[LO SBLOCCARICORDI] i ciucci colorati



Lo Sbloccaricordi è la rubrica che mostra, di volta in volta, oggetti e feels del passato!
Lo Sbloccaricordi è anche un gruppo Facebook!
Nella metà degli anni '90 apparvero con prorompente energia questi gadget particolari: i ciucci di plastica colorati e (spesso) trasparenti.
Da quelli micro a quelli grandi, divennero presto una moda per tutte le bambine e adolescenti di quel periodo.
Tre misure o forse anche di più, per un oggetto che sembra non avere origine: da dove sono arrivati?
Eppure la leggenda dice che...

Una probabile e non comprovata origine vorrebbe i ciucci colorati nascere da... veri ciucci, che venivano usati come portachiavi o appesi accanto all'Arbre Magique.
Sarà vero? Chissà.
Ma questi ciuccetti colorati invasero le nostre vite, coinvolgendo pure i maschietti.
Un po' come gli scoubidou, anche questi oggettini si trovavano nelle bustine in edicola, o addirittura allegati alle riviste per ragazze.



Zaini, scarpe, giubbotti di jeans; e quindi collane, bracciali, orecchini... i ciucci colorati infiammarono i più giovani, contribuendo al pop degli anni '90.
Li ricordavate?
Chi di voi li aveva?

ALTRI RICORDI ANNI '90? LEGGI ANCHE

86 commenti:

  1. Come dimenticarli? Per almeno un paio d'anni sono stati i gadget più venduti in edicola. Erano venduti in bustine, sacchetti, oppure abbinati ai settimanali, alle riviste di enigmistica. Lo ricordo bene perché lavoro in un'agenzia di distribuzione stampa, e per un paio d'anni abbiamo avuto i magazzini che traboccavano di ciucci. Un incubo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh sì... il top era quando li allegavano alle riviste, appunto: lì si comprende la vastità del fenomeno!

      Moz-

      Elimina
  2. Li ricordo benissimo, ma credo di non averne mai avuti, sai?
    Sono sempre stata lontana dalle cose che impazzavano tra i miei coetanei (e non solo).
    Comunque erano bellissimi.
    Ah, oggi come portachiavi ho un ciuccio. Uno vero, s'intende. Era di mio figlio. 😅

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe hai fatto il giro contrario... i ciucci colorati nascono dai ciucci veri, e tu hai quello vero :D

      Moz-

      Elimina
  3. Qualcuno ne avevo ma erano di seconda o terza mano riciclati dai cugini li tenevo tra i giochi non utilizzati.
    Mai usati neanche appesi a zaini, chiavi etc.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a casa mia in effetti qualcuno girò, chissà come, uscito da dove, ma appunto nemmeno io li avevo appesi: erano più roba "da femmine".

      Moz-

      Elimina
  4. Ancora oggi, quando magari metto mano ai vecchi scatoloni, ne salta fuori qualcuno. Non so se le mie sorelle sappiano da dove spuntassero, perché io onestamente non li ricordo. Diciamo che nessuno di noi comunque aveva l'audacia di appenderseli al colo o allo zaino😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, immagino: io ne ho uno su un ripiano della libreria.
      Uscito fuori da dove? Boh: è persino qui, dove vivo adesso, e non a casa in Puglia dove sono cresciuto.

      Moz-

      Elimina
  5. Eccome se me li ricordo, allora dilagavano in ogni dove, forse ne ho qualcuno regalatomi dalle “mie bimbe”, dovrei cercarli. Un bel ricordo, grazie Miki. Buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! :D
      Sì, erano davvero ovunque!

      Moz-

      Elimina
  6. Qualche mio amico li aveva orgogliosamente al collo, io li ho sempre schifati :D Comunque il primo ad avere il ciuccio al collo è stato Bud Spencer :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe, sarebbe top se la moda fosse partita dal mitico Bud XD

      Moz-

      Elimina
  7. Io ne avevo a centinaia e ancora ne ho alcuni conservati.. ce n'erano di ogni misura e colore! A guardarli adesso mi sembravo veramente orrendi... ahahaha!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che oggi li guardiamo con occhi diversi, all'epoca era normalissimo.
      Oggi c'è qualcosa di analogo? L'ultimo vero exploit furono gli Shokky Bandz, mentre oggi spopolano i pop-it o come cazzo si schiamano loro^^

      Moz-

      Elimina
    2. Ormai queste mode non le capisco più... sono troppo da gggiovani per me! xD
      Il mio cervello non riesce più a concepirle! xD
      Cose che girano, cosi che si stropicciano, cosi che si sbavano, cosi che si schiacciano... bò... si vede che oggi i ragazzini non sanno più tenere ferme le manine malefiche.

