[TAG] Very Pop Blog - i miei anni 2000

 

Sono passati già tre anni dall'ultimo "tag del decennio", ossia un modo veloce e spero simpatico per riassumere la nostra vita nell'arco di una decade.
Avevamo parlato degli anni '80 e poi degli anni '90, oggi tocca invece ai 2000!
Pur non essendo un periodo forte e caratterizzato come i precedenti, anche questo ha le sue icone pop ma soprattutto tanti momenti particolari, che immagino saranno impressi nella nostra memoria.


Le regole avrebbero previsto di taggare cinque persone scelte casualmente tra gli ultimi miei commentatori.
Per tutta una serie di motivi ho deciso di non fare il solito giochino del tag (anche perché, diciamocelo: i tag hanno ancora senso?), quindi prendetelo come un post che parla di me.
Se avete piacere, potete ovviamente replicarlo e farlo girare, nominare chi volete secondo come vi piace; potete citare le vostre cose tra i commenti, sarò in entrambi i casi ben lieto di leggerle (ricordatevi di avvisarmi, però).

I MIEI ANNI 2000

MUSICA
Gli anni 2000 per me sono stati quelli dove ho girato in lungo e in largo per i concerti di Pelù nella carriera solista.
Ma ricordo anche Frankie Hi-NRG (con mostruoso ritardo), Roberto Cacciapaglia, gli Spiritual Front.

CINEMA
Ovviamente i miei 2000 sono segnati dal grande ritorno di Tarantino: due opere di genere, Kill Bill e Death Proof, che riaprono le porte al cinema underground, quello da me sempre amato ma impossibile da trovare; ora, grazie alla moda lanciata dal regista, tutti i cult e gli scult sono sdoganati e io impazzavo in videoteca a caccia di queste perle.

FILM
Ricollegandomi al discorso qui sopra, sono andato alla ricerca sempre più serrata di tutti quei film che vidi anni prima sulle televisioni regionali; ora finalmente se ne parlava sempre più in modo serio, ci fu una riscoperta totale. Nocturno divenne la mia rivista.

COMICS
Ripresi a leggere Batman, che propose saghe importanti (QUI la storia completa); amai Preacher ma anche l'italiano Nemrod.
Poco a poco, mi sono allontanato dal mondo del fumetto giapponese popolare, sempre più perso dietro giappominkiate, riallacciando i nodi con quello americano, italiano, europeo.

VIDEOGAMES
A inizio anni 2000 ci fu l'ultima fiammata della passione per la PlayStation: questo ha segnato il mio lunghissimo allontanamento dai videogiochi.
Sempre meno ludici e sempre più cinematografici, per me avevano perso il senso di intrattenimento.

TELEVISIONE
Tutti gli anni 2000 sono stati segnati da due prodotti che ho amato: Distretto di Polizia e Malcolm.
Nel 2006 mi riappassionai ai Power Rangers.
Tanta continuava a essere l'animazione giapponese: visioni scemate solo verso la fine di questo decennio.



CIBO
Questo è stato un periodo dove gradualmente e senza un perché, alcuni cibi tipo Sofficini e simili sono spariti man mano dal mio frigo e freezer.
Di contro, ho avuto subito più facile accesso alle grandi catene di ristorazione veloce; mentre a casa ho iniziato a dilettarmi con la farcitura varia delle piadine, che m'è rimasta ancora oggi.

LIBRI
Andando all'università, potete immaginare quanto io abbia letto; alcune volte era anche piacere, altre era per esami.
In ogni caso, ho sviscerato tutta la letteratura inglese e spagnola.
Di mio, ho scoperto l'amore per Ian McEwan, ho abbandonato via via la Yoshimoto e ho recuperato certi autori e opere della letteratura greca e latina (Satyricon!) che al liceo avevo solo malvolentieri sfiorato.

SHOPPING
Mi rivolgevo, ancora e tanto, alla marca Energie.
Pensate: molte di quelle cose le ho ancora.
Ero affezionatissimo a un giubbino tamarro con dentro il pelo. L'ho tirato fuori l'anno scorso, dall'armadio.
In edicola acquistavo XL de La Repubblica, che mi manca tanto.

LIFE
Beh, negli anni 2000 ho studiato all'università, e questo sicuramente fu un cambiamento forte.
Prima a L'Aquila, poi a Pescara, senza legarmi mai del tutto con queste due realtà.
Nel periodo 2003-2005 ricordo grandi giornate passate con un amico; dal caffé pomeridiano si finiva in giro ore e ore, e quindi merende, cene, birre, uscite, film, compagnie... fino a notte fonda.
Nel 2006 proprio lui mi introdusse in una nuova compagnia che m'è rimasta nel cuore (dove ho conosciuto Sandrino, il grafico del blog), e appunto... in quello stesso anno è iniziata la mia avventura col Moz O'Clock!
Segnalo anche tre innamoramenti, ovviamente complessi come nelle trame di un manga.

RICORDO DELL'EPOCA
Vi lascio quella che per me è la foto simbolo di quel decennio: giubbino della Energie di cui sopra; scarpe Onitsuka Tiger del film Kill Bill (scena di Beatrix contro Vernita Green); scattata dall'amico dei mille infiniti giri.
Riassume un po' tutto di un periodo molto bello e spensierato.



