[SIGLE] Misteri (Raidue, 1994)

              

 

Se qualcuno di voi ha mai seguito questa trasmissione, in onda per diversi anni su Raidue, proverà quasi sicuramente dei brividi nel riascoltarne la sigla.
Di per sé non è nulla di veramente inquietante, ma l'opening di Misteri -forse anche per il tipo di trasmissione- riusciva a rendere pienamente l'atmosfera giusta per tale programma, in quegli anni...


La sigla di Misteri, composta da Bernardo Bassoli e Daniele Cerioni, è nientemeno che la Regina della Notte, aria de Il flauto magico di Mozart.
Però riproposta con un arrangiamento moderno, sonorità new age che contribuivano non poco a creare il senso straniante cercato e voluto per un programma così.


Misteri era condotto con assoluto garbo da Lorenza Foschini; poco sensazionalismo, storie e filmati anche esteri (francesi, spesso) che però lasciarono sempre più spazio agli avvenimenti e personaggi di casa nostra. In studio, spesso, Massimo Polidoro del CICAP.
Misteri proponeva diverse vicende lungo ogni puntata, affrontando svariati temi paranormali: trasmise anche la celebre autopsia aliena del video di Ray Santilli, ma parlò soprattutto di spiritismo, religioni, poteri della mente.
Si distinse abbastanza rispetto agli altri programmi similari, passati e futuri (QUI la lista completa).





La sigla, che mostrava per due volte il logo (la scritta marmorea richiamava al contempo sia qualcosa di archeologico, sia di ecclesiastico), era ricca di particolari che contribuivano a creare il mood ideale e di intimo brivido.
Al di là degli elementi in una preistorica CGI, come le sfere/mondo iniziali, la sigla di Misteri colse appieno lo spirito new age degli anni '90, o meglio quello di fine millennio.


Come quadri da "quinta dimensione", ma ancora più astratti, le forme si modificavano in un inquietantemente sinuoso fondersi; i creavano dei segmenti di colore che sembravano descrivere una desolazione interiore delle persone, alla ricerca di risposte in un mondo frenetico, risposte forse di tipo esistenziale.





La musica di Mozart, rivista e rielaborata con nuovi suoni, ottiene qui anche un inedito passaggio particolarmente emozionante.
Purtroppo sembra impossibile trovarne una versione più lunga, e anche il nome dei due autori pare non porti lontano nelle ricerche.
Un vero mistero.

LEGGI ANCHE

29 commenti:

  1. Non fa paura o stranezza per nulla anzi è rilassante e simpatica l'avrei messa come sigla di qualche programma di cultura generale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho scritto, non dovrebbe inquietare in sé, ma lo era proprio perché sigla di questo programma (e a causa delle immagini). Un mix mentale, diciamo.
      Stesso effetto della sigla di Twin Peaks, che presa a sé non dovrebbe fare paura eppure tanta gente la trovava indirettamente inquietante...
      Io amo questa sigla, vorrei poterla ascoltare per intero 💗💪

      Moz-

      Elimina
    2. Anche le immagini non danno ansia e disagio.

      Elimina
    3. Insa che non hai vissuto l'epoca del programma... Oppure non comprendi quel che dico. Presa a sé, musica e immagini non sono nulla, a creare angoscia era il mix sapendo che tipo di programma era e l'epoca in sé in cui era trasmesso... 💪😅

      Moz-

      Elimina
    4. Lo stesso non turbaz.

      Elimina
    5. Secondo me proprio perché non hai vissuto epoca e programma... non associ tutto in modo avvolgente (per fortuna tua: ti godi questa sigla stupenda)

      Moz-

      Elimina
  2. mi ricordo la prima sigla, e a riascoltarla era bella, il programma invece al epoca era particolare Non eccessivamente pauroso però Ciao Moz buona giornata...Certo quella di profondo Rosso ai suoi tempi metteva i brividi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il programma era garbato, non era spaventoso in sé ma inquietante specie per chi era ragazzino... Ricordo ancora diversi servizi e anche lo spot estivo che annunciava la messa in onda... L'atmosfera sapevano crearla, anche magari involontariamente... 😱🔥

