[SIGLE] Sakura, la partita non è finita (C. D'Avena, 2001)

 

Sigla del 2001, che però nel 2001 si sentì poco: Card Captor Sakura era infatti una serie difficile da maneggiare, per Mediaset.
E se la prima tranche di episodi (dal titolo Pesca la tua carta, Sakura) passò su Bim Bum Bam con un certo successo e con un adattamento italiano che ne appiattì le parti più "problematiche", lo stesso non si poté del tutto fare col sequel Sakura, la partita non è finita.
Il problema di fondo? Le tante relazioni sentimentali "particolari" che esplodevano in quegli episodi...



L'anime di Sakura arriva da noi nel 1999, quando la prima serie venne mandata in onda nei pomeriggi di Italia 1.
Merchandising, quaderni, articoli sui giornali specializzati... la catturacarte catturò anche il pubblico italiano.
Un adattamento Mediaset particolare: dopo anni di rimozione di ogni elemento giapponese, proprio con Card Captor Sakura l'azienda milanese ripristinò ambientazioni e nomi originali (pur con molte semplificazioni), ma di contro propose una serie di modifiche atte a non far trasparire (troppo) certi sentimenti (specie di tipo omosessuale) che i protagonisti provavano.
QUI trovi una retrospettiva sulla censura italiana degli anime!




Quando toccò, nel 2001, alla seconda serie Sakura, la partita non è finita, la Mediaset sospese di colpo la messa in onda dopo soli sei episodi.
Anche con l'adattamento censurato, era impossibile nascondere certi particolari; e anzi la Mediaset stessa li alleggerì sempre meno (come trasparirà da una futura messa in onda completa, su Italia Teen Television nel 2004) preferendo forse però non incappare in problemi con qualche frangia di genitori iper-conservatori.



Alla fine, comunque, Sakura, la partita non è finita si visto senza problemi pure su Bim Bum Bam, ma solo dall'agosto al settembre del 2006 e -per motivi tecnici- senza l'episodio finale.
Questo avvenne perché, pare, i diritti erano in scadenza e la serie fu programmata per stare dentro i giorni accordati col Giappone, ma fu commesso un errore nel conteggio degli stessi e quindi un episodio saltò completamente.
E questa è la sua sigla:


         


Un brano dal testo (di Alessandra Valeri Manera) mediamente più complesso rispetto agli standard mediasettiani, racconta di fatto il seguito della storia: le carte non sono state prese tutte e la missione deve ricominciare.
Non si fanno troppi riferimenti diretti alla vicenda in sé e a quello che avviene nelle puntate.
Anche come musica (di Franco Fasano), c'è un fortissimo rimando alla canzone della prima serie, Pesca la tua carta, Sakura, che viene citata continuamente.
La nuova sigla mantiene peraltro quel mood un po' malinconico che caratterizzava anche la prima, e fa largo uso, anche stavolta, dei cori.




IL TESTO
Pesca la tua carta, pesca un'altra carta...
(la carte del Sogno) quante carte...
(la carta del Buio) quante carte hai davanti a te...
(la carta della Luce) quante carte hai davanti a te, mia dolce Sakura...
(la carta della Terra) questo gioco inizia così...
La partita non è finita, dolce Sakura tu lo sai
e nel cuore dell'universo nuove carte troverai.
Ma per chiudere la partita tante carte ti mancano
tutte quelle che hai già ripreso proprio non ti bastano.
La partita non è finita, e tu giochi per vincere!
Perciò risali lassù, nel cielo ancora più blu
(soffia il vento e ti porta via...)
e afferra tutte le carte magiche che trovi davanti a te,
ma non fermarti perché, con ogni carta che tu
raccogli e porti quaggiù (giù dal cielo blu)
che collezione fantastica farai, completala e vedrai...
(la carta della Nuvola, la carta della Tempesta,
la carta della Sabbia, la carta del Muretto)
La partita non è finita e per ora non finirà (c'è un folletto sempre...)
ma nessuno però sa dire quanto ancora durerà (poi ricomincerà...).
Se vuoi chiudere la partita tu non devi scartare mai
devi invece portare a casa ogni casa ogni carta che vedrai:
se farai così vincerai.
La tua lealtà ti guiderà, l'oscurità non scenderà e vincerai, mia dolce Sakura...
che collezione fantastica farai, completala e vedrai.
La partita non è finita, la partita non è finita... Sakura!



POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

34 commenti:

  1. Un anime manifesto del mondo arcobaleno ignominiosamente sospeso da Mediaset in quel 2001, oltre l'assurdo la replica quasi completa senza l'ultimo episodio in quella estate 2006. Tipiche follie by Mediaset. Devo comunque sottolineare che Fabrizio Margaria si scusò per l'inconveniente.

    Sakura o si ama o si odia... Io propendo per la seconda XD

    Sigla ottima.