E voi cosa ricordate dei vostri anni 2000?

70 commenti:

  1. A te solo a leggerti viene il mal di testa...sei incredibile, mani in pasta dappertutto: studio, viaggi, svaghi, concerti, libri, blog... una fucina incredibile iperattiva..
    I 2000 sono stati i miei quarant'anni insofferenti e rivoluzionari.. l'amore mi ha cappottato la vita mentre a te sembra l'unica cosa praticamente a margine anche se, in realtà, probabilmente è l'unica cosa che vuoi tenere fuori.. io certo ho messo la testa a posto.. diciamo che, per te, c'è ancora tempo.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono incorreggibile, sarò così in eterno... Magari con qualcuno accanto, ovvio 😁 ma resterò così! 💪

      Moz-

      Elimina
  2. Grande post, Miki!
    Sulla musica: io son partito dalla piena (ri)scoperta del grande Fabrizio De Andrè e di Rino Gaetano. Devo dire che con il file sharing, a metà degli anni 2000, ho recuperato anche molte "perle" della musica pop straniera anni '80.
    Per il cinema: nel 2006 ho avuto la conversione al cinema horror...
    Genere che oggi mi ha un po'stufato, lo ammetto.
    Per ciò che concerne i fumetti, gli anni 2000 sono stati quelli del manga di Capitan Tsubasa..
    La marca Energie è stata un cult anche per me..
    E' sopravvissuta solo una felpa, leggera, blu e bianca (bellissima) che indosso d'estate nelle mattinate e nelle serate più fresche, sopra la t-shirt.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, io col cinema scoprii il torture porn e me ne innamorai!
      Erano i tempi di Hostel.
      Io penso di avere ancora mezzo guardaroba di cose Energie... :D

      Moz-

      Elimina
  3. Non so come fai a ricordarti tutto! Io dovrei andare a cercare i miei vecchi diari per ricordarmi qualcosa... L'unica cosa che so è che la mia principale occupazione in quegli anni era crescere i miei due figlioli; forse è per questo che non ricordo altro XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh beh, eri con la mente impegnata in altre faccende, giustamente^^

      Moz-

      Elimina
  4. Un decennio agrodolce per me. Fino all'anno scolastico 2004-2005 sono stato benissimo... nel primo lustro degli anni 2000 avevo tra i 10 e i 15 anni periodo in cui il futuro mi sembrava luminoso... il 2010 mi sembrava lontanissimo... Quasi fantascienza... :)
    Davvero credevo che dovessi essere proiettato verso un futuro felice :), era tutta un'illusione!

    Poi dall'anno scolastico 2005-2006 complice diverse concause alcune inevitabili è finita quell'epoca... Prima o poi doveva succedere certo...
    Ma la fine dell'età dell'innocenza ha portato con sé enormi macerie per me. nel 2007-2008 non sapevo già cosa fare senza rendermi conto che la serenità era finita per sempre.
    Vedere i propri amici fumare, abbandonare la scuola, vederli in carcere per concorso in omicidio era è rimarrà sempre un trauma...
    Tutti abbiamo vissuto questo cambiamento ma non tutti hanno avuto gli strumenti per affrontare i cambiamenti in maniera adeguatamente... Ecco perché odio l'adolescenza!

    Comunque tornado a cose più belle per me gli anni 2000 sono stati quelli della PlayStation 1, Game Boy Color, Game Boy Advance SP, di serie animate come Pokémon, Dragon Ball (che iniziai a seguire già nel 1999), One Piece, Yu-Gi-Oh, Detective Conan ed altri che adoro tuttora. Dei mitici telefilm Buffy e Malcolm The Middle del puritano Settimo Cielo, della passione per la geografia, della passione per il calcio e lo sport in generale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Vedere i propri amici in carcere per concorso in omicidio" GASP!!
      Ma che amici avevi?!

      Firma

      Elimina
    2. Un mio compagno di classe delle medie è stato condannato a 20 anni di carcere per concorso in omicidio.
      Veniva a casa mia a fare i compiti mentre io seguivo i cartoni animati del primo pomeriggio lui mi prendeva bonariamente in giro...
      Nessun nel mio paese si aspettava un qualcosa del genere.

      Elimina
    3. Perché lo ha fatto?

      Firma

      Elimina
    4. Non è il posto adatto per parlarne.
      Forse era meglio non scriverlo ma rimane qualcosa di forte per far capire il senso del mio messaggio.

      Elimina
    5. A.J.: Mi spiace, si sente ancora il tuo dolore, secondo me hai fatto bene a tirar fuori questa cosa, magari mentre scrivevi non pensavi neanche di dirla, ma è uscita, urgente, non rimproverarti per questo.
      La vita è anche questa purtroppo, tu non sei il tuo amico, sei tu. Eravate amici o semplicemente compagni di scuola, nessuno può prevedere il futuro, resta solo un ricordo amaro.