      Moz-

      Elimina
  3. Era un periodo che mi affascinavano certe cose, quindi c'era Misteri che ricordo benissimo, sempre su Raidue dai Fatti Vostri ospitavano ogni tanto gente stravagante, su Mediaset c'era il Costanzo show, che dedicava intere puntate a contattisti, medium, ecc, e su altre reti c'era Red Ronnie che alternava musica a cose New Age. Chissà se era un modo per distrarre l'Italia, per alleggerire la popolazione da altri pensieri. Sigla a parte, credo che a rivedere oggigiorno certe puntate di Misteri susciterebbe molta tenerezza, al pubblico odierno più malizioso, anche se sempre pronto ad essere 'ingannato'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però ricordo un certo approccio scettico, a volte, della conduttrice.
      E c'era il CICAP, fondato da Piero Angela...!
      Quindi magari non verrebbe visto in malo modo. Insomma, niente tipo "il nano armato di ascia" XD
      Comunque hai ragione, era un'epoca dove l'argomento paranormale tirava, e veniva incluso in tanti programmi...

      Moz-

      Elimina
    2. C'è da dire che i personaggi visti al MCS (tipo quello che parlava con gli gnomi) e altri visti proprio ne "I fatti vostri" venivano trattati con leggerezza, forse un pò derisi (in alcuni casi) ma quasi (o forse proprio) mai offesi.
      La TV di allora aveva tanti difetti quanto l'attuale, ma non è come adesso dove c'è un livello basso da una parte e dall'altra dove si ragiona solamente in binario.

      Caio

      Elimina
    3. A I fatti vostri ricordo sempre garbo, serietà... certo comunque mai offesi.
      Comunque sto riguardando alcune puntate di Misteri e il livello della dialettica, il dibattito in studio, i servizi... altro pianeta proprio rispetto alla TV odierna, dove spettacolarizzerebbero tutto.
      E forse, proprio quell'approccio serioso rendeva tutto più inquietante...

      Moz-

      Elimina
  4. L'autopsia dell'alieno! Ed è subito il film Alien Autopsy! Col senno di poi come abbiano preso seriamente in considerazione quel filmato rimane un... mistero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, ora non ricordo se invece proprio Misteri lo debunkingzzò trovando la questione dell'orologio appeso al muro...

      Moz-

      Elimina
  5. Ciao, me lo ricordo, era un po' il prototipo, meno sgranato e ridicolo, del più famoso "Mistero". Da appassionato di queste tematiche lo seguivo spesso, ora, abbandonata la TV, cerco video simili su youtube.
    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio, ti consiglio quelli di Polidoro, Strane Storie. 🤓💪
      Mistero per me non è nemmeno accostabile a Misteri della Rai, che appunto aveva tutt'altra eleganza...

      Moz-

      Elimina
    2. Non avevo letto questo messaggio,ma è come dice Miki, Misteri (e gran parte dei programmi a tema) non avevano nulla a che vedere con Mistero (che io personalmente l'ho considerato trash dalla prima puntata), e sinceramente manco con i programmi di Giacobbo.
      Aveva un universo tutto suo, e non aveva problema di far vedere note panzane, anche se poi a loro modo son diventate cult! (il famoso gnomo armato di ascia)

      Consiglio anche io Polidoro, anche se su YT ne trovi anche altri canali decenti, solo che allo stesso tempo ne trovi di peggiori e che si copiano anche tra di loro.

      Caio

      Elimina
    3. Polidoro ha ovviamente un senso visto il ruolo che ricopre.
      Gli altri lo fanno per diletto, e ci sta anche.
      Ma a Polidoro farei proprio condurre una nuova edizione di Misteri...

      Moz-

      Elimina
    4. Per come la vedo io, Polidoro è preparatissimo, ma poco "televisivo" a livello di presentazione (sempre a mio parere), cioè, se lo chiamano là a dire la sua va benissimo, ma non ha un ritmo tale da trasmissione completa (meglio di tanti altri eh!).

