[VIDEOGAMES] Polybius, la storia del videogioco misterioso


Lo storico greco Polibio affermava che non bisognerebbe mai raccontare di cose del passato senza avere le fonti.
Non bisognerebbe mai, dunque, scrivere un post senza fornire informazioni certe.
Un post su Polybius, ad esempio: il cabinato da sala giochi che in pochi mesi del 1981 fece faville.
Ammesso che tutto ciò sia successo davvero: non abbiamo fonti.
Perché, sicuramente, non ve ne sono.
Ecco la leggenda (metropolitana) di Polybius, il videogioco misterioso degli anni '80!

Si parla di Polybius dal 1998, sul web.
Quindi quasi venti anni dopo il suo presunto exploit e la sua repentina scomparsa.
Ovviamente, non vi sono fonti attendibili e certe.
Chi parla di Polybius lo fa in forma anonima o con nomi casuali (un po' come le fake-bloggers che propinano e-book), e nulla può essere verificato.

CHE TIPO DI GIOCO?

Voci contrastanti parlano di labirinti, enigmi, sparatutto e action con quadri e forme astratte.
La ditta produttrice, dall'ambiguo e fin troppo sgamato nome Sinneslöschen (cancella-mente, in tedesco) non risulta essere mai esistita.
Eppure nel 2006 qualcuno ha alimentato la leggenda, parlando di questa Sinneslöschen (una fantomatica casa di produzione sudamericana) che nel 1980 avrebbe sviluppato un gioco innovativo, ma ritirato immediatamente per via degli effetti collaterali che creava.
Ossia attacchi epilettici.

DAVVERO?

Non è certo una cosa fantascientifica, questa: nel 1997 furono i Pokémon, con un episodio passato alla storia, a indurre (loro malgrado) crisi epilettiche nei piccoli spettatori.
Ed era già successo con qualche videogame, capace di causare vertigini e sbandamenti.
Da qui, la leggenda di Polybius.
Ma qualcuno ha voluto aggiungerci qualcosa in più: qualcosa di complottistico.



IL GOVERNO?

Pare che il cabinato di Polybius sia stato visto solo in una cittadina dell'Oregon, e nonostante le lunghe file per giocare a questo nuovo e portentoso videogame, l'esperimento non durò che pochi mesi.
Esperimento, già.
Perché la leggenda vuole che Polybius fosse un sistema di controllo vero e proprio: di tanto in tanto alcuni men in black arrivavano ad armeggiare col cabinato, dopo che i ragazzi vi avevano giocato, come se il videogame avesse registrato delle informazioni sui videogiocatori.

IL VERO POLYBIUS

Alla fine, qualcuno ha davvero creato Polybius: uno sparatutto in realtà virtuale disponibile per Playstation 4. Ma è successo nel 2017.


Insomma, una storia a metà tra la creepypasta (una leggenda oscura creata ad arte) e una vera e propria leggenda metropolitana.
Talmente pop, almeno in America, che il cabinato di Polybius appare ne I Simpsons, nel film Summer of  '84, nel videogame di Stranger Things.
Ma, se vogliamo restare da noi, appare per esempio in un numero di Dylan Dog.

E voi conoscevate
Polybius?
Siete appassionati di leggende metropolitane e fatti inquietanti?
Se sì, vi invito a leggere anche

38 commenti:

  1. Mai sentito nominare questo Polybius!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In America è una leggenda urbana molto nota, almeno tra i videogamers^^

      Moz-

      Elimina
  2. No mai sentito. Ma io credo nei complotti quindi... 🤫🤣😅

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, qui si va nel tuo campo, allora :)

      Moz-

      Elimina
  3. Sapevo solo di quello del 2017 per PS4. Mai sentito nominare quello del 1981. Ma vabbe', gli episodi e i film dei Simpson non me li sono visti tutti, e di Dylan Dog avrò preso in mano due albi nella mia vita. Puzza davvero tanto di leggenda metropolitana, se dai retta a me: qualcosa su cui i gombloddari della domenica pomeriggio (sul tardi) possono fare su il loro bel ricamino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che è una leggenda, anzi una leggenda-creepypasta! :)
      Curioso come tu conosca la versione 2017 ma non quella uscita fuori venti anni fa: interessante :)

      Moz-

      Elimina
  4. Se Polibio ha davvero tramandato quell'affermazione, il nome del gioco svela se stesso: una leggenda.