      Elimina
    3. Eheh, ma anche noi avevamo le nostre cosettine, eh^^

      Moz-

      Elimina
  8. oh Moz, io ne conservo uno azzurro...l'avevo il giorno che ho fatto i coscritti. E' un caro ricordo! Un salutone

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, omonimo/a... benvenuto: perché hai cancellato il messaggio?

      Moz-

      Elimina
  10. Quanti ricordi, ne conservo ancora una bella manciata insieme a qualche delfino colorato.
    Se la memoria non mi inganna, sono apparsi tra il 1991 e il 1992.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei il/la Miki di sopra?
      Comunque, apparvero un po' dopo... a metà anni '90... ma non escludo che da qualche parte si videro anche prima.

      Moz-

      Elimina
    2. Scusami se ho fatto un po' di pasticci e sì, confermo di essere IL miki qua sopra, ottima deduzione :)
      Quando mi sono accorto del commento anonimo volevo cancellarlo ma poi ho desistito per non "sporcare" ulteriormente.

      Ti leggo con piacere da tempo e approfitto per farti i complimenti per il tuo lavoro

      Elimina
    3. Nessun problema!
      Ehehe deduzione ma anche grazie a orari e accessi... ho pensato potessi essere tu :)
      Dunque, grazie e benvenuto a bordo!

      Moz-

      Elimina
  11. Se ben ricordo iniziai a vederli appesi agli zaini di alcuni studenti pendolari. Erano sì diffusi e fecero un bel po' moda tra chi aveva quei 10 anni meno di me, soprattutto ragazze ma anche alcuni ragazzi.
    Origine? Non saprei dire perché, ma li associavo a qualcosa di Dragon Ball (mai visto, ma che faceva tendenza all'epoca) dato che, considerata l'età media di chi li aveva, potevo escludere fosse un simbolo di maternità/paternità. Succhiotti veri (non sono ciucci perché non ragliano 😁) li ho visti spesso appesi allo specchietto retrovisore interno delle auto, quindi l'ispirazione potrebbe in effetti essere quella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si dice che addirittura questi ciucci provenissero appunto da ciucciotti veri che la gente usava nei rave, tipo per l'LSD o cose simili...
      Ahaha, sono sicuramente oggetti ultrapop, sì, ma niente di dragonballiano: io li ricordo precedenti al boom di Dragon Ball!

      Moz-

      Elimina
  12. Mia sorella ne aveva una bella quantità, attaccati allo zaino, ai braccialetti e al portachiavi. Li trovava nelle riviste che leggeva, quando ancora andava di moda leggere senza avere il naso sempre nei social.
    Con i vari traslochi sono spariti, buttati e persi. Erano carini dai :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta a bordo!^^
      Sì, io ne ho un ricordo piacevole! Comunque, uscivano sicuramente dal Cioè, e forse forse forse anche dal Top Girl!

      Moz-

      Elimina
    2. Ciao! grazie benvenuto anche tu da me :D
      esatto dal Cioè, un altro simbolo degli anni '90. Bei tempi

      Elimina
    3. Thanks!
      Vero, il Cioè simbolo assoluto anni '80-'90 e... ancora esce!

      Moz-

      Elimina
  13. Anche se spopolavano negli anni novanta erano abbastanza di moda ancora nei primi 2000 sia tra i bambini femmine e maschi che tra i ragazzi delle superiori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah vedi tu, questo non lo sapevo: ecco perché Gas ha parlato di periodo del boom dragonballiano!

      Moz-

      Elimina
  14. mai avuti, anche se tra le ragazze a cavalli degli anni '90 e 2000 spopolavano.
    Alle fiere nei banchetti delle noccioline invece vendono i ciuccetti di zucchero, quelli buonissimi :D

    RispondiElimina
  15. Risposte
    1. Ma no perché?? Erano carini e lo sarebbero anche adesso.
      Cringe il pattume di oggi.

      Elimina
    2. Ma parlate in italiano, per dio!!!

      Elimina
    3. Vabbè, cringe è un termine bel preciso, ci sta... in italiano sarebbe un concetto troppo lungo (provare imbarazzo per qualcosa di altri)^^
      Secondo me sì, anche adesso sarebbero carini.

      Moz-

      Elimina
    4. Un concetto troppo lungo.... ?! Ma si riassuma in frasi tipo "imbarazzante" oppure il ben più efficace e rafforzativo "cazzata", non mi pare troppo difficile, non foraggiamo 'sto gerghetto internetiano da pallemosce; il peggio poi arriva quando italianizzano le frasi in maniera macaronica, se me me lo facessero dal vivo li prenderei a pugni per tanta ignoranza, gia quelli dell'accademia della crusca (che se l'è mangiata il cavallo, ora bisogna chiamarli della fuffa) hanno ammesso il "termine" spoilerare in vocabolario, ma se si va avanti così...

