz-

      Elimina
    4. Eh sì, gli anime e in generale il fronte non occidentale è l'unico modo per trovare storie che non siano propaganda becera.
      No, i MOTU non ne avevano bisogno ma non ne aveva bisogno nessun franchise. O l'umanità in generale.

      Elimina
    5. Gina Cararo, anche se è una donna che mena, per questi psicopatici ha ancora dei grossi "difetti"... è bianca, eterosessuale e probailmente pure cattolica; se ci aggiungiamo che poi ha idee neo-conservatrici e neo-repubblicane è quanto basta a questi per vederla peggio di Trump.
      "Peccato solo per una cosa: i MOTU non hanno bisogno di tutto questo."
      Ma alla fine io vorrei sapere CHE COSA ha bisogno di tutto questo... parlano dei prodotti di un paio di decadi fa manco fossero usciti dagli anni 50.

      Elimina
    6. I Motu nello specifico, visto cosa sono sempre stati! 🤓👍

      Moz-

      Elimina
    7. Non ho scritto niente su Revelation per tre motivi.
      Primo - Avevo già espresso il mio scetticismo e la mia diffidenza per Kevin Smith due anni fa e le mie deduzioni si sono rivelate corrette, quindi perchè ripetermi?
      Secondo - Impedimenti fisici
      Terzo - Volevo anche stare in disparte a vedere l'hype ingustificato frantumarsi male e non sono rimasto deluso.

      Vorrei aggiungere e sottolineare nello specifico solo un piccolo dettaglio riguardo la Teela Filmation (dico lei perchè è quella più conosciuta ed è lei alla quale pensato in negativo i progressisti): appare in più del 95% degli episodi; scalcia culi nei limiti nei quali tutti i personaggi della serie filmation potevano fare; ultima ma non meno importante lei era il Capitano delle Guardie.
      Praticamente lei ricopriva una delle cariche più importanti, prestigiose e di responsabilità del regno di Eternia. Porca puttana io non so che serie abbiano visto per pensare che Teela fosse trattata da personaggio di secondo piano o che necessitasse una rivalsa (perchè si tratta sempre di rivalsa)

      Elimina
    8. E vogliamo parlare di Evil Lyn? TERRIBILE e SVILENTE (specie per chi all'epoca lavorò sul personaggio, continuando negli anni 2000 e oltre) farle dire che è sempre stata succube di sSkeletor, annullatasi per lui e che non era una vera Dominatrice.
      Ok, quali Masters avete visto/letto finora?
      Asserire una cosa simile significa non conoscere NIENTE, nemmeno le basi, dei Masters.
      Sui punti:
      1- vero, lo avevi detto ma Smith ha mentito;
      2- spero sia tutto ok;
      3- l'hype l'hanno creato puntando su cose che effettivamente sembravano essere i Masters.

      Moz-

      Elimina
    9. Assolutamente. Comunque già Evil-Lyn con i muscoli non era un bel segnale riguardo la loro comprensione del personaggio (o di che cosa sia un mago in generale), ma hanno decisamente superato le aspettative (in negativo, si intende) XD

      Elimina
    10. Ahaha sì... anche se il look col pellicciotto mi piace, non ho capito perché farla mascolina... o meglio, il perché l'ho capito XD

      Moz-

      Elimina
  6. Spero che questa ennesima delusione abbia finalmente fatto comprendere che ormai non è più possibile scrivere una storia libera da proclami, propaganda femminista e inclusività sessuale. Poveri bambini dell'anno 2021! Ad ogni modo gaurderò la serie, ma senza aspettarmi nulla e 200X resta la cosa migliore fatta fino adesso sui MOTU (forse l'ultima, visto che ormai roba del genere non credo la vedremo mai più e in special modo su un circuito paradossalmente "filtrato" e "controllato" da chi vuol veicolare certi messaggi come Netflix)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, per ora serie 200x in animazione e canone Classics come minicomics e bio, le cose migliori sui MOTU.
      Penso sarà bello anche il gioco di società che si baserà proprio sul canone Classics.
      Non ci vuole molto.

