[ICONE] Scream, la lunga saga slasher: la guida



Dopo l'abbuffata ottantiana degli horror slasher (quelle storie dove l'assassino se la prende con un gruppo di persone -spesso ragazzi- uccidendole magari con oggetti da taglio), il genere non poteva sopravvivere alla cupezza e serietà degli anni '90.
Fino a quando proprio un rinomato maestro torna a rivoluzionare le cose.
Wes Craven, che aveva cavalcato l'orrore dagli anni '70 (L'ultima casa a sinistra) avviando la saga di Nightmare nel decennio successivo, sa meglio di chiunque altro come funzionano le cose.
E ne riprende i punti fermi, aggiornandoli e giocandoci su: l'operazione non poteva che riuscire, portando nei cinema Scream.
Era il 1996, e da allora la saga ha continuato a terrorizzare (ma soprattutto divertire) generazioni di spettatori. Fino al nuovo capitolo.


HORROR E DIVERTIMENTO
Terrorizzare e divertire, sì.
Perché, diciamocelo: gli horror di un certo tipo sono anche quanto più di volutamente ironico ci sia.
Specie quelli degli anni '80. Un immaginario che Craven stesso aveva contribuito a creare, col suo babau per eccellenza, tale Freddy Krueger.
Cliché specifici, schemi quasi preconfezionati e situazioni che si ripetono: il successo di certi prodotti sta anche qui.
E Craven lo sa, portando tutto negli anni '90. Ma in modo quasi meta-cinematografico.





SLASHER, REGOLE E IRONIA
Non è un caso infatti che Scream giochi proprio sulle "regole" degli horror precedenti.
E che i personaggi del film ne siano vittime e fan consapevoli.
Ma Scream stesso non si prende sul serio, diventando esso stesso una sorta di seria parodia di certi tic cinematografici.
Il teatro stesso delle vicende, la cittadina di Woodsboro, è un micromondo ideale e circoscritto, dove mettere in atto tutte le storie dei personaggi.




ISPIRAZIONI E ISPIRATI
La realtà supera sempre qualsiasi immaginazione, e come per Nightmare, anche per Scream sembra che Wes abbia attinto da un fatto di cronaca: i delitti di Danny Rolling.
Serial killer di studenti, condannato a morte per cinque omicidi accertati ma sospettato di aver fatto diverse altre vittime tra il 1989 e il 1990.
Di contro, Scream è stato citato come "ispiratore" di diversi casi di cronaca: l'omicidio Castillo nel 1998, l'aggressione Murray nel 1999 e l'omicidio Beaupère nel 2002.






SCREAM - CHI URLA MUORE
Nei cinema americani dal dicembre 1996, da noi nell'autunno 1997.
L'inizio della saga, un successo inatteso e dunque la presentazione dei personaggi principali.
La maschera dell'assassino diventa subito un cult, a testimonianza del fatto che le icone horror -se valide e d'autore- possono nascere anche oltre gli anni '70-'80.
Nel cast di questo primo film anche Rose McGowan (vista poi nel tarantiniano A prova di morte) e
soprattutto Drew Barrymore: designata inizialmente come protagonista, in quanto attrice già famosa, scelse assieme ai produttori un altro ruolo, capace di togliere ogni sicurezza allo spettatore.





SCREAM 2
A dicembre 1997 negli USA, da noi nell'estate del 1998.
Ambientato due anni dopo gli eventi del capostipite, riporta al centro della scena i protagonisti principali giocando sull'idea cinematografica di sequel, che diventa anche un simpatico perno meta-narrativo della vicenda.
Nel cast anche Heather Graham (Annie di Twin Peaks), Portia de Rossi, Tori Spelling (Donna in Beverly Hills 90210) e Sarah Michelle Gellar (ossia Buffy l'ammazzavampiri).

 


SCREAM 3
Qui si fa riferimento alle trilogie del mondo del cinema.
E anche su questo si costruisce il film, che esce nel 2000 sia in America che in Italia (a distanza di sei mesi circa).
Tra i nuovi attori anche Patrick Dempsey (divo di Grey's Anatomy) e Heather Matarazzo.

 



SCRE4M
È del 2011 il quarto capitolo: un ritorno in scena per tutti i protagonsti, a più di dieci anni dall'ultima volta.
Ultimo film di Wes Craven, fu un successo di critica e pubblico anche se non raggiunse le cifre dei film precedenti.
Una nuova serie di delitti sconvolge la cittadina dove aveva vissuto Sidney, che torna a casa per fermare l'ennesima incarnazione di Ghostface.
Ora a essere parodizzato e preso come modello è il concetto di remake per le nuove generazioni: difatti, in questo capitolo Ghostface si muove tra i nuovi liceali di Woodsboro.
Nel cast anche Emma Roberts (poi protagonista di American Horror Story: 1984), Hayden Panettiere (Heroes) e Rory Culkin (il fratello minore di Macaulay).

