[CARTOONS] gli anime dimenticati di Mediaset dei primi anni 2000



Oggi vi propongo una lunga immersione in un mondo poco esplorato: quello delle serie animate giapponesi che la Mediaset ha trasmesso nella prima metà degli anni 2000.
Un momento dove Bim Bum Bam stava cessando di esistere, lasciando spazio a diversi contenitori anonimi; ma anche un momento dove l'azienda di Cologno Monzese varò il più riuscito tra i canali tematici rivolti a un pubblico di ragazzi: Italia Teen Television.
Ed è proprio qui che innanzitutto finirono tutte quelle serie annunciate nei tardivi anni '90 ma mai trasmesse, senza omettere che anche Italia 1 (forte di serie importanti come Dragon Ball, Detective Conan e One Piece) ci concesse l'ultimo grande periodo di prodotti inediti.
Ecco a voi questi titoli dimenticati, perché mai replicati o perché hanno avuto una visibilità limitata...


Per scoprire le effettive vicissitudini di alcuni titoli, ci avvarremo di materiale esclusivo proveniente dalla rivista Toki Cartoni & TV.

A BABY AND I

Strano titolo italiano per una serie del 1996 chiamata Aka-chan to boku (conosciuta anche come Baby & me).
Adattamento di fine anni 2000, con nomi giapponesi semplici in sostituzione di quelli originali ma più "complessi" per l'epoca, e alleggerimento dei toni.
Una storia di vita vera e propria; segnalo una bizzarra censura che ha messo giusto un quadratino in b/n su una ferita, così da mostrare decolorato il sangue...
Lo abbiamo visto nel 2004, sul satellite.


WEDDING PEACH

Un caso più unico che raro nel panorama televisivo italiano è quello della trasmissione di Wedding Peach (ne parlammo in questo post QUI).
In breve: anime che avrebbe dovuto sostituire Sailor Moon già nel 1997, per replicarne il successo, ma sparì misteriosamente dai palinsesti nonostante svariati articoli sulle riviste specializzate.
A sorpresa, apparve nelle notti di Italia 1, con blocchi di episodi settimanali, e infatti anche Toki Cartoni & TV di quell'anno dedica a Wedding Peach un articolo:




Con il titolo assurdo I tanti segreti di un cuore innamorato, che forse negli intenti voleva spacciare una storia -sulla falsariga di Sailor Moon- per un anime simile a Marmalade Boy, Wedding Peach non è stato mai più replicato.

DEVICHIL

Misconosciuto anime, arriva da noi nel 2005, sul satellite.
In contemporanea, la Mondo Enterteinment ne pubblica parzialmente gli episodi in DVD.
Adattamento e doppiaggio fedeli all'originale, furono curati dalla Mondo stessa.



RIRIKA, SOS!

Anime acquisito da Mediaset già nel 1997/98, perché citato nelle riviste di settore, Angel Nurse Ririka S.O.S. (questo il titolo originale) lo si vedrà solo su Italia Teen nel 2004.
Altro anime che la Mediaset tenne in magazzino, preparato e doppiato da tempo (l'adattamento è infatti quello tipico dell'epoca in cui venne acquistato).
Non ne esiste una sigla italiana.




WEBDIVER

Nel 2003 su Italia Teen, e l'anno dopo nei pomeriggi di Italia 1.
Ma se in chiaro guadagna una sigla italiana (su cui torneremo presto...), il successo fu così scarso che venne interrotto dopo solo otto episodi.



CORRECTOR YUI

Altro titolo che le riviste specializzate annunciarono diverso tempo prima dell'effettiva messa in onda (avvenuta nel 2003 sul canale satellitare e nel 2004 su Italia 1), Yui - Ragazza virtuale ebbe un certo successo.
L'adattamento era abbastanza fedele all'originale: nessun nome venne alterato, soltanto la dicitura "corrector" divenne "virtual".



POWER STONE

Anche questo un anime che Italia Teen e Italia 1 si rimbalzarono a distanza di pochi mesi: tratto da un videogioco della Capcom, ne abbiamo visto l'edizione adattata (dialoghi e musica) dagli americani, ma non sono presenti censure. Era il 2004.



SHIN HAKKENDEN

Serie fanta-epica in 26 episodi, giunge da noi sul satellite nel 2004, e poco dopo anche dopo pranzo su Italia 1.
Qualche nome cambiato e semplificato lascia supporre che forse la serie venne adattata già qualche anno prima...



FANCY LALA

Ultima delle maghette, con il ritorno dello Studio Pierrot dopo quelle classiche anni '80, Fancy Lala apparve su Italia 1 a inizio estate 2001.
Qualche censura, nomi modificati e... più niente per dieci anni, quando riapparve senza censure video sulla rete Hiro di Mediaset.
Ecco come se ne parlava già dall'estate di due anni prima:




HANAYORI DANGO

Anche questo, un titolo che la Mediaset acquisì molto tempo prima della sua effettiva trasmissione, avvenuta nel 2004 sul satellite.
Ma i fan lo attendevano (annunciato dalle solite riviste di settore) a fine anni '90: per qualche misterioso motivo, in chiaro non è ancora mai stato trasmesso.
Molti i rimaneggiamenti, a partire dai nomi tutti occidentalizzati, nonché l'invenzione di un diario a cui la protagonista confidava i suoi pensieri: da qui, l'assurdo titolo italiano Mille emozioni tra le pagine del destino per Marie-Yvonne.



LOST UNIVERSE

Acquisito da Mediaset per essere trasmesso nel 2002, Lost Universe (dagli stessi autori di The Slayers - Un incantesimo dischiuso tra i petali del tempo) sbarcò prima in DVD per la defunta Shin Vision (era il 2003) e l'anno dopo effettivamente fu messo in onda su Italia Teen.