      Elimina
    5. Beh, la lingua italiana (come tutte le altre) evolve.
      Cringe significa provare imbarazzo per situazione di altri, non imbarazzo in sé.
      Spoilerare non significa "anticipare", ma dare informazioni anticipatorie non desiderate. Sono concetti veri e propri, che la lingua inglese ha il potere di riassumere in una sola parola.
      Noi la facciamo più articolata, ma abbiamo i nostri esempi: paparazzo, usato anche all'estero, racchiude il concetto di giornalista scandalistico a caccia di scoop a qualunque costo.

      Moz-

      Elimina
  16. Ciao! Me li ricordo bene :-)
    Però non ricordo di averne avuti tanti, forse qualcuno, ma pochi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente però ti sono capitati tra le mani... era impossibile non imbattersi nei ciuccetti colorati^^

      Moz-

      Elimina
  17. Mai e poi mai, li odiavo, e non capivo perché piacevano, non lo capisco neanche adesso..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi trovi daccordo su tutta la linea!

      Elimina
    2. Ehehe sono una di quelle cose così onnipresenti che... era facile odiare^^

      Moz-

      Elimina
  18. Li adoravo :D ne avevo una quantità esagerata, di tutti i colori.
    Qualcuno in giro credo di averlo ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SICURAMENTE: ricicciano fuori da ogni cazzo di posto, cassetti-scatoloni-armadi ecc ecc XD

      Moz-

      Elimina
  19. Li ricordo bene, ma non ne ho avuti. Mi sembra che ancora prima qualcuno appendesse ciucci veri agli zaini. Invece avevo la mini sneaker con la suola profumata, ne hai mai parlato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non ancora, ma... questo è solo l'inizio di tanti ricordi analoghi^^
      Parleremo anche di quella e di cosette appendibili!

      Moz-

      Elimina
  20. Trash anni '90 :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questo sono daccordo, li trovavo gia ridicoli allora e non cambio idea; ma alla fine si trattava solo di un innoqua sciocchezuola a misura di bambino che ti faceva sembrare un solo un burlone dai gusti un pò pacchiani se lo utilizzavi da grande XD

      Elimina
    2. Sì, dai... più che trash direi appunto una sciocchezzina da ragazzini (ragazzine soprattutto)... portavano colore^^

      Moz-

      Elimina
  21. Bleah, ce l'avevano alcune compagne di classe appesi negli zaini... mi sono sempre chiesto l'utilità di sta roba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplice cattivo gusto inerente alla mania della plastica, e non è cambiato nulla, anzi... almeno finchè ci si limitava a 'ste cagatine pacchiane per mocciosi le cose non erano tanto gravi.

      Elimina
    2. Era una delle tante cose da appendere... poi sono venuti i gachapon per cellulari... e chissà cos'altro. Colorano la vita.

      Moz-

      Elimina
    3. Pochi giorni fa ho comprato in una cartolibreria dell'oggettistica datata di un marchio chiuso da minimo undici anni che credo fosse abbastanza di moda nei primi e metà del duemila da ragazzina lo vedevo molto esposto nelle cartolibrerie della mia zona che non ho potuto avere quando era nel suo splendore e in auge perché non mi interessava in quel periodo e perché l'ho scoperto tardi facevano quasi di tutto con quel nome ! Diari, quaderni, matite e penne, astucci, pupazzi, adesivi, tazze, zaini, borse, portachiavi....
      Nel portachiavi di questa marca che ho comprato da poco un mini zainetto rosa ci ho trovato dentro un ciondolo per cellulare che andava tanto sempre in quegli anni quando andavo alle medie una mia compagna di classe ne aveva uno che si illuminava quando riceveva una chiamata che bell'effetto ! Mi piaceva vederlo e un po' lo volevo.
      Ma non avevo il cellulare neanche uno semplicissimo.
      Quello che ho trovato l'ho appeso nel buco della custodia dove si mettono gli auricolari.
      Mi rifaccio da grande del periodo perso !
      Chissà se quello che si illumina si può usare per gli smartphone.
      Mi informo !

      Elimina
    4. Che marca è?
      Interessante: prova a vedere se si illumina, magari il meccanismo è uguale (reagisce a degli impulsi) e vale per tutti i cellulari!!

      M

      Elimina
    5. Moz tu che eri un ventenne in quel periodo lo vedevi utilizzare dai ragazzi sia femmine che maschi?
      E dai trentenni, quarantenni e cinquantenni?

      Elimina
    6. Mukka della Auguri Preziosi.