 


SCREAM (5)
Dal 13 gennaio 2022 in Italia, e il giorno dopo in America, si chiama Scream come il primo film.
Una scelta particolare, per il primo capitolo a non portare la firma di Craven (che però era propenso a continuare la saga).
Il cast principale torna sul luogo del delitto a venticinque anni dalla prima mattanza.
Quali saranno le nuove "regole" per parodiare con affetto il genere horror?
Di certo l'ironia non manca, sin dal poster, che annuncia di mostrare già l'assassino che si nasconderà dietro la maschera di Ghostface.





I PERSONAGGI PRINCIPALI
Sidney Prescott: scream queen e final girl della saga, si ritrova ogni volta a vedersela con gli assassini che indossano la maschera di Ghostface.
Lei è sempre il bersaglio principale, coi delitti che stringono un cerchio attorno alla sua persona...
Negli anni, è diventata autrice di manuali di auto-difesa e oggi ha un figlio.
Interpretata da Neve Campbell.




Lenny "Linus" Riley: noi gli abbiamo cambiato nome e nomignolo (in realtà è Dwight "Dewey") ma la sostanza resta immutata. Linus è il simpatico vice-sceriffo (poi promosso a sceriffo) di Woodsboro e fratello della migliore amica di Sidney.
Interpretato da David Arquette.




Gale Weathers: giornalista cinica e arrivista, nasconde anche un lato umano.
Inizialmente ostile a Sidney, le due avranno modo di incrociare più volte le loro strade.
Interpretata da Courteney Cox.




GHOSTFACE

Vero simbolo della saga, l'assassino: una maschera ispirata a L'urlo di Edvard Munch, una lunga tunica nera, un vestito iconico per ogni halloween.
Chiunque si nasconda sotto quella tunica nera, Ghostface è sempre la nemesi di Sidney Prescott.




LA TRAMA DI BASE
Film dopo film, gli autori sono riusciti a delineare una trama di base.
Una sorta di "mitologia" che ruota attorno alla protagonista Sidney Prescott ma soprattutto attorno agli eventi del passato che portano alcuni assassini a vestire i panni di Ghostface.
Eventi che hanno a che fare con la famiglia di Sidney, inizialmente ignara di tutto.
Le soprese, in questo senso, attraversano specialmente la prima trilogia: tra vendette e vecchi delitti, c'è chi ha un suo distorto modo di vedere le cose e voler portare le proprie ragioni... a danno di Sidney e i suoi cari!




LA SERIE TELEVISIVA
Tre stagioni (di cui una a sé, antologica) e uno special.
In onda dal 2015 al 2019, è ispirata in parte agli eventi e ai personaggi della saga cinematografica ma racconta altre storie e soprattutto non può usare -per ragioni commerciali- la celebre maschera di Ghostface.
La terza stagione invece, che cambia titolo in Scream: Resurrection, è una sorta di reboot in sei episodi che cambia ambientazione e personaggi.




PARODIATI E PARODIE
All'interno stesso della grande saga di Scream vi è un prodotto meta-narrativo, ossia Squartati: a sua volta una popolare saga cinematografica -amata e discussa dai protagonisti di Scream- si rifà proprio alle vicende di Woodsboro, prendendosi in giro tra realtà e (doppia) finzione.
Scream avrebbe dovuto chiamarsi Scary Movie: il titolo di lavorazione fu scartato, ma divenne quello della bizzarra parodia dello stesso (e di tutti gli altri film horror, vecchi e nuovi).


45 commenti:

  1. Solo il primo è interessante gli altri sono una pernacchia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh no, dai.
      Il primo è veramente un gran bel film slasher, non ci piove.
      Ma gli altri sono carini.

      Moz-

      Elimina
  2. Mai piaciuto anche perchè in genere un horror dove l'antagonista è un essere umano lo trovo noioso: un conto è aver contro qualcosa di soprannaturale che non sai come fermare, mentre un comune essere umano posso invece farlo fuori facilmente con quello che mi capita sottomano. Non lo percepisco come una minaccia così inarrestabile da durare per un intero film horror.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure vedi... non è facile sbarazzarsi di Ghostface, anche perché l'hanno pensata bene questa cosa... ma andremmo negli spoiler XD
      Ci sta che sia umano, comunque... rientra nel genere slasher dove non per forza c'è qualcosa di sovrannaturale^^

      Moz-

      Elimina
    2. Alex mi stupisco di vedrti scrivere una cosa simile, considerando che il film "Un minuto a mezzanotte" andava proprio in quella direzione con il suo antagonista principale

      P.S. O.T. Qualcuno tra voi sa che fine ha fatto Long John Silver, è da un bel pezzo che non scrive più nulla sul suo blog.

