[LIFE] il mio percorso con i fumetti, dagli anni '80 ad oggi


Vi siete mai chiesti se una persona può essere raccontata anche dai fumetti che ha letto nell'arco della sua vita?
Credo di sì: per questo, ho voluto fissare nero su bianco la mia storia d'amore con questa arte.
Alle porte dei miei 35 anni, ecco il mio percorso coi fumetti, fino ad ora.

1985: PIÙ E IL SUO GIOCO

Compratomi da mio padre, ricordo che iniziai a imparare a leggere proprio con un numero di questa rivista. Poi, mio padre stesso scriveva delle parole in stampatello -tra gli spazi bianchi delle pagine- e me le faceva leggere.
-Qui trovi uno speciale su Più e il suo gioco!


1986: MINICOMICS MASTERS

Uscivano in allegato alle action figures dei Masters of the Universe: albetti con brevi storie in più lingue. Mi piaceva comparare i vari linguaggi, per vedere come si dicesse una certa cosa in un'altra lingua.
-Qui trovi uno speciale sui minicomics Masters

il mio primissimo minicomic Masters

1987: DOPPIO PIÙ / MAXI PIÙ / TOPOLINO

Più (anche e soprattutto nei formati raccolta di Doppio e Maxi) divenne una lettura fissa perché volevo leggere le storie dei miei amati Fabuland (ormai He-Man non era quasi più presente).
Saltuariamente leggevo anche Topolino, di cui spesso recuperavo quattro numeri alla volta grazie alla Raccolta.

io che cazzeggio in soggiorno: sul divano potete notare un Maxi Più

1988: CORRIERE DEI PICCOLI

Probabilmente già letto in passato, ma fu durante un'estate che divenne un acquisto fisso. Amavo la rubrica Il Mattamondo, i fumetti de I Cuccioli e La Stefy.

una delle rare immagini disponibili de I Cuccioli

1990: DIABOLIK

Sempre in estate, libreria di alcuni cugini di mio padre: Diabolik, un fumetto che mi folgorò.
Ho consumato quegli albi, che mi facevo prestare ripetutamente.

un albo per me fondamentale

1991: TOPOLINO

Dal luglio di quell'anno cominciai la collezione vera e propria di Topolino, che tra l'altro iniziò a regalare stupendi gadget estivi: Topobinocolo, Topokit, Topowalkie e via dicendo...

1993: DIABOLIK / DYLAN DOG

È dell'agosto 1993 il primo Diabolik che presi, al di là dei numeri che continuamente rileggevo tramite i miei parenti: Terrore per Eva, con un pazzo armato di fucile che ferisce pericolosamente la compagna del protagonista.
Poi, entra a casa mia il libro Tutti gli incubi di Dylan Dog, che mi fa finalmente leggere le storie dell'Indagatore dell'Incubo (tra cui l'inarrivabile Memorie dall'invisibile).
-Qui trovi uno speciale sul libro di Dylan Dog!

1994: IL GIORNALINO / BUNNY BAND

Quando anche le riviste di Santa Madre Chiesa han qualcosa di figo: da quell'anno, c'erano i fumetti delle Ninja Turtles!
Dall'estate, folgorato da una copertina verde con Wile E. Coyote costretto a un pranzo vegan, mi innamoro di Bunny Band, di cui recupero anche gli arretrati.
-Qui trovi uno speciale sulla rivista Bunny Band!

1995: POWER RANGERS MAGAZINE / SUPER ACTION / BATMAN

Nuova passione, i Power Rangers: e quindi ne leggevo le storie a fumetti sul loro magazine, by Marvel.
Contemporaneamente amavo la rivista Super Action con le storie di Judge Dredd e altri fumetti violenti/tamarri.
Inoltre, leggevo qualche numero di Batman, riportato in pista dalla Play Press con la mitica saga Prodigal (quella che segue Knightfall con Bane, per intenderci).
-Riscopri la rivista Super Action! 

1996: DIABOLIK, BERSERK, VENGA IL TUO REGNO

Anno di grazia: inizio ufficialmente la mia collezione di Diabolik, che continua ancora oggi.
L'albo è Cento Guerrieri d'Oro, preso nei primi giorni di giugno in attesa di iniziare gli esami di terza media.
Agosto dello stesso anno: Berserk. Salti mortali per portare la copia a casa, per un fumetto che mi affascinava ma che non potevo comprendere ancora.
Contemporaneamente, lessi anche quel gioiello di Kingdom Come della DC.

