[SPOT] Coca-Cola - vorrei cantare insieme a voi: i segreti dello spot del 1983



Vorrei cantare insieme a voi in magica armonia...
Iniziava così il jingle del più celebre spot natalizio della Coca-Cola, che vedeva un sacco di ragazzi intonare, candele in mano, questa canzoncina.
Fino all'apparizione del tipico albero e la scritta Buone Feste.
Era il 1983, ma se guardiamo la pubblicità possiamo già intuire che qualcosa non quadra del tutto: rivediamo insieme cosa!


Innanzitutto, diamo una ripassata allo spot:


         


Notato niente?
Vi siete mai chiesti cosa ci faceva quella gente così anni '70 in una pubblicità iconica degli anni '80?
Guardate i vestiti, i capelli, la famosa ragazza hippie...
Se è vero che per noi italiani gli anni '80 sono stati anche l'arrivo tardivo dei prodotti americani del decennio precedente, questa pubblicità testimonia come le commistioni funzionassero, e anzi... proprio questa clip ha contribuito a "crearle"!
E, peraltro, c'entra anche proprio la nostra nazione, sin dall'inizio.
Dobbiamo tornare nel 1971, guardate questo spot americano (ma girato nelle nostre colline):

         


La pubblicità conosciuta come Hilltop, multirazziale e ambientata in Italia, fu la prima a proporre quel jingle che però, come avete visto, non c'entra niente col Natale.
Poi, la stessa Coca-Cola ne fece girare (a metà degli anni '70) una versione natalizia.
Che è quella con la gente che regge la candela e intona sempre la stessa canzoncina (I'd like to buy the world a Coke), a cui è stato aggiunto qualche scampanìo per rendere meglio l'atmosfera delle Feste.

         


Sempre americana, è questa versione del 1978: senza persone, solo con l'albero che si illumina:

         


Nel 1983, la filiale italiana di Coca-Cola decide di localizzare lo spot rendendolo esclusivamente natalizio.
Remixando le immagini (non era raro che accadesse, come abbiamo visto per Fruit Joy, QUI, o le Smarties, QUI), i pubblicitari italiani cercano di tagliare i primi piani per evitare un labiale che non corrisponde, tengono specialmente persone simil-europee, e giocando sulla durata minore, confezionano il famoso spot Vorrei cantare insieme a voi.
Che peraltro mantiene almeno il perfect harmony originale, che diventa magica armonia.
E dunque, ecco servita la pubblicità natalizia per eccellenza, che dal 1983 ci accompagnò per anni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

50 commenti:

  1. Un ottimo lavoro di marketing dietro uno spot tutto sommato semplice. Vero che parliamo di Coca Cola, non certo di un'azienda sprovveduta...
    Ricordo benissimo la pubblicità dell'albero di Natale fatto da persone sulla neve, anche perché è stato proposto per vari Natali a seguire, "sopravvivendo", almeno nella memoria collettiva, al signor Bistefani che si chiede "Chi sono io, Babbo Natale?" e al Tartufone Motta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh vero: a volte la semplicità (dovuta a un bel lavoro di montaggio...) paga!
      Spot visto forse per circa dieci anni addirittura... quindi pensa tu quanto ha potuto restare nell'immaginario collettivo 🎄😍💪

      Moz-

      Elimina
  2. Sono d'accordo con Gaspare, comunque rimane uno degli spot più belli della nota azienda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì, per me è il Natale dell'infanzia 🎄⛄🎅

      Moz-

      Elimina
  3. Gli spot natalizi della coca cola mi sono sempre piaciuti molto, ma questi non li conoscevo perché sono nata dopo.
    E dire che non la bevo da circa 20 anni :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo, allora non l'hai beccato per un soffio... o quasi! 🤪👍

      Moz-

      Elimina
  4. Bellissimo post Miki, mi rimanda subito al "nostro" albero di Natale sulla montagna, vecchi ricordi. E pensare che l'attore che interpreta il primo vero Babbo Natale della Coca Cola bazzica dalle nostre parti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì? Ma non sarà troppo vecchio ormai? :O
      Comunque pure io ho SEMPRE immaginato l'albero di questo spot come l'albero della montagna XD

      Moz-

      Elimina
    2. Ma voi due siete coetanei ed ex compagni di scuola?

      Elimina
    3. No, non ci conoscevamo fino all'estate del 2006... ma abitiamo nella stessa cittadina (o meglio, io ci abitavo regolarmente fino al 2001). Manco mai stesse scuole, io sono più grande di un pajodanny (paio d'anni XD), tutto qui^^

      Moz-

      Elimina
    4. Mi ero fatta l'idea che fosse lui il grande, molto grande, me lo immaginavo sui 50 anni.
      Ha 30 anni? Dieci anni di meno?

      Elimina
    5. Eh madonna, guardate che Sandrino è apparso spesso sul blog, nelle foto e nei video!https://mikimoz.blogspot.com/2021/06/mikimoz-giugno-2021.html qui era lo scorso giugno e lo trovate^^

      Moz-

      Elimina
    6. Quanti anni ha?