      Elimina
    3. No, non ne ho idea, posso provare a contattarlo su Twitter.

      Moz-

      Elimina
    4. @Anonimo
      Si, ma quel film sostanzialmente è un thriller, non un horror: lì ci sta, è il genere specifico per un confronto umano contro umano, senza niente di soprannaturale o troppo sopra le righe.

      Elimina
    5. Pure Scream è un thriller sostanzialmente. Uno slasher giallo sul "chi è l'assassino" 🤩👍

      Moz-

      Elimina
    6. Infatti Moz, concordo ed era il mio punto: non è un horror ;)

      Elimina
    7. Lo è come macro-genere, diciamo, rientra in quello anche solo per essere una seria parodia di titoli/cliché precedenti 🦁👍

      Moz-

      Elimina
    8. Beh dai Alex non puoi comunque generalizzare, ci sono anche degli slasher bellissimi (alcuni di questi pure nostrani), ed in effetti (quando manca l'elemento sovrannaturale) più che veri horror, possono essere considerati dei thriller con atmosfere ed elemento horrorifici, scommetto che Moz concorda con me.

      Elimina
    9. @Moz
      E' un po' tirata per i capelli questa eh XD

      @Anonimo
      Mi sa che c'è stato un equivoco: io non ho mai tirato in ballo la qualità, quindi bellissimi o bruttissimi non era in questione. Quel che dico è che quando un film è un thriller fatto e finito (pur con superficiali elementi orrorifici ma sempre quello rimane) che non lo spaccino come horror: si evita confusione.

      Elimina
    10. Il fatto è che l'horror è spesso un macro-genere, lo slasher (anche non sovrannaturale) rientra in questa categoria.
      Scream non ha elementi sovrannaturali ma gioca su tutti i cliché degli horror, peraltro...
      Ci sta che venga catalogato come tale (succede pure con altri titoli analoghi...) 🔪🔪🔪

      Moz-

      Elimina
    11. Scream è uno slasher, c'è poco da dire, che piaccia o meno. L'elemento sovrannaturale non ha mai definito il genere horror, nel senso che non è necessario per essere tale. Anche Venerdì 13 e Halloween partivano con dei normalissii assassini e solo in seguito è stato aggiunto l'elemento sovrannaturale pur di giustificare sequel su sequel arrivando alla parodia involontaria che viene appunto presa in giro in Scream.

      Elimina
    12. Sì, un horror è horror quando segue dei parametri, e lo slasher è un sottogenere di questa macro-categoria.
      Ovviamente Scream è anche un thriller, un thriller-horror se vogliamo, basato sul whodunnit addirittura^^

      Moz-

      Elimina
  3. Oggi mi rivedo il quarto, il mio preferito insieme al primo!

    La serie abbandonata dopo la prima stagione, anche se si faceva guardare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La terza stagione, che vorrei vedere, è inedita in Italia... lì c'è la vera maschera di Ghostface, peraltro!
      Sì, il quarto capitolo non è male, un bel ritorno in scena.
      Vediamo cosa si sono inventati per il quinto^^

      Moz-

      Elimina
  4. Mi spiace mai visti.. quell'assassino io lo conosco solo per le parodie su Scary Movies XD e sarebbe impossibile per me prendere sul serio questi film o avere paura dopo avergli visti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so, infatti è la parodia è famosissima.
      Io per fortuna ho visto prima Scream (peraltro ho sempre un po' snobbato Scary Movie, una comicità non sempre nelle mie corde...)^^

      Moz-

      Elimina
  5. Scream lo preferisco a Nightmare, che trovo più serio e noioso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che col tempo anche Nightmare è diventato molto ironico e auto-ironico, facendo di Krueger un mito per cui fare il tifo (e se pensiamo a CHI sia stato questo personaggio, e COSA abbia fatto nella sua storia, è assurdo!) 😅😱🤩

      Moz-

      Elimina
  6. Ciao Moz,sempre interessanti i tuoi articoli che leggo volentieri.
    Sono stato un po' in giro e adesso da positivo al Covit vivo in segregazione ma fortunatamente sono asintomatico.
    Tornerò presto.
    Un abbraccio,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che piacere risentirti! 🤩
      Beh, allora riguardati e... a presto!