      Elimina
    6. In prima media ho avuto un compagno di classe diciamo squilibrato, per un nonnulla alzava le mani e aveva sempre un'espressione allucinata... Non so se ha mai conseguito la licenza media, fatto sta che sentii parlare di lui in seguito a un omicidio stradale del quale risultava responsabile. A volte la "cronaca" ci respira vicino negli anni meno sospettabili...

      Elimina
    7. Io ne ho avuto uno che fin da bambino si è mostrato molto strano sembrava avere un ritardo mentale non parlava mai aveva la sguardo strano mi faceva un po' paura e ci stavo lontana poi l'anno scorso lo hanno condannato a diversi anni di prigione per pedofilia e pornografia ed è pure gay adescava i ragazzini maschi minorenni scambiandosi per donna e li obbligava a rapporti sessuali con lui.
      Altri se la passano molto male con altre brutte storie.

      Firma

      Elimina
    8. A.J.: quel che tu hai detto del 2010 per me era il 2000... un futuro lontano che sembrava anche non dover mai arrivare...
      Capisco quel che hai descritto... c'è stato un vero e proprio punto di rottura dove ti sei accorto che la magia era terminata.

      @Firma, Lory, Gas: prendo le parole di Gas... è vero, la cronaca ci respira accanto, e tante volte è shockante quel che succede.
      Omicidi, stupri... sono cose che spezzano la quotidianità.

      Moz-

      Elimina
  5. Questi tuoi post fanno riflettere, devo andare indietro nel tempo e... ricordare.
    A livello televisivo in quegli anni partivano i reality. Ho seguito il primo Grande Fratello e ricordo che non si parlava d'altro, devo dire che quella edizione mi ha tenuta incollata. L'ho seguito ancora ma per poco, le ripetizioni non sono mai esaltanti e soprattutto ho smesso di credere alla spontaneità, ma credo sia pilotato come gran parte dei programmi di intrattenimento un po' trash oggi li definirei.
    Ho seguito anche Survivor poi diventato L'isola dei famosi e anche lì ho perso interesse.
    Erano gli anni di Grey's Anatomy che ho sempre seguito fino all'uscita di Patrick Dempsey.
    Ho sempre seguito anch'io Distretto di Polizia perché mi stava simpatico Riki Memphis.
    Altro telefilm che ho seguito è Elisa di Rivombrosa.
    È stato il periodo del mio primo videoregistratore e l'approfondimento del cinema oggi mia grande passione.
    Registravo e portavo al lavoro, ho sempre avuto un po' il pallino di condividere le mie passioni, e spesso ho fatto breccia dove mai avrei pensato.
    Ah, erano anche gli anni del Dr.House, ma lì ci sono arrivata più tardi. Mi ritrovo sempre in ritardo quando si parla di cose seguite da tutti, quando tutti ne parlano, non so perché, mi viene una specie di rifiuto, comunque mi sono ritrovata a seguirlo per diverso tempo.
    Letture? Più o meno quelle di oggi. Ho sempre letto molto, non ricordo nello specifico qualcosa legato a quegli anni.
    Non guardo niente online per cui mi sono persa tutto ciò che riguarda serie varie, anche oggi sui canali normali, sono discontinua e facendo un lavoro a turni lascio perdere volentieri. Mi sarebbe però piaciuto vedere Lost,ad oggi l'unico rimpianto.
    La moda non l'ho mai seguita molto, metto quello che mi piace, ai tempi però l'ombelico fuori l'ho messo anch'io qualche volta.
    Abbino gli anni duemila a un cambiamento personale, una crisi che si è protratta negli anni e mi ha portato una certa chiusura verso l'esterno e maggior consapevolezza. Solo gli ultimi anni mi hanno riportato più spensieratezza e la voglia di realizzare sogni lasciati nel cassetto, la chiamo la mia seconda vita.
    A fare da colonna sonora c'è la musica in generale, dipende dal momento, alterno il silenzio a testi che mi fanno pensare e sorridere, oggi direi che apprezzo La mia vie en rose!
    😉🌼

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primissimo Grande Fratello (ma pure il secondo) un po' li ho seguiti anche io.
      Erano più semplici e spontanei, la mano degli auturi non era così calcata come oggi... che si vede proprio siano situazioni indotte fino alla finzione.
      Rivombrosa seguito anche io.
      Ombelico fuori, sì! Ahaha, era una moda di quel tempo.
      Insomma, hai attraversato un momento particolare, mi sembra di capire... una crisi... dai, mi fa piacere che ora tu sia tornata a respirare^^

      Moz-

      Elimina
  6. Non sapevo avessi letto e apprezzato Nemrod! Io mi ci avvicinai, ho apprezzato molto i disegni del n° 1, opera di Fabio "Mano destra di Dio" Celoni, però come testi era un mattone (e qualcuno lamenta che sono pesati le storie di Dampyr scritte da Boselli!) e l'ho mollato a metà del n° 2.

    Negli anni Duemila sono approdato al web con il mio primo sito, di impronta personale (all'epoca andavano alla grande, un po' come il tuo blog) "Occhi verdi", titolo omaggio a Megan Gale che mi piaceva molto come testimonial della Omnitel... Mito che poi è stato soppiantato, grazie al web, dalla modella canadese Katia Corriveau 😍 della quale fui probabilmente il primo fan italiano.

