[SIGLE] Quark (e gli altri programmi di Piero Angela)

 

Aria sulla quarta corda di Bach, ma in una versione particolare che lo stesso Piero Angela scovò casualmente negli anni '60: è così che nasce la sigla di Quark (e Il mondo di Quark, e SuperQuark, e tutte le altre trasmissioni ideate dal divulgatore torinese).
Impossibile infatti pensare a Piero Angela e ai suoi programmi senza questa musica, resa celebre proprio dalla presenza televisiva di questi documentari.



Quark, come la particella: andato in onda dal 1981 al 1989, in seconda serata con puntate a 45 minuti.
Un successo inaspettato, che tenne sempre fede alla volontà di "spiegare le cose più complesse nel modo più semplice".
Una vera e propria missione, da ha sempre caratterizzato i programmi di Piero Angela.


           



L'aria sulla quarta corda, in questa affascinante variante del gruppo Swingle Singers, venne usata anche per Il mondo di Quark, Quark Speciale, Serata Quark e le varie derivazioni di questo vero e proprio brand; uno dei pochi a fare vero servizio pubblico, vera divulgazione alla portata di tutti.
Le immagini erano futuristiche e d'impatto, forse anche un po' stranianti.



           



Dal 1995 anche SuperQuark (tuttora in onda e speriamo ancora per molto tempo, nello spirito di Piero Angela) ovviamente fa uso del medesimo brano come sigla introduttiva:

 

           


Uno di quei pezzi che restano, e restano a descrivere la TV di sempre. Di un tempo e di oggi.
Il brano che quando scopri Bach dici "la sigla di Quark!".
Una televisione garbata e giusta, come il conduttore (chissà perché difatti odiato da complottari, terrapiattisti, scienziologisti, omeo-energisti...).
Piero Angela era così: capace di arrivare a tutti, probabilmente anche ai disagiati che gli hanno dato contro per motivi assurdi.
A noi mancherà tanto, con la sua ironia, i cartoni animati (anche di Bozzetto!) utilizzati nei documentari, la spiegazione sempre semplice destinata a chiunque.
Molto di quel poco che so, lo devo sicuramente a lui.
Anche un po' l'amore per la musica classica.


LEGGI ANCHE

48 commenti:

  1. Giusto ricordare Piero Angela anche qui. Oltre alla serie Quark, produsse e condusse svariati speciali tematici, sui dinosauri, il cosmo, il corpo umano... Sempre col suo stile capace di unire più generazioni. 🙏

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, i suoi programmi sono sempre stati ottimamente realizzati, utilissimi anche per gli studenti (dalle elementari all'università), sempre chiari e accattivanti.
      Quello sul corpo umano era molto divertente, solitamente in questi c'era una buona dose di ironia 🤩💪

      Moz-

      Elimina
    2. In fatto di ironia ha coinvolto anche Margherita Hack in un esperimento al volo sulle velocità di rotazione in base alla distribuzione della massa.

      Elimina
    3. Per me anche solo le parole della tua frase sono arabo^^

      Moz-

      Elimina
    4. Non è informatica stavolta. 😅

      Elimina
    5. Qualsiasi cosa abbia i numeri, qualsiasi cosa abbia chimica, fisica e scienza di mezzo, io non la comprendo^^

      Moz-

      Elimina
  2. La sigla è qualcosa di meraviglioso una ninnananna rilassante che ti quieta e ti illumina il pensiero.
    Scelta perfetta averla sempre utilizzata.
    Angela era il professore ideale che ti insegna senza stress e ti mette molto ad agio era come un padre o uno zio buono, una guida giusta.

    p.s da notare che nel video della prima sigla chi ha caricato il video ha l'avatar di Paperinik. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo su ogni singola parola.
      Era un divulgatore alla portata di tutti, senza spocchia anzi spesso autoironico, preciso e paziente.
      Il metodo giusto 💪🤓
      Yes, ho visto l'avatar di Pk!! Eheh!

      Moz-

      Elimina
    2. In chiave topolinesca https://images.app.goo.gl/jguVG2FMQGnZMvux7

      Elimina
    3. Ce ne sono ben tre di Piero disneyani^^

      Moz-

      Elimina
  3. La sigla di Quark, con la sua grafica computerizzata e l'aria di Bach mi ha sempre fatto venire un pò di ansia :D almeno da bambino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me le sigle dell'almanacco e del Tg1.

      Elimina
    2. Vero quelle degli anni 70 e 80 sono le più toste non quella di Angela che si presta anche a sottofondo visivo e musicale in un centro benessere mentre ti fanno un massaggio shiatsu.

      Elimina
    3. Sicuramente la grafica computerizzata aiuta molto nell'inquietudine, specie coi mezzi di quei tempi...