    In questo anime tutti si amano... Sakura ama Y che Y ama X che precedentemente aveva una relazione con J... Amori etero, gay, lesbo,notevoli differenze d'età, non manca nulla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le CLAMP hanno sempre descritto ogni tipo di sentimento, e con Sakura hanno fatto il pieno sotto il naso dei benpensanti... XD
      C'è davvero di tutto, anche questioni "sconvenienti" che nella nuovissima serie (quella in doppiaggio per Yamato) sono state "eliminate" con dei sotterfugi narrativi.
      A me piaceva molto come trattarono le attrazioni tra personaggi, che poi l'unica coppia davvero formalmente arcobaleno era quella Touya/Yukito.

      Comunque, sai il motivo dell'errore?
      Chi fece i palinsesti in quel 2006, calcolò 31 giorni a settembre e Sakura ci stava precisamente fino all'ultimo episodio. Ma settembre di giorni ne ha trenta... XD

      Moz-

      Elimina
    2. Strano che lo dici avevo letto un tuo commento in un altra pagina che ne parlavi bene ora non ti piace perché è più per il pubblico femminile specie per le bambine? O lo hai rivisto e hai visto cose che hai afferrato ora in chiave diversa?

      Elimina
    3. Forse intendeva il personaggio, non la serie...

      Moz-

      Elimina
    4. Non nego gli indubbi pregi sia del manga ottimamente disegnato, sia dell'anime prodotto dalla Madhouse con una bella grafica e ottime musiche, ma come storia e personaggi non mi convince molto.
      Ci sono altri shojo anni Novanta che mi piacciono molto di più.
      Ho letto anche altre due opere delle CLAMP, Magic Knight Rayerth e Lawful Drug, ma non sono riuscito ad appassionarmi evidentemente sono autrici che non rientrano nei miei gusti.

      Elimina
    5. Sì, molto probabile... sono autrici che hanno un loro particolare mood, o si ama o si odia.

      Moz-

      Elimina
  2. Risposte
    1. Molto carino, sicuramente bambinesco ma con bei messaggi trasversali adatti a tutti (parla d'amore).
      Lo puoi recuperare su Netflix, in attesa di una nuovissima serie che arrivrà presto^^

      Moz-

      Elimina
  3. Sigla piacevole per un anime bello.
    Meno magica e musicale della prima ma adatta e sempre trasportante.
    Sakura era ed è tra i miei personaggi preferiti dei cartoni animati è sempre piacevole quando vedo anche solo la sua immagine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao.
      Sì, io penso che rileggerò il manga, l'ho sceso appena adesso dalla soffitta... anche a me piace molto, una storia semplice ma con un bel messaggio^^

      Moz-

      Elimina
  4. Santo cielo quando lo guardavo non c'erano per nulla riferimenti omo in nessuna forma manco alla lontana si poteva pensarlo e tantomeno immaginarlo credevo che raccontasse solo di Sakura e la sua missione magica e dei suoi amici.
    Che schifo, anche qui, come ha potuto l'autrice o autore ficcarceli considerando che la storia era incentrata sulla magia e parlava di bambini e loro se lo leggevano e soprattutto guardavano in tv, ha rovinato la sua purezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che commento miserevole (non mi stupisce che arrivi da un anonimo senza account e firma).
      In breve: le autrici, che sono 4, hanno impostato da SEMPRE Card Captor Sakura con questi temi.
      Se non te ne sei accorta è perché o sei stupida (e visto il tono del messaggio non mi stupirebbe) oppure perché la censura Mediaset sulla prima stagione ha funzionato bene.

      Moz-

      Elimina
    2. Il fatto che commenti come anonimo la dice lunga sul fatto che lei abbia il coraggio di rivedicare le sue idee omofobiche.
      Comunque le coppie omosessuali o con grande differenza di età sono un must nelle opere delle clamp, il fatto che non le abbia notate è sinonimo di scarsa attenzione ad i particolari.

      Elimina
    3. Ciao Francesca, benvenuta.
      Esatto, e pure con le censure Mediaset specie nella prima serie, comunque erano cose palesi 👍💪
      W le CLAMP! 😍

      Moz-

      Elimina
    4. E tu chi saresti che sbuchi dal nulla a sentenziare tu sei attenta ai particolari che mischi il tu al lei, e fai pure i predicozzi.
      Omofobiche un ceppo di minchia tu sei una prezzolata dal cervellino torto.
      Non che ci davo attenzione dato che avevo 10 anni.
      Dai, smamma.

      Elimina
    5. Solo una persona che risponde ad un post pubblico. Se non apprezza di essere criticato/ta non eviti di esternare le sue opinioni su canali simili.
      PS Prima d'insultare una persona ci penserei due volte perhè sta volta per sua fortuna si tratta di una persona ragionevole che ci passa sopra,ma la prossima potrebbe trattarsi di una persona che non ci passa sopra...
      Ovviamente il mio è un semplice consiglio da persona adulta a persona adulta, credo.

      Elimina
    6. Round finale andato.
      Vero, da bambini alcune cose non si notano, ma la purezza dell'opera (che nasce così in questo modo) non viene rovinata.