Ma come dimostra questo trafiletto del 1999, era già stato adocchiato...



ROBA DA GATTI

Cyborg Kuro-Chan ebbe un certo riscontro, anche perché contemporaneamente la Play Press ne pubblicava il manga e la Mondo i DVD.
In uno degli episodi, il doppiaggio italiano ha fatto un instant-spot di Dragon Ball su Italia 1, menzionato in un dialogo che citava i palinsesti televisivi.



CRAYON SHIN-CHAN

Visto nello slot del primo pomeriggio, Shin chan ci giunse da una censurata edizione inglese: tuttavia la Mediaset recuperò i nomi originali dei personaggi, in fase di doppiaggio.
Era il 2005; la seconda serie arriverà qualche anno dopo su Cartoon Network.



GHOST SWEEPER MIKAMI

Arrivato da noi come Una miss scacciafantasmi, nell'estate del  su Italia 1 (ma con gli ultimi episodi confinati tempo dopo sul satellite), è in realtà un'opera abbastanza famosa.
Il manga circolava già da un po' in Italia; l'edizione è abbastanza audace per gli standard mediasettiani, vista la pochissima censura e il mantenimento di concetti "pericolosi" (sia in campo esoterico/religioso, sia sessuale).
Ha una sigla italiana molto particolare, che analizzammo in questo post QUI.


FORTUNE QUEST

Altro anime trasmesso solo una volta in lunch time su Italia 1, venne ribattezzato Un'avventura fantastica.
Un fantasy abbastanza classico, ma niente di imperdibile.
Venne acquisito nel 2001, come dimostra questo articolo:


Vi mostro anche la locandina esclusiva presentata alle fiere per la vendita del prodotto:



STILLY E LO SPECCHIO MAGICO

Secondo remake (dopo quello del 1988) per l'omonima serie storica anni '60; da noi arriva in sordina nei pomeriggi estivi del 2000.
L'adattamento è fedele, ma segue anche quello della versione italiana vintage.
Sigla di Fasano cantata da Cristina D'Avena:

               


CLAMP DETECTIVES

Visto solo una volta nel 2004 su Italia Teen Television, CLAMP Detectives presenta il tipico adattamento mediasettiano di fine anni '90: nomi giapponesi (o dal suono simil-giapponese) in sostituzione degli originali... nomi giapponesi!
Basato su un'opera del gruppo CLAMP, non ha una sigla italiana.



COSMOWARRIOR ZERO

Prequel di Capitan Harlock, venne mandato in onda nel 2003 su Italia Teen.
Edizione fedele all'originale, la serie è stata successivamente raccolta in DVD dalla Dynit.


LA SQUADRA DEL CUORE

Serie calcistica tratta da un manga dello stesso autore di Holly e Benji, arriva da noi quasi in contemporanea con il Giappone: questo anche perché parte dell'ambientazione era italiana, visto che un personaggio giocava nel Milan.
Era il 2003: in chiaro, però, la vedremo solo cinque anni dopo.
Anche in questo caso, la sigla italiana nasconde una particolarità su cui torneremo presto...




GIRA IL MONDO, PRINCIPESSA STELLARE

Prima TV su Italia Teen nel 2004, con sigle originali, questa serie guadagna la sua canzone italiana solo due anni dopo, quando viene replicata in chiaro su Italia 1.
Adattamento fedele all'originale.



MACK, MA CHE PRINCIPE SEI?

Serie divertente e ironica in miniepisodi di 10 minuti, narra le vicende del principe Mackaroo (adattamento americano), in realtà un nobile dell'era Heian giapponese che si ritrova di colpo nel mondo moderno.
Andava in onda nel 2002, di mattina, su Italia 1.
Sigla italiana molto carina:


              


ETO RANGERS

Di questo misconosciuto anime del 1995 non si trova granché.
È arrivato da noi su It! nel 2004, in prima visione, con sigle originali.
La storia è quella di dodici guerrieri, animali antropomorfi basati sullo zodiaco cinese, che si battono per il regno di Murgen: è un posto incantato dove vivono favole, magia e fantasia.
39 episodi in tutto. (Thanks to Francesco Librino)




Una valanga di anime, dunque.
In alcuni casi si potrebbero intravedere accordi commerciali con altre case editrici (per l'homevideo); in altri non si comprende come mai la Mediaset abbia atteso così tantoper mandare in onda serie che erano state preparate magari con lo scopo di diventare un successo.
Inoltre, la domanda sorge spontanea: nel 1999/2000, già si aveva in mente l'idea di un canale tematico come Italia Teen, o queste serie erano destinate ad altro?
Ma voi sapete che questa non è che la punta dell'iceberg, e che tanti altri titoli sono rimasti inediti, lasciati nei magazzini?
Ne parleremo molto presto...

leggi anche


99 commenti:

  1. Webdiver visto poche volte
    Corrector Yui idem
    Roba da gatti mi piaceva guardarlo spesso
    Shinchan visto pochissimo
    Fortune Quest dal titolo mi pare di averlo già sentito mai visto o forse di sfuggita
    Gira il mondo, principessa stellare mai vista è la versione piccola di Magica Doremi` tanto visto e apprezzato dai bambini.
    Tutti questi però li vidi su Italia 1 non su Italia Teen e non c'era nessuna dicitura o logo diverso ma il classico 1 con il quadrato girato.

    Firma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, come si evince, in molti rimbalzavano tra It! e Italia 1...
      Principessa stellare effettivamente ha un design molto simile a Doremì...

      Moz-

      Elimina
  2. Bellissimo post!

    Da "ricercatore" mi fa un molto comodo questa raccolta. La maggior parte dei titoli presenti li conosco, alcuni li ho visti, altri invece li vedrò un giorno, altri invece non li conoscevo.

