[FILM] i migliori ruoli interpretati da Tomas Milian


"Vedete d'annavvene dritti dritti affanculo!"
Ci direbbe così, anche adesso, il mitico Tomas Milian.

Attore cubano che ha avuto fortuna e successo qui in Italia, grazie a ruoli iconici nel poliziottesco e grazie a personaggi parolacciari e trucidi.
E per omaggiare un grandissimo artista, non possiamo che riscoprire i personaggi che ha interpretato!

Il borgataro Monnezza, fratello gemello del Gobbo. Il Gobbo stesso, delinquente proletario e sanguinario.
E il più famoso, Er Pirata, Nico Giraldi. Ispettore di polizia dalla battuta pronta.
Tutti ruoli ricoperti dal mitico Milian, in anni e anni di carriera. Rivediamoli assieme.

ER MONNEZZA

All'anagrafe Sergio Marazzi (e si nun ve piace, so' amari cazzi), appare ne Il trucido e lo sbirro, La banda del trucido (qua si chiama Sergio Maraschi) e La banda del Gobbo.
Meccanico, figlio di mignotta (nel senso che la madre era prostituta), ricciolino e zozzone, fonda una scuola per aspiranti ladri dal nome F.I.G.A. (federazione italiana gratta antiviolenza).

IL GOBBO

Infame e spietato fratello gemello del Monnezza, all'anagrafe Vincenzo Marazzi (o Moretto).
Appare in Roma a mano armata e in La banda del Gobbo.

ER PIRATA

Vero nome: Nicola "Nico" Giraldi.
Professione: ex ladro poi ispettore di polizia.
Cosa fa: prende a sberle Bombolo.
Fan di Stallone e Serpico, ha due figli: Rocky e Principessa. Il primo, interpretato anni dopo da Claudio Amendola (figlio del doppiatore di Milian), apparirà ne Il ritorno del Monnezza.
Protagonista di ben 11 pellicole, da Squadra Antiscippo (1976) a Delitto al Blue Gay (1984), Nico Giraldi affronta criminali di ogni risma, da assassini a mafiosi, fino alla meritata pensione.
Parolacce a gogo, doppi sensi, battute sconce: questi gli ingredienti del personaggio più fortunato della sua carriera.

EL VASCO

E' il lustrascarpe messicano che inizia una rivolta nella sua cittadina.
Protagonista del capolavoro spaghetti-western Vamos a matar, compañeros.

GIULIO SACCHI

Squilibrato, pavido e deviato criminale, il dandy Giulio Sacchi è l'antagonista in Milano odia: la polizia non può sparare.
Quando compie una strage in una villa si fa praticare dapprima una fellatio dalle sue vittime. Anche dagli uomini: lui è per la parità dei sessi, dice. In realtà è semplicemente pazzo.

RAMBO

Ex criminale ora vigilante, conosce bene gli ambienti della malavita e cerca di salvare un ragazzino rapito.
Il tutto in Il giustiziere sfida la città.

GENERALE ARTURO SALAZAR

Doppiogiochista che vuole smantellare un cartello di narcotrafficanti, solo per il proprio tornaconto. Protagonista in Traffic.

ANDREA MARTELLI

Giornalista, arriva nel superstizioso meridione e si ritrova a indagare sui terribili delitti che vedono come vittime giovani ragazzini. Tra ignoranza e fanatismi, risolverà il caso de Non si sevizia un paperino, uno dei migliori gialli all'italiana.


E mo nun rompete er cazzo e annamose a vede 'n paro di sti film!

41 commenti:

  1. Ciao Moz,Tomas Milian è stato un buon attore,usato male,quasi sempre in films inguardabili dove la scoreggia e il rutto la facevano da padroni.Fortunatamente,molti grandi registri lo hanno valorizzato in diversi ruoli importanti in films importanti,ma purtroppo viene ricordato solo e sempre come il Monezza.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma guarda, lui stesso è sempre stato contentissimo dei ruoli popolari che ha interpretato. Amava Roma, amava Er Monnezza (quasi suo alter ego). Ha comunque avuto modo di lavorare in film più "alti", ma anche le varie opere con Monnezza e Pirata sono buoni poliziotteschi^^

      Moz-

      Elimina
  2. Io aggiungo due film (e due personaggi) che meritano di essere ricordati. Due personaggi all'opposto.