1997: L'UOMO RAGNO, MAN-GA!, KAPPA MAGAZINE

Colleziono L'Uomo Ragno con qualche altro albo Marvel, di cui avevo solo numeri sparsi presi nel passato.
E poi la rivista Man-ga! della Planet, con Drakuun e in seguito Crayon Shin-chan.
Contemporaneamente ricomincio anche con Kappa Magazine, del quale possedevo già copie sparse comprate negli anni precedenti.
Era iniziato il mio periodo giapponese.
-Qui trovi uno speciale sulla rivista Man-Ga!

1998: MANGA E CLASSICI

Oltre ai manga che via via recuperavo (Dragon Ball e altri), da quest'anno continuavano le altre collezioni e riscoprivo molti classici per gli anni a venire (Pratt, Crepax, Ennis e via dicendo).

2005: BATMAN MAGAZINE

Ci riprovano con Batman, e nel 2005 colleziono il suo magazine. Non dura molto.

2007: AMERICA

Nuovo mensile per Batman, che inizio e riprendo due volte (stoppandomi con il Guanto Nero e dopo la cazzata-reboot New 52) . Qui inizio ad acquistare i fumetti americani un po' più fighi (Preacher, Sandman...) e ormai ho abbandonato quasi del tutto le produzioni giapponesi, in cui (perlomeno nei titoli da edicola) non trovo più nulla di valido.

OGGI: LEGGO ANCORA

Se pensiamo che comunque ho poi sempre letto tantissime altre cose, dai volumi a sé a collane di cui prendevo numeri sparsi, potete immaginare quanto io ami il fumetto e il suo mondo.

68 commenti:

  1. L'unico che proprio mi sfugge è il primo... non l'ho mai veramente visto! :s

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'epoca era molto in voga, Più... perché regalava un giochino in ogni numero! :)

      Moz-

      Elimina
  2. Da piccola adoravo Robin Hood e Pinocchio. Vale?
    No, i fumetti non fanno proprio per me.. 😜

    RispondiElimina
  3. Questo post è l'esempio lampante di come i fumetti abbiano ampiamente dimostrato d'essere uno strumento atto a sviluppare la creatività nei ragazzi che li leggono, il cui limite è dato solo dalla loro immaginazione. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me, nella vita, valgono più i fumetti che i romanzi.
      Ma non perché apprezzo di più i primi a prescindere... ma perché coi fumetti ho imparato a leggere e mi sono appassionato alle lingue straniere :)

      Moz-

      Elimina
  4. Il mio percorso con i fumetti è sempre stato lineare: Topolino! Da bambino amavo il magic Boy, che ho smesso presto di comprare quando eliminarono le pubblicità di giocattoli. Da piccino sono stato lettore anche di Braccio di Ferro, in cantina ho ancora una dozzina di volumetti che ho letteralmente consumato. A inizio anni '90 invece ho raccolto diversi numeri del Corriere dei Piccoli, che divenne "Corrierino". Regalavano anche le audiocassette!

    Io ho sempre affiancato nel percorso anche le riviste calcistiche: Guerin Sportivo e Forza Milan!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ovviamente di riviste extra-fumetto anche io! Leggevo Tutto Musica, leggevo varie cose sui misteri, anche sull'ambiente.
      Forse la rivista è, addirittura, l'espressione editoriale che amo maggiormente.

      Moz-

      Elimina
    2. Ah giusto, anche Braccio di Ferro che ho dimenticato nel mio commento in basso!

      Elimina
    3. Poppi d seilormeeeen!

      Moz-

      Elimina
  5. I mini comics dei Masters, il corriere dei piccoli e poi Dylan Dog, prima dell’arrivo dei super eroi negli anni ’90, questa cosa che siamo coscritti si nota anche nelle letture. Forse sostituirei “Kingdom Come” (capolavoro che però ho avuto modo di leggere solo più tardi) con “Marvels” di Busiek e Alex Ross, per il resto solito caso di vite parallele ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, io invece Marvels l'ho recuperato solo qualche anno dopo... Ma per il rsres direi che ci siamo proprio! 😎💪

      Moz-

      Elimina
  6. Ci accomunano la lettura di Kingdom Come e le collezioni di Topolino, L'uomo Ragno e Diabolik, anche se le mie risalgono molto più indietro nel tempo. Voglio chiederti, a questo proposito, se i Diabolik precedenti al 1996 li possiedi tutti in versione ristampa o se fai anche caccia di vecchi originali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li recupero in originale ogni volta che posso, ma ovviamente mi sono tenuto al passo con le ristampe (fino a quando non ho vomplecomp la collezione: sono diversi anni ormai non acquisto più le ristampe di Diabolik) 😍

      Moz-

      Elimina
    2. Io ho una cinquantina di originali compresi tra l'anno VIII (1969) e l'anno XIII (1974).