    Non condivido la presenza in questo spazio di Yui Ragazza Virtuale che nella stagione 2004 ebbe un certo successo (un episodio del aprile 2004 fece 1.300.000 telespettatori con 13% share, numeri importanti, poi uscì anche un po' di merchandising) però hai ragione oggi è dimenticato anche perché non è più stato replicato. Comunque confermo la qualità dell'adattamento per esempio l'episodio ambientato nel mondo virtuale dell'antica Kyoto è stato adattato in maniera splendida...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, ho già sentito questa Yui ragazza virtuale :P me l'ha nominato qualcuno, recentemente! :)

      Elimina
    2. ... ^^ 01/12/2020

      Per tutti i curiosi ecco l'eccezionale adattamento dell'episodio ambientato nell'virtuale periodo Edo: https://www.youtube.com/watch?v=6nuGKhGN9xw&list=PLEF3855556F9E6EB7&index=13

      Cose mai viste su Mediaset in quegli anni... il 99% dei telespettatori non sapevano neanche chi erano Miyamoto Musashi, Sakamoto Ryoma, Okita Sōji...

      Elimina
    3. Esattamente, Yui l'ho inserita perché comunque è dimenticata: mai più replicata, non è certo uno di quei titoli a cui pensi, quando devi citare anime mediasettiani...
      Un vero peccato, e ricordo anche l'episodio... giapponesissimo^^

      Moz-

      Elimina
  3. Speravo di conoscerne almeno uno, ma niente.
    Ho apprezzato molto la sigla di Stilly, ma di sicuro non l'avevo mai ascoltata prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto particolare, ai tempi la canticchiavamo molto, a casa^^

      Moz-

      Elimina
  4. Ma Wedding Peach lo davano su Italia Uno a blocchi di puntate, ad orari tipo le 2 di notte XD Lo guardava un mio amico che causa insonnia si era scimmiato!

    Quanto a Kurochan, invece, ero io a cercarlo di pomeriggio, sempre su Italia 1, e a guardarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, è l'unico modo in cui si è visto Wedding Peach: dopo quelle notti d'agosto del 2000, sparito per sempre.
      Resta il mistero sui motivi... e pare, si vocifera, sia roba di diritti...

      Moz-

      Elimina
    2. Ho letto a suo tempo l'interessante articolo su Wedding Peach...evidentemente non ci hanno creduto abbastanza o come dici tu,roba di diritti...

      Elimina
    3. Io sapevo roba strana di diritti... un giro complesso che rischiava di portare a contenziosi.

      Moz-

      Elimina
  5. Grande! Io conosco due di questi anime:
    Shin chan - ogni tanto lo guardavo, mi divertiva molto!
    La squadra del cuore - ho letto il fumetto e visto la serie proprio durante lo scorso lockdown...ma mi ha deluso molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Hungry Hearts - la squadra del cuore... non è niente di che.
      Molto molto minore rispetto a Holly e Benji.

      Moz-

      Elimina
  6. alcuni di questi anime li ho intercettati... altri mai sentiti!

    Per Wedding Peach, di solito le maratone notturne si fanno quando si ha i diritti in scadenza, perché magari nei contratti è previsto che entro tot tempo devono avere un passaggio in chiaro altrimenti il prodotto ritorna ai proprietari.
    Allora Mediaset, che non aveva mai trovato uno spazio adatto (anche per motivi politici, vedi il veto del marito di Maurizio Costanzo), ha dovuto ricorrere più volte a questo sotterfugio (replicato in seguito con altri cartoni, soprattutto quelli WB tipo Batman, Superman, la notevolissima Lanterna Verde... che mi ha permesso di recuperarli facilmente qualche tempo fa)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su Wedding Peach, sì: la base era questa, ma resta il mistero del perché.
      Cioè, era stato pensato come sostituto di Sailor Moon su Game Boat, ma niente... hanno atteso tre anni... pare che ci siano questioni di diritti intricati.
      Fu il primo a essere trasmesso di notte... oggi è facile invece che avvenga (tra poco riparte pure Dagon Ball Z tipo alle 2!)

      Moz-

      Elimina
  7. Questi anime in effetti non ho avuto modo di vederli per bene perché sono stati trasmessi in un periodo in cui lavoravo molto e la TV ormai era una chimera.
    Io però AMAVO, ma davvero VENERAVO "Mack, ma che principe sei". Infatti a casa ho il suo peluches gigante comprato da un sito giapponese! Mi piaceva da impazzire tanto che chiesi alla mediaset se qualcuno avrebbe prodotto i dvd perché non riuscivo a seguirlo come volevo e avrei comprato volentieri l'anime. Purtroppo non era abbastanza noto per i dvd e non lo ritrasmisero ma mi piaceva davvero da matti. Purtroppo non non riuscita a trovare nemmeno la serie "clandestina" (lo volevo davvero vedere a ogni costo)... pazienza.
    Che bel ricordo però! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già: pensa che di Mack pure la pagina su wiki è scarna, non dice nulla.
      In sostanza dovrebbe essere, come per altri, un anime acquisito dall'America, dove fu riadattato.
      Mackaroo in realtà è un bambino nobile giapponese del passato, e si ritrova nel Giappone moderno.
      Ovviamente non si chiama Mackaroo, nome dato dagli americani, ma Ojarumaru, come sicuramente saprai.
      Tutte queste info non sono nemmeno su wiki.

      Moz-

      Elimina
  8. Come sono vecchia Moz, io non li conoscevo...eppure ero già mamma di Andrea...ma lui non guardava tanto la Tv, preferiva le videocassette...
    Buona giornata da una vecchietta come me! Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, allora ci sta: era già difficile beccarli, in TV, quindi se nemmeno la si vedeva molto, questi erano proprio impossibili da conoscere^^
      Grazie, altrettanto!