    Si rinnovò per forza di cose il mio parco di amicizie, allontanando un po' quelle storiche (anche perché molte di esse lasciarono il paesello) e instaurandone nuove, dando vita a una bella estate in quartetto, dove ogni sera nasceva dal nulla una gag memorabile grazie all'assortimento dei componenti anche occasionali, e dalla quale mi appassionai tra gli altri a R.E.M., Capitan Harlock e alla cinematografia di Hayao Miyazaki, oltre a recuperare tutta la serie di Jeeg Robot all'epoca ancora non tornata alla ribalta grazie a Yamato Video. Gruppetto di cui esistono oramai poco più che... ceneri. 😢
    Quell'estate non si replicò l'anno dopo, per varie cause, per cui mi avvicinai a un altro gruppo, dove strinsi amicizia con un fan di David Lynch e in particlare di Twin Peaks (amicizia attualmente in corso), e recuperai un'altra amicizia importante se non preziosa che era naufragata nel '99.
    E' stato anche il decennio della mia sofferta laurea, sofferta perché ho vissuto gli ultimi anni come una pena da scontare, dato che oramai me ne strafotteva del mondo dell'ingegneria. Un atteggiamento che però mi ha permesso di velocizzare la frequenza degli ultimi esami, tra i quali l'unico 18 preso da un professore pagliaccio che sfotteva i cognomi degli studenti!
    Fronte amoroso, esclusivamente insuccessi, grazie anche al remarmi contro di qualche persona (vedi cambi di frequentazioni raccontato poc'anzi).

    Musicalmente fu il periodo in cui conobbi colei che è diventata la mia cantante preferita, Sandra (ex moglie di Michael "Bandit" Cretu).

    In fatto di film, buona parte dell'attenzione è stata focalizzata sulle saghe di Harry Potter e del Signore degli Anelli. Ho comunque recuperato e apprezzato vari film con Francesca Inaudi, la prima trilogia degli X-Men, il cinema di Sergio Rubini, oltre come detto i film di Miyazaki.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha immagino cosa abbia detto quel prof del tuo cognome! XD
      Beh, vedo che anche per te è stato un decennio all'insegna di nuove situazioni e amicizie.
      Pure io ho sofferto l'ambiente universitario.
      Il sito era un omaggio alla Gale o un tuo diario personale??
      Nemrod... il primo albo fu molto denso, dissero gli autori stessi che secondo loro doveva essere splittato in due.
      Vero, penso sia invecchiato malino, comunque.

      Moz-

      Elimina
    2. Il sito omaggiava Megan soltanto nel nome, per il resto aveva varie sezioni per tutti i gusti, tra cui l'area Cartoni animati dalla quale feci la sezione su Jeeg, attualmente online come Jeeg Italia, la sezione Dampyr poi diventata sito autonomo, area download, giochi giocabili nel sito, area sexy (che mandò in tilt il primo hosting del sito😂😎, arrivò mail "o togli l'area sexy o togli tutto il sito"), ricordi di scuola, area horror...
      Sito chiuso in seguito a una profonda delusione, dovevo sfogarmi distruggendo qualcosa... Comunque ho salvato l'ultima versione.

      Elimina
    3. Che brutto quando siamo costretti a distruggere le nostre cose, è successo anche a me per svariati motivi.
      Beh, se hai salvato qualcosa... si può vedere?
      Cos'era l'area sexy?? Cosa conteneva?? XD

      Moz-

      Elimina
    4. Ho salvato tutto il sito, o meglio non ho cancellato la cartella su Windows ma soltanto i file su Digiland.

      L'area sexy era la "Soft Collection", alcune gallery con foto di donne... tipo quelle che ora affollano Instagram.

      Elimina
    5. Ehehe, come cambiano i tempi!

      Moz-

      Elimina
  7. L'attendevo questo post, peccato che non ho più "spazio", ma a gennaio lo faccio sicuro, comunque Kill Bill sì, iconico dei 2000 ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah bene allora, mi fa piacere se vorrai continuare^^

      Moz-

      Elimina
  8. Dalla foto il giubbino peloso non si vede per niente. Mi aspettavo un bel primo piano col capo in rilievo. Ahahaha
    Tanta roba in questo post. Io non so come fai a ricordare quelle che per molti altri sarebbero futilità.
    Se mi chiedessero qualcosa dei miei Duemila, risponderei:
    - inizio del liceo a settembre 2001.
    - incidente a settembre 2002.
    - mille cose di poca importanza.
    - vacanza a Verona col mio migliore amico, ad agosto 2005.
    - primo fidanzato ufficiale a novembre 2005, con annesse tutte le prime volte che non si confessano mai.
    E mille altre futilità, tra cui il diploma nel 2006 e l'iscrizione all'università che ho abbandonato dopo un solo semestre.

    Insomma, non saprei dirti cosa guardavo in tv, cosa mangiavo, come mi vestivo, ecc.
    E non perché sono smemorata, ma perché semplicemente non do importanza a queste cose.