      Elimina
    3. Beh, possono valere anche 5-10 euro l'uno! :)

      Moz-

      Elimina
    4. Pensa che al mercato delle pulci di Firenze hanno in vendita uno dei primi numeri (adesso non ricordo quale) a 150 euro...

      Elimina
    5. Di certo non uno dei primi tre :)

      Moz-

      Elimina
  7. Anch'io ho letto il Corriere dei Piccoli, Topolino, tutti i classici e poi Diabolik. In più Capitan America, moltissimi supereroi marvel ed Alan Ford. E poi Asterix. Direi che più o meno ho messo i principali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, ad esempio io mai stato un assiduo lettore Max Bunker, quindi poco Alan Ford e simili, sebbene li abbia comunque letti :)

      Moz-

      Elimina
  8. Lo sai già chi sono9 lug 2018, 11:34:00

    Io molto fissata con la Disney, quasi zero con i supereroi Marvel e DC, pochissimo i manga (solo Keroro e Pokemon Adventures). Sono fissatissima anche con Mafalda (il migliore fumetto in assoluto per me). Ho anche apprezzato Calvin & Hobbes, Diabolik, Asterix & Obelix, Peanuts, Garfield, Persepolis, Zerocalcare, Lupo Alberto e l'epica saga di BONE (compralo!!!!) e i suoi spinoff.
    I leoncini e il fumetto dei cuccioli sono davvero carini ^_^ grazie per averli ripresi ;) [sono una tipa pupazzosa]
    P.S.: nonna perché mi hai buttato l'unico numero di Poochie che avevo? -_-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bone l'ho letto, altroché :)
      Il leoncino se ho ben capito ti riferisci alla mascotte della rivista Più e il suo gioco: si chiama Turbo!
      Zerocalcare letto ma mai colpito troppo, gli altri ovviamente letti tutti anche perché sono quasi tutti apparsi su Linus^^

      Moz-

      Elimina
    2. Lo sai già chi sono9 lug 2018, 12:38:00

      Bel nome, Turbo! Grazie per avermelo detto ☺
      Zerocalcare è una persona molto gentile e modesta, però alla fine arte e persona sono due cose separate, quindi de gustibus.molti dei suoi fumetti mi piacciono li trovo realistici e al contempo avventurosi e surreali.(discorso inverso per Pastrovicchio credo che tu lo apprezzi molto come disegnatore ma come persona se la sente un casino xD, peccato )

      Elimina
    3. Sono dovuto andare a vedere chi fosse, Pastovicchio, me l'ero scordato... quindi non so se lo apprezzo XD
      Zerocalcare spero di apprezzarlo sul blog!

      Moz-

      Elimina
    4. Lo sai già chi sono13 lug 2018, 10:15:00

      ehehhe è un disegnatore di Topolino e della saga di PK, diciamo che è un palestrato sexy che si crede Dio e manco dedica un disegno ai fan.
      Invece Zerocalcare è molto gentile e disponibile con i suoi ammiratori ^_^ poi vabbè non devono per forza piacerti le sue strip, ma come persona è davvero dolcissima!!!

      Elimina
    5. Sì, ma sicuramente è una gran persona :)

      Moz-

      Elimina
  9. Fino al 95 ci sono anch'io con te.
    Con i Manga mi perdo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Berserk DEVI recuperarlo! 😍💪

      Moz-

      Elimina
  10. Ho quasi 18mila fumetti (dal mio blog si arriva ad un file di Excel condiviso che li elenca tutti) di tutti i generi ... tranne i manga! Sono sempre stato onnivoro ma sono cresciuto senza cartoni giapponesi ed i corrispondenti fumetti. Li ho sempre visti lontani dalla mia cultura occidentale. Oggi leggo quasi esclusivamente quello che una volta si chiamava "fumetto d'autore" e sto lentamente scoprendo autori dell'estremo oriente (ho letto opere di cinesi, di una vietnamita, di un originario di Singapore) che mi piacciono.
    Negli anni della formazione sono passato da Topolino ai supereroi, con preferenza per DC rispetto a Marvel, a Bonelli, ad Alan Ford, Diabolik, dai fumetti di guerra ai classici Mandrake e Uomo Mascherato, dai porno alle riviste d'autore. Tutto quanto prima dei 18 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo andare a vedere questa lista, cazzarola...!
      Insomma, un percorso a tratti simile e a tratti diversissimo dal mio, ma... ammazza, hai davvero sviscerato Europa/America in 18 anni!