      Moz-

      Elimina
  9. Non abbiatene a male, ma tutti quei titoli italiani lunghissimi mi fanno venire in mente la scena di Troisi in Ricomincio da Tre in cui spiega perché non vuole chiamare suo figlio Massimiliano :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah XD
      Io penso invece ai titoli dei film della Wertmuller! :)

      Moz-

      Elimina
    2. se è vero quello che ha detto Carrassi (e non vedo perché non dovrebbe esserlo), in pratica, a partire da metà anni '90 alle riunioni per decidere i titoli partecipavano tutti i pezzi grossi di Mediaset (che erano lì per motivi "politici") e ognuno proponeva un nome.
      Alla fine per non scontentare nessuno, facevano dei salti mortali per creare questi titoli wertmulleriani... con risultati a volte ridicoli: in "Un incantesimo dischiuso tra i petali del tempo per Rina", il "per Rina" nemmeno ci entrava nella schermata del titolo xD

      Elimina
    3. Ahaha, diciamo che l'altra parte di verità è più "brutta": servivano comunque titoli lunghi per "incantare" i telespettatori, tra porte succhiuse e incantesimi dischiusi... :D

      Moz-

      Elimina
  10. Non sapevo esistesse un prequel riguardante Capitan Harlock, va detto che ho realizzato l'invidiabile record di non conoscere neanche una delle suddette serie animate da te postate. Osservo come sia strano che Mediaset nella fattispecie, ma forse questa cosa varrà anche per gli altri, acquisti serie animate, o anche telefilm o altro e poi avendo peraltro immagino già speso per tali prodotti e poi non li mandi in onda mai o li trasmetta solo dopo anche più di un decennio. Non riesco a spiegarmi le ragioni per cui questo accada, salvo nei pochissimi casi in cui il prodotto sia "scomodo" per i suoi contenuti, ma di solito non è certo questa la ragione

    Scusa anche stavolta i commenti precedenti cancellati mi spiace

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, è un bel mistero: la Mediaset ha avuto, tempo fa, un grande budget per l'acquisizione delle serie.
      Per questo le comprava, le adattava e le doppiava. A profusione.
      Poi magari tra ascolti a cui badare e spazio in palinsesto, i diritti scadevano...

      Moz-

      Elimina
    2. spesso, e non lo negano nemmeno se glielo domandi, compravano cartoni non per trasmetterli, ma piuttosto per levarli alla concorrenza. Insomma, la mossa che nel calcio dei tre stranieri aveva già adottato Berlusconi (Papin vi dice niente?)

      Anche Digimon doveva subire la stessa sorte e non oscurare Pokemon che invece la 4Kids voleva che venisse trasmesso a tutti i costi, ma alla fine per fortuna non lo presero non mi ricordo per quale motivo (forse era tramontata la tv dei ragazzi e alla mediaset smisero di investire per prodotti che non dovevano trasmettere?) e finì alla RAI

      Elimina
    3. Per fortuna la Rai acquisii Digimon nella versione originale Giapponese con soundtrack originale :)

      Digimon è arrivato nel 2000 su Rai 2 in un periodo d'oro per gli ascolti televisivi dei cartoni animati con diversi articoli sui giornali che ne parlavano spesso...
      Su La Stampa nei giorni dell'elezioni politiche del 2001 fecero anche un articolo satirico sui Politici Pokémon vs Digimon...

      Non era ancora tramontata quell'epoca.

      Elimina
    4. Sui Digimon ti posso dire che fu effettivamente adocchiato dalla Mediaset, così come Monster Rancher.
      La Rai purtroppo si svegliò molto tardi per gli anime...
      Ci provò prima con Sei in arresto! su Solletico, lasciato subito da pate a favore dell'ennesima replica di Zorro.

      Moz-

      Elimina
    5. @MikiMoz

      Meno male in questo caso che Digimon arrivò sulla Rai... Versione giapponese (anche Mediaset però se possibile preferiva acquistare dai giapponesi, tipo: One Piece (ci siamo evitati censure assurde dell'edizione 4Kids!), le prime due serie di Beyblade, Pesca la tua carta Sakura, per fare degli esempi anche perché pare costassero meno... Di solito i prodotti acquistati da terze mani costano di più dopotutto 4Kids doveva guadagnarci dalle costose modifiche apportate, certamente non tutti gli anime da loro gestiti sono stati manipolati come Yu-Gi-0h e One Piece, ma acquistare direttamente dal produttore costa sempre meno. ), con colonna sonora originale in più con poche censure, la Rai fece anche una sorta di sigla finale diversa da quella iniziale!

      @Andrea87

      Per leggerlo devi avere o attivare Adobe Flash Page Player:

      http://www.archiviolastampa.it/component/option,com_lastampa/task,search/mod,libera/action,viewer/Itemid,3/page,13/articleid,0444_01_2000_0242_0054_4395408/

      P.S. Se trovo quello della politica domani o un altro giorno metto il link.

      Elimina
    6. Dunque, a volte la 4kids riusciva a far sparire l'originale.
      Ma la Mediaset spesso, forte del fatto che era una grandissima importatrice di serie jap, acquisiva (magari assolutamente per caso, eh) le serie PRIMA che se ne interessasse l'America.
      Addirittura l'ultima i Yu-gi-oh!, che in America non è stata adattata, è andata in onda per Mediaset con ovviamente nessuna alterazione grafica made in USA...

      Moz-

      Elimina
    7. Probabilmente Fininvest/Mediaset aveva l'accordo per pacchetti di piu prodotti,e magari quelli meno interessanti o più scomodi da trasmettere, li girava ad emittenti tipo Italia 7, Junior tv e affini, evidentemente alcune indecisioni fecero perdere tempo riguardo alcuni prodotti

      Elimina
    8. Sì, che tanto erano sempre roba sua... quindi il giro sempre quello.
      Solo che in alcuni casi resta da capire il perché certe serie, pompate a gogo, siano sparite (Wedding Peach, Hanayori Dango...).
      Lì ci fu sicuramente qualcosa...