      Moz-

      Elimina
  7. Visti tutti, serie compresa (non male davvero) e domani sarò al cinema. E' un po' un pezzo di mia infanzia/adolescenza che ritorna in auge e questo mi piace sempre molto da nostalgico di quegli anni. ;)

    Denny

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco.
      Anche io attendo questo quinto capitolo, per me è davvero come tornare agli anni del liceo^^

      Moz-

      Elimina
  8. La serie non ho visto e difficilmente vedrò, mentre quest'ultimo capitolo assolutamente, anche se non è una delle mie preferite saghe cinematografiche, ma certamente tra le più iconiche, per la trama, la maschera, le parodie e il resto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, anche io non vedo l'ora di vedere il quinto capitolo.
      Woodsboro merita di essere visitata di nuovo^^

      Moz-

      Elimina
  9. Ma dai …si chiama Ghostface il tizio !
    Sai che lo apprendo adesso.
    Visto solo il primo o forse ricordo solo il primo.
    Per anni li ho considerati delle parodie più che degli horror .
    C’è ne ho diversi da recuperare , vista la lista .. se casomai perdessi il senno.
    😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sostanzialmente sono delle "serie parodie" degli slasher, per così dire.
      Giocano coi cliché degli horror... ma ovviamente sono seri, in tutto e per tutto, nel senso che non sono commedie^^

      Moz-

      Elimina
  10. Questa è la prima volta, dopo tanti anni, che vedo la loncandina di un horror con attori che hanno una faccia che NON voglio prendere a pugni; che sia un segno... ?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quale dei cinque film ti riferisci?

      Moz-

      Elimina
    2. No, io intendevo gli horror in generale degli ultimi 10 anni e qualcosa in più (ma non solo), non parlavo affatto della saga Scream.
      Intendevo dire che in quella lonandina gli interpreti mi sembrano finalmente meno artefatti del solito nell'aspetto, hanno insomma un apparenza da attori un pò più anni 90 anzichè i soliti giovinastri mega-ifiocchettati, truccati e pseudofigheggiati (e quindi tremendamente irritanti) che si sono visti fin'ora.

      Elimina
    3. Ah ok!
      Beh, è sicuramente un'impressione, pensa che per me il primo Scream è veramente alla moda di metà anni '90 a partire dal look dei protagonisti.
      Ma non mi dispiace, anzi.
      Tollero meno i tipi attuali, come dici tu "artefatti" e fighetti 🤓👍

      Moz-

      Elimina
  11. E' in Scream che una delle vittime dice:
    "Non uccidermi! Voglio esserci nel seguito!"
    ?
    Si ai tempi fu un botto ironico!
    Giù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa di sì, visto che spesso sono personaggi che interpretano maniaci cinematografici-horrorifici 🤓💪

      Moz-

      Elimina
    2. Già acquistato un biglietto per Woodsboro, sarò lì nel pomeriggio!
      Purtroppo non ho fatto in tempo a revisionare i precedenti capitoli.
      (A proposito: offro un rene a chi volesse vendere una copia del blu ray italiano di Scream 3.)

      Elimina
    3. Caspita, io non posso andarci oggi... ma recupererò.
      Facci sapere come ti è sembrato! :)

      Moz-

      Elimina
    4. Il film a livello di intrattenimento funziona.
      Il nuovo cast ovviamente non funziona come i personaggi storici: non c'è quell'affezione costruita nel corso degli anni per i personaggi appena introdotti, e non tutti sono adeguatamente sviluppati.
      Coraggioso per alcuni aspetti, in certi punti viene a mancare la componente humour e - per quanto non l'abbia mai considerato un grande regista - si sente l'assenza di zio Wes che, nel bene e nel male, aveva impresso tutte le sue impronte digitali sulla saga.
      Comunque godibile - più dell'ultimo Halloween, per esempio, e lo dico da myersiano hardcore.

      Elimina
    5. Bene! Ne sto leggendo recensioni super-entusiastiche e voti altissimi... Sicuramente non avere Wes ma anche tutto un cast già rodato fa tanto, però chissà... potranno ripartire da qui^^

      Moz-

      Elimina
  12. Rivisto i primi 3 per Halloween, il primo è fighissimo, gli altri due un po' meno.
    Volevo parlarne anche io sul blog ma per i motivi che ben sai non ho potuto. Rimedieró appena tornerò a scrivere 👍🏻

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, allora aspetteremo! Scream è un'icona e merita che se ne parli.
      Il primo è fantastico, senza dubbio.

      Moz-

      Elimina
  13. Effettivamente sono anni che aspetto uno Scream 5... Era ora!

    RispondiElimina
  14. amo questa saga e visto stasera l'ultimo film ho intenzione di pubblicare un articolo simile^^
    più semplice ma di natura simile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figo!
      Io invece il contrario: ho scritto l'articolo ma il film devo ancora vederlo :D

      Moz-

      Elimina