    P.S. Sai come la penso sui tag. Hanno stufato. Non li ho mai sopportati né qui e né sui social. Quindi grazie per avermi risparmiata, nel caso in cui il tuo algoritmo mi avesse scelta. :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, se avessi taggato la gente, ti toccava: così come a Fulvio, A.J., Valeria, Francesca Mei e Babol!
      Cooomuque, io vivo di futilità... ahaha!
      Sono la base della cultura pop, ovviamente non sono cose futili, sono i miei ricordi.
      Perché io le ho elencate così, ma è chiaro che anche per Distretto, Malcolm, Nemrod... ci sono dietro delle storie; ad esempio Nemrod preso a Lucca Comics e regalato a un amico, Malcolm visto coi miei fratelli ecc...

      Moz-

      Elimina
    2. Anche per me non sono cose futili.
      Ricordi della scuola, anime e telefilm visti in tv, sport seguiti in quegli anni sono cose che mi hanno segnato.
      Io addirittura le venero :)
      Altrimenti sarei vuoto se non li considerassi importanti... Le cose che faccio oggi son un ideale proseguimento di quell'epoca... Rimane vivo il ricordo in più ogni giorno amplio le mie conoscenze...
      Ricordo con affetto anche la maggior parte delle persone conosciute comprese maestre e prof 😊

      Elimina
    3. Idem per me: sulla base dei ricordi BELLI io cerco di proseguire la mia vita, sempre anche con esperienze nuove.
      Ma non voglio dimenticare niente di quei giorni^^

      Moz-

      Elimina
  9. Ma se ha appena scritto che non tagga più nessuno.
    Ti sei persa un passaggio Claudia.😂
    Io lo scrivo più tardi.
    Per me è stato un decennio importante.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Max, lo so che non tagga. Ma ha scritto che lo ha deciso per una serie di motivi.
      Quindi, siccome già in passato sono stata scelta dal suo algoritmo, ho detto fiuuuu.
      Son felice di non correre più il rischio.

      Elimina
    2. Che tra l'altro ti aveva scelta.
      Ragionando bene, è inutile che io continui ad alimentare volontariamente un circolino così, ossia la blogosfera: tanto a me non viene niente in tasca, non ho guadagnato niente dagli altri tag.
      Il post, anche senza che diventasse un gioco (ma qualcuno lo farà: ben venga!) è andato comunque molto bene.

      Moz-

      Elimina
  10. Oddio io nel 2000 avevo solo sette anni, quindi diciamo niente di che.
    Malcom bellissimo, diseducativo come pochi ahah. Però a breve ci sarebbe già stato Tiziano *.*
    Cose rilevanti di quegli anni, nel 2007 inizio superiori, primo fidanzato serio (uno spreco di anni ahah), tanta musica assurda...e credo basta :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I programmi traaaash di Mtv! Tipo Pimp my wheels, Next, My bff con Paris Hilton...oddio che mi hai ricordato xD
      Poi Disney Channel, bellissimo, con Raven, Zack e Cody....che meraviglia <3

      Elimina
    2. Bellissimi ahahahaha!

      Firma

      Elimina
    3. Per me Ferro è tipo 2001... ricordo ancora quando lo conobbi.
      I primi fidanzamenti sono SEMPRE uno spreco di tempo e energie, funziona così, fa parte del gioco^^

      Moz-

      Elimina
  11. Me li passavo giocando ma specialmente guardando i cartoni di ogni genere specialmente gli anime di Italia 1 e i cartoni di Rai 2 e facendomi risucchiare dai fumetti Disney il mio pane quotidiano che leggevo senza sosta altri fumetti che adoravo erano Teddy, Holly Hobby e Barbie, poi mi piaceva Il Giornalino e a volte leggevo Lupo Alberto i numeri degli anni 90 passati dai cugini ventenni.
    Che bello guardare su Rai 2 il Topoclub del Disney Club e Sabrina vita da strega sul 6 poi tra la fine del 2004 e i primi del 2005 entrando nell'adolescenza sono passata a ascoltare continuamente la radio e guardare Top of The Pops e verso il 2005 anche MTV e le varie Top 10 di quegli anni e di quelle del passato che mi fecero ampliare la piccola conoscenza della musica degli anni 80 che avevo scoperto a 11 anni da una stazione radio di sola musica anni 80 che adoravo e mi piaceva guardare un altro programma di MTV uno così scemo che facevano il venerdì sera che faceva vedere le cavolate che facevano i ragazzi americani nel fine settimana, TRL e a volte Inuyasha.
    Cominciai a apprezzare NCIS su Rai 2 e maggiormente Streghe, e altri film e telefilm con temi che potevo accettare e capire di più.
    Mi compensavano dalle bruttissime scuole medie che mi facevano tanto penare.
    Dal 2006 in poi passando al liceo la tv e altri piccolo svaghi li accantonai totalmente per lo studio continuo le cose in voga in quegli anni non le conoscevo assolutamente e le ho scoperte anni dopo averlo finito. Dal 2010 in poi ho passato un periodo piattissimo e molto cupo.
    Del 2000 salvo i primi anni il resto uno schifo.

    Firma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai trovato un ennesimo modo per riassumere quegli anni: MTV.
      Era proprio una generazione, un decennio, immerso in quella cultura musicale.
      Anche io del 2000 salverei solo i primi anni e nemmeno dal 2000... ma tipo 2004-2007.