      Moz-

      Elimina
  11. Da bambino, Dylan Dog e Diabolik non mi piacevano. Ho cominciato con Batman Topolino e Paperinik, per poi passare ai manga di Dragon Ball nel 1999. Oggi leggo solo i fumetti paninicomics di star wars :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha quindi hai dato un taglio a tutto... tranne alla Forza :D

      Moz-

      Elimina
  12. Come me, ti sei rotto il cazzo dei manga... chissà perché? Sarà che tra fine anni 90 e primi 2000 ci hanno bombardato, tra inediti dei decenni precedenti e roba nuova, tanto da nausearci? Eppure come me ne andavi ghiotto. Mentre la passione per Superman (io) e Batman (tu) ci è rimasta, nonostante di tanto in tanto ci allontaniamo mollando la serie.
    Per quanto riguarda gli anni 80, io ricordo solo Topolino e Il Giornalino (e qualche altra cosa simile a quest'ultimo), altra roba no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ho in serbo, in croato e pure in qualsiasi altra lingua da terzomondobalcanico una serie di post sui manga?
      Dagli shonen al perché poi mi hanno scassato la minchia (tipica frase serba).
      E ti dico: i manga di prima erano quelli supportati dalle serie tv, ma inoltre erano parte del calderone pop e ancora di più molti avevano l'impronta anni '80-'90 americana (City Hunter, Kenshiro ecc).
      Una volta svanito tutto questo, sono rimaste opere copie di copie di copie...

      Moz-

      Elimina
    2. Ahahah io in servo (schiavo negro) ho solo da parlare di un manga ma non riguardo l'opera...
      Comunque sì, i manga prima avevano di originale che iniziavano e finivano, a differenza di Bonelli e Comics ma se poi i nuovi manga sono copie dei precedenti, è come se anche loro avessero fumetti eterni!
      A me non attirano neanche se hanno un minimo di originalità.

      Elimina
    3. Ma oggi anche gli shonen sono diventati infiniti! Quello è il problema! :D

      Moz-

      Elimina
  13. Come ricorderai, anche io ho imparato a leggere dai fumetti, nel mio caso si trattava di Braccio di Ferro. Compravo anche Più, ma solo una decina di numeri, tra cui quello in cui regalavano un personaggio Fabuland.
    Differenza tra Doppio Più e Maxi Più?

    Letti anche gli albetti multi lingue allegati ai Masters, sebbene preferissi la prima versione, con disegni "barbari" e racconto didascalico sotto.

    "Memorie dall'invisibile": se non l'hai letto, non puoi dire di conoscere Dylan Dog. ;)

    Diabolik per me è lettura recente, e "La vittoria di Ginko" è tra le storie più valide tra quelle che ho letto.

    Per il resto, io mi sono appassionato più agli umoristici che ai manga e supereroi, con le dovute eccezioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Doppio era... doppio, appunto; Maxi era triplo, e poi presentava contenuti più da ragazzi. Infatti all'epoca mi piaceva meno.
      I primi 4 minicomics sono veri gioielli... cioè Alfredo Alcala al massimo della forma **

      Concordo su Memorie dall'Invisibile :)

      Moz-

      Elimina
  14. Io ho iniziato dal Corriere Dei Piccoli ed altri giornalisti/contenitori/riviste simili.
    Adoravo anche Snoopy e le strisce della Pimpa.
    Successivamente sono passato a Topolino e Paperino Mese ( che preferivo ).
    Poi anni di buio.
    Infine la luce con i fumetti Marvel ( compravo praticamente tutto ciò che uscisse con quel logo ).
    Poi per un decennio anche Manga assortiti.
    Poi via via soltanto letture fumettistiche molto selezionate ( tipo Preacher, Sandman, V For Vendetta, Zanardi, Maus ecc.ecc.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, oggi anche io solo letture selezionate.
      Seguo serie lunghe solo se sono ancora in corso da quando ho iniziato, oppure se sono classiconi.
      I surrogati di Topolino (specie il Mega Almanacco) non li amavo perché avevano solo fumetti e zero pubblicità XD