      Moz-

      Elimina
    9. Per Yu-Gi-Oh la cosa è leggermente più lunga da spiegare:
      -La serie originale è andata in onda completamente presa dalla versione 4Kids.
      -La seconda serie, GX, ha l'ultima stagione adattata dalla versione giapponese in quanto la 4Kids l'aveva saltata.
      -La terza serie, 5D's, ha solo i primi 52 episodi presi dalla versione 4Kids e il resto dalla versione giappponese.
      -La quarta serie, Zexal, fa un casino: Nei primi 25 episodi la versione italiana è basata su quella giapponese ma con i nomi della versione inglese, poi dal 26 al 50 usano sempre la versione giapponese e i personaggi introdotti in questo blocco di puntate tengono i nomi giapponesi. Dall'episodio 51 in poi la versione italiana è interamente basata sulla versione inglese, come anche le serie successive (il cui adattamento è curato dalla ex-4Kids, ora chiamata 4K Media e assorbita dalla Konami col compito unico ed esclusivo di adattare le serie anime di Yu-Gi-Oh)

      Elimina
    10. Appunto... vedi tu che casino che hanno fatto XD
      Stavolta persino a fin di bene, volendo dare tutte le stagioni e cercando di restare fedeli^^

      Moz-

      Elimina
    11. Comunque diciamolo sempre che su Italia 1 abbiamo visto Yu-Gi-Oh Duel Monsters perché 4Kids già dal 2001 acquistò i diritti internazionali. In tutto il mondo chi voleva Yu-Gi-Oh doveva bussare a 4Kids piuttosto che studio Nas e Gallo.
      4Kids ha modificato tutti i 224 episodi :(, uno strazio... Io sono abbastanza indulgente verso le censure ma odio quello che ha fatto 4Kids con Yu-Gi-Oh Duel Monsters. Ancora oggi questo anime viene sbeffeggiato per il "cuore delle carte" la gente (come mi è capitato) è convinta che YGO sia quello... Per fortuna grazie a internet si è fatta giustizia :)

      P.S. Adesso Netflix con la riproposizione della versione 4Kids ha dato nuovamente una brutta immagine al prodotto al contempo sul web spuntano sempre più siti con la versione originale.

      Elimina
    12. Il fatto è che la 4kids ha ottenuto che l'unica versione a circolare dovesse essere la sua.
      Pertanto, o questo o niente.
      E con un giro di soldi simile, non puoi fare tante storie...

      Moz-

      Elimina
  11. Ne avessi vista una, manco per striscio..

    RispondiElimina
  12. Ne ricordo più o meno metà (e Fortune Quest solo perché ricordo il folletto infame con la permanente. Cartone molto dimenticabile).
    Strano il fatto di Hanayori Dango, è una serie piuttosto popolare a livello mondiale - Cina, Giappone e Corea ne hanno fatto diversi adattamenti live, se ricordo bene.
    Wedding Peach non ho mai capito perché l'abbiano messo in maratone dalle due di notte alle quattro o giù di lì, il fine settimana, poi (in quel periodo facevo tardi con gli amici a guardare altri pessimi cartoni e WP lo registravo): era sciocchino, ma non più di altri.
    Vabbè, i responsabili dei palinsesti Mediaset saranno impazziti leggendo il Necronomicon, le loro scelte non le ho mai capite.

    Probabilmente c'è qualche altro cartone che hai saltato: Il segreto della sabbia (che ho conosciuto mesi fa grazie a un tuo lettore) poi Luna principessa argentata (fantasy umoristico per bambini) e Principesse gemelle. Mermaid Melody sospetto che sia ricordato pure oggi, mentre ho dubbi su Kilari (ragazzina idol, incredibilmente non maghetta, una Ciao Sabrina un po' più cazzona).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortune Quest l'ho sempre pensato come la versione sfigata di The Slayers :p
      Su Wedding Peach aleggia il mistero: era pronto a sostituire Sailor Moon dopo il finale di questa serie, ma all'ultimo saltò tutto.
      Problemi dall'alto, diciamo.

      I titoli che citi, tra cui Il segreto della sabbia (bellissimo) sono della seconda metà anni 2000... ci sarà un post apposito: questo era ancora basato sull'era Italia Teen... mentre per l'era Hiro arriva la seconda parte^^

      Moz-

      Elimina
    2. "Kilari (ragazzina idol, incredibilmente non maghetta, una Ciao Sabrina un po' più cazzona)."

      Ammetto di essermi ribaltato dalle risate al Ciao Sabrina cazzona XD

      Parlando del successo, ti assicuro assolutamente che sia Mermaid Melody e sia Kilari sono tutt'ora ricordati, vuoi per un adattamento quasi all'insegna della fedeltà da parte di Mediaset, vuoi ancge perchè sono state le ultime serie anime trasmesse nel pomeriggio di Italia 1.

      Elimina
    3. Esattamente, specie le principesse sirene (che erano trash, comunque) sono ancora ricordate^^

      Moz-

      Elimina
    4. Mai capito il successo di Magic Knight e The Slayers (o come si chiama) due serie molto sopravvalutate. Dopo il 1997-1998 non si sono più visti su Italia 1. Come Sakura amatissime dai fan meno dal pubblico generalista.

      Invece io non trovo trash Mermaid Melody non sarà il migliore maho shojo della storia ma neanche così brutto come dicono.