      PS: per quel che mi riguarda, mi piacerebbe qualcosa di "nuovo" come programma sui misteri, dove si analizza un filmato sia per chi è "pro" che chi è "contro" un determinato argomento, lasciando agli spettatori scegliere quale delle due spiegazioni è plausibile. Ad esempio, video sul classico UFO, chi è possibilista ti dirà perché secondo lui è veritiero, chi è scettico farà notare le incongruenze, e del perché va considerato un falso.

      Caio

      Elimina
    5. Sì, ci vorrebbe un programma così, imparziale. Dare voce a tutti senza alzare la voce... con garbo e senza paura di non arrivare a tutti... Vero che oggi il livello si è abbassato molto.

      Moz-

      Elimina
  6. Sapevo dell'esistenza di questo programma ma non ricordo di averlo mai visto, la musica della sigla la conoscevo, effettivamente sembra diventare uno di quei sottofondi di certi video enigmatici di cui si è parlato alcune volte anche qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, per noi che associamo certe sonorità New Age a quelle cose, è automaticamente così... 🎶

      Moz-

      Elimina
  7. Da appassionato di Misteri all'epoca lo seguivo eccome, ma ammetto che non ascoltavo sta sigla da allora probabilmente.

    La sigla in se, come detto, non aveva niente di inquientante e/o turbante, ma data l'epoca, e data l'ora in cui veniva trasmessa (vabbè, il discorso prima/seconda/terza serata di allora cosa cambiata ridicolarmente agli inizi 2000) ti attirava e ti incuriosiva.

    La Rai ne faceva e ne fa tanti di programmi, che molti manco ricordano, ma nel mucchio sbucava sempre qualcosa di interessante.
    L'unica cosa che mi domando, dato di tempo ne è passato parecchio, se lo trasmettevano più o meno nella stessa serata di Mixer, o vaghi ricordi, e quasi sicuramente sbaglio, ma pensavo proprio dopo Mixer.

    Caio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DAMN *ho vaghi ricordi...

      ... Miki, a proposito di Mixer,lo hai trattato mai?
      ricordo che da quando lo scoprii per caso una sera, cercavo di non perdermi nessuna puntata (a meno che non era proprio roba che mi interessava).

      Caio

      Elimina
    2. Mixer mai trattato, ma forse nella prossima stagione del blog sarà citato in qualche modo, eheh^^
      Misteri secondo me ha avuto due fasce orarie: prima serata e seconda serata.
      Forse iniziò con la prima serata ma alle 21, evidentemente prima c'era qualche altro rotocalco.
      Poi ricordo delle trasmissioni di Misteri andate in onda più tardi, ma potrei sbagliarmi.
      In realtà, mistero nel mistero, ricordo un MISTERI sull'Africa e l'ebola... di mattina. Era un documentario, un servizio...

      Moz-

      Elimina
    3. Giusto qualcuno che ha la memoria di ferro si ricorderebbe tutto, io ho sta cosa del fatto che è stata trasmessa, per un periodo o prima, o quasi sicuramente dopo, Mixer.

      Cmq a dir il vero, pur amando programmi simili, il più grande ricordo parte da fine anni 90, con Stargate di Giacobbo (prima di passare alla Rai) che inizialmente non seguivo perché pensavo fosse inerente alla serie TV (e a me è sempre e solo piaciuto il film).

      Quindi anche se ho visto altri programmi che trattavano di misteri, programmi totalmente italiani (non roba estera che comunque seguivo), ne ho pochi ricordi (vabbè, tutto girava a partire da X-Files) anche se sicuramente li ho visti.

      Caio

      Elimina
    4. Sicuramente Misteri andava in onda il lunedì alle 21, almeno all'inizio.
      Bisognerebbe trovare dei palinsesti dell'epoca...
      Diciamo che per me l'approccio con questo tipo di programmi parte da qui, ma ero fan già da molto prima. Presi I misteri dell'ignoto con VHS (lo vedremo sul blog) e leggevo delle riviste...

      Moz-

      Elimina
  8. Mai seguito, ma certamente non è proprio rilassante come sigla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende: presa a sé e senza sapere di cosa sia, per me è veramente bella e rilassante, quasi lounge... però diventa inquietante se la si associa al programma e al periodo... :O

      Moz-

      Elimina