      Moz-

      Elimina
  7. Ho vito la prima puntata al momento e non mi è dispiaciuta..certo dovrai fare sicuramente dei post "spoilerosi" in cui spieghi tutti i riferimenti e i personaggi, non sono così ferrato sulla saga per averli afferrati tutti :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, avevo in programma un post dove fare le pulci ai cinque episodi della serie^^

      Moz-

      Elimina
  8. Visti i primi due episodi.
    Non mi sta piacendo, l'unica cosa interessante è la dinamica dei combattimenti dato che avevo indovinato subito l'identità della "vecchia", e che un braccio sinistro diventa un braccio destro dopo essere stato staccato; penso che non andrò oltre.
    Netflix continua ad ammazzare brand, sembra Fred Freiberger reincarnato, il maledetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vecchia Magestra è purtroppo sgamabilissima perché è una dei disguise di Evil Lyn sin dalla serie Filmation (lì però era giovane)...
      Non ho notato il braccio, argh XD

      Moz-

      Elimina
    2. Fred Freiberger, vero! Meno male che non ha inserito nei masters una power girl aliena mutaforma con la faccia da orsetto lavatore ... :D

      Elimina
    3. ... E un maschio italiano idiota che cerca di fabbricare birra sintetica!

      Elimina
  9. Sono totalmente d'accordo con la tua analisi. Avevo l'hype alle stelle per questa serie, ho davvero contato i giorni per poi restare piuttosto deluso. Non sono neanche convintissimo della trama, l'Universo dei Masters, meritava un sequel migliore, una storia migliore. Come dici tu, una vittima del mondo moderno probabilmente che pretende, senza alcun motivo, di rendere Re Grayskull nero e Teela protagonista di una serie di cui non è mai stata protagonista. Sicuramente, nei prossimi episodi, ci sarà il ritorno di He-Man e la storia si sposterà (finalmente) sullo scontro tra He-Man e Skeletor. Dopo aver visto i primi 5 episodi, l'hype è andato a farsi benedire (da Sorceress probabilmente visto che Kuduk Ungol l'hanno resa una barzelletta) e, quindi, vada come deve andare. Per me bene animazione e doppiaggio e, nonostante la delusione, voglio comunque ringraziare Smith perchè almeno, come omaggio, ha funzionato e ci ha riportato tutti indietro di 40 anni. Gli Origins sempre siano lodati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, e ti dico che non sono contrario ad archi narrativi con altri protagonisti.
      Teela ha avuto le sue storie, ad esempio quando scopre parte del suo passato... e non c'è mai stato bisogno di annullare i protagonisti maschili per farla risaltare.
      Lei è un Master, come Evil Lyn, punto.
      Occasione sprecata.

      Moz-

      Elimina
    2. Absolutely. D'accordissimo sia su Teela che su Evil-Lyn. Si poteva lavorare a una serie più lunga con più archi narrativi in cui si potevano approfondire i tanti personaggi, avrebbe reso tutti entusiasti (soprattutto le storie di King Grayskull, He-Ro, Oo-Lar, ScareGlow per me e mi rendo comunque conto che è chiedere troppo). Mi sà che mi accontento del fatto che, ScareGlow, ce l'hanno almeno mostrato in modo abbastanza buono :)

      Elimina
    3. Anche se, a quanto si intuisce, è come un fantasma del fu Skeletor... non un personaggio a sé... peccato, perché anche questo è stato riscritto.