      Elimina
    5. Mermaid Melody era un po' la copia minore di Sailor Moon, diciamo... sembrava un po' una cinesata, in confronto, ma non male, vero.
      Rayearth e Slayers in realtà si sono riviste (anche recentemente in orari notturni, o su Italia2 con nuovi episodi -parlo di The Slayers-) ebbero abbastanza successo anche all'epoca^^

      Moz-

      Elimina
  13. Vabbè che avevo tra i 20 e i 25 anni... però oh, non ne conosco neanche uno! Non sapevo nemmeno ci fossero stato dei remake dello Specchio Magico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, già... non era nemmeno malvagio, peraltro, ma non aveva minimamente il fascino vintage dell'originale^^

      Moz-

      Elimina
  14. Ciao, è da un po' che leggo questo blog ed è la prima volta che intervengo, in primis per farti i complimenti!
    Di questi anime ricordo di aver visto solo Kurochan, Ghost Sweeper Mikami e Power Stone.. E tra l'altro proprio Power Stone aveva una sigla pazzesca!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Davide... o ciao Andrea! Come preferisci?
      Beh, ti chiamo Ferrigno come il mitico Lou, per ora! XD
      Benvenuto a bordo e... grazie!**

      Sì, anche io ricordo con piacere la sigla di Power Stone la superpietra ;)

      Moz-

      Elimina
    2. Eh, il dramma di avere due nomi, dannazione!
      D'ora in poi, chiamami tranquillamente Lou! XD

      Elimina
  15. Ciao Miki sono Marco, come stai? Articolo stupendo e meraviglioso per i nostalgici come il sottoscritto, complimenti! Ti segnalo solo una piccola imprecisione: Stilly fu trasmessa tra il Luglio e il Settembre 2000 (con passaggio dal pomeriggio alla mattina) e non nel 2002. Spero possa esserti stato d'aiuto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, avevo provveduto a correggere: grazie mille!!
      Scrivere di notte porta a queste sviste, purtroppo... :D
      Tutto bene, tu? Ora ti scrivo in privato!

      Moz-

      Elimina
  16. Denis: Wedding Peach l'hanno ritrasmesso a notte fonda su Italia 1 e hanno fatto pure un'altra serie con dei ragazzi su un'isola con dei dinosauri ma non ricordo il titolo ma il tratto era da anni'90.
    Shin Chan faceva morire dal ridere " culo, culo, supermegafantasticoso" esiste pure un videogioco su GBA e forse anche su Nintendo 8 bit.
    Power Stone era una serie di picchiaduro uscita su console Dreamcast, ho la raccolta dei due giochi su Psp l'ha pagata 2 euro e 30 centesimi una roba cosi, gli altri non li conosco, ricordo quella del gatto e Cosmo Warriors Zero forse perchè c'era il videogioco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sapevo che Wedding Peach non ha mai avuto una replica, nemmeno nuovamente a notte fonda... Venne trasmesso solo una volta, nelle notti dell'estate 2000... :o
      I segreti dell'isola misteriosa è tornato di recente, di notte, sì...
      Sì, Power Stone poi ebbe una certa risonanza per via del videogioco, ma penso sia stato un successo molto limitato.

      Moz-

      Elimina
    2. Denis: su Wedding Peach sicuramente mi sono sbagliato, ma Power Stone non era un picchiaduro tipo Street Fighter ma più da macello per i doppi, ma perchè sprecare le serie a notte fonda per i diritti e non usarli al pomeriggio? anche The Batman se è quella con Alfred giovane l'hanno fatto di notte su Italia 1

      Elimina
    3. Se intendi Gotham telefilm, è comunque andato in onda altrove, prima.
      Io l'ho visto di notte ad aprile scorso, effettivamente.

      Moz-

      Elimina
    4. Denis: non era proprio una serie animata è Alfred e più giovane, il design e un pò diverso dalla serie del '92

      Elimina
    5. Forse è quella serie andata in onda prima il pomeriggio su Italia 1, con il Joker che sembra una scimmia pazza... 😵🤯

      Moz-

      Elimina
  17. Roba pressoché sconosciuta per me... Di Wedding Peach mi parlò qualcuno, ma scopro adesso che io capii Wedding Patch 😁, Lo specchio magico vidi la prima versione ma sapevo del remake, mentre Cosmowarrior Zero lo conosco di fama amando Capitan Harlock ma mi manca di vederlo, con tutte le tipiche incongruenze disseminate nelle opere con protagonista il pirata dello spazio (per es.: Tochiro muore sempre ma in modi ed epoche differenti 😁).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha sì... il matsumoto-verse è complicatissimo e ci sono diverse incongruenze.
      Stilly remake comunque, secondo me han fatto bene a trasmetterlo^^

      Moz-

      Elimina
  18. Di questi mi ricordo bene Mikami e Corrector Yui, che seguivo e mi piacevano molto.
    -Roba da Gatti era simpatico, ma alla lunga scocciava.
    -Fancy Lala una maghetta creata e uscita fuori tempo massimo: c'era proprio bisogno dell'ennesima idol wannabe, in un mondo dell'animazione proiettato su team di eroi ed eroine che salvavano il mondo usando la magia?
    -Ririka Sos sembrava uno di quei cartoni da Rai Due. L'autrice era la stessa di Super Doll Rika-chan? 🤔
    -Di Clamp Detective ho letto il manga, era un po' un'opera di "cazzeggio".

    Farai mai un post anche sui cartoni che andavano in onda contemporaneamente sulla Rai, prima che arrivassero le Winx a monopolizzare la fascia pomeridiana?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'autrice di Ririka è la stessa di Ransie la strega: ed è magnifico che ne stia parlando ora qui proprio con te! Assurdo! XD
      Sì, Clamp Detectives l'ho anche io come manga, niente di che, ma l'anime su Bim Bum Bam sarebbe piaciuto.
      Certamente (me lo ha chiesto pure mia sorella, ahah): il post sugli anime anni 2000 della Rai arriverà presto^^

      Moz-

      Elimina
    2. Pensa che Winx su Rai 2 venne trasmesso la prima volta nel 2004 lo stesso anno del debutto di Yui Ragazza Virtuale su Italia 1.
      Studio Rainbow talmente bravi a disegnare che... Ahahahah 😃😃, com'è possibile che abbia avuto quel successo?