      Moz-

      Elimina
  12. Mancava da un po', come scrivi, il bel post POP dedicato alle riflessioni sulle decadi passate;)
    Sui tag, posso solo dirti qualcosa che sai già, erano un modo di fare comunità, di unire un po' di gente e di farsi conoscere in rete. Li ho sempre visti come qualcosa di simpatico e non li ho mai demonizzati. Forse adesso, visto che quel modo di vivere la rete non esiste praticamente più, anche i tag non hanno più senso.
    Gli anni 2000 per me, sono stati anni di passaggi importanti di scelte lavorative e di vita, di cadute e risalite. Gli anni che hanno fatto di me la donna che sono.
    Ma senza cadere nel" melodrammatico" faccio un riassunto collegato alla musica.
    I miei concerti migliori: U2, DM, ZIO BRUCE,LIGABUE, JOVANOTTI. L'album di Springsteen che preferisco THE RISING, ascoltato fino allo sfinimento e di cui non sarò mai sazia. E poi REM, COLDPLAY, FRANZ FERDINAND, MUSE, GREEN DAY. Tanta roba con la quale ho accompagnato decisioni importanti, come quella di cambiare lavoro. Serie televisive come Sex and the City e Friends. Non ho ricordi particolari nei confronti dei film, forse l'unico è "NON TI MUOVERE di Castellitto, tratto da uno dei romanzi di sua moglie che ho amato tanto. Nasce in quel periodo la scoperta di AMOS OZ e di DAVID GROSSMAN, autori che non ho più lasciato e che mi hanno insegnato molto sulla vita e sulla morte. E poi è capitato altro nella mia vita, ma non è questo il luogo in cui parlarne. Va bene così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, era un modo per divertirsi insieme.
      Ma va bene così^^

      Mamma mia i Franz Ferdinand... ahaha, che cosa hai tirato fuori^^
      Ricordi molto molto artistici e musicali, dunque.
      Si vede che hai uno spirito di quel tipo!

      Moz-

      Elimina
  13. come ho scritto sotto ad un altro posto, i 2000 sono stati i miei "happy days", dato che in appena un decennio ho dato il meglio di me.
    A livello scolastico, sono stati gli anni delle medie, superiori e culminato con la laurea triennale.
    A livello sportivo: parliamo del decennio iniziato con l'inculata epica degli Europei 2000 e terminata con il triplete... e nel mezzo due cosette da niente come il mondiale 2006 vinto, i 5 scudetti in fila, gli anni di gloria con 3 siciliane in Serie A, il Palermo che battagliava con le grandi (e forniva 5 nazionali ai campioni del mondo!) e la juve in b beccata con le mani nella marmellata...
    A livello umano: ho conosciuto i miei amici per la vita del liceo e dell'università (a differenza di quelli delle medie...) e anche alcune amicizie sorte su internet che poi si sono tramutate in grandi amicizie anche IRL
    A livello geografico: è stato il decennio in cui siamo diventati sedentari, essendo tornati all'ovile in sicilia dopo anni a peregrinare per l'italia per lavoro di mio padre
    A livello culturale: è il decennio che mi ha formato, in cui si sono sviluppati l'amore per certi generi di musica e di film, in cui ho ricominciato a leggere fumetti dopo che alle medie e al liceo era diventata una passione scomoda

    caspita, a pensarci che tutte queste cose sono successe in "appena" 10 anni densissimi, mentre da allora vivo in una sorta di stasi dell'eterno presente mi viene da strapparmi i capelli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da grande appassionato di calcio e sport bisogna devo dire che Calciopoli è stato un massacro per il calcio italiano.

      Non entro nella questione dei fatti ma dopo quell'evento il livello è crollato. Il calcio italiano si è ripreso soltanto negli ultimissimi anni ma se paragoniamo le annate 1999-2000 o 2000-2001 a quelle 2006-2007 e 2007-2008 bisogna costatare l'enorme differenza tecnica.

      Elimina
    2. P.S. Tra le tante parole, frasi o termini nati negli anni 2000 per quanto riguardo lo sport spicca "triplete" invenzione della stampa spagnola nato nel 2009 per celebrare il tris di trofei del Barcellona 2008-2009. Ma in verità non esiste! Non esiste nessun triplete! Prima del 2009 non si è mai sentito! Non mi sembra che nell'estate 1997 quando arrivò Ronaldo all'Inter disse: "vinciamo il triplete".

      Elimina
    3. prima si usava all'inglese "treble". Ma è sempre rimasto confinato tra gli appassionati perché successo troppo poche volte in passato, quando il talento era diffuso e il treble era un evento raro (4 volte fino al 1999, 5 dal 2009 al 2020!).