      Moz-

      Elimina
  10. Ho visto due puntate e da quello che scrivi (con cui sono d’accordo) capisco che andremo avanti in un certo modo artificioso fino alla fine della serie.
    Il primo episodio è spaziale, autoriferito, potente ed emozionate.
    Peró poi… boh
    Mi chiedo: se dovessi dire che non mi è piaciuta una serie fatta in questo modo corro il rischio di passare per sessista?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto ti daranno del sessista e razzista comunque :) lo fanno sempre

      Elimina
    2. Mick, ti diranno che sei sessista e razzista perché non si rendono conto che invece è chi esalta queste cose a esserlo, sotto sotto.
      Si tratta di stravolgimenti isterici e tossici, e prima ancora persino inutili, fatti giusto per.
      Se Teela deve risaltare solo annullando i protagonisti maschili, capite che c'è un problema; specie perché lei risaltava già di suo DA SEMPRE, è sempre stata fortissima e destinata a grandi cose.
      Se hanno bisogno di colorare di nero due personaggi a caso, creando surrogati degli originali e sprecando due potenziali nuovi personaggi fighissimi, capite che è da malati mentali anche solo supportare questa cosa o far finta di niente.
      Non è inclusività, è follia.

      Moz-

      Elimina
    3. Cioè fanno fuori i guerrieri maschi e poi a lei danno il titolo di Man-At-Arms?

      Elimina
    4. A Jane Foster hanno dato il titolo di Thor sebbene non sia affatto un titolo ma un NOME e di genere maschile.. non si sono mai lasciato fermare dalla logica.

      Elimina
    5. Premesso che nessuno mi da del sessiata o razzista perchè mininpegno a frequentare persone intelligenti che sanno interpretare quello che dico.
      Sottolineo e condivido la definizione di isterici e tossici per quei comportamenti generalizzati e basati sempre più sull’esclusione mentre chi li assume chiede inclusione.

      Elimina
    6. E nemmeno se ne rendono conto.
      Io se fossi donna, sarei incazzato e deluso: due guerrieri cazzute, che sono sempre state tali al pari di He-Man e Skeletor, devono qui venire raccontate in modo atrofizzato pur di risaltare, con in più lo svilimento di quasi tutti gli uomini, altrimenti non brillano.
      Non è parità, tutto il contrario...

      Moz-

      Elimina
    7. Fraintendete le loro intenzioni, quando il femminismo intersezionale prende possesso di un franchise non è che un dispettoso tentativo di toglierci qualcosa. Gli hobby sono un pretesto, sono un mezzo propagandistico, si infiltrano negli hobby per raggiungere il pubblico più ampio e infiltrarsi nelle loro menti, come ho detto, sono interessati solo alla loro ideologia, non gli interessa che facciano storie che gli possano piacere, infatti nessuno di loro alla fine della fiera comprerà questi prodotti ma l'importante è che i MOTU, la Disney, la Marvel o chi per lui metta fuori il loro messaggio per plagiare le menti, che le storie possano piacere o meno ai fan è irrilevante.
      Credono davvero che i MOTU originali fossero sessisti o razzisti per esempio ma lo pensano di tutto l'Occidente, vogliono sovvertire l'intero sistema.

      Elimina
    8. Eppure i giocattoli li hanno fatti, e penso stiano vendendo più di quelli dela remake di She-Ra...

      Moz-

      Elimina
    9. Non è che ci volesse poi molto in quel caso... !

      Elimina
  11. Caro Moz ogni promessa è debito ed io ho mantenuto la mia.
    Ho visto la serie Revelation e per me che sono praticamente a digiuno , completamente virgo della serie classica , moderna , post moderna e derivati …ti devo dire che mi è piaciuta molto.
    Ho letto i commenti precedenti ..e sinceramente tutti sti problemi perché le donne son più cazzutte dei maschi non me li son posti.
    Quando ho visto Re Grayskul Moro ho pensato subito a te…ahaha , vuoi vedere che a Moz sta cosa gli sta sui coglioni?
    Ma non perché sapessi che detto re nella mitologia del MOTU fosse bianco eh..!
    L’ho solo immaginato ahahaha!!
    Confesso che non mi ha dato fastidio la cosa .
    Come pure il fatto che Andra sia nera non mi ha fatto né caldo ne freddo.
    Il fatto che sti cinque episodi siano soprattutto girl power non esclude che i rimanenti episodi possano ribaltare le carte in gioco bilanciando il ruolo dei maschi.
    Beh..non mi son parsi tanto mollicci neppure quei pochi visti in questi cinque episodi.
    Teela con i capelli sciolti e poi rasati sembra più giovane e bella della versione classica.
    La strega morosa di Skeletor secondo me negli episodi rimanenti lo tradirà, staremo a vedere se ci ho azzeccato!!
    Cuao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' perchè tu sei uno zerbinc dominato dal senso di colpa bianco, sennò ti saresti giustamente incazzato pure tu...