      Elimina
    7. Cosa intendi? I ciuccetti colorati?

      Moz-

      Elimina
    8. No no XD il ciondolo per i cell.
      Questo marchio lo vedevi in Abruzzo e in Puglia e nelle altre regioni che giravi nei duemila?
      Questo è il simbolo una mucca grassa bianca e nera
      https://images.app.goo.gl/8dyeXuKnwv5Ae53F6

      Elimina
    9. Sì, ricordo sia la mucca sia il ciondolo (alla fine erano gashapon), conti un periodo dove si usava abbellire il cellulare con ogni cosa possibile!

      Moz-

      Elimina
    10. Quindi anche da te e nazionalmente Mukka era famosa?

      Elimina
    11. Ma anche gli adulti usavo il ciondolo?

      Elimina
    12. Il mio è un ciondolo normale senza lucetta, li sto cercando in rete ma non ne trovo uffa neanche su ebay che hanno la cose datate.
      Figurati Amazon.

      Elimina
    13. La Mucca ha avuto un suo periodo, nelle cartolerie e nei negozi di gadget.
      Poca roba, che io ricordi.
      Il ciondolo: sì, lo usava anche qualche adulto (o meglio: ragazzo più grande) se si era un po' eccentrici.

      Moz-

      Elimina
  22. Ne hanno inventate tante e tante ne inventeranno di "piccole cose di pessimo gusto" per fare soldi e... il bello è che i soldi continuano a farli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, e a questo punto devo inventarmene qualcuna anche io^^

      Moz-

      Elimina
  23. L'ho sempre trovata una moda orrenda😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente non è troppo dissimile da quel look rosa confetto (o dovrei dire Big Bubble) che una miriade di RAGAZZI tra il 2008 e il 2009 indossava; ragazzi che si credevano ganzi, tosti e fighi... vale a dire i soliti bimbiminkia e truzzi con le mutante macchiate di sterco da un mese, erano una cosa inguardabile: magliettine, scarpe da ginnastica con rialzi ed OSCENA collana con perloni finti dello stesso colore! Taluni di loro, infatti, portava con se anche un ciuccio (ed io sapevo bene dove se lo dovevano ficcare)

      Elimina
    2. Era l'onda lunga dei truzzi... quelli c'erano nel 2005-2007, quelli che dici tu erano una derivazione...

      Moz-

      Elimina
    3. Capperina che mal sopportazione contro i truzzi e i vari giullari facevano sì schifo ma addirittura provare così tanto disgusto.... e che parole dure
      XD

      Elimina
  24. Perché spesso nel tuo blog ci sono bag che non mi fanno pubblicare i commenti e devo riavviare pure il cell e aspettare anche un'ora per riuscirci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne ho idea, ma magari se ti fai un account o entri usando la tua mail (che comunque puoi nascondere) tutto questo disagio non c'è, e hai anche un nome utente fisso solo per te^^

      Moz-

      Elimina
    2. In Anonimo può capitare che non ti fa postare, ma da Desktop se ci riprovi subito dopo mi funziona subito, da Telefono non so.

      Caio

      Elimina
  25. Questa è una delle poche "raccolte" che facevo da ragazzino, ne ho avuto parecchi, alcuni molto belli, mia madre me li ha fatti sparire non 1 ma ben 2 volte, la 1ma volta ritrovati almeno una decina di anni fa, e già erano molti meno di prima.
    La 2nda volta forse 4-5 anni fa, messi da parte e poi non più ritrovati.

    Molte madri conservano la roba dei propri figli, io invece no, tutto l'opposto...

    Non c'è da strapparsi i capelli, ovvio, ma non mi sarebbe dispiaciuto regalarli qua e là e tenermelo qualcuno.

    CAIO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, e c'è da dire che un tempo non si era consapevoli del valore che certe cose avrebbero avuto poi...
      Questo ci ha fregati un po' tutti! 😅💪

      Moz-

      Elimina
  26. Certo che mi ricordo di loro. Io personalmente non li ho mai comprati ne usati ma li ricordo bene, c'è stato un periodo in cui c'era una specie di invasione di questi ciucci di plastica colorata - non ho mai capito bene che scopo avessero, ma erano carini !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puro ornamento... colorato, che non guasta mai.
      Era il 90's power^^

      Moz-

      Elimina
  27. Mio dio... li avevo anch'io 😅 E mi piacevano soprattutto quelli enormi 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, beh, avevano catturato proprio tutti!^^

      Moz-

      Elimina
  28. Come mi piacevano!
    Non ne avevo tantissimi e mi pare li avessi messi nelle stringhe delle scarpe da ginnastica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì, si usavano anche per le scarpe!! 😎💪👟

      Moz-

      Elimina