      Su Italia 1 in quel 2004 Mediaset offriva ben tre maho shojo di spessore il già citato Yui, Mew Mew Amiche vincenti, Doredo Doremi... invece sulla Rai il capolavoro di Iginio Straffi 😁😁, per questo Mediaset ha retto benissimo il boom delle Winx perché le Winx sono state un successo notevole ma solitario.

      Per quanto riguarda gli anime della Rai tolti 3-4 titoli molto belli
      (Digimon nel suo genere rimane un capolavoro) il resto non era un granché.

      Elimina
    3. Le Winx sono una poveracciata terribile, mai capito come facciano ad andare avanti.
      Veramente scandalose.
      Non me lo spiego nemmeno io.

      Moz-

      Elimina
    4. Scopiazzatissime al 99% dalle magnifiche W.I.T.C.H. che assurdamente hanno avuto la fama e durata commerciale opposta :(

      Firma

      Elimina
    5. Già... arrivarono prima della Disney, stranamente, imponendosi sul mercato.

      Moz-

      Elimina
    6. No vabbè, Ririka Sos della stessa autrice di Ransie, che figura! 😆🙈
      A mia parziale discolpa, non sono così appassionata di manga da conoscere la bibliografia di tutti gli autori, conosco solo quella delle Clamp e di Masami Kurumada. XD

      Le Winx erano una super scopiazzatura di tutto ciò che andava di moda all'epoca, principalmente Sailor Moon e Harry Potter. Addirittura la seconda serie ha lo stesso identico colpo di scena di "Harry Potter e il Calice di Fuoco". Che per molto tempo è stato l'ultimo romanzo disponibile della saga del maghetto (il quinto non era ancora stato pubblicato), quindi chi l'aveva già letto capiva subito cosa sarebbe successo 20 episodi dopo. ^^"

      Le W.I.T.C.H. secondo me sono state penalizzate dall'essere nelle fasi iniziali solo un fumetto, e non avere un cartone animato di supporto. Avevo qualche compagna di classe che lo leggeva, ma quando arrivò il cartone il fumetto era già mooolto avanti, e trovare gli arretrati anche all'epoca era una fatica degna di Ercole.

      Elimina
    7. Ahaha ma non è certo una colpa... peraltro la storia di Ririka mi pare fu scritta da un autore esterno :)
      Vero, le Winx sono questo e continuano a esserlo (presto un post!), non hanno un'anima e sono animate come i cartoon polacchi degli anni '70^^
      La Disney con le Witch ha toppato proprio tutto, peccato.

      Moz-

      Elimina
    8. Un fumetto italiano fantasy per ragazze adolescenti era qualcosa troppo avanti per l'epoca: avrà anche venduto bene, ma quanti l'hanno conosciuto dal primo numero? Giusto quelli che all'epoca leggevano ancora Topolino, probabilmente.

      Prova ne è che non è mai stato ristampato integralmente.

      Elimina
    9. Non so a che punto sia arrivata la ristampa iniziata un annetto fa... chissà :o

      Moz-

      Elimina
  19. Forse inizio a diventare vecchio, ricordo solo alcuni titoli.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non così vecchio, visto che alcuni (più giovani) non ne ricordano nemmeno io!

      Moz-

      Elimina
  20. Caspita. Conosco solo Shinchan e dire che nei primi anni 2000 davanti alla TV ci stavo parecchio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco: visto quanto sono effettivamente DIMENTICATI??
      Assurdo... non hanno mai avuto l'onore di una replica, in moltissimi casi.

      Moz-

      Elimina
  21. Eh, ce n'è di roba...
    roba da gatti me lo ricordo, "kurochan kurochan"...
    su Italia 1 mi piacevano molto anche hamtaro e doremì...
    però la maggior parte dei miei ricordi li associo a Rai 2, guardavo sempre "Go kart mattina"... (cosa rara per quelli della mia generazione, quasi tutti ammaliati dai cartoni di Mediaset...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, allora parli di qualche anno prima... E guarda, ti dico: ho amato molto le serie della Rai di quei tempi, le guardavo anche io! 😁💪

      Moz-

      Elimina
  22. Ho letto la tua fatica con intetesse scoprendo che di cartoons sono profondamente ignorante. Di tutti questi titoli conosco,lo guardavo spesso credo negli anni 90,solo Capitan Harlok.
    Ciao Moz.
    fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ma appunto, non è il Capitan Harlock famoso... questo venne trasmesso solo due volte e non sui canali in chiaro.

      Moz-

      Elimina
  23. Mio dio, è proprio taaaanto che non guardo la tv... Di qurri questi ne "conosco" solo uno: Wedding Peach, di cui ho visto qualche episodio non ricordo dove (forse a casa di qualcuno). Hli altri, mai visti né sentiti (a parte un paio di titoli tratti da manga che avevo letto: Hanayori Dango (che mi pare sia anche un bel manga, se ricordo bene) e GHOST SWEEPER MIKAMI (manga "meh...")
    Sono ignorantissimo! :)
    Ciao Moz, un salutone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, sì: Hanayori Dango bella storia, purtroppo in Italia un po' massacrata.
      A me GS Mikami faceva impazzire... ahaha :)

      Moz-

      Elimina
  24. Wedding ed anche Fancy Lala pensavo fossero più noti, all'epoca li sentivo nominare spesso.
    A me piaceva molto Sandybell, serie che scomparve misteriosamente dopo un mesetto di puntate o poco più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio ma Sandybell ha avuto la sua prima tv nel 1983!
      Quel che citi mi sa che sia successo a fine anni 2000, con una serie ridoppiata dalla Mediaset ma già presente dalla fine del 1998!^^
      Wedding e Fancy Lala erano sicuramente destinati a spopolare, se fossero stati trasmessi e replicati^^

      Moz-

      Elimina
  25. Come dicevo stamattina a memoria so di aver visto completo solo Power Stone perché ricordavo il gioco in sala.