      Moz-

      Elimina
  5. Mai piaciuto (ma neanche mai odiato) Sakura, troppo per ragazze per i miei gusti X4 ma alla mia ex-fidanzata piaceva molto Tsubasa Reservoir Chronicles dalle stesse autrici e con gli stessi character designes (non mi ricordo se erano collegati, ricordo che le Clamp a un certo punto dichiararono che tutte le loro opere coesistono in un multiverso, uno dei pochi e probabilmente il primo della storia dei manga). Tsubasa mi piacque perché era molto meno "femminile" rispetto a Sakura, anche molto più tragico (ma anche ben più complesso XD di sicuro quello su Mediaset non ci sarebbe mai andato, ma non per le censure ma perché troppo complicato per farne un cartone da Italia 1). Le sigle sono carine comunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, incredibile l'idea della CLAMP che di tanto in tanto fanno convergere le loro opere.
      Tsubasa lo amavo ma ancora di più XXXHolic.
      Che erano pure collegate, da leggersi insieme...
      X/1999 altro capolavoro incompiuto, però.
      Sakura è veramente uno shojo per bambine, vero, ma ha delle sorprese^^

      Moz-

      Elimina
    2. Cosa significa questo X4 che Thor Odinson ultimamente scrive spesso?

      Elimina
    3. Non sapevo! Di recente invenzione?

      Elimina
    4. No, è una cosa sua! 🤓

      Moz-

      Elimina
    5. Eh già, è un mio marco di fabbrica 👌 ma mi scuserete se la storia che c'è dietro è personale. Posso solo dirvi che è legato alla saga di Divergent (i libri, non i film).

      Elimina
    6. Cosa vuoi che è una bocca digrignata.

      Elimina
    7. Yes, sapevo fosse una cosa personale 👍

      Moz-

      Elimina
  6. Il cartone mi piaceva un sacco, il manga molto meno perché insomma, le carte praticamente la pregavano di catturarle, era troppo facile! XD
    La Carta del Salto nell'anime aveva posto una strenua resistenza (ed era pure un po' stupida), nel manga ce l'aveva di default, catturata off screen.

    Chi invece avesse sempre pensato che la sua preferita fosse la Carta del Vento avrà una grossa delusione, perché la nuova cocca di Sakura è la Carta dello Specchio, quella che a momenti le sopprimeva il fratello. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo: nell'anime c'è più azione e ho anche sempre pensato una cosa... ossia che si erano messi d'accordo per allungare un po' la parte animata, con più carte e più scene action!
      Ora aspetto Clear Card in italiano...! P.s. bentornata :D

      Moz-

      Elimina
  7. Per gli amanti degli shojo con tematiche arcobaleno consiglio di vedere la nuova serie di Fruits Basket di ben 63 episodi. Spesso l'ho visto con malavoglia ma devo dire che è un'ottima serie... Non vedevo l'ora di togliermelo dagli zebedei ma adesso che mi mancano solo 5 episodi devo dire che merita il suo successo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo conosco di nome, manga che ebbe una certa fortuna tra gli appassionati pure italiani, ma non conosco la storia e non sapevo avesse tematiche di questo tipo...
      Cosa racconta?

      Moz-

      Elimina
  8. Ti allego la trama da Wikipedia (preferisco usare wiki che ricopiare da quei signori ben noti)

    Trama: "Tohru Honda è una ragazza orfana di entrambi i genitori, che vive accampata nel bosco in una tenda da quando il nonno paterno le ha chiesto di trovarsi una nuova sistemazione in attesa che la sua casa venga ristrutturata. Quando viene invitata a vivere dal suo compagno di classe, Yuki Soma, e i suoi cugini, Kyo e Shigure, scopre casualmente che questi e tutti i membri della famiglia sono affetti da una maledizione secondo cui, quando vengono abbracciati da una persona del sesso opposto, si trasformano in animali dello zodiaco cinese. Convinta a vivere con loro a patto di non rivelare il segreto a nessuno, Tohru comincia ad incontrare uno dopo l'altro i diversi membri della famiglia Soma e decide di impegnarsi per sciogliere la maledizione, più crudele di quanto creda."

    La tematica principale sono le sofferenze dell'animo umano, i desideri che vorremo ma non possiamo avere, la speranza nonostante tutto, una storia molto triste ammbordita da tanti momenti comici.
    Esistono due anime il primo del 2001 di 26 episodi incompleto ma con un finale originale (cioè fato molti anni prima del finale del manga quindi diverso) il secondo di 63 episodi che adatta in maniera fedele e completa la storia del manga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì, ora ricordo.
      No, non mi interessò all'epoca e non mi piacerebbe vederlo adesso, come trama... Comunque grazie mille! 😎👍

      Moz-

      Elimina
  9. Visto che in questo forum ci sono persone che non sono capaci di rispondere senza offebdere o minacciare annullero l'iscrizione addio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca, non è un forum ma un blog; non mi risulta comunque che ti eri iscritta, comunque no problem.
      Mi dispiace se ti sei trovata male, ma non dar troppo peso ai commenti anonimi, che spesso sono troll.

      Moz-

      Elimina