      Moz-

      Elimina
  4. Piero Angela è stato uno dei miei idoli personali, aveva 93 anni e credevo di essere psicologicamente pronto alla sua dipartita. Invece ha fatto male comunque. SuperQuark è uno dei migliori prodotti televisivi italiani, spero che riesca a proseguire degnamente anche senza il suo iconico conduttore, sarebbe una perdita ancora peggiore se morisse assieme a lui. Ne approfitto per riportare anche qui una citazione di Piero Angela che sottolinea ancora una volta l'importanza del suo lavoro:

    "Tempo fa una signora mi ha scritto: «Il suo libro mi è piaciuto tanto e l'ho letto tutto d'un fiato, perché è scritto in modo chiaro e scurrile...». Subito mi sono messo a ridere. Poi ho riflettuto e mi sono reso conto che ero arrivato a interessare una persona che ha una scarsissima dimestichezza com il vocabolario, al punto di confondere scurrile con scorrevole. E questo per un divulgatore è molto importante, perché significa raggiungere e comunicare con un pubblico che da sempre è stato escluso dalla cultura.”
    (Piero Angela, da "Raccontare la scienza", Pratiche Editore, 1987)

    La sigla è indimenticabile, in Italia è ormai diventata davvero la sigla di Quak più che Aria sulla quarta corda. In conclusione, ne approfitto per chiedere una informazione che cerco da anni: qualcuno sa il titolo della musica che si sente alla fine del programma, quando si parla delle anticipazioni della puntata successiva o quando viene mostrato il montaggio di spezzoni presi dai documentari trasmessi nel corso della stagione? Mi piacerebbe molto trovare la versione completa di quella musica. Grazie se qualcuno saprà aiutarmi in questa ricerca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che sia una musica interna del programma, realizzata per la RAI. Credo, eh.
      Prova a vedere magari nei credits...
      Grande Piero, davvero... mi riferisco alla questione dello scurrile. Ha pienamente ragione: arrivava a tutti, anche a chi era escluso da certi ambienti per via di una preparazione scarsa.

      Moz-

      Elimina
    2. È sicuramente una musica prodotta appositamente per il programma, ma sono anni che cerco negli album pubblicati dalla persona accreditata come autore delle musiche, le trovo tutte ma quella no 🤣
      Continuerò la ricerca!

      Elimina
    3. Beh, devi tenermi aggiornato^^

      Moz-

      Elimina
  5. Per motivi anagrafici, ho seguito solo "Super Quark", in diverse estati consecutive, sicuramente negli anni del liceo...
    I miei servizi preferiti erano quello di storia con il prof Alessandro Barbero (ormai diventato una star del web) è quello sugli animali con il compianto etologo Danilo Mainardi, che fra l'altro era solito introdurre i propri servizi con veloci disegni di animali, molto impressionistici... 🙂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono passati di nomi illustri, decisamente.
      Sempre il meglio e sempre una selezione completa di servizi, su tutte le materie!

      Moz-

      Elimina
  6. Concordo su tutto, sigla fantastica, di tante cose si posson dire di Piero Angela, è che ieri mi è venuto in mente la parodia che gli faceva Gianfranco D'Angelo* al Drive-In (con il suo "Quirk-Quork-Quark", e chiedendomi quale dei 2 da ragazzino ho visto effettivamente prima), e averlo sentito negli anni nelle varie interviste (l'ultima che ho visto, mi pare su TV Talk), nonostante sia sempre stato professionale non ha mai dato modo di dimostrare di essere una persona austera, ma mi ha sempre dato l'impressione di esser una persona alla mano, aperto al dialogo con chiunque, anche con i cosidetti disagiati. Diciamo che sarebbe stato il cosidetto "professore" che in tanti avremmo voluto avere a scuola, e che raramente capitava.

    Caio

    *senza dimenticare invece la versione di Marcorè per il figlio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha molto spassosa!

      Elimina
    2. "Quirk-Quork-Quark" mi faceva morire :D
      "Cari amici, buonasera dal vostro Piero D'Angela e benvenuti ad una nuova puntata di Quirk-Quork-Quark" XD

      Elimina
    3. eccola:

      https://www.youtube.com/watch?v=nvtUqYLO6p4

      (erano pur sempre gli anni 80)

      Caio


      Elimina
    4. Ahahaha fantastico, grazie.

      Elimina
    5. Mitica anche la parodia!
      Vero, era il prof tranquillo, ma fermo; quello che tutti avremmo voluto.
      Sapeva coinvolgere.

      Moz-

      Elimina
  7. Un po' straniante sì, ma sempre piacevole da sentire, però ovviamente i programmi il meglio ;)

    RispondiElimina
  8. Se ne va un vero eroe italiano.. e un eroe personale per me! I suoi erano i migliori programmi che la TV avesse da offrire :( è sempre triste quando capita ma the show must go on e nessuno a bordo è immortale. D'altra parte ce lo ha insegnato lui con i suoi programmi che le civiltà e i miti possono anche finire ma verranno ricordati e ammirati in eterno! E sarà così anche per lui! RIP e onore al merito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente un eroe della divulgazione del sapere.