      A partire da fine anni 2000 invece le grosse squadre sono diventate una sorta di all stars con annientamento della rivalità interna che praticamente ogni anno è diventato un evento possibile (nello stesso 2010, chiunque avesse vinto la CL tra Inter e Bayern avrebbe fatto triplete/tripletta/treble)

      Elimina
    4. Parto dal calcio: gli anni 2000 lo hanno trasformato in tutto, è stata la tomba della gloria locale del calcio anni '80-'90, più genuino, tramutandosi grandualmente (specie post 2006) in uno show di bellocci.
      Andrea, anche per me gli anni 2000 sono stati quelli in cui i gusti si sono definitivamente fissati, diciamo. Interessante questa cosa :)

      Moz-

      Elimina
  14. mi verrebbe da dire gli anni del liceo... e parallelamente la mia passione per i quiz TV... ah poi le uscite in camper con la famiglia sono pure di quegli anni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo ti facevo più grande, lo sai?
      Avevo avuto questa impressione!!

      Moz-

      Elimina
    2. mmm.... probabilmente dipende dal mio modo di scrivere sul web, di persona succede il contrario, mi prendono per più giovane...

      Elimina
    3. Chissà perché ho avuto questa sensazione... meglio così, viva i "più giovani" XD

      Moz-

      Elimina
  15. Vedi Moz, quando ti dico che potresti essere mio figlio...
    Nel 2000 Andrea andava alla Scuola Materna, primo anno...
    Nel 2007 finalmente la gioia di diventare mamma per la seconda volta...
    Nel 2010 fondavo la società, non avevo più dei dipendenti tra i qual mio marito e mio cognato, ma diventavano soci (non ero più la padrona ehehe!)
    Nel 2011 la mia malattia con qui combatto tutto oggi e tu sai...
    Nel 2007 Giorgio diventa consigliere e poi rieletto per tre mandati Vice Sindaco...
    Ma soprattutto io nel 2000 entravo nella Pro Loco e la gente del paese mi cominciava a conoscere come Valeria
    Insomma avrei tante cose da raccontarti compresa la nascita del mio blog, ma so che tu che mi segui tante cose già le conosci.
    Bravo Moz, sei proprio un bravo ragazzo. Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, sicuramente degli anni molto intensi.
      Il volontariato, persino l'essere così vicina alla politica (addirittura per tre mandati, significa che Giorgio ha lavorato bene!), la maternità... Insomma di certo non ti sei annoiata, tranne che per quello spettro che però sai combattere bene!^^

      Moz-

      Elimina
  16. Il nuovo millennio sono stati gli anni d'oro per Christina Aguilera, la Spears e le Destiny's Child tutte e tre nate e diventate famose a fine 90 ma in questo decennio si sono proclamate e consacrate le regine soliste indiscusse della musica internazionale assieme a Shakira esplosa nel 2001.
    Poi le Destiny's Child si sono separate e la Spears è impazzita diventando lo zimbello fisso del gossip americano che dall'osannarla sono passati a distruggerla maggiormente e messa nel dimenticatoio facendola diventare di serie E.
    Sempre il gossip americano era ossessionato dalla Hilton e le sue compari Richie, ancora la Spears e la Lohan ben felici di avere così tante attenzioni che ne combinavano una dietro l'altra internet e i giornaletti di pettegolezzo erano intasati da loro specialmente dalla Hilton la regina della trasgressione e delle feste collassata sia come immagine che come persona nel 2007 assieme proprio alla Spears, alla Logan e alla Richie quello fu l'anno nero in tutti i sensi per loro che decretò la loro fine di celebrità.
    Ciara, Mario, Usher sono le meteore musicali degli inizi 2000 dopo poche canzoni che li fecero diventare famosissimi sono spariti dalla circolazione.
    Hillary Duff e Ashley Simpson erano le meteore del piccolo schermo svanite pure loro.
    I telefilm d'oro di questi anni erano Una mamma per amica, O.C., C.S.I., N.C.S.I., Lost, ancora Streghe e Dawson's Creeck.
    Un decennio che fino alla sua metà ci ha regalato le ultime vere emozioni.
    Poi la recessione del 2007 ha bloccato tutto cio che c'era ancora di bello e ha fatto diventare il mondo tutto cupo, fermo e privo della grinta e entusiasmo che ha reso i decenni precedenti fervidi e vissuti.

    Firma


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto un'analisi veramente corretta.
      La crisi dal 2008 ha completamente stravolto tutto, forse è stata davvero la fine di ogni sogno positivo.
      Per il resto, quel che dici su queste persone e star è vero.

      Moz-

      Elimina
  17. Uh!, gli Spiritual Front... poco tempo fa ho partecipato a una trasmissione condotta da Enrico Silvestrin insieme a Simone Salvatori: abbiamo giocato ad eleggere la miglior canzone degli Smiths in una sfida a scontri diretti a partire dai sedicesimi di finale. Persona molto piacevole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uau, figata! Al più oggi gli Smiths sono ricordati per il "Anche a me piacciono gli SMiths!" declamato in quel capolavoro generazionale che è 500 giorni insieme xD

      Elimina
    2. V. che figata!
      Simone Hellvis mitico, Silvestrin idem... e gli Smiths credo che abbiano dato tutto in Please please please... la perfezione in due minuti^^

      Moz-

      Elimina
    3. E però non ha vinto quella. Se cerchi il canale di Enrico su Twitch la trovi, anche se in differita è disponibile solo per gli abbonati.