      Elimina
    7. Non vedo perché dovrei rispondere a un anonimo qualcunque, suvvia.
      Impariamo a essere seri e rispettare la netiquette.
      Se vorrà, lo dirà lui, ma è facilmente intuibile.
      P.s. torniamo in topic, si parla di pubblicità coca-cola: ogni altro commento che non c'entra niente verrà cancellato.

      Moz-

      Elimina
  5. https://en.wikipedia.org/wiki/I%27d_Like_to_Teach_the_World_to_Sing_(In_Perfect_Harmony)
    sempre bella, si ascolta volentieri... qui sopra la storia della canzone

    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Cosmo, grazie per il link con info interessanti... Pensa tu quanta strada ha fatto questa canzone^^

      Moz-

      Elimina
  6. Buon Nataleeee, wow sei già nel mood

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, l'8 dicembre si inizia 🎄🎅⛄👍

      Moz-

      Elimina
  7. Tra l'altro lo spot originale Hilltop è protagonista del geniale finale di Mad Men.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, e infatti non ci poteva essere che finale più bello! 😎👍

      Moz-

      Elimina
    2. Miiii, quando ho visto lo spot mi son gettato a scrivere e non ho visto che qualcuno aveva già citato questa serie culto e bibbia delle fiction!
      Bravo Iuri Vit!
      Ciao
      Giù

      Elimina
    3. Eheh, grande serie, vero^^

      Moz-

      Elimina
  8. Decisamente lo hanno confezionato bene.
    Mi domando dove sia finita questa abilità professionale non solo nell'ambito pubblicitario ma in molte altre categorie, perchè è chiaramente sparita da diversi anni (o per lo meno è rarissima).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è più voglia di essere... avvolgenti.
      La globalizzazione ha tolto la localizzazione.

      Moz-

      Elimina
  9. Questione di marketing, ecco spiegato il suo significato. Comunque qualche dubbio c'era, ma pubblicità davvero deliziosa ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La migliore della Coca-Cola natalizia, secondo me^^

      Moz-

      Elimina
  10. Nonostante sia una bevanda che non si è mai consumata in famiglia devo dire che i suoi spot, natalizi o meno, li ho sempre trovati geniali.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno sempre saputo catturare certi temi universali, confezionandoli in modo bello e trasversale.

      Moz-

      Elimina
  11. la versione italiana è tra il cute e il cringe
    meglio la prima hilltop, più serena e meno imbarazzante; sarà che sono in file a cantare e non seduti a fare un alberone boh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la prima e originale spacca davvero, bel messaggio e... si vede che è girata in Italia^^

      Moz-

      Elimina
  12. Ma si sa che la Coca Cola ha dei geni pubblicitari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente. Sempre stati tra i migliori!!^^

      Moz-

      Elimina
  13. Mi hai fatto luccicare gli occhi! E pensare che nel 1983 non eri neanche nato! Bravo!

    Partiamo con la nota saccente.
    Questo spot è anche il pivot del finale di una famosissima e pluriapprezzatissima serie televisiva US: MADMEN. Spero tu l'abbia vista e se così non è, fallo appena puoi. Io ho letto Berserk. Tu guarda Madmen. Se hai studiato Scienze della Comunicazione non puoi non vederla.
    E' una serie ambientata nel mondo della pubblicità americana negli anni 60. Nell'ultimo episodio il protagonista (che integra in sè aspetti di due guru pubblicitari degli anni 60) ha un'epifania e dopo un intenso lavoro di ricerca interiore immagina proprio questo spot. In effetti sembra che questo spot abbia avuto un fortissimo impatto anche in USA, che sia stato una pietra miliare. Dopo di esso il mondo della pubblicità fu diverso con obiettivi, stili e strategie diverse. Più ampie, più furbe, più subdole.
    Per integrare la tua ricerca ti aggiungo questo link se mastichi un po' di inglese.
    https://youtu.be/IWIlzXqfjXc
    E questo dove si parla del vero genio pubblicitario dietro questo spot
    https://www.chicagotribune.com/nation-world/ct-wiliam-backer-id-like-to-buy-the-world-a-coke-jingle-dead-20160517-story.html