      Elimina
    2. @ ma i sensi di colpa de che?
      Se la serie è la prima volta che guardo.
      😂🤣

      Elimina
    3. Bene! Ma infatti la serie è carina, anche se ha molti problemi di trama secondo me.
      I cambiamenti, io che sono fan storico, non li digerisco perché non hanno senso... Che senso ha fare neri due bianchi o cambiare alcune location?
      Però contento che ti sia piaciuto, il girl Power ci sta ma loro erano già toste da sempre (senza necessità di queste derive).

      Moz-

      Elimina
    4. Non so Moz .
      Io ti dico che non mi sento “violentato” perché cambiano il colore di pelle a certi personaggi o addirittura li reinventano stravolgendone il loro passato.
      L’han fatto per personaggi che amo pure io.
      Adesso non conoscendo lo storico di He-man da nuovo “ fan” posso solo dirti che la serie mi è piaciuta.
      Capisco il risentimento dei “vecchi” fan ma non lo condivido.
      Stare troppo attaccati al passato non è mai cosa positiva.
      Qui poi stiamo parlando di un cartone animato che a mio avviso sta “ subendo “ un tentativo ( giusto o sbagliato non so) di rilancio- restyling per poter piacere anche alle nuove generazioni.
      Alla fine se non si inventa niente di nuovo …si modifica il vecchio.
      O come scrive Riki non metteteci neanche le mani se alla fine ne esce una “ cagata”.
      Pensiero legittimo il suo che non condivido perché sta serie non mi pare na cagata.
      E non mi sento manco incazzato per le “ modifiche che ci hanno apportato.
      Però dico una cosa a Riki…magari risponderà su whatsapp se non vuole farlo qua.
      Se la serie fa così cagare non ti guardi neanche le altre cinque (?) puntate che rimangono però!!!
      Qui parlo in generale : il problema con voi retro nostalgici è il fatto che siete troppo attaccati al passato.
      Non lo volete ammettere ma è così!
      Sennò non vi lamenterete per ogni cosa nuova che stravolge il vecchio.
      Poi già la cosa è un ossimoro, non può esserci vecchio e nuovo assieme .
      Uno annulla l’altro.
      Anche perché poi i discorsi che si fanno son sempre quelli: è troppo femminista, i maschi son umiliati , quelli che erano bianchi adesso son neri.
      Quelli neri son rossi…bla bla bla..
      Ma alla fine non vi è mai passato per la mente che ste serie non siano pensate per voi?
      Nerd retronostalgici?
      E il fatto che passiate giornate a lamentarvi qua o in altri posti non gliene frega niente a nessuno 😂
      Sicuramente no ai maghi del marketing mediatico.


      Elimina
    5. Ma non è necessario, questo intendo.
      I Masters funzionano già benissimo così (la riprova è nell'enorme successo della linea attuale, Origins, che è fedelissima al passato); sono già stati continuamente aggiornati (a partire dal 2002 e finendo al 2020).
      Ha senso cambiare etnia a un personaggio? Perché?
      Ho chiarito il mio punto di vista nel nuovo post: non sono affatto un retronostalgico dei Masters, anzi. Apprezzo molto più il canone del 2002 e quello scritto fino al 2020, che è l'anno scorso, mica tanto retro :D
      Vero che possono esistere cose vecchie e nuove, riscritte: ma non spacciatemele come sequel dei Masters veri. Dite che è un reboot e sta apposto.
      La serie non mi è dispiaciuta, la considero solo l'ennesima occasione persa (perché stravolge la mitologia, non potrà recuperare eventuali cose se non stravolgendole ancora di più).
      Lamentarmi è un mio diritto, così come esaltare, anche le recensioni positive non cambiano certo qualcosa per i maghi del marketing! :D