      Elimina
    4. Eh, allora niente.
      Enrico lo seguo su FB dove ogni tanto mette una sorta di chart dove votare qualche brano... Non mi era uscito niente sugli Smiths.

      Moz-

      Elimina
  18. Primi duemila comincio a lavorare a Padova dove sono tutt’ora.
    È il primo posto di lavoro dove davvero non devo ringraziare nessuno per esserci.
    2004 compro casa.
    2005 ci vado a vivere
    2006 mi sposo
    2008 nasce mia figlia
    Nel mezzo c’è Harry Potter ( i primi due ) , La trilogia del Signore degli Anelli e Avatar tra i film visti al cinema.
    Un bel concerto di Anna Oxa tra quelli che vale la pena di ricordare , serate con amici nei pub e discoteche.
    Facevo pure molto sport quegli anni , piscina e Jujitsu
    Questo fino al matrimonio.
    Poi siccome la compagnia era sempre quella ci siamo continuati a frequentare anche dopo i vari matrimoni ma meno assiduamente.
    Ma non ci siamo mai dispiaciuti de sta cosa eh...penso sia una naturale evoluzione.
    Con lo sport ho continuato con la piscina e lasciato perdere le arti marziali.
    Fumetti Dyd e Marvel per tutti i dieci anni con consensi altalenanti soprattutto verso il primo.
    Libri boh...penso monografie legate al mondo dei musei e dell’arte in generale.
    Per un periodo ho pensato pure di frequentare l’università con qualcosa sulla geografia ma il poi pensiero di tornare sui libri mi faceva vomitare...quindi ho lasciato perdere.

    Credo che la cosa che mi resterà sempre dentro sia l’indipendenza raggiunta in quel decennio .
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh ci credo: indipendenza che, nel giro di pochissimo, ti ha permesso grandi cose!!
      COMPLIMENTI!
      Oggi ti assicuro che non è così semplice realizzare quelle cose... Però so che tu le meriti tutte, perché si vede che sei un grande! ;)

      Moz-

      Elimina
    2. Grazie per la stima ma davvero non penso di aver fatto niente di eccezionale.
      Sottolineo : ho comprato casa con i soldi della banca 😀abbiano acceso un mutuo ( io e mia moglie) che stiamo ancora pagando.
      Sennò sembra veramente che sia stato tutto facile.
      Certo mi son dato da fare per realizzarmi..questo sì.
      L’indipendenza economica c’è l’avevo già da dieci anni prima ma vivevo con i miei e ho sempre contribuito all’economia famigliare.
      Una volta che esci da casa diventi veramente padrone a 360 gradi della tua vita.
      E ti giuro che una volta uscito ...ci ri-torni manco se sei separato o divorziato a meno che economicamente non puoi permetterti di restare da solo.
      Altrimenti la cameretta come la chiami te in quei casi diventa un ripiego altro che nostalgia.
      Ciao

      Elimina
    3. Diciamo che intendevo sia per la generazione di oggi, sia per l'appoggio iniziale (quando non sai dove andare, alla fine torni sempre da mamma e papà, inizialmente...).
      Hai fatto bene a contribuire all'economia domestica, è una cosa buona e giusta se puoi farlo^^

      Moz-

      Elimina
  19. Quel decennio per me rappresenta il liceo e poi l'università. Gli amici dell'oratorio prima e i compagni di corso poi.
    Dylan Dog e Stephen King erano le mie letture di quegli anni. E poi i film dell'orrore, in particolare le Notti Horror d'estate.
    Musicalmente la scoperta dei Pink Floyd e un po' per volta di altri gruppi dello stesso periodo che ascolto tutt'oggi.
    Malcolm ha accompagnato l'intero mio periodo universitario. Andavo a lezione al mattino, al pomeriggio mettevo a posto gli appunti mentre ascoltavo lo Zoo di 105, e poi vedevo Malcolm. Quando c'erano gli esami, allora passavo tutto il pomeriggio in biblioteca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, diciamo che anche per te sono stati anni formativi, di cose che sono rimaste.
      Ci portiamo dietro sempre molto del nostro passato, anche senza accorgercene. Ma in alcuni periodi, certe cose (gusti, passioni ecc) si fissano definitivamente.

      Moz-

      Elimina
    2. Quel decennio per me è diviso in due parti: fino al 2003 il liceo, poi l'università.
      Del primo periodo per me il ricordo fisso è la serata settimanale in oratorio con gli amici oppure al sabato pomeriggio coi bambini, mentre del secondo il momento pomeridiano del mettere gli appunti a posto mentre ascoltavo la radio o in biblioteca a studiare, dove si potevano incontrare bizzarre popolazioni di altri studenti.

      Elimina
    3. Ecco, io per esempio MAI andato in biblio... troppo seria come cosa XD

      Moz-

      Elimina
  20. mi ricordo maratone di dieci ore di fila di lezioni all'università...bleah... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta/o.
      Dieci ore è una tortura, non è studio...

      Moz-

      Elimina

ricevere commenti fa sempre piacere, a patto che siano commenti pertinenti o che arricchiscono la discussione.
Ricorda: non è obbligatorio commentare se non si ha niente da aggiungere o se non si è nemmeno letto l'articolo! Grazie :)