      Moz-

      Elimina
    2. Io Paperino Mese lo compravo perché preferivo le storie dei paperi a quelle del topo. :-P

      Elimina
    3. Ahaha, beh, giusto così allora^^

      Moz-

      Elimina
  15. Per la miseria, che mega collezioni!!!!
    Io sono più orientata sui manga e Topolino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I manga ormai non mi attirano più... li vedo, li sfoglio e... boh!
      Topolino conserva ancora il suo fascino^^

      Moz-

      Elimina
  16. Cavolo hai letto Berserk da molto piccolo, io probabilmente l'avrei schifato a quell'età XD
    Poi ovviamente anche per me non poteva mancare la fase Dyd, quella con cui ho iniziato ad interessarmi al fumetto italiano (prima leggevo solo manga) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, io Dyd l'ho letto prima dei manga, ma comunque sì, c'è stata la fase Dyd!
      Per quanto riguarda Berserk... esatto, ero piccolo e difatti lo subìvo, più che leggevo... Per comprenderlo, comprenderne ciò che era davvero, ho dovuto aspettare più o meno il 1999/2000.

      Moz-

      Elimina
  17. Non c'è che dire ... l'esperienza, le emozioni, la collezione che hai, ti hanno dato tanto su cui investire oggi; trasfiguri i tuoi fumetti in parole che danno emozioni anche a chi ti segue; io non ho potuto leggerne tantissimi, ma il fumetto fa parte di quelle categorie immortali di cui tutti ci sentiamo parte. Bel post. A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, contento che ti sia piaciuto questo post^^
      Vero: questi fumetti sono parte del mio bagaglio e quindi di conseguenza li riverso anche qui sul blog... e nella vita :)

      Moz-

      Elimina
  18. Devo dire che abbiamo poco in comune sulle letture qui presentate, gli albi dei Masters che collezionava mio fratello, gli americani (Bats, Spidey, Kingdom Come) e per un periodo Il Giornalino. Alla fine l'importante è divertirsi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh dai, non è proprio poco :)

      Moz-

      Elimina
  19. Del primo ho vaghi ricordi, diciamo che la mia vera e propria prima lettura fu il Corrierino, di cui adoravo la Stefy e Ravanello (spero di non essere l'unica a ricordarmelo!).
    Topolino l'ho scoperto anch'io nei primi anni '90, e poi ho iniziato a leggere anche Minnie&Co, che era un po' la versione per bambine.
    I manga sono arrivati tardi, ai tempi dell'università, ma ho dovuto rinunciarvi presto perché costavano troppo (e non avevo spazio dove metterli essendo studentessa fuori sede) e ora ho ancora parecchi titoli che mi piacerebbe leggere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ravanello non me lo ricordoooo :o
      I manga effettivamente specie con l'euro hanno iniziato a costicchiare... Prima invece si poteva campare bene...

      Moz-

      Elimina
    2. Zap! era una storia he parlava delle avventure di Eppe e Dida (fratello e sorella) che un giorno per caso trovavano Ravanello, uno strano animale blu a metà strada tra un coniglio e un maiale :D Ravanello aveva il potere di teletrasportarli ovunque e la storia si poteva dividere in due parti: nella prima metà Ravanello portava i due fratelli in giro per il mondo facendogli visitare vari luoghi, mentre nella seconda li faceva viaggiare nel tempo attraverso le epoche :) Purtroppo in rete non sono riuscita a trovare nessuna immagine da farti vedere!

      Elimina
    3. Oddio, proprio non ricordo...! :o Magari non mi piaceva, tutto qui, altrimenti lo ricorderei.
      Però è vero quel che dici: in rete c'è pochissimo materiale riguardante questi fumetti!