      Moz-

      Elimina
    6. Si però sembrate un cane che sta a mangiarsi la coda ..che rimugina sempre sulle stesse cose senza mai venirne a capo .
      È chiaro che lamentarsi o esaltare è un diritto ma soprattutto con le critiche si finisce a mio avviso sempre a discussioni sterili che non portano niente di nuovo.
      Se non rimarcare sempre le stesse cose.
      Fin che non hai visto l’ultima puntata della serie aspetta prima di trarre delle conclusioni.
      Magari ti stravolge tutto quello che hai pensato fino ad adesso.
      -:)

      Elimina
    7. Eh, ma non so se sia peggio: cioè, cinque episodi che poi vengono resettati?
      È una presa in giro ulteriore, questa volta specie per chi li ha amati...

      Moz-

      Elimina
    8. Capisco il tuo punto di vista.
      Per la maggior parte dei fan storici deve essere come un pugno nello stomaco.
      Ne parlavo pure con Riki ieri …ma penso da profano che una serie come Revelation sia stata pensata non per i fan storici.
      Ma per acquisire un ulteriore fetta di mercato più giovane diciamo.
      Guarda che alla fine son operazioni non tanto diverse da quelle che hanno portato al MCU della Marvel eh..!
      Cioè riscrivere parte o inventare del nuovo sul vecchio o stravolgere i personaggi .
      Parere personale 😍

      Elimina
    9. Esattamente, ma infatti così è: giocano un po' con la mitologia generale, ci inseriscono milioni di citazioni ma... è un prodotto per nuovo pubblico. E CI STA, alla grande.
      Magari portasse di nuovo in augissima i MOTU.
      Però, c'è un però: non spacciatemelo come sequel spirituale di tutto ciò che i Masters sono stati, fedele, con He-Man al centro della scena e niente cazzate moderne "perché non facciamo cose come la serie She-Ra".
      Ecco, poi se asserisci queste cose, e cinque puntate ti sbugiardano, non va bene più...

      Moz-

      Elimina
  12. Una cosa è certa con le donne proposte nei Masters non si viene "deviati" verso il mondo LGBT ma verso quello più inesplorato dell'asessualità... A chi piacciono le donne muscolose e alte come giganti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che cambi molto il discorso, siamo sempre li ed è sempre quello lo scopo...

      Elimina
    2. Ragazzi, ma secondo voi si può deviare davvero verso qualcosa?
      Era già la serie storica un qualcosa di assolutamente LGBT, figuriamoci.
      In ogni caso nei MOTU le donne sono comunque battagliere, femminili ma anche -in alcuni casi- androgine (vedere Huntara): era proprio una cosa anni '80, stupenda.
      P.s. l'altezza è standard, dai... non sono colossi!

      Moz-

      Elimina
  13. Volete un prodotto che ricordi gli anni 80, fatto con il cuore, senza stravolgimenti e senza scopi di propaganda politicamente corretta, SJW, LGBT ecc... Rivolgetevi a Commando Ninja ed il suo imminente sequel a budget più alto; un franchising indipendente nuovo di zecca realizzato da un pugno di autori francesi che ha un semplice scopo... riportare in auge un certo modo di fare cinema (ma non solo quello) delle ultime decadi del 900 del secolo scorso, ed io gli auguro di riuscirci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la dritta! :D

      Moz-

      Elimina
    2. Dovresti seriamente parlarne, perchè secondo me è un progetto valido, MOLTO valido; anche più di Turbo Kid o Kung Fury, Commando Ninja si può quasi dire che voglia riprendere il discorso lasciato in sospeso da Jason Eisenar con Hobo with a Shotgun.

      Elimina
    3. Dovrei informarmi bene...!!

      Moz-

      Elimina