    Il simpaticissimo Tony Roma di "Cane e gatto", l'unico film dove non c'è la coppia Bud Spencer e Terence Hill, ma è quasi allo stesso livello.

    Il terribile Chaco de "I quattro dell'apocalisse", uno dei dieci migliori spaghetti western.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, vero, vero: possiamo comunque dire che ogni ruolo che ha interpretato ha davvero lasciato il segno :)

      Moz-

      Elimina
  3. Era anche una brava persona displace che se ne sia andato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Disponibilissimo, alla mano (almeno stando a interviste e video) e ovviamente grandissimo attore che ha amato l'Italia e ne è stato riamato.

      Moz-

      Elimina
  4. Bellissima panoramica celebrativa, a cui aggiungerei solo Tepepa, il rivoluzionario Messicano del film omonimo, una delle mie parti preferite del grande Milian.
    Un brutta perdita per tutti, in particolare per gli amanti del cinema di genere, hai fatto bene ad elenzare gli altri ruolo di Tomas, perché oltre al mitico Monnezza ha prestato la sua faccia da schiaffi a tanti personaggi leggendari. Mi mancherà un casino! Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Tepepa! :)
      Comunque sì, mancherà molto, ma le sue opere e interpretazioni sono sempre qui con noi, per farci due risate col mitico cubano de Roma!^^

      Moz-

      Elimina
  5. Scopro in questa pagina la sua scomparsa avvenuta il 22... Quella sera stavo vedendo "Delitto sull'autostrada", incluso nel ciclo dell'ispettore Giraldi che sto portando avanti da qualche tempo, con la mia solita lentezza nello smaltire materiale multimediale da vedere...

    Di quello che ho visto e letto su di lui, un validissimo attore, superbamente doppiato da Ferruccio Amendola. Già il fatto che ha offerto la sua faccia per ruoli di buono quanto di cattivo la dice lunga circa il suo talento. Forse appena un po' esagerato nel vestiario per essere un ispettore/maresciallo di Polizia.
    In particolare vorrei vederlo in qualche western...

    Mi spiace però dovere terminare il ciclo di Giraldi così... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Recupera pure tutti i western con Milian, ne vale la pena. Se devo fare un titolo, io faccio sempre quello de "i quattro cavalieri dell'apocalisse". Un western dalle tinte horror, crudo e pessimista, dove il bianco non esiste, ma c'è solo il grigio e il nero. Film del Maestro Fulci

      Elimina
    2. Grazie, ma Wikipedia lo riporta come film di guerra...
      I western crudi e pessimisti ne vedo senza problemi, tipo "Il grande Silenzio"...

      Elimina
    3. Gas, che dire... penso che l'opera di Milian, da film seri a poliziotteschi parolacciari, sia sempre qui.
      E sempre possiamo farci due risate e emozionarci coi suoi personaggi!
      Anche io come Ric ti consiglio i western: ho citato Vamos a matar, che è il mio preferito, ma anche Tepepa spacca^^

      Moz-

      Elimina
    4. Scusami, ho messo cavalieri che non ci azzecca nulla...solo i quattro dell'apocalisse..meraviglioso western. Il grande silenzio è pure nella mia top five

      Elimina
    5. Ok, credo che una retrospettiva dei western con Milian s'ha da fare! ;)

      Elimina
  6. ricordiamolo anche nel capolavoro di Fulci Non si sevizia un paperino e Revenge di Tony Scott, dove fa da Gorilla a Anthony Quinn

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, l'ho citato sopra: Andrea Martelli, il giornalista.
      Peraltro, gran film del "trittico giallo imprescindibile", formato assieme a Profondo Rosso e La Casa dalle Finestre che ridono :)

      Moz-

      Elimina
  7. Lo sapevo che zompavi Il lupo e l'agnello...da sempre colpevolmente sottostimato..😂😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops, ti ho risposto sotto^^
      Ti sei ... clonato? XD