    PS: confermato da Wikipedia.

    RispondiElimina
  5. Adoro questi post :D.
    Per me è palesemente una leggenda metropolitana (anche per il nome, Polybius).
    Il nome della casa produttrice ahah fa paura.
    Comunque leggevo che con il joystick non muovevi l'astronave: essa rimaneva ferma. Dovevi spostare..lo schermo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, questo dettaglio non lo conoscevo XD
      Comunque sgamabilissimo titolo e casa di produzione^^

      Moz-

      Elimina
  6. non potevano mancare i messaggi subliminali (per poter trasmettere il messaggio: videogiochi = pericolo = ragazzini diventano zombi davanti allo schermo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, la leggenda secondo me nasce da questo... :)

      Moz-

      Elimina
  7. Conosco perfettamente la storia di Polibyus, mi sono sempre piaciute la creepypasta e le leggende metropolitane. Non sapevo ora l'avessero creato davvero! In che consiste questo videogioco, così recente? Cerca di ricostruire il gioco come lo tramanda la leggenda?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non proprio ma è sflashante e coloratissimo, dunque immagino che con il visore VR sia abbastanza da sballo :)

      Moz-

      Elimina
    2. Bhe si, immagino che non voglia scatenare crisi epilettiche né operare un controllo delle menti 😂


      O forse si?

      Elimina
  8. Non conoscevo questa storia, bellissimo post :)

    RispondiElimina
  9. Sinceramente ne ignoravo l'esistenza finché non vidi, mesi fa, il video de L'inspiegabile su Youtube che ne parlava. Mi ha fatto piacere rileggerne la (presunta) storia perché mi piacciono molto le creepypasta e le leggende metropolitane.
    La mia idea riguardo Polibyus è che si sia cercato di promuoverlo con ogni mezzo possibile ma forse il gioco non era così bello come credevano i produttori o il mondo dei cabinati era quasi al suo canto del cigno per cui non ebbe il successo sperato.
    D'altra parte negli USA sono un po' troppo ricettivi riguardo a complotti sul controllo della mente da parte di enti governativi deviati.
    Bel post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks Mick! :)
      Oddio, nel 1981 gli arcade praticamente ancora non esplodevano: la vedo difficile come cosa, si era praticamente agli albori!
      Sicuramente la mania dei complotti, poi, trova terreno facile in America XD

      Moz-

      Elimina
  10. Mai sentita una cosa del genere. Miki dove le scovi queste cose????

    RispondiElimina
  11. Sempre inquietanti questi fatti...sai anche in che numero di Dylan Dog compare? Magari l'ho letto tanti anni fa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È abbastanza recente, Al servizio del Caos, dove appare per la prima volta il nuovo nemico di Dyd: John Ghost :)

      Moz-

      Elimina
  12. Se non sbaglio dovrei aver visto anche un documentario o un video su Youtube riguardo questo gioco.
    Credo che lo scrittore di Ready Player One si sia ispirato a questo videogame per la creazione del suo secondo romanzo Armada.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Armada l'ho visto in libreria ma alla fine non l'ho preso: me lo conZigli?

      Moz-

      Elimina
    2. Ti consiglio più Player One, Armada è bello da leggere solo per le citazioni, ma la storia non è un granché.

      Elimina
    3. Nello specifico, in Armada che citazioni ci sono?
      Non un elenco, ovviamente, ma giusto per farmi capire^^

      Moz-

      Elimina
    4. Le solite in salsa nerd anni '80 a partire dai videogiochi ed arrivare a quelle cinematografiche ( già la trama sembra quella di Giochi Stellari modificata ad uso e consumo ).

      Elimina
  13. Qualcosa ho sentito ma dato che le teorie complottiste mi stanno sul cazzo, se non per insultare chi ci crede, non ho mai approfondito.
    Come dicevano i Trettre, a me me pare 'na strunzata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo è. Ma comunque è una leggenda figa 😂

      Moz-

      Elimina
  14. No, non conosco, ed ora non ci tengo a giocare all'ultima "versione", non si sa mai :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, male che va ti arruolano nella CIA XD

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo intervento!