      Elimina
    2. Certo che sarà così!
      Per forza sarà così, chi potrà mai dimenticarlo: è un grande, è arrivato davvero a tutti, anche ai complottisti!
      Vero: la sua TV è ciò per cui vale ancora la pena accendere l'apparecchio.

      Moz-

      Elimina
  9. Un grande, è vero, e quanti ricordi, a partire da quella sigla mitica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una sigla che sarà storica, per sempre.
      Io spero che i suoi programmi non terminino, anzi; e che invece siano riproposti su un apposito canale i suoi documentari...!

      Moz-

      Elimina
  10. SuperQuark ha il "merito" di avermi fatto fare gli incubi da piccolo. Mi riferisco ad un servizio dove si parlava di ricerche scientifiche con lo scopo di analizzare il sonno per cercare di "vedere" i sogni. Io ero terrorizzato... avrò avuto 7-8 anni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo! Vedi quanto era all'avanguardia nel parlare di cose che altrove passerebbero come roba sensazionalistica e/o inutilmente misterica...

      Moz-

      Elimina
  11. Un modo carino e originale di ricordarlo, Un uomo che ho sempre ammirato non solo per queste trasmissioni, ma per molti discorso fatti sul educazione dei giovani, sul lavoro, su cos'era la politica. Un uomo semplice, d'altri tempi, che sapeva scherzare senza essere volgare, gentile, intelligentissimo, appassionato del suo lavoro, attento a ogni cosa nuova, galantuomo, intelligentissimo, nonostante l'età parlava in modo chiaro, ha trasformato Super Quark con immagini in tre D, che dai resti storici di monumenti si vedeva come era prima una citta, un monumento, una cosa che mi appassionava tantissimo. Il suo libro è bellissimo. Una passione per la natura, la storia, la fisica, la scienza. Mi dispiace moltissimo RIP Piero Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo: mai volgare, ma ironico. Un garbo e una classe infinita.
      Ha fatto la sua vita, speriamo abbia lasciato molto anche agli stupidi...

      Moz-

      Elimina
  12. Condoglianze alla famiglia.

    Una volta Piero Angela affermò una cosa che credo anche io ovvero che la realtà esiste perché noi la percepiamo... non solo gli esseri umani ma anche tutte le entità che hanno vita danno letteralmente vita alla realtà...
    Senza l'esistenza degli esseri viventi tutto continua aepd esistere ma in maniera diversa e potenzialmente infinita.

    https://m.facebook.com/SuperQuarkRai/videos/luniverso-%C3%A8-buio/411532042944647/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un argomento molto affascinante, che mi crea sempre uno strano effetto. Come la storia dell'albero che cade in un bosco lontanissimo: fa rumore? O ne fa solo se qualcuno è lì a sentirlo?

      Moz-

      Elimina
    2. Sembra il modo di percepire la magia nei film di Miyazaki: se credi in qualcosa la crei, se tratti qualcosa in un certo modo essa diventerà quella cosa.

      Elimina
    3. Esatto... concetto quasi zen :)

      Moz-

      Elimina
  13. "il suono è un fenomeno ondulatorio di natura elastica; ovvero una vibrazione degli atomi e delle molecole della materia in cui si propaga. Le onde sulla superfice dell'acqua o su una corda sono esempi di tale fenomeno."

    Fonte: https://digilander.libero.it/ricciardi/www.na.infn.it/Museum/acustica.htm#:~:text=Il%20suono%20%C3%A8%20un%20fenomeno,sono%20esempi%20di%20tale%20fenomeno.

    Se cade una mela dall'albero si muovono gli atomi ma senza la percezione degli esseri viventi (compreso il mondo vegetale!) non esiste il suono come noi essere viventi lo intendiamo.

    Ma tutto quello che noi intendiamo con realtà non è altro che una rappresentazione dei nostri sensi...

    https://www.scientificast.it/lillusione-della-realta/

    RispondiElimina
  14. Come no si sente eccome non l'hai mai provato per dirlo stesso con le pigne leggero ma di sente gli alberi fanno molto rumore perché sono grandi non li senti se sei parecchio distante se sei nelle vicinanze senti un forte botto anche le vibrazioni che rilascia la caduta al suolo sono forti.
    Il detto che non si sente nella foresta è una credenza popolare un'altra informazione sbagliata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non hai capito: il suono che senti lo senti proprio perché lo percepisci tu. Se nessuno lo percepisse, non si udirebbe.

      Moz-

      Elimina
  15. Sarà stata innovativa ma la prima era brutta forte

    RispondiElimina
  16. È stato bravissimo. Se pensiamo come sia riuscito per anni a portare in tantissime case argomenti scientifici senza stancare od annoiare. Con garbo è stato il maestro, più che il professore, degli italiani.
    Un grazie enorme

    RispondiElimina