      Moz-

      Elimina
  8. Lo sapevo che zompavi Il lupo e l'agnello...da sempre colpevolmente sottostimato..😂😂😂

    RispondiElimina
  9. Sinceramente non lo conoscevo tanto, anche se ho visto un po' di film, ma niente di che, in ogni caso perdita importante per il cinema italiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Specie per il cinema di genere, a cui davvero ha dato tutto, tra poliziottesco puro, poliziottesco cazzaro, italian-giallo, spaghetti-western. Non s'è fatto mancare niente, da ruoli positivi a altri negativissimi^^

      Moz-

      Elimina
  10. Miki!!! Se dice 'N PAR de sti film non un paro!!!! Ahahahahahaha!!! Scherzi a parte E' una perdita profonda e grave per Roma, una parte di Roma. Quella del popolo, della gente. Che va sempre piu' a morire poco a poco e con lui potremmo dire che le testimonianze siano ormai defunte dopo Sordi, Manfredi, Gabriella Ferri, Alvaro Amici... mi sento un po' in lutto come romano... e' stata na botta terribile. E' stato molto piu'di questo, un istrione, un attore coraggioso che ha avuto sempre la coerenza al primo posto. Un artista completo e poliedrico. Mi manca da impazzire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aò me devi scusà se so de Centocelle e te de Torbella! :p
      E' proprio come dici: attore del popolo, per il popolo. Adottato da Roma, amato da Roma, amava Roma e i romani.
      Possiamo godercelo sempre coi suoi intramontabili personaggi, da quelli seri a quelli cazzari.

      Moz-

      Elimina
  11. Risposte
    1. Un grandissimo artista e una grandissima persona :)

      Moz-

      Elimina
  12. Un attore così camaleontico doveva avere il suo tributo nel Moz o'clock ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, l'ho tributato diverse volte, anche in altri ambiti: era un grande!^^

      Moz-

      Elimina
  13. A me piaceva molto e lo vedevo sempre volentieri, forse proprio perché interpretava con molta naturalezza personaggi insoliti o molto particolari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, sicuramente istrionico, grande artista.

      Moz-

      Elimina
  14. Posso dirla una cosa impopolare? A me non mi ha mai fatto impazzire e certe volte sono stata tentata di strozzare Fidanzato quando riproponeva a manetta i suoi film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhah, ecco perché non sono ancora coniugato: come potrebbe mia moglie sopportare i film di Fulci, i mitici slasher anni '80, i thriller all'italiana anni '70, o film culto come Bad Taste di Peter Jackson? :D

      Elimina
    2. Ahaha, ma noi maschiacci diamo sempre per scontato che alle donne non piacciano queste cose.
      Il compromesso potrebbe essere trovare una moglie che ami la controparte pop femminile di ciò che siamo noi! :)

      Moz-

      Elimina
    3. Una volta mi sono sacrificato guardando nothing Hill, il giorno dopo sono finito dentro il frigorifero di un macellaio che avevo bisogno di ripristinare il mio livello di sanguinolenza. Un'altra volta sacrificiobis, guardando una roba che neanche mi ricordo, il giorno dopo dal dentista per un principio di carie.

      ahhaah, sto scherzando

      Elimina
    4. Ahaha, è come quando io sono a pranzo da una amica vegetariana. Fa cose buonissime, per carità, ma la sera devo mangiarmi ALMENO trenta arrosticini!^^

      Moz-

      Elimina
  15. Ciao Moz,DOMY
    Bravo attore,uomo complicato ma sempre disponibile a raccontare di se.Lo preferivo nei polizziotteschi tipo Milano odia,nei western e in film come Traffic e Revenge.Meno nei ruoli del Monnezza del maresciallo Giraldi e men che meno nel gobbo.Non perché non fosse bravo,anzi,ma non mi piacevano quei tipi di personaggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se posso darti un consiglio, prova Non si sevizia un paperino :)

      Moz-

      Elimina
  16. Volevo bene a Tomas Milian. Felice della sua carriera, che ha dimostrato di saper fare quasi tutto.

    RispondiElimina