      Moz-

      Elimina
  20. Sai che a vedere I Cuccioli mi si stringe il cuore? Li adoravo, era un fumetto esilarante e delizioso! Lo stesso autore (di cui purtroppo non ricordo il nome, che vergogna!) aveva realizzato una splendida storia fantasy tra i cui protagonisti c'erano anche un maiale e una lucertola, anch'essa pubblicata sul Corrierino.
    E poi, beh, impossibile dimenticare Zap! e il meraviglioso Ravanello <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'autore era Fabio Visintin :)
      Ravanello davvero non lo ricordo... Ma adoravo il Mattamondo! :D

      Moz-

      Elimina
  21. Non ne conosco quasi la metà, comunque fumetti e post (per come l'hai pensato e strutturato) davvero interessanti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, mi fa piacere :)

      Moz-

      Elimina
  22. Bel post come sempre!
    Io ero con Corto Maltese e la sua rivista: Paz, Enki Bilal, Crepax, poi Alan Moore, Frank Miller...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh ho qualche decina di numeri di quella rivista, recuperati ovviamente in seconda battuta :)

      Moz-

      Elimina
  23. Una conoscenza enciclopedica. Veramente, dovresti scrivere un'enciclopedia della cultura pop!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sto scrivendo dal 2006, tutto sommato... :D

      Moz-

      Elimina
  24. 1982: le mei zie mi leggevano i minicomics dei masters perchè non sapevo ancora leggere e guardavo solo le figure
    1984-86: fumetti vari (ho imaparato piano piano a leggerli da solo) tra cui: Bugs Bunny, Titti Silvestro e altra roba simile dei Looney Tunes, qualche numero di Topolino, Transformers, e sempre i mini-comics dei Masters, qualche numero del Team dell'Avventura (amavo Voltron e Bravestarr)
    1988: inizio la mai collezione di topolino che interrompo nel 1992
    1993-97: abbandono il fumetto e la lettura in generale (periodo di massimo divertimento ma ben poca cultura)
    1998: inizio la mia collezione di X-Men, Wolverine e fumetti Marvel in generale che prosegue ancora oggi
    2001: continuo con gli X-Mne ma passo anche all'Universo Ultimate con Spider-Man, contemporaneamente è il periodo della mia svolta manga sopratutto Dragon Ball, Saint Seiya, Captain Tsubasa e altra roba simile che rimandava ai vecchi anime che guardavo in tv
    2010: Batman, Superman, Justice Legue, ma continuo sempre con X-Men e Avengers
    2014-15: nuovo mensile dei masters of the universe della DC
    fumetti italiani negli anni letto qualcosa di Dylan Dog ma mai appasionato tanto da collezionarne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuto a bordo (e sappi che apprezzo molto il lavoro che fai sulla tua piattaforma^^)
      Non so perché ma ti immaginavo più piccolo di me, e invece hai qualche anno in più (azzardo, non più di 3)
      Periodo buio 1993-97, evidentemente pensavi proprio a ben altro, che inizia per f e finisce per iga :D
      I manga li hai recuperati all'apice del loro splendore commerciale italiano, praticamente: durato fino al 2004 circa, anno più anno meno, poi il declino... :)

      Moz-

      Elimina
    2. sono nato nel 1980; il primo giocattolo che mi regalarono fu il primissimo originale He-Man (che conservo tutt'ora anche se in pessime condizioni!) ricordo che la buonanima di mi nonno lo chiamava mastrolindo come quello dello spot televisivo anni 80 e io mi incazzavo da morire perchè non era quello il nome scritto sulla confezione! dal 92 al 97 (erano i tempi delle medie e primi anni del liceo) diciamo che non è che smisi di leggere fumetti non facevo proprio un ca..o e andavo male anche a scuola perchè pensavo veramente a divertirmi (in tutti i sensi); ricordo quegli anni come quelli del massimo divertimento (ma odiavo la scuola perchè non sopportavo la mia classe tranne alcuni pochi amici con cui si condivideva la passione dei Cavalieri dello Zodiaco o dei Power Rangers): alla f..a penso anche adesso, ma grazie ai fumetti Marvel ho ri-scoperto il piacere di leggere e non solo fumetti. I manga diciamo che mi interessavano quelli legati ai cartoni della mai infanzia, dopo aver letto quelli, i manag di oggi non mi attraggono minimamente anche perchè li vedo solo come copie, di copie, di copie...
      scusa per gli errori di ortografia ma ho una tastiera di merda, scrivo velocemente e sono sempre troppo pigro per ri-leggere quello che scrivo e correggere (me ne accorgo solo dopo...)

      Elimina
    3. No problem, non ci sono errori! :)
      Beh, grazie per la tua testimonianza... hai tre anni più di me ma non so perché avrei detto che eri più piccolo! :)
      Mastrolindo... ahahaha!
      Comunque anche io ho vissuto periodi bui, i fumetti mai smessi ma sì all'insofferenza... tipo scuola ZERO, niente stimoli... per fortuna erano periodi isolati :D

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo intervento!