    Ho sicuramente visto anche Mikami perché era nella fascia pranzo dove vedevo tutto quello che passava.

    Forse anche Roba da gatti qualche episodio ma ricordo sicuramente di più la sigla del Capitano Giorgio.

    Gli altri onestamente li conosco solo per le sigle e altri proprio mai sentiti nominare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, peraltro tutti e tre i titoli che citi sono passati anche nel primo pomeriggio, sebbene Roba da gatti poi sia stato messo in fascia Bim Bum Bam, se non sbaglio... Sigla molto divertente, vero^^

      Moz-

      Elimina
  26. Ma la censura si abbatteva come una scure su molti di questi anime. Io, chiaramente, non ne ho visto nemmeno uno però, il prequel di Capitan Harlock, mi spiace di essermelo perso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente molti di questi, preparati da Mediaset in precedenza, provenivano dall'epoca delle forti censure. Ma altri sono dell'epoca delle censure attenuate, e alcuni sono addirittura senza tagli!! :)

      Moz-

      Elimina
  27. Roba da gatti, Shinchan, Mikami... Ma che perle hai tirato fuori 🥰 ammetto che guardavo pure Yui...
    Ricordo abbastanza labilmente Fancy Lala, se non per il fatto che fosse qualcosa di davvero strano :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lala fu una maghetta anni '80... ma dieci anni dopo! 😂
      Premio resto, io davvero li ho visti tutti o quasi (e adoravo Milano: credo ci stia bene ad esempio su Italia 2!) 🔥

      Moz-

      Elimina
  28. Conosco solo Cosmowarrior Zero ma non perché vista in Tv ma recuperata anni dopo in DVD assieme alle altre uscite in edicola delle serie dedicate a Capitan Harlock!
    -:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, infatti è una delle poche che si è vista in DVD... 🧡🤓

      Moz-

      Elimina
  29. Di Shinchan ricordo come, mentre la prima serie fu ripresa dall'adattamento americano ma mettendo i nomi originali (e in effetti ricordo ai tempi incongruenze con un sacco di articoli che menzionavano i nomi inglesi, tipo la sorellina chiamata Daisy e non Himawari), la seconda fu ripresa dall'adattamento spagnolo che non aveva censure alcune, teneva la maggior parte dei doppiatori della prima parte tranne quello di Shin stesso (che passava da Massimo Corizza a Monica Bertolotti) e aveva questo adattamento bizzarro con personaggi che avevano nomi fintogiapponesi ma chiaramente italiani (tipo la signora Fapokomoto, la dura sorvegliante Sefuji Tikastigo, il ciccione Namasa Dekili e il bodyguard Seminachi Tirompoibrachi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHA... a modo suo, un adattamento geniale, specie se i personaggi anche in origine avevano un significato nel nome^^

      Moz-

      Elimina
  30. WEBDIVER lo ricordo, lo vidi su Italiano 1 ai tempi, se non ricordo male il protagonista poteva pilotare una sorta di treno robot.

    POWER STONE mi ricordo che da ragazzino mi piace lo stile del protagonista e della sua trasformazione (anche se il mio preferito era il cattivo simil pirata scheletro). Anche la sigla non era malaccio.

    Fancy Lala ha una sigla veramente molto bella, ogni tanto la riascolto con piacere. Purtroppo la formula classica aveva finito il suo corso e questo cartone lo dimostra, poco dopo si passerà alla sua evoluzione più action "Pretty Cure".

    Di Lost Universe ho il ricordo di averlo visto in una sorta di esperimento multimediale quando ancora del digitale non si sapeva cosa fare. Praticamente in determinato giorno e orario premendo il tasto rosso del telecomando avevi la possibilità di vedere il cartone in una sorta di primordiale streaming.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante questa cosa di Lost Universe!
      E ora che lo hai detto, lo ricordo anche io vagamente...
      Fancy Lala fuori tempo massimo (da noi, almeno)... però peccato, perché oggi comunque di storie così non ce ne sono più.

      Moz-

      Elimina
  31. Shin Hakkenden (che a mio modesto parere vanta la sigla più orecchiabile di Giorgio Vanni) è stato dimenticato anche dalla comunità anime in generale perché per tanti anni l'ho cercato dato che a suo tempo rimasi a metà della serie ma non si trovava mai, nemmeno in originale sottotitolato, nonostante gli anime, specie all'epoca, siano relativamente facili da reperire.
    Solo casualmente un anno fa mi imbattei in un utente di Youtube che aveva caricato tutte le puntate in italiano. Ovviamente ora le ho salvate su pc vista la rarità XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono cose rarissime, molti di questi titoli.
      Pensa che spesso non ci sono nemmeno immagini di buona qualità da poter inserire... zero proprio: sono davvero prodotti dimenticati.

      Moz-

      Elimina
    2. Mi chiedo perché visto che quelli che ho visto non erano affatto brutti prodotti anzi. Hai qualche ipotesi?

      Elimina
    3. Perché erano stati acquistati quasi tutti a fine anni '90, e preparati all'epoca; i diritti stavano per scadere, hanno creato It! dove mandarli, ogni tanto su Italia1 ma via così, zero repliche e dimenticati...

      Moz-

      Elimina

ricevere commenti fa sempre piacere, a patto che siano commenti pertinenti o che arricchiscono la discussione.
Ricorda: non è obbligatorio commentare se non si ha niente da aggiungere o se non si è nemmeno letto l'articolo! Grazie :)