    E ora spazio al girellaro che c'è in me.
    Nel 1983 questo spot si era insinuato nelle nostre menti e soprattutto della mia. Mi ricordo che quando girava in TV ero in montagna con la neve, in prossimità del Natale e disegnai un pianeta terra e attorno ad esso tante figurine di bambini come me, vestiti con il costumi che secondo me gli competevano e che si tenevano per mano, un simbolo di pace. Nella mia ingenuità l'australiano era vestito da tennista, non da aborigeno, perché nel 1983 l'Australia sembrava la patria del tennis. E pensando di essere libero in realtà replicavo stimoli e messaggi che erano esterni all'Italia. Dando spazio all'eco di quella pubblicità nei miei disegni, credevo veramente che l'Occidente fosse un modello di pacifismo, tolleranza e amore. La colpa era dei sovietici, fuorviati nel loro odio al consumismo. E il paradigma si installava nella mia mente in modo naturale: consumismo = pace.
    Solo quando diventai più grande capii che le cose non erano così semplici e quanto subdolo era il messaggio. Quello spot per quanto interessante come stile, dal punto di vista psicologico/sociale secondo me fu deleterio. E ancora ne viviamo le conseguenze. L'altro giorno parlavi di frustrazione della tua e di altre generazioni. Non pensi che nei modelli perfetti che sono difficili da realizzare e raggiungere ci fosse anche questo spot?
    La Coca-cola negli anni non ha perso il vizio di installarsi nelle nostre menti. Ti racconto anche questo episodio. Nelle Olimpiadi vige la regola/prassi che i marchi commerciali/industriali non possano entrare nella cerimonia di apertura. A questa regola ci fu un'eccezione nel 1996 ad Atlanta. In una vista dall'alto dello stadio i figuranti si disposero per comporre la scritta ATLANTA...solo che lo stile grafico era quello della Coca Cola! Con anche la tipica onda sotto! Lo vedi nel link sotto esattamente al minuto 29.
    https://youtu.be/4n0a-yNO8fE?t=1740
    Che dirti quindi? Il tuo post mi ha stimolato si cervello ed emozioni, ma quando vedo quello spot mi girano leggermente le balle.
    Ciao
    Giù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, in realtà ero nato XD
      E sì, ho visto MadMen :D
      Sicuramente il modello di questo spot ha contribuito a creare un immaginario specifico, duplice.
      Sia quello che dici tu (consumismo avvolgente, messaggio di pace) sia quello tutto italiano della commistione anni '70-'80.
      Grande mossa quella alle Olimpiadi, ma non è certo un caso se il loco Coca Cola sia -nonostante il suo stile vintagissimo- assolutamente e sempre attuale.
      Un caso di marketing iper-azzeccato.

      Moz-

      Elimina
  14. Controllando il link wikipedia di Cosmo Kid si può leggere che l'autore della canzone è anche l'ideatore dello spot: Bill Backer, riposi in pace.
    RiGiù

    RispondiElimina
  15. Bella pubblicità ma io della Coca Cola in tema natalizio preferisco quelle di questo tipo:

    https://m.youtube.com/watch?v=TSFF0m5A7_s

    RispondiElimina
  16. Vabbè, la Coca Cola è legatissima al Natale: se il costume di Babbo Natale è bianco e rosso lo si deve alla Coca Cola. Prima era verde e bianco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, o meglio... Ci sono costumi bianco-rossi anche prima ma diciamo che la Coca-Cola fece un'astuta mossa di marketing usando Babbo Natale per una pubblicità: era vietato fare vedere bambini, ma si rivolse a loro 🤓👍

      Moz-

      Elimina
  17. c'è un piccolo aneddoto su questo spot, e cioè che fu rimandato in onda tale e quale una decina di anni fa ESCLUSIVAMENTE la notte della vigilia e solo su alcuni canali tv. Ricordo perfettamente che tagliarono solo gli ultimi 2 secondi per includere il claim attuale. Davvero bello vederlo in tv e con una qualità più alta! Peccato che nessuno l'abbia registrato mi sa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo, effettivamente non ricordavo questa cosa, ma ora che l'hai detta... qualcosa in mente mi è venuto! Chissà se il mio è un falso ricordo... perché potrebbe essere stato anche uno spot-mix di cose del passato.

      Moz-

      Elimina
  18. Vedere questo gioiello di pubblicità e si torna sempre al solito discorso, vedendo quelle penose e ridicole attuali. Quante queste fossero studiate anche per intrattenere, oltre per pubblicizzare, ma erano altri temi, altra TV.

    E stavo cmq pensando, chissà quante pubblicità son durate letteralmente "anni" dalla loro uscita, io ricordo questa quando ero piccolo, da ragazzino, e fino probabilmente a metà 2000 (o forse fino al 2010 circa come ha scritto Giauz qua sopra).

    Cioè, Miki, effettivametne, quanti spot son durate tantissimo perché funzionavano o andavano bene così com'erano?

    Io oltre questa mi viene in mente quella della Cedrata Tassoni, a dirne 1.

    Caio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O il Pennello Cinghiale :)
      Vero, prima duravano di più, erano fatte per restare più impresse...!

      Moz-

      Elimina
    2. o quello della barilla che durava tipo 1 minuto e 30

      Elimina
    3. Quelli della Barilla sono spettacolari, tutti.

      Moz-

      Elimina
    4. Bello comunque questo post, ignoravo totalmente le precedenti versioni non natalizie. A proposito, quando sarà stata l'ultima volta che hanno dato in tv quella del 1983?

      Elimina
    5. Pare una vigilia di Natale di due anni fa... 👍😍

      Moz-

      Elimina
  19. Che ricordi bellissimi. Questa pubblicità mi ricorda proprio il Natale da bambino. Ma non sapevo ci fosse stato tutto questo "lavoro" dietro... per uno spot che poi è di una semplicità disarmante. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente.
      E vale lo stesso per me: questo spot è TV, giocattoli, cartoons e neve fuori. Natale degli Anni '80 🎄⛄🎅

